Viacom toglie qualcosa a Hulu

Due fra i programmi più seguiti non saranno più visibili sul noto portale video. Rendevano troppo poco?

Roma – Due fra i più noti show televisivi statunitensi dal 9 marzo spariranno da Hulu. Lo ha deciso Viacom, proprietaria dei diritti degli acclamati The Daily Show e The Colbert Report . Alla base di questa decisione, non ancora commentata dai boss del network a stelle e strisce, gli scarsi introiti derivati dall’accordo col portale : pochi spiccioli che non sarebbero sufficienti per soddisfare le voglie degli utenti, presso i quali le trasmissioni in oggetto avevano raggiunto, secondo quanto dichiarato dai responsabili di Hulu, una certa notorietà.

A differenza di altri casi di rimozione di contenuti , questi rimarranno invece disponibili su altre piattaforme di proprietà di Viacom come ComedyCentral.com . Alla luce di ciò alcuni addetti ai lavori hanno ipotizzato che Viacom abbia ritenuto Hulu come un ostacolo al successo dei propri siti , decidendo pertanto di liberarse per dirottare i fan più accaniti sui canali Web TheDailyShow.com e ColbertNation.com .

Stando a quanto riportato dal New York Times , le due parti avrebbero tentato fino all’ultimo di trovare un accordo soddisfacente: “Ci abbiamo provato – ha spiegato una fonte che ha chiesto di rimanere anonima – ci siamo arrivati vicini e abbiamo discusso anche durante il week end senza riuscire però a intenderci sul prezzo”.

Dal canto loro i responabili di Hulu hanno commentato la vicenda lasciando trasparire un certo rammarico per non essere riusciti a trattenere due fra i più seguiti programmi televisivi degli States, precisando però che l’episodio non dovrebbe incrinare i rapporti con Viacom : “Continueremo a confrontarci con lo staff di Comedy Central su una serie opportunità – si legge nel comunicato – sono una grande squadra e siamo certi che in futuro potremo lavorare nuovamente insieme”.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mik.ud scrive:
    Concordo
    Che senso ha costringere la gente a non guardare il problema? Se sono siti illegali vanno chiusi e i responsabili arrestati.La questione forse e' che nessuno vuol fare le rogatorie internazionali, ecc. Molto piu' semplice far lavorare gli ISP e non risolvere il problema.
    • Number 6 scrive:
      Re: Concordo
      - Scritto da: mik.ud
      La questione forse e' che nessuno vuol fare le
      rogatorie internazionali, ecc. Molto piu'
      semplice far lavorare gli ISP e non risolvere il
      problema.No, é semplicemente che una volta implementato un sistema del genere, passare dal blacklistare i siti pedoXXXXX al blacklistare i siti "scomodi" ci vuole pochissimo. Ed é quello il vero obiettivo.Pensaci: niente più informazione indipendente, niente più avversari politici. Solo un web "sano e a misura di bambino" che ti dice: "va tutto bene, cittadino: paga le tasse".
  • name and surname scrive:
    Se non vi dispiace
    http://tr.im/QDPYGrazie (love)
  • Sgabbio scrive:
    Se ne fregano della loro opinione.
    Pure i nostri ISP avevano detto che il sistema delle liste nere era inutile (in italia poi ne stanno abusando allegramente).Ma hanno ignorato il loro appello.Non so come sono messi in francia, però tempo che l'opposizione degli ISP possa essere vana (comunque è bello vedere che i nostri vicini d'oltralpe ci tengono alla neutralità della rete, qui in italia se ne sbattono altamente)
    • panda rossa scrive:
      Re: Se ne fregano della loro opinione.
      - Scritto da: Sgabbio
      Pure i nostri ISP avevano detto che il sistema
      delle liste nere era inutile (in italia poi ne
      stanno abusando
      allegramente).
      Ma hanno ignorato il loro appello.

      Non so come sono messi in francia, però tempo che
      l'opposizione degli ISP possa essere vana
      (comunque è bello vedere che i nostri vicini
      d'oltralpe ci tengono alla neutralità della rete,
      qui in italia se ne sbattono
      altamente)Ci terranno anche alla neutralita' della rete, ma io osservo tristemente come anche il loro legislatore pretenda di impedire per legge alle foglie di cadere dagli alberi in autunno.
    • Valeren scrive:
      Re: Se ne fregano della loro opinione.
      Esattamente come in italia, hanno mascherato la tutela indiscriminata dei discografici dietro la scusa della pedoXXXXXgrafia.Col risultato che non bloccheranno di certo la prima e grazie all'encrypt renderanno quasi impossibile alle forze dell'ordine bloccare la seconda.
Chiudi i commenti