Via al testing del primo pacco per WinXP

Esce la prima beta del Service Pack 1 per Windows XP, un pacco che si appresta a passare attraverso un'inedita e severissima fase di testing. Presto se ne vedranno i frutti


Redmond (USA) – Ieri il colosso di Redmond ha ufficialmente inaugurato la fase di beta testing del Service Pack 1 (SP1) per Windows XP. Il pacco è stato rilasciato a circa 10.000 beta tester, un dispiego di forze che non trova precedenti nella storia dei service pack.

“Come sapete – si legge in un comunicato di Microsoft – il SP1 è sotto molti aspetti un service pack tradizionale ed includerà tutti i fix di sicurezza, gli aggiornamenti di compatibilità e i driver aggiornati, rilasciati a partire dallo scorso ottobre (data del lancio sul mercato di Windows XP, NdR). Degno di nota, negli aggiornamenti di sicurezza vi sono inclusi tutti i fix sviluppati durante l’iniziativa sulla sicurezza intrapresa dall’intera divisione di Windows come parte della rinnovata enfasi di Microsoft in merito alla sicurezza degli utenti”.

L’iniziativa di cui parla Microsoft è quell’ampia revisione del codice di Windows intrapresa in seguito alla nuova strategia sulla sicurezza lanciata da Bill Gates con il nome di trustworthy computing .

Come si è visto approfonditamente in una recente news , Microsoft conferma che il pacco conterrà anche “quelle modifiche richieste dall’ accordo consensuale pattuito con il Dipartimento di Giustizia e nove stati”.

Le modifiche di cui parla Microsoft si traducono, in sostanza, in quattro opzioni che danno la possibilità ad OEM, utenti e amministratori di sistema di scegliere gli applicativi “middleware” di Microsoft – Internet Explorer, Outlook Express, Windows Media Player, Windows Messenger, e la versione Microsoft della Java Virtual Machine – da nascondere e gli applicativi di terze parti da utilizzare di default. Questo consentirà a prodotti alternativi come browser, media player, client di posta elettronica e software di instant messaging, di potersi più facilmente sostituire a quelli integrati in Windows e acquistare maggiore visibilità sul desktop e nei menù contestuali del sistema operativo.

Il service pack conterrà poi nuove tecnologie, come Mira , Freestyle e USB 2.0 , e il supporto verso i Tablet PC. Fra i grandi assenti vi sarà invece Bluetooth, una tecnologie wireless il cui supporto in Windows viene per il momento affidato da Microsoft ai singoli produttori di periferiche.

L’altra inedita “sorpresa” di questo service pack è un meccanismo in grado di verificare la validità della product key con cui è stato sbloccato il sistema operativo: nel caso questa risulti “rubata” da una copia corporate di Windows XP (le licenze per volumi non prevedono infatti l’attivazione del prodotto), l’utente potrà continuare ad utilizzare il software ma non potrà procedere all’installazione del service pack né sarà più in grado di accedere al servizio di aggiornamento Windows Update.

Rispetto al passato, i service pack sono destinati a rivestire un ruolo secondario sotto il profilo della sicurezza, e questo per la recente inaugurazione, da parte di Microsoft, di un nuovo tipo di aggiornamenti di sicurezza cumulativi, chiamati Security Roll-up Package , che grazie al fatto di concentrarsi unicamente sui fix di sicurezza potranno essere rilasciati con ritmi più frequenti rispetto a quelli dei service pack.

La prima release candidate del SP1 è attesa per questa estate mentre la versione definitiva dovrebbe fare capolino in un periodo compreso fra luglio e settembre. A partire dall’inizio di ottobre, tutte le nuove copie di Windows XP che arriveranno in commercio saranno già comprensive del service pack e in qualche modo distinguibili dalle altre.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    No guerre di religione.
    Salve,vorrei dire la mia su un paio di faccende.1) Albi: o li aboliamo tutti o anche i dottori in Informatica ne hanno pienamente diritto (ce l'hanno cani e porci, perche' loro no?)2) Albo degli Ingegneri: perche' mai dovrebbero iscrivervisi i dottori in Informatica (e gli Architetti)? Provate a far iscrivere un laureato in Economia, specializzato quanto volete in diritto, all'Albo degli avvocati e vedete cosa vi rispondono... naturalmente non mi va nemmeno che gli Architetti possano iscriversi all'Albo degli Ing. settore edile. Ma cos'e' questa commistione di ruoli? Ad ognuno il suo, oppure che spariscano tutti gli albi e amen.3) Ai periti e ai non laureati in generale: nessuno vi tagliera' fuori dalla professione, ma e' nell'ordine delle cose che ai laureati venga riconosciuto un ruolo diverso. Accade in tutti i campi, e ne guadagna la categoria intera! Anche un barelliere puo' essere piu' bravo di un medico, un geometra piu' di un Ingegnere, un appassionato di elettronica piu' di un Ing. Elettronico, ma nessuno ha mai pensato di equipararli.Un Ingegnere... smanettone ;-)
  • Anonimo scrive:
    Operai, nient'altro che operai!!!
    Riflettendo, e' vero che questi legislatori non ci capiscono assolutamente niente.Ma il loro scopo, forse e' creare valore dal nulla!!Le universita' devono popolarsi, servono nuove entrate!!Esistono persone che come me lavorano nell'informatica gia' da 8 anni e non ha mai voluto avere a che fare con lo stato ?Beh, non mi sento escluso, anche se non apparterro' a nessun albo, mi daro' sempre del Dottorone, ho moltissima esperienza e questa lo stato non puo' certamente deturparla.Ad ogni modo, siamo la feccia della feccia, burattini direi...I nuovi OPERAI del 2000!!!!!!In futuro, non aspettatevi di guadagnare quanto lo fate adesso...Oggi guadagnate 20, in futuro 10 poi 5 e non c'e' nessun albo che tenga, le leggi del mercato parlano chiaro e vivono aldila' del controllo di un paese o politica.Inoltre, gli informatici, a mio avviso sono coloro che aiutano a concretizzare beni o servizi a cui peculiarita' e' di soddisfare bisogni indotti e non bisogni di necessita' effettiva, o alneno per la maggiore, percui, perche' un informatico possa lavorare, ha bisogno di un mercato che crei continuamente nuovi bisogni e li inculchi nella mente del potenziale interessato.E' un mercato dinamico, prorompente ed invasivo.Quello che mi chiedo e': Quanto potra' durare tutto questo ?Gia' i primi cedimenti, vedi UMTS che non serve a una mazza se parliamo in termini di soppravvivenza. UMTS e' una tecnologia valida finche' non se ne dichiara il contrario.UMTS non soddisfa alcun bisogno, semmai qualche capriccio. Tutto qui il suo potere ? Io non ci investirei mai, ne soldi, ne la mia professionalita'.Le fabbriche, i cantieri, ormai non sono piu' cose da italiani, percui, andare all'universita' o fare una lunga esperienza informatica ti serve per tornare a casa pulito e vivere piu' igenicamente come veri e propri OPERAI DEL 2000!!!Salve a tutti quanti!!
  • Anonimo scrive:
    IDEE PIU'CHIARE PER IL CONTRATTO INFORMATICO
    Finalmente c'è il modo per definire le mansioni di ogni profilo professionale in un organigramma che sia base del sospirato contratto di lavoro specifico per gli informatici.Nel privato gli informatici hanno quello dei metalmeccanici, nello Stato quello degli amministrativi, quindi non si evidenziano le responsabilità dell'informatico che, se sbaglia blocca il lavoro di tutti gli utenti, non solo il suo.Ho trovato il testo di un decreto che può tornare utile all'indirizzo www.i2c.it/doc/profili_dpr1219_84.pdfProssimamente sarà in visione anche il testo AIPA con una versione aggiornata sull'argomento.Eventuali suggerimenti sono da inviare all'indirizzo i2c-wg@yahoogroups.comIl contratto sarebbe utile anche al libero professionista per evitare che il cliente ribassi l'onorario.cordialitàmassimo loffredo
  • Anonimo scrive:
    L'INFORMATICA VERA
    Non saro' mai ingegnere: L'IPOCRISIA TOTALE!!!!!!!!! FATEVI GLI ESAMI COI COMPITINI, E POI ANDATE A DIRE CHE AVETE FATTO ANALISI III,W IL DSI, W I PERITI INFORMATICI, I DOTTORI INFORMATICI, QUELLI CHE SUDANO PER L'IT e LO FANNO PER PASSIONE E NON PER IL TITOLO DI ING. SUL DIPLOMA DI LAUREA
  • Anonimo scrive:
    Non siete mica Ingegneri Informatici!
    Se volevate essere Ingegneri, perchè non vi siete iscritti a Ingegneria Informatica, corso di Laurea che snobbate tanto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non siete mica Ingegneri Informatici!
      Per fortuna!!!Te lo scrive uno che ha visto e vissuto entrambe le realtà.Chimica, Disegno industriale, Sc.Delle Costruzioni ed altri esami che affollano il programma di studiodi un ing sono assolutamente inutili all'informatico DOC.Per altro l'ing (che non sempre da analisi III) si perde una branca enorme ed utilissima della logica matematica, dei sistemi ed anche della programmazione fatta "come Knuth comanda".E non tiratemi in ballo la solita vecchia cavolata della "forma mentis". In questo campo estro, fantasia, e , perche no, divertimento sono aspetti fondamentali e, si sa, gli ign raramente brillano per queste doti, essendo per altro famosi per la loro rigidità e per i "paraocchi" (tacendo la calvizie =) )Questo non vuol dire affatto che una categoria sia migliore dell'altra. Sono solo aspetti diversi, spesso indipendenti, della stessa realtà.Diversità che, come sempre, se sfruttata bene da origine ad ottime forme di collaborazione. Considerare solo gli ing informatici (che di esami di informatica vera ne danno tra 6 e 8) è una dimostrazione del vecchiume e della chiusura mentale della nostra burocrazia che come sempre non sa stare al passo coi tempi.=Mc²=. Un Doc...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non siete mica Ingegneri Informatici!
      - Scritto da: Pisano
      Se volevate essere Ingegneri, perchè non vi
      siete iscritti a Ingegneria Informatica,
      corso di Laurea che snobbate tanto?Perche' nel 1980 non esisteva caro mio.Che pensi che il problema del furto della professione di informatico da parte di tutti gli ingegneri sia un problema che riguarda gli studenti? Ti sbagli, riguarda 25.000 laureati in Scienze dell' Informazione.E ricordati inoltre che anche gli stessi ingegneri informatici sono danneggiati dal DPR 328 che autorizza TUTTI gli ingegneri a progettare e collaudare sistemi informativi.Il problema di cui ti dovresti preoocupare e' che gli ingegneri chimici, edili e tutti quelli altri ing. che l'informatica non l'hanno mai studiata, gia' iscritti all'albo, che si sono iscritti a tutte e tre le sezioni per cui possono accedere a concorsi in cui e' richiesta l'iscrizione all'albo. Tutti gli iscritti all'albo contro i laureati in ing. informatica negli ultimi 6 (sei) anni visto che ing. informatica e' nata nel 1991. Siete proprio pochini. E' la vostra preoccupazione qual'e'? fare in modo che anche voi possiate iscrivervi a tutte e tre le sezioni come i vecchi iscritti per continuare la tradizione della farsa della professionalita'. Che bravi professionisti che siete! Potete fare tutto perche' siete ingegneri.Che bravi! Voglio vedere che farete quando uscira' un concorso in cui e' richiesta l'iscrizione all'albo da dieci (10) anni e partecipera' pure qualche ing. civile e magari vincera' pure mentre voi che avete studiato informatica rimarrte fuori. INGEGNERI VERGOGNATEVI - IL VOSTRO ALBO E' LA FARSA PIU' GRANDE MAI VISTA IN ITALIA.L'ITALIA E' IL PAESE DI PULCINELLA MA VOI SIETE LA PIU' GRANDE ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PULCINELLA. FRA POCO FARETE ANCHE I MEDICI E I NOTAI? VERGOGNATEVI VERGOGNATEVI VERGOGNATEVI
      • Anonimo scrive:
        INGEGNERI VERGOGNATEVI
        INGEGNERI VERGOGNATEVI - IL VOSTRO ALBO E' LA FARSA PIU' GRANDE MAI VISTA IN ITALIA.L'ITALIA E' IL PAESE DI PULCINELLA MA VOI SIETE LA PIU' GRANDE ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PULCINELLA. FRA POCO FARETE ANCHE I MEDICI E I NOTAI? VERGOGNATEVI VERGOGNATEVI VERGOGNATEVI
        • Anonimo scrive:
          INGEGNERI VERGOGNATEVI

          INGEGNERI VERGOGNATEVI - IL VOSTRO ALBO E'
          LA FARSA PIU' GRANDE MAI VISTA IN ITALIA.
          L'ITALIA E' IL PAESE DI PULCINELLA MA VOI
          SIETE LA PIU' GRANDE ASSOCIAZIONE ITALIANA
          DI PULCINELLA. FRA POCO FARETE ANCHE I
          MEDICI E I NOTAI?

          VERGOGNATEVI VERGOGNATEVI VERGOGNATEVI
      • Anonimo scrive:
        Re: Non siete mica Ingegneri Informatici!
        Beh, invece vedere degli informatici che progettano dei circuiti elettronici... mi farebbe molto ridere! Comunque nessun ingegnere civile vorrebbe scrivere un software, quando al giorno d'oggi molte persone non laureate sanno programmare. Io non dico che non dovete avere un albo, dico solo che gli informatici non devono rompere agli ingegneri, ma cercarsi un albo in qualche altro modo, perchè non sono ingegneri, anche se saranno molto bravi nel loro settore.D'altra parte, io, ingegnere meccanico, non potrò costruire ponti o progettare impianti elettrici civili, o progettare software, cose che i miei predecessori hanno sempre fatto con successo.Di sicuro se un ingegnere non sapesse fare qualcosa al di fuori dal suo campo, non lo farebbe... Se voi valete così tanto, dimostratelo e fatevi valere con chi governa, ma non rompete agli ingegneri.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non siete mica Ingegneri Informatici!
          É gente come noi, senza alcun titolo ad aver scritto il codice migliore, un esempio per tutti Linux e il software OpenSource in generale, e non vedo differenza tra un ottimo programmatore auto didatta e un ingegnere programmatore.Ho lavorato con degli ingegneri e ti assicuro che per quanto preparati nel loro campo non spaziavano oltre a quello, mentre quelli come me, e ce n'e' tanti, conoscono almeno 5 linguaggi di programmazione e la maggior parte dei sistemi operativi e protocolli come le loro tasche.Non credo comunque che la creazione di un albo agevolera' gli ingegneri, penso piuttosto che le persone con skills elevati, a prescindere dal titolo conseguito andra' avanti.
  • Anonimo scrive:
    Intervista fatta a RAI 3
    Ecco l'intervista fatta a RAI 3:http://alsi.disi.unige.it/rai3pocket.mpg (8mb circa)Questa a differenza del secoloxix la abbiamo curata nei contenuti e' quindi molto interessante in quanto il Prof. Costa presidente del corso di laurea di Genova sostiene che le vecchie lauree sono state piu' impegnative delle nuove.
    • Anonimo scrive:
      Re: Intervista fatta a RAI 3
      Dovrebbero prendere esempio da lui.TUTTI I PRESIDENTI DEI VARI CDL DI INFORMATICA D'ITALIA.
    • Anonimo scrive:
      Re: Intervista fatta a RAI 3

      Questa a differenza del secoloxix la abbiamo curata nei contenuti e' quindi molto interessante in quanto il Prof. Costa presidente del corso di laurea di Genova sostiene che le vecchie lauree sono state piu' impegnative delle nuove.
      La scoperta dell'acqua calda.Faccio un esempio di quello che succede ad Ingegneria:Analisi I vecchio ordinamento 100-120 persone ad appello, esame passato da 10-20 persone max (che si fanno registrare anche dei 18), 6 appelli all'annoMatematica 1 Nuovo ordinamento 3+2, docenti diversi, 100 persone iscritte, passato l'esame in 40-50 (di cui molti si ripresenteranno per cercare un voto migliore).Commento di un docente sul fatto: "Ah, ma le aziende lo sanno che voi della laurea vecchia siete piu' preparati"...
  • Anonimo scrive:
    Dall'Europa ci stanno ascoltando...
    Il classico pasticcio all'italiana. La professione informatica colpita al cuore.Passata l'euforia dei mondiali di calcio, ci saranno le vacanze e qualcuno forse spera di farla franca.Ma non sara' cosi'.Il problema e' gia' stato esportato in Europa.Ci stanno osservando e non certo con ammirazione.Siamo in attesa. Finalmente!
  • Anonimo scrive:
    I DOTTORI IN INFORMATICA NON SANNO UN CAZZO
    DEL MONDO INFORMATICO.REALIZZIAMO UNA "REVISIONE DELLA LAUREA"
  • Anonimo scrive:
    un intervento su un altro forum per Liberale
    Nel forum "informatici tutti: uniamoci!" si fanno discussioni non strettamente legate alle problematiche dell'ALSI, ma anche sui non laureati, sarebbe gradito l'intervento di un attivista che saprebbe dare utili suggerimenti.grazie
    • Anonimo scrive:
      Ma perche' non intervengono i Presidi di facolta'
      Perche' non si fanno avanti i Presidi delle facolta' che hanno rilasciato le lauree in scienze dell'informazione e informatica vecchio ordinamente ?Perche' non escono allo scoperto e ci dicono cosa pensano ?Potremmo forse aiutarli ad aiutarsi.
  • Anonimo scrive:
    Paradosso: il dipendente e' il piu' colpito
    Paradossalmente, il disconoscimento professionale dell'informatico (arrivati a questo punto non si puo' piu' parlare di mancato riconoscimento!), arreca ancor piu' danno al lavoratore dipendente che all'imprenditore o al libero professionista.Chi (come me tanti) ha gia' intrapreso la via imprenditoriale o libero-professionale, potra' superare il blocco, assumendo un ingegnere per le mansioni vincolate dall'albo dell'informazione: Considerevole danno economico, ma tuttavia superabile con qualche sforzo e investimento.Chi invece si trova ad essere lavoratore dipendente cosa deve aspettarsi dall'attuale configurazione? Per chi ha 40 (quaranta) anni, dovra' in media sostenere altri vent'anni di lavoro in cui la crescita professionale sara' vincolata al nuovo tetto derivante dal peso psicologico che l'albo impone sul mercato.Si e' a tutti gli effetti concretizzato quel limite o tetto che finora, a causa di incompletezza legislativa, si era imposto in forma virtuale (basti pensare ai ricorsi che sono stati sostenuti dall'ALSI per concorsi nell'insegnamento e all'INAIL, in cui venivano esclusi informatici in ambiti invece propri dell'informatica).E chi fra qualche anno a causa dell'ennesimo crollo di borsa, perdera' il lavoro a 50 anni, con figli da mantenere e mutuo casa acceso, come potra' spendersi sul mercato del lavoro ?Fino ad oggi, l'informatico poteva fare il libero professionista mettendo a profitto della Comunita' la sua ricca esperienza, ma sara' ancora possibile da oggi in poi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Paradosso: il dipendente e' il piu' colpito
      In uno Stato in cui di punto in bianco si dice che: le attivita' di progettazione, direzione lavori e collaudo nell'ambito dello sviluppo di sistemi informativi e reti, sono prerogativa degli iscritti all'albo ingegneria dell'informazione.Come potra' evolvere il rapporto fra i colleghi nell'ambito della stessa azienda? Come potra' evolvere la carriera di chi di punot in bianco non e' piu' abilitato a fare "quelle cose"?Come potranno evolvere i salari di chi maturera' gli anni per la pensione, non prima di 20 o 30 anni?
  • Anonimo scrive:
    Universita': fra l'incudine e il martello
    Noi, laureati in scienze dell'informazione, informatica, loro, studenti di informatica vecchio ordinamento (gia' perche' l'attivazione dei corsi di lauree 23/S e' ancora in attesa di accettazione dal MIUR, che probabilmente non sblocchera' la situazione in tempo per le vacanze estive),loro, futuri studenti in futuri corsi di laurea in web design ecc.Noi informatici, non siamo per nulla trattati bene dai nostri fornitori le universita': nemmeno ci informano della situazione alienante, delle incertezze, delle 'stranezze' che stanno avvenendo.Cio' che emerge, sono i segni di una contrapposizione fra le facolta' di scienze e le facolta' di ingegneria.Le facolta' di scienze sembrano incapaci di assumere posizioni chiare ed efficaci e a farne le spese siamo noi informatici.In inghilterra, dove non esistono ordini professionali, i punti di riferimento sono lasciati ad associazioni di categoria e computer science e' perfettamente integrato e riconosciuto nella sfera ingegneristica. Perche' in Italia le cose piu' ovvie diventano tanto incomprensibili?
  • Anonimo scrive:
    Per legge: un autentico imbroglio
    Sulla base di quale principio si e' stabilito che l'ingegnere civile o meccanico, iscritto all'ordine degli ingegneri (che con l'informatica fino al dpr 328/2001 non ha mai avuto niente a che fare!), puo' entrare nell'albo informatico (ingegneria dell'informazione), automaticamente, senza sostenere nessuna prova specifica su materie e competenze informatiche ?Con quali assurde argomentazioni si potrebbe riuscire a sostenere una tale decisione ?
  • Anonimo scrive:
    Per legge: un onesto fuori legge
    Quali saranno i prossimi passi dell'albo professionale ingegneria dell'informazione?1. eliminare dai titoli ammissibili all'esame di stato la classe 23/S informatica2. introdurre privative sulle attività di progettazione, analisi e direzione lavoro di sistemi informativi e reti.Noi professionisti e dipendenti informatici, laureati in scienze dell'informazione e informatica, queste cose le abbiamo da sempre fatte legittimamente.Per legge, a noi non sara' piu' consentito svolgere tali attivita', o per lo meno con alcune importanti limitazioni. Questo perche' per legge diventera' un reato: esercizio abusivo della professione di ingegnere dell'informazione.
  • Anonimo scrive:
    Ma perchè non sodalizzare??
    Sono un laureato fresco in Informatica e sto cercando di fare il libero professionista tra le mille difficoltà che si incontrano al sud. Vorrei prima di tutto dare un incoraggiamento a chi è ancora all'Università, perchè il nostro pezzo di carta ci dà comunque una certa credibilità e ci aiuta in molte circostanze. Sulla questione dell'albo vorrei dire che sarebbe una gran cosa sedersi intorno ad un tavolo con gli ingegneri, distinguere le competenze (se esistono distinzioni) e cercare di portare avanti delle proposte comuni. Il vero nemico signori, è il diplomato al liceo classico che fa il dirigente del settore informatico negli enti e nelle industrie. Cordialmente, antonio.
    • Anonimo scrive:
      Re --
      Ma perché non sodomizzare?Il ministro intendo
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma perchè non sodalizzare??

      Il vero nemico signori, è il
      diplomato al liceo classico che fa il
      dirigente del settore informatico negli enti
      e nelle industrie. Cordialmente, antonio. QUESTA PROPRIO NON TE LA PUOI PERMETTERE.Se negli enti puoi trovare tanti finti informatici , indipendentemente dal livello impiegatizio, sicuramente molti ma molti meno nell'industria privata dove le responsabilita' esistono e gli errori si pagano a caro prezzo.Sei appena uscito dall'universita' puzzi ancora di latte , non conosci la differenza tra bit e byte, non sai distinguere un programma "fluido" da un insieme informe di istruzioni, non hai la sensibilita' ad riconoscere i picchi di flusso in una rete , adesso che finalmente abbandoni la teoria per finalmente passare a conoscere realmente le cose vieni a fare certi discorsi idioti da galletto presuntuoso cha manco conosce il reale significato dei termini che usa.Albo o non albo non passarmi sotto il bit che rischi di farti tanto di quel male da non sapere piu' cosa vuol dire non avere male.Prima di sparare certe idiozie cerca di diventare un professional che ne hai di cacca da mangiare .rino
    • Anonimo scrive:
      Re: antonio ti sbagli, te lo dice antonio
      - Scritto da: inf3
      Il vero nemico signori, è il
      diplomato al liceo classico che fa il
      dirigente del settore informatico negli enti
      e nelle industrie. Cordialmente, antonio. Caro omonimo (e anonimo),mi dissocio completamente da questa tua affermazione, perchè generalista, gratuita e, per la maggior parte dei casi, sbagliata.Affermazioni come la tua, purtroppo piuttosto frequenti, contribuiscono a dare una visione molto distorta dell'informatica.Il successo di un progetto informatico dipenderà quasi sempre dal livello di comunicazione tra informatici, che forniscono competenze, prodotti e servizi informatici e consumatori, che utilizzano quanto offerto dagli informatici.Tra i primi compiti di un dirigente responsabile di progetti informatici ci sarà quello di mantenere alto tale livello di comunicazione, per garantire che quanto realizzato dagli informatici sia interessante per il consumatore dei risultati del progetto.Questo compito può essere svolto in modo efficacissimo da una persona proveniente da studi classici.antonio.capani@i2c.it
  • Anonimo scrive:
    Re: GRANDE DUBBIO (rispondetemi)
    Caro ragazzo,vai a topa.Andrè- Scritto da: R@f'84
    io sono 17enne e tra un anno mi dovrò
  • Anonimo scrive:
    -- --
  • Anonimo scrive:
    Compilare un Programmma???????
    Mi ha chiamato un amico di liceo che frequenta il 4 anno di ing. in Informatica dicendomi:La traccia del compito di Fondamenti di informatica dice che il programma non deve avere warning in compilazione, che vuol dire?Ragazzi ci Rendiamo conto??????Vorrebbero firmare progetti?????Costoro sono impostori.............
    • Anonimo scrive:
      Re: Compilare un Programmma???????

      Vorrebbero firmare progetti?????magari fanno corsi AVANZATI di calligrafia...;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Compilare un Programmma???????
        Sei un grande! :)) Mi hai fatto fare una bella risata in un giorno di incazzature...
    • Anonimo scrive:
      Re: Compilare un Programmma???????
      - Scritto da: inf
      Mi ha chiamato un amico di liceo che
      frequenta il 4 anno di ing. in Informatica
      dicendomi:
      La traccia del compito di Fondamenti di
      informatica dice che il programma non deve
      avere warning in compilazione, che vuol
      dire?

      Ragazzi ci Rendiamo conto??????

      Vorrebbero firmare progetti?????

      Costoro sono impostori.............io faccio ing. informatica e so benissimo che cos'e' una warning.Vuoi che ti parli delle asinerie di alcuni personaggi che conosco che fanno informatica?E' ovvio che tutto dipende dai singoli. Non facciamo una guerra di religione quando il problema e' un altro: in questo caso ingegneri e informatici dovrebbero mostrarsi uniti contro le pagliacciate del solito ministero.I politici, peraltro, ia' interferito in altre occasioni con gli ordini professionali. Ricordo una lettera che l'Ordine degli Ingegneri ha fatto pervenire in facolta' in cui si dichiaravano oltraggiati dal fatto che il parlamento voleva iscrivere "ad honorem" i geometri con + di un tot di anni di attivita' (o forse la cosa riguardava solo alcuni, non ricordo) all' albo degli ingegneri.
    • Anonimo scrive:
      Il tuo post fa torto agli Informatici
      Il tuo post fa torto agli informatici categoria nella quale, come del resto in quella degli ingegneri vi sono moltissime persone serie e preparate.Fa torto perche' porta la discussione a livelli nemmeno da 'Bar Sport'.Ammesso che esista questo tuo amico, ti ricordo che:(1) E' uno studente e non un ingegnere.(2) Fondamenti di Informatica e' un esame del primo anno in tutte le universita' e il fatto che il tuo amico al quarto anno (di iscrizione nota bene) non l'abbia ancora fatta e' tutto dire.(3) Sarebbe curioso sapere qual e' l'universita' in questione, dove studenti che si presentano all'esame di fondamenti di informatica non hanno mai aperto un compilatore (che risulta evidente se uno non sa cos'e' un warning).(4) Spero per te che l'universita' in questione non sia la stessa dove vai tu, o in alternativa, spero che tu abbia raccontato una bella balla.Nella mia universita' dovevi presentare 4 progetti personali (tipo simulatori di code ecc ecc) solo per poterti presentare allo scritto, che in realta' non era uno scritto bensi' era lo sviluppo di un programma in un paio d'ore davanti un bel pc col suo bel borland c builder. Finito questo se ce la facevi c'era l'orale. Ovviamente quelli che conosco io che sono arrivati alla laurea come me lo facevano al primo anno senza problemi perche' era uno dei meno difficoltosi, il che e' tutto dire.- Scritto da: inf
      Mi ha chiamato un amico di liceo che
      frequenta il 4 anno di ing. in Informatica
      dicendomi:
      La traccia del compito di Fondamenti di
      informatica dice che il programma non deve
      avere warning in compilazione, che vuol
      dire?

      Ragazzi ci Rendiamo conto??????

      Vorrebbero firmare progetti?????

      Costoro sono impostori.............
      • Anonimo scrive:
        Re: torto agli Informatici ignoranti gli ingegneri
        Non sono affatto d'accorddo con te caro ingegnere.Alcuni di voi in questo forum hanno detto: Perchè non ci uniamo contro questo governo?E poi per conto vostro ci fate la guerra, con esposti in cui dite che avete studiato un rigo più di noi quindi volete essere pagati per quel rigo di più.Il problema secondo me è che voi salvaguardate con questo albo la vostra "ignoranza" sulla progettazione di sw, per tal motivo protestate protestate protestate (per un accorpamento ingegneri informatici che tanto giusto non è perchè il vero accorpamento è informatici ingegnerei, non so se rendo l'idea)
        • Anonimo scrive:
          Re: torto agli Informatici ignoranti gli ingegneri

          Non sono affatto d'accorddo con te caro
          ingegnere.Io dubito anche che tu sia in disaccordo con me per il semplice fatto che la tua risposta non c'entra niente con quello che ho postato io.
          Alcuni di voi in questo forum hanno detto:
          Perchè non ci uniamo contro questo governo?

          E poi per conto vostro ci fate la guerra,
          con esposti in cui dite che avete studiato
          un rigo più di noi quindi volete essere
          pagati per quel rigo di più.Ma quali soldi in piu'? Ma di cosa parli ?Molti di voi fanno una battaglia per partito preso. Si sta parlando di professione scippata: qualcuno mi vuole per favore indicare quale tipo di progetti software richiedono la firma di un ingegnere ? Perche' sono giorni che lo chiedo ma nessuno sa rispondere, come del resto mi aspettavo essendo la mia una domanda retorica. Non esiste un progetto software che necessita' della firma di un ingegnere iscritto all'albo. Infatti tutti i laureati in ingegneria (settore informazione) sanno benissimo che iscriversi all'albo in questo momento non conviene a nessuno. Quasi tutti fanno l'esame di stato e poi non si iscrivono, perche' non serve a niente. Tanti non fanno manco l'esame.
          Il problema secondo me è che voi
          salvaguardate con questo albo la vostra
          "ignoranza" sulla progettazione di sw, per
          tal motivo protestate protestate protestate
          (per un accorpamento ingegneri informatici
          che tanto giusto non è perchè il vero
          accorpamento è informatici ingegnerei, non
          so se rendo l'idea)(1) Sull'ingnoranza ci sarebbe da discutere.(2) Non siamo noi che protestiamo, ma voi. Quindi non ribaltare la realta'.
          • Anonimo scrive:
            Re: torto agli Informatici ignoranti gli ingegneri
            FYIhttp://punto-informatico.it/pol.asp?mid=198591&fid=40371qui e' spiegato con un esempio semplice cosa possono fare gli ingegneri NON INFORMATICI cioe' i vecchi ingegneri iscritti all'ordine che oggi si sono iscritti anche alla sezione informatica dell'albo. Questi oggi possono FIRMARE progetti e collaudi, E' IRRILEVANTE CHE SIANO IN GRADO DI FARLO, LA LEGGE CONSENTE LORO DI FIRMARE SENZA AVERNE COMPETENZA DANNEGGIANDO NON SOLO I LAUREATI IN INFORMATICA E SCIENZE DELL'INFORMAZIONE MA ANCHE GLI STESSI INGEGNERI IN INFORMATICA.SDI
          • Anonimo scrive:
            Re: torto agli Informatici ignoranti gli ingegneri
            ORDINE DEGLI INGEGNERI Codice Deontologico e norme di attuazione.1.4.....L'ingegnere rifiuta di accettare incarichi per i quali ritenga di non avere adeguata preparazione e/o quelli per i quali ritenga di non avere adeguata potenzialità per l'adempimento degli impegni assunti.E PER QUALE MOTIVO L'ORDINE DEGLI INGEGNERI HA PERMESSO CHE FOSSE ATTUATA LA NORMA PER CUI QUALSIASI INGENGNERE PUO 'ISCRIVERSI ALLA SEZIONE DELL'ALBO DI INGEGNERIA INFORMATICA?E PER QUALE MOTIVO GLI INGEGNERI NON INFORMATICI SI SONO ISCRITTI A TALE SEZIONE?INGEGNERI VERGOGNATEVI!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: torto agli Informatici ignoranti gli ingegneri

            ORDINE DEGLI INGEGNERI
            Codice Deontologico e norme di attuazione.

            1.4
            .....
            L'ingegnere rifiuta di accettare incarichi
            per i quali ritenga di non avere adeguata
            preparazione e/o quelli per i quali ritenga
            di non avere adeguata potenzialità per
            l'adempimento degli impegni assunti.

            E PER QUALE MOTIVO L'ORDINE DEGLI INGEGNERI
            HA PERMESSO CHE FOSSE ATTUATA LA NORMA PER
            CUI QUALSIASI INGENGNERE PUO 'ISCRIVERSI
            ALLA SEZIONE DELL'ALBO DI INGEGNERIA
            INFORMATICA?Sei un ignorante. Non esiste la sezione dell'albo di ingegneria informatica. Fai una crociata e non sai nemmeno di cosa parli. Esiste il settore dell'ingegneria dell'informazione che come documentato una settimana fa anche da punto informatica comprende come definizione ingegneri che sviluppano sistemi elettronici, delle telecomunicazioni, dell'automazione e ultimo ma non ultimo soluzioni per l'elaborazione dell'informazione anche dal punto di vista software. Vi si possono iscrivere ingegneri elettronici, informatici e delle telecomunicazioni.Inoltre non e' vero che qualsiasi ingegnere potra' iscriversi nel settore dell'informazione. Questo accadeva fino a all'estate 2001. Da maggio 2001 l'albo e' stato diviso in tre sezionie ognuno puo' iscriversi solo nella sezione di appartenenza.
            E PER QUALE MOTIVO GLI INGEGNERI NON
            INFORMATICI SI SONO ISCRITTI A TALE SEZIONE?Questo ha ragioni storiche ed accadeva prima dell'estate 2001. L'albo degli ingegneri ha avuto evoluzioni varie che seguivano gli sviluppi della tecnica. Inoltre vi sono vecchi iscritti ad ingegneria che hanno lauree che sarebbe difficili da inquadrare nel contesto odierno. Ecco perche' chi ha fatto l'esame prima dell'estate 2001 puo' iscriversi a tutti i settori.
            INGEGNERI VERGOGNATEVI!!! Ma vergognati tu che non sai nemmeno di cosa parli e ne fai una crociata. Questo va al di la di essere informatico o ingegnere. Sapere almeno di che cosa si parla e' condizione necessaria per essere una persona seria. Sei solo un buffone.
          • Anonimo scrive:
            Re: torto agli Informatici ignoranti gli ingegneri

            ORDINE DEGLI INGEGNERI
            Codice Deontologico e norme di attuazione.

            1.4
            .....
            L'ingegnere rifiuta di accettare incarichi
            per i quali ritenga di non avere adeguata
            preparazione e/o quelli per i quali ritenga
            di non avere adeguata potenzialità per
            l'adempimento degli impegni assunti.

            E PER QUALE MOTIVO L'ORDINE DEGLI INGEGNERI
            HA PERMESSO CHE FOSSE ATTUATA LA NORMA PER
            CUI QUALSIASI INGENGNERE PUO 'ISCRIVERSI
            ALLA SEZIONE DELL'ALBO DI INGEGNERIA
            INFORMATICA?Sei un ignorante. Non esiste la sezione dell'albo di ingegneria informatica. Fai una crociata e non sai nemmeno di cosa parli. Esiste il settore dell'ingegneria dell'informazione che come documentato una settimana fa anche da punto informatica comprende come definizione ingegneri che sviluppano sistemi elettronici, delle telecomunicazioni, dell'automazione e ultimo ma non ultimo soluzioni per l'elaborazione dell'informazione anche dal punto di vista software. Vi si possono iscrivere ingegneri elettronici, informatici e delle telecomunicazioni.Inoltre non e' vero che qualsiasi ingegnere potra' iscriversi nel settore dell'informazione. Questo accadeva fino a all'estate 2001. Da maggio 2001 l'albo e' stato diviso in tre sezionie ognuno puo' iscriversi solo nella sezione di appartenenza.
            E PER QUALE MOTIVO GLI INGEGNERI NON
            INFORMATICI SI SONO ISCRITTI A TALE SEZIONE?Questo ha ragioni storiche ed accadeva prima dell'estate 2001. L'albo degli ingegneri ha avuto evoluzioni varie che seguivano gli sviluppi della tecnica. Inoltre vi sono vecchi iscritti ad ingegneria che hanno lauree che sarebbe difficili da inquadrare nel contesto odierno. Ecco perche' chi ha fatto l'esame prima dell'estate 2001 puo' iscriversi a tutti i settori.
            INGEGNERI VERGOGNATEVI!!! Ma vergognati tu che non sai nemmeno di cosa parli e ne fai una crociata. Questo va al di la di essere informatico o ingegnere. Sapere almeno di che cosa si parla e' condizione necessaria per essere una persona seria. Sei solo un buffone.
          • Anonimo scrive:
            Re: torto agli Informatici ignoranti gli ingegneri
            - Scritto da: JoCKerZ



            ORDINE DEGLI INGEGNERI

            Codice Deontologico e norme di attuazione.



            1.4

            .....

            L'ingegnere rifiuta di accettare incarichi

            per i quali ritenga di non avere adeguata

            preparazione e/o quelli per i quali
            ritenga

            di non avere adeguata potenzialità per

            l'adempimento degli impegni assunti.



            E PER QUALE MOTIVO L'ORDINE DEGLI
            INGEGNERI

            HA PERMESSO CHE FOSSE ATTUATA LA NORMA PER

            CUI QUALSIASI INGENGNERE PUO 'ISCRIVERSI

            ALLA SEZIONE DELL'ALBO DI INGEGNERIA

            INFORMATICA?

            Sei un ignorante. Non esiste la sezione
            dell'albo di ingegneria informatica. Fai una
            crociata e non sai nemmeno di cosa parli.
            Esiste il settore dell'ingegneria
            dell'informazione mi riferivo a quello ma stavo scrivendo di fretta, inutile puntualizzare, che come documentato una
            settimana fa anche da punto informatica
            comprende come definizione ingegneri che
            sviluppano sistemi elettronici, delle
            telecomunicazioni, dell'automazione e ultimo
            ma non ultimo soluzioni per l'elaborazione
            dell'informazione anche dal punto di vista
            software. Vi si possono iscrivere ingegneri
            elettronici, informatici e delle
            telecomunicazioni.
            Inoltre non e' vero che qualsiasi ingegnere
            potra' iscriversi nel settore
            dell'informazione. Non e' ASSOLUTAMENTE VERO. Gli ordini degli ingegneri hanno sollecitato i propri iscritti ad iscriversi non alla sezioni di competenza ma a alle sezioni che preferivano. Tra queste Ingegneria informatica Questo accadeva fino a
            all'estate 2001. Da maggio 2001 l'albo e'
            stato diviso in tre sezioni
            e ognuno puo' iscriversi solo nella sezione
            di appartenenza.ASSOLUTAMENTE FALSO. IO HO AMICI INGEGNERI EDILI CHE SI SONO ISCRITTI A TUTTE E TRE LE SEZIONI. CHE DEVO FARE, DENUNCIARLI AL CNI?


            E PER QUALE MOTIVO GLI INGEGNERI NON

            INFORMATICI SI SONO ISCRITTI A TALE
            SEZIONE?

            Questo ha ragioni storiche ed accadeva prima
            dell'estate 2001. L'albo degli ingegneri ha
            avuto evoluzioni varie che seguivano gli
            sviluppi della tecnica. Inoltre vi sono
            vecchi iscritti ad ingegneria che hanno
            lauree che sarebbe difficili da inquadrare
            nel contesto odierno. Ecco perche' chi ha
            fatto l'esame prima dell'estate 2001 puo'
            iscriversi a tutti i settori.MA NON FARCI RIDERE L'UNICA COSA VERA E' CHE:TUTTI GLI INGEGNERI ISCRITTI ALL'ALBO POSSONO ISCRIVERSI A TUTTE E TRE LE SEZIONI.FORSE TU SEI PROPRIO UN INGEGNERE CIVILI CHE SCRIVE I PROGRAMMINI CON ACCESS !


            INGEGNERI VERGOGNATEVI!!!

            Ma vergognati tu che non sai nemmeno di cosa
            parli e ne fai una crociata. Questo va al di
            la di essere informatico o ingegnere. Sapere
            almeno di che cosa si parla e' condizione
            necessaria per essere una persona seria. Sei
            solo un buffone. L'UNICO BUFFONE SEI TU CHE L'ORDINE DEGLI INGEGNERI L'HAI VISTO SOLO SU INTERNET .
          • Anonimo scrive:
            Re: torto agli Informatici ignoranti gli ingegneri

            mi riferivo a quello ma stavo scrivendo di
            fretta, inutile puntualizzare, No, non e' inutile visto che poi mi dici che quella e la sezione degli ingegneri informatici, cosa che non e' vera'.
            Non e' ASSOLUTAMENTE VERO. Gli ordini degli
            ingegneri hanno sollecitato i propri
            iscritti ad iscriversi non alla sezioni di
            competenza ma a alle sezioni che
            preferivano. Tra queste Ingegneria
            informatica Questo sempre per sentito dire.
            Questo accadeva fino a

            all'estate 2001. Da maggio 2001 l'albo e'

            stato diviso in tre sezioni

            e ognuno puo' iscriversi solo nella
            sezione

            di appartenenza.
            ASSOLUTAMENTE FALSO. IO HO AMICI INGEGNERI
            EDILI CHE SI SONO ISCRITTI A TUTTE E TRE LE
            SEZIONI. CHE DEVO FARE, DENUNCIARLI AL CNI?Quando hanno fatto l'esame di stato?
            MA NON FARCI RIDERE L'UNICA COSA VERA E' CHE:
            TUTTI GLI INGEGNERI ISCRITTI ALL'ALBO
            POSSONO ISCRIVERSI A TUTTE E TRE LE SEZIONI.Con il nuovo esame !?! Non sai di cosa parli. Nel nuovo esame e' cambiato tutto.
            FORSE TU SEI PROPRIO UN INGEGNERE CIVILI CHE
            SCRIVE I PROGRAMMINI CON ACCESS !Io sono un ingegnere elettronico.
            L'UNICO BUFFONE SEI TU CHE L'ORDINE DEGLI
            INGEGNERI L'HAI VISTO SOLO SU INTERNET .Ma davvero!? Io l'esame di stato l'ho fatto a maggio 2001 per tua informazione. Tu invece che parli tanto dove raccogli le tue informazioni ?
          • Anonimo scrive:
            Re: torto agli Informatici ignoranti gli ingegneri
            - Scritto da: JoCKerZ



            mi riferivo a quello ma stavo scrivendo di

            fretta, inutile puntualizzare,

            No, non e' inutile visto che poi mi dici che
            quella e la sezione degli ingegneri
            informatici, cosa che non e' vera'.


            Non e' ASSOLUTAMENTE VERO. Gli ordini
            degli

            ingegneri hanno sollecitato i propri

            iscritti ad iscriversi non alla sezioni di

            competenza ma a alle sezioni che

            preferivano. Tra queste Ingegneria

            informatica

            Questo sempre per sentito dire.


            Questo accadeva fino a


            all'estate 2001. Da maggio 2001 l'albo
            e'


            stato diviso in tre sezioni


            e ognuno puo' iscriversi solo nella

            sezione


            di appartenenza.

            ASSOLUTAMENTE FALSO. IO HO AMICI INGEGNERI

            EDILI CHE SI SONO ISCRITTI A TUTTE E TRE
            LE

            SEZIONI. CHE DEVO FARE, DENUNCIARLI AL
            CNI?

            Quando hanno fatto l'esame di stato?


            MA NON FARCI RIDERE L'UNICA COSA VERA E'
            CHE:

            TUTTI GLI INGEGNERI ISCRITTI ALL'ALBO

            POSSONO ISCRIVERSI A TUTTE E TRE LE
            SEZIONI.

            Con il nuovo esame !?! Non sai di cosa
            parli. Nel nuovo esame e' cambiato tutto.


            FORSE TU SEI PROPRIO UN INGEGNERE CIVILI
            CHE

            SCRIVE I PROGRAMMINI CON ACCESS !

            Io sono un ingegnere elettronico.


            L'UNICO BUFFONE SEI TU CHE L'ORDINE DEGLI

            INGEGNERI L'HAI VISTO SOLO SU INTERNET .
            http://sagittario.delphoi.it/ingegneri/docu/MODULO%20DI%20OPZ%20RA.doc....Art. 49.Norme finali e transitorie1. Gli attuali appartenenti all'ordine degli ingegneri vengono iscritti nella sezione A dell'albo degli ingegneri, nonche' nelsettore, o nei settori, per il quale ciascuno di essi dichiara di optare.DOCUMENTATI PRIMA DI PARLARE.GLI INGEGNERI GIA' ISCRITTI ALL'ALBO HANNO POTUTO OPTARE PER TUTTE E TRE LE SEZIONI.VOI STUDENTI ANCORA NON AVETE CAPITO CHE LA SUDDIVISIONE IN SEZIONI E' ANCHE CONTRO DI VOI.ME NE FARO' DI RISATE QUANDO IN QUALCHE PUBBLICO CONCORSO SARA' RICHIESTA L'ISCRIZIONE AL settore "ingegneria dell'informazione" DA ALMENO DIECI ANNI. SI PRESENTERANNO SOLO INGEGNERI CHE SICURAMENTE NON HANNO NIENTE A CHE FARE CON L'INFORMATICA MENTRE GLI INGEGNERI INFORMATICI SARANNO FUORI, DI CONTRO POTRANNO FIRMARE QUALCHE COMPUTO METRICO PER LA RISTRUTTURAZIONE DI QUALCHE APPARTAMENTO. CONTENTI VOI !
          • Anonimo scrive:
            A risposta di X
            Guarda che l'art. 49 che tu citi dice quello che ti sto dicendo da giorni. Che gli ingegneri che hanno fatto l'esame in una sessione indetta prima del 01/09/2001 possono iscriversi a tutti i settori. Ma quelli che fanno l'esame di stato nelle sessioni indette successivamente NO!Probabilmente pero' non leggi quello che ti scrivo. Io non ti ho mai detto che prima non era possibile iscriversi a tutti i settori. Io stesso che ho fatto l'esame a maggio 2001 posso iscrivermi a tutti i settori. Ma chi lo fa oggi (sessioni indette dopo 01/09/2001) NO!Spero che questa volta tu legga quello che scrivo. Mi sembra che sia italiano.
          • Anonimo scrive:
            Per la precisione

            Non e' ASSOLUTAMENTE VERO. Gli ordini degli
            ingegneri hanno sollecitato i propri
            iscritti ad iscriversi non alla sezioni di
            competenza ma a alle sezioni che
            preferivano. Tra queste Ingegneria
            informatica Questo e' uno degli articoli del DPR328Art. 49(Norme finali e transitorie)1. Gli attuali appartenenti all'ordine degli ingegneri vengono iscrittinella sezione A dell'albo degliingegneri, nonché nel settore, o nei settori, per il quale ciascuno di essidichiara di optare.2. Coloro i quali sono in possesso dell'abilitazione professionale alla datadi entrata in vigore delpresente regolamento possono iscriversi nella sezione A dell'albo degliingegneri, nonché nelsettore, o nei settori, per il quale ciascuno di essi dichiara di optare.3. Coloro i quali conseguono l'abilitazione professionale all'esito di esamidi Stato indetti primadella data di entrata in vigore del presente regolamento possono iscriversinella sezione A dell'albodegli ingegneri, nonché nel settore, o nei settori, per il quale ciascuno diessi dichiara di optare.Quindi faccio una piccola rettifica. Dal momento che faceva testo la data in cui veniva indetto l'esame e non la data in cui facevi l'esame, chi a novembre a partecipato all'esame di stato in un'universita' che ha indetto l'esame prima del 1/09/2001 puo' ancora iscriversi a tutti i settori. Chi ricevera' l'abilitazione nelle sezioni successive a novembre 2001 si potra' iscrivere esclusivamente al solo settore di appartenenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per la precisione
            - Scritto da: JoCKerZ



            Non e' ASSOLUTAMENTE VERO. Gli ordini
            degli

            ingegneri hanno sollecitato i propri

            iscritti ad iscriversi non alla sezioni di

            competenza ma a alle sezioni che

            preferivano. Tra queste Ingegneria

            informatica MA HAI LETTO AL LINK CHE TI AVEVO INVIATO ?

            Questo e' uno degli articoli del DPR328
            Art. 49
            (Norme finali e transitorie)
            1. Gli attuali appartenenti all'ordine degli
            ingegneri vengono iscritti
            nella sezione A dell'albo degli
            ingegneri, nonché nel settore, o nei
            settori, per il quale ciascuno di essi
            dichiara di optare.
            2. Coloro i quali sono in possesso
            dell'abilitazione professionale alla data
            di entrata in vigore del
            presente regolamento possono iscriversi
            nella sezione A dell'albo degli
            ingegneri, nonché nel
            settore, o nei settori, per il quale
            ciascuno di essi dichiara di optare.
            3. Coloro i quali conseguono l'abilitazione
            professionale all'esito di esami
            di Stato indetti prima
            della data di entrata in vigore del presente
            regolamento possono iscriversi
            nella sezione A dell'albo
            degli ingegneri, nonché nel settore, o nei
            settori, per il quale ciascuno di
            essi dichiara di optare.

            Quindi faccio una piccola rettifica. Dal
            momento che faceva testo la data in cui
            veniva indetto l'esame e non la data in cui
            facevi l'esame, chi a novembre a partecipato
            all'esame di stato in un'universita' che ha
            indetto l'esame prima del 1/09/2001 puo'
            ancora iscriversi a tutti i settori. Chi
            ricevera' l'abilitazione nelle sezioni
            successive a novembre 2001 si potra'
            iscrivere esclusivamente al solo settore di
            appartenenza.
            Non cambia molto da quanto dico io, ribadisco: I VECCHI ISCRITTI ALL'ORDINE HANNO POTUTO ISCRIVERSI ALLA SEZIONE INGEGNERIA INFORMATICA SENZA AVERNE ALCUN TITOLO PER FARLO. CHE IL DPR GLIELO ABBIA CONCESSO E' ANTICOSTITUZIONALE E CONTRADDICE LO SPIRITO STESSO DEGLI ORDINI PROFESSIONALI. TU CONTINUI A PARLARE DI ESAME DI STATO, IO STO PARLANDO DI "TUTTI GLI INGEGNERI ISCRITTI ALL'ALBO" CHE SONO NUMERICAMENTE MOLTI MOLTI MOLTI DI PIU' DI QUELLI CHE ANCORA DEVONO SUPERARE L'ESAME DI STATO. CONTINUI A FAR FINTA DI NON CAPIRE?
          • Anonimo scrive:
            Re: Per la precisione
            - Scritto da: SDI


            - Scritto da: JoCKerZ






            Non e' ASSOLUTAMENTE VERO. Gli ordini

            degli


            ingegneri hanno sollecitato i propri


            iscritti ad iscriversi non alla
            sezioni di


            competenza ma a alle sezioni che


            preferivano. Tra queste Ingegneria


            informatica
            MA HAI LETTO AL LINK CHE TI AVEVO INVIATO ?http://sagittario.delphoi.it/ingegneri/docu/MODULO%20DI%20OPZ%20RA.doc....Art. 49.Norme finali e transitorie1. Gli attuali appartenenti all'ordine degli ingegneri vengono iscritti nella sezione A dell'albo degli ingegneri, nonche' nelsettore, o nei settori, per il quale ciascuno di essi dichiara di optare.DOCUMENTATI PRIMA DI PARLARE.GLI INGEGNERI GIA' ISCRITTI ALL'ALBO HANNO POTUTO OPTARE PER TUTTE E TRE LE SEZIONI.VOI STUDENTI ANCORA NON AVETE CAPITO CHE LA SUDDIVISIONE IN SEZIONI E' ANCHE CONTRO DI VOI.ME NE FARO' DI RISATE QUANDO IN QUALCHE PUBBLICO CONCORSO SARA' RICHIESTA L'ISCRIZIONE AL settore "ingegneria dell'informazione" DA ALMENO DIECI ANNI. SI PRESENTERANNO SOLO INGEGNERI CHE SICURAMENTE NON HANNO NIENTE A CHE FARE CON L'INFORMATICA MENTRE GLI INGEGNERI INFORMATICI SARANNO FUORI, DI CONTRO POTRANNO FIRMARE QUALCHE COMPUTO METRICO PER LA RISTRUTTURAZIONE DI QUALCHE APPARTAMENTO. CONTENTI VOI !



            Questo e' uno degli articoli del DPR328

            Art. 49

            (Norme finali e transitorie)

            1. Gli attuali appartenenti all'ordine
            degli

            ingegneri vengono iscritti

            nella sezione A dell'albo degli

            ingegneri, nonché nel settore, o nei

            settori, per il quale ciascuno di essi

            dichiara di optare.

            2. Coloro i quali sono in possesso

            dell'abilitazione professionale alla data

            di entrata in vigore del

            presente regolamento possono iscriversi

            nella sezione A dell'albo degli

            ingegneri, nonché nel

            settore, o nei settori, per il quale

            ciascuno di essi dichiara di optare.

            3. Coloro i quali conseguono
            l'abilitazione

            professionale all'esito di esami

            di Stato indetti prima

            della data di entrata in vigore del
            presente

            regolamento possono iscriversi

            nella sezione A dell'albo

            degli ingegneri, nonché nel settore, o nei

            settori, per il quale ciascuno di

            essi dichiara di optare.



            Quindi faccio una piccola rettifica. Dal

            momento che faceva testo la data in cui

            veniva indetto l'esame e non la data in
            cui

            facevi l'esame, chi a novembre a
            partecipato

            all'esame di stato in un'universita' che
            ha

            indetto l'esame prima del 1/09/2001 puo'

            ancora iscriversi a tutti i settori. Chi

            ricevera' l'abilitazione nelle sezioni

            successive a novembre 2001 si potra'

            iscrivere esclusivamente al solo settore
            di

            appartenenza.


            Non cambia molto da quanto dico io,
            ribadisco:
            I VECCHI ISCRITTI ALL'ORDINE HANNO POTUTO
            ISCRIVERSI ALLA SEZIONE INGEGNERIA
            INFORMATICA SENZA AVERNE ALCUN TITOLO PER
            FARLO. CHE IL DPR GLIELO ABBIA CONCESSO E'
            ANTICOSTITUZIONALE E CONTRADDICE LO SPIRITO
            STESSO DEGLI ORDINI PROFESSIONALI. TU
            CONTINUI A PARLARE DI ESAME DI STATO, IO STO
            PARLANDO DI "TUTTI GLI INGEGNERI ISCRITTI
            ALL'ALBO" CHE SONO NUMERICAMENTE MOLTI MOLTI
            MOLTI DI PIU' DI QUELLI CHE ANCORA DEVONO
            SUPERARE L'ESAME DI STATO. CONTINUI A FAR
            FINTA DI NON CAPIRE?
          • Anonimo scrive:
            A risposta delle X
            Se controlli l'orario dei messaggi vedrai che abbiamo postato due commenti sull'art.49 praticamente in contemporanea. Quella mia non era una risposta ma un post a se stante sull'art.49 del DPR. Per puro caso contemporaneamente (con leggero anticipo a dire il vero) tu hai fatto un post con un link alla stessa cosa.Ok ?
          • Anonimo scrive:
            ...inoltre....
            Non sono uno studente. Ho fatto l'esame di stato a maggio 2001 e posso iscrivermi a tutti i settori che voglio. Questo non significa che lo giudichi corretto.
          • Anonimo scrive:
            Re: ...inoltre....
            a me basta che ti sia chiaro che il fatto che - i vecchi iscritti all'ordine a tutte tre le sezioni non giova agli informatici di scienze e di ingegneria, - non tutela la professionalita' degli ingegneri informatici- fa decadere lo spirito per cui sono nati gli albi - nei concorsi pubblici in cui e' richiesta l'iscrizione ad un albo professionale viene attuata una privativa ne confronti dei laurati in informatica e sdi
          • Anonimo scrive:
            Re: ...inoltre....

            a me basta che ti sia chiaro che il fatto
            che
            - i vecchi iscritti all'ordine a tutte tre
            le sezioni non giova agli informatici di
            scienze e di ingegneria,
            - non tutela la professionalita' degli
            ingegneri informaticiMa io questo non l'ho mai messo in dubbio. Ho detto in piu' di un post che il fatto che chi si e' iscritto all'albo nel passato (ed io compreso che ho fatto l'esame prima del 01/09/2001) potesse iscriversi a tutti i settori era una cosa sbagliata.
            - fa decadere lo spirito per cui sono nati
            gli albiBeh, in realta' e' una questione piu' di immagine dell'albo stesso, perche' comunque gli iscritti devono rispettare il codice deontologico.
            - nei concorsi pubblici in cui e' richiesta
            l'iscrizione ad un albo professionale viene
            attuata una privativa ne confronti dei
            laurati in informatica e sdiSu questo sinceramente non mi esprimo. Io personalmente non ho visto ancora un posto pubblico che richiede l'iscrizione all'albo degli ingegneri nel settore dell'informazione. Ma potrei sbagliarmi.PS: Se invece di fare battaglie di religione si parla con calma, chiarezza e pacatezza si possono evitare talvolta contrasti che non esistono. Non credi?
          • Anonimo scrive:
            Re: ...inoltre....
            http://punto-informatico.it/pol.asp?mid=198591&fid=40371POR (Piano Operativo Regionale) Puglia : misura 4.1 - contributi per interventi di consulenza ed attività che riguardano, nella maggior parte dei casi, l' innovazione tecnologica ed organizzativa ICT e sistemi qualità:......omissis......dall'Art 4"I servizi di consulenza tecnica, come previsto dall?art.4 Circolare n.2791193 del 1997, dovranno essere forniti esclusivamente da organismi pubblici o privati tecnicamente organizzati. Nel caso di organismi privati, qualora siano privi di personalità giuridica, i servizi di consulenza sono ammissibili purchè prestati da soggetti titolari di partita IVA e iscritti ad un albo professionale."
          • Anonimo scrive:
            Re: ...inoltre....

            http://punto-informatico.it/pol.asp?mid=19859

            POR (Piano Operativo Regionale) Puglia :
            misura 4.1 - contributi per interventi di
            consulenza ed attività che riguardano, nella
            maggior parte dei casi, l' innovazione
            tecnologica ed organizzativa ICT e sistemi
            qualità:
            ......omissis......

            dall'Art 4

            "I servizi di consulenza tecnica, come
            previsto dall?art.4 Circolare n.2791193 del
            1997, dovranno essere forniti esclusivamente
            da organismi pubblici o privati tecnicamente
            organizzati. Nel caso di organismi privati,
            qualora siano privi di personalità
            giuridica, i servizi di consulenza sono
            ammissibili purchè prestati da soggetti
            titolari di partita IVA e iscritti ad un
            albo professionale."Ok, prendo atto. Su questo hai ragione. E' chiaro anche che se hai un societa' il problema non sussite il che fa pensare che la richiesta venga fatto piu' che altro per una questione di garanzia. Comunque la sostanza non cambia: chi non e' iscritto ad un albo non puo' fare la consulenza.Posso farti una domanda. In precedenza i laureati in informatica che volevano fare i liberi professionisti come facevano ? O meglio esisteva una partita IVA specifica in cui rientrare ?
          • Anonimo scrive:
            Re: ...inoltre....

            Ok, prendo atto. Su questo hai ragione. E'
            chiaro anche che se hai un societa' il
            problema non sussite il che fa pensare che
            la richiesta venga fatto piu' che altro per
            una questione di garanzia. Comunque la
            sostanza non cambia: chi non e' iscritto ad
            un albo non puo' fare la consulenza.
            Posso farti una domanda. In precedenza i
            laureati in informatica che volevano fare i
            liberi professionisti come facevano ? O
            meglio esisteva una partita IVA specifica in
            cui rientrare ?La domanda che poni e' relativa a come viene contabilizzata fiscalmente l'IVA ma non e' attinente a quanto stiamo discutendo in quanto il fatto di avere una partita IVA non riconosce la tua professionalita'. Al fisco interessa che tu paghi le tasse. Per avere una partita iva basta richiederla all'ufficio iva, possono farlo anche i maghi.
          • Anonimo scrive:
            Re: ...inoltre....
            Attualmente puoi scegliere tra:30020 FABBRICAZ. ELABORATORI, SISTEMI ED APPARECCH. INFORMATICHE 51641 COMMERCIO ALL'INGROSSO DI MACCHINE PER SCRIVERE E DA CALCOLO 72100 CONSULENZA PER INSTALLAZIONE DI ELABORATORI ELETTRONICI 72200 FORNITURA DI SOFTWARE E CONSULENZA IN MATERIA DI INFORMATICA 72300 ELABORAZIONE ELETTRONICA DEI DATI 72400 ATTIVITA' DELLE BANCHE DI DATI 72500 MANUTEN. E RIPARAZ. MACCHINE PER UFFICIO ED ELAB. ELETTRO 72601 SERVIZI DI TELEMATICA, ROBOTICA, EIDOMATICA 72602 ALTRI SERVIZI CONNESSI ALL'INFORMATICA basta andare all'ufficio iva e richiederla e buona fortuna !
          • Anonimo scrive:
            Re: ...inoltre....
            Si si, lo so. La mia era solo una curiosita', non volevo collegare le cose. Lo so che non sono collegate.
          • Anonimo scrive:
            Continuate a fare orecchie da mercante...
            ...altrimenti siete tonti.Io ho chiesto che mi si indichi quale progetto software necessiti di firma di un ingegnere iscritto all'albo. Continuate a non rispondere perche' la risposta non la sapete o fate finta di non saperla : non esiste un progetto software che necessiti della firma di un ingegnere iscritto all'albo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Continuate a fare orecchie da mercante...
            - Scritto da: JoCKerZ
            ...altrimenti siete tonti.
            Io ho chiesto che mi si indichi quale
            progetto software necessiti di firma di un
            ingegnere iscritto all'albo. Continuate a
            non rispondere perche' la risposta non la
            sapete o fate finta di non saperla : non
            esiste un progetto software che necessiti
            della firma di un ingegnere iscritto
            all'albo.
            O NON RIESCI A CAPIRE OPPURE FAI FINTA.FINO AD ORA NON ESISTEVA UN ALBO CHE REGOLAMENTASSE I PROGETTI SW QUINDI TUTTI (CANI E PORCI) POTEVANO FARE PROGETTI.ADESSO CON LA NUOVA TROVATA DEL GOVERNO I PROGETTI (IN UN TEMPO NON TROPPO LONTANO) NECESSITERANNO DI UNA FIRMA (CREDO DI ESSERE STATO + CHE CHIARO).Quindi è inutile che adesso chiedi in giro, ma quali sono i progetti che necessitano di firma.Inoltre noi chiediamo l'iscrizione all'albo anche per ricollocare le nostre lauree in funzione delle nuove lauree (per cui è concessa l'iscrizione all'albo).Ti prego la prossima volta non far finta di non capire: sii leale.Informatico (Corso quinquennale)
          • Anonimo scrive:
            Re: Continuate a fare orecchie da mercante...
            Veramente nelle Universita' italiane si studia molto, i laureati che passano gli esami dovrebbero senz'altro risultare preparati ma...Dipende troppo da universita', facolta' e dal prof che tiene il corso.Ho visto prof del corso di matematica seguire gli informatici con lo stesso rigore e pretese che hanno verso gli allievi di matematica.Ho visto studenti in ingegneria superare analisi 1 e 2 senza aver mai aperto un testo... ovviamente con il trucco.Ho letto sui giornali dello scandalo dell'esame di stato per gli avvocati... tutto bello scopiazzato.Con questo non voglio dire che gli informatici sono sempre "penalizzati" e gli altri no, in alcune universita' potrebbe esserci la situazione inversa, vita dura per gli ingegneri e spasso per gli informatici.Il problema sta proprio in queste disparita' di trattamento, chi studia e si impegna sul serio merita la "certificazione" dell'albo ma chi e' riuscito a barare, con la propria preparazione inesistente, squalifica l'albo e anche quelli che hanno ottenuto l'iscrizione "sputando sangue".A proposito, per quello che non conosce i warning, non e' un gran proplema poiche', vista la preparazione, avra' modo di vederne molti durante lo sviluppo del progetto e non solo quelli... :-)
  • Anonimo scrive:
    Ma dal 60 ad oggi chi ha progettato SI
    Studente di informatica iscritto al vecchio ordinamento. (Fiero di esserlo)Non vorrei ripetere ciò che in questo forum è stato già detto e ridetto:- il governo- chi ha più esami- chi studia + chi -- più facile più difficile- ecc.Però un aspetto inquietante va evidenziato di questa Italia e di chi la dirige. In altre parole, tutti sappiamo che la CE non permette la creazione di un ulteriore albo, quindi al ministro della pubblica istruzione gli è venuta la brillante idea (non credo sia brillante comunque...) di creare dei sottoalbi, in seguito a tale idea ne crea tre (perchè non 4??? ma....)tra i quali inserisce solo ing. in informatica e definisce programmatori gli informatici(da questo si capisce che al potere abbiamo persone che non capiscono un azzo).Ciò che voglio dire è:Poichè ingegneria in informatica risale a 9 anni addietro, quind il primo laureato a circa 2-3 anni addietro, secondo tale osservazione e secondo il ministro i primi progetti informatici dovrebbero risalire a 2-3 anni fa in quanto essendo gli informatici dei programmatori non potevano progettare, ma se questi non potevano progettare allora dal 60 fino ad ora chi ha progetato sistemi informatici????????Risposta:Si progettavano da soli forseBooooooooooooooooooo
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma dal 60 ad oggi chi ha progettato SI ?
      Come al solito gli ingegneri si astengono a rispondere a domande del genere e continuano ad ataccare la categoria degli informatici.(di nome e di fatto)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma dal 60 ad oggi chi ha progettato SI
      Tutte le considerazioni riguardanti i problemi degli informatici versus DPR 328/2001 e circolare MIUR 28/5/2002 sono state dettagliatamente descritte in numerosi documenti e lettere sottoposti a tutti i Parlamentari della Camera dei Deputati.Anche numerosi Senatori sono stati informati e fra questi i Presidenti delle Commissioni interessate proprio in questi giorni da decisioni sul tema dell'E.S. Al MIUR sono stati segnalati molto chiaramente tutti gli aspetti sia formali che qualitativi della professione, proprio affinche' non ci possano essere dubbi sul fatto che tutti gli elementi che riguardano gli informatici, sono ben noti agli Istituti ed al Legislatore preposti a decidere sul tema.Moltissimi parlamentari hanno dichiarato di aver ben compreso i termini della questione e di essere pienamente d'accordo sulle preoccupazioni sollevate dagli informatici. Molti si stanno muovendo nella nostra direzione. Alcuni hanno gia' provveduto a presentare interrogazioni parlamentari sul tema:- On. Beatrice Magnolfi- On. Riccardo MiglioriLi ringrazio tutti. Non elenco qui i loro nomi, perche' il momento e' molto "caldo", ma prometto di farvi conoscere i loro nomi in una futura pagina web che avra' proprio lo scopo di ringraziarli pubblicamente per averci dato ascolto e per aver compreso le nostre ragioni.
  • Anonimo scrive:
    Re: GRANDE DUBBIO (rispondetemi)
    - Scritto da: R@f'84
    io sono 17enne e tra un anno mi dovrò
    iscrivere all'università ed ero diretto
    ormai da un annetto a iscrivermi ad
    informatica (non ingegneria), per diventare[...]Io sono un laureando in Scienze dell'Informazione e ti posso assicurare che sono contento della scelta che ho fatto qualche anno addietro. All'epoca ero indeciso tra Ingegneria Informatica e Scienze dell'Informazione; ho provato entrambi i test a numero chiuso, superandoli entrambi.Al momento della scelta ho preferito Scienze dell'Informazione perche' mi interessava maggiormente il lato Software piuttosto che quello Hardware (elettronica).;-)))Nel mondo del lavoro hanno la precedenza le conoscenze, le metodologie applicate, piuttosto che i titoli.Esempio: io da semplice Perito Informatico e studente di Scienze dell'Informazione ho guidato un gruppo di sviluppo in una software house, composto sia da periti che laureati (dottori/ingegneri) ! Ciao ed auguri per i tuoi futuri studi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Tanto il problema si aggira
    Molto italiana come soluzione. Ma vogliamo diventare un paese serio o dobbiamo sempre ricorrere a furbizie e raggiri?
  • Anonimo scrive:
    gli ordini
    gli ordini professionali vanno aboliti tutti, non bisogna invertarne di nuovi.
  • Anonimo scrive:
    Re: GRANDE DUBBIO (rispondetemi)
    Eehheheh! nel tuo post mi sembra di rileggere le mie parole che dissiun anno fa quando anke io mi dovevo iscrivere all'univ.Ti dico solo 1 cosa: la passione mi ha guidato e adesso sono iscrittoad Informatica. Segui solo la tua passione.Informatica è una bella facoltà ed è così vasta (in termini di campidi applicazione)che onestamente mi mette un pò paura! :-)Ciao e in bocca al lupo!
  • Anonimo scrive:
    si hanno novità dalla riunione del GRIN?
    si hanno novità dalla riunione del GRIN?
  • Anonimo scrive:
    Re: GRANDE DUBBIO (rispondetemi)
    Iscriviti a giurisprudenza.Fatti eleggere al tuo comune.Olia qualcuno.o fatti eleggere nella tua provincia,o fatti eleggere nella tua regione,o fatti eleggere in parlamento.Poi alzati lo stipendio.Poi fatti eleggere anche a Bruxelles.Alzati lo stipendo.Poi presenta una legge che dia nuovi privilegi alla tua categoria, oppure benefici, agevolazioni.Non hai che l'imbarazzo della scelta.
    • Anonimo scrive:
      Re: GRANDE DUBBIO (rispondetemi)
      - Scritto da: kevin
      Iscriviti a giurisprudenza.
      Fatti eleggere al tuo comune.
      Olia qualcuno.
      o fatti eleggere nella tua provincia,
      o fatti eleggere nella tua regione,
      o fatti eleggere in parlamento.
      Poi alzati lo stipendio.
      Poi fatti eleggere anche a Bruxelles.
      Alzati lo stipendo.
      Poi presenta una legge che dia nuovi
      privilegi alla tua categoria, oppure
      benefici, agevolazioni.
      Non hai che l'imbarazzo della scelta.stai bene?
  • Anonimo scrive:
    FORZA INFORMATICI
    Forza ragazzi sono un perito in Informatica e credo molto nella professione di dott.Non date peso agli ingegneri, il mio prof ha detto che ha in gegneria si insegna tutto fumo e gniente arrosto.
    • Anonimo scrive:
      Re: FORZA INFORMATICI
      Però non ti ha insegnato a scrivere con la tastiera...
    • Anonimo scrive:
      Re: FORZA INFORMATICI
      - Scritto da: :-)
      Forza ragazzi sono un perito in Informatica
      e credo molto nella professione di dott.
      Non date peso agli ingegneri, il mio prof ha
      detto che ha in gegneria si insegna tutto
      fumo e gniente arrosto.Quello che scrivi sopra non e' che abbia un gran senso.Sei sicuro di essere andato a scuola?
    • Anonimo scrive:
      Re: FORZA INFORMATICI
      - Scritto da: :-)
      Forza ragazzi sono un perito in Informatica
      e credo molto nella professione di dott.

      Non date peso agli ingegneri, il mio prof ha
      detto che ha in gegneria si insegna tutto
      fumo e gniente arrosto. Ma dai, siamo al ridicolo. Il mio prof mi ha detto...ma torna all'asilo dai!! Il prossimo post cosa dira'? Mio CUGGINO mi ha detto che .... ma per favore!
      • Anonimo scrive:
        Re: FORZA INFORMATICI
        - Scritto da: JoCKerZ


        - Scritto da: :-)

        Forza ragazzi sono un perito in
        Informatica

        e credo molto nella professione di dott.



        Non date peso agli ingegneri, il mio prof
        ha

        detto che ha in gegneria si insegna tutto

        fumo e gniente arrosto.

        Ma dai, siamo al ridicolo.
        Il mio prof mi ha detto...ma torna all'asilo
        dai!!
        Il prossimo post cosa dira'? Mio CUGGINO mi
        ha detto che .... ma per favore!Se un ingegnere così ottuso che non ti sei nemmeno reso conto che ti stava prendendo per il culo
        • Anonimo scrive:
          Re: FORZA INFORMATICI
          - Scritto da: mizzi
          Se un ingegnere così ottuso che non ti sei
          nemmeno reso conto che ti stava prendendo
          per il culoè un ingegnere eh...
  • Anonimo scrive:
    Veri Ing. !? Informatici patetici
    A spacciarvi per Ingegneri per avvalorare le vostre tesi fate solo la figura dei ragazzini. Siete semplicemente patetici.Quando comincerete una discussione costruttiva invece di fare una stupida guerra di religione con mezzucci da asilo infantile allora forse qualcuno vi dara' ascolto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
      Tienilo pur stretto il tuo albo, prima o poi una soluzione si trova.E poi saranno cavoli amariiiiiiiiiiiiiiiiiFacoltà di ingegneria in informatica:- Prima ci frega la denominazione del corso- Adesso ci vuol fregare anche il mestiereMa cosa vi insegnano il mestiere del mariuolo:-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Veri Ing. !? Informatici patetici

        Tienilo pur stretto il tuo albo, prima o poi
        una soluzione si trova.
        E poi saranno cavoli amariiiiiiiiiiiiiiiiiSembra che debba arrivare Attila con gli Unni. Ma smettetela di fare affermazioni cretine. Sono anni che convivono Informatici, Ingegneri, smanettoni e chi piu' ne ha piu' ne metta.Di quali cavoli amari stai parlando ? Guarda meno cartoni animati per cortesia.
        Facoltà di ingegneria in informatica:
        - Prima ci frega la denominazione del corso
        - Adesso ci vuol fregare anche il mestiere

        Ma cosa vi insegnano il mestiere del mariuolo
        :-)Ma quali sarebbero i progetti che necessitano della forma di un iscritto all'albo ?Perche', sinceramente non si e' ancora capito.
        • Anonimo scrive:
          Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
          - Scritto da: JoCKerZ
          Ma quali sarebbero i progetti che
          necessitano della forma di un iscritto
          all'albo ?
          Perche', sinceramente non si e' ancora
          capito.Aspetta, aspetta. Se vai a guardarti un po' la storia della legislazione italiana in merito alle "corporazioni" (notai,avvocati,ingegneri,medici,...) vedrai che i passi per accaparrarsi un fatta di mercato in regime di NON concorrenza procede SEMPRE come segue:a) prima viene la definizione dell'ordine o dell'albo, i quale individua una precisa categoria di individui, dotati di un certo tipo di titolo di studio e (non basta; troppo facile, ora studiano tutti!) che abbia superato un certo esamino controllato dai membri della stessa categoria in questione; questa e' la fase di istituzione dell'ordine o dell'albo, quella che la UE ha esplicitamente vietato, perche' contraria alla libera concorrenza, distorce il mercato del lavoro etc.b) poi viene uno o piu' provvedimenti, norme attuative, circolari, note et similia, diluite nel tempo, per non dare troppo nell'occhio, che stabiliscono che puo' fare che cosa; guarda caso, attivita' che fino al giorno prima erano libere, toh, d'improvviso diventano esclusiva dei membri della categoria istituital al punto a)c) se non bastasse, quando le norme al punto b) non fossero sufficienti a scoraggiare quelli che volessero ancora fare quello che e' riservato ai membri della nuova casta, vengono pronunciamenti, note etc dei vari organismi che dichiarano illegittima un certa professione se non si e' membri di quella casta (vedi alla voce "esercizio abusivo della professione")Quandi stai certo che nei prossimi mesi ed anni vedrai comparire tante leggine che accontenteranno questo o quel gruppo all'interno dell'ordine degli ingegneri, in modo che tu non potrai piu' nemmeno attaccare un cavo di rete dal pc alla presa a muro. Inoltre vedrai presto arrivare anche il tariffario, quindi se tu sei uno che si accontentava di 25 euro per attaccare un cavo di rete e fare ping, dovrai chiedere almeno 50 euro, perche' il tariffario prescrivera' che meno di 50 euro per un ping e' da pezzenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
            Quindi il tutto si ridurrebbe ad un processo alle intenzioni. Le prospettive che prevedi sono fuori dal tempo, perche' in contrasto con norme dell'UE. Allora la morale e' che questa e' una guerra di religione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
      - Scritto da: JoCKerZ
      A spacciarvi per Ingegneri per avvalorare le
      vostre tesi fate solo la figura dei
      ragazzini. Siete semplicemente patetici.
      Quando comincerete una discussione
      costruttiva invece di fare una stupida
      guerra di religione con mezzucci da asilo
      infantile allora forse qualcuno vi dara'
      ascolto.Me ne frego di essere chiamato Ing.Un titolo lascia il tempo che trova. Quando sarò laureato ciò che conterà saranno le mie competenze, e se non potrò esercitarle a causa di motivi burocratici la cosa mi manderà alquanto in bestia.Qui non si tratta di "spacciarsi" per Ingegneri, si tratta di capire perchè non posso esercitare la professione per cui ho studiato e che molto spesso posso svolgere ordini di grandezza meglio di un "Ingegnere Informatico"...Mi sembra semplice da capire, ma forse sei troppo impegnato ad attaccare a caso per rendertene conto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
        Guarda che non hai capito. Io mi riferivo a quelle persone che pateticamente per avvalorare le loro tesi contro gli ingegneri si firmano Ing, Vero Ing, Super Ing e ca@@ate varie.Non stavo discutendo dell'ingresso o meno nell'albo degli informatici, ma della pateticita' di taluni individui. - Scritto da: Mave


        - Scritto da: JoCKerZ

        A spacciarvi per Ingegneri per avvalorare
        le

        vostre tesi fate solo la figura dei

        ragazzini. Siete semplicemente patetici.

        Quando comincerete una discussione

        costruttiva invece di fare una stupida

        guerra di religione con mezzucci da asilo

        infantile allora forse qualcuno vi dara'

        ascolto.

        Me ne frego di essere chiamato Ing.
        Un titolo lascia il tempo che trova. Quando
        sarò laureato ciò che conterà saranno le mie
        competenze, e se non potrò esercitarle a
        causa di motivi burocratici la cosa mi
        manderà alquanto in bestia.
        Qui non si tratta di "spacciarsi" per
        Ingegneri, si tratta di capire perchè non
        posso esercitare la professione per cui ho
        studiato e che molto spesso posso svolgere
        ordini di grandezza meglio di un "Ingegnere
        Informatico"...
        Mi sembra semplice da capire, ma forse sei
        troppo impegnato ad attaccare a caso per
        rendertene conto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
          - Scritto da: JoCKerZ

          Guarda che non hai capito. Io mi riferivo a
          quelle persone che pateticamente per
          avvalorare le loro tesi contro gli ingegneri
          si firmano Ing, Vero Ing, Super Ing e
          ca@@ate varie.
          Non stavo discutendo dell'ingresso o meno
          nell'albo degli informatici, ma della
          pateticita' di taluni individui.
          sicuramente non fanno bella figura quelli che si firmano ing e poi non lo sonocomunque il tutto nasce perchè in Italia c'è il mito dell'ingegnere....o mio figlio è ingegnere, come se foste degli onnipotenti.Prima di dire che gli informatici sono patetici rifletti ogni tanto.Non ti rigerebbero i co....... se uno sbarbatello qualsiasi che si è fatto un corsi di VB o altro faccia il lavoro a posto tuo?? io conosco gente laureata in Lettere, Lingue e Filosofia che lavora come informatico e anche a livello di analisti o altro e molti altri informatici che fanno dei semplici programmatori sotto queste persone che non trovando il loro lavoro vengono a fare il tuo.Ti ci vedrei se rendessero libero il lavoro degli ingegneri a dire che sono bastardi quelli che ti fregano il posto o che prendono piu' di te senza un titolo appropriatoEppoi cazzo (ogni tanto ci vuole) tutti hanno un albo, ingegneri, avvocati, medici e chi piu' ne ha piu' ne metta, se qualcuno legittimamente vuole far rispettare un proprio diritto tutti subito a criticare e a dare degli imbecilli
          • Anonimo scrive:
            Re: Veri Ing. !? Informatici patetici

            Non ti rigerebbero i co....... se uno
            sbarbatello qualsiasi che si è fatto un
            corsi di VB o altro faccia il lavoro a posto
            tuo?? io conosco gente laureata in Lettere,
            Lingue e Filosofia che lavora come
            informatico e anche a livello di analisti o
            altro e molti altri informatici che fanno
            dei semplici programmatori sotto queste
            persone che non trovando il loro lavoro
            vengono a fare il tuo.Già, perccato che in Italia ci sia un mucchio di gente che lavora come informatico con un'altra laurea (magari Fisica o Matematica, non solo Lettere), magari perché fino al '79 il corso d'Informatica non esisteva o perché ha poi cambiato idea, e si è fatta un'esperienza ed una "cultura informatica" che a molti sbarbatelli usciti da Ingegneria od Informatica manca completamente? Quanta gente si vede arrivare dall'università senza sapere nulla della programmazione Windows o di database? E ti tocca spiegare ad un laureato cos'è un comando SQL o un'API...
            Ti ci vedrei se rendessero libero il lavoro
            degli ingegneri a dire che sono bastardi
            quelli che ti fregano il posto o che
            prendono piu' di te senza un titolo
            appropriato
            Eppoi cazzo (ogni tanto ci vuole) tutti
            hanno un albo, ingegneri, avvocati, medici e
            chi piu' ne ha piu' ne metta, se qualcuno
            legittimamente vuole far rispettare un
            proprio diritto tutti subito a criticare e a
            dare degli imbecilliGli albi mi vanno bene se consistono in un'abilitazione professionale indipendentemente dal titolo di studio conseguito. Io faccio un esame, e se lo supero ho diritto di professare quella professione. Gli albi intesi come caste e corporazioni sono stati e sono come la peste, servono solo a proteggere gli interessi degli appartenenti e non sono assolutamente garanzia di qualità. Lo stesso Einaudi disse che il valore legale del titolo di studio è un errore.Dai un'occhiata a queto URL: http://www.sdmagazine.com/documents/s=7134/sdm0205a/0205a.htm. Gregor Kiczales, l'inventore dell'Aspect Oriented Programming è ricercatore all'università (con il titolo di professore...) senza neppure avere una laurea... forse è per questo che l'Italia va al traino, troppa attenzione e troppi litigi intorno a titoli di studio, albi e idiozie varie, perdendo di vista la vera ragion d'essere...Lascia perdere i galloni e i diplomi da appendere al muro e concentrati sul tuo lavoro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
      Sono io il così detto vero ingegnere e se hai qualche dubbio lasciami la tua email che ti contatto in privato non ci son problemi.Anzi vorrei conoscere questi studenti che amano essere chiamati ing ma di informatica non ne capiscono un azz.Sono un ing edile, possiedo una nota impresa di edilizia, mi avvalgo di due di due informaticiselezionati da me stesso fra un gruppo di 15 persone tra cui 8 ing. in informatica.Non metto il mio nome perchè non posso.....Ma se vuoi scrivi la tua email e ti contatto.E poi vediamo se hai veramente le palle 0 0 -
      • Anonimo scrive:
        Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
        gekkoboz@hotmail.com- Scritto da: un vero ing
        Sono io il così detto vero ingegnere e se
        hai qualche dubbio lasciami la tua email che
        ti contatto in privato non ci son problemi.

        Anzi vorrei conoscere questi studenti che
        amano essere chiamati ing ma di informatica
        non ne capiscono un azz.

        Sono un ing edile, possiedo una nota impresa
        di edilizia, mi avvalgo di due di due
        informaticiselezionati da me stesso fra un
        gruppo di 15 persone tra cui 8 ing. in
        informatica.

        Non metto il mio nome perchè non posso.....
        Ma se vuoi scrivi la tua email e ti contatto.

        E poi vediamo se hai veramente le palle 0 0 -E adesso che cosa fai mi mandi una scannerizzazione del diploma di laurea?'Vediamo se hai le palle?!?'. Eh, si vede proprio che sei un VERO ING. La prossima che spari qual e':(1) Chi ce l'ha piu' lungo ?(2) Chi piscia piu' lontano ?Ma smettila!
        • Anonimo scrive:
          Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
          Siete proprio dei volgari
          • Anonimo scrive:
            Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
            Invito il Vero ing a non rispondere a tale provocazione.Oltre tutto l'email è anonima.Perchè non metti nome e cognome, invece di mettere una email sconosciuta?Giulio Dell'Aquila
          • Anonimo scrive:
            Re: Veri Ing. !? Informatici patetici
            Mario Belladonna
  • Anonimo scrive:
    NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI NON CO SONO ALBI
    DA QUANTO NE SO NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI NON SONO ALBI. QUESTO CHE COSA SIGNIFICA?Entrando in europa non dovremmo adeguarci all'europa ed eliminare gli albi?Un ingegnere di un' altra nazione per progettare in italia dovrebbe iscriversi all'albo italiano?mentre all'estero per progettare non bisogna essere nell'albo visto che non c'è?La riforma degli albi è proprio fuori luogo in un contesto europeo, ma non dovrebbero essere aboliti?Rispondetemi con dei chiarimenti.Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI NON CO SONO ALBI
      Chi c'è al governo?Eccoti la risposta.
      • Anonimo scrive:
        Re: NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI NON CO SONO ALBI
        Certo che se un governo preteso liberale sforna un altro albo, firma la sua condanna a morte e con ignominia. Del resto e' da anni che che un po' di parlamentari di forza italia fanno lobbing per tale albo.Una vergogna indecente.D'altra parte se sono andati al governo e' anche perche' l'alternativa non e' molto meglio...- Scritto da: ing
        Chi c'è al governo?
        Eccoti la risposta.
    • Anonimo scrive:
      Re: NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI NON CO SONO ALBI
      Bisogna abolire tutti gli ordini e gli albi!Tra le nazioni importanti, Germania, Inghilterra e USA non li hanno. Guarda caso Italia e Francia li hanno e non hanno nessuna intenzione di toglierli: le due nazioni piu` centraliste d'Europa, quelle piu` burocratizzate e impastate...
    • Anonimo scrive:
      Ma che cavolo dici!!!!?!?!?
      Ma che stai dicendo ? Siete semplicemente ridicoli.Solo per farti un esempio in Germania c'e' la camera degli ingegneri.
      • Anonimo scrive:
        Documentatevi meglio prima di parlare.....
        http://www.ord-ing-bo.it/documenti/ingegnere_europa.htmGiusto per fare un esempio.
  • Anonimo scrive:
    BASTA CORPORAZIONI !!!!!
    Ma siamo matti, un altro ordine di mangiapane a tradimento.Impariamo a guadagnarci il pane e il rispetto perche' siamo capaci di fare qualcosa, non perche' siamo associati all'ennesima camarilla burocratico-mafiosa.Vanno aboliti tutti gli ordini corporativi, che sono la condanna di questo paese medioevale, dove la liberta' e la responsabilita' sono solo espressioni linguistiche.Gli ordini sono assolutamente inutili alla collettivita', servono solo a creare un po' di poltroncine per la pletora di meschini intriganti che affligge questo paese, e per dare il "bollino di qualita'" ad una serie di lecchini incapaci.Dove gli ordini non esistono, FUNZIONA TUTTO MEGLIO. Quando mai un ordine ha prodotto qualcosa di diverso dalla protezione mafiosa dei suoi associati. Ma cosa mi tocca sentire ancora nel 2002. Ma per favore.
  • Anonimo scrive:
    Re: GRANDE DUBBIO (rispondetemi)
    Bella domanda questa.In questo forum sono intervenuto molte volte con la veste di vero ingegnere.Caro ragazzo se è l'informatica (in tutti i suoi aspetti) che ti piace iscriviti tranquillamente al corso di laurea in informatica e non temere.Io sono un ing. Edile e sto combattendo contro l'abolizione di questi albi che altro non fanno che confondere le idee (dovrebbero salvaguardare il cliente invece......)Comunque per i nuovi iscritti non vi è tale problema dell'albo.Tu ti chiederai: Perchè?Bè se lo chiedono 25000 informatici che adesso sono alla guida di grandi sw house (vedi Abaco consulting), di ing. in informatica ne trovi poichè di sw ne capiscono poco quanto niente (tranne chi lo fa come hobby).Se invece dell'informatica ti piace l'aspetto hw allora ti consiglio ingegneria.Tutto qui :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: GRANDE DUBBIO (rispondetemi)
      Caro ragazzo, ti rispondo anch'io che sono laureato in informatica.Ti dico che sicuramente non è in base alle questioni dell'albo che devi sceglire la facoltà. I motivi per cui decidi di intraprendere un percorso di studi o un altro devono essere sicuramente altri. Cioè se ti piace studiare le cose da un certo punto di vista e di impostazione o da un'altro aspetto.A informatica si predilige più un aspetto scientifico e ad ingegneria più un aspetto tecnico. Comunque entrambe di danno un'ottima preparazione. Comunque adesso con le nuove lauree anche informatica ha assunto una forte connotazione tecnica come ingegneria.Riguardo all'albo per te non ci sono problemi se ti iscrivi ad informatica perchè chi si iscrive adesso o tra un anno come farai tu può sostenere l'esame di abilitazione di ingegnere. Il problema è solo di chi è gia laureato o sta per farlo secondo il vecchi ordinamento, per queste persone come me non è possibile accedere all'albo pur avendo un titolo di studio identico a quello che prenderai tu ad esempio. Questo è un mistero per tutti noi.Dal mio punto di vista ti dico che informatica è bella è appassionante ma deve piacere veramente per andare avanti. Informatica non è una passeggiata e riguardo a me mi ha preparato molto bene al mondo del lavoro, devo dire la verita mi sono trovato veramente bene nel lavoro, nei vari lavori che ho fatto mi sono reso conto che avevo una buona preparazione le cose le sapevo ero preparato bene ad affrontare tutto.Se ti piace informatica veramente segnati.Ciao e in bocca al lupo.
  • Anonimo scrive:
    Abolire l'ordine degli ingegneri
    Una strada, ben vista da coloro che hanno a cuore l'ampliamente del mercato del lavoro in Italia, e` quella dell'abolizione dell'ordine degli ingegneri.In generale, l'abolizioni di tutti gli ordini renderebbe il corrispondente mercato del lavoro molto piu` competitivo e non ingessato da un lato dal tariffario deciso a tavolino (e non in base alle capacita` del professionista).Vi ricordate il referendum sulla proposta di abolizione dell'ordine dei giornalisti?Occorre educare le persone a considerare odiosa culturalmente, moralmente ed eticamente l'idea stessa di ordine ed di albo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Abolire l'ordine degli ingegneri
      Fianlmente un'opinione dignitosa, che non sia di squallida difesa della propria incapacita' professionale.- Scritto da: kevin
      Occorre educare le persone a considerare
      odiosa culturalmente, moralmente ed
      eticamente l'idea stessa di ordine ed di
      albo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Abolire l'ordine degli ingegneri
        - Scritto da: pippo
        Fianlmente un'opinione dignitosa, che non
        sia di squallida difesa della propria
        incapacita' professionale.

        - Scritto da: kevin

        Occorre educare le persone a considerare

        odiosa culturalmente, moralmente ed

        eticamente l'idea stessa di ordine ed di

        albo.Questa è la tendenza per il futuro, signori: per una volta serviranno a qualcosa gli inutili euroburocrati, invece di giocare tutto il giorno col diametro dei cetrioli e la lunghezza delle banane. Per intanto è tassativamente proibito creare nuovi ordini; in seguito si arriverà all'abolizione degli esistenti, per uniformare anche questo paese (delle banane, appunto) al buon senso generale ed alla preparazione media dei professionisti nel resto del mondo civilizzato. Ribadisco infine che vi sono numerosissimi ingegneri mai iscritti all'albo, soprattutto nelle aree elettronica ed informatica, per profonda convinzione della sostanziale inutilità di tale massonica, anacronistica sovrastruttura.
  • Anonimo scrive:
    Re: Alla fine ci sono riusciti gli ingegneri!
    Abolizione degli ordini e degli albi!
  • Anonimo scrive:
    Per Liberale e Sorce
    Vi ammiro per il vostro attivismo, ma perchè non collaborate anche coi sindacati nazionali? Vi aiuterebbero a definire le esigenze di ogni profilo, sia laureati che diplomati, ed a difendere la categoria coi mezzi di organizzazioni di rilevanza nazionale.
    • Anonimo scrive:
      LA SAGRA DEL CORPORATIVISMO
      La sagra del corporativismo.Ma non vi vergognate?Non avete una dignita' da qualche parte?- Scritto da: uniti si vince
      Vi ammiro per il vostro attivismo, ma perchè
      non collaborate anche coi sindacati
      nazionali? Vi aiuterebbero a definire le
      esigenze di ogni profilo, sia laureati che
      diplomati, ed a difendere la categoria coi
      mezzi di organizzazioni di rilevanza
      nazionale.
      • Anonimo scrive:
        Re: LA SAGRA DI PIPPO
        Il corporativismo è proprio il contrario del sindacato. La corporazione vede gli interessi di una sola categoria, il sindacato quelli di TUTTI i lavoratori, chiaramente distinguendo fra professionalità, infatti i contratti di lavoro non sono tutti uguali. Comunque non mi vergogno delle mie opinioni come tu delle tue.
  • Anonimo scrive:
    Il solito protezionismo
    Dopo l'approvazione di una norma ritagliata perla casta degli ingegneri zucconi, si provvedera' a fornire a questi ultimi, come gia' in altri casi,le armi per taglaire fuori tutti quelli che al famosoAlbo non potranno iscriversi. E quindi: perizie ealtri ammennicoli riservate agli iscritti all'albo, professioni riservate agli iscritti all'albo, contratti riservati agli iscritti all'albo, ecc.Meno male che l'informatica in Italia non esistee quindi sara' solo una guerra di poveri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il solito protezionismo

      Meno male che l'informatica in Italia non
      esiste
      e quindi sara' solo una guerra di poveri.Considerato cio', e il panorama che si delinea in Italia, noi poveri informatici senza ne' arte ne' parte, potremmo emigrare tutti all'estero, e l'Italia dovra' aggiungere al suo problema di skill shortage un debito di ulteriori 25.000 unita' !In fondo, data l'oculatezza delle scelte del nostro governo, sarebbe l'unica possibilita' che ci rimane per fare il lavoro per cui abbiamo studiato.Cristina
      • Anonimo scrive:
        Re: Ia solita rassegnazione
        L'errore finale è rassegnarsi, quando per un serio risanamento della situazione di periti e laureati informatici ci sono sia i sindacati nazionali sia le associazioni di categoria ALSI e AIP. Appoggiamole almeno a parole invece di combatterci fra di noi per la gioia dei liberisti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il solito protezionismo
        Ottima idea!Visto che una legge cancella gli informatici, gli informatici si adeguano e scompaiono!Se ci dimettiamo tutti in massa e costituiamo una societa` in GB o negli USA, freghiamo Microsoft, Oracle e IBM in un colpo solo.Vengo anch'io!- Scritto da: Cristina

        Meno male che l'informatica in Italia non

        esiste

        e quindi sara' solo una guerra di poveri.
        Considerato cio', e il panorama che si
        delinea in Italia, noi poveri informatici
        senza ne' arte ne' parte, potremmo emigrare
        tutti all'estero, e l'Italia dovra'
        aggiungere al suo problema di skill shortage
        un debito di ulteriori 25.000 unita' !
        In fondo, data l'oculatezza delle scelte del
        nostro governo, sarebbe l'unica possibilita'
        che ci rimane per fare il lavoro per cui
        abbiamo studiato.

        Cristina
    • Anonimo scrive:
      Re: Il solito protezionismo
      - Scritto da: EBastaConQuestiIngegneri
      freghi qualcosa di tutte le teorie che avete
      (abbiamo) studiato?Ti abbiamo inquadrato dopo l' "abbiamo".
      Spesso vale più una certificazione MS che
      una laurea, e questo basta per capire la
      situazione...Dovrebbero esserci degli esami pratici, niente lauree o certificazioni del caxxo. Le certificazioni te le fa direttamente il datore di lavoro.
      • Anonimo scrive:
        VERGOGNA: Il solito protezionismo
        Il loro obiettivo e' la vacca supergrassa degli organismi pubblici, gli ordini e' li' che mungono, direttamente (con commesse a prezzo fisso, senza contrattazione come invece per tutti gli altri comuni mortali) o indirettamente (facendo si che lo stato obblighi i cittadini a rivolgersi a loro per poter adempiere ai propri doveri fiscali o normativi)UNA INDECENZA INVERECONDA, INDEGNA DI UN PAESE CHE VOGLIA ANCHE SOLO APPARIRE LONTANAMENTE CIVILE.SONO MEGLIO I FONDAMENTALISTI ISLAMICI DI QUESTA GENTAGLIA, ALMENO HANNO UNA DIGNITA'.
        Dovrebbero esserci degli esami pratici,
        niente lauree o certificazioni del caxxo. Le
        certificazioni te le fa direttamente il
        datore di lavoro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il solito protezionismo
      - Scritto da: EBastaConQuestiIngegneri

      Spesso vale più una certificazione MS che
      una laurea, e questo basta per capire la
      situazione...con la certificazione microsoft mi ci pulisco il culo non bisogna studiare ingegneria per far muoverele finestre.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il solito protezionismo

        con la certificazione microsoft mi ci
        pulisco
        il culo bhe si dice che la carta e bella morbida...
        non bisogna studiare ingegneria per far
        muovere le finestre.eggia...lo dice anche il mio muratore di fiducia...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il solito protezionismo
      Bisogna abolire tutti gli ordini e gli albi!Tra le nazioni importanti, Germania, Inghilterra e USA non li hanno. Guarda caso Italia e Francia li hanno e non hanno nessuna intenzione di toglierli: le due nazioni piu` centraliste d'Europa, quelle piu` burocratizzate e impastate...- Scritto da: stallman
      Dopo l'approvazione di una norma ritagliata
      per
      la casta degli ingegneri zucconi, si
      provvedera'
      a fornire a questi ultimi, come gia' in
      altri casi,
      le armi per taglaire fuori tutti quelli che
      al famoso
      Albo non potranno iscriversi. E quindi:
      perizie e
      altri ammennicoli riservate agli iscritti
      all'albo,
      professioni riservate agli iscritti
      all'albo,
      contratti riservati agli iscritti all'albo,
      ecc.

      Meno male che l'informatica in Italia non
      esiste
      e quindi sara' solo una guerra di poveri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il solito protezionismo
      Se ti sforzi di comprendere anche la sostanza del post che critichi, dovresti convenire che e' stato anche troppo gentile (e forse non ha nemmeno sbagliato di molto: "imparare troppo insegna a non capire", eraclito, che si attaglia perfettamente alla categoria)- Scritto da: EBastaConQuestiIngegneri
      Prima di dare dello zuccone ad un ingegnere
      dovresti pensarci bene...
      Chi si onora di tale titolo si è fatto il
      sedere sui libri quanto gli altri laureati,
      se non di più.
  • Anonimo scrive:
    Non si capisce più nulla!
    Ma nn si sta capendo più nulla.Come si ha il coraggio di fare delle simili proposte???Un ing informatico secondo me (senza offendere nessuno, sia inteso!)ha meno competenze informatiche di un dott. in informatica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non (si) capisce più nulla!
      Probabilmente e` normale per Voi "Informatici" fare delle affermazioni del genere, ma per quello che mi riguarda ho visto tanta gente che e` passata da Ingegneria al corso di Informatica, ottenendo dei risultati migliori in termini di esami sostenuti.Inoltre vorrei ricordare che in media il numero di ore di lezioni per settimana in Ingegneria sono 30, rispetto alla media in Informatica che sono 20.Probabilmente sara` il tempo libero che Vi permette di accrescere la Vostra competenza in merito!!!!Non voglio denigrare il vostro titolo di studio... anzi spero che la questione si risolva nei migliore dei modi,ma per favore andateci piano con alcune affermazioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non (si) capisce più nulla!
        Prima di fare certe informazioni sarebbe bene anche per te informarti.Per tua "curiosità"(ma non sto qui a fare queste solite polemiche da quattrosoldi del tipo "io faccio + ore, tu di meno, io ho + esami, io li facciocosì io colà...ecc!") le ore settimanali sono 33.Non aggiungo altro.E comunque, tengo a precisare che non ho mica detto che la laureain ingegneria informatica sia più facile o difficile.Ultima cosa: perchè hai quotato mettendo tra parentesi (si) capisce + nulla?
  • Anonimo scrive:
    Re: Parzialmente giusto
    - Scritto da: valhalla
    La professionalita' di un ingegnere
    informatico, per come viene formato adesso,
    e' decisamente diversa da quella
    dell'informatico...Mi spieghi dall'alto di quale esperienza dai questi giudizi sulla preparazione di un informatico rispetto ad un ingengere?Giudizi tanto assoluti da giustificare una separazione netta e definitiva nelle professioni?Scusami se il tono e' brusco, ma mi sto stufando di sentire tali assurdita' da parte di chi non sa praticamente nulla di quale sia la preparazione di un informatico.Andrea Polci
  • Anonimo scrive:
    Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
    Non se ne può più!Dopo aver scippato ad altre competenze il lavoro in altri settori (vedi Architettura, Restauro, Chimica...) i signori ingegneri tentano l'ennesimo furto.Non avendo mai preso in mano un libro di "complessità", non sapendo cosa sia "O(f);f definita in termini di ricorrenza" e dopo aver passato esami di analisi con i quiz, senza sapere cosa sia una "dimostrazione per induzione su N" nè altre banali NECESSARIE nozioni di base per qualsiasi *informatico* che si rispetti, se ne escono con pretese assurde e scandalose quale quella di un albo a loro immagine e somiglianza.La mia esortazione è il semplice rinvio ai libri ed alla preparazione.Grido allo scandalo per tutti gli ing. (da elettronici ad edili/meccanici) che di "grammatiche formali" e PLI non hanno mai sentito parlare, ivi includendo alcuni ing. informatici!Solo una parola: "vergona!"
    • Anonimo scrive:
      Re: Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
      Non credo che tu abbia capito niente di quello che si studia ad Ingegneria Informatica, almeno quella di una volta.Il sottoscritto ha studiato tutto quello di cui parli (a Fondamenti di Informatica II).Inoltre se qualcuno ha fatto gli esami di analisi (e fisica, geometria, chimica, ecc ecc) con i quiz, quello sarai tu, perchè ai tempi miei si faceva con esoneri, scritti e quant'altro, con un tasso di superamento del 5-10%.Quindi, prima di scrivare stupidaggini, vatti a informare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
      Ma quante cavolate scrivi!Sono ing. elettronico e corsi di informatica più o meno avanzata li abbiamo fatti anche noi.E visto che siamo in vena di polemiche, i laureati in scienze dell'informazione con cui ho avuto a che fare (colleghi in una grossa software house della zona) non valevano poi tanto quando si trattava di analizzare e programmare, tanto che li hanno messi a fare tutt'altro.Comunque sia, credo che chiunque investe molto tempo della propria vita nello studio meriti di essere riconosciuto professionalmente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
        Sono perfettamente d'accordo con te. Fatevi l'ordine degli informatici.. ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
          Un ing. vero Ma come siete stupidi.Continuate a sostenere la tesi io ho studiato un rigo di più di voi quindi io si all'albo tu no.Ingegneri (solo di nome) ma quando scenderete dal piedistallo vi accorgerete che siete nell'ambito informatico degli incapaci (tranne alcuni), parlate parlate, ma di modellistica cognitiva, ing. del sw in rete, ing. dellla conoscenza dei sistemi esperti, non ne sapete una mazzaaaaaaaaaaaaaa.Caspita ve ne fate di un albo se poi sul campo fate cilecca?Ammetete che per l'ennesima volta la facoltà di ing. sta facendo un furto vero e proprio, come lo ha fato con i chimici.Il problema è che chi sta al governo non capisce una mazza altrimentiiii.Ma come fate a dire che gli informatici non hanno competenze in progettazione?Ma se dal 60 che gli informatici progettano (e gli ing. che adesso vogliono mettere la firma al loro posto dove erano?).Ma se le migliori sw house sono guidate da informatici, ingegneri fate bene i conti o un giorno ve ne pentirete.Un vero ing (che non si vergogna di ammettere il furto che gli ing. compiono agli informatici)
        • Anonimo scrive:
          Re: Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
          - Scritto da: Un ing.

          Sono perfettamente d'accordo con te.

          Fatevi l'ordine degli informatici.. ;)Per favore, abolitevi l'ordine degli ingegneri!
      • Anonimo scrive:
        Re: Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
        - Scritto da: IngTronico
        Ma quante cavolate scrivi!
        Sono ing. elettronico e corsi di informatica
        più o meno avanzata li abbiamo fatti anche
        noi.
        E visto che siamo in vena di polemiche, i
        laureati in scienze dell'informazione con
        cui ho avuto a che fare (colleghi in una
        grossa software house della zona) non
        valevano poi tanto quando si trattava di
        analizzare e programmare, tanto che li hanno
        messi a fare tutt'altro.Ma e' solo un caso, non una regola.La mia esperienza e' invece stata di Ingegneri Informatici non in grado di progettare un semplice protocollo "send & wait" ...Ma sicuramente esistono Ingegneri Informatici capaci, come esistono Dottori in Scienze dell'Informazione / Informatica altrettanto capaci.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
        Sono perfettamente in accordo con i colleghi ing. informatici, che cavolo scrivi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
      Io capisco che abbiamo al governo il piu' grande sparaballe del mondo, ma ormai mi sembra che la moda dilaghi.Ad ingegneria non si fanno dimostrazioni per induzione ? f definita per ricorrenza ? Complessita' ? Grammatiche formali ?Io ho fatto ingegneria elettronica e all'universita' ho trattato tutti gli argomenti di cui parli. Che possiate fare la vostra professione e' un discorso, che ne facciate una stupida guerra di religione e' un altro.Quanto a basi matematiche e esami con i quiz ad ingegneria sarei curioso di vedere dove li hai visti.Sei stato patetico. Hai cercato, come di moda oggi di dibaltare completamente la realta'. Per non parlare poi degli informatici che qui dentro si spacciano per presunti veri ing per avvalorare le loro tesi campate per aria.Se volete una discussione costruttiva e' un discorso, se ribaltate la realta' potete andare a quel paese, perche' chiunque e' entrato in un'universita' conosce la verita'.- Scritto da: Guz
      Non se ne può più!
      Dopo aver scippato ad altre competenze il
      lavoro in altri settori (vedi Architettura,
      Restauro, Chimica...) i signori ingegneri
      tentano l'ennesimo furto.
      Non avendo mai preso in mano un libro di
      "complessità", non sapendo cosa sia "O(f);f
      definita in termini di ricorrenza" e dopo
      aver passato esami di analisi con i quiz,
      senza sapere cosa sia una "dimostrazione per
      induzione su N" nè altre banali NECESSARIE
      nozioni di base per qualsiasi *informatico*
      che si rispetti, se ne escono con pretese
      assurde e scandalose quale quella di un albo
      a loro immagine e somiglianza.
      La mia esortazione è il semplice rinvio ai
      libri ed alla preparazione.
      Grido allo scandalo per tutti gli ing. (da
      elettronici ad edili/meccanici) che di
      "grammatiche formali" e PLI non hanno mai
      sentito parlare, ivi includendo alcuni ing.
      informatici!
      Solo una parola: "vergona!"
    • Anonimo scrive:
      Re: Non chiamatemi Ing.! (vade retro)
      il modo è sbagliato, ma il contenuto di quello che scrivi è giusto. In MEDIA (ripeto: in media) conosco molti ingegneri informatici che escono dall'università e magari sanno tutto sul TCP/IP, ogni singolo bit dei pacchetti, ma non sanno cosa significa ifconfig eth0 down, oppure route add default gw 212.134.11.145Mah!
  • Anonimo scrive:
    Sei disoccupat senza istrusiun un bel curs de vb
    er lavur te lo du mi.
  • Anonimo scrive:
    a chi do del laureato...
    a gente che rispetta i seguenti punti:1) ha studiato con gente in gamba(e gia qua stendiamo un velo pietoso)naturalmente tutti diranno che non sono abbastanza profondo per capire i poveri professori...2) ha fatto seriamente gli esami(ricordate gli inter-scambi culturali e gli esami fatti all'estero riconosciuti ????)per non parlare del fatto che tutti dicono che gli esami sono difficili (umanamente sono d'accordo, technicamente molto di meno...pero il lato umano e decisivo per il voto purtroppo)3) e umile(non se la tira solo perche e laureato)4) gli interessa solo fare nel migliore dei modi il suo lavoro...con questi criteri (ne avrei altri, ma a questo punto non ci sono piu i laureati) QUANTI DI VOI SONO DAVVERO LAUREATI ????un tempo il termine laureato era un termine RISPETTABILISSIMO...ormai...
  • Anonimo scrive:
    Chi assume in base alle lauree è un tonto.
    Mi spiego, cosa è una laurea? Un qualcosa che certifica degli studi che uno fa e delle conoscenze che uno ha aquisito. Esistono però molte università ed è chiaro che alcune formeranno meglio e altre peggio. Ecco che fra 100 Ing. Informatici ce ne saranno 10 laureati in un università da quattro soldi, 80 in un università media ed altri 10 in un università con le palle. Però al datore di lavoro risultano tutti uguali quando li va ad assumere. E non è giusto. Tutto questo per dire che la laurea non ha valore alcuno, cioè, non dovrebbe averne secondo me. Visto che è la ditta che assume dovrà essere la ditta che valuta le conoscenze e l'esperienza, è assurdo basarsi su un foglio di carta fatto da terzi. Ecco che secondo me ogni ditta dovrebbe fare degli "esami" prima di assumere in base a quel che serve sapere in *quell'azienda*, ed ecco che sarebbe tutto più giusto; i possibili futuri assunti sarebbero valutati allo stesso modo e per quello che effettivamente sanno fare in relazione a quel che serve all'azienda. Ecco che uno non verrebbe assunto solo per il foglietto di carta, ecco che un autodidatta potrebbe dimostrare di saperne 100 volte di più del ragazzino ne-laureato. Ecco che chi si è laureato ad una università con le palle potrebbe dimostrare di essere 100 volte migliore del laureato nell'università da quattro soldi. Ecco che lo stipendio sarebbe più alto per chi VALE.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.

      Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.pero se glielo fai notare s'incazza pure...
      fra 100 Ing. Informatici ce ne saranno 10
      laureati in un università da quattro soldi,
      80 in un università media ed altri 10 in un
      università con le palle. Però al datore di
      lavoro risultano tutti uguali quando li va
      ad assumere.dipende dall'universita...
      E non è giusto. c'e qualcosa di giusto nel mondo ????
      conoscenze e l'esperienza, è assurdo basarsi
      su un foglio di carta fatto da terzi.basterebbe fare un'esame pratico...pero pure quelli dell'ufficcio selezione alle 17 cominciano a staccare...
      Ecco che lo stipendio sarebbe
      più alto per chi VALE.il problema e proprio qua...;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.

      secondo me ogni ditta dovrebbe fare
      degli "esami" prima di assumere in base a
      quel che serve sapere in *quell'azienda*In realta' in questo discorso manca un elemento: non tutti scelgono di fare i dipendenti. C'e' chi decide per la libera professione. Chi fa fare "l'esame" a loro ? Come possono certificare la propria competenza ?E i pubblici concorsi ? Gli appalti ?Cristina
      • Anonimo scrive:
        Re: x Cristina
        Il libero professionista ha il curriculum che certifica i lavori fatti ed il livello di clientela servita.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.
        - Scritto da: Cristina
        In realta' in questo discorso manca un
        elemento: non tutti scelgono di fare i
        dipendenti. C'e' chi decide per la libera
        professione.
        Chi fa fare "l'esame" a loro ? Come possono
        certificare la propria competenza ?Non hanno bisogno di esami, se vanno avanti hanno le conoscenze adatte, altrimenti falliscono.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.
          - Scritto da: P.Foro


          - Scritto da: Cristina

          In realta' in questo discorso manca un

          elemento: non tutti scelgono di fare i

          dipendenti. C'e' chi decide per la libera

          professione.

          Chi fa fare "l'esame" a loro ? Come
          possono

          certificare la propria competenza ?

          Non hanno bisogno di esami, se vanno avanti
          hanno le conoscenze adatte,d'accordo ...
          altrimenti falliscono.Questo non è vero ed è completamente sbagliato. Il fallimento, da statistiche riprese da esperienze civilistiche, solo per il 5% è avvenuto per incapacita' del fallito ma per l'80% le cause sono altre. Esempio di fallimenti avvenuti in buona fede: insoluto da un cliente importante oppure dovuto semplicemente dal periodo storico oppure dovuto ad una precoce (o tardiva) proposta sul mercato di prodotti / servizi troppo innovativi per un mercato non ancora maturo oppure, e questo rivolto alle innovazioni, fatto fallire da chi aveva interesse affinchè così sul mercato non veniva invaso da una o piu' soluzioni che avrebbero compromesso, scusate la ripetizione, i suddetti interessi. Esistono chiaramente altre cause, esempio, infedeltà fra soci oppure infedeltà del personale e/o da parte degli stessi professionisti.Scusate ma considerato che in questa sede, credo, scrivono persone di cultura penso che un minimo di precisazione sia dovuta.prof. dott. Giorgio Conte
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.
          - Scritto da: P.Foro


          - Scritto da: Cristina

          In realta' in questo discorso manca un

          elemento: non tutti scelgono di fare i

          dipendenti. C'e' chi decide per la libera

          professione.

          Chi fa fare "l'esame" a loro ? Come
          possono

          certificare la propria competenza ?

          Non hanno bisogno di esami, se vanno avanti
          hanno le conoscenze adatte, altrimenti
          falliscono.non è proprio cosise uno cerca sull'elenco un ingegenere lo trovae si fida perchè ha un titolo che attesta le sue capacità.tutti sanno in italia che per fare l'informatico basta svegliarsi la mattina aprire la partita iva, affibbiarsi il titolo di dottore in informatica e aprire uno studiomi dici chi si fida a chiamarti per farti fare un lavoro se non sa se sei competente o no?? chi garantisce al cliente la tua preparazione??su sta storia dell'albo mi girano ce l'hanno tutti a noi rode di darlo perchè sanno che sennò devono fare un nuovo piano per la disccupazione che aumenterebbe in modo esponenziale
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.
        Quante domande! Per favore, confronta il cv di un laureato in Italia e di uno laureato in Inghilterra che cercano lavoro e poi dimmi se noti delle differenze. Se non le noti, capisco perche' ti poni queste inquietanti domande... e non riesci a darti una risposta.- Scritto da: Cristina

        secondo me ogni ditta dovrebbe fare

        degli "esami" prima di assumere in base a

        quel che serve sapere in *quell'azienda*
        In realta' in questo discorso manca un
        elemento: non tutti scelgono di fare i
        dipendenti. C'e' chi decide per la libera
        professione.
        Chi fa fare "l'esame" a loro ? Come possono
        certificare la propria competenza ?
        E i pubblici concorsi ? Gli appalti ?

        Cristina
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.
      Io sono daccordo con te, e come me credo molti altri.Ma il problema non è tanto quello che penso io o tu o i tanti altri.Il problema è -come- in realtà funzionano le cose.Quali sono le "regole" del mondo.Da li non si scappa. Opinioni, principi, morali...non contano molto ai fini pratici. Le regole sono queste, o giochi pulito o sei escluso.Allora ragioniamo. E' davvero cosi indispensabile avere una laurea?Ingegneria, informatica, sia quello che vuole...fa davvero la dannata differenza?Si o no.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.
        - Scritto da: Marco
        Allora ragioniamo. E' davvero cosi
        indispensabile avere una laurea?
        Ingegneria, informatica, sia quello che
        vuole...fa davvero la dannata differenza?
        Si o no.Sì.E dire dannata è dire poco.Ovviamente ci sono eccezioni e persone particolarmente brillanti che riescono ad emergere pur senza una laurea e laureati che sono un danno per l'umanità, ma queste sono appunto eccezioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.

        o giochi pulito o sei
        escluso.gioco pulito ????hahahahahahahahahahahahahahahahaah;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi assume in base alle lauree è un tonto.
      - Scritto da: P.Foro
      Ecco che
      fra 100 Ing. Informatici ce ne saranno 10
      laureati in un università da quattro soldi,
      80 in un università media ed altri 10 in un
      università con le palle. Però al datore di
      lavoro risultano tutti uguali quando li va
      ad assumere. A quale datore di lavoro ? Forse al cumenda brianzolo o veneto, semianalfabeta e con segretaria ventenne sotto il tavolo.Prova un pò a presentarti con gli stessi voti, ma una laurea della Normale o una di Roccacanniccia da un headhunter anche mediocre, e vedi dove ti manda nel secondo caso...
      Ecco
      che secondo me ogni ditta dovrebbe fare
      degli "esami" prima di assumere in base a
      quel che serve sapere in *quell'azienda*, ed
      ecco che sarebbe tutto più giusto; Tutte le aziende medio-grandi lo fanno. Non per valutare competenze peculiari e specifiche, che spesso sarebbe assurdo ed è compito della formazione interna, ma per valutare a 360° il candidato. Il problema è che in Italia di aziende medio-grandi non ce ne sono: si passa senza soluzione di continuità dal sottoscala al baraccone para-pseudo-ex statale...
  • Anonimo scrive:
    Era Pisa, Bari, Salerno e TRIESTE!!!!
    non scherziamo su una cosa cosi' importante!
    • Anonimo scrive:
      Re: Era Pisa, Bari, Salerno e TRIESTE!!!!
      Ciò, a cossa se riferissi quel che te sta disendo?Go'vardà i 3ds e no capisso.. Ingegneria Informatica? No iera solo el (finto) diploma (nel senso che far un cdl iera meio.. data la qtà dei esami).. :-)Tutta una scusa per salutare Trieste e la facoltà d'Ingegneria..
  • Anonimo scrive:
    Dottore infuriato
    Sono un Dottore ingegnere informatico e mi sconforta sentire altri miei colleghiche parlano male dell'albo.Ho un team di ragazzini che programmano sotto di me ho delle responsabilita' sinceramente essere di punto in bianco un normale informatico come i bambinetti di linux mi da la rabbiaSaluti Dott. SilvaniIngegnere Informatico
    • Anonimo scrive:
      Re: Dottore infuriato
      - Scritto da: Silvani
      Sono un Dottore ingegnere informatico
      e mi sconforta sentire altri miei colleghi
      che parlano male dell'albo.Già uno che parla di albo parte male con me...
      Ho un team di ragazzini che programmano
      sotto di me ho delle responsabilita'
      sinceramente essere di punto in bianco
      un normale informatico come i bambinetti
      di linux mi da la rabbiaQuesto poi... bah che gente.
      Saluti
      Dott. Silvani
      Ingegnere Informaticohaha
      • Anonimo scrive:
        Re: Dottore infuriato
        - Scritto da: aS

        Sono un Dottore ingegnere informatico

        e mi sconforta sentire altri miei colleghi

        che parlano male dell'albo.

        Già uno che parla di albo parte male con
        me...Perche tu come me non ha sudato e non tieni il mio curriculum che mi permette di lavorare in maniera degna di un dottoreinformatico.

        Ho un team di ragazzini che programmano

        sotto di me ho delle responsabilita'

        sinceramente essere di punto in bianco

        un normale informatico come i bambinetti

        di linux mi da la rabbia

        Questo poi... bah che gente.Si e ti diro di piu se qualche programmatore mi fa qualche cosa su linux lo caccio a pedateio ho dei contratti con clienti importanti il mio lavoro di analisi verrebe rovinato completamente su piattaforme non microsoft.

        Saluti

        Dott. Silvani

        Ingegnere Informatico

        hahaCon stimaDoot Silvani Ingegnere Informatico
        • Anonimo scrive:
          Re: Dottore infuriato
          - Scritto da: Silvani
          Perche tu come me non ha sudato e non tieni
          il mio curriculum che mi permette di
          lavorare in maniera degna di un dottore
          informatico.Bravo, continua a ridicolizzarti da solo evidenziando la tua sbruffonaggine agli occhi di tutto il forum, a me non può far altro che piacere.Ciaops: E' possibile avere una sfera di cristallo come la tua che ti ha permesso di arrivare alla brillante deduzione che io non ho "sudato"? Quelli come te fanno solo ridere ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            - Scritto da: aS
            - Scritto da: Silvani

            Perche tu come me non ha sudato e non
            tieni

            il mio curriculum che mi permette di

            lavorare in maniera degna di un dottore

            informatico.

            Bravo, continua a ridicolizzarti da solo
            evidenziando la tua sbruffonaggine agli
            occhi di tutto il forum, a me non può far
            altro che piacere.Non si tratta di sbruffonagine io sono infuriato... non poter certificare i progetti e' veramente troppo per un dottore.Saluti Dott SilvaniIng Informatico
        • Anonimo scrive:
          Re: Dottore infuriato
          - Scritto da: Dario Malchiodi
          Innanzitutto, salve a tutti!

          Consentitemi innanzitutto di analizzare
          (siamo informatici, questo dovremmo
          saper fare) i messaggi scritti dal
          Dottor Ingegner Silvani, salutante
          con stima. Ne riporto alcuni brevi
          stralci a supporto di quanto dico,
          nonché per sottolinearne alcuni
          aspetti (tra l'altro) ilari.Bene vada avanti...

          Dal punto di vista della sintassi
          (tu come me non HA sudato, non TIENI
          il mio curriculum) lascia decisamente
          perplessi. Può essere che la ferrea
          preparazione in ingegneria informatica
          non ritenga professionalizzante
          l'apprendimento e soprattutto l'uso
          della lingua italiana?gia lascio la sintassi alle maestrine comevossignoria...
          Per non parlare poi di un minimo di decenza:
          definire "ragazzini" i propri colleghi, pur
          se
          occupanti un posto di responsabilità
          minore nell'ambito degli organigrammi
          aziendali, è segno di mancanza di
          rispetto per gli altriCerto secondo lei bisogna dare le carezzea questi caproni...ma perpiacere
          prima ancora che
          di professionalità di livello bassissimo.la professionalita in italia e' questa se la trova disdicevole se ne vada in africa...SalutiDott SilvaniIng. Informatico
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            Prendo atto della non-risposta.Le maestrine come me (e creda, ce ne sonotante anche in Africa, e adderittura conpreparazione notevole), evitano i flame.Quindi non risponderò a ulteriori tentativida parte sua di affiancare un carattereall'altro.Ha letto il mio messaggio fino in fondo?Poteva confutarmi dal punto di vista scientifico?Evidentemente no, quindi altro non rimanevache dire: "A' maestrinaaaa".La prossima volta provi con "A' scienziatodell'informazioneeeeeeeee"! I decretisembrano darle ragione. Pensi!Invitando nuovamente tutti (tranne, ovviamente,il dott. ing. silvani) a moderare gli interventie a dirigerli su quelli che veramente sonoi problemi (leggi l'accesso indiscriminato degliingegneri e il blocco a _tutti_ gli altri, ilproblema della valutazione delle competenzesia dei titoli che dell'esperienza, l'effettivovalore di un albo e cosi' via), saluto tutti.Tranne il dott. ing. silvani che guardoun po' schifata alzando il naso. Si sa,noi maestrine siamo fatte così. :-)))Dario Malchiodi
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            - Scritto da: Dario Malchiodi
            Prendo atto della non-risposta.

            Le maestrine come me (e creda, ce ne sono
            tante anche in Africa, e adderittura con
            preparazione notevole), evitano i flame.Io come Dottore in informatica sento di proteggere la nostra casta prima che sia troppo tardi.
            Ha letto il mio messaggio fino in fondo?
            Poteva confutarmi dal punto di vista
            scientifico?
            Evidentemente no, quindi altro non rimaneva
            che dire: "A' maestrinaaaa".Sbaglia non ho tempo di replicare a insinuazioni da parte di qualche scolarettoquale lei sicuramente ne fa parte.le rammento inoltre che la mia delusione e' per via dei pseudo professionisti quali i linux boy che rischiano di far sprofondare l'italia 10 anni indietro.CordialmenteDott Silvani Ing. Informatico
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            - Scritto da: Silvani
            Io come Dottore in informatica sento
            di proteggere la nostra casta prima che
            sia troppo tardi.Io invece mi sento di avvertirla che sta facendo l'ennesima brutta figura agli occhi di chi, a differenza di lei, ha un minimo di umiltà e sopratutto conoscenze.
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            Voglio far notare che Linux viene insegnato all'università.
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            ...
            la mia delusione
            e' per via dei pseudo professionisti quali
            i linux boy che rischiano di far sprofondare
            l'italia 10 anni indietro.Ma cosa ne sa lei?E' stato unto dal Signore per fare un affermazionedel genere?Io non so se sono degno di parlare con Lei,visto che non ho neanche la laurea, ma una cosaè sicura:la mente di parecchi "linux boy" è molto piùelastica della sua, e se non sono al suo livelloè solo per questioni di fortune finanziarie.L' Italia non va avanti perchè chi comanda nonvuole il progresso, ma solo il mantenimento delleproprie prerogative e del proprio potere.E tutta questa storia ne è la dimostrazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            - Scritto da: Dario Malchiodi
            Ha letto il mio messaggio fino in fondo?Ma se non sa neanche scrivere 2 righe come pretendi che ne legga 200?
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            - Scritto da: aS


            - Scritto da: Dario Malchiodi

            Ha letto il mio messaggio fino in fondo?

            Ma se non sa neanche scrivere 2 righe come
            pretendi che ne legga 200?Di la verita il Dott Silvani ti ha fatto girare le scatole :) dai su su stavo facendo il troll giusto per animare un po il dibattito ciao Ing Silvani (the troll )
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            Stimatissimo ing. Silvani(forse fratello della ancor più stimatasignorina Silvani, famosa Segretaria-Vampdella fantozziana saga),in verità no, anzi spero di aver mantenutoun sobrio (seppur sagace) self-control.quello che, più che darmi sui nervi, mideprime (a parte i troll ovviamente :-) )è che a seguito di reiterate richiestedi cercare di capire quelli che veramentesiano i "punti caldi" del problemasi è ottenuto solamente l'allungamentodel flame.Che dimostrerà mai questo?Saluti a tutti (troll compresi). Me ne tornoa studiare che lunedì ho un concorso. Gliesami non finiscono mai, nemmeno per i laureatiin scienze dell'Informazione :-)Dario Malchiodi- Scritto da: Silvani
            Di la verita il Dott Silvani ti ha fatto
            girare le scatole :)
            dai su su stavo facendo il troll giusto
            per animare un po il dibattito
            ciao
            Ing Silvani (the troll )
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            Continui a ridicolizzarti ....
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            - Scritto da: aS
            Continui a ridicolizzarti .... hahah certo che e' proprio vero mai un minimo di ironia io mi ridicolizzo e tu stai facendo la figura dello sborone .....Ciao As(stronzo)hahahhahha
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            - Scritto da: aS
            Continui a ridicolizzarti .... hahah certo che e' proprio vero maiun minimo di ironiaio mi ridicolizzo e tu stai facendo la figura dello sborone .....Ciao As tronzhahahhahha
          • Anonimo scrive:
            Re: Dottore infuriato
            - Scritto da: Silvani
            - Scritto da: aS

            Continui a ridicolizzarti ....
            hahah certo che e' proprio vero mai
            un minimo di ironia
            io mi ridicolizzo e tu stai facendo la
            figura dello sborone .....
            Ciao As tronz
            hahahhahhaPatetico.ps: Ayrton Senna
    • Anonimo scrive:
      Re: Dottore infuriato
      - Scritto da: Silvani
      Sono un Dottore ingegnere informatico
      e mi sconforta sentire altri miei colleghi
      che parlano male dell'albo.
      Ho un team di ragazzini che programmano
      sotto di me ho delle responsabilita'
      sinceramente essere di punto in bianco
      un normale informatico come i bambinetti
      di linux mi da la rabbiaNon so chi Lei considera "bambinetti di linux"; spero non i dottori in Scienze dell'Informazione e Informatica. Sono laureata in Scienze dell'Informazione da 8 anni, e tale e' la mia esperienza di lavoro. Svolgo presso l'EDP di un'importante banca italiana il ruolo di analista-progettista e coordino un gruppo di manutenzione evolutiva e correttiva su un progetto di internet banking. Il gruppo di manutenzione e' composto di programmatori junior e senior, di cui diplomati e laureati (per altro ingegneri di vario tipo). Come sottolineato da altri interventi, e' importante anche l'esperienza, non solo il titolo di studio. Anche se non sono ingegnere informatico, ritengo di possedere le qualita' (e queste non si imparano sui libri di scuola) per coordinare un gruppo di progetto. Per quanto riguarda le capacita' tecniche, essendo diplomata perito informatico e laureata in Scienze dell'Informazione, non penso di essere comunque meno qualificata dei miei colleghi ingegneri: mi occupo di informatica da 16 anni, meta' della mia vita !Cordialmente,Cristina Tomacelli
    • Anonimo scrive:
      Re: Dottore infuriato
      Secondo me ti mancano le basi del ragionamento logico per scrivere quello che scrivi.Comincio a pensare che sugli ingegneri qualcuno abbia ragione...Il team di ragazzini sotto di te in che posizione e'?- Scritto da: Silvani
      Sono un Dottore ingegnere informatico
      e mi sconforta sentire altri miei colleghi
      che parlano male dell'albo.
      Ho un team di ragazzini che programmano
      sotto di me ho delle responsabilita'
      sinceramente essere di punto in bianco
      un normale informatico come i bambinetti
      di linux mi da la rabbia
      Saluti
      Dott. Silvani
      Ingegnere Informatico
  • Anonimo scrive:
    L'informatica
    Mi permetto di ricordare a tutti che l'informatica non e' una scienza, ne' un'arte, bensi' un insieme di esperienze, regole e convenzioni pseudotecnologiche imposte costantemente dal corrente mercato. Quest'ultimo e' in grado di cambiare tutto o quasi nel giro di meno di un anno di corso di laurea; figuriamoci se ha senso uno standard "legale" della professione.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'informatica
      - Scritto da: dfarci
      Mi permetto di ricordare a tutti che
      l'informatica non e' una scienza, ne'
      un'arte, bensi' un insieme di esperienze,
      regole e convenzioni pseudotecnologiche
      imposte costantemente dal corrente mercato.
      Quest'ultimo e' in grado di cambiare tutto o
      quasi nel giro di meno di un anno di corso
      di laurea; figuriamoci se ha senso uno
      standard "legale" della professione.Ma sei proprio sicuro di quello che dici?A me risulta, invece, che di scienza nell'informatica ce ne sia molta.Ovviamente chi non ha studiato Scienze dell'Informazione/Informatica di questo non puo' esserne al corrente visto che ignora la profondita', l'importanza e l'attualita' di molti risultati teorici che pur essendo stati ottenuti decine di anni fa sono alla base di tutte le moderne tecnologie, internet in primis.Se oggi vi scaricate gli MP3 con Kazaa e ieri con Napster e' anche grazie a qualche genio tipo Dijkstra, Kruskal, Knuth...Quanti self-made man scriverebbero dei buoni programmi senza queste conoscenze?Se poi per voi l'informatica e' conoscere solamente l'ultima tecnologia di grido (che spesso e' una banale ridenominazione di qualcosa di visto e rivisto),il linguaggio X o saper usare Word, allora possiamo buttare nel cestino (per non dire qualcos'altro) tutti i nostri anni passati a studiare.Ma, ovviamente, non e' cosi'. Per fortuna.Fabio.Dottore in Informatica
    • Anonimo scrive:
      Re: L'informatica
      Veramente fino a prima della laurea breve, almeno a Pisa l'informatica era considerata una scienza. Forse lo sanno in pochi fra quelli che progettano siti web, ma il pane lo da anche una dimostrazione di correttezza, non solo un sito in flash.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'informatica
      - Scritto da: dfarci
      Mi permetto di ricordare a tutti che
      l'informatica non e' una scienza, ne'
      un'arte, bensi' un insieme di esperienze,
      regole e convenzioni pseudotecnologiche
      imposte costantemente dal corrente mercato.
      Quest'ultimo e' in grado di cambiare tutto o
      quasi nel giro di meno di un anno di corso
      di laurea; figuriamoci se ha senso uno
      standard "legale" della professione.Eh? Permettemi "l'arroganza", ma ti posso assicurare che stai sbagliando. L'Informatica e' una scienza che e' nata addirittura prima della invenzione del transistor e dei primi elaboratori elettronici !!!Non a caso esiste un ramo dell'Informatica che cura la decidibilita' o semi-decibilita' dei problemi. Un altro ramo analizza i "linguaggi".Senza tutti gli studi effettuati,ora non esisterebbero metodi ben conosciuti ad esempio per realizzare parser di linguaggio o compilatori peril C/C++, Visual Basic o altro ;-)))Potrei continuare...L'informatica non e' solo Word, Excel o Delphi! ;-)Bye
  • Anonimo scrive:
    Re: Parzialmente giusto
    Fammi capire, io sono dott. in Scienze dell'Informazione, vuoi dire che il mio lavoro dovrà sempre essere subordinato a quello di un ingegnere che necessariamente avrà uno stipendio migliore del mio, qualunque cosa io faccia e si beccherà anche tutti i meriti (per i demeriti, si sa, c'è lo scaricabarile...)?- Scritto da: valhalla
    La professionalita' di un ingegnere
    informatico, per come viene formato adesso,
    e' decisamente diversa da quella
    dell'informatico: quest'ultimo e' preparato
    per svolgere la parte piu' "creativa" del
    lavoro, per trovare effettivamente le
    soluzioni necessarie e per realizzarle;
    l'ingegnere al contrario non ha abbastanza
    creativita' e fantasia per trovare nuove
    soluzioni, pero' ha tutte le competenze
    necessarie per le fasi di progettazione e
    coordinamento del lavoro, delle quali non
    sempre gli informatici sono dotati.

    Per questo e' giustissimo che, volendo fare
    un ordine degli ingegneri informatici,
    questo sia aperto solo ai laureati di
    ingegneria e non a quelli di altre facolta'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Parzialmente giusto
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Fammi capire, io sono dott. in Scienze
      dell'Informazione, vuoi dire che il mio
      lavoro dovrà sempre essere subordinato a
      quello di un ingegnere che necessariamentedipende dal tipo di lavoro: se il lavoro in questione comprende la progettazione di un nuovo sistema la risposta e' decisamente si, se il lavoro comprende la semplice personalizzazione di piccole parti di un sistema gia' esistente la risposta e' no, per cio' che sta in mezzo dipende dai casi...
      avrà uno stipendio migliore del mio,visto lo stato dei corsi di ingegneria informatica e di informatica negli ultimi 5/6 anni prima della riforma direi che e' giustissimo, visto che informatica diventata molto piu' semplice di ingegneria, al punto da raccogliere frequentemente molte persone che non riuscivano a dare esami al politecnico.Non so come sia messo il nuovo ordinamento, ma mi risulta che abbiano solo reso le cose piu' semplici in entrambi i casi...Per quello che riguarda Scienze della Comunicazione, che mi risulta corso di laurea piu' impegnativo dell'attuali informatica, in molti casi potrebbe rientrare nelle eccezioni temporanee di cui parlavo...
      qualunque cosa io faccia e si beccherà anche
      tutti i meriti (per i demeriti, si sa, c'è
      lo scaricabarile...)?chi firma un progetto se ne assume la responsabilita', anche legale, sia per meriti che per demeriti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Parzialmente giusto
        Praticamente le briciole, grazie, ma credo che il vostro sia solo un complesso di superiorità, volete che la vostra posizione sia garantita sulla carta evitando accuratamente il confronto con gli altri.Io non sputo sulla facoltà di ingegneria, anzi la rispetto ma mi sembra che tu non abbia la più pallida idea di quello che sa fare un informatico.Mi sento veramente offeso dalla tua supponenza, mi scuso con la Razza Superiore degli ingegneri, se esiste il mio corso di laurea, se ci permettiamo di dire la nostra, se pretendiamo di raggiungere il livello di carriera che meritiamo secondo le nostre capacità e magari di passare davanti ad un ingegnere.- Scritto da: valhalla
        - Scritto da: Ingenuo 2001

        Fammi capire, io sono dott. in Scienze

        dell'Informazione, vuoi dire che il mio

        lavoro dovrà sempre essere subordinato a

        quello di un ingegnere che necessariamente

        dipende dal tipo di lavoro: se il lavoro in
        questione comprende la progettazione di un
        nuovo sistema la risposta e' decisamente si,
        se il lavoro comprende la semplice
        personalizzazione di piccole parti di un
        sistema gia' esistente la risposta e' no,
        per cio' che sta in mezzo dipende dai
        casi...
        • Anonimo scrive:
          Re: Parzialmente giusto
          - Scritto da: Ingenuo 2001
          Praticamente le briciole, grazie, ma credo
          che il vostro sia solo un complesso di
          superiorità, volete che la vostra posizione
          sia garantita sulla carta evitando
          accuratamente il confronto con gli altri.
          Io non sputo sulla facoltà di ingegneria,
          anzi la rispetto ma mi sembra che tu non
          abbia la più pallida idea di quello che sa
          fare un informatico.
          Mi sento veramente offeso dalla tua
          supponenza, mi scuso con la Razza Superiore
          degli ingegneri, se esiste il mio corso di
          laurea, se ci permettiamo di dire la nostra,
          se pretendiamo di raggiungere il livello di
          carriera che meritiamo secondo le nostre
          capacità e magari di passare davanti ad un
          ingegnere.


          - Scritto da: valhalla

          - Scritto da: Ingenuo 2001


          Fammi capire, io sono dott. in Scienze


          dell'Informazione, vuoi dire che il mio


          lavoro dovrà sempre essere subordinato
          a


          quello di un ingegnere che
          necessariamente



          dipende dal tipo di lavoro: se il lavoro
          in

          questione comprende la progettazione di un

          nuovo sistema la risposta e' decisamente
          si,

          se il lavoro comprende la semplice

          personalizzazione di piccole parti di un

          sistema gia' esistente la risposta e' no,

          per cio' che sta in mezzo dipende dai

          casi...

          Ma che cosa stai dicendo? Ma sai di che parli? Ma tu sei davvero convinto che ci sia differenza tra la preparazione fornita da scienze dell'informazione e quella di informatica? Siccome non lo sai leggi l'articolo e vedrai che ti dice che è lo stesso corso, ma più lungo. E con un paio di esami che prima non si facevano.Comunque gli ingegneri hanno una preparazione specifica 3 spanne inferiori alla nostra, sicuramente sanno parecchio di più per quanto riguarda la parte scientifica, ma sia sulla progettazione (che a differenza di quanto si pensa noi facciamo in modo più che completo!) che la programmazione siamo più preparati degli ingegneri. E sono sicuro di quello che dico visto che ho fatto sia l'una che l'altra. E sono passato ad informatica perchè ad ingegneria ti massacravano sulla matematica, mentre avevo passato tutti gli esami di informatica.Noi non siamo programmatori, per fare quello basta un corso di sei mesi. Christian
          • Anonimo scrive:
            Re: Parzialmente giusto
            Già, io sono d'accordo con te, è che non sopporto la saccenza e la supponenza di questi ingegnerucoli che scrivono in questo forum!!Come avrai capito anche io sono uno scienziato informatico, lavoro con colleghi ingegneri, ci rispettiamo e scambiamo le nostre conoscenze.Questi stessi ingegneri, vista la possibilità di iscriversi ad (un altro) albo, si informano su quale sia la sede in cui sia più facile passare l'esame di stato (tutto ciò rassicurerà chi si troverà a pagare per progetti certificati da questi "ingegneri").E poi mi fanno ridere quelli che credono sia un merito aver passato esami con professori che "ti bocciano se hanno la luna storta". Io ho avuto professori che mi hanno ben spremuto ma mai si sono sognati di negare il reale livello di preparazione del candidato.Magari ad ingegneria si fa anche il percorso di guerra per giungere nelle aule dove si danno gli esami... :-)
            Ma che cosa stai dicendo? Ma sai di che
            parli? Ma tu sei davvero convinto che ci sia
            differenza tra la preparazione fornita da
            scienze dell'informazione e quella di
            informatica?
            Siccome non lo sai leggi l'articolo e vedrai
            che ti dice che è lo stesso corso, ma più
            lungo. E con un paio di esami che prima non
            si facevano.

            Comunque gli ingegneri hanno una
            preparazione specifica 3 spanne inferiori
            alla nostra, sicuramente sanno parecchio di
            più per quanto riguarda la parte
            scientifica, ma sia sulla progettazione (che
            a differenza di quanto si pensa noi facciamo
            in modo più che completo!) che la
            programmazione siamo più preparati degli
            ingegneri. E sono sicuro di quello che dico
            visto che ho fatto sia l'una che l'altra. E
            sono passato ad informatica perchè ad
            ingegneria ti massacravano sulla matematica,
            mentre avevo passato tutti gli esami di
            informatica.

            Noi non siamo programmatori, per fare quello
            basta un corso di sei mesi.
            Christian
          • Anonimo scrive:
            Re: Parzialmente giusto

            E sono passato ad informatica perchè ad
            ingegneria ti massacravano sulla matematica, secondo me non dipende tanto dai corsi in generale ma piu' probabilmente dalla particolare universita' e dai proff di ing che erano piu' esigenti di quelli di inf..
          • Anonimo scrive:
            Re: Parzialmente giusto
            Più che altro tu sei un ing travestito.
        • Anonimo scrive:
          Re: Parzialmente giusto
          - Scritto da: Ingenuo 2001
          Praticamente le briciole, grazie, ma credo
          che il vostro sia solo un complesso di
          superiorità, [...]per la verita' non faccio ne' informatica ne' ingegneria informatica, ho solo avuto modo di conoscere abbastanza bene iscritti ad entrambi i corsi di laurea e di seguire alcune lezioni da entrambe le parti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Parzialmente giusto
        - Scritto da: valhalla
        Per quello che riguarda Scienze della
        Comunicazione, che mi risulta corso di
        laurea piu' impegnativo dell'attuali
        informatica, in molti casi potrebbe
        rientrare nelle eccezioni temporanee di cui
        parlavo...
        Scienze della Comunicazione? Cosa c'entra con Informatica? Forse hai un po' le idee confuse... Informati, leggiti i piani di studio e poi scrivi. E' stupefacente come gente così terribilmente disinformata abbia la presunzione di dire la sua. Comunque, ovviamente, data la tua ignoranza sulla questione, tutto ciò che hai scritto nel tuo post perde ogni minima credibilità.
        • Anonimo scrive:
          Re: Parzialmente giusto
          - Scritto da: Un dott.informatico
          - Scritto da: valhalla

          Per quello che riguarda Scienze della

          Comunicazione, [...]
          Scienze della Comunicazione? Cosa c'entra
          con Informatica? [...]nulla... ho scritto Comunicazione al posto di Informazione: intendevo il vecchio corso di laurea che e' stato sostituito da Informaticasorry
      • Anonimo scrive:
        Re: Parzialmente giusto
        mi piacerebbe sapere come fai a dare una valutazione degli altri corsi..se anche le progettazioni le fai cosi, a naso, non so..Quanto a scienze della comunicazione mi sembra(chiedo scusa se sbaglio) che non fornisca certo le competenze del corso di laurea SDI informatica.Quanto al fatto che i corsi citati siano il ripiego per studenti incapaci di finire ing mi sembra una balla belle buona che si raccontano gli ing, chi non ce la fa a ing in generale(salvo casi che dipendono dalla universita'in questione) non ce la fa neanche a SDI.Per quel che mi riguarda potrei dire il contrario.In ambito informatico uno studente di SDI informatica non ha nulla da invidiare a un ing..poi raccontati quel che ti pare se ti puo' far piacere illuderti..
      • Anonimo scrive:
        Re: Parzialmente giusto
        - Scritto da: valhalla
        - Scritto da: Ingenuo 2001

        Fammi capire, io sono dott. in Scienze

        dell'Informazione, vuoi dire che il mio

        lavoro dovrà sempre essere subordinato a

        quello di un ingegnere che necessariamente

        dipende dal tipo di lavoro: se il lavoro in
        questione comprende la progettazione di un
        nuovo sistema la risposta e' decisamente si,Eh? Scherziamo, vero?Pensa un po'... Io da semplice Perito (ma laureando in Scienze dell'Informazione) ho analizzato, progettato e seguito il gruppo di sviluppo software (periti e dottori/ingegneri), sia dal punto di vista implementativo che organizzativo!Ma guarda?! Non ero capace! ;-)
        se il lavoro comprende la semplice
        personalizzazione di piccole parti di un
        sistema gia' esistente la risposta e' no,Sistema informatico di una grande azienda metalmeccanica... E' abbastanza piccolo?
        per cio' che sta in mezzo dipende dai
        casi...


        avrà uno stipendio migliore del mio,

        visto lo stato dei corsi di ingegneria
        informatica e di informatica negli ultimi
        5/6 anni prima della riforma direi che e'
        giustissimo, visto che informatica diventata
        molto piu' semplice di ingegneria, al puntoEh... Non proprio: ti assicuro che molte persone a Scienze dell'Informazione / Informatica si laureano a 27-28 anni. Tutti stupidi?
  • Anonimo scrive:
    Siete sicuri di capire qual'è il vero problema??
    Il vero problema è nell'albo stesso e nel sistema protetto degli ordini che almeno in Italia (in Europa non lo so) non funziona affatto e serve quasi esclusivamente a mantenere non si sa bene chi (o forse si sa). Ma vi sembra normale che un laureato per mettere in pratica ciò per cui ha studiato deve appartenere ad una casta che gli spilla ogni anno dei soldi. E per cosa? Credete ancora alla favola che chi si rivolge ad un soggetto iscritto ad un albo è più sicuro della professionalità dello stesso? Non siamo più nel medioevo svegliamoci! Ma voi lo fareste costruire un ponte da un informatico? Io no, io mi rivolgerei a chi ha una sicura esperienza e non vale certo l'uguaglianza (iscrizione ad un ordine) = (sicura esperienza)...
  • Anonimo scrive:
    Non serve a nulla
    Come altri hanno giustamente evidenziato, l'Ordine professionale di per se' e' una istituzione tutta italiana, che poco ha a che vedere con le reali tutele ai professionisti.Per fortuna non ho esperienze dirette (essendo assolutamente non interessato ad appartenere ad ordine degli Informatici), ma posso testimoniare la assoluta mancanza di tutele da parte dell'Ordine degli Architetti verso miei amici e parenti (architetti).C'e' ben poco oltre al balzello annuale per essere iscritti e tutelati, al timbro da apporre ai disegni e al listino prezzi fornito da Loro(peraltro inapplicabile).Quando veramente serviva la tutela corporativa (ad esempio perche' qualche altro appartenente all'ordine copiava spudoratamente progetti), tutto si e' impantanato nel tipico pastone burocratico italiota.Noi informatici (e lo dico con sincerita' a ing., dott., periti, liceali e nullatenenti) misuriamoci piuttosto sulle vere conoscenze e sull'esperienza. In Italia l'Universita' e' una palestra concettuale e metodologica, ma e' lontana anni luce dai luoghi di lavoro.Non sono sicuro che un ing. informatico fresco di laurea e neo iscritto all'albo, sia in grado di preparare un disaster recovery plan, o di dimensionare correttamente un cluster high availability per una migrazione di SAP.Non ho il "timbro" ma non mi sento in pericolo. Anzi...cordialmente
    • Anonimo scrive:
      Re: Non serve a nulla
      Pero' quando un progetto di Recovery Plan dovra' essere per legge firmato da un iscritto all'albo, allora dvremo pagare un ingegnere per porre la firma in calce al nostro progetto!
  • Anonimo scrive:
    scusate ma ame sembra un eresia
    Salve,Premetto che sono un diplomato e non un laureato ho 24 anni ed è da 4 anni che esercito la professione di informatico come libero professionista,Attualmente progetto reti, software e servizi di automazione delle procedure, faccio anche un pò di analisi funzionale.Da quello che ho capito dall'articolo, vorrebbe dire che io non posso più progettare una rete IT perchè non ho un pezzo di carta? o perchè da qualche parte non c'è scritto che io posso farlo?Scusate ma volete dire che se io voglio continuare a fare l'informatico devo perforza abbandonare i miei clienti e mettermi a studiare a 24 anni e prendere la Laure appropriata?Scusate ma mi sembra l'ennesima legge all'italiana che serve solo a creare una "baronia" di persone elette (in maniera dubbia), in cui non si può entrare se non sei almeno un VIP.Se questo è il futuro che lo stato prevede per la mia professione, bhe.... io mi vergogno di fare l'informaticoConcludo dicendo che rispetto i laureati e gli ingegneri, ma ricordo a quest'ultimi che non tutti hanno le possibilità finanziarie per affrontare l'università e quindi trovo equo che trovino analga(se non superiore) formazione nel mondo del lavoro.Spero di non aver offeso nessuno, vi saluto.CIAO, CIAO
  • Anonimo scrive:
    ALTRO CHE - CHI SE NE FREGA
    NON BASTA AVERE LE PALLE E LA LAUREA PER POTER FARE IL PROFESSIONISTA INFORMATICO, SE LA LEGGE PONE DEI VETI. TI PRECLUDE LA POSSIBILITA' DI PARTECIPARE A DEI CONCORSI PER LA PROFESSIONE D'INFORMATICO - GLI ENTI PUBBLICI NON TI POSSONO AFFIDARE LAVORI DI CONSULENZA INFORMATICA - NON HAI LA POSSIBILITA' DI PARTECIPARE A CONCORSI PER SALIRE DI LIVELLO.ALTRO CHE - CHI SE NE FREGA
  • Anonimo scrive:
    E' coerente con le altre professioni
    Salvepartiamo del presupposto che gli ordini professionali come sono in italia sono una buffonata (nel resto del mondo non esiste così come in italia).Però visto che in Italia esistono mi pare che questo decreto sia in linea con il resto.Per firmare il progetto di una casa devi essere Ing Edile (ed essere iscritto all'Albo), per firmare un progetto di un processo chimico o di un impianto chimico devi essere Ing Chimico (i Dott in CTF - chimica e tecnologie farmaceutiche - non lo possono fare).Il fatto che i Dott in informatica non sono Ing, e quindi non possono iscriversi all'Albo degli Ing Informatici per ovvie ragioni.Non ha senso che un Informatico voglia iscriversi all'Albo degli Ing Inf, piuttosto dovrebbero fare un Albo dei Dott Informatici che abbia gli stessi diritti (e doveri) degli Ing Inf.Saluti
  • Anonimo scrive:
    ... MA !
    http://www.alsi.it/ordini_2002/se_non_si_conosce_la_storia.htme' identico sputato sputato!
    • Anonimo scrive:
      Re: ... MA !
      Confermo.Giuseppe Sorce=====
      ALSIPalermo- Scritto da: gix
      http://www.alsi.it/ordini_2002/se_non_si_cono

      e' identico sputato sputato!
  • Anonimo scrive:
    Re: un male ????
    - Scritto da: blah
    no, se fatti bene...

    si solo se fatti come vengono fatti
    normalmente gli esami in una qualsiasi
    universita...ROFTL ROFTL(te lo dice uno che ha insegnato e fatto sostenere esami - come co.co.co., perche' anche in quel mondo c'e' giustizia - in diverse universita' italiane)
    • Anonimo scrive:
      Re: un male ????

      ROFTL ROFTL
      (te lo dice uno che ha insegnato e fatto
      sostenere esami - come co.co.co., perche'
      anche in quel mondo c'e' giustizia - in
      diverse universita' italiane)mah...;-)ho visto troppi trenta e lode...
  • Anonimo scrive:
    ma chi se ne frega ...
    ma chi se ne frega dell'impossibilita' di iscriversi ad un ordine. Se hai le palle riesci ad andare avanti comunque in questo campo.Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma chi se ne frega ...
      beh, se questo ti impedisce di metterti in proprio oppure ti obbliga a sgobbare "sul campo"e poi pagare un neo-ingeniere (iscritto) che ti firmi i progetti, come succede nell'ediliziasi la coma mi frega assaianche perchè sono laureato in SdI da 13 anni, lavoro da sempre nel settore e questo ultimo caso sinceramente mi fa veramente incavolare
      • Anonimo scrive:
        Re: ma chi se ne frega ...
        Caro collega,sono sicuro che saresti ancora piu' incavolato dopo essere stato accettato nell'Ordine per i seguenti motivi:- dovresti pagare una quota annuale (ordine di grandezza: centiaia di euro). In cambio riceveresti:- un bel "timbro" con il tuo numero di iscrizione all'Albo da apporre sui tuoi "progetti"- un bel listino delle tariffe (inapplicabile)- una metaforica pacca sulla spalla (del tipo "benvenuto tra noi")- tutela legale in caso di contenziosi (comunque gli informatici hanno altre "armi" per farsi pagare, dal momento che il nostro lavoro e' quasi sempre di rapporto "continuativo" con i clienti).Null'altro. Considera che prima o poi gli Ordini professionali (fantastica invenzione italiana) dovranno sparire. Sparire insieme alle decine di enti inutili.cordialmente
  • Anonimo scrive:
    e' semplicemente assurdo
    un ingegnere meccanico si puo' iscrivere all'albo degli ing. informatici e un dottore in scienze dell'informazione NO.ma chi li firma questi decreti? chi li scrive? ma non si rendono conto?di sicuro un ingegnere (quindi di parte) oppure una persona non del campo, alla quale hanno affidato delle scartoffie, che prima si toglie davanti e meglio e' per lui.E' normale che l'italia sia nello stato in cui e', nulla da meravigliarsi.siamo europei giusto? in quale altro stato dell'europa esistono gli albi?
  • Anonimo scrive:
    Le ingiurie agli informatici durano da 10 anni
    La questione albo informatico pare essere ormai all'ordine del giorno. Per la verità, ciò che è all'ordine del giorno è il totale disimpegno delle Istituzioni dai doveri nei confronti dei laureati in scienze dell'informazione e dei laureati in informatica vecchio ordinamento. Ed è per questo motivo che sottopongo la presente lettera, con l'auspicio di una sua pubblicazione.L'esclusione dei laureati in scienze dell'informazione e dei laureati in informatica vecchio ordinamento dal nuovo ordine informatico (ingegneria dell'informazione) e' destinato a sconquassare gli esili equilibri su cui la categoria era finora rimasta sopita.Saranno percorse tutte le vie possibili per portare alla luce, il tentato colpo di mano sul mondo professionale dell'IT, in tutto il paese e se necessario oltreconfine in tutta Europa.Che figura ci farà il Bel Paese quando in Europa gireranno le barzellette sui professionisti IT italiani: per la maggior parte ingegneri (oltre 100.000 tra civili e meccanici) che non hanno avuto alcuna formazione informatica, che da sempre hanno costruito ponti, strade e grattacieli, ma mai hanno progettato un sistema informativo; ma che soprattutto, sono diventati professionisti IT mettendo semplicemente una crocetta su un modulo di richiesta, senza dover passare nessuna prova di competenze specifiche informatiche.I 25.000 (venticinque mila) laureati informatici ma anche i 20.000 (ventimila) attuali studenti informatici ai quali non è stata ancora data nessuna informazione istituzionale sono usciti dal torpore di questi ultimi dieci anni di vessazioni (concorsi informatici rifiutati per mancanza di albo informatico, limitazioni nell'insegnamento, ecc.): o si riconsegna immediatamente la dignità professionale agli informatici e si chiede scusa per il maltrattamento morale arrecato o l'informatica italiana rischia di venire sommersa dalla lava crepitante di un vulcano inesorabilmente arrabbiato.Sono state avviate tutte le forme di protesta possibili: - raccolta di firme da inviare al M.I.U.R. e alle Universita', diretti responsabili dell'ancora disattesa corrispondenza fra le vecchie lauree 'scienza dell'informazione' e 'informatica' con la nuova laurea 'classe 23/S informatica';- ricorsi in numerose sedi per l'esclusione dall'esame di stato per l'abilitazione alla professione di ingegnere dell'informazione;- intensificazione delle pubblicazioni su mass-media, riviste, quotidiani, ecc;- interessamento degli Organi e Istituzioni Europee.La sezione dell'informazione si prefigge a tutti gli effetti come un nuovo ordine introdotto ad arte dal DPR 328/2001. Riguarda attività professionali proprie degli informatici. E' stato raggiunto il limite della tolleranza e ora l'auspicio è che la soluzione giunga immediata:- l'ingresso alla sezione dell'informazione per l'informatica deve comprendere anche gli informatici;- l'ingresso alla sezione dell'informazione non può avvenire senza tenere conto della formazione specifica: laurea in scienze dell'informazione, laurea in informatica o laurea in ingegneria dell'informazione;- l'ingresso alla sezione dell'informazione non può avvenire senza richiedere una molto approfondita prova di conoscenze e competenze specifiche dell'informatica a chi ha ricevuto una formazione universitaria diversa da quelle specifiche per l'informatica.Tutto questo è quanto di piu' sufficiente e anche necessario per poter parlare di soluzione adeguata all'inquadramento professionale informatico!Distinti salutiAdriano LiberaleVia Zorutti 2234070 Dolegna del Collio (GO)Tel./Fax 0481.639899Email: adriano.liberale@tin.it**1995-2000 Segretario, ALSI (Associazione nazionale Laureati in Scienzedell'informazione e Informatica, Udine, www.alsi.it)1997-2001 Presidente Commissione Attività Europee, ALSI1998-2001 Onorary Secretary, CEPIS (Council of European POrofessionalInformatics Societies, Frankfurth, www.cepis.org)1999-2000 Board Director, ECDL-F (European Computer Driving LicenseFoundation, Dublin, www.ecdl.com)
    • Anonimo scrive:
      Re: Le ingiurie agli informatici durano da 10 anni
      Io sono un tesista e ringrazio di cuore l'associazione ALSI che combatte al nostro fianco.GRAZIE DI CUORE
  • Anonimo scrive:
    Non capisco
    Fondare un ordine di questo genere, cosa significa nello specifico?Mi spiego meglio, non sono chiaramente laureato, ma vorrei capire, per chi possiede un semplice diploma di perito informatico, cosa significhi in termini di limitazioni di operatività.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non capisco
      Pieta`!Non dedicate tempo al progetto di costituire un ulteriore casta/ordine/albo.Spendetevi per abolire tutti gli ordini!- Scritto da: Keper
      Fondare un ordine di questo genere, cosa
      significa nello specifico?
      Mi spiego meglio, non sono chiaramente
      laureato, ma vorrei capire, per chi possiede
      un semplice diploma di perito informatico,
      cosa significhi in termini di limitazioni di
      operatività.
  • Anonimo scrive:
    Gli ordini professionali sono una buffonata
    Gli ordini professionali in italia, per come sono concepiti e per come vengono gestiti, non servono a nulla. Non tutelano i professionisti onesti e capaci, che si trovano ad essere mescolati ed equiparati ad incompetenti assoluti il cui unico merito è di essere venuti in possesso in qualche modo del fatidico pezzo di carta. Non tutelano neppure, per i medesimi motivi, i fruitori dei servizi professionali. A ben vedere paiono essere soprattutto baracconi clientelari e corporativi che ostacolano l'esercizio della professione da parte delle nuove leve, un baluardo a difesa dello status quo e delle posizioni acquisite.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli ordini professionali sono una buffonata
      Pienamente daccordogli ordini professionali è BUROCRAZIA pura elevata ai massimi livelli.In Italia puoi non valere un fico secco, poi basta iscriversi ad un ordine (ovviamente con raccomandazioni e con conoscenze) e immediatamente diventi rispettabile.Sei iscritto ad un ordine, poi fai un cazzata. La colpa di chi è? Dello Stato che ha garantito la tua professionalità attraverso un concorso nella maggior parte dei casi fasullo.Poi dovrai pagare per mantenere la tua professionalità.Lasciamo decidere al mercato chi è MERITEVOLE o meno di essere Professionista.A cosa servono gli ORDINI professionali? A nulla... E soprattutto SPUTIAMO con disdegno a tutti gli INUTILI ordini professionali.Un laureato informatico a Pisa- Scritto da: Un ingegnere
      Gli ordini professionali in italia, per come
      sono concepiti e per come vengono gestiti,
      non servono a nulla. Non tutelano i
      professionisti onesti e capaci, che si
      trovano ad essere mescolati ed equiparati ad
      incompetenti assoluti il cui unico merito è
      di essere venuti in possesso in qualche modo
      del fatidico pezzo di carta. Non tutelano
      neppure, per i medesimi motivi, i fruitori
      dei servizi professionali. A ben vedere
      paiono essere soprattutto baracconi
      clientelari e corporativi che ostacolano
      l'esercizio della professione da parte delle
      nuove leve, un baluardo a difesa dello
      status quo e delle posizioni acquisite.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli ordini professionali sono una buffonata

        A cosa servono gli ORDINI professionali? A
        nulla... ad alzare il prezzo delle proprie prestazioni...
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli ordini professionali sono una buffonata
      Pienamente daccordo.Un giovane avvocato.
  • Anonimo scrive:
    Re: un male ????
    Guarda, io sono uno di questi dottori del vecchio ordinamento, laureato a Torino.Premetto che io sono per l'apertura dell'albo alle persone competenti, ho visto laureati fare cavolate terrificanti e gente che ha acquistato esperienza sul campo fare delle cose splendide e quindi non e' il pezzo di carta che fa la differenza, e' la competenza!!Non capisco pero' l'escusione degli informatici dall'albo, e' vero che avevamo meno esami e che gli anni erano quattro, ma fare il tutto in questi quattro anni era impossibile!! Ho conosciuto solo una decina di persone che sono riusciti a laurearsi nei tempi giusti, gli esami duravano dai quattro agli otto mesi e non perche' si era zucconi, ma perche' si doveva fare l'orale, lo scritto, il laboratorio la discussione e altre cose e questo era la norma!!!!Che le commissioni siano composte da ingegneri??????Bye
    • Anonimo scrive:
      Re: un male ????

      Premetto che io sono per l'apertura
      dell'albo alle persone competenti,io accetterei un'albo solo se gli esami fossero davvero seri e fosse aperto a tutti...solo cosi...senno meglio toglierli...
      Non capisco pero' l'escusione degli
      informatici dall'albo,meno "certificati" = meno offerta = prezzi piu alti...in poche parole e questo...
      e' vero che avevamo
      meno esami e che gli anni erano quattro,e che ???? non bastano una ventina di esami e quattro anni ???? uno quanto deve studiare ????il mio corso universitario lo farei in due anni e avrei almeno il doppio di conoscenze rispetto a tutti quei corsi del ****** che non servono a nulla...
      ma
      fare il tutto in questi quattro anni era
      impossibile!!appunto fuori le cose inutili...fuori matematica i due tre o quattro (chi fa l'ingegniere deve sapere la matematica), fuori tutte quelle stronzate che si studiano nei primi due anni (del tutto inutili, ma obbligatori e con i peggiori elementi a fare esami) e facciamo solo quei esami degli ultimi due anni...
      agli otto mesi e non perche' si era zucconi,
      ma perche' si doveva fare l'orale, lo
      scritto, il laboratorio la discussione e
      altre cose e questo era la norma!!!!esami seri...non avrei nulla in contrario...ma tutti quei fiketti lo passerebbero l'esame ????
      Che le commissioni siano composte da
      ingegneri??????;-)hhahahhahahahahahahahabella...
      • Anonimo scrive:
        Re: un male ????

        appunto fuori le cose inutili...fuori
        matematica i due tre o quattro (chi fa
        l'ingegniere deve sapere la matematica),Si`, e magari sa anche l'italiano :-P
        • Anonimo scrive:
          Re: un male ????


          appunto fuori le cose inutili...fuori

          matematica i due tre o quattro (chi fa

          l'ingegniere deve sapere la matematica),

          Si`, e magari sa anche l'italiano :-Pguarda che i primi due anni non fai un *********...meno di zero...pero gli esami con le domande (e gente) piu imbecilli sulla terra non te li toglie nessuno...le conoscenze dei primi due anni dovrebbero essere premesse...
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????
            - Scritto da: blah


            appunto fuori le cose inutili...fuori


            matematica i due tre o quattro (chi fa


            l'ingegniere deve sapere la
            matematica),



            Si`, e magari sa anche l'italiano :-P
            guarda che i primi due anni non fai un
            *********...a ingegneria?
            meno di zero...pero gli esami con le domande
            (e gente) piu imbecilli sulla terra non te
            li toglie nessuno...vero
            le conoscenze dei primi due anni dovrebbero
            essere premesse...cosa intendi per premesse?
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????



            Si`, e magari sa anche l'italiano :-P

            guarda che i primi due anni non fai un

            *********...
            a ingegneria?si integri soltanto alcune conoscenze tutto qua...

            le conoscenze dei primi due anni
            dovrebbero

            essere premesse...
            cosa intendi per premesse?che uno che si iscrive a qualsiasi universita dovrebbe gia avere un'ottima base di conoscenze...in quello che va a studiare...
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????
            - Scritto da: blah



            Si`, e magari sa anche l'italiano
            :-P


            guarda che i primi due anni non fai un


            *********...

            a ingegneria?
            si integri soltanto alcune conoscenze tutto
            qua...non so se tu abbia studiato per corrispondenza o cose del genere, ma io i primi due anni mi sono fatto un mazzo tanto, e cosi` tutti i miei amici. Se poi adesso col 3x2 (non e` un errore) gli esami li regalano non mi sembra il caso di generalizzare



            le conoscenze dei primi due anni

            dovrebbero


            essere premesse...

            cosa intendi per premesse?
            che uno che si iscrive a qualsiasi
            universita dovrebbe gia avere un'ottima base
            di conoscenze...in quello che va a
            studiare...Vero, ma le equazioni di maxwell in forma differenziale non le sapevo prima
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            non so se tu abbia studiato per
            corrispondenza o cose del genere,la mia universita nei primi due anni non mi ha insegnato nulla di nuovo o quasi...bhe c'era il corso di statistica e un o di equazioni matematiche...ma tutto qua...
            ma io i
            primi due anni mi sono fatto un mazzo tanto,
            e cosi` tutti i miei amici.boh..
            Se poi adesso
            col 3x2 (non e` un errore) gli esami li
            regalano non mi sembra il caso di
            generalizzareinsomma regalano...adesso non diciamo...
            Vero, ma le equazioni di maxwell in forma
            differenziale non le sapevo primaperche prima dell'universita studiavi latino...e nell'universita hai studiato latino avanzato...MA CHI CAZZO DECIDE I CORSI (IN GENERALE) ???? topo giggio ????
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????
            - Scritto da: blah

            non so se tu abbia studiato per

            corrispondenza o cose del genere,
            la mia universita nei primi due anni non mi
            ha insegnato nulla di nuovo o quasi...bhe
            c'era il corso di statistica e un o di
            equazioni matematiche...ma tutto qua...che facolta` hai fatto?

            ma io i

            primi due anni mi sono fatto un mazzo
            tanto,

            e cosi` tutti i miei amici.
            boh..


            Se poi adesso

            col 3x2 (non e` un errore) gli esami li

            regalano non mi sembra il caso di

            generalizzare
            insomma regalano...adesso non diciamo...regalano, regalano: i programmi di analisi 1 e 2 sono un decimo rispetto a 5 anni fa

            Vero, ma le equazioni di maxwell in forma

            differenziale non le sapevo prima
            perche prima dell'universita studiavi
            latino...
            e nell'universita hai studiato latino
            avanzato...ho fatto il liceo scientifico e sapevo analisi come si fa al liceo scientifico, e non mi dire che tu sapevi le eq. di max. in forma diff che non ti credo

            MA CHI CAZZO DECIDE I CORSI (IN GENERALE)
            ???? topo giggio ????Credo ci siano delle direttive ministeriali, poi ognuno fa piu` o meno quello che vuole
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            che facolta` hai fatto?per me ha fatto una ingegneria e si e' fermato prima del secondo anno...non sa di cosa parla...uno che dice che quando vai a studiare qualcosa devi conoscerla...ma allora che la studio a fare se la conosco?vado ad approfondire?quello lo faccio tranquillamente seduto in poltrona, ma se non ho LE BASI un testo tecnico non lo capisco ho visto gente impazzire davanti alle acces mask dei router solo perche' non conosceva il calcolo binario... e parlo di laureati...
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            per me ha fatto una ingegneria e si e'
            fermato prima del secondo anno...
            non sa di cosa parla...peccato che da giovane divoravo libri di matematica...ho studiato cose anni luce davanti alla scuola...
            uno che dice che quando vai a studiare
            qualcosa devi conoscerla...
            ma allora che la studio a fare se la conosco?
            vado ad approfondire?
            quello lo faccio tranquillamente seduto in
            poltrona, ma se non ho LE BASI un testo
            tecnico non lo capiscose l'universita deve darti queste basi siamo a posto...
            ho visto gente impazzire davanti alle acces
            mask dei router solo perche' non conosceva
            il calcolo binario...se solo i router fossero fatti meglio...vedi cisco...
            e parlo di laureati...naturalmente mettiamo un congegno anti-non-laureati...non possono nemmeno toccare una cosa del genere...la rovinano...o la sporcano...
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????


            per me ha fatto una ingegneria e si e'

            fermato prima del secondo anno...

            non sa di cosa parla...
            peccato che da giovane divoravo libri di
            matematica...ho studiato cose anni luce
            davanti alla scuola...
            che non vuol dire nulla....la gente studia per imparare.Certo, c'e' chi ha studiato da solo ed ha raggiunto ottimi risultati, ma in genere non e' cosi'.Alcuni concetti molto complessi non si imparano "da soli".Ci vuole qualcuno che te li spieghi.Che poi questo qualcuno possa essere papa' o uno zio, non sta a significare che l'universita' e' inutile o lo studio tempo perso.

            uno che dice che quando vai a studiare

            qualcosa devi conoscerla...

            ma allora che la studio a fare se la
            conosco?

            vado ad approfondire?

            quello lo faccio tranquillamente seduto in

            poltrona, ma se non ho LE BASI un testo

            tecnico non lo capisco
            se l'universita deve darti queste basi siamo
            a posto...
            ma che dici, scusa?Secondo te uno diventa infermiere e puo' lavorare in un pronto soccorso dopo aver visto ER?O dopo aver fatto le punture di insulina alla nonna?Oppure deve avere delle basi di anatomia, tossicologia (etc. etc.) per poter svolgere il suo lavoro?In alcuni campi non si improvvisa.L'informatica e' uno di questi.

            ho visto gente impazzire davanti alle
            acces

            mask dei router solo perche' non conosceva

            il calcolo binario...
            se solo i router fossero fatti meglio...vedi
            cisco...
            Me sa che tu i router cisco non li hai mai visti.A partire dall 801 in su esiste questo comandoaccess-list 101 permit tcp any host 192.168.0.1 [0.0.0.255]quella fra parentesi quadre e' la wildcard mask, la cosa che i tizi non capivano.Alla fine per farglielo capire gli ho dovuto dire che era una netmask "al contrario", anche se non e' cosi'.

            e parlo di laureati...
            naturalmente mettiamo un congegno
            anti-non-laureati...non possono nemmeno
            toccare una cosa del genere...la
            rovinano...o la sporcano...questo lo stai dicendo tu.Quello che volevo dire e' che anche un laureato, che non abbia una base su cui fare esperienza, ha grosse difficolta'.La conoscenza in quest campi e' fondamentale.Non si puo' bollare l'universita' come inutile perche' a te non e' servita.bai
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            Alcuni concetti molto complessi non si
            imparano "da soli".
            Ci vuole qualcuno che te li spieghi.i concetti sono gli stessi sia che li impari da solo o che qualcuno te li fa conoscere...
            Che poi questo qualcuno possa essere papa' o
            uno zio, non sta a significare che
            l'universita' e' inutile o lo studio tempo
            perso.dico solo che uno DEV'ESSERE LIBERO di decidere quello e come lo vuole studiare...invece non e cosi...
            ma che dici, scusa?
            Secondo te uno diventa infermiere e puo'
            lavorare in un pronto soccorso dopo aver
            visto ER?dopo aver superato un'esame...in cui si vede quello che effettivamente sa fare...tutto qua...non sono contrario agli esami, anzi...solo intendo esami fatti per bene e seriamente...cosa poco capitata nella mia vita...(sara che sono sfortunato)
            In alcuni campi non si improvvisa.
            L'informatica e' uno di questi.ho visto certe improvisazioni...comunque non mi pare che si studino comandi avanzati di router cisco all'uni ma analisi matematica i due 3...
            Me sa che tu i router cisco non li hai mai
            visti.si che li ho visti...in tv passava la pubblicita...
            A partire dall 801 in su esiste questo
            comando
            access-list 101 permit tcp any host
            192.168.0.1 [0.0.0.255]

            quella fra parentesi quadre e' la wildcard
            mask, la cosa che i tizi non capivano.allora che vadano a fare i dottori in ospedale...magari combinano qualcosa e la cariera finisce...
            Alla fine per farglielo capire gli ho dovuto
            dire che era una netmask "al contrario",
            anche se non e' cosi'.netmask al contrario...hahhahahahahahahahio non intendevo questo...ma i comandi AVANZATI di routing...sembrano vecchia scrittura egiziana...
            Quello che volevo dire e' che anche un
            laureato, che non abbia una base su cui fare
            esperienza, ha grosse difficolta'.
            La conoscenza in quest campi e' fondamentale.
            Non si puo' bollare l'universita' come
            inutile perche' a te non e' servita.a te quanto e servita ????dammi una percentuale di tutto quello che hai dovuto studiare ???? la mia e sotto il 20%...l'80% e stato solo rottura di ******...
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????
            La convivenza civile di un paese e' fatta anche di altre cose.In ogni caso gli ordini professionali non garantiscono un bel niente, se non un po' di manodopera gratis e il controllo del mercato da parte dei mafiosi che vi appartengono gia'.Questo e' quello che succede nella pratica, senza eccezioni.Dubito che un nuovo albo rivoluzionerebbe (in meglio) la faccenda.Cerchiamo di non dare il colpo di grazia a questo paese gia' cosi' odiosamente arretrato e invivibile.Chi sa solo di numeri, si occupi di numeri, che e' meglio per tutti.- Scritto da: penetrator


            che facolta` hai fatto?

            per me ha fatto una ingegneria e si e'
            fermato prima del secondo anno...
            non sa di cosa parla...
            uno che dice che quando vai a studiare
            qualcosa devi conoscerla...
            ma allora che la studio a fare se la conosco?
            vado ad approfondire?
            quello lo faccio tranquillamente seduto in
            poltrona, ma se non ho LE BASI un testo
            tecnico non lo capisco

            ho visto gente impazzire davanti alle acces
            mask dei router solo perche' non conosceva
            il calcolo binario... e parlo di laureati...
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            La convivenza civile di un paese e' fatta
            anche di altre cose.
            In ogni caso gli ordini professionali non
            garantiscono un bel niente, se non un po' di
            manodopera gratis e il controllo del mercato
            da parte dei mafiosi che vi appartengono
            gia'.
            Questo e' quello che succede nella pratica,
            senza eccezioni.
            Dubito che un nuovo albo rivoluzionerebbe
            (in meglio) la faccenda.
            Cerchiamo di non dare il colpo di grazia a
            questo paese gia' cosi' odiosamente
            arretrato e invivibile.
            Chi sa solo di numeri, si occupi di numeri,
            che e' meglio per tutti.
            guarda che io sono contro gli albi professionali, TUTTI.fosse per me abolirei anche quelli che gia' esistono.Vedi, io non sono laureato, forse un giorno finiro' l'universita', perche' studiare mi piace.Ma non posso pensare che con la sola "pratica" avrei raggiunto i risultati che ho raggiunto.Lo studio mi e' stato propedeutico.Poi c'e' chi proprio e' negato per fare certe cose.A queste persone non basterebbe un miracolo di padre Pio.saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            Ma non posso pensare che con la sola
            "pratica" avrei raggiunto i risultati che ho
            raggiunto.
            Lo studio mi e' stato propedeutico.cosa pratichi se non sai quello che devi praticare ???? qua si sta parlando di gente che ci sa fare...questo e premesso...dico solo che anche chi non ha duecento master e lauree dovrebbe avere le STESSE OPPORTUNITA di dimostrare quello che sa fare...tutto qua...
            Poi c'e' chi proprio e' negato per fare
            certe cose.
            A queste persone non basterebbe un miracolo
            di padre Pio.mah dipende...;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            che facolta` hai fatto?telecommunications ????
            regalano, regalano: i programmi di analisi 1
            e 2 sono un decimo rispetto a 5 anni faed e un male ???? secondo me no...almeno che non vai a fare matematica pura o fisica a che serve ????
            ho fatto il liceo scientifico e sapevo
            analisi come si fa al liceo scientifico, e
            non mi dire che tu sapevi le eq. di max. in
            forma diff che non ti credonemmeno ora so tutto...figurati...solo che con la prof di matematica ho passato dei bei pomerriggi al liceo...ma prova a dimostrare un teorema meglio del prof dell'uni...vedrai che simpatia si forma di voi...c'e simpatia...fra di noi...
            Credo ci siano delle direttive ministeriali,
            poi ognuno fa piu` o meno quello che vuoleeggia...gia si parte da un punto pessimo...si peggiora ancora...
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            guarda che i primi due anni non fai un
            *********...
            meno di zero...pero gli esami con le domande
            (e gente) piu imbecilli sulla terra non te
            li toglie nessuno...

            le conoscenze dei primi due anni dovrebbero
            essere premesse...ma allora perche' si fermano tutti li'?e poi dimmi, come fai a fare software per il 3d se non conosci la trigonometria?come fai a programmare sistemi "intelligenti" se non conosci la logica matematica?come fai a scrivere un compilatore se non conosci le grammatiche di CHOMSKY o le BNF?sono tutte cose che io ho studiato nei primi due anni di Informatica alla Sapienza, a Roma...non so se da altre parti e' diverso...ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            ma allora perche' si fermano tutti li'?e me lo chiedi a me ????
            e poi dimmi, come fai a fare software per il
            3d se non conosci la trigonometria?ah la mia passion...
            come fai a programmare sistemi
            "intelligenti" se non conosci la logica
            matematica?chiamarla LOGICA mi sembra eccessivo...
            come fai a scrivere un compilatore se non
            conosci le grammatiche di CHOMSKY o le BNF?ma e quello dei no-global ???? o quello del mit ???
            sono tutte cose che io ho studiato nei primi
            due anni di Informatica alla Sapienza, a
            Roma...e nel terzo o quarto cosa hai studiato ????voglio la percentuale di conoscenze di universita che poi hai effettivamente utilizzato...e non dirmi che il resto e cultura personale e roba simile...QUANTO DI QUELLO CHE HAI IMPARATO HAI EFFETTIVAMENTE UTILIZZATO ????
            non so se da altre parti e' diverso...cambia solo il muso...
          • Anonimo scrive:
            Re: un male ????

            e nel terzo o quarto cosa hai studiato ????
            voglio la percentuale di conoscenze di
            universita che poi hai effettivamente
            utilizzato...
            e non dirmi che il resto e cultura personale
            e roba simile...
            QUANTO DI QUELLO CHE HAI IMPARATO HAI
            EFFETTIVAMENTE UTILIZZATO ????tutto caro mio.dalle forme normali, studiate al secondo anno (basi di dati), alle grammatiche dei linguaggi.forse l'unica cosa che mi e' stata poco utile e' analisi...ma alla fine saper fare di conto, non e' mai una cosa inutile...ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: un male ????

      Non capisco pero' l'escusione degli
      informatici dall'albo, e' vero che avevamo
      meno esami e che gli anni erano quattro, ma
      fare il tutto in questi quattro anni era
      impossibile!! Ho conosciuto solo una decinaLa solita vecchia storia gia` sentita per ingegneria, medicina, giurisprudenza, economia...
      di persone che sono riusciti a laurearsi nei
      tempi giusti, gli esami duravano dai quattroe allora vedi che non e` impossibilie? :-P
      agli otto mesi e non perche' si era zucconi,
      ma perche' si doveva fare l'orale, lo
      scritto, il laboratorio la discussione e
      altre cose e questo era la norma!!!!

      Che le commissioni siano composte da
      ingegneri??????

      ByeCiao
      • Anonimo scrive:
        Re: un male ????


        tempi giusti, gli esami duravano dai
        quattro
        e allora vedi che non e` impossibilie? :-Plasciamo stare il discorso di chi si laurea in tempo...;-)io di geni non ne vedo tanti in giro...
  • Anonimo scrive:
    Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
    Salve sono un'analista senior capo progetto non laureato mi occupo da tempo immemorabile di progettazione, direzione, stime e quant'altro.Ho avuto l'onore e l'onere di guidare verso l'obiettivo finale stuoli di dottori informatici e di ingegneri, matematici, fisici e tecnici non laureati. Ne ho viste di cotte e di crude ragazzi preparati e molto svegli, presuntuosi e gente laureata e non che era totalmente negata per il mestiere. Rimango sempre piu' perplesso di fronte a queste levate di scudi incrociate e corporative retaggio dell'italietta corporativista e fascista su chi ha diritto a fare cosa.Ora se solo gli ing. o i dottori possono fare progettazione o direzione dei lavori, noi che non siamo laureati ma portiamo avanti la baracca da anni e che abbiamo portato avanti generazioni di tecnici laureati e non che faremo di fronte ai titolati dottoroni che reclamano incarichi direzionali per diritto "divino" e non per meriti acquisiti sul campo.Sento di avere una grossa crisi di coscienza a questo punto e mi chiedo se posso essere accusato di esercizio abusivo della professione.In questo caso ritengo che l'ergastolo per tutti noi sia pena men che lieve....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
      Ascolta: è un dottore in Scienze dell'Informazione che ti parla. Studia, leggi, apprendi, memorizza... e soprattutto impara l'italiano!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
        Tu impara le buone maniere, cosa ancora piu' importante.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
        Io sono studente in scienze dell'informazione e penso che la tua risposta non rientri in un dialogo costruttivo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
        - Scritto da: Jimbo
        Ascolta: è un dottore in Scienze
        dell'Informazione che ti parla. Studia,
        leggi, apprendi, memorizza... e soprattutto
        impara l'italiano!Complimenti per le tue argomentazioni?Studiare, leggere, apprendere, memorizzare... ti sono dovuti perche' da laureato parli a un non laureato?Se ragioniamo cosi' allora gli immigrati dovrebbero sempre stare zitti e tutti noi dovremmo inchinarci quando Berlusconi parla.Quanto all'imparare l'italiano, tutti possono sbagliare. Anche Berlusconi ha citato Romolo e Remolo. Ma siccome anche gli sbagli non sono tutti uguali, Silviolo, probabilmente ragionando come te, ha annunciato che cambiera' i libri di storia perche' come li ha detti lui questi nomi suonano meglio.P.S.: anche io sono laureato, anche se non nello stesso ramo. Quale laurea conta di piu'? Nel dubbio, le dico: dottore, studi, appenda, memorizzi... e soprattutto sia piu' tollerante.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....

        Studia,
        leggi, apprendi, memorizza... e soprattutto
        impara l'italiano!Sono ingegnere inf. (non iscritto all'albo e senza nessuna intenzione di farlo) e non ho capito perche' deve studiare l'italiano!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
        Manca 'Capisci'....Ops...scusa...quelli come te non capiscono un beato...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
        - Scritto da: Jimbo
        Ascolta: è un dottore in Scienze
        dell'Informazione che ti parla. Studia,
        leggi, apprendi, memorizza... e soprattutto
        impara l'italiano!professore ci erudisca lei sulla lingua italiana
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....

      Salve sono un'analista senior capo progetto
      non laureato mi occupo da tempo immemorabile
      di progettazione, direzione, stime e
      quant'altro.dipende da cosa progetti e se progetti bene...cmq la cultura una se la fa, l'università è solo un modo per farsela e sopratutto, secondo me, aiuta formarsi un senso critico su quello che si fa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
      E' comunque innegabile che sia necessaria una regolamentazione per evitare che chiunque possa improvvesarsi informatico. Il rischio, è che non venga dato dalle aziende il giusto peso alle professionalità, come di fatto accade nella mia, dove quelli del "personale" pensano di prendere i matematici, i fisici, addirittura biologi o altri tipi di professionalità, e di trasformarli in esperti di informatica con corsi di tre giorni in Java, in telecomunicazioni o quant'altro. Il rischio gravissimo è un pesante appiattimento delle professionalità, e in stipendi che vanno verso il basso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
        - Scritto da: Un ing.
        [...] quelli del
        "personale" pensano di prendere i
        matematici, i fisici, addirittura biologi o
        altri tipi di professionalità, e di
        trasformarli in esperti di informatica con
        corsi di tre giorni in Java, in
        telecomunicazioni o quant'altro. [...]non so esattamente come siano messi gli altri, ma alcuni piani di studi per matematici applicativi sono quasi dei piani di studi di informatica, con un po' di basi matematiche in piu'.e per un matematico di quel tipo un corso di 3 giorni per imparare la sintassi di Java potrebbe essere sufficiente per lavorare in modo produttivo, visto che comunque conosce gia' la programmazione ad oggetti.Una cosa diversa e' prendere una persona totalmente digiuna di questi argomenti e pretendere di formarla in tre giorni...comunque io non vedrei mai un matematico a progettare e coordinare il lavoro per un sistema informatico: il loro lavoro e' quello di trovare soluzioni ai problemi, coordinare tali soluzioni e' una cosa da ingegneri (che pero' non hanno abbastanza fantasia per trovare le soluzioni che gli servono :) )
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
          Egregio sig. Linux RH 7.3,
          comunque io non vedrei mai un matematico a
          progettare e coordinare il lavoro per un
          sistema informatico: il loro lavoro e'
          quello di trovare soluzioni ai problemi,
          coordinare tali soluzioni e' una cosa da
          ingegneri (che pero' non hanno abbastanza
          fantasia per trovare le soluzioni che gli
          servono :) )è la seconda volta che scrive una cosa che, a parer mio, è un'emerita cavolata.Mi riferisco al fatto che il matematico e l'informatico abbiano fantasia e sappiano risolvere i problemi, mentre l'ingegnere coordina.Potevi anche aggiungere che l'ingegnere è un praticone, pinza e fili (o pizza e fichi :-)), è di coccio, ecc ecc.La pensavo come te all'età di circa 14-15 anni, poi però ho avuto modo di cambiare idea.Il sottoscritto, tanto per intenderci, ha sviluppato più di 100 programmi (tra cui svariati giochi) in 6 linguaggi differenti (Basic, Pascal, C, Prolog, Fortran, Assembler) tra i 14 e i 19 anni, e questo per puro hobby personale. Tra l'altro ha frequentato il Liceo Scientifico e non una Istituto Tecnico.In ogni caso, quello che penso sull'argomento è:1. se non sei Ingegnere, non puoi iscriverti all'albo degli Ingegneri. Lapalissiano, no?2. gli informatici dovrebbero fare lobbying (se ne hanno la forza e il potere) per far creare un Albo apposito.3. I due albi (Ing dell'Informazione e Informatici) dovrebbero essere "idempotenti" ai fini dei concorsi e delle mansioni inerenti all'Informatica.4. l'Ingegnere può comunque, se vuole e a suo rischio e pericolo, firmare progetti anche di natura non informatica.5. Fermo restando che gli skill personali spesso prescindono dalla qualifica dottorale, e quindi un non laureato, che abbia fatto una BUONA scuola tecnica e/o con una buona esperienza, possa fare meglio di un laureato.Ultima cosa: il sottoscritto ha lavorato per più di quattro anni per la società IBM.Orbene, detta società preferiva (non so se ha cambiato idea), Ingegneri di qualunque specializzazione piuttosto che laurati in Scienze dell'Informazione.Ci vogliamo interrogare sul perchè?Certamente non si può dire che l'IBM non richieda gente con talento e creatività.SalutiIng. Informatico.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....

            1. se non sei Ingegnere, non puoi iscriverti
            all'albo degli Ingegneri. Lapalissiano, no?e fin li`...
            2. gli informatici dovrebbero fare lobbying
            (se ne hanno la forza e il potere) per far
            creare un Albo apposito.non credo che si possano creare nuovi albi, e mi pare che il problema sia li`
            3. I due albi (Ing dell'Informazione e
            Informatici) dovrebbero essere "idempotenti"
            ai fini dei concorsi e delle mansioni
            inerenti all'Informatica.
            4. l'Ingegnere può comunque, se vuole e a
            suo rischio e pericolo, firmare progetti
            anche di natura non informatica.non credo, io sono ing. elettronico, ma non posso firmare progetti di ponti, visto che, grazie a dio, nel mio piano di studi non c'e` scienza delle costruzioni.
            5. Fermo restando che gli skill personali
            spesso prescindono dalla qualifica
            dottorale, e quindi un non laureato, che
            abbia fatto una BUONA scuola tecnica e/o con
            una buona esperienza, possa fare meglio di
            un laureato.no, gli "skill" no! Abbiamo una delle lingue con piu` vocaboli al mondo, smettiamola di fare gli anglofili ed usiamo le parole che gia` esistono, tipo (da babylon.com) "esperienza, pratica, abilità; perizia, destrezza, maestria, capacità; mestiere". scegli pure quella che preferisci :-)
            Ultima cosa: il sottoscritto ha lavorato per
            più di quattro anni per la società IBM.
            Orbene, detta società preferiva (non so se
            ha cambiato idea), Ingegneri di qualunque
            specializzazione piuttosto che laurati in
            Scienze dell'Informazione.
            Ci vogliamo interrogare sul perchè?
            Certamente non si può dire che l'IBM non
            richieda gente con talento e creatività.Stai combattendo contro i luoghi comuni, e` una battaglia persa in partenza.

            Saluti
            Ing. Informatico.CiaoRaist
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....

            non credo che si possano creare nuovi albi,
            e mi pare che il problema sia li`Perchè non si potrebbe istituire un Albo apposito?
            non credo, io sono ing. elettronico, ma non
            posso firmare progetti di ponti, visto che,
            grazie a dio, nel mio piano di studi non
            c'e` scienza delle costruzioni.Non credo sia un problema di Scienze delle Costruzioni, ma di onestà e di prudenza.Comunque, almeno prima (adesso non so) chi era iscritto all'Albo degli Ingegneri (unico) poteva firmare progetti di tipo civile.Adesso non so se un "vecchio" Ingegnere Informatico possa optare per il settore Civile e firmare anche progetti di quel tipo (ripeto, a suo rischio e pericolo, e io non lo farei mai!).Dal decreto, sembrerebbe di si.
            no, gli "skill" no! Abbiamo una delle lingue
            con piu` vocaboli al mondo, smettiamola di
            fare gli anglofili ed usiamo le parole che
            gia` esistono, tipo (da babylon.com)
            "esperienza, pratica, abilità; perizia,
            destrezza, maestria, capacità; mestiere".
            scegli pure quella che preferisci :-)capacità.
            Stai combattendo contro i luoghi comuni, e`
            una battaglia persa in partenza.non so se è un luogo comune il fatto che ho visto più di una persona, che non riuscendo a sostenere gli esami del biennio di Ingegneria, migrava a Scienze dell'Informazione.Ma comunque le cosa cambiano...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....

            Perchè non si potrebbe istituire un Albo
            apposito?mi pare per una legge europea

            Non credo sia un problema di Scienze delle
            Costruzioni, ma di onestà e di prudenza.
            Comunque, almeno prima (adesso non so) chi
            era iscritto all'Albo degli Ingegneri
            (unico) poteva firmare progetti di tipo
            civile.
            Adesso non so se un "vecchio" Ingegnere
            Informatico possa optare per il settore
            Civile e firmare anche progetti di quel tipo
            (ripeto, a suo rischio e pericolo, e io non
            lo farei mai!).
            Dal decreto, sembrerebbe di si.fino a qualche tempo fa senza scienza non potevi firmare niente che richiedesse scienza (logico, no?), adesso non so.


            no, gli "skill" no! Abbiamo una delle
            lingue

            con piu` vocaboli al mondo, smettiamola di

            fare gli anglofili ed usiamo le parole che

            gia` esistono, tipo (da babylon.com)

            "esperienza, pratica, abilità; perizia,

            destrezza, maestria, capacità; mestiere".

            scegli pure quella che preferisci :-)
            capacità.aggiudicato.
            non so se è un luogo comune il fatto che ho
            visto più di una persona, che non riuscendo
            a sostenere gli esami del biennio di
            Ingegneria, migrava a Scienze
            dell'Informazione.
            Ma comunque le cosa cambiano...Come quelli che da giurisprudenza vanno a scienze politiche, ma non lo ammetteranno mai.C'e` da dire che ing e sdi hanno finalita` molto diverse, ci sono anche quelli che si rendono conto di non essere portati per il taglio ingegneristico e cambiano facolta` (non perche` non ce la facciano)
            CiaoCiao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
            - Scritto da: Ing. Informatico

            non credo che si possano creare nuovi
            albi,

            e mi pare che il problema sia li`

            Perchè non si potrebbe istituire un Albo
            apposito?L'Unione Europea ce lo vieta. Vorrebbe anzi che abolissimo anche gli albi esistenti.
            non so se è un luogo comune il fatto che ho
            visto più di una persona, che non riuscendo
            a sostenere gli esami del biennio di
            Ingegneria, migrava a Scienze
            dell'Informazione.Ed io ho visto tanti migrati a SdI per quei motivi ritirarsi perche' poi si sono accorti che non e' che gli esami da noi fossero delle passeggiate.Andrea
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
            - Scritto da: Ing. Informatico
            Egregio sig. Linux RH 7.3,?????
            Mi riferisco al fatto che il matematico e
            l'informatico abbiano fantasia e sappiano
            risolvere i problemi, mentre l'ingegnere
            coordina.io vorrei anche aggiungere che mi pare si ponga troppo l'accento sulla fantasia. Per quello che e' la mia esperienza, mi pare che in informatica piu' che la fantasia serva una solida conoscenza.Come per gli altri mestieri, del resto. Mica tutti possono essere Giotto, servono anche gli imbianchini che sappiano tinteggiare per bene le stanze, senza tanti fronzoli o velleita' artistiche. Inoltre sempre a proposito del bagaglio culturale dell'informatico, sento parlare solamente algoritmi e microprocessori, quando invece nella maggioranza dei progetti entrano anche tematiche quali la gestione del ciclo di sviluppo, la documentazione, l'addestramento degli utenti, ecc.E' vero, sigg. Informatici che in alcuni casi servono forti basi teoriche e una mente aperta ed astratta. E' vero sigg. Ingegneri che in alcuni casi servono raffinate tecniche di progettazione ed una mente ingegneristica, appunto. E' vero anche, pero', che quasi sempre serve la capacita' di descrivere cio' che si è realizzato o si sta costruendo; e' vero anche che non serve solo chi sia in grado di creare nuovi strumenti ma serve anche e soprattutto chi sa usare bene quelli esistenti. Per tornare al nocciolo della questione, credo un grosso errore mettersi a "litigare" per discriminare ing. da dott. Sarebbe meglio poter "riconoscere" chi ha competenze informatiche (e quali) da chi non le ha. In questo senso l'esclusione dei dott. dall'albo e' un clamoroso autogol, che protegge nell'immediato una casta, ma impedisce (nel lungo periodo) una chiara distinzione tra professionisti preparati e "trafficoni".
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
            Esatto.Gli informatici sono così presi a scagliarsi contro gli ingegneri che non si rendono conto che proprio dagli ingegneri che si occupano di informatica potrebbero ricevere sostegno.Tutti abbiamo la necessità di un riconoscimento che chiarisca "chi" sa fare "cosa".Per fare piazza pulita degli incapaci che causano la svalutazione del nostro lavoro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
            - Scritto da: Ing
            Esatto.
            Gli informatici sono così presi a scagliarsi
            contro gli ingegneri che non si rendono
            conto che proprio dagli ingegneri che si
            occupano di informatica potrebbero ricevere
            sostegno.Per onore di verita' diciamo allora che anche molti ing sono estremamente presi a difendere la casta perdendo di vista il problema a medio-lungo termine.
            Tutti abbiamo la necessità di un
            riconoscimento che chiarisca "chi" sa fare
            "cosa".
            Per fare piazza pulita degli incapaci che
            causano la svalutazione del nostro lavoro.E sarebbe anche l'ora!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
        - Scritto da: Un ing.
        E' comunque innegabile che sia necessaria
        una regolamentazione per evitare che
        chiunque possa improvvesarsi informatico. Verissimo, e' anche vero che molte persone formate sul campo sono mooolto migliori di certi laureati che conosco. Secondo me' sarebbe meglio non escludere nessuno e fare un esame serio anche se so che quest'ultima cosa e' pura fantasia!!!Dimenticavo, sono uno degli esclusi con laurea di quattro anni e solo diciotto esami, poco importa se erano necessari parecchi mesi per prepararne uno mentre in altre lauree contavano come esame i laboratori!!!!Bye
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
        I problemi e le frustrazioni di un dipendente non possono ricadere su strategie di macroeconomia. Se tu fossi un tipo davvero in gamba (ma non avessi la laurea) forse la penseresti diversamente. Hix
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
          - Scritto da: Hix
          I problemi e le frustrazioni di un
          dipendente non possono ricadere su strategie
          di macroeconomia.

          Se tu fossi un tipo davvero in gamba (ma non
          avessi la laurea) forse la penseresti
          diversamente.

          Hix^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^...e parlerei di strategie di macroeconomia, eh?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quelli che tengono in piedi la baracca....
      Se incrociano le braccia quelli come te, qui si ferma tutto. Speriamo che almeno Stanca si comporti da professionista e non dia retta a chi conosce tanta teoria ma poca pratica.Hai la mia piena solidarietà.
  • Anonimo scrive:
    Anche qui il dpr328????
    Sta facendo uno sfacelo questo dpr scritto coi piedi!!Già ci sono legioni di ingegneri e architetti inca##ati (tra cui il sottoscritto) ora anche gli informatici subiscono... unirsi alla protesta in atto con nuovi argomenti no?X info www.dpr328.too.it
  • Anonimo scrive:
    nulla da dire ..
    e' tutto corretto, tanto piu' che l'ordinamento diinformatica 3 anni prevede la formazione di personeatte alla progettazione di software.
Chiudi i commenti