Virgin Galactic prende il volo

Primo test per SpaceShipTwo, ancora attaccato a un velivolo custode. Ma intanto la nuova corsa turistica allo spazio si fa serrata, con i Russi che pensano di partecipare

Roma – ShaceShipTwo, il velivolo suborbitale targato Virgin e battezzato VSS Enterprise , ha spiccato per la prima volta il volo nei cieli della California.

L’Enterprise si è staccato dal suolo per 2 ore e 54 minuti, ma rimanendo ancora attaccato al suo WhiteKnightTwo, aeroplano custode che ha vigilato sul primo salto e che lo accompagnerà anche nei voli successivi. Quest’ultimo test di volo “assistito” è tuttavia il primo di una serie che servirà a verificarne l’aerodinamica in un ambiente reale controllato .

Prosegue così la strada di Virgin Galactic, il progetto con cui il miliardario inglese Richard Branson vuole portare turisti facoltosi nello spazio, e che rappresenta la prima iniziativa privata nel settore dei voli spaziali.

Prossima fase: verificare le manovre in volo del velivolo. Sarà a questo punto che il WhiteKnightTwo lascerà libero SpaceShipTwo e il suo pilota. Che dovrà effettuare da solo il ritorno a terra. Nella fase immediatamente successiva, attesa per il prossimo anno, Enterprise inizierà ad utilizzare il suo motore a razzo che dovrebbero spingerlo oltre al muro del suono e al confine del 100 chilometri di altitudine, convenzionalmente ritenuto l’inizio dello spazio esterno.

Non è stato stabilito un programma più dettagliato. Occorrerà infatti attendere i risultati dei collaudi per programmare le scadenza successive, tuttavia l’obiettivo per gli ultimi test, quelli che si svolgeranno con passeggeri, è stabilito per inizio 2012.

I tempi, d’altronde, non sono ininfluenti nella nuova corsa allo spazio: anche la Russia potrebbe ora lanciarsi nel turismo spaziale con la produzione di una nuova navicella Soyuz costruita proprio per tale scopo. Infatti la capacità produttiva russa è cresciuta negli ultimi anni e dovrebbe permettere di costruire cinque astronavi all’anno invece di quattro. Marginalità che potrebbe risultare strategica nella corsa al turismo spaziale. E che potrebbe portare i turisti alla International Space Station (ISS) in due o tre anni.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Xunhuan scrive:
    Lo avevo detto...
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2838230&m=2839100#p2839100Ed ecco puntuale la conferma:http://www.repubblica.it/tecnologia/2010/03/24/news/brin_cina_come_urss-2877414/
  • Pepito il breve scrive:
    clonato Pepito !
    questo e' il mio ULTIMO post su PI.noto solo ora che in un altra discussione il solito troll si e' registrato con nome "Pepito il breve" e usa il mio stesso avatar, lo si sgama in quanto ha solo 2 messaggi, scusate ma ho cose piu' importanti da fare che perdere tempo qui con gente come questa che non ha proprio un caz... da fare.
  • collione scrive:
    com'era la storia?
    http://tech.slashdot.org/story/10/03/24/198243/GoDaddy-Follows-Googles-Lead-No-More-Registrations-In-Chinae siamo a tre oggi :D
  • Pepito il breve scrive:
    cina "comunista" ?
    cina comunista, si' nelle bandiere rosse e nelle divise di pezza con le pezze, magari anche al c...la cina e' la vera e unica "terza via", ne'comunista ne' capitalista, bensi' casomai fasc.... ma questo naturalmente non si puo'dire neppure sottovoce.
    • Momento di inerzia scrive:
      Re: cina "comunista" ?
      Sei tu che hai detto che la Cina è un Paese democratico in cui tutti possono iscriversi al partito e scalarne le gerarchie[img]http://img127.imagevenue.com/img.php?image=62966_Immagine_122_339lo.jpg[/img]Che invece sia un Paese dittatoriale comunista lo sanno cani e porci
      • Pepito il breve scrive:
        Re: cina "comunista" ?
        mai detto democratico, io parlavo di meritocrazia, cosa quindi agli antipodi.
        • Momento di inerzia scrive:
          Re: cina "comunista" ?
          Scusa, sai, ma l'Italiano è sempre Italiano.Nel post quotato hai scritto che e' un governo comunista e qui hai scritto che non lo è.Poi hai scritto che anche l'ultimo dei pizzicagnoli (che da dove vengo io significa "gente ignorante", senza nessun tentativo di offesa per i pizzicagnoli) può iscriversi al partito e scalarne le gerarchie.Questa da me si chiama democrazia, ovvero governo del popolo, ovvero che tutti hanno le stesse possibilità di accedere al governo, in contrapposizione ai concetti di monarchia, oligarchia o dittatura, come sostieni invece qui.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: cina "comunista" ?
            non e' democrazia, ma repubblica popolare, cosa BEN diversa, checche' appunto chiunque puo' entrare nel partito, fare riunioni, partecipare alle discussioni, fare votazioni e farsi eleggere a cariche superiori fino a sindaco, o ministro etc
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: cina "comunista" ?
            Fai pace col cervello: o è uno Stato Comunista, oppure no.O è una Repubblica o è una DittaturaDemocrazia : governo del popolo http://it.wiktionary.org/wiki/democraziaRepubblica : governo del popolo http://it.wiktionary.org/wiki/repubblicaRepubblica popolare = Stato Comunista http://it.wikipedia.org/wiki/Repubblica_popolarePoi magari hanno cambiato l'Italiano e non mi hanno avvertito
          • Pepito il breve scrive:
            Re: cina "comunista" ?
            ossignur .. sei un tipo perfettino e dogmatico, magari studente di legge presumo .. si vede l'aria da "sapientino".se vuoi sapere cos'e' il governo cinese puoi leggerlo sul loro stesso sito web in inglese, buona lettura !
    • Capitan Harlock scrive:
      Re: cina "comunista" ?
      Ora capisco meglio il tuo punto di vista...Nulla da dire, se a te piace il fascismo probabilmente è vero, nella Cina di oggi ti troveresti bene.
  • collione scrive:
    comincia la fuga
    http://www.engadget.com/2010/03/24/dell-looking-outside-of-china-for-safer-environments-accordin/
    • Valeren scrive:
      Re: comincia la fuga
      Beh, questa voglio vederla.Un conto è fornire servizi ed un altro è spostare fabbriche :)Se confermano...
      • Pepito il breve scrive:
        Re: comincia la fuga
        figurarsi.Dell e Lenovo sono i nr.1 in china per vendita pc.se la Dell se ne va perde miliardi e lascia il mercatoa Lenovo e HP.
        • scrotone scrive:
          Re: comincia la fuga
          - Scritto da: Pepito il breve
          figurarsi.

          Dell e Lenovo sono i nr.1 in china per vendita pc.

          se la Dell se ne va perde miliardi e lascia il
          mercato
          a Lenovo e HP.E' chiaro che è come dici tu, ci arriverebbe chiunque, tranne "collione" che è il tipico individuo che legge gli articoli di economia su Donna Moderna.
        • Ubunto scrive:
          Re: comincia la fuga
          - Scritto da: Pepito il breve
          figurarsi.

          Dell e Lenovo sono i nr.1 in china per vendita pc.

          se la Dell se ne va perde miliardi e lascia il
          mercato
          a Lenovo e HP.Ma magari c'è dell'altro in arrivo? Ed è per questo che spostano in india?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 marzo 2010 17.42-----------------------------------------------------------
          • Pepito il breve scrive:
            Re: comincia la fuga
            io volevo trasferirmi in India e alla fine della fiera si e' rivelato moooolto piu' difficile che vivere in Cina, per le grandi aziende hanno regole assurde molto piu' che in cina, per i piccoli e i liberi professionisti praticamente ti conviene lasciar stare e andar li' con visa turistico.il prezzo della manodopera poi non direi proprio che e' inferiore, i servizi fanno incredibilmente schifo, e mai vista miseria piu' nera in vita mia.
          • Ubunto scrive:
            Re: comincia la fuga
            - Scritto da: Pepito il breve
            io volevo trasferirmi in India e alla fine della
            fiera si e' rivelato moooolto piu' difficile che
            vivere in Cina, per le grandi aziende hanno
            regole assurde molto piu' che in cina, per i
            piccoli e i liberi professionisti praticamente ti
            conviene lasciar stare e andar li' con visa
            turistico.

            il prezzo della manodopera poi non direi proprio
            che e' inferiore, i servizi fanno incredibilmente
            schifo, e mai vista miseria piu' nera in vita
            mia.Ma questo che dici aumenta i sospetti piuttosto che ridurli. E' un caso che nei vari carteggi delle ultime settimane il governo cinese dia un significato politico alla vicenda "google"?Google va via e Dell fa lo stesso? Che centra Dell con Google? Si scoprono ora difensori dei diritti umani? Oppure sanno qualcosa... e pensano di cambiare aria per tempo?
          • collione scrive:
            Re: comincia la fuga
            se n'è andato pure godaddy a quanto pare
          • Pepito il breve scrive:
            Re: comincia la fuga
            mah io dico solo che la Cina e' moooooolto burocratica per le aziende straniere, al contrario per quelle locali e' velocissima e costa un nulla.India idem come sopra e direi pure peggio sia per i visa che per altri fattori non da poco come le joint ventures.
          • Ubunto scrive:
            Re: comincia la fuga
            - Scritto da: Pepito il breve
            mah io dico solo che la Cina e' moooooolto
            burocratica per le aziende straniere, al
            contrario per quelle locali e' velocissima e
            costa un
            nulla.

            India idem come sopra e direi pure peggio sia per
            i visa che per altri fattori non da poco come le
            joint
            ventures.Era più rischioso investire in Cina 10-15 anni fa oppure oggi?Il discorso della burocrazia regge sino a un certo punto, chi delocalizza lo fa perché ha meno vincoli e meno spese (che senso avrebbe altrimenti?).Un'ampia parentesi di riflessione la meriterebbe l'enorme mercato cinese, nel presente ma sopratutto in prospettiva futura. Ma allora perché "lasciare il campo"?Io non credo affatto che Google vada via dalla Cina "solo" per una questione morale (prima no e adesso sì?) anche se apprezzo il gesto simbolico, ma sono portato a sospettare che ci sia qualcosa di più a bollire in pentola.Crediti inesigibili... :Tu ce li vedi gli Americani che si lasciano andare a fondo senza tentare almeno l'atto di pirateria? Io no, non sarebbero dei "democratici americani"..-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 marzo 2010 23.36-----------------------------------------------------------
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: comincia la fuga
            Con la differenza che l'India cede al WTO, mentre lo stesso WTO se la fa sotto davanti alla Cina.Leggiti uno straccio di libro di Vandana Shiva.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: comincia la fuga
            il WTO non riguarda e non deve riguardare la Cina.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: comincia la fuga
            Vuoi dire che la Cina non fa parte del WTO?Oddio, questa poi...http://www.wto.org/english/thewto_e/countries_e/china_e.htmDocumentiamoci prima di sparare caxxate a randa...P.S. a proposito di diritti civili... partiamo dal tuo presupposto che in Cina ci siano e non ci siano mai stati come adesso, prova a spiegarmi in quale altro Paese rispettoso dei diritti civili uno si becca 11 anni di galera per aver chiesto più democrazia...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 aprile 2010 02.00-----------------------------------------------------------
          • collione scrive:
            Re: comincia la fuga
            che ti aspettavi? l'India è il paese delle caste, cioè se sei figlio di operaio non sognarti nemmeno di poter cambiare la tua vitain Cina almeno lo fanno in maniera strisciante e con tanta propaganda, ma in India lo fanno per legge
  • aid85 scrive:
    china channel o simili - news ?
    C'è uno strumento semplice anke on-line per curiosare come sarebbe navigare da ip cinese ?che sia semplice come chinachannel (il famoso plugin per firefox che però purtroppo nn so perchè almeno a me nn funge più) ...
    • Pepito il breve scrive:
      Re: china channel o simili - news ?
      semplice, basta trovare un proxy cinese con DNS cinesi, ce ne sono a pacchi, ma sono molto lenti.
    • scrotone scrive:
      Re: china channel o simili - news ?
      - Scritto da: aid85
      C'è uno strumento semplice anke on-line per
      curiosare come sarebbe navigare da ip cinese
      ?


      che sia semplice come chinachannel (il famoso
      plugin per firefox che però purtroppo nn so
      perchè almeno a me nn funge più)
      ...Guarda che in Cina filtrano i siti XXXXX: uno come te non saprebbe che sito visitare, fidati. E poi impara a scrivere come un uomo, non come un 15enne sfigato (anke -
      anche, nn -
      non).
      • Pepito il breve scrive:
        Re: china channel o simili - news ?
        beh a dire il vero i siti XXXXX in inglese funzionano alla grande.bannano solo alcuni con keyword veramente ovvie nella URL o nel domain name.
  • ninjaverde scrive:
    Re: Fuori la Cina dalla rete ...

    più che altro sto XXXXX di internet andrebbe
    cchiuso. Ci vuole più ruspetto per le videoteche!
    TANTO ORA C'è IL DIGGITALE TERESTRE, A CHE SERVE
    INTERNET?Giusto perchè non spedisci le tue mail col digitale terrestre?Se basta quello....Anzi in realtà neanche quello serve, è una cosa perfettamente inutile.Se vuoi scrivere c'è la posta, le notizie le puoi leggere sui giornali.Tutta robaccia inutile che inquina. :@
  • la nonna di geppetto scrive:
    200 fanno sempre comodo
    rispondi a 200 domande correttamente ... e ti ritrovi 200 sul conto paypal !!! http://citycatalogue.it/pages/gamecountry?from=8196
  • Dovellas scrive:
    Bing go go Bing.
    Ballmer avrà già fiutato l'affare, Google trema hai perso la Cina.
    • collione scrive:
      Re: Bing go go Bing.
      ballmerd? quale affare? se non riescono a superare il 2% in due come pensa di arrivare al 43% di google?baidu acquisirà il 98% di share e sarà l'unico motore in cina
      • Pepito il breve scrive:
        Re: Bing go go Bing.
        peccato che il 99% dei pc in china giri su windows e se nei prox Windows integreranno BING saranno XXXXX amari anche per Baidu, non solo per Google e Yahoo.comunque ora che c'e' un boom di PDA e Smartphones e' tutto da vedere, io non sarei sorpreso che nel giro di 2-3 anni ci sia piu' gente che usa il web dal telefonino che non tramite un pc o un netbook.la M$ in cina ha gia' il dominio pressoche' totale di OS e applicazioni Office, il problema casomai e' farsi pagare vista la pirateria rampante...
        • collione scrive:
          Re: Bing go go Bing.
          - Scritto da: Pepito il breve
          peccato che il 99% dei pc in china giri su
          windows e se nei prox Windows integreranno BING
          saranno XXXXX amari anche per Baidu, non solo per
          Google e
          Yahoo.
          si certo, ovviamente la Cina va contro il suo motore di ricerca nazionalevedo che tu del fatto che la Cina è una dittatura mascherata da democrazia non hai capito un tubose sono arrivati a dirottare il traffico di google verso baidu non vedo come possano permettere a ms di settare bing di default
          la M$ in cina ha gia' il dominio pressoche'
          totale di OS e applicazioni Office, il problema
          casomai e' farsi pagare vista la pirateria
          rampante...e ha meno dell'1% di share nel search
          • Pepito il breve scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            beh ma prendiamo anche atto che Bing in cinese fa probabilmente schifo quindi la gente che da anni usa Baidu continuera' a farlo piu' di prima.google e' partito male gia' in partenza, il nome "GuGe" e' ridicolo in cinese, e il search di pagine cinesi e' sempre stato inferiore a Baidu, d'altronde non e' mai stato pensato in un ottica cinese, non basta tradurre un software perche' poi la gente lo usi.
          • scrotone scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            - Scritto da: Pepito il breve
            google e' partito male gia' in partenza, il nome
            "GuGe" e' ridicolo in cineseAh beh, la tua è proprio una motivazione fondata... si si, i cinesi odiano Google per il nome che suona male. Ma pensi prima di scrivere?
          • collione scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            - Scritto da: Pepito il breve
            beh ma prendiamo anche atto che Bing in cinese fa
            probabilmente schifo quindi la gente che da anni
            usa Baidu continuera' a farlo piu' di
            prima.
            e quindi che baidu hai scritto primo? :D
            google e' partito male gia' in partenza, il nome
            "GuGe" e' ridicolo in cinese, e il search di
            pagine cinesi e' sempre stato inferiore a Baidu,
            d'altronde non e' mai stato pensato in un ottica
            cinese, non basta tradurre un software perche'
            poi la gente lo
            usi.fatto sta che aveva il 43% di shareleggi anche qui http://gs.statcounter.com/pressgoogle è superiore a tutti i baidu e google-cloni cinesi messi insiemealtra trovata cinese http://www.goojje.com/e gli hanno dato pure soldi per continuare l'attività di clone spudorato http://www.thechromesource.com/goojje-google-clone-set-to-receive-venture-capital/questa gente ruba e copia, poi però s'XXXXXXXno se osiamo criticarli o creare qualche prodotto un pochino simile ad uno lorobello giocare cambiando le regole di continuo vero? ti piace vincere facile? ponzi ponzi po po po
          • Pepito il breve scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            non conosci la mentalita' cinese.loro nel copiare non ci vedono assolutamente nulla di male.se uno apre un pub e ha sucXXXXX il giorno dopo gliene aprono uno davanti con gli stessi mobili, colori, musica, bevande, e i prezzi meno cari .. conconrrenza sleale ? li' e' cosi', prendere o lasciare.
          • angros scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            - Scritto da: Pepito il breve
            non conosci la mentalita' cinese.

            loro nel copiare non ci vedono assolutamente
            nulla di
            male.Anche le foto, immagino.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            yes, anche le foto e molto altro.
          • angros scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            E allora perchè te la prendi tanto se qualcuno qui copia le tue foto?
          • Pepito il breve scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            forse per il semplice fatto che da quel che mi risulta in cina non ho mai venduto una singola foto...
          • collione scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            mentre è male essere copiati? benissimo domani aprirò una fabbrica di vestiti cinesi, tutti rigorosamente copiati da quelli cinesi originali
          • Pepito il breve scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            penso lo facciano gia' a Napoli, arrivi tardi...
    • Valeren scrive:
      Re: Bing go go Bing.
      Non lo usa nessuno in occidente, figurati in Cina.
      • Pepito il breve scrive:
        Re: Bing go go Bing.
        beh dipende, MSN come messenger e' leader del mercato assieme a QQ, come browser usano tutti IE praticamente mentre i power users usano Maxthon e FF.Bing non l'ho veramente mai visto usare da nessuno, in compenso e' popolarissimo Windows Live per blogs etc quindi magari qualche fanatico che usava MSN per ricerca c'era ancora.il problema chiave e' che in cina l'advertising paga poco vista la difficolta' nei pagamenti online nel momento che non usano carte di credito, in compenso tutti hanno il bancomat (Union Pay), le vendite online sono tutte in contrassegno ma ci sono truffe di ogni tipo, in ogni caso visto l'enormita' del mercato interno sembra che ci stiano dentro lo stesso quindi stiamo a vedere che succede...
        • collione scrive:
          Re: Bing go go Bing.
          - Scritto da: Pepito il breve
          beh dipende, MSN come messenger e' leader del
          mercato assieme a QQ, come browser usano tutti IE
          praticamente mentre i power users usano Maxthon e
          FF.certo però ie in caduta libera :Dpoi qq è trecento miliardi di volte più diffuso di msn in cina
          il problema chiave e' che in cina l'advertising
          paga poco vista la difficolta' nei pagamenti
          online nel momento che non usano carte di
          credito, in compenso tutti hanno il bancomat
          (Union Pay), le vendite online sono tutte intoh c'entrerà il regime?!
          • Pepito il breve scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            mahh alla fine hanno tutti sia QQ che MSN, ovvio che QQ lo usano veramente tutti ma dipende .. la mia morosa usava MSN ad esempio e anche Skype in base a come gli girava, QQ e' ottimo se scrivi in cinese, ma se scrivi in inglese MSN e' sicuramente piu' ben strutturato.le vendite sono in contrassegno e non di rado ti telefonano anche per essere certi che non sia una suola.nessuno compra a scatola chiusa in cina, non solo sul web, e fanno bene !
          • scrotone scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            - Scritto da: Pepito il breve
            QQ e' ottimo se scrivi in
            cinese, ma se scrivi in inglese MSN e'
            sicuramente piu' ben
            strutturato.Oggi le scrivi grosse come case? Ma che XXXXX vuol dire "più ben strutturato" se scrivi in inglese? La sai che esistono le codifiche unicode con cui nella stessa textbox puoi inserire lettere latine o ideogrammi cinesi? Mamma mia, che ignoranza...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: Bing go go Bing.
            usali ambedue e vedrai a cosa mi riferisco.come struttura intendo la GUI in primis.
    • scrotone scrive:
      Re: Bing go go Bing.
      - Scritto da: Dovellas
      Ballmer avrà già fiutato l'affare, Google trema
      hai perso la
      Cina.I cinesi non sono "collioni" come te, Bing non lo usano.
  • J4ck0 scrive:
    Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
    Che cavolo vuol dire "risultati non filtrati"?Cioè google.cn rimanda a google.com.hkE allora? I cinesi ora potranno vedere risultati non filtrati??Se è così allora sono scemi a scrivere ".cn" invece di ".com" da sempre.Se il .com non filtrava. O anche ".com.hk"
    • pippuz scrive:
      Re: Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
      leggere qualche post precedente no, eh? o i miliardi di cinesi aspettavano te per la rivelazione?
      • J4ck0 scrive:
        Re: Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
        Ho letto e nessuno ha detto chiaramente.Si c'è il reset del proxy.Ma riguardo i domini?Eppure a quanto pare il com.hk non è filtrato.Ho solo fatto una domanda. Certo che i cinesi non sono scemi questa era retorica.
        • Pepito il breve scrive:
          Re: Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
          ma lo capite o no che sono ben pochi i cinesi a usare "GuGe" ?vai in cina e ovunque la gente usa solo Baidu, la maggior parte non ha manco mai sentito nominare Google/GuGe.
        • pippuz scrive:
          Re: Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
          - Scritto da: J4ck0
          Ho letto e nessuno ha detto chiaramente.
          Si c'è il reset del proxy.leggi il thread "Hong Kong - qualcuno ha capito".
          Ma riguardo i domini?
          Eppure a quanto pare il com.hk non è filtrato.i risultati non sono filtrati solo che se ci provi ad accedere, la connessione viene resettata
          Ho solo fatto una domanda. Certo che i cinesi non
          sono scemi questa era retorica.scusa, avevo capito male. poi, il problema è che i cinesi i contenuti in lingue diverse dal mandarino non se li cagano proprio. quindi hai voglia a scrivere millemila blog, se poi sono in quattro a leggerlo.
    • collione scrive:
      Re: Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
      il com.hk è stato filtrato http://www.nytimes.com/2010/03/24/technology/24google.html?hp
      • Pepito il breve scrive:
        Re: Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
        esatto.il governo li aveva avvertiti.chi gioca col fuoco ...
        • JackBahuer scrive:
          Re: Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
          quoto....http://www.google.com/press/new-approach-to-china/update.html-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 marzo 2010 10.26-----------------------------------------------------------
        • collione scrive:
          Re: Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
          spero che un giorno ti negheranno un posto di lavoro solo perchè qualche burocrate di periferia ti ritiene antipaticopoi vedrai qual'è la differenza tra l'occidente e la cina
          • collione scrive:
            Re: Che cavolo vuol dire "risultati non ,,,"
            p.s. se ti piace così tanto la cina perchè non ci vai a vivere? qui nessuno ti trattiene
  • Anonymous scrive:
    C'è gente che fa fatica..
    ..ad arrivare a fine mese QUI, in Italia, e voi vi preoccupate di Google e della Cina? ROTFLE' proprio vero: c'è una cerchia di cacciavitari dell'IT capaci solo al chiacchiericcio e basta (tanto per fare i fighi).
    • jack scrive:
      Re: C'è gente che fa fatica..
      Guarda che se si fa fatica ad arrivare alla fine del mese, è anche per via della Cina. Non che sia colpa loro, anzi, è colpa nostra, che abbiamo esternalizzato lì trattando la manodopera come un "costo" invece che come un "valore".
      • angros scrive:
        Re: C'è gente che fa fatica..

        trattando la manodopera come un
        "costo" invece che come un
        "valore".Cosa intendi? Cosa vorrebbe dire trattare la manodopera come "valore"?
      • angros scrive:
        Re: C'è gente che fa fatica..
        Il lavoro segue un mercato (il "mercato del lavoro"), come ogni altra risorsa utile ma limitata: il lavoratore cerca le condizioni migliori per lui, il datore di lavoro cerca i lavoratori al prezzo piu' conveniente. Questo implica diverse opzioni possibili, per entrambi.
        • Pepito il breve scrive:
          Re: C'è gente che fa fatica..
          certo certo, quindi se io ho un mutuo da pagare, mogli e figli e a 50 anni suonati la mia azienda decide di spostare tutto in Romania io come nulla fosse devo vendere la casa e spostare la famiglia a Bucarest per prendere poi uno stipendio rumeno da 700 euro al mese, con come unica alternativa trovarmi un lavoro da facchino in nero perche' in italia a 50 anni non ti assumono manco per lavare i cessi.il capitalismo e' stato inventato dai ricchi per i ricchi, lo volete capire o no ? tanto lo capirete lo stesso prima o poi con le buone o le cattive.
          • scrotone scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            - Scritto da: Pepito il breve
            il capitalismo e' stato inventato dai ricchi per
            i ricchi, lo volete capire o no ? tanto lo
            capirete lo stesso prima o poi con le buone o le
            cattive.Sono ragazzini di 15 anni sponsorizzati dai genitori, cosa vuoi che capiscano?! Ma la pacchia è finita, le nuove generazioni dovranno rimboccarsi le maniche se vogliono mangiare... la crisi del modello occidentale è appena agli inizi.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            ma questo e' solo un bene, perche' solo a calci in XXXXsi impara la lezione.
          • harvey scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            Non credo, secondo me siamo già in vista delle vettaE' già da qualche anno che chi inizia e' sottopagato e sfruttato. Anche i governi si stanno accorgendo che un modello simile rischia di far saltare gli equilibri
          • angros scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..

            Sono ragazzini di 15 anni sponsorizzati dai
            genitori, cosa vuoi che capiscano?! Ma la pacchia
            è finita, le nuove generazioni dovranno
            rimboccarsi le maniche se vogliono mangiare... la
            crisi del modello occidentale è appena agli
            inizi.Verissimo: ad esempio, chi realizza qualche foto (o musica, o film), e poi pretende di vivere di rendita vendendole senza più lavorare scoprirà presto che la pacchia è finita, e che anche lui dovrà lavorare come tutti, invece di campare di "diritti".
          • angros scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            - Scritto da: Pepito il breve
            certo certo, quindi se io ho un mutuo da pagare,
            mogli e figli e a 50 anni suonati la mia azienda
            decide di spostare tutto in Romania io come nulla
            fosse devo vendere la casa e spostare la famiglia
            a Bucarest per prendere poi uno stipendio rumeno
            da 700 euro al mese, con come unica alternativa
            trovarmi un lavoro da facchino in nero perche' in
            italia a 50 anni non ti assumono manco per lavare
            i
            cessi.Esattamente quello che sta accadendo ad un mucchio di aziende.

            il capitalismo e' stato inventato dai ricchi per
            i ricchi, lo volete capire o no ? tanto lo
            capirete lo stesso prima o poi con le buone o le
            cattive.Il capitalismo non è stato inventato da nessuno: Adam Smith ha solo dato un nome ad una certa realtà dei fatti.E comunque, tu cosa proponi in alternativa? Il comunismo non ha funzionato, e non mi risulta che siano stati proposti altri modelli.
          • harvey scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            Bisogna dire che in italia e' pieno di 50enni che non hanno mai lavorato, e che non sanno fare niente...Praticamente i nostri genitori hanno vissuto alle nostre spalle
        • harvey scrive:
          Re: C'è gente che fa fatica..
          E in tutto questo lo stato manco l'hai nominato ....
          • Pepito il breve scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            lo stato e' gia' ovunque, lasciamolo pure stare va'.
          • harvey scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            Un economia non regolamentata e' un regalo hai ricchi, che possono sfruttare impunemente la gente.E genera solo sempre più ricchi e sempre più poveri. Insomma come e' sucXXXXX da noi, che e' aumentata la forbice con una riduzione drastica della classe media
          • scrotone scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            - Scritto da: harvey
            Insomma come e' sucXXXXX da noi, che e'
            aumentata la forbice con una riduzione drastica
            della classe
            mediaE fidati, la crisi è solo agli inizi. Quando si esauriranno gli ammortizzatori sociali e i poveri saranno molti di più dei ricchi non è da escludere una guerra civile.
          • harvey scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            I poveri sono sempre stati molto di più dei ricchi ....Il problema e' che i poveri di ora sono abituati all'agio dei genitori. Questo periodo storico e' paradossale, dove i figli hanno meno dei padri (sia beni che diritti)Cmq la crisi sta finendo il problema grande sarà la prossima crisi, che a meno di guerre risanatorie sarà estremamente probabile
          • Pepito il breve scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            in tutte le guerre chi ci ha sempre perso son sempre stati i poveri quindi stai pur tranquillo che qui puo' solo andare in peggio.
          • harvey scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            Non e' vero, in tutte le guerre (sicuramente le ultime) sono un motore enorme per l'economia. Quindi la rilanciano e creano occupazione tra la classe bassa del vincitoreL'unica maniera di tenere ancora il capitalismo americano in piedi e' con altre guerre, altrimenti il motore si inceppa
      • scrotone scrive:
        Re: C'è gente che fa fatica..
        - Scritto da: Pepito il breve
        troppo
        tardi votare Lega nel 2010 e dar colpa agli
        imprenditori che spostano tutto in
        romania.Non dire XXXXXXX. Lo sai qual'è lo scopo della lega? Rendere illegale la permanenza degli extracomunitari in Italia. Così le aziendine che votano lega (soprattutto del nord-est) possono farli lavorare in nero (tanto "non esistono"), sottopagati e senza norme di sicurezza. La criminalità di conseguenza aumenterebbe perchè queste persone sottopagate devono pur mangiare. Chi vota lega è un ignorante... meditate gente meditate prima di disegnare la X.
        • collione scrive:
          Re: C'è gente che fa fatica..
          - Scritto da: scrotone
          Chi vota lega è un ignorante...solo chi vota? :D
          • Pepito il breve scrive:
            Re: C'è gente che fa fatica..
            eh gia', vuoi mettere con quelli che votano Marrazzo o Vendola ?
  • Pepito il breve scrive:
    LACCINA è viccina!
    Inccina laggente mica scarrica!
  • Pepito il breve scrive:
    MA LA FINIAMO CON STO XXXXX DI INTERNET?
    Lo internet vacchiuso! E' una cacchiata, roba da nerd, un FLOPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPP! Serve solo ai CRIMINALI che scarricano i films!Tornate in videoteca, guardate il diggitale terestre!
  • nome e cognome scrive:
    I cinesi
    OT:I cinesi, non vorrei essere al loro posto ... vivono in una dittatura vera e propria, limitati in tutto .. altro che google, si dovrebbero armare e fare un bel colpo di stato.E' una delusione vedere un cosi vasto paese ridotto in quello stato ... ecco cosa fa il comunismo estremizzato.. come prima in russia, in moldavia .. che tristezza.Andrebbe boicottato tutto il mercato verso la cina, sia quello che esce che quello che entra, un po come ha fatto Google, l'ha pensata davvero bene.Spero tanti altri seguano l'esempio.Embargo per la Cina!
    • Pepito il breve scrive:
      Re: I cinesi
      - Scritto da: nome e cognome
      OT:I cinesi, non vorrei essere al loro posto ...
      vivono in una dittatura vera e propria, limitati
      in tutto .. altro che google, si dovrebbero
      armare e fare un bel colpo di
      stato.
      E' una delusione vedere un cosi vasto paese
      ridotto in quello stato ... ecco cosa fa il
      comunismo estremizzato.. come prima in russia, in
      moldavia .. che
      tristezza.
      Andrebbe boicottato tutto il mercato verso la
      cina, sia quello che esce che quello che entra,
      un po come ha fatto Google, l'ha pensata davvero
      bene.
      Spero tanti altri seguano l'esempio.
      Embargo per la Cina!NON E' VERO! In cina laggente mica scarrica dallo internet i films!Noi videotecari là sì che siamo arrispettati!
    • Pepito il breve scrive:
      Re: I cinesi
      dai su facci un bell'elenco di cosa sarebbe vietato in cina che qui non lo e'.tanto per iniziare in cina si puo' ancora fumare nei locali pubblici, nei treni e perfino nei taxi consenzienti.ah e nei web cafe' non mi chiedono documenti e ci sono hot-spots wi-fi ovunque.
      • GoldenBoy scrive:
        Re: I cinesi
        Il divieto di fumo non puo che far bene, visto che non si poteva stare nei locali per la "nebbia" che c'era...Di tutti gli esempi, hai preso quello sbagliato...
        • Pepito il breve scrive:
          Re: I cinesi
          ah bene ... quindi se si censura qualcosa in europa va bene, se lo si fa in cina va male ...e vogliamo parlare dei body scanner e di altre astrusita' negli aereoporti europei e americani ?delle telecamere ogni metro a Londra e presto pure in italia ?del non poter comprare un cellulare senza essere schedato ?non solo fumi anche nei taxi, ma ci sono locali aperti tutta la notte, negozi aperti 24hr, chiunque puo' comrpare alcolici e sigarette, altro che in italia dove ora devi pure inserire il codice fiscale ai distributori automatici ! rendiamoci conto, adesso ci schedano anchese siamo fumatori e qui mi parlano della cina come dittatura e dell'europa come paese di Bengodi..
        • Pepito il breve scrive:
          Re: I cinesi
          - Scritto da: GoldenBoy
          Il divieto di fumo non puo che far bene, visto
          che non si poteva stare nei locali per la
          "nebbia" che
          c'era...
          Di tutti gli esempi, hai preso quello sbagliato...a me basta che tuttelino le videoteche.
    • GoldenBoy scrive:
      Re: I cinesi
      Non vorrei dire, ma noi, come paese, dovremmo stare zitti che è meglio...
      • nome e cognome scrive:
        Re: I cinesi
        Almeno non ci portano in galera se parliamo male di berlusconi o del papero di turno che c'e' al governo, e nemmeno ci processano o uccidono per quello.Non c'e' mai stata una piazza Tien An Men o come cavolo si scrive.Le censure sono ovunque, ma non ti uccidono o arrestano se la bypassi.Certo anche qua, in europa, o ancor peggio negli usa, c'e' pieno di cose sbagliate .. ma di certo non uccidono nessuno.Non è bello parlare male del proprio paese, per lo meno se ci si sta dentro.Si cerca piuttosto di farlo andare bene.Per i film e la musica bhe ... non venitemi a dire che è giusto scaricare ... certo è comodo, non paghi una cosa .. ma dietro quella cosa ci sono persone che hanno lavorato, se fossi un musicista mi arrabbierei come un drago ( oltre ad arrabbiarmi con la SIAE di turno che ladra dal lavoro altrui ).Pensa se un giorno tutti i musicisti smettessero di fare musica o gli attori o chi per loro con i film .. ci sarebbe ben poco da scaricare.
        • Pepito il breve scrive:
          Re: I cinesi
          certo certo, gli americani non ammazzano proprio nessuno, ne' hanno la pena di morte e i carceri piu' strapieni dell'intero occidente.la rivolta di tian an men fu un tentativo farlocco di "rivoluzione colorata" al pari di altri fatti nel 1989 nell'ex URSS, chi crede che sia stata una cosa spontanea e' un povero cogl....
          • Capitan Harlock scrive:
            Re: I cinesi
            Caro Pepito il breve, la tua posizione è interessante, e di sicuro le altre persone qua parlano imbevute di una propaganda "occidentale" che c'è e non se ne rendono conto.Tuttavia, non devi cadere dalla parte opposta e appiattirti sulle posizioni ufficiali del governo cinese.Io non mi intendo di Cina, ma mi intendo di alcune repubbliche ex sovietiche, per questo intervengo nel momento in cui le chiami in causa.Ti assicuro che la popolazione in quei paesi, a torto o a ragione, vedeva i paesi occidentali veramente come baluardi della libertà e del benessere (basta pensare alle persone che fuggivano da Berlino Est, anche a costo della vita), e le manifestazioni intorno all'anno 1989 sono state veramente spontanee e con una partecipazione elevatissima. Io sono stato nei paesi baltici e tutte le persone che ho incontrato ed erano lì nel 1989, hanno partecipato, e lo raccontano con orgoglio, alla "via baltica", una catena umana che ha unito le tre capitali baltiche per oltre 600 Km. Ho conosciuto anche polacchi, che ricordano con lo stesso entusiasmo quegli eventi ed il passaggio alla democrazia.Per la cronaca, ho incontrato una sola persona, tedesca dell'est, che preferiva il "prima". Puoi lodare quanto vuoi l'efficacia e la lungimiranza del governo cinese, ma non sottovalutare la spontaneità delle persone attratte da quello che c'è "dall'altra parte". Non pensi che sia proprio per questo malcontento e dopo avere visto la fine dell'URSS, che il governo cinese ha deciso di imboccare una strada capitalista?Ti faccio un'altra domanda: tu difendi il comunismo? Ma che comunismo è rimasto realmente oggi in cina?
          • Valeren scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: Pepito il breve
            ci sono certamente milioni di cinesi che se
            potessero emigrerebbero all'istante, non a caso i
            ricchi mandano i figli a studiare all'estero,
            piu' come status symbol pero' che per vere
            ragioni educazionali anche perche' ormai le
            universita' cinesi sono tra le migliori al mondo,
            se vuoi vedere ingegneri studiare 18 ore al
            giorno vai in cina... altro che spritz e
            aperitivi e discoteche come in italia.E fin qui tutto abbastanza vero e condivisibile.
            se aprissero le porte ci sarebbe un fuggi fuggi
            generalizzato ma proprio perche' essendo
            difficile per i cinesi avere un visa per paesi
            stranieri hanno idealizzato i paesi ricchi come
            il Bengodi, come fecero i tedeschi dell'est che
            prontamente si sono pentiti e ora spesso sono
            nostalgici della DDR.Io non so dove tu sia stato, ma tedeschi che rimpiangono la DDR non ne ho visti.A meno che tu non abbia fatto un sondaggio tra gli ex funzionari statali.Davvero, nemmeno a Dresda o a Rostok ne trovi - i giovani sono addirittura passati all'estremo politico opposto.
            se la gente viaggiasse di piu' anziche'
            rinXXXXXXXXrsi davanti al televisore il mondo
            sarebbe sicuramente miglioreAssolutamente vero ma se fai i tour organizzati fai prima a stare a casa, il più delle volte.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            non c'e' nulla di peggio dei tour group !meglio guardarsi un documentario che seguire la guida con la bandierina e tutti in fila a vedere 20 attrazioni turistiche di corsa senza alcuncontatto con gli autoctoni e stop obbligati in negozi convenzionati con la guida dove gli pagano la tangente per portare i turisti, dio ne scampi!
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            e allora cerca, perche' solo chi cerca trova.nessuno ti offrira' la pappa pronta.ci sono riviste di Intelligence, ci sono centinaia di libri, articoli, interviste, documentari.
          • Valeren scrive:
            Re: I cinesi
            Ci sono anche i libri sulle scie chimiche, ma solo perchè qualcuno li ha scritti non significa che non siano una valanga di XXXXXXX.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            certo ma parliamo di cose serie.vogliamo negare che il Dalai Lama ha collaborato con la CIA, tanto piu' che lo ha scritto e ribadito lui stesso piu' volte anche di recente ?e le proteste a Lhasa e Urumqi naturalmente sono "spontanee" ?
          • 75484 scrive:
            Re: I cinesi
            si chiama "geoingegneria". e tu sei ignorante
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Oddio, ci mancava lo sciachimista.Guarda, tra le altre cose, io faccio parte di uno dei gruppi di persone tirati in ballo dai cospirazionisti come facenti parte della cospirazione.Io sarei uno di quelli che sa ma non dice.E mi spancio dalle risate ogni volta che vedo i video di straker che trasudano ignoranza.Poi piango, guardando il conto in banca e pensando che magari se facessi parte della cospirazione, il mutuo me lo pagherebbe la CIA...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            i chem-trails sono un esempio da manuale di disinformacija e di false-flag.
          • harvey scrive:
            Re: I cinesi
            Io credo solo a malanga !
          • angros scrive:
            Re: I cinesi
            L'onere della prova spetta a chi sostiene una tesi (cioè a te, in questo caso); non agli altri.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            scusatemi ma a parte che PI non e' il posto migliore per discuterne ma parlando di cina basti ricordare che che il Dalai sia da 50 anni a libro paga della CIA non lo dico IO ma lo dice LUI stesso in libri e interviste e documentari e se ne vanta pure in pubblico !ah ma volete il "link" ? anche il link mo' vi devo dare ?chi cerca trova, e senno' cazz... vostri.io non vengo certo qui a educare, vengo a dis-educare visto che siete educati alla dis-informazione, ma se uno manco cerca rimanga nel suo brodo.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Anche i talebani sono stati pagati dalla CIANon è una novità che gli USA finanzino sottobanco chi destabilizza i governi "non amici".Questo fa del Dalai Lama una persona da censurare?No, perché da come chiami i siti di "propaganda lamaista" mi sembra proprio che tu la pensi così
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            ne fa una persona filo-americana e anti-cinese e tanto bastaperche' tutto il resto viene di conseguenza, i premi nobel, le decine di libri, le centinaia di conferenze in giro per il mondo,il suo stile di vita oramai hollywoodiano, non a caso lo schifanopersino i suoi stessi seguaci che invece vogliono passare alle maniere forti e lui fa da "tappo".
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Pensa, hai dipinto come un mostro uno che sta evitando una rivoluzione di sangue...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            non per molto perche' ormai all'interno della sua cricca li ha tutti contro specie i giovani.comunque dopo la bastonata del dopo olimpiadi mi sa che per altri 20 anni non alzeranno piu' la cresta hehehe ...
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Mi sa che se continuo a stuzzicarti ti faccio arrivare all'apologia di reato in tre post...Quindi io dico buonanotte, herr doctor!
        • harvey scrive:
          Re: I cinesi
          Se la libertà e' non andare in galera ma morire perche' non puoi avere giustizia, allora in italia e' il paese delle libertà (o dell'amore :P )In italia ci sono tantissime cose che ti limitano la libertà, ma sono all'occidentale, quindi tutti diritti che hai sulla carta ma che poi non hai.Servizi che paghi ma che non ricevi.Leggi che vengono applicate solo agli amici o ai nemiciLibertà violata per andare contro i pedofiliecc eccInsomma dalle nostre parti la libertà c'e' sulla carta, ma poi mi interesserebbe veramente capire chi nella vita di tutti i giorni e' più libero. Perche' uno n anche se non parla male di berluscono può campare ugualmente, ma ci sono tante piccole truffe statalizzate che capitano in italia che ti capitano molto spesso e sei costretto a subire
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            in occidente se sei ricco stai bene, se uno ti fa causa paghi gli avvocati e coi tempi della giustizia se ne parla tra 20 anni ... mi fa ridere che tiriate in ballo la cina quando in italia e' legale registrare e spiare le telefonate private del presidente del consiglio e dei suoi ministri, robe che manco la Stasi negli anni '50...
          • logicaMente scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: Pepito il breve
            mi fa ridere che tiriate in ballo la cina quando
            in italia ...Pepito, tu che conosci la Cina così bene, mi posti un link ad un forum cinese - hosted in china, please - dove qualche "indigeno" critica il governo, per favore? Sono certo che anche nella terra dove tutto è perfetto qualcuno scontento ci sia. Se invece di tale forum non ci fosse traccia (evento molto probabile), potresti spiegarci il perchè di una simile mancanza?Nel caso, sei davvero certo in rete dalla cina si possano trovare informazioni sulle proteste dei parenti delle vittime delle mattanze avvenute nelle miniere di carbone, tanto per fare un esempio?Un collegamento per far riflettere: http://it.wikipedia.org/wiki/Pena_di_morte_nella_Repubblica_Popolare_Cinese
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            ma va laaaa' !se sai leggere il cinese ti posto qualcosa.senno' leggeti pure i forum di expats in inglese, che so, TheBeijinger, ShanghaiExpat, Danwei, ChinaSmack, e altra mmmXXXXX anglofona piena di idioti mandati li' dalle multinazionali che spendono ore a criticare la cina dopo anni che ci vivono.in cinese ce ne sono migliaia, inizia con quello di Sina.com che ha solo qualche milione di utenti ed e' il piu' monitorato in assoluto e nonostante cio' ci sono interi reportages con foto e testo .. prova anche col ChinaDaily in inglese, ogni tanto c'e' qualche perla nella loro BBS.
          • logicaMente scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: Pepito il breve
            ma va laaaa' !

            se sai leggere il cinese ti posto qualcosa.Noto che non hai messo link... puoi esprimere una tua opinione sulla libertà di espressione in Cina? Tranquillo che qui, a differenza di li, non rischi niente.
            senno' leggeti pure i forum di expats in inglese,
            che so, TheBeijinger, ShanghaiExpat, Danwei,
            ChinaSmack, e altra mmmXXXXX anglofona piena di
            idioti mandati li' dalle multinazionali che
            spendono ore a criticare la cina dopo anni che ci
            vivono.Ok, mi leggo un po' di anglofoni che spendono ore a criticare (ovvero esercitano la loro libertà di espressione).
            in cinese ce ne sono migliaia, inizia con quello
            di Sina.com che ha solo qualche milione di utenti
            ed e' il piu' monitorato in assoluto e nonostante
            cio' ci sono interi reportages con foto e testoReportage come quelli di questo giornalista?http://www.isfreedom.org/alertnews1736.htm
            .. prova anche col ChinaDaily in inglese, ogni
            tanto c'e' qualche perla nella loro
            BBS.Quello che si legge qui è vero o mi puoi dimostrare il contrario?http://www.isfreedom.org/dossierCina.htmStrano concetto di libertà che hai...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            ma che roba e' ? non si sa neppure chi sia l'autore ??queste sono le tue "fonti affidabili", andiamo bene.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Come se cambiasse qualcosa!E poi sei pure fotografo, quindi di giornalismo dovresti sapere almeno l'ABCChe dice che se un articolo di una testata non è firmato, allora è del direttore o di qualcuno che ne condivide il pensiero.Quindi per sapere chi è l'autore, basta che vai in home page e vedi che praticamente è a firma diInformation Safety and Freedomassociazione a difesa della libertà di stampa e di espressione nel mondosede: piazza Massimo D'Azeglio, 18 - 50121 FirenzeC'e' anche il link al chi siamohttp://www.isfreedom.org/chisiamo.htmNome, Cognome e Indirizzo.Adesso?Cambia la sostanza dell'articolo?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 marzo 2010 23.28-----------------------------------------------------------
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            posso garantirti che il nome e' gia' un programma, sono copertureusate da secoli per operazioni di psy-op e disinformazione, ne troveraia decine tutte con nomi simili a questa, non c'e' neanche da nominare poi l'altra ciofeca "Laogai Italia" che e' veramente la piu' pacchiana e ridicola.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Vabbé, allora è inutile discutere
          • logicaMente scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: Pepito il breve
            ma che roba e' ? non si sa neppure chi sia
            l'autore
            ??Non conosco neanche il tuo nome, in effetti, ma questo non mi impedisce di parlare di fatti e di opinioni con te.
            queste sono le tue "fonti affidabili", andiamo
            bene.Ti ringrazio Pepito. Questa tua non risposta, questo svicolare di fronte all'evidenza dei fatti ti qualifica meglio di ogni altro commento.
          • harvey scrive:
            Re: I cinesi
            Ma secondo te il top della democrazia e' quella di poter fare i gruppi su facebook a favore dell'assassinio di berlusconi e farla franca?Giusto per capire...
          • logicaMente scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: harvey
            Ma secondo te il top della democrazia e' quella
            di poter fare i gruppi su facebook a favore
            dell'assassinio di berlusconi e farla
            franca?Risposta breve: no.L'omicidio non è giustificabile. Proibire la critica politica però da me si chiama censura. Se la punizione per chi critica il governo è la pena di morte per te si parla di democrazia?
            Giusto per capire...Idem...
    • fiertel91 scrive:
      Re: I cinesi
      - Scritto da: nome e cognome
      E' una delusione vedere un cosi vasto paese
      ridotto in quello stato ... ecco cosa fa il
      comunismo estremizzato.. come prima in russia, in
      moldavia .. che
      tristezza.Comunismo distorto, vorrai dire.
    • Pepito il breve scrive:
      Re: I cinesi
      ma voi siete pazzi.la cina non e' mai stata bene come oggi, non avete assolutamente idea di quello che scrivete, non avete sicuramente manco mai messo piede in asia, non sapete nulla di nulla, vi bevete le panzane della propaganda yankee.fatevi un giro a shanghai, beijing, xi'an, chengdu, chongqing, dalian, tianjin, vedrete quartieri nuovi di zecca, metropolitane piu' pulite di quella di tokyo, grattacieli, negozi, gente che lavora e anzi aziende che fanno fatica a trovare personale, altro che qui in italia con disoccupazione al 20-30%, periferie fatiscenti, treni con le zecche, uffici postali di XXXXX e politici che sniffano coca e vanno a trans.l'europa va a catafascio e questi parlano di realta' virtuale !
      • Momento di inerzia scrive:
        Re: I cinesi
        - Scritto da: Pepito il breve
        fatevi un giro a shanghai, beijing, xi'an,
        chengdu, chongqing, dalian, tianjin, vedrete
        quartieri nuovi di zecca, metropolitane piu'
        pulite di quella di tokyo, grattacieli,Con la differenza che la metropolitana cinese è pulita perché i cittadini hanno paura che gli si faccia il paiolo se buttano una carta in terra, mentre le metropolitane giapponesi sono pulite che ci puoi mangiare in terra perché i Giapponesi hanno rispetto per la cosa pubblica.In Giappone i Cinesi sono infatti considerati un popolo di maleducati.E dalla mia ormai decennale esperienza ti posso dire che non hanno tutti i torti (sono gli unici che in Giappone ho sentito parlare a voce alta, talmente alta da non sentire il mio interlocutore a un metro da me, e gli unici camerieri che in Giappone ti servono come se ti stessero facendo un piacere, tanto per dirne due esemplificative).Bel Paese, quello in cui i cittadini vivono nella paura.E vogliamo parlare della spocchia con cui minacciano quelli che gli fanno notare che determinati loro prodotti sono delle copie spudorate di prodotti stranieri per i quali non hanno i diritti?
        • Pepito il breve scrive:
          Re: I cinesi
          se e' per questo i giapponesi, il popolo piu' razzista dell'intera asia, vedono come sub-umani anche i Koreani del Sud, i taiwanesi, i mongoli, i singaporegni, etc etccerto non hanno tutti i torti, i cinesi sputano, ruttano, XXXXXXXXXno, urlano, si scaccolano, tossiscono, starnutano, tutte cose che fanno orrore al giapponese medio che e' di per se' una persona molto sociale e ben poco individualista, l'esatto opposto dei cinesi che manco sanno stare in fila, chissa' perche' mi ricordano sempre gli italioti del sud.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: Pepito il breve
            se e' per questo i giapponesi, il popolo piu'
            razzista dell'intera asia, vedono come sub-umani
            anche i Koreani del Sud, i taiwanesi, i mongoli,
            i singaporegni, etc
            etcVeramente i Giapponesi sono il popolo più razzista del pianeta.E se ci vivi insieme qualche tempo capisci perché e la pensi come loro.Loro, così educati e riservati non possono non vedere qualunque minima manifestazione di inciviltà come un'interferenza di un qualche animale nella vita umana.Sali in metropolitana, tutti hanno il cellulare e non si sente una suoneria.
            certo non hanno tutti i torti, i cinesi sputano,
            ruttano, XXXXXXXXXno, urlano, si scaccolano,
            tossiscono, starnutano, tutte cose che fanno
            orrore al giapponese medio che e' di per se' una
            persona molto sociale e ben poco individualista,
            l'esatto opposto dei cinesi che manco sanno stare
            in fila, chissa' perche' mi ricordano sempre gli
            italioti del
            sud.Alla faccia del razzismo.Guarda che non c'è terronia che tenga: i Giapponesi stanno in fila a serpentone anche senza bisogno di transenne (è sucXXXXX davanti ai miei occhi), quindi al loro confronto chiunque è un animale.Salvo poi ammazzare balene e delfini e fumare come ciminiere ovunque non ci sia un divieto esplicito.E vogliamo parlare dei Tedeschi precisini? da loro la coda nemmeno si usa (non conto più le volte che ho dovuto dire a un deutsch "hey! queue!" mentre mi passava avanti all'aeroporto (che fosse bar o check in non fa differenza)
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            beh non potrai certo sostenere che io mi sia mai detto anti-razzista...i japs a casa loro fanno come gli hanno insegnato, i cinesi li schifano a loro volta, gli asiatici li vedono solo come turisti ricchi da spennare, ogni cosa ha il suo risvolto.io apprezzo ambedue i popoli, certo preferisco stare in cina perche' costa molto meno ma in terra Yamato ci tornerei molto volentieri.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Non è per contraddirti a ogni post, ma io in Giappone sto in albergo a molto meno di quello che tu hai detto di aver speso per una bettola in Cina...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            dipende dove vai.a tokyo ti sfido a trovare qualcosa sotto i 20-30 euro al giorno o affitti mensili sotto i 5-600 euro in periferia larghi magari 1 tatami con water da campeggio.
          • harvey scrive:
            Re: I cinesi
            Sempre meno cara dell'italia ...
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            A Tokyo ci sono business hotle anche a 1500 yen (12 euro) al giorno.Io preferisco quelli a 2900 perche' le stanze sono un po' più grandi e ho la TV, ma se devi solo stare 24 ore, quelli da 1500 vanno benissimo (io ci sto una settimana senza problemi).E se proprio vuoi andare alla ventura, ti affitti un karaoke a 700 yen per tutta la notte.Chi perde l'ultimo treno solitamente si arrangia così, quindi non è una cosa strana o da straccioni.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            mah forse ti riferisci agli hotel capsula che comunque costano ben piu' di 12 euro, io comunque non ci vado dal 2006 chissa' i prezzi sono calati si vede ... ? con 12 euri a malapena vai da Yoshinoya o Merdonalds...
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Senti, se sai cosa sono i business hotel, possiamo parlare, altrimenti evita di dire a me che scrivo caxxate e che lo faccio con ignoranza saccente.I capsule hotel sono tra i posti più costosi del Giappone (la singola 4-7000 yen a seconda del posto) 96perché nonostante abbiano il soffitto basso (ci si può stare solo seduti) sono dotati di tutti i comfort.Che siano hotel economici è uno dei tanti miti sul Giappone che sopravvivono in Occidente.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: Pepito il breve
            beh non potrai certo sostenere che io mi sia mai
            detto
            anti-razzista...Guarda, per lavoro ho vissuto in tutta Italia e ti posso dire che gli italioti sono uguali a qualunque latitudine.Alla faccia delle noccioline razziste che qualcuno chiama cervello...
            i japs a casa loro fanno come gli hanno
            insegnato, i cinesi li schifano a loro volta, gli
            asiatici li vedono solo come turisti ricchi da
            spennare, ogni cosa ha il suo
            risvolto.Personalmente preferisco essere un turista ricco da spennare (perché non è detto che ci riesci) che un maleducato senza speranza...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            se voi meridionali siete tanto bravi buoni e simpatici come mai al nord vi odiano e all'estero vi danno dei ladri e dei mafiosi ?siamo noi che siamo perseguitati dalla vostra pessima fama ovunque andiamo.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Guarda caro che non ho mai detto di essere meridionale.Ho detto di aver vissuto in tutto lo stivale.E gli Italiani sono uguali dappertutto.E visto che "stranamente" il Regno delle due Sicilie è diventato improvvisamente una terra di emigranti dopo l'unificazione, direi che il nord può ben pagare con un po' di cattiva fama lo sfruttamento che ha operato per anni ai danni del sud.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            parla per te.prima dell'arrivo dei savoia in veneto non c'era mai stata emigrazione.tra l'altro dopo il '45 abbiamo pure perso istria, dalmazia, corfu', e dodecaneso, che erano state veneziane per 600 anni e i veneti che abitavano li' (veneti, non istriani!) sono stati infoibati o deportati.ma tant'e' essendo veneti a nessuno gliene frega un cazz, siamo noi i razzisti anzi !
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: Pepito il breve
            parla per te.

            prima dell'arrivo dei savoia in veneto non c'era
            mai stata
            emigrazione.Quoto solo questo per dirti di rileggere il mio post e di notare quale sia il minimo comune denominatore della causa di emigrazione dalle varie terre d'Italia...Hint: si tratta della stessa dinastia che fece passare i Borboni per sovrani incapaci, promulgò le leggi razziali e che ci ha regalato persino delle chicche canore a Sanremo...
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            si ma senza la perfida albione sarebbero ancora in montagna, piccolo particolare.
        • harvey scrive:
          Re: I cinesi
          - Scritto da: Momento di inerzia
          Con la differenza che la metropolitana cinese è
          pulita perché i cittadini hanno paura che gli si
          faccia il paiolo se buttano una carta in terra,Onestamente non vedo il problema ...E' giusto che se uno danneggia un bene comune venga punito. Non e' mica la libertà avere le città sporche come in italia perche' qua tutti fanno quello che gli pare
          che in Giappone ho sentito parlare a voce alta,
          talmente alta da non sentire il mio interlocutore
          a un metro da me, e gli unici camerieri che in
          Giappone ti servono come se ti stessero facendo
          un piacere, tanto per dirne due
          esemplificative).Mi sembra di sentir parlare degli italiani :D
          Bel Paese, quello in cui i cittadini vivono nella
          paura.XXXXX che sfiga, io ho paura di violentare una tipa. Che paese di XXXXX l'italia
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            stai tranquillo, l'italia non ti sembra tanto di XXXXX perche' ci vivi e ormai sei abituato, come chi vive nelle favelas sudamericane o negli slums di Mumbai, per loro e' la cosa piu' naturale del mondo.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: harvey
            - Scritto da: Momento di inerzia

            Con la differenza che la metropolitana cinese è

            pulita perché i cittadini hanno paura che gli si

            faccia il paiolo se buttano una carta in terra,

            Onestamente non vedo il problema ...Questione di educazione.E diritti del cittadino (mai sentito parlare di commisurazione tra atto commesso e pena?)
            E' giusto che se uno danneggia un bene comune
            venga punito. Non e' mica la libertà avere le
            città sporche come in italia perche' qua tutti
            fanno quello che gli
            pareSi, ma la Cina è il Paese dove ti danno 11 anni di carcere per aver chiesto maggiori libertà civili...Se butti una carta in terra come minimo arriva il capo partito e ti in-q-la sulla piazza...

            che in Giappone ho sentito parlare a voce alta,

            talmente alta da non sentire il mio
            interlocutore

            a un metro da me, e gli unici camerieri che in

            Giappone ti servono come se ti stessero facendo

            un piacere, tanto per dirne due

            esemplificative).

            Mi sembra di sentir parlare degli italiani :DInfatti quando torno dal Giappone mi viene sempre voglia di dar fuoco a tutto


            Bel Paese, quello in cui i cittadini vivono
            nella

            paura.

            XXXXX che sfiga, io ho paura di violentare una
            tipa. Che paese di XXXXX
            l'italiaSono cose diverse.Vivi nella paura di buttare una carta per terra?Non mi sembra.Che caxxo di Paese è quello in cui il regime si mantiene con la paura e la repressione e poi si chiama "democratico"?
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            senti, capisco il tuo razzismo anticinese, d'altronde lo nutre il 99% dei non cinesi per motivi che non sto a elencare, ma evita per cortesia certe XXXXXXX, le carte per terra caso mai ti arrestano nelle democratiche Singapore e Hongkong dove tra un po' sara' pure vietato tirare un peto all'aria aperta checche' non facciano caso alla puzza di XXXXX e di pollo fritto che aleggia nelle loro citta'.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Caxxate!Non serve che ci sia scritto "se butti una carta per terra ti arresto"La Cina è il Paese in cui ti in-q-lano e poi si fanno pure chiedere scusa mettendo in mezzo un pretesto qualsiasi.Quelli cinesi non sono cittadini, ma sudditi.Non è questione di razzismo, è questione di capire che si tratta di un Paese in cui non esistono libertà civili e la repressione per qualunque caxxata è all'ordine del giorno.In questo clima io non butterei una carta in terra nemmeno se andasse a fuoco.
          • harvey scrive:
            Re: I cinesi
            Mi dici quale e' la pena per buttare una carta per terra?Perche' e' tutto per sentito dire, siamo lontani parecchio dalla veritàps: dubito che i cinesi siano più sudditi degli italiani
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: harvey
            Mi dici quale e' la pena per buttare una carta
            per
            terra?Come ho detto prima a Pepito, non serve che ci sia una pena specifica: basta che ti segnino sul libricino nero.
            Perche' e' tutto per sentito dire, siamo lontani
            parecchio dalla
            veritàE quale sarebbe?Che la Cina non è uno stato di polizia in cui la repressione viene attuata sistematicamente?
            ps: dubito che i cinesi siano più sudditi degli
            italianiAncora con l'italia?Ma chi l'ha mai nominata l'italia?(le minuscole sono volute, perché questo paese - ancora la minuscola - non è nemmeno lontanamente parente della terra che amo e del grande Paese che potrebbe ospitare)
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            hahaha ! "il libro nero" !!!!ma dove l'hai sentita questa ? dai giapponesi forse ? ah beh nel qual caso avrebbe senso con tutte le XXXXXXX che sparano sui non giapponesi..
          • harvey scrive:
            Re: I cinesi
            Ok, allora se tutto si basa sul libricino nero ...Mi sa che qua e' inutile parlare. Tutto sentito dire
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            hahaha il libro nero ... come se qui non ci fossero Digos, Carramba, Polizia, Polfer, PolPost, Sisde, Sismi, e complagnia bella, fatevi un giro in questura siamo tutti schedati gia' fin dalla visita militare, l'unica cosa che gli manca e' una banca dati del DNA ma presto faranno come in UK dove te lo prelevano gia' all'asilo.
          • harvey scrive:
            Re: I cinesi
            Tu non capisci, non e' per toglierci la libertà, e' solo per difenderci dai pedofili!!!Laggiù non hanno le libertà e giorno dopo giorno ne conquistino di nuoveQua si aveva la libertà e giorno dopo giorno ce le tolgonoOvviamente e tutti a guardare la cina, almeno non si accorge nessuno come siamo messi. Ma questa e' la fantasticissima democrazia
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            senti io non voglio insistere ma ti assicuro, per esperienza piu' che diretta, che in cina e specie a pechino in pieno centro, puoi buttare cartacce, mozziconi, e pure sputare e che hanno un sacco di divieti che poi nessuno rispetta e non parliamo poi di come guidano che e' peggio che a Napoli o Hanoi.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Scusami, ma dove avrei detto che l'Italia è il Paese superfigo in cui tutto è bello e splendente?Ho detto solo che in Cina le cose funzionano e sono pulite grazie al clima repressivo e di intimidazione, al contrario di altri Paesi, come il Giappone in cui tutto funziona ed è pulito per una questione filosofica di rispetto reciproco.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            ancora con sta storia !usano il bastone perche' se non lo facessero sarebbe pura anarchia !gia' e' un XXXXXXXX a cielo aperto, figurarsi se allentassero le catene...i giapponesi sono di un altra razza, non c'e' nulla da fare ne' discutere, sono due popoli veramente opposti l'un l'altro e lo sono sempre stati.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            - Scritto da: Pepito il breve
            ancora con sta storia !

            usano il bastone perche' se non lo facessero
            sarebbe pura anarchia
            !
            gia' e' un XXXXXXXX a cielo aperto, figurarsi se
            allentassero le

            catene...Ah, mi vuoi dire che i Cinesi hanno qualcosa nei geni che non permette loro di organizzarsi in uno stato veramente democratico in cui non ci sia necessità del bastone?Allora dovremmo dare ai suoi governanti il premio Nobel per la Pace...Ma per piacere!
            i giapponesi sono di un altra razza, non c'e'
            nulla da fare ne' discutere, sono due popoli
            veramente opposti l'un l'altro e lo sono sempre
            stati.Sarà per questo che condividono praticamente tutto l'impianto culturale filosofico-letterario (scrittura, filosofia, religione...)
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: I cinesi
            Tutti contro la Cina perché il fatto che loro non rispettino i diritti civili permette loro di avere a disposizione un esercito di veri e propri schiavi, ovvero una forza lavoro a costo praticamente nullo, contro la quale non è possibile competere.Hai presente l'episodio di Animatrix con la pubblicità dell'auto?Guardalo, è istruttivo.
          • Pepito il breve scrive:
            Re: I cinesi
            falso.i salari in cina non sono MAI stati cosi' alti e non c'e' mai stata una scelta di lavori cosi' ampia come oggi.ma elenchiamoli pure sti fantomatici diritti civili dai... credi che li' non facciano scioperi e non vadano sui tetti delle fabbriche ?
          • harvey scrive:
            Re: I cinesi
            Guarda che i primi a sfruttare quegli schiavi sono proprio stati gli europeiI diritti civici in europa sono rispettati perche' sono nati qua, ma di diritti pure qua ne vengono calpestati a migliaia. In più sono i primi a impedire i diritti umani nelle altre nazioni (vedi le guerre che fanno)Poi se le tue informazioni sono gli animatrix si capisce molte cose
      • angros scrive:
        Re: I cinesi

        fatevi un giro a shanghai, beijing, xi'an,
        chengdu, chongqing, dalian, tianjin, vedrete
        quartieri nuovi di zecca, metropolitane piu'
        pulite di quella di tokyo, grattacieli, negozi,
        gente che lavora e anzi aziende che fanno fatica
        a trovare personale, altro che qui in italia con
        disoccupazione al 20-30%, periferie fatiscenti,
        treni con le zecche, uffici postali di XXXXX e
        politici che sniffano coca e vanno a
        trans.Tu ci sei stato (in cina, non a trans)? Perchè non ci racconti quando e come?
    • CCC scrive:
      Re: I cinesi
      - Scritto da: nome e cognome
      OT:I cinesi, non vorrei essere al loro posto ...
      vivono in una dittatura vera e propria, limitati
      in tutto .. altro che google, si dovrebbero
      armare e fare un bel colpo di
      stato.
      E' una delusione vedere un cosi vasto paese
      ridotto in quello stato ... ecco cosa fa il
      comunismo estremizzato.. come prima in russia, in
      moldavia .. che
      tristezza.
      Andrebbe boicottato tutto il mercato verso la
      cina, sia quello che esce che quello che entra,
      un po come ha fatto Google, l'ha pensata davvero
      bene.
      Spero tanti altri seguano l'esempio.
      Embargo per la Cina!sei confuso... la cina è oggi la nazione più capitalista al mondo
  • TATO_60 scrive:
    Fuori la Cina dalla rete ...
    Ma perché le democrazie non bannano la Cina in toto ? ... col piffero che le loro industrie riuscirebbero a lavorare.
    • Pepito il breve scrive:
      Re: Fuori la Cina dalla rete ...
      - Scritto da: TATO_60
      Ma perché le democrazie non bannano la Cina in
      toto ? ... col piffero che le loro industrie
      riuscirebbero a
      lavorare.più che altro sto XXXXX di internet andrebbe cchiuso. Ci vuole più ruspetto per le videoteche! TANTO ORA C'è IL DIGGITALE TERESTRE, A CHE SERVE INTERNET?
  • Pepito il breve scrive:
    ONORE ALLA CINA !
    Finalmente una buona notizia.Serva da lezione alla cricca yankee-kosher che crede di essere al di sopra della legge.Pieno e incondizionato supporto al luminoso governo cinese !
    • collione scrive:
      Re: ONORE ALLA CINA !
      oh ma sei vivo?credevo ti avessero già internato in un gulag a Shanghai :D
    • Pepito il breve scrive:
      Re: ONORE ALLA CINA !
      tra l'altro leggo aberranti di una ignoranza inaudita, almeno aveste la decenza di star zitti anziche' ripetere a pappagallo la propaganda yankee.censurano solo siti in MANDARINO di propaganda lamaista e uyghura.tanto per fare un esempio nessun sito italiota e' bannato in cina, ne' tantomeno ci sono problemi a vedere siti hard in inglese o altre lingue occidentali, ne' i piu' noti giornali online con l'unica eccezione della BBC in quanto ha una versione in Mandarino, capirai che perdita...MSN, Skype, QQ, youtube, funziona tutto e anche discretamente veloce.la verita' e' che google chiude baracca perche' se dovesse filtrare a mano i contenuti gli costerebbe ben piu' di quel che guadagna, stessa storia gia' vista per youtube in europa d'altronde con le recenti cause perse da google riguardo Mediaset e i video su bambini down.chi crede alla favoletta che lascano l'oriente per motivi di liberta' e altre XXXXXXX e' un povero credulone.
      • Pepito il breve scrive:
        Re: ONORE ALLA CINA !
        - Scritto da: Pepito il breve
        la verita' e' che google chiude baracca perche'
        se dovesse filtrare a mano i contenuti gli
        costerebbe ben piu' di quel che guadagna, stessa
        storia gia' vista per youtube in europa
        d'altronde con le recenti cause perse da google
        riguardo Mediaset e i video su bambini
        down.BBBBBBBBBBRRRRRRRRRRRRAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAVO! BIS!STO XXXXX DI INTERNET VACCHIUSO! Che con la videoteca ormai prendo manco mille euri almese!CASTRAZIONE CHIMICA A CHI SCARRICA DALLO INTERNET I FILMSSSSS!
        • tuamadre scrive:
          Re: ONORE ALLA CINA !
          comincia te a chiuderti va :)... in manicomio però http://www.youtube.com/watch?v=3NahHG6mYYw
        • ninjaverde scrive:
          Re: ONORE ALLA CINA !
          - Scritto da: Pepito il breve
          - Scritto da: Pepito il breve


          la verita' e' che google chiude baracca perche'

          se dovesse filtrare a mano i contenuti gli

          costerebbe ben piu' di quel che guadagna, stessa

          storia gia' vista per youtube in europa

          d'altronde con le recenti cause perse da google

          riguardo Mediaset e i video su bambini

          down.

          BBBBBBBBBBRRRRRRRRRRRRAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAVO!
          BIS!

          STO XXXXX DI INTERNET VACCHIUSO! Che con la
          videoteca ormai prendo manco mille euri
          almese!

          CASTRAZIONE CHIMICA A CHI SCARRICA DALLO INTERNET
          I
          FILMSSSSS!Mi sa che stai trollando (troll)
      • Luca scrive:
        Re: ONORE ALLA CINA !
        Pepito il breve, sei soltanto un troll e pure disinformato. In Cina è praticamente TUTTO censurato, compresi i siti XXXXXgrafici in inglese e perfino YouTube. Vai ad abitarci e po mi dici.
        • Pepito il breve scrive:
          Re: ONORE ALLA CINA !
          - Scritto da: Luca
          Pepito il breve, sei soltanto un troll e pure
          disinformato. In Cina è praticamente TUTTO
          censurato, compresi i siti XXXXXgrafici in
          inglese e perfino YouTube. Vai ad abitarci e po
          mi
          dici.ci sono già andato! Lì la gente mica scarrica!
        • Pepito il breve scrive:
          Re: ONORE ALLA CINA !
          come fotografo non sono certo molto stanziale ma ho dormito per lo piu' in guesthouse sgangherate, hotel 1 stella, e serviced apartments economici da 2-300 euro al mese.facendo foto agli autoctoni se permetti il 90% dei miei contatti e' stato proprio coi cinesi, specie quelli piu' poveri e fotogenici che poi spesso ti invitano anche in casa, specie i tibetani e gli uyghuri, molto meno i pechinesi e gli shanghaiesi e praticamente zero gli hongkongers naturalmente.l'hotel piu' caro dove ho dormito fu un 3 stelle per 18 euro a nottein una localita' della Silk Road.Ho vissuto 3 mesi negli hutong pechinesi e mangiato in bettole da mezzo euro a pasto che non vi raccomando, ma sono le foto che forse amo di piu' e con cui ho fatto un libro fotografico.sono proprio quelli come voi invece, che vedono solo aereoporti, grattacieli, e ristoranti lussuosi, a non capire una mazza della cina e dell'oriente, un po' come il giornalista Severgnini che sul Corriere scrive XXXXXXX immonde da 20 anni e si spaccia per esperto sinofilo dopo un weekend con imprenditori a Shanghai e una visita alla fiera di Guangzhou in compagnia dell'ambasciatore...le ondate di gelo e le tempeste di sabbia ci sono tutti gli anni, ed e' giusto che non facciano quasi manco notizia.la Xinhua la notizia l'ha data come pure la CCTV, se tu non le leggi non so cosa dirti.
    • Pepito il breve scrive:
      Re: ONORE ALLA CINA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      Finalmente una buona notizia.

      Serva da lezione alla cricca yankee-kosher che
      crede di essere al di sopra della
      legge.

      Pieno e incondizionato supporto al luminoso
      governo cinese
      !BRRAAAAAAAAAAAAAAAVO! BIS! Ma che bel nickname che hai, è come il mio!In cina trallaltro a quelli che scarricano dallo internet i films li evvirano!
    • ullala scrive:
      Re: ONORE ALLA CINA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      Finalmente una buona notizia.

      Serva da lezione alla cricca yankee-kosher che
      crede di essere al di sopra della
      legge.

      Pieno e incondizionato supporto al luminoso
      governo cinese
      !Ma....... i cattocomunisti?
    • ullala scrive:
      Re: ONORE ALLA CINA !
      - Scritto da: Pepito il breve
      Finalmente una buona notizia.

      Serva da lezione alla cricca yankee-kosher che
      crede di essere al di sopra della
      legge.

      Pieno e incondizionato supporto al luminoso
      governo cinese
      !Ma....... i cattocomunisti?
  • Andrea scrive:
    Chi vince e chi perde
    Spero che la vittoria del governo cinese si riveli presto una vittoria di Pirro, che oltre ai governi dei paesi democratici, anche le multinazionali si rendano presto conto che facendo affari con quel governo ci perdono e non solo la faccia.
    • pabloski scrive:
      Re: Chi vince e chi perde
      leggevo vari commenti di analisti che parlano di "riflessioni" da parte delle altre aziendeprobabilmente questa mossa di google metterà qualche dubbio nella testa di quei manager che sono corsi in Cina alle prime luci del nuovo millennio
    • MarcelloRomani scrive:
      Re: Chi vince e chi perde
      La Cina non è "ignorabile". Soprattutto se si guarda al medio/lungo periodo.Spero invece che anziché generare una sorta di fuga dalla Cina delle multinazionali (cosa che non credo proprio avverrà), questa vicenda faccia cambiare in meglio l'atteggiamento del governo Cinese.Ingenuamente, pensavo che Google avrebbe potuto, certamente con il beneplacito del governo USA, continuare a fare business in Cina ma rifiutandosi di applicare i filtri governativi. Sarebbe stato un bello smacco per la dittatura e una boccata d'aria benefica per il popolo cinese...
      • Andrea scrive:
        Re: Chi vince e chi perde
        Infatti non parlavo della Cina, ma del suo (attuale) governo.
        • Pepito il breve scrive:
          Re: Chi vince e chi perde
          ma lascia stare.nessuno sa nulla di cina e del suo governo, e' tutto per sentito dire, magri avessimo noi un governo come il loro, altro che i vari scandali Marrazzo o Mokbel o Tarantini e la casta di politicanti a 15.000 euro al mese con autista e attico milionario in centro a Roma.
          • harvey scrive:
            Re: Chi vince e chi perde
            Ma dai, solo perche' qua in italia chi fa una delle truffe più grandi della storia non va manco un giono in prigione, non significa mica che in italia si sta male. Basta non essere tra la gente rovinata per quei fatti
          • Pepito il breve scrive:
            Re: Chi vince e chi perde
            esatto.in italia chi ruba vince, e' sempre stato e sara' sempre cosi'.in cina chi ruba molto viene impiccato invece, chi ha ragione quindi ?
      • Pepito il breve scrive:
        Re: Chi vince e chi perde
        ma quale dittatura ?e' un governo comunista, eletto da membri del partito, partito a cui chiunque puo' partecipare compreso l'ultimo dei pizzicagnoli o contadino squattrinato, leggetevi le biografie degli attuali leaders del PCC ad esempio, non c'e' n'e' uno di famiglia ricca, i ricchi son tutti scappati a hongkong nel 1951.la realta' e' che vi rode che i cinesi facciano il capitalismo meglio di noi e ci vendano le scarpe che noi gli abbiamo genialmente insegnato a produrre coi nostri brevetti e macchinari.d'altronde lo diceva pure Lenin che il capitalismo vendera' la corda con cui i comunisti lo avrebbero impiccato e la profezia si e' avverata in pieno...
        • fiertel91 scrive:
          Re: Chi vince e chi perde
          - Scritto da: Pepito il breve
          d'altronde lo diceva pure Lenin che il
          capitalismo vendera' la corda con cui i comunisti
          lo avrebbero impiccato e la profezia si e'
          avverata in
          pieno...Chiamalo comunismo quello cinese...
  • Francesco scrive:
    riflessione semplice
    A me sembra che per forza di cose noi tutti sappiamo ben poco di quello che sta realmente accadendo. Una multinazionale come Google non butta la vento 600 milioni di dollari all'anno solo per questioni etiche.Ci devono essere ben altri motivi. Agli azionisti non interessa una beata mazza se qualche cinese non puo' cercare informazioni sul Dalai Lama.L'iniziativa di Google deve per forza venire da piu' lontano, e come una partita a scacchi devono per forza aver previsto fin dall'inizio tutte le mosse e le possibili reazioni.Chiaramente il governo cinese puo' fare a meno di Google. La Cina E' un altro pianeta. Se non fosse per il controllo delle nascite sarebbero quasi 2 miliardi di persone. Vivranno tutti serenamente anche senza Google.Google puo' fare a meno della Cina? nell'immediato e prossimo futuro (5 anni) sicuramente. Probabilmente non a lungo termine (tra 10/20 anni potra' essere ancora completamente fuori dal mercato cinese? dubito moltissimo). Ma tornando all'inizio, direi che in realta' sappiamo bene poco. A Google ci sono menti molto in gamba. E il governo USA e' sicuramente al loro fianco. Ma non riesco a osservare per intero il grande quadro generale. Ho troppe poche informazioni. Ripeto, l'unica cosa che mi viene da pensare e' tutto quello che sta facendo Google viene probabilmente da piu' lontano. Le email violate di qualche attivista cinese sono solo una scusa per passare allo step successivo, non sono di certo il motivo per cui una societa' rinuncia a 600 milioni all'anno e a guadagni futuri ancora maggiori.
    • Lallo scrive:
      Re: riflessione semplice
      secondo me la tua riflessione è troppo semplice. La Cina ha, già in passato, applicato politiche di chiusura totale nei confronti dell'Occidente, e questo l'ha portata all'isolamento e alla miseria in cui si trovava all'inizio degli anni '90. Dopodichè, ha cominciato ad aprirsi gradualmente alle politiche capitalistiche occidentali, ma sempre mantenendo un rigido controllo sulla popolazione e sulle aziende. Ed è proprio qui che si gioca, secondo me, la partita. Da un lato la Cina, che vuole continuare a favorire le aziende cinesi (adanno di quelle occidentali) sul proprio mercato. Dall'altra, gli investitori occidentali che vogliono poter applicare regole di mercato senza lacciuoli anche sul mercato cinese. Google fa parte in pieno di questa battaglia, perchè può sfruttare l'arma della libertà d'informazione e dei diritti umani come grimaldello per aprire (scardinare, sarebbe la parola giusta) tutti quei lucchetti che il governo cinese ha messo a punto per favorire le proprie aziende e ostacolare quelle straniere sul proprio mercato.
      • Francesco scrive:
        Re: riflessione semplice
        - Scritto da: Lallo
        secondo me la tua riflessione è troppo semplice.
        La Cina ha, già in passato, applicato politiche
        di chiusura totale nei confronti dell'Occidente,
        e questo l'ha portata all'isolamento e alla
        miseria in cui si trovava all'inizio degli anni
        '90. Dopodichè, ha cominciato ad aprirsi
        gradualmente alle politiche capitalistiche
        occidentali, ma sempre mantenendo un rigido
        controllo sulla popolazione e sulle aziende. Ed è
        proprio qui che si gioca, secondo me, la partita.
        Da un lato la Cina, che vuole continuare a
        favorire le aziende cinesi (adanno di quelle
        occidentali) sul proprio mercato. Dall'altra, gli
        investitori occidentali che vogliono poter
        applicare regole di mercato senza lacciuoli anche
        sul mercato cinese. Google fa parte in pieno di
        questa battaglia, perchè può sfruttare l'arma
        della libertà d'informazione e dei diritti umani
        come grimaldello per aprire (scardinare, sarebbe
        la parola giusta) tutti quei lucchetti che il
        governo cinese ha messo a punto per favorire le
        proprie aziende e ostacolare quelle straniere sul
        proprio
        mercato.e a questo scopo Google CHIUDEREBBE TOTALMENTE ogni attivita' in Cina? come a fare un dispetto? Il governo cinese scrolla le spalle e guarda ancor piu' contento ai propri interessi
        • ninjaverde scrive:
          Re: riflessione semplice

          e a questo scopo Google CHIUDEREBBE TOTALMENTE
          ogni attivita' in Cina? come a fare un dispetto?
          Il governo cinese scrolla le spalle e guarda
          ancor piu' contento ai propri
          interessiMa leggi bene il ragionamento....La Cina rischia l'isolamento, cioè prorio quella situazione difficile da cui è appena uscita. Certo, Google non è che un tassello, ma tanti tassellini fanno una valanga. Oltre tutto la Cina ha un sacco di dollari nelle casse, se gli USA decidessero di svalutare il dollaro chi ci rimetterebbe di più? Non certo gli americani poichè rilancerebbero l'economia interna favorendo le esportazioni, ma prorio la Cina.Ovviamente anche l'Euro si svaluterebbe però noi aquisteremo i prodotti su per giù allo stesso prezzo, soltanto che i prodotti cinesi costerebbero di più quindi ne acquisteremo meno. Ecco che anche in Cina molte ditte sarebbero costrette a chiudere e le multinazionali non investirebbero più in Cina.Fa due conti e poi vedi se Google non ha dato un segnale forte al governo cinese... Ovviamete Google non prende decisioni senza consultare le alte sfere del governo americano... è ovvio questo.
          • nerdista scrive:
            Re: riflessione semplice

            Ma leggi bene il ragionamento....
            La Cina rischia l'isolamento, cioè prorio quella
            situazione difficile da cui è appena uscita.
            Certo, Google non è che un tassello, ma tanti
            tassellini fanno una valanga. Oltre tutto la Cina
            ha un sacco di dollari nelle casse, se gli USA
            decidessero di svalutare il dollaro E' da anni che gli USA cercano di svalutare il dollaro, peccato che il tasso di cambio con la moneta cinese lo decidono le autorità cinesi, visto che non viene trattato liberamente sui mercati.E le autorità cinesi non ci pensano minimamente a rivalutare il CNY.
            chi ci
            rimetterebbe di più? Non certo gli americani
            poichè rilancerebbero l'economia interna
            favorendo le esportazioni, ma prorio la
            Cina.Peccato che per tanti prodotti non esistono proprio le fabbriche per produrli in USA, visto che sono state tutte delocalizzate in Cina, per cui li si dovrebbe importare lo stesso dall'estero ma a prezzi maggiorati.Risultato: inflazione che ammazzerebbe il potere d'acquisto dei lavoratori americani.
          • ninjaverde scrive:
            Re: riflessione semplice


            E' da anni che gli USA cercano di svalutare il
            dollaro, peccato che il tasso di cambio con la
            moneta cinese lo decidono le autorità cinesi,
            visto che non viene trattato liberamente sui
            mercati.
            E le autorità cinesi non ci pensano minimamente a
            rivalutare il
            CNY.Ma certo!!! Vi sono accordi internazionali.Alle multinazionali americane e non solo fa comodo questa situazione e quindi per il momento vanno avanti così.

            Peccato che per tanti prodotti non esistono
            proprio le fabbriche per produrli in USA, visto
            che sono state tutte delocalizzate in Cina, per
            cui li si dovrebbe importare lo stesso
            dall'estero ma a prezzi
            maggiorati.
            Risultato: inflazione che ammazzerebbe il potere
            d'acquisto dei lavoratori
            americani.L'inflazione non è affatto detto che ammazzerebbe il potere d'acquisto se non nel caso di prodotti stranieri. Inoltre le aziende potrebbero rientrare nel territorio nazionale poichè non avrebbero più molta convenienza a lavorare in Cina.Esempio:Fintanto che la lira si svalutava in Italia, non risentivamo delle disoccupazione e comunque si poteva acquistare di tutto, anche perchè si aumentava di conseguenza l'esportazione. Oggi con l'Euro forte siamo alla stagnazione però in compenso possiamo acquistare prodotti cinesi..Ma fino a che punto? Se la disoccupazione continua ad aumentare, aumenterà anche la spesa pubblica per la cassa integrazione. Ad un certo punto dovranno sospendere anche quella e una gran parte della classe di lavoratori attivi si troverà sul lastrico. Ovviamente questi non potranno acquistare neanche prodotti cinesi. Ecco che allora il sistema crolla.
          • nerdista scrive:
            Re: riflessione semplice

            Ma certo!!! Vi sono accordi internazionali.
            Alle multinazionali americane e non solo fa
            comodo questa situazione e quindi per il momento
            vanno avanti
            così.Alle multinazionali americane conviene un dollaro svalutato, ma il punto è che gli USA non hanno il potere di decidere il cambio con la moneta cinese, lo capisci o no?Perché il cambio è deciso dalle autorità cinesi, visto che il CNY è in regime di cambio fisso e non fluttua liberamente sul mercato. Quello che possono fare gli USA è "tentare" di svalutare il dollaro stampando a più non posso, ma la banca centrale cinese a sua volta può decidere di tenere ugualmente il cambio fisso stampando CNY all'impazzata pure lei.
            L'inflazione non è affatto detto che ammazzerebbe
            il potere d'acquisto se non nel caso di prodotti
            stranieri. Ma il 90% del manifatturiero mondiale è fatto in Cina, ci arrivi o no? In altre parole: quasi tutti i prodotto di cui il lavoratoreoccidentale ha bisogno, devono essere importati.
            Inoltre le aziende potrebbero
            rientrare nel territorio nazionale poichè non
            avrebbero più molta convenienza a lavorare in
            Cina.Innazitutto questo è proXXXXX che avviene nell'arco di anni:non si possono spostare fabbriche e distretti industruali nel giro di cinque minuti. E quindi, nel breve periodo, una svalutazione del dollaro vuol dire un AUMENTO TREMENDO DELL'INFLAZIONE per i lavoratori occidentali, e quindi un loro impoverimento pauroso.Non solo, ma con tutta probabilità le fabbriche non verebbero rilocalizzate in Occidente, ma si sposterebbero dalla Cina al Messico all'Indonesia o in qualche altro paese low-cost. D'altronde lo hanno fatto fino adesso, e non si vede perché il proXXXXX dovrebbe improvvisamente interrompersi.
            Esempio:
            Fintanto che la lira si svalutava in Italia, non
            risentivamo delle disoccupazione e comunque si
            poteva acquistare di tutto, anche perchè si
            aumentava di conseguenza l'esportazione. Oggi con
            l'Euro forte siamo alla stagnazione però in
            compenso possiamo acquistare prodotti
            cinesi..
            Ma fino a che punto?
            Se la disoccupazione continua ad aumentare,
            aumenterà anche la spesa pubblica per la cassa
            integrazione. Ad un certo punto dovranno
            sospendere anche quella e una gran parte della
            classe di lavoratori attivi si troverà sul
            lastrico.

            Ovviamente questi non potranno acquistare neanche
            prodotti cinesi.

            Ecco che allora il sistema crolla.Ma crolla per chi? Crolla per noi Occidentali, che ci impoveriamo ogni giorno di più. La Cina è vero subirebbe un contraccolpo, ma siccome ha la base manifatturiera più estesa del mondo, e un mercato interno dalle grandi potenzialità, farebbe fronte al crollo di più e meglio di noi, questo è poco ma sicuro.
          • ninjaverde scrive:
            Re: riflessione semplice
            Le tue tesi sono un tantino unilaterali.Che gli USA decidano loro tutto in modo unilaterale non è vero come non è vero che la produzione mondiale è al 90% in Cina.Insomma si sparisse la Cina morieremo di fame? Mi pare prorio di no.Fino ad una ventina, mettiamo pure trentina, di anni fa la Cina era inesistente sul mercato a parte i souvenir ed adesso ha il 90% della produzione? Anche agguingento tutto il sud est asiatico non arriveresti a tanto.Quindi riguardati un pò le tesi.
    • Detestor scrive:
      Re: riflessione semplice
      Scusate ragazzi, ma a me sembra palese il motivo per cui Google si allontana, e non capisco chi si arrovella per trovare cause umanitarie o fantapolitiche, come non capivo chi fino a ieri millantava il fatto che Google non avrebbe lasciato la Cina (cosa di cui sono sempre stato arcisicuro).Il motivo è di una semplicità disarmante: un'azienda che gestisce dati personali come Google e che subisce un attacco come quello che ha subito in Cina subisce un grave danno di immagine in tutto il mondo: e chi si fida più a tenere i propri dati sui loro server? Per riparare, vanno identificati e processati i colpevoli. Siccome in questo caso il colpevole è il governo stesso, Google a malincuore se ne va, non ha altra scelta.Quindi, nessun motivo etico e politico: semplicemente, se non dimostro la mia professionalità faccio la figura del fesso con tutti i miei clienti, non solo quelli cinesi.Questo spiega anche perché, fino a quest'attacco, Google si sia docilmente piegato a tutti i diktat del criminale governo cinese.
      • Sgabbio scrive:
        Re: riflessione semplice
        pure tu non scherzi però :D
        • Detestor scrive:
          Re: riflessione semplice
          Non scherzo de che? Perdonami, non capisco, forse mi son perso dei post precedenti.
        • Detestor scrive:
          Re: riflessione semplice
          No davvero, se hai qualcosa da dire riguardo al mio post condividilo con la comunità, non limitarti a frasi vagamente offensive e faccette, che non dicono niente se non dimostrare che, in realtà, non hai niente da dire.
      • Francesco scrive:
        Re: riflessione semplice
        - Scritto da: Detestor
        Scusate ragazzi, ma a me sembra palese il motivo
        per cui Google si allontana, e non capisco chi si
        arrovella per trovare cause umanitarie o
        fantapolitiche, come non capivo chi fino a ieri
        millantava il fatto che Google non avrebbe
        lasciato la Cina (cosa di cui sono sempre stato
        arcisicuro).
        Il motivo è di una semplicità disarmante:
        un'azienda che gestisce dati personali come
        Google e che subisce un attacco come quello che
        ha subito in Cina subisce un grave danno di
        immagine in tutto il mondo: e chi si fida più a
        tenere i propri dati sui loro server? Per
        riparare, vanno identificati e processati i
        colpevoli. Siccome in questo caso il colpevole è
        il governo stesso, Google a malincuore se ne va,
        non ha altra
        scelta.
        Quindi, nessun motivo etico e politico:
        semplicemente, se non dimostro la mia
        professionalità faccio la figura del fesso con
        tutti i miei clienti, non solo quelli
        cinesi.
        Questo spiega anche perché, fino a quest'attacco,
        Google si sia docilmente piegato a tutti i diktat
        del criminale governo
        cinese.non credo affatto in questa motivazione. Una societa' non rinuncia a guadagna m-o-s-t-r-u-o-s-i per un piccolo danno di immagine. E poi mi chiedo, quanto il governo USA puo' davvero (intendo, per davvero) avere accsso alle nostre informazioni? Per me in modo quasi totale.Ripeto, e' assurdo che per un piccolo danno di immagine una societa' addirittura CHIUDA TOTALMENTE ogni sua attivita' in un paese in cui aveva e avrebbe avuto guadagna mostruosi.Allora alcune Banche che si sono fatte rubare dati delle carte di credito dei loro clienti? Hanno forse chiuso? Ovviamente no
        • Detestor scrive:
          Re: riflessione semplice
          Il governo USA avrà anche acXXXXX alle vostre informazioni (dico vostre perché io l'account su Google non ce l'ho), ma non ve lo viene a dire, e la faccia è salva. Secondo me il danno d'immagine non è piccolo, è anzi il più grande possibile, per chi tratta dati personali. Riguardo alle banche, non hanno chiuso, certo (ma neanche Google), ma avranno certamente rimborsato i loro clienti. Ci sono anche state altre fughe di dati, il mondo non è perfetto. Il problema è che, contrariamente ai casi che tu e io abbiamo citato, qui non c'è stato il RICONOSCIMENTO del reato, il chiaro messaggio è stato: "Va bene così, siamo stati noi e lo rifaremo ogni volta che ne avremo voglia". Capisci la differenza, per cui una compagnia che tratta dati non può più essere credibile se accetta una roba così? Saluti, son contento che qualcuno ha ancora voglia di scambiarsi idee e opinioni senza insulti e smiley idioti.
          • Francesco scrive:
            Re: riflessione semplice
            - Scritto da: Detestor
            Il governo USA avrà anche acXXXXX alle vostre
            informazioni (dico vostre perché io l'account su
            Google non ce l'ho), ma non ve lo viene a dire, e
            la faccia è salva. Secondo me il danno d'immagine
            non è piccolo, è anzi il più grande possibile,
            per chi tratta dati personali. Riguardo alle
            banche, non hanno chiuso, certo (ma neanche
            Google), ma avranno certamente rimborsato i loro
            clienti. Ci sono anche state altre fughe di dati,
            il mondo non è perfetto. Il problema è che,
            contrariamente ai casi che tu e io abbiamo
            citato, qui non c'è stato il RICONOSCIMENTO del
            reato, il chiaro messaggio è stato: "Va bene
            così, siamo stati noi e lo rifaremo ogni volta
            che ne avremo voglia". Capisci la differenza, per
            cui una compagnia che tratta dati non può più
            essere credibile se accetta una roba così?
            Saluti, son contento che qualcuno ha ancora
            voglia di scambiarsi idee e opinioni senza
            insulti e smiley
            idioti.(neanch'io ho l'account google, almeno non Gmail, ma il mio server di posta e' sempre negli USA, quindi.. e anche se fosse stato in Europa o nella mia camera da letto non sarebbe cambiato molto.. Echelon ci osserva :-) http://en.wikipedia.org/wiki/Echelon_%28signals_intelligence%29 - ma questi sono discorsi da paranoici della privacy! io mi tengo il mio server di posta efficiente a pochi dollari e sono contento cosi')tornando al nostro discorso..c'e' sicuramente un puro interesse di 'pulizia' d'immagine (nulla a che vedere con discorsi di etica). Google ci fa bella figura. Ma da questo ad arrivare a CHIUDERE TOTALMENTE ogni attivita' in Cina ce ne passa.. Non e' solo fare la bella figura di paladina della liberta' di espressione. Ad andarsene ci perde troppi mancati guadagni. E il governo cinese non si pieghera' di un millimetro, visto che puo' tranquillamente permetterselo. Ora e in futuro. Questo significa che Google sta mettendo in conto di non tornare piu' in Cina. E anche se fosse in parte per motivi etici, andandosene si dichiara solo sconfitta. Avrebbe aiutato se fosse rimasta. Censurando quello che c'era da censurare perche' costretta, ma sfruttando ogni possibile spiraglio per fare da 'grimaldello'pacifico e intelligente dall'interno. Dall'esterno non puo' piu' fare nulla.Ci guadagna in immagine nel resto del mondo (almeno per qualche tempo), e per un po' i suoi 'avversari' (Bing e altri motori di ricerca) ci faranno brutta figura, ma il prezzo e' incredibilmente troppo alto. Ripeto, troppi mancati guadagni e la possibilita' per altri di sfruttare il vuoto che viene creato.Non credo sia certo per etica. E nemmeno per recuperare un danno di immagine. E non penso sia una mossa avventata. A cosa esattamente stiano 'giocando' non lo so, posso solo vedere quello che secondo me NON e' :-)
          • gigi scrive:
            Re: riflessione semplice
            Probabilmente, per qualche motivo che non sappiamo, google ha ritenuto piu' sicuro togliere i suoi server da la.
          • soulista scrive:
            Re: riflessione semplice
            - Scritto da: Detestor
            Riguardo alle
            banche, non hanno chiuso, certo (ma neanche
            Google), ma avranno certamente rimborsato i loro
            clienti.L'unica cosa che si evince da questa storia... e da tutte le storie del mondo è che LE BANCHE VINCONO SEMPRE.Sì, pure in Cappuccetto Rosso.
    • Detestor scrive:
      Re: riflessione semplice
      Il problema è che Google ha già accettato di autocensurarsi in Cina, quindi il tuo discorso non sta molto in piedi. No, Google dice: "Siamo in Cina, obbediamo alle leggi cinesi". Quando però viene violato il contratto fra l'azienda e gli utenti (dei servizi di posta), allora deve fare qualcosa. Come dicevo, è proprio per questo che Google può autocensurarsi, ma non può permettere che i propri account siano spiati, perché nel secondo caso c'è un contratto violato, mentre nel primo caso gli utenti del motore di ricerca non firmano nessun contratto, quindi il servizio non è disciplinato da altre regole che quelle dello stato (criminale).
    • Xunhuan scrive:
      Re: riflessione semplice
      Da quanto ho letto, la Cina contribuiva solo per il 2%al fatturato globale di Google. Allo stato attuale,i costi non sono poi così alti, considerando anche ilritorno di immagine.Se poi ci aggiungiamo il background familiare di Brin eil suo mezzo delirio di onnipotenza, nonché la vicinanzadi Google all'amministrazione americana è facile tirare le somme.
    • abbello scrive:
      Re: riflessione semplice
      Si tratta di spionaggio industriale ad alto livello (altro che gmail dei dissidenti) da parte del governo cinese nei confronti delle più grandi ditte americane. Google si è imbestialita perchè hanno provato (riuscendoci?) a rubare i segreti industriali (software) che sono la base dell'impero Google. Meglio perdere il business _cinese_, piuttosto che farsi rubare _tutto_ il business. Gli uffici cinesi di Google erano infiltrati da tempo da spie il cui scopo era rubare segreti industriali a Google... ora l'attacco governativo è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso... quindi BigG ha detto... bene... tanti cari saluti... anche perchè questa volta si sono accorti almeno, la prossima potrebbero rubargl tutti e accorgesi quando è troppo tardi.Non si tratta di principi umani, ma di sopravvivenza industriale.
      • Xunhuan scrive:
        Re: riflessione semplice
        Peccato che Google abbia prodotto molto fumo e pocopochissimo arrosto. Perché nonostante tutte le indiscrezioni diffuse attraverso il megafono dei mediaal momento non solo non c'è nessuna smoking gun ma mancapersino una prova minimamente convincente che conducaal governo cinese. Al di là delle notizie comunicate ai media siamo ancoraa "l'attacco sembra provenire dalla Cina".Un tantino poco per accusare uno stato sovrano.
        • abbello scrive:
          Re: riflessione semplice
          - Scritto da: Xunhuan
          Al di là delle notizie comunicate ai media siamo
          ancora
          a "l'attacco sembra provenire dalla Cina"."People wanting to learn more about these kinds of attacks can read this Report to Congress (PDF) by the U.S.-China Economic and Security Review Commission (see p. 163-), as well as a related analysis (PDF) prepared for the Commission, Nart Villeneuve's blog and this presentation on the GhostNet spying incident."Ovviamente per "People wanting to learn more" ... cosa molto meno divertente che non trollare su PI.
          Un tantino poco per accusare uno stato sovrano.Ogni stato è sovrano a casa sua, quando va a spiare a casa degli altri non è più sovrano...
          • Xunhuan scrive:
            Re: riflessione semplice
            - Scritto da: abbello
            - Scritto da: Xunhuan


            Al di là delle notizie comunicate ai media siamo

            ancora

            a "l'attacco sembra provenire dalla Cina".

            "People wanting to learn more about these kinds
            of attacks can read this Report to Congress (PDF)
            by the U.S.-China Economic and Security Review
            Commission (see p. 163-), as well as a related
            analysis (PDF) prepared for the Commission, Nart
            Villeneuve's blog and this presentation on the
            GhostNet spying
            incident."

            Ovviamente per "People wanting to learn more" ...Peccato che queste evidenze manchino, Google nonè stata in grado di portare un bel nulla...Altrimenti avrebbe potuto sedersi con bel altriargomenti al tavolo negoziale. Purtroppo per tenon c'erano né smoking gun né prove concrete.Vediamole queste evidenze..Così le aggiungiamo alle fialette di Colin Powelled all'incidente del Golfo del Tonchino.
            cosa molto meno divertente che non trollare su
            PI.Certo...


            Un tantino poco per accusare uno stato sovrano.

            Ogni stato è sovrano a casa sua, quando va a
            spiare a casa degli altri non è più
            sovrano...
    • pippuz scrive:
      Re: riflessione semplice
      - Scritto da: Francesco
      A me sembra che per forza di cose noi tutti
      sappiamo ben poco di quello che sta realmente
      accadendo. Una multinazionale come Google non
      butta la vento 600 milioni di dollari all'anno
      solo per questioni
      etiche.
      Google puo' fare a meno della Cina?
      nell'immediato e prossimo futuro (5 anni)
      sicuramente. Probabilmente non a lungo termine
      (tra 10/20 anni potra' essere ancora
      completamente fuori dal mercato cinese? dubito
      moltissimo).La Cina di domani non è detto che sia la Cina di oggi. Oggi Google esce (fra l'altro, nemmeno completamente), domani è un altro giorno.Detto questo: Google sa che in Cina non ha margini di miglioramento. Questo per un semplice motivo: aveva uno share che alcuni stimavano nel 14%, quindi bassissimo; appena ha cercato di migliorare, la Cina ha usato i dns per redirezionare le richieste da Google a Baidu. La Cina gli ha fatto chiaramente capire che Baidu deve restare il leader incontrastato, così perché lo decidono loro. In più i cinesi si sono messi a giocherellare in maniera pesante con i server di Google, dove, fra un dato di un attivista e l'altro, hanno trovato anche altro di interessante. G. o perché vuole che quest'altro non sia reso pubblico (la Cina lo tiene per le palle) o perché si è reso conto che non potrà mai fare nulla in Cina che il governo cinese non voglia (vedi politica cinese nei confronti di tutte le aziende occidentali), ha deciso che un mercato privo di prospettive reali (giocano al gioco che vuole il governo, senza poter tirare i dadi e le pedine sono i cittadini indottrinati dai giornali di regime) valeva ben una bella figura, che fa miliardi in un periodo in cui Google comincia ad avere qualche problemino nel mondo. Anche perché G. se ne va relativamente: continua ad operare da Hong Kong, senza dover sottostare alle regole cinesi: non siamo noi che oscuriamo i risultati, sono loro che ci filtrano. Non è la stessa cosa, ma quasi. Ovviamente in mezzo ci si metta il braccio di ferro Usa - Cina, avvertimenti e contro-avvertimenti e il gioco è fatto. Sulla Cina: terrà pure gli USA per le palle, ma loro hanno bisogno di una crescita a doppia cifra, altrimenti gli squilibri interni scoppiano; poi, si salvi chi può.
  • ManMark scrive:
    Ma Hong Kong non fa parte della Cina?
    Hong Kong è stata restituita alla Cina già nel 1997 e quindi non fa parte della Cina? Il governo cinese non potrebbe intervenire anche lì? O forse Hong Kong è una specie di "regione a statuto speciale"?Qualcuno lo sa?
    • luisito scrive:
      Re: Ma Hong Kong non fa parte della Cina?
      - Scritto da: ManMark
      Hong Kong è una specie di "regione a statuto
      speciale"?Yep! http://it.wikipedia.org/wiki/Hong_KongNome ufficiale:Hong Kong Special Administrative Region of the People's Republic of China
    • Lallo scrive:
      Re: Ma Hong Kong non fa parte della Cina?
      esattamente, Hong Kong ha mantenuto uno statuto speciale dopo l'annessione alla Cina. Tanto è vero che tutto intorno al suo territorio, c'è ancora il filo spinato e le guardie armate dell'esercito a sorvegliarlo.
    • Star scrive:
      Re: Ma Hong Kong non fa parte della Cina?
      Sì ma poiché per lungo tempo è stata colonia britannica e quindi indipendente dalle porcherie del governo cinese anche ora che è tornata sotto la Cina ha mantenuto una propria autonomia... ed infatti è l'unico paese della Cina che puoi visitare senza alcun permesso a parte il passaporto ed i commerci sono molto meno restrittivi.
      • HoT FeVeR scrive:
        Re: Ma Hong Kong non fa parte della Cina?
        Hong Kong ( 香港?, pinyin Xiānggǎng porto profumato) è una regione amministrativa speciale della Repubblica Popolare Cinese.Se poi fa solo parte sulla carta geografica non lo so di preciso o tipo San Marino in Italia.
    • scrotone scrive:
      Re: Ma Hong Kong non fa parte della Cina?
      Non sei capace a fare una ricerca su internet per avere queste informazioni? Guarda che non muori se ti sbatti un pò e non pretendi di avere sempre la pappa pronta.
      • aid85 scrive:
        Re: Ma Hong Kong non fa parte della Cina?
        dipendedal punto di vista della cina tutto il mondo fa parte della cinaci sn regioni ribelle come europa canada ecc... ma è tutta roba loradal punto di vista di francese nepalesi di hongkong e taiwan loro sono stati indipendentie anke secondo l'ONUdi fatto tengono la testa bassa e lasciano che la cina dika quello ke vuole per mantenere la loro indipendenza de facto pagando qualkosina perchè in caso di guerra vivrebbero mezzo secondoanke secondo i francesi il monte bianco è tutto francese compreso curmayour !!! però ufficialmente è diviso a metà
        • non so scrive:
          Re: Ma Hong Kong non fa parte della Cina?
          - Scritto da: aid85
          anke secondo i francesi il monte bianco è tutto
          francese compreso curmayour !!!ma chi te l'ha detta questa :-)
  • Paolo Piano scrive:
    Il destino cinese
    La Cina è una junk-nation, pari se non peggiore dell'America, ed è destinata ad implodere. Il brutto è che sicuramente ci trascinerà nella caduta.
    • Chen il cinese scrive:
      Re: Il destino cinese
      Si, cadremo, ma su di voi! E il bello è che siete convinti di essere superiori!http://snipurl.com/v0jkr
      • bubu scrive:
        Re: Il destino cinese
        Ho visto il video che hai postato... non c'è che dire, di XXXXXXXXX che marciavano al passo dell'oca a baionetta sguainata ne avevamo anche qui in Europa, e poi si è visto la fine che hanno fatto.A mio parere non è che hai preso un gran riferimento al quale ispirarti.(cosa c'entra una marcia militare con la notizia di Google poi...)
        • Chen il cinese scrive:
          Re: Il destino cinese
          Non hai capito il senso della marcia. NOI siamo uniti, VOI pensate ognuno per contro vostro. E' questa la grande differenza!
          • Lybra scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Chen il cinese
            Non hai capito il senso della marcia. NOI siamo
            uniti, VOI pensate ognuno per contro vostro. E'
            questa la grande
            differenza!Ma cosa siete uniti che avete 8 dialetti ufficiali (e un "cinese semplificato") e una persona di Shangai non è in grado di parlare normalmente con una persone di Pechino...per non parlare delle profince periferiche.Questo è unione? Wow...
          • Iii scrive:
            Re: Il destino cinese
            Un po' come in Italia, quindi..
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Il destino cinese
            contenuto non disponibile
          • Pippo Lacoca scrive:
            Re: Il destino cinese
            l'e' el bauscia pechines?
          • harvey scrive:
            Re: Il destino cinese
            In europa quante lingue abbiamo? E di dialetti?E siamo più piccoli della cinaPessimo esempio
          • MaPs scrive:
            Re: Il destino cinese
            La parate degli uniti per la patria...ma se sembrano tutti dei robot. Altro che unione... siete solo delle rotelline.
          • jack scrive:
            Re: Il destino cinese
            Siete uniti sotto la minaccia di ritorsioni.Pagliacci nazisti!
          • bissio scrive:
            Re: Il destino cinese
            sei così stupido da non sembrare vero. Ma davvero sei un cinese o oriundo tale?
          • ninjaverde scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Chen il cinese
            Non hai capito il senso della marcia. NOI siamo
            uniti, VOI pensate ognuno per contro vostro. E'
            questa la grande
            differenza!E' vero anche l'Islam degli Arabi stava per conquistare l'Europa perchè uniti dalla religione che favoriva la guerra e la conquista per il presunto volere del loro Dio. Ma nonostante questo non sono riusciti ad invadere popoli non uniti di etinie molto diverse tra loro, derivanti da un impero in decadenza.Anche la Germania Italia e Giappone erano Nazioni unite, ma qualcosa ad un certo punto è andato storto....forse perchè troppo avidi....forse perchè troppo feroci o semplicemente perchè persero le caratteristiche migliori dell'umanità.
          • harvey scrive:
            Re: Il destino cinese
            In realtà persero per solo 1 o 2 errori di una persona (aveva i baffetti)
          • ninjaverde scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: harvey
            In realtà persero per solo 1 o 2 errori di una
            persona (aveva i
            baffetti)Eh certo vi sono sempre errori da entrambe le parti.La Francia si fidò troppo dei nuovi confini super protetti (vennero aggirati). L'Inghiltera non collaborò con la Geremania alla soluzione degli Ebrei, Hitler ad un certo punto tradì il suo alleato russo, Mussolini dichiaroò guerra alla Grecia anche se quel paese era neutrale e non dava fastidio a nessuno...Insomma, se non fosse una questione tragica ci sarebbe da ridere.
          • harvey scrive:
            Re: Il destino cinese
            No no, Hitler e' riuscito a perdere una guerra già vinta.La Germania era semplicemente la più potente.L'USA e' riuscita a fare lo sbarco in Normandia solo grazie al controspionaggio. Se Hitler non avesse abboccato, l'europa sarebbe ancora NaziFascista
      • az nock scrive:
        Re: Il destino cinese
        E' bastato un uomo disarmato per fermare un carro armato... Non capisco cosa vuoi dire con quella sfilata
        • Chen il cinese scrive:
          Re: Il destino cinese
          Che se volessimo NOI potremmo schiacciarvi in ogni momento. Ma vi state schiacciando da soli, perché incapaci di SACRIFICI in nome della PATRIA!
          • Sgabbio scrive:
            Re: Il destino cinese
            trollino cinese :D Che tenerooooo
          • urrrr scrive:
            Re: Il destino cinese
            Ascolta bimboXXXXXXX....Ritornatene in cina e non romperci i maroni con i tuoi discorsi da IDIOTA bimboXXXXXXX è...Parlare di guerre in tempi come i nostri dove anche più piccola e spopolata nazione può disporre di armi in grado di bruciare in meno di un giorno metà globo è da poveri ignoranti e bimbiminkia quale tu sei...
          • aaaaaaaa scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Chen il cinese
            Che se volessimo NOI potremmo schiacciarvi in
            ogni momento. Ma vi state schiacciando da soli,
            perché incapaci di SACRIFICI in nome della
            PATRIA!piantala di trollare stai diventando triste...
          • ninjaverde scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Chen il cinese
            Che se volessimo NOI potremmo schiacciarvi in
            ogni momento. Ma vi state schiacciando da soli,
            perché incapaci di SACRIFICI in nome della
            PATRIA!Vanno bene gli idelai, purchè prima degli ideali vi sia il benessere dell'uomo. Non mettere per prima il valore degli ideali a scapito dell'umanità.Questo è un grave errore di logica o per meglio dire di mancanza di sentimenti o di mancanza di immedesimazione dell'io col tu.I grandi idealisti sono sempre stati grandi criminali sia in guerra che in pace, seppure i loro ideali erano fondamentalmente nobili e persino "umanitari".
          • harvey scrive:
            Re: Il destino cinese
            Il capitalismi mette come ultimi il benessere dell'uomoInfatti l'importante nei paesi occidentali e' il PIL, non esiste nessun indice di benessere da mantenere altoNon a caso l'occidente e' in pieno declino
          • ninjaverde scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: harvey
            Il capitalismi mette come ultimi il benessere
            dell'uomo

            Infatti l'importante nei paesi occidentali e' il
            PIL, non esiste nessun indice di benessere da
            mantenere
            alto

            Non a caso l'occidente e' in pieno declinoQuoto.O il capitalismo cambia o vi saranno tempi molto difficili.
        • Marco scrive:
          Re: Il destino cinese
          - Scritto da: az nock
          E' bastato un uomo disarmato per fermare un carro
          armato... Non capisco cosa vuoi dire con quella
          sfilataSSSS!!!!Che se e' "Cinese Vero"(Tm...anzi no! CE=China Export), magari neanche lo sa...
      • Chen il cinese scrive:
        Re: Il destino cinese
        La verità è voi occidentali che non avete spirito di PATRIA! La vostra generazione è vissuta nella bambagia, NOI veniamo dalla miseria e lavoriamo e studiamo per un tozzo di pane perché sappiamo cos'è la FAME.
        • collione scrive:
          Re: Il destino cinese
          la fame che creano i vostri idoli che stanno al governomeno feudalesimo e più libertà in Cina, ecco cosa ci vuole
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: collione
            la fame che creano i vostri idoli che stanno al
            governo

            meno feudalesimo Evita di parlare di cose che non conosci.Feudalesimo ROTFL
            e più libertà in Cina, ecco cosa ci
            vuoleEcco che i nodi vengono al pettine. Alla finesei tu che vuoi imporre ad altri come devonovivere, uniformandosi ai tuoi valori e ai tuoisistemi di governo. E' tempo che vi rassegniate, con la guerra delVietnam, quell'era è finita.
          • collione scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Xunhuan
            Evita di parlare di cose che non conosci.
            Feudalesimo ROTFL
            allora perchè in Cina se non sei figlio di un uomo potente sei costretto a vita ad essere schiavo dei potenti? solo i mafiosi delle triadi riescono ad uscirne e spessissimo i capi delle triadi sono già appartenenti a famiglie potenti legate ai poteri statali

            e più libertà in Cina, ecco cosa ci

            vuole

            Ecco che i nodi vengono al pettine. Alla fine
            sei tu che vuoi imporre ad altri come devono
            vivere, uniformandosi ai tuoi valori e ai tuoi
            sistemi di governo.
            E' tempo che vi rassegniate, con la guerra del
            Vietnam, quell'era è finita.in pratica chiedere più libertà in Cina significa voler imporre il nostro modello di vita?a me non frega un tubo che i cinesi non vogliono il XXXXX ma mi frega che un cinese può essere imprigionato per 20 anni solo perchè ha detto che il governo sta sbagliando politica
          • Pippo Lacoca scrive:
            Re: Il destino cinese
            A me interessa anche che se un singolo cinese si vuole vedere una compilation di fellatio e XXXXXXXzioni possa tranquillamente
          • collione scrive:
            Re: Il destino cinese
            certo che può, poi però gli fellatiano le OO :D
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: Xunhuan


            Evita di parlare di cose che non conosci.

            Feudalesimo ROTFL



            allora perchè in Cina se non sei figlio di un
            uomo potente sei costretto a vita ad essere
            schiavo dei potenti? solo i mafiosi delle triadi
            riescono ad uscirne e spessissimo i capi delle
            triadi sono già appartenenti a famiglie potenti
            legate ai poteri
            stataliInfatti non è assolutamente vero. Che i figli difamiglie ricche e potenti abbiano parecchi vantaggiè ovviamente vero ma è così dovunque.Ma una persona di umili origini ha molte più possibilitàdi emergere in Cina che non in Italia. Può diventareprofessore universitario, primario ospedaliero, magistrato ed anche segretario generale del partito comunista.Quanto alle triadi, stante lo stretto controllo statalesull'ordine pubblico non sono molto attive nella Cinacontinentale. Non mi meraviglierei di scoprire che sonopiù attive a Prato che in Cina.


            e più libertà in Cina, ecco cosa ci


            vuole



            Ecco che i nodi vengono al pettine. Alla fine

            sei tu che vuoi imporre ad altri come devono

            vivere, uniformandosi ai tuoi valori e ai tuoi

            sistemi di governo.

            E' tempo che vi rassegniate, con la guerra del

            Vietnam, quell'era è finita.

            in pratica chiedere più libertà in Cina significa
            voler imporre il nostro modello di
            vita?Il concetto di sovranità nazionale ti è evidentementesconosciuto. Ognuno è padrone a casa propria.Non vi rendete conto che non è possibile applicare lostesso modello a paesi diversi, perché diverse sono lesocietà.Capisco benissimo che i Cinesi non vogliano diventare delle colonie americane come la Corea del Sud o "l'inaffondabile portaerei americana nel pacifico".
            a me non frega un tubo che i cinesi non vogliono
            il XXXXX ma mi frega che un cinese può essere
            imprigionato per 20 anni solo perchè ha detto che
            il governo sta sbagliando
            politicaPrescindendo dal fatto che il tuo parere non ha alcunvalore per quanto detto sopra, non è proprio così. Se organizzano manifestazioni non autorizzate o sedizioni infrangono la legge ed è per quello che sono condannati,non per aver parlato al parco con un amico degli erroricommessi dal partito.Ho vissuto due anni in Cina e né io né altri, Cinesi compresi, siamo stati arrestati, nonostante non fossimo d'accordo su alcuni provvedimenti.Checché ne dicano i presunti sinologi italiani, Rampini in primis, il sistema funziona bene e la popolarità delgoverno è elevata, in particolare quella del primo ministro,che a differenza del presidente viene visto come un uomodel popolo.Il risentimento è rivolto per lo più agli amministratorilocali, che spesso sfruttano la loro posizione per arricchirsi, non a caso il governo centrale lancia spessocampagne anticorruzione. Se dicessi che sono sufficientimentirei, ma che quelli beccati a rubare facciano unabrutta fine è vero.
          • abbello scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Xunhuan
            Quanto alle triadi, stante lo stretto controllo
            statale
            sull'ordine pubblico non sono molto attive nella
            Cina
            continentale. Non mi meraviglierei di scoprire
            che
            sono
            più attive a Prato che in Cina.La percezione della sicurezza dipende dal controllo sui media.
            Non vi rendete conto che non è possibile
            applicare
            lo
            stesso modello a paesi diversi, perché diverse
            sono
            le
            società.La razza umana è una sola, la globalizzazione porterà i sistemi di governo ad omogenizzarsi pur nelle differenze. La cosa ovviamente vale per tutti.
            ... non a caso il governo centrale
            lancia
            spesso
            campagne anticorruzione. Se dicessi che sono
            sufficienti
            mentirei, ma che quelli beccati a rubare facciano
            una
            brutta fine è vero.E ci scommetto che i pesci grossi non abboccano mai alle campagne anticorruzione, quelli sono sempre candidi... ;)
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: abbello
            - Scritto da: Xunhuan


            Quanto alle triadi, stante lo stretto controllo

            statale

            sull'ordine pubblico non sono molto attive nella

            Cina

            continentale. Non mi meraviglierei di scoprire

            che

            sono

            più attive a Prato che in Cina.

            La percezione della sicurezza dipende dal
            controllo sui
            media.No, questo è vero nella realtà italiana, dove i tg,soprattutto Mediaset, bombardano con le notizie di cronacanera quando Berlusconi è all'opposizione e quasi se ne dimenticano quando è al governo, incuranti dellestatistiche ufficiali.Lì gli agenti li vedi dovunque non solo in centro e dinotte puoi girare molto più tranquillamente che inqualsiasi grande città occidentale.Le statistiche ufficiali confermano.


            Non vi rendete conto che non è possibile

            applicare

            lo

            stesso modello a paesi diversi, perché diverse

            sono

            le

            società.

            La razza umana è una sola, la globalizzazione
            porterà i sistemi di governo ad omogenizzarsi pur
            nelle differenze. La cosa ovviamente vale per
            tutti.Ma non diciamo fesserie. Ed è tutto da provare chela democrazia in quanto tale sia la migliore formadi governo. Ci sono governi autoritari che funzionanobenissimo. Prendi Singapore.


            ... non a caso il governo centrale

            lancia

            spesso

            campagne anticorruzione. Se dicessi che sono

            sufficienti

            mentirei, ma che quelli beccati a rubare
            facciano

            una

            brutta fine è vero.

            E ci scommetto che i pesci grossi non abboccano
            mai alle campagne anticorruzione, quelli sono
            sempre candidi...
            ;)Peccato hai cannato anche questa volta.Molti funzionari locali (intendo a livello provincialenon di villaggio) di alto livello e magistrati sonostati condannati a pene pesanti se non a morte.Anche il capo dell'autorità di controllo sui farmaci fugiustiziato per aver accettato tangenti.
          • aaaaaaaa scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Xunhuan
            Ma non diciamo fesserie. Ed è tutto da provare che
            la democrazia in quanto tale sia la migliore forma
            di governo. Ci sono governi autoritari che
            funzionano
            benissimo. Prendi Singapore.
            ahuahuahuahuahuahua certo che pur di dare acqua al suo mulino la gente si attacca a tutto!!!
            Peccato hai cannato anche questa volta.
            Molti funzionari locali (intendo a livello
            provinciale
            non di villaggio) di alto livello e magistrati
            sono
            stati condannati a pene pesanti se non a morte.
            Anche il capo dell'autorità di controllo sui
            farmaci
            fu
            giustiziato per aver accettato tangenti.eh beh si uccidiamoli tutti!! E il bello è che quei reati continueranno ad esistere lo stesso.
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: aaaaaaaa
            - Scritto da: Xunhuan


            Ma non diciamo fesserie. Ed è tutto da provare
            che

            la democrazia in quanto tale sia la migliore
            forma

            di governo. Ci sono governi autoritari che

            funzionano

            benissimo. Prendi Singapore.


            ahuahuahuahuahuahua certo che pur di dare acqua
            al suo mulino la gente si attacca a
            tutto!!!
            Dobbiamo assumerlo come assioma che la democrazia siala migliore forma di governo?Il bello è che tanti si illudono di contare qualcosasolo perché possono infilare una scheda in un'urna.Quanto penso sulla democrazia l'ho scritto qui:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2832554&m=2833183#p2833183Evidentemente ci sono seri problemi di selezione dellaclasse dirigente se trovi gente come Bush, Berlusconi, Obama, Sarkozy, Blair a capo di grandi nazioni.Si tratta di esponenti di grosse lobby e/o di abili comunicatori e demagoghi che nascondono la loro assolutainconsistenza dietro l'apparenza.

            Peccato hai cannato anche questa volta.

            Molti funzionari locali (intendo a livello

            provinciale

            non di villaggio) di alto livello e magistrati

            sono

            stati condannati a pene pesanti se non a morte.

            Anche il capo dell'autorità di controllo sui

            farmaci

            fu

            giustiziato per aver accettato tangenti.
            eh beh si uccidiamoli tutti!! E il bello è che
            quei reati continueranno ad esistere lo
            stesso.Perché invece qui non esistono vero?Vai a spulciare i conti delle ASL, controlla icosti delle grandi opere pubbliche o delle ricostruzioni. E poi fai il confronto con la Cina.
          • collione scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Xunhuan
            Dobbiamo assumerlo come assioma che la democrazia
            sia
            la migliore forma di governo?no, dobbiamo solo guardare allo sviluppo che c'è stato dalla fine del '700 ad oggiti rendi conto che in 2 secoli abbiano fatto mille volte più cose di quelle fatte nei precedenti 4000 anni?poi se proprio ti fa schifo la democrazia vai a vivere in Birmania, non ti fermeremo
            Il bello è che tanti si illudono di contare
            qualcosa
            solo perché possono infilare una scheda in
            un'urna.almeno qui puoi infilare la scheda nell'urnaqui puoi parlare contro un capo di governo che ha 3 televisioni e decine di giornali, in Cina ti avrebbero già incarcerato per questoqui puoi fare crociate contro le intercettazioni telefoniche, in Cina se finisci nella rete dei magistrati sei finito e sei colpevole fino a prova contraria
            Evidentemente ci sono seri problemi di selezione
            della
            classe dirigente se trovi gente come Bush,
            Berlusconi,
            certo ma almeno qui puoi scegliere, lì non puoi nemmeno scegliere
            Obama, Sarkozy, Blair a capo di grandi nazioni.
            Si tratta di esponenti di grosse lobby e/o di
            abili

            comunicatori e demagoghi che nascondono la loro
            assoluta
            inconsistenza dietro l'apparenza.
            tutto quello che vuoi, ma questa gente con le loro guerre, corruzioni, immoralità o che altro ti ha dato il modello di vita che oggi haiperchè non provi un pò a vivere in Cina o in India? ovviamente non da ricco capitalista occidentale ma da operaio in quei Paesisiamo tutti bravi a sparlare quando ci viene garantita la libertà di parola....in Cina il post che hai fatto ti avrebbe mandato in carcere ad esempio....dire che Bush, Obama, Berlusconi sono figli delle lobby lì ti costa la galeraprova a criticare Hu Jintao e poi mi fai sapere con quante ossa tornerai indietro
            Perché invece qui non esistono vero?
            Vai a spulciare i conti delle ASL, controlla i
            costi delle grandi opere pubbliