Viaggiatori sotto l'occhio USA da quattro anni

Non lo sapeva quasi nessuno, ma ormai da lungo tempo le autorità di sicurezza americane sanno chi arriva, come compra il proprio biglietto e cosa mangia in viaggio, o cosa guida. Tutti hanno il loro Terror Score

Washington (USA) – Le autorità americane stanno cercando di minimizzare la portata di uno scandalo emerso in questi giorni grazie ad Associated Press . Per dirla in poche parole: da quattro anni l’ Homeland Security Departement tiene traccia di chi parte e chi arriva negli Stati Uniti, raccoglie dati sui suoi comportamenti e sui suoi acquisti e poi li condivide con terzi. Non solo forze di sicurezza su suolo americano ma anche certi privati.

Il risultato di questo monitoraggio, come evidenzia Autistici/Inventati , è la determinazione per ciascuna persona in arrivo di un terror score , una sorta di termometro che indica quanto la persona è vicina o lontana a rappresentare un “rischio terrorismo”.

E c’è di più. Sulla base del terror score vengono prese decisioni sulla personalità del soggetto e, ad esempio, sul suo diritto o meno di circolare negli USA. Quale sia il proprio terror score e da cosa sia determinato, al soggetto non è dato di saperlo.

Il giochino, interamente basato su un monitoraggio informatizzato , si chiama Automated Targeting System , ATS per gli amici, un sistemino che fino a qualche giorno fa gli esperti di privacy e sicurezza credevano si limitasse al controllo dei cargo e che invece, grazie ad alcune rivelazioni di fine novembre, ora si scopre essere esteso ai passeggeri in carne ed ossa.

Per determinare lo “score” di ciascuno, ATS registra una serie di informazioni, ad esempio come si è acquistato un certo biglietto aereo, quali sono stati i viaggi effettuati in passato, con che automobile si gira, quale posto si è scelto in aeroplano. Nel calderone finiscono anche dettagli apparentemente insignificanti, come cosa si è mangiato a bordo . Secondo una nota diffusa dal Department, ATS “è uno dei sistemi di targeting più avanzati al mondo”, capace di individuare criminali ed altre minacce e senza il quale la sicurezza “sarebbe messa seriamente a rischio”.

“Ancora una volta – scrive l’esperto di sicurezza Bruce Schneier – veniamo giudicati in segreto, da un algoritmo informatico, senza avere la possibilità di conoscere il nostro score o di contestarlo. Kafka ne andrebbe fiero”.

Non solo ATS registra tutti questi dati ma il governo americano intende conservarli per 40 anni , ufficialmente per combattere il terrorismo. Come se non bastasse, i dati raccolti da ATS possono essere condivisi con autorità locali e con altri governi , possono essere utilizzati per determinare se assumere o no del personale o se fornire o meno una certa licenza o un dato livello di sicurezza. Possono influire sulle forniture alla pubblica amministrazione e in certi casi i dati possono essere trasferiti a tribunali, al Congresso e, in determinate condizioni, persino a committenti privati, esperti, consulenti e addirittura studenti. A tutti, insomma, ma non alle persone coinvolte.

“È incredibile – dichiara al Washington Post Patrick Leahy, chairman della Commissione del Senato americano sulla Giustizia – che l’amministrazione Bush voglia condividere queste informazioni con governi stranieri e persino con aziende private mentre al contempo rifiuta ai cittadini americani di vedere o confutare questi terror score”. Secondo l’influente parlamentare, tutto questo “mette in luce il rischio di un uso governativo della tecnologia capace di condurre ad una sorveglianza ampia delle nostre vite senza salvaguardie specifiche per la privacy”. A scandalizzarsi, tra gli altri, anche Electronic Frontier Foundation . David Sobel, uno dei legali di punta della celebre associazione, sottolinea come “il governo si stia preparando ad assegnare a milioni di cittadini rispettosi della legge degli score di rischio, a cui saranno associati per l’intera propria vita. E se questo non spaventasse abbastanza, nessuno di noi avrà la possibilità di conoscere il proprio score o di metterlo in discussione. Homeland Security deve posticipare la creazione dei profili e consentire che si apra un dibattito pubblico ampio su questa proposta inquietante”.

EFF ne parla come di qualcosa che dovrà entrare in funzione mentre AP , come accennato, descrive ATS come un sistema ormai attivo da quattro anni. EFF in questo senso fa riferimento alla nota del Department secondo cui il sistema è operativo dal 4 dicembre. Sia come sia, non cambia il giudizio di merito dei vari esperti intervistati dalle agenzie: lo stesso Sobel ne parla come “probabilmente il sistema più invasivo che il governo abbia mai implementato per quanto riguarda il numero delle persone coinvolte”.

Secondo Barry Stehinardt della American Civil Liberties Union “mai prima nella storia americana il nostro governo si è messo al lavoro per creare una classificazione di rischio per i propri cittadini”.

A gettare acqua sul fuoco ci ha provato un funzionario degli uffici di frontiera americani, Jayson P. Ahern, secondo cui ATS consente l’individuazione di persone che i normali sistemi di sicurezza non hanno individuato ma serve soltanto quale supporto dell’attività di contrasto già messa in essere dagli agenti di confine.

Nella propria nota, il Dipartimento americano spiega che “un individuo può non sapere perché vengono effettuate ulteriori indagini su di lui, né dovrebbe saperlo”. “Non rimpiazza il giudizio degli agenti”, spiega Ahern, quando si deve decidere se consentire ad un passeggero di entrare negli Stati Uniti, se rimandarlo a casa, fermarlo per accertamenti o sequestrargli il portatile . “Se così si riesce a catturare anche solo un terrorista potenziale, allora è un successo”, ha dichiarato Ahern. Un’affermazione che Schenier bolla come “talmente stupida” da non valere neanche una risposta.

Ahern aiuta comunque a chiarire qualcosa sull’effettiva operatività di ATS. A quanto pare il sistema di monitoraggio dei cargo dopo l’11 settembre 2001, il giorno dei gravissimi attentati di New York e Washington, è stato via via esteso con richieste di informazioni trasmesse alle compagnie aeree, con un più stretto monitoraggio delle automobili in entrata e in uscita e con dati che riguardano anche i passeggeri che dal Canada arrivano in treno. Da qui alla situazione attuale, in cui grazie ad un unico database “intelligente” si intende tenere traccia di molti più dati, organizzandoli e mantenendoli per 40 anni, il passo appare “breve”. Al Washington Post una fonte interna del Dipartimento, che rimane anonima, ha ammesso di non sapere se il Congresso sia a conoscenza di questa “estensione” del progetto e ha confermato che non è stata autorizzata per via legislativa.

La notizia sta, com’è ovvio, facendo il giro della blogosfera negli Stati Uniti, sebbene non solo i cittadini americani finiscano sotto il grande orecchio dell’Homeland Security, e qualcuno riassume la situazione: i cittadini sono oggetto di una indagine senza saperlo, hanno un terror score che non possono conoscere, devono provare agli agenti di frontiera di non rappresentare una minaccia, le informazioni su di loro sono conservate per decenni dalle autorità americane.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    [OT] Esistono anche altri prodotti...
    Sempre nell'ottica del piu' adatto alle mie esigenze,vi ricordo pure la WordPerfect Office Suite 12 qui:http://www.corel.com/servlet/Satellite?c=Product_C1&cid=1155321139412&lc=it&pagename=it%2FLayoutcosi' come StarOffice qui:http://it.sun.com/staroffice/Insomma fra bachi,formati chiusi e quant'altro esistono pure altre soluzioni.Valutatele,in fondo e' concorrenza pure questa,giusto? Se non cominciamo a volerla anche noi....!
  • Anonimo scrive:
    La mia personale opinione :D
    Salve ragazzi e ragazze :DPersonalmente l'accordo tra MS e Novell non vuole toccare il mondo linux per eliminarloma semplicemente sta cercando di "corrodere" il mercato sempre piu crescente di apple.MAC OS X = sistema unix posix (credo)LINUX = sistema unix posix WINDOWS = sistema di merda che copre il 95 %Personalmente penso che le varie distro Linux non sono ancora pronte per i pc da centro commerciale....e questo microsoft lo sa....
    • Anonimo scrive:
      Re: La mia personale opinione :D
      - Scritto da:
      Salve ragazzi e ragazze :D
      Personalmente l'accordo tra MS e Novell non
      vuole toccare il mondo linux per eliminarlo
      ma semplicemente sta cercando di "corrodere"
      il mercato sempre piu crescente di apple.
      MAC OS X = sistema unix posix (credo)
      LINUX = sistema unix posix
      WINDOWS = sistema di merda che copre il 95 %
      Personalmente penso che le varie distro Linux
      non sono ancora pronte per i pc da centro
      commerciale....
      e questo microsoft lo sa....Manca poco, pochissimo... E microsoft lo sa...
      • Anonimo scrive:
        Re: La mia personale opinione :D

        Manca poco, pochissimo... E microsoft lo sa...Cosa vuoi dire ?Guarda io sono serio per passa tempo scrivo programmini per sistemi liberi...per me slackware è il massimo della vita sempliceda usare etc....ma per un utente da centro commerciale mi spieghi come fai a vendere un pc con suse o mandriva...quando la cosa che piu interessa è lo screensaver dei pesci ?I prodotti Apple invece sono "GRAFICOSI" al punto giusto forse anche piu dei prodotti microsoft...io vedo piu un APPLE VS MICROSOFTche un LINUX VS MICROSOFT
        • Anonimo scrive:
          Re: La mia personale opinione :D
          - Scritto da:

          Manca poco, pochissimo... E microsoft lo

          sa...
          Cosa vuoi dire ?Voglio dire che basta che qualcuno scriva lo screen saver dell'acquario per linux e siamo a posto.
          Guarda io sono serio per passa tempo scrivo
          programmini per sistemi liberi...
          per me slackware è il massimo della vita
          semplice da usare etc....
          ma per un utente da centro commerciale mi
          spieghi come fai a vendere un pc con suse
          o mandriva...
          quando la cosa che piu interessa è lo
          screensaver dei pesci ?A molti interessa anche andare in web, mandare mail, scrivere qualche appunto e stamparlo, leggere qualche .doc; ormai un linux preinstallato e' perfettamente in grado di fare questo ne' piu' ne meno di XP o mac.
          I prodotti Apple invece sono "GRAFICOSI" al
          punto giusto forse anche piu dei prodotti
          microsoft...
          io vedo piu un APPLE VS MICROSOFT
          che un LINUX VS MICROSOFT
          • Anonimo scrive:
            Re: La mia personale opinione :D

            Voglio dire che basta che qualcuno scriva lo
            screen saver dell'acquario per linux e siamo a
            posto.Quello era solo un esempio per farti capire che le persone non comprano secondo un criterio logico
            A molti interessa anche andare in web, Sai quante persone se non vedono la "E" blu vanno in panico ?
            mandare mail, gia uno che manda email è un cliente evoluto :D
            scrivere qualche appunto e stamparlo,Salve ho comprato il mio pc con SUSE mi da una stampante che supporta questo sistema operativo ?quanta scelta ha il cliente ?
            leggere qualche .doc; bhe vedi che non è proprio la stessa cosa,mi capita di lavorare a file doc li modifico con OOo ma quando cerco di aprirli con Office vedo tutto scazzato
            ormai un linux
            preinstallato e' perfettamente in grado di
            fare
            questo ne' piu' ne meno di XP o
            mac.Si ma tu non tieni in considerazioni vari problemi....come per esempio i vari driver che un produttore non puo includere a causa delle licenze (vedi ati nvida etc)chi è che compra un pc con un sistema operativo menomato ?sai a quante persone frega della libertà ?basta che hanno il digitale terrestre poi per il resto....
          • Anonimo scrive:
            Re: La mia personale opinione :D


            A molti interessa anche andare in web, mandare
            mail, scrivere qualche appunto e stamparlo,
            leggere qualche .doc; ormai un linux
            preinstallato e' perfettamente in grado di fare
            questo ne' piu' ne meno di XP o
            mac.e' un discorso girato in tutte le salse, per queste operazioni qualsiasi OS va piu' che bene, se pero' aggiungi qualcosa d'altro..... ti attacchi e tiri.Vogliamo archiviare le foto, magari metterci qualche filmato....Vogliamo l'ultimo giochino.....Abbiamo visto al supermercato le offerte nel cassone appena dentro......Windows e' sempre presente...... bene o male che sia.......
    • Anonimo scrive:
      Re: La mia personale opinione :D
      - Scritto da:
      WINDOWS = sistema di merda che copre il 95 %(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Uhhmmmm...
    Dunque la grande N che ha stretto un accordo con M$, sta sviluppando un plugin allo scopo di promuovere un prodotto GRATUITO, atto a rimpiazzare uno dei prodotti di picco di M$ stessa ?Mah ... c'è qualcosa che non quadra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Uhhmmmm...
      - Scritto da:
      Dunque la grande N che ha stretto un accordo con
      M$, sta sviluppando un plugin allo scopo di
      promuovere un prodotto GRATUITO, atto a
      rimpiazzare uno dei prodotti di picco di M$
      stessa
      ?e quindi secondo te open office doveva rimpiazzare MSOffice? (rotfl)poveri ingenui, ora capisco perchè voi stallman lovers appendete pulsanti "donate" ovunque... è l'unico modo che vi riesce per tirare qualche spicciolo
      Mah ... c'è qualcosa che non quadra.è il vostro cervello che non quadra, credimi :'(
      • Anonimo scrive:
        Re: Uhhmmmm...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Dunque la grande N che ha stretto un accordo con

        M$, sta sviluppando un plugin allo scopo di

        promuovere un prodotto GRATUITO, atto a

        rimpiazzare uno dei prodotti di picco di M$

        stessa

        ?

        e quindi secondo te open office doveva
        rimpiazzare MSOffice?
        (rotfl)A casa mia l'ha sostituito, anzi si sentiva il bisogno di una suite tipo office ma senza tutte le pesantezze inutili di Office.
        poveri ingenui, ora capisco perchè voi stallman
        lovers appendete pulsanti "donate" ovunque... è
        l'unico modo che vi riesce per tirare qualche
        spicciolo


        Mah ... c'è qualcosa che non quadra.

        è il vostro cervello che non quadra, credimi :'(
        • Anonimo scrive:
          Re: Uhhmmmm...
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          Dunque la grande N che ha stretto un accordo
          con


          M$, sta sviluppando un plugin allo scopo di


          promuovere un prodotto GRATUITO, atto a


          rimpiazzare uno dei prodotti di picco di M$


          stessa


          ?



          e quindi secondo te open office doveva

          rimpiazzare MSOffice?

          (rotfl)

          A casa mia l'ha sostituito, anzi si sentiva il
          bisogno di una suite tipo office ma senza tutte
          le pesantezze inutili di
          Office.
          lascia perdere... a casa tua può andare bene anche wordpad o kofficebeata fanciullezza :$
          • Anonimo scrive:
            Re: Uhhmmmm...
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Dunque la grande N che ha stretto un accordo

            con



            M$, sta sviluppando un plugin allo scopo di



            promuovere un prodotto GRATUITO, atto a



            rimpiazzare uno dei prodotti di picco di M$



            stessa



            ?





            e quindi secondo te open office doveva


            rimpiazzare MSOffice?


            (rotfl)



            A casa mia l'ha sostituito, anzi si sentiva il

            bisogno di una suite tipo office ma senza tutte

            le pesantezze inutili di

            Office.



            lascia perdere... a casa tua può andare bene
            anche wordpad o
            koffice
            beata fanciullezza :$Appunto, peccato che prima di OpenOffice Koffice fosse ben lungi dall'importare i .doc, pretesi da datori di lavoro e pubbliche amministrazioni.Inoltre, correggimi se sbaglio, Koffice non gira cosi' comodamente su windows, senza dover installare un paio di mondi di roba.Quindi secondo te per mandare 2 curricoulum dovrei comprare una Suite come Office 2007 ????Meno male che ci sei tu che sei grande e probabilmente fai il commerciale microsoft.
          • Anonimo scrive:
            Re: Uhhmmmm...
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:




            Dunque la grande N che ha stretto un
            accordo


            con




            M$, sta sviluppando un plugin allo scopo
            di




            promuovere un prodotto GRATUITO, atto a




            rimpiazzare uno dei prodotti di picco di
            M$




            stessa




            ?







            e quindi secondo te open office doveva



            rimpiazzare MSOffice?



            (rotfl)





            A casa mia l'ha sostituito, anzi si sentiva il


            bisogno di una suite tipo office ma senza
            tutte


            le pesantezze inutili di


            Office.






            lascia perdere... a casa tua può andare bene

            anche wordpad o

            koffice


            beata fanciullezza :$

            Appunto, peccato che prima di OpenOffice Koffice
            fosse ben lungi dall'importare i .doc, pretesi da
            datori di lavoro e pubbliche
            amministrazioni.

            Inoltre, correggimi se sbaglio, Koffice non gira
            cosi' comodamente su windows, senza dover
            installare un paio di mondi di
            roba.

            Quindi secondo te per mandare 2 curricoulum
            dovrei comprare una Suite come Office 2007
            ????infatti, a casa tua, per scrivere curriculum e la ricetta di nonna pina basta anche il works 3.0 per msdos

            Meno male che ci sei tu che sei grande e
            probabilmente fai il commerciale
            microsoft.
            ancora non capisci?
          • Anonimo scrive:
            Re: Uhhmmmm...
            - Scritto da:





            Dunque la grande N che ha stretto un

            accordo



            con





            M$, sta sviluppando un plugin allo scopo

            di





            promuovere un prodotto GRATUITO, atto a





            rimpiazzare uno dei prodotti di picco di

            M$





            stessa





            ?









            e quindi secondo te open office doveva




            rimpiazzare MSOffice?




            (rotfl)







            A casa mia l'ha sostituito, anzi si sentiva
            il



            bisogno di una suite tipo office ma senza

            tutte



            le pesantezze inutili di



            Office.









            lascia perdere... a casa tua può andare bene


            anche wordpad o


            koffice




            beata fanciullezza :$



            Appunto, peccato che prima di OpenOffice Koffice

            fosse ben lungi dall'importare i .doc, pretesi
            da

            datori di lavoro e pubbliche

            amministrazioni.



            Inoltre, correggimi se sbaglio, Koffice non gira

            cosi' comodamente su windows, senza dover

            installare un paio di mondi di

            roba.



            Quindi secondo te per mandare 2 curricoulum

            dovrei comprare una Suite come Office 2007

            ????

            infatti, a casa tua, per scrivere curriculum e la
            ricetta di nonna pina basta anche il works 3.0
            per
            msdosE tutti gli uffici e le pubbliche amministrazioni leggono il formato di works 3.0 ??? Interessante (rotfl)

            Meno male che ci sei tu che sei grande e

            probabilmente fai il commerciale

            microsoft.
            ancora non capisci?Forse ti spieghi male...
          • Anonimo scrive:
            Re: Uhhmmmm...
            - Scritto da:
            E tutti gli uffici e le pubbliche amministrazioni
            leggono il formato di works 3.0 ??? Interessante
            (rotfl)
            Con works 3.0 salvavi in rtf o anche in doc e lo davi a tutti il file.
          • Anonimo scrive:
            Re: Uhhmmmm...
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            E tutti gli uffici e le pubbliche

            amministrazioni leggono il formato

            di works 3.0 ??? Interessante

            (rotfl)
            Con works 3.0 salvavi in rtf o anche in doc e lo
            davi a tutti il file.Si sta parlando di adesso...La gente ti manda le cose in formato .doc di Office XP.
          • Anonimo scrive:
            Re: Uhhmmmm...
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            E tutti gli uffici e le pubbliche


            amministrazioni leggono il formato


            di works 3.0 ??? Interessante


            (rotfl)


            Con works 3.0 salvavi in rtf o anche in doc e lo

            davi a tutti il file.

            Si sta parlando di adesso...
            La gente ti manda le cose in formato .doc di
            Office
            XP.per leggere un file doc basta il lettore gratuito, per modificarlo basta Open office, per lavorare seriamente in ufficio è necessario MsOffice, checchè ne dicano i fanatici dell'open source
          • Anonimo scrive:
            Re: Uhhmmmm...
            - Scritto da:



            E tutti gli uffici e le pubbliche



            amministrazioni leggono il formato



            di works 3.0 ??? Interessante



            (rotfl)


            Con works 3.0 salvavi in rtf o anche


            in doc e lo davi a tutti il file.

            Si sta parlando di adesso...

            La gente ti manda le cose in formato .doc di

            Office

            XP.
            per leggere un file doc basta il lettore
            gratuito, per modificarlo basta Open office, Ma guarda: e' proprio quello che si diceva in questo tread.
            per lavorare seriamente in ufficio è
            necessario MsOffice, checchè ne dicano i
            fanatici dell'open sourceDipende da cosa devi farci...Tu per che usi hai bisogno di Office in ufficio ??
    • Anonimo scrive:
      Re: Uhhmmmm...
      - Scritto da:
      Dunque la grande N che ha stretto un accordo con
      M$, sta sviluppando un plugin allo scopo di
      promuovere un prodotto GRATUITO, atto a
      rimpiazzare uno dei prodotti di picco di M$
      stessa ?Microsoft deve concedere qualche cosa, altrimenti si ritrova a dar testate a muri politici sempre più spessi.Il compromesso meno dannoso per loro è continuare a vendere MS Office, dichiarando al mondo che tanto consente di comunicare con il formato ODS (tempo fa hanno parlato di un plug-in, ma di default non installato) e che il suo formato Open XML "di fatto" è leggibile dai più diffusi prodotti concorrenti (grazie a Novell).La mossa difende per quanto possibile la sopravvivenza dei formati legati a MS.
    • Anonimo scrive:
      Re: Uhhmmmm...
      - Scritto da:
      Dunque la grande N che ha stretto un accordo con
      M$, sta sviluppando un plugin allo scopo di
      promuovere un prodotto GRATUITO, atto a
      rimpiazzare uno dei prodotti di picco di M$
      stessa
      ?OOo non è un prodotto per così dire 'propriamente affidabile'. E' afflitto da molti bug, anche banalissimi. Basta dare un'occhiata all'issue tracker del sito per accorgersi che molti problemi si trascinano da ormai moltissimo tempo e non è prevista una loro risoluzione nel breve periodo. In più c'è ormai questa cattiva abitudine di accessoriare la suite office per farla apparire all'altezza della concorrenza. Giusto per fare un'allegoria: è come se un'azienda automobilistica afflitta da problemi di affidabilità, che produce automobili con difetti anche banali (lo sterzo si stacca dal piantone, sterza male a sinistra, la centralina fa le bizze, frena tardi e in maniera scomposta) decida che la strategia migliore per restare sul mercato è seguire le evoluzioni del prodotto che la concorrenza introduce o ha introdotto. Così, l'azienda produrrà ancora auto difettose (lo sterzo si stacca dal piantone, sterza male a sinistra, la centralina fa le bizze, frena tardi e in maniera scomposta) ma almeno potrà dire di aver introdotto l'ABS, gli airbag e altre amenità varie sul proprio modello. Quel che davvero tiene a galla OOo è la gratuità, e che costuisce l'unico prodotto open-source/gtatuito nel campo suite office degno di nota. Se fosse solo a pagamento non se lo cagherebbe nessuno.Giusto per evitare di tirarmi addosso le ire di molti e gli applausi di altri (lo sport più praticato in questo forum), mi permetto di allungare un tantino il brodo per dare una spiegazione più completa. OOo non è il mondo open source o mondo del sw libero come dir si voglia, ne è solo una incarnazione. Ed è una incarnazione anomala, nel senso che a dispetto di molti altri progetti cresciuti nella comunità, questo invece nasce come sw proprietario, poi acquisito da Sun e rilasciato sotto licenza LGPL. Attualmente, la maggioranza dei developers impegnati nella difficile opera di implementazione/debugging del codice sono prezzolati da Sun. Certo, adesso c'è anche Novell al lavoro sul codice, ma il suo lavoro si sta limitando alla implementazione di caratteristiche che favoriscano una migrazione più indolore da MSOffice a OOo (supporto alle VBA e a OpenXML). Non c'è quel che nella "Cattedrale e il bazaar" di Raymond definisce "i tanti occhi che guardano il problema e lo risolvono", l'esortazione a mantenere il codice aperto e libero in modo che ognuno possa darci un'occhiata, e fra i tanti uno salterà fuori con la soluzione al problema. Forse un limite del sw libero è proprio questo: finché rimane relegato all'interno di comunità colte e preparate ad affrontare i problemi informatici (ad esempio nelle università americane come M.I.T., Stanford, Carnegie Mellon ecc...) il sistema resta efficiente perché gli occhi sono allenati a "leggere un codice sorgente" non alla portata di chiunque e le menti sono preparate a dare soluzioni a problemi algoritmici. In questo contesto il sw può trovare prosperità. Ma cosa accade se lo stesso codice poi viene scaricato da centinaia di milioni di persone sparse per il mondo, dalla casalinga di Voghera al figlio tredicenne del ragioniere di Siracusa? A centinaia di milioni di paia di occhi non corrispondono altrettante menti capaci. Le esigenze aumentano ma le risorse umane al lavoro rimangono le medesime. In più, rispetto ad altri sw liberi, OOo ha dalla sua il fatto che la comunità non ha mai visto di buon occhio questo progetto marchiato Sun. Non quando gli sviluppatori hanno deciso di utilizzare Java come linguaggio per scrivere porzioni di codice (Java è della Sun), tirandosi addosso gli anatemi di molti, tra cui Stallman.Discorso diverso deve farsi in riferimento ad altri progetti del sw libero. Mi raccomando, prima d'insultarmi tenete conto di queste ultime due frasi.
    • Solvalou scrive:
      Spiegazione.
      L'accordo Novell MS in teoria e' aria fritta perche' MS si astiene dal far causa agli utenti che usano prodotti Novell, il che non mette al riparo gli altri da cause per violazione di brevetti banali.Pero' crea un'alleanza tra Novell e MS che permette a Novell di non rischiare tanto di avere rogne da MS.Cosa fa quindi Novell? da una parte toglie sviluppatori a un progetto open source che avrebbe fatto concorrenza ad exchange, dall'altra contribuisce funzionalita' a openoffice per le macro di excel e ora per openxml.La comunita' del free software non adottera' il codice contribuito da novell perche' non sa quale di esso usi brevetti per cui novell non ha casini dato il suo accordo con microsoft ma che possono mandare in rogne infinite gli altri.Sara' anche difficile fare clean room implementations delle stesse funzionalita' perche' li si potra' accusare di avere comunque copiato dal source di novell.Risultato, stop all'interoperabilita' di openoffice con office, frammentazione delle offerte open con confusione tra open source, open source contaminato da brevetti, open source che reimplementa cose gia' disponibili.
  • Anonimo scrive:
    NOVELL NON VERRA' PERDONATA
    LA COMUNITA' NELLA QUALE FACCIO PARTE NON HA ALCUNA INTENZINOE DI PERDONARE IL GESTO CROCIATO DI UNA SOCIETA' CAPITALISTICA CHE SCENDE A PATTI CON IL DIAVOLOLINUX E LA SUA SPADA OPEN SOURCE LOTTERANNO FINO ALLA FINE, FINO A QUANDO IL DENARO, IL PROFITTO, IL BENESSERE ARTIFICIOSO DELL'OCCIDENTE VERRANNO BANDITI ASSIEME A TUTTI I LORO IDOLI GUERRAFONDAIRIMANE ANCORA POCHISSIMO TEMPO PER RIMETTERSI NEI BINARI ORDINARI, ACCETTATE LINUX O SAREMO COSTRETTI A PRENDERE PROVVEDIMENTI(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: NOVELL NON VERRA' PERDONATA
      - Scritto da:
      LA COMUNITA' NELLA QUALE FACCIO PARTE NON HA
      ALCUNA INTENZINOE DI PERDONARE IL GESTO CROCIATO
      DI UNA SOCIETA' CAPITALISTICA CHE SCENDE A PATTI
      CON IL
      DIAVOLO

      LINUX E LA SUA SPADA OPEN SOURCE LOTTERANNO FINO
      ALLA FINE, FINO A QUANDO IL DENARO, IL PROFITTO,
      IL BENESSERE ARTIFICIOSO DELL'OCCIDENTE VERRANNO
      BANDITI ASSIEME A TUTTI I LORO IDOLI
      GUERRAFONDAI

      RIMANE ANCORA POCHISSIMO TEMPO PER RIMETTERSI NEI
      BINARI ORDINARI, ACCETTATE LINUX O SAREMO
      COSTRETTI A PRENDERE
      PROVVEDIMENTI

      (linux)(linux)(linux)(linux)(linux)Te hai qualche serio problema ...
    • Anonimo scrive:
      Re: NOVELL NON VERRA' PERDONATA
      Guarda puoi scrivere anche in minuscolo che la gente ti capisce comunque.Ti appartiene un senso di superiorita' evidente??
  • Anonimo scrive:
    mi sa tanto di EEE
    una pratica sconosciuta alla M$http://en.wikipedia.org/wiki/Embrace%2C_extend%2C_and_extinguish
  • Anonimo scrive:
    Bye Bye Open Office
    Welcome Microsoft Office 2007
    • Anonimo scrive:
      Re: Bye Bye Open Office
      - Scritto da:
      Welcome Microsoft Office 2007Bhe, per quello che devo fare io mi basta OpenOffice, ma se me lo paghi installo Office 2007.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bye Bye Open Office
        - Scritto da:
        Bhe, per quello che devo fare io mi basta
        OpenOffice, ma se me lo paghi installo Office
        2007.Proprio per questo esistono diverse versioni di Office 2007. Comprati la basic
        • Anonimo scrive:
          Re: Bye Bye Open Office
          - Scritto da:
          - Scritto da:

          Bhe, per quello che devo fare io mi basta

          OpenOffice, ma se me lo paghi installo Office

          2007.
          Proprio per questo esistono diverse versioni di
          Office 2007. Comprati la
          basicPerche' devo pagare e comprare quando posso fare la stessa cosa gratis ???Se me la regali la installo, e' il massimo che posso fare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Bye Bye Open Office
            - Scritto da:


            Bhe, per quello che devo fare io mi basta


            OpenOffice, ma se me lo paghi installo


            Office 2007.

            Proprio per questo esistono diverse versioni

            di Office 2007. Comprati la basic
            Perche' devo pagare e comprare quando posso
            fare la stessa cosa gratis ???
            Se me la regali la installo, e' il massimo che
            posso fare.Da buon M$Fan ti dara' una copia pirata (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: Bye Bye Open Office
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Bhe, per quello che devo fare io mi basta


            OpenOffice, ma se me lo paghi installo Office


            2007.


            Proprio per questo esistono diverse versioni di

            Office 2007. Comprati la

            basic

            Perche' devo pagare e comprare quando posso fare
            la stessa cosa gratis
            ???
            Se me la regali la installo, e' il massimo che
            posso
            fare.se stampi letterine o lo usi per scopo didattico, open office va benissimo, ma non è un prodotto professionale, con buona pace dei linari
          • Anonimo scrive:
            Re: Bye Bye Open Office
            - Scritto da:



            Bhe, per quello che devo fare io mi



            basta OpenOffice, ma se me lo paghi



            installo Office 2007.


            Proprio per questo esistono diverse


            versioni di Office 2007. Comprati la


            basic

            Perche' devo pagare e comprare quando

            posso fare la stessa cosa gratis ???

            Se me la regali la installo, e' il

            massimo che posso fare.
            se stampi letterine o lo usi per scopo
            didattico, open office va benissimo, ma
            non è un prodotto professionale, con buona
            pace dei linariMentre la basic di openoffice s'e' professionale !!!! (voce alla Natalino Balasso) (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Bye Bye Open Office
      - Scritto da:
      Welcome Microsoft Office 2007Ah, si!Sei lo stesso trollone che scrisse"Bye bye linux - Welcome Win Vista"(rotfl)(rotfl)(rotfl)Che GNUranza... :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Bye Bye Open Office
        - Scritto da:
        Ah, si!
        Sei lo stesso trollone che scrisse
        "Bye bye linux - Welcome Win Vista"mi hai sgamato :-o
        • Anonimo scrive:
          Re: Bye Bye Open Office
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Ah, si!

          Sei lo stesso trollone che scrisse

          "Bye bye linux - Welcome Win Vista"

          mi hai sgamato :-oEh si, sono stato proprio bravo!Visto che acume?Quasi all'altezza del tuo... (rotfl)
    • outkid scrive:
      Re: Bye Bye Open Office
      ma sta roba del bye bye non fa ridere.perche' tutti la dicono?
  • Anonimo scrive:
    OpenXML: 8000 pagine di specifiche
    OpenXML non è un formato aperto...Chi è in grado di sviluppare un convertitore a partire da specifiche di quel genere?Quante implementazioni OpenXML ci sono al mondo? Una sola: Microsoft Office.
    • ciko scrive:
      Re: OpenXML: 8000 pagine di specifiche

      Quante implementazioni OpenXML ci sono al mondo?
      Una sola: Microsoft
      Office.
      a quanto pare a breve saranno 2...comunque occorre boicottare novell... continua a dare colpi bassi alla comunita', alla quale dovrebbe essere solo GRATA!!! non venitemi a dire che "e' meglio avere scelta", perche' un simile accrocchio non fa altro che tentare di riaffermare lo standard "de facto" .doc, proprio nel momento in cui tutti vogliono migrare a ODF
      • outkid scrive:
        Re: OpenXML: 8000 pagine di specifiche
        il problema non e' chi stabilisce uno standard.l'importante e' che esso sia aperto.se io invento la ruota e tu preferisci utilizzare un dodecagono il problema e' tuo.. specie se non pretendo che tu mi paghi il "pizzo".
        • nattu_panno_dam scrive:
          Re: OpenXML: 8000 pagine di specifiche
          - Scritto da: outkid
          il problema non e' chi stabilisce uno standard.
          l'importante e' che esso sia aperto.
          se io invento la ruota e tu preferisci utilizzare
          un dodecagono il problema e' tuo.. specie se non
          pretendo che tu mi paghi il
          "pizzo".Apparte che stabilire quale sia il dodecagono senza aver usato bene entrambi i formati è impossibile, come è impossibile sapere se un giorno M$ decida diversamente.
          • outkid scrive:
            Re: OpenXML: 8000 pagine di specifiche
            infatti, magari lo standard microsoft contempla piu' features.. anzi sicuramente dal momento che c'e' molta piu' gente a lavorarci. magari si puo' usare lo standard sulla quale costruire un'app comunitaria piu' efficente. questo volevo dire. poi vabe'.. la questione delle licenze la lasciamo agli avvocati ma io credo che se rende libero uno standard puo' al massimo chiuderlo ed estenderlo in seguito ma non tornare a chiuderlo e pretendere che non venga piu' utilizzato.. sarebbe come se io ti regalassi una macchina, tu fai il passaggio di proprieta', e poi pretendo che tu me la ridia indietro. poi.. who knows: nn sn un legale.
            Apparte che stabilire quale sia il dodecagono
            senza aver usato bene entrambi i formati è
            impossibile, come è impossibile sapere se un
            giorno M$ decida
            diversamente.
    • mythsmith scrive:
      Re: OpenXML: 8000 pagine di specifiche
      E poi figurati: Novell, alleata di microsoft, sviluppa un prodotto direttamente concorrente a quelli di ms stessa. Ma per piacere! Verrà fuori sicuramente il solito filtro: "Apri File OpenXML*""Salva in Formato OpenXML*" * Con qualche PICCOLA differenza rispetto a come fa M$
  • Anonimo scrive:
    100 milioni?
    Forse i download effettuati...Io non conosco nessuno che utilizzi OpenOffice, magari lo hanno installato ma poi eliminato.Qualcuno invece utilizza StarOffice.Certo, le statistiche non si fanno solo con chi conosco io, solo che mi sembra un dato un pò altino...
    • Anonimo scrive:
      Re: 100 milioni?
      - Scritto da:
      Forse i download effettuati...

      Io non conosco nessuno che utilizzi OpenOffice,
      magari lo hanno installato ma poi
      eliminato.

      Qualcuno invece utilizza StarOffice.

      Certo, le statistiche non si fanno solo con chi
      conosco io, solo che mi sembra un dato un pò
      altino...Io uso OpenOffice.Ho fatto un solo download della versione 2.0.L'ho distribuito in giro a parenti, clienti, amici su CD, e lo usano soddisfatti!!Questo genere di istallazioni qui come le conti? :)Il fatto è che nessuno può dire esattamente quanto sia diffuso, come qualsiasi altro software.Il fatto è che se un software si fa strada sostituendone uno ultra affermato un motivo c'è sempre, e può essere già di per se considerato un successo. Vedi anche Firefox, Thunderbird... ecc eccPoi i numeri lasciamoli agli esperti di marketting....
    • FDG scrive:
      Re: 100 milioni?
      - Scritto da:
      Forse i download effettuati...

      Io non conosco nessuno che utilizzi OpenOfficeMi presento: io uso OpenOffice.
      • Anonimo scrive:
        Re: 100 milioni?
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da:

        Forse i download effettuati...

        Io non conosco nessuno che utilizzi OpenOffice
        Mi presento: io uso OpenOffice.Anche io, da quando l'aggiornamento di Office 2003 ha sgamato l'installazione piratonzola non ci ho pensato 2 volte a disinstallarlo, e con OpenOffice adesso mi trovo benissimo.
        • outkid scrive:
          Re: 100 milioni?
          qualcuno che usa staroffice? ed a che pro pagare un'implementazione molto simile ad openoffice?
          • Anonimo scrive:
            Re: 100 milioni?
            - Scritto da: outkid
            qualcuno che usa staroffice? No, qui tanti usano openoffice.
            ed a che pro pagare un'implementazione molto
            simile ad openoffice?PErche' e' simile e non uguale, alcune caratteristiche a pagamento sono probabilmente interessanti. Inoltre c'e' l'assistenza Sun.
    • Anonimo scrive:
      Re: 100 milioni?
      - Scritto da:
      Forse i download effettuati...

      Io non conosco nessuno che utilizzi OpenOffice,
      magari lo hanno installato ma poi
      eliminato.Io lo uso sul mio PC con moglie e due figli; quattro famiglie di amici a cui ho dato supporto lo utilizzano abitualmente. Ma non ci conosci, quindi immagino non valga per cambiare la tua statistica. :D
      Certo, le statistiche non si fanno solo con chi
      conosco io, solo che mi sembra un dato un pò
      altino...Hai mai notato quanto siano alti i dati di installato di Windows appena esce una nuova versione? Eppure migliaia di PC nelle aziende non vengono aggiornati finchè non vengono sostituiti, e spesso le aziende decidono per molti mesi di continuare a installare il prodotto precedente (per uniformità di gestione, per aspettare la soluzione di alcune incompatibilità, ecc.).Mi risulta che all'epoca dell'introduzione di XP Microsoft vendeva (e conteggiava) tutte le nuove licenze aziendali come "XP", anche se il cliente aveva facoltà di continuare a installare legalmente Win2000 al suo posto. Inoltre AFAIK nelle licenze OEM i numeri pubblicizzati riguardano l'accordo complessivo con il produttore HW, anche molti mesi prima che il software venga realmente installato sul PC - all'atto dell'effettiva produzione di quel lotto. Dice il saggio: i numeri del marketing sono come le spezie per lo chef: se ne usano troppe in un piatto, forse hanno un sapore cattivo da mascherare. ;) P.S. (E già che ci siete, diffidate dei cocktails che vi consigliano di bere ghiacciati: il ghiaccio è il miglior amico del barista!).
  • Anonimo scrive:
    i muli hanno lavorato anche per il draga
    i muli hanno lavorato anche per il draga e stallman ringrazia
    • Anonimo scrive:
      Re: i muli hanno lavorato anche per il d
      - Scritto da:
      i muli hanno lavorato anche per il draga e
      stallman
      ringraziaRingraziano Stallman perché, grazie alla GPL, aziende come Novell e Microsoft non possono chiudere quello che è stato diffuso come software libero. E così il lavoro fatto rimane nella comunità e può continuare a vivere.
    • FDG scrive:
      Re: i muli hanno lavorato anche per il d
      - Scritto da:
      i muli hanno lavorato anche per il draga e
      stallman ringraziaE i troll per chi lavorano?
      • Anonimo scrive:
        Re: i muli hanno lavorato anche per il d
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da:


        i muli hanno lavorato anche per il draga e

        stallman ringrazia

        E i troll per chi lavorano?Per Microsoft e tutte le pseudoaziende sparagestionali VB che temono la crescita dell'open source
  • Anonimo scrive:
    Vai Novell!!
    Bene così fai vedere che non ti vendi a nessuno!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Vai Novell!!
      - Scritto da:
      Bene così fai vedere che non ti vendi a
      nessuno!!!!questa è bella (rotfl)forse ti è sfuggito qualcosa ma è da un bel pezzo che si è venduta, se non fosse per la GPL avrebbe già lucchettato tutto...
    • leone2000 scrive:
      Re: Vai Novell!!
      rotfl!!!! (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)novell non si è venduta alla ms, --http://www.leone2000.net
    • Anonimo scrive:
      Re: Vai Novell!!
      Hanno già trovato un nome per la prossima versione di OpenOffice edita da Novell:PatentOffice.
  • Anonimo scrive:
    Basta che sia OPen Source
    Se nò Novell si potrà attaccare al tram.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta che sia OPen Source
      Comunque sia si può attaccare al tram (anzi se lo prende in pieno è meglio....)
      • outkid scrive:
        Re: Basta che sia OPen Source
        nn vedo niente di male per l'utente finale se non il vantaggio di poter riconvertire i documenti.e' liberta' anche lasciare campo a chi per un motivo o per un altro vuole utilizzare applicazioni proprietarie.- Scritto da:
        Comunque sia si può attaccare al tram (anzi se lo
        prende in pieno è
        meglio....)
    • FDG scrive:
      Re: Basta che sia OPen Source
      - Scritto da:
      Se nò Novell si potrà attaccare al tram.Brevetti?
  • Anonimo scrive:
    ODF Standard ISO
    Esiste un formato standarizzato e Microsoft ne crea uno suo.Ma siamo sempre alle solite?
    • Anonimo scrive:
      Re: ODF Standard ISO
      - Scritto da:
      Esiste un formato standarizzato e Microsoft ne
      crea uno suo.Ma siamo sempre alle
      solite?CaXXo ce frega di quello che fa microsoft!Per me non esiste più nemmeno la microsoft.
    • Anonimo scrive:
      Re: ODF Standard ISO
      - Scritto da:
      Esiste un formato standarizzato e Microsoft ne
      crea uno suo.Ma siamo sempre alle solite?
      Crea una alternativa per evitare il monopolio di quel formato, cosa c'è di male...anzi.
      • Anonimo scrive:
        Re: ODF Standard ISO
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Esiste un formato standarizzato e Microsoft ne

        crea uno suo.Ma siamo sempre alle solite?


        Crea una alternativa per evitare il monopolio di
        quel formato, cosa c'è di male...anzi.
        Beh dai il formato non e' un'applicazione.Poi come standard ISO e' aperto e documentato quindi non vedo la necessita' di farne altri.Eh il vizietto e' duro da perdere.....
        • Anonimo scrive:
          Re: ODF Standard ISO

          Beh dai il formato non e' un'applicazione.Poi
          come standard ISO e' aperto e documentato quindi
          non vedo la necessita' di farne altri.Eh il
          vizietto e' duro da
          perdere.....
          Ma a te che noia da se qualcuno decide di farsi un formato per conto suo, a me piace poter scegliere. Nessuno ti obbliga ad usarlo se non vuoi.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:

            Beh dai il formato non e' un'applicazione.Poi

            come standard ISO e' aperto e documentato quindi

            non vedo la necessita' di farne altri.Eh il

            vizietto e' duro da

            perdere.....


            Ma a te che noia da se qualcuno decide di farsi
            un formato per conto suo, a me piace poter
            scegliere. Nessuno ti obbliga ad usarlo se non
            vuoi.Sinceramente non ne capisco il senso e l'utilita' ed e' questo il problema.Permetti che sia sospettoso almeno finche' microsoft non dimostrera' di collaborare con gli standard.Ha il monopolio e questo e' un grosso problema per tutti,anche per lei.Il monopolio ha il difetto di rendere standard de facto qualsiasi cosa che non lo sia.Vedremo quanto durera' l'interoperatibilita' perfetta fra i due standard.Si badi bene,che nessuno vuole per il futuro dover ritornare ad usare MS Office e quindi Windows perche' microsoft ha esteso in maniera incompatibile openXML....
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO

            Sinceramente non ne capisco il senso e
            l'utilita' ed e' questo il problema.
            E quindi se una cosa a te non serve non deve esistere. Lo stesso varra per me e per tutti immagino o ritieni di essere l'arbitro del mondo?
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:

            Sinceramente non ne capisco il senso e

            l'utilita' ed e' questo il
            problema.


            E quindi se una cosa a te non serve non deve
            esistere. Lo stesso varra per me e per tutti
            immagino o ritieni di essere l'arbitro del
            mondo?Sai molto bene che non e' cosi' e non mi permetterei mai di considerarmi tale,in nessuna situazione,spero che sia chiaro.E' solo un ragionamento logico che credo facciano in molti,considerando i leggittimi dubbi dettati dalla storia recente.Il resto credo di averlo gia' motivato.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO

            Sai molto bene che non e' cosi' e non mi
            permetterei mai di considerarmi tale,in nessuna
            situazione,spero che sia chiaro.E' solo un
            ragionamento logico che credo facciano in
            molti,considerando i leggittimi dubbi dettati
            dalla storia recente.Il resto credo di averlo
            gia' motivato.
            Io credo che a molti faccia piacere avere una alternativa valida o meno che sia .Visto poi che non limita le tue scelte non capisco il motivo per il quale la cosa ti infastidisca. Non ti piace non lo usi. Ci sono miriadi di programmi, so, automobili e tostapane che trovo inutili PER ME e non mi da assolutamente nessun fastidio che esistano.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:

            Sai molto bene che non e' cosi' e non mi

            permetterei mai di considerarmi tale,in nessuna

            situazione,spero che sia chiaro.E' solo un

            ragionamento logico che credo facciano in

            molti,considerando i leggittimi dubbi dettati

            dalla storia recente.Il resto credo di averlo

            gia' motivato.


            Io credo che a molti faccia piacere avere una
            alternativa valida o meno che sia .Visto poi che
            non limita le tue scelte non capisco il motivo
            per il quale la cosa ti infastidisca. Non ti
            piace non lo usi. Ci sono miriadi di programmi,
            so, automobili e tostapane che trovo inutili PER
            ME e non mi da assolutamente nessun fastidio che
            esistano.Se fosse stata qualunque altra societa' a proporlo molti non avrebbero avuto dubbi e perplessita'.Non credo tu possa prescindere dalla realta' di questi ultimi dieci anni.Voglio sperare che questa volta sia un falso allarme.
          • FDG scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:
            Io credo che a molti faccia piacere avere una
            alternativa validaNon è vero.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:

            Sai molto bene che non e' cosi' e non mi

            permetterei mai di considerarmi tale,in nessuna

            situazione,spero che sia chiaro.E' solo un

            ragionamento logico che credo facciano in

            molti,considerando i leggittimi dubbi dettati

            dalla storia recente.Il resto credo di averlo

            gia' motivato.


            Io credo che a molti faccia piacere avere una
            alternativa valida o meno che sia .Visto poi che
            non limita le tue scelte non capisco il motivo
            per il quale la cosa ti infastidisca. Non ti
            piace non lo usi. Ci sono miriadi di programmi,
            so, automobili e tostapane che trovo inutili PER
            ME e non mi da assolutamente nessun fastidio che
            esistano.Limita le mie scelte e come!A me capita continuamente di dover consegnare documenti, moduli, e quant'altro esclusivamente in formato .doc, solo perchè la pubblica amministrazione (o chi richiede il modulo) ha montato Office su tutti i suoi PC!Dimmi tu che possibilità di scelta ho...
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO

            Limita le mie scelte e come!
            A me capita continuamente di dover consegnare
            documenti, moduli, e quant'altro esclusivamente
            in formato .doc, solo perchè la pubblica
            amministrazione (o chi richiede il modulo) ha
            montato Office su tutti i suoi
            PC!
            Dimmi tu che possibilità di scelta ho...
            Se invece montava open office invece c'erano ampie scelte eh.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:
            Se invece montava open office invece c'erano
            ampie scelte
            eh.Esatto, perchè ODF è uno STANDARD !Chiunque può implementarlo.Ma invece no!! MS deve imporre il suo di standard, altrimenti come guadagna?? @^
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Se invece montava open office invece c'erano

            ampie scelte

            eh.
            Esatto, perchè ODF è uno STANDARD !
            Chiunque può implementarlo.
            Ma invece no!! MS deve imporre il suo di
            standard, altrimenti come guadagna??
            @^
            In comune io e MS abbiamo che lavoriamo per guadagnare.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Se invece montava open office invece c'erano


            ampie scelte


            eh.

            Esatto, perchè ODF è uno STANDARD !

            Chiunque può implementarlo.

            Ma invece no!! MS deve imporre il suo di

            standard, altrimenti come guadagna??

            @^


            In comune io e MS abbiamo che lavoriamo per
            guadagnare.E vivi solo per quello, con qualunque mezzo, come MS ?
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Se invece montava open office invece c'erano


            ampie scelte


            eh.

            Esatto, perchè ODF è uno STANDARD !

            Chiunque può implementarlo.

            Ma invece no!! MS deve imporre il suo di

            standard, altrimenti come guadagna??

            @^


            In comune io e MS abbiamo che lavoriamo per
            guadagnare.Se è per questo anche i ladri rubano per guadagnare.Il problema è che mentre in altri ambiti tutte le aziende cercano di rientrare negli standard (anche perchè altrimenti avrebbero problemi), in informatica MS abusa della sua posizione dominante per imporre i suoi standard. In questo modo crea dipendenza e tutti sono costretti a comprare i suoi software.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO

            Il problema è che mentre in altri ambiti tutte le
            aziende cercano di rientrare negli standard
            (anche perchè altrimenti avrebbero problemi), in
            informatica MS abusa della sua posizione
            dominante per imporre i suoi standard. In questo
            modo crea dipendenza e tutti sono costretti a
            comprare i suoi software.
            Quindi anche tu che rientri nel "tutti" compri prodotti MS. Bravo.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO

            Il problema è che mentre in altri ambiti tutte le
            aziende cercano di rientrare negli standardProva a chiedere di Siemens poi ne riparliamo.Heidenhain ti dice niente?
            (anche perchè altrimenti avrebbero problemi), in
            informatica MS abusa della sua posizione
            dominante per imporre i suoi standard. In questo
            modo crea dipendenza e tutti sono costretti a
            comprare i suoi
            software.Se i clienti ( sopratutto quelli grandi ) non sono in grado di avere uno standard e' colpa loro.Si arrangiano.....
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:
            Prova a chiedere di Siemens poi ne riparliamo.Vuoi paragonare la posizione di Microsoft con quella di Siemens??
            Heidenhain ti dice niente?Onestamente no. :$
            Se i clienti ( sopratutto quelli grandi ) non
            sono in grado di avere uno standard e' colpa
            loro.
            Si arrangiano.....Lo standard esiste!! Potrebbero tranquillamente usare ODF, ma in questo modo perderebbero il vantaggio che hanno, ovvero:* Prendere il "pizzo" per i brevetti sui loro formati proprietari* Lavorare su un formato fatto su misura per il loro software (se il formato è chiuso poi, ancora meglio!)
      • Anonimo scrive:
        Re: ODF Standard ISO
        - Scritto da:
        Crea una alternativa per evitare il monopolio di
        quel formato, cosa c'è di male...anzi.
        Il monopolio di un formato ISO Standard e non coperto da brevetti è un pericolo per l'umanità. Meno male che c'è Microsoft che ci protegge.
        • Anonimo scrive:
          Re: ODF Standard ISO

          Il monopolio di un formato ISO Standard e non
          coperto da brevetti è un pericolo per l'umanità.
          Meno male che c'è Microsoft che ci
          protegge.
          E quando le alternative le crea MS viva il monopolio eh.
          • ciko scrive:
            Re: ODF Standard ISO

            E quando le alternative le crea MS viva il
            monopolio
            eh. a te sfugge qualcosa...uno standard ISO, NON e' un monopolio; questo per definizione: uno standard ISO e' qualcosa che tutti possono adottare senza pagare royalties (diritti per la proprieta' intellettuale - pizzo) e senza dover richiedere autorizzazione a nessuno. Uno standard "de facto" come i formati di MS mettono il cappio alla concorrenza perche' solo MS decide chi puo' produrre cosa con i suoi formati, ed e' questo il male, perche' ovviamente Microsoft ha tutto l'interesse che prodotti migliori (non mi sto riferendo a nessun prodotto in particolare) vengano castrati per non togliere mercato a MSOffice...
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO

            uno standard ISO, NON e' un monopolio; questo per
            definizione: uno standard ISO e' qualcosa che
            tutti possono adottare senza pagare royalties
            (diritti per la proprieta' intellettuale - pizzo)
            e senza dover richiedere autorizzazione a
            nessuno.Scusate ma vi sfugge un *piccolissimo* particolare: il formato OpenXML è in attesa di essere inviato agli enti competenti per la standardizzazione ISO/IEC, attualmente è in fase di revisione presso l'ECMA dopo che sono state completate le specifiche definitive del formato stesso. Se non ci credete andate sul sito dell'ECMA a controllare, poi sicuramente non basterà nemmeno questo a chi vuole essere contro MS a prescindere ma questo è tutto un altro paio di maniche.Personalmente apprezzo il fatto di avere sia uno che l'altro formato a disposizione, io voglio poter scegliere quello che voglio da parte di chi voglio. BTW esisterà un plugin free (mi pare anche opensource, ma non ricordo di preciso) per Office 2007 per convertire da OpenXML a ODF.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO

            BTW esisterà un plugin free (mi pare
            anche opensource, ma non ricordo di preciso) per
            Office 2007 per convertire da OpenXML a
            ODF.... che poi sarebbe quello detto dallo stesso articolo, mi quoto da solo :)
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            Bravo, e adesso non rompere più i maroni
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO

            Scusate ma vi sfugge un *piccolissimo*
            particolare: il formato OpenXML è in attesa di
            essere inviato agli enti competenti per la
            standardizzazione ISO/IEC, attualmente
            [...]E' questo il problema. Perchè?Non sono un esperto di reti; ma ricordo perfettamente quando, nel 1995 Microsoft con standard già collaudati a disposizione decise di proporre "Microsoft Network" in contraposizione ad Internet.Perchè? Che vantaggio ne avrebbero tratto gli utenti con due standard non perfettamente compatibili?Non sarebbe stato forse una limitazione delle loro possibilità?Non sarebbe stato un modo per creare dipendenza e/o sudditanza ai protocolli/prodotti Microsoft?Uno standard codiviso, come il POP3, ci consente di scaricare la posta con qualsiasi client. Di costruircene uno se sappiamo programmare, di non dipendere dal produttore e, di conseguenza, di essere liberi di fruire sempre dei nostri, ripeto nostri, dati.Serve un altro esempio?Non sono un appasionato di calcio; ma ricordate qualche anno fa che il calcio era trasmesso da Stream e D+? Che vantaggio ne avevano i consumatori dall'aveve alternative?E non parlo dei contenuti ma del fatto che le due società adottavano 2 decoder diversi con smartcard diverse.Questo obbligava l'appasionato ad avere 2 apparecchi con spreco di spesa (anche se erano solo qualche decina di migliaia di lire).Avere alternative è positivo solo se hanno il formato in comune. Altrimenti diventa, comunque, una limitazione.Semplicemente perchè se un amico, un collega, un cliente mi manda un documento in OpenOffice da modificare posso installarmi il prodotto senza spesa.Mentre il contrario rimane una scelta tra:* comprare Microsoft Office* sperare nella qualità dei filtri di OOoCome la vuoi girare l'OpenXML rimane una limitazione per l'utente.Questa è la mia opinioneMauro
          • FDG scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da:
            E quando le alternative le crea MS viva il
            monopolio eh.Non giocare con le parole e spiegaci perché in questo caso il monopolio di un formato sia un male.
          • Anonimo scrive:
            Re: ODF Standard ISO
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da:


            E quando le alternative le crea MS viva il

            monopolio eh.

            Non giocare con le parole e spiegaci perché in
            questo caso il monopolio di un formato sia un
            male.
            Perchè a me piace poter scegliere.
      • FDG scrive:
        Re: ODF Standard ISO
        - Scritto da:
        Crea una alternativa per evitare il monopolio di
        quel formato, cosa c'è di male...anzi.E perché avere il monopolio di un formato aperto e standardizzato sarebbe un male?
        • Anonimo scrive:
          Re: ODF Standard ISO

          E perché avere il monopolio di un formato aperto
          e standardizzato sarebbe un
          male?
          Meno male che qualche linaro lo ammette che vorreste voi il monopolio. State gobbi.
      • Anonimo scrive:
        Re: ODF Standard ISO
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Esiste un formato standarizzato e Microsoft ne

        crea uno suo.Ma siamo sempre alle solite?


        Crea una alternativa per evitare il monopolio di
        quel formato, cosa c'è di male...anzi.Mi sa che non hai chiaro qualcosa.Uno standard aperto è "per definizione" l'esatto opposto di un monopolio.Viene infatti definito per impedire che ogni azienda si costruisca un modello proprio e ci vincoli i propri clienti. Scegliere in un secondo momento non è sempre possibile o economico.Pensa alla standardizzazione della fornitura dell'energia elettrica: se non lo sai, nel primo dopoguerra ogni azienda fornitrice (non esisteva il quasi monopolio ENEL) forniva energia a voltaggi e frequenze diverse. Tutti gli apparati elettrici dovevano venir costruiti opportunamente o reimpostati all'installazione (tipo quello che succede oggi con lo switch 110V-230V ancora presente su alcuni apparecchi elettrici).Anche le prese e spine elettriche hanno dovuto venir ricondotte a pochi formati internazionali: non a caso l'ente iniziale di standardizzazione è l'IEEE (Institute of Electrical and Electronic Engineers)
    • Anonimo scrive:
      Re: ODF Standard ISO
      - Scritto da:
      Esiste un formato standarizzato e Microsoft ne
      crea uno suo.Ma siamo sempre alle
      solite?Microsoft aveva il suo formato quando ODF non esisteva, e l'ha continuato a sviluppare fino a che non è divenuto Open XML.
      • Anonimo scrive:
        Re: ODF Standard ISO
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Esiste un formato standarizzato e Microsoft ne

        crea uno suo.Ma siamo sempre alle

        solite?

        Microsoft aveva il suo formato quando ODF non
        esisteva, e l'ha continuato a sviluppare fino a
        che non è divenuto Open
        XML.Ok,mi fido della ricostruzione temporale.Visti i precedenti e gli attuali con l'Antitrust mando un paio di lettere in giro alla concorrenza la invito ci sediamo attorno ad un tavolo e discutiamo tutti insieme di fare un formato Open (magari che includa parte del lavoro gia' fatto da me con XML) da standarizzare affinche' ne possano beneficiare tutte le suite.Un formato unico per tutti.Troppo complicato?
        • leone2000 scrive:
          Re: ODF Standard ISO
          ms punta sempre a strozzare la concorrenza, anche quando non sembra, vedi novell.....ciaoLEO--http://www.leone2000.net
        • FDG scrive:
          Re: ODF Standard ISO
          - Scritto da:
          Troppo complicato?Poco Microsoft :)Non lo sai che sono affetti dalla Not Invented Here Syndrome?
      • Anonimo scrive:
        ODF Standard ISO
        - Scritto da:
        Microsoft aveva il suo formato quando ODF non
        esisteva, e l'ha continuato a sviluppare fino a
        che non è divenuto Open XML.Forse non ti ho capito bene, ma non mi sembra che il formato Open XML derivi da un formato Microsoft XML precedente il lavoro su ODF.Mi chiarisci per favore a quale formato MS stai facendo riferimento? I preesistenti .doc e .xls certo non sono formati basati su XML (AFAIK).
      • Anonimo scrive:
        Re: ODF Standard ISO
        - Scritto da:
        Microsoft aveva il suo formato quando ODF non
        esisteva, e l'ha continuato a sviluppare fino a
        che non è divenuto Open XML.Posso anche crederci, ma a renderlo uno standard aperto lo ha voluto davvero di sua spontanea volonta, ma proprio vero vero vero?
    • Anonimo scrive:
      Re: ODF Standard ISO
      Ma che domande vi fate?e' chiaro che ls validità/velocità/qualità/libertà dei formati non centra una cippa.E' solo una questione di immagine.Se la Microsoft adottasse come formato predefinito ODF finirebbe (secondo lei) sbeffeggiata dal mondo free. con una conseguente perdita di immagine.Anche se fosse la cosa piu' inutile del mondo ... li microsoft sfornerà _sempre_ il suo formato, aperto o chiuso che sia.
    • Anonimo scrive:
      Re: ODF Standard ISO
      - Scritto da:
      Esiste un formato standarizzato e Microsoft ne
      crea uno suo.Ma siamo sempre alle
      solite?come dicono i linari, se sono libere, piu' scelte danno piu' possibilita'.......
      • Anonimo scrive:
        Re: ODF Standard ISO
        non e' una questione di scelte...anche perchè... quando si deciderà (Ms) ad includere nativamente il supporto ad Odf?
        • Anonimo scrive:
          Re: ODF Standard ISO
          - Scritto da:

          non e' una questione di scelte...
          anche perchè... quando si deciderà (Ms) ad
          includere nativamente il supporto ad
          Odf?Ah ecco la fregatura!
      • FDG scrive:
        Re: ODF Standard ISO
        - Scritto da:
        come dicono i linari, se sono libere...E infatti una non lo è.
      • Anonimo scrive:
        Documenti per comunicare
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        Esiste un formato standardizzato e Microsoft ne crea uno suo.

        Ma siamo sempre alle solite?
        come dicono i linari, se sono libere, piu' scelte danno piu' possibilita'.......Non giochiamo con le parole, please. I formati dei documenti hanno uno scopo duplice: consentire una ottimale memorizzazione del documento (con gli aspetti di compressione, indicizzazione, sicurezza, solidità e ridondanza, ecc.) e rendere quanto più efficace possibile la loro circolazione, anche preservandola nel tempo, se destinati ad essere fruiti anche da altri.Un formato aperto serve a garantire questo aspetto, quindi mira ad essere condiviso, non a disperdersi in mille versioni incomprensibili l'una dall'altra. Qui la numerosità dell'offerta, se non giustificata da chiare evoluzioni tecnologiche che richiedono di creare un formato nuovo, è costosa e intralciante. Nulla vietava a Microsoft, peraltro mi risulta membro di OASIS e quindi a conoscenza dello sviluppo di ODF, di adottare il formato aperto (senza costi aggiuntivi) e mantenere pieno controllo del sovrastante prodotto MS Office che va a popolare e maneggiare il file.
        • Anonimo scrive:
          Re: Documenti per comunicare

          Qui la numerosità dell'offerta, se non
          giustificata da chiare evoluzioni tecnologiche
          che richiedono di creare un formato nuovo, è
          costosa e intralciante.

          Proprio questo è l'obiettivo di MS, intralciare.L'iterscambio tra i due formati, OXML e ODF, sembrerà funzionerà abbastanza bene, ma non del tutto.La conversione da OXML a ODF comincerà sempre più a produrre piccole differenze che renderanno fastidioso l'utilizzo di ODF.Così la gente si convincerà che ODF non funziona e questo formato farà la fine che MS aveva previsto e pianificato.
Chiudi i commenti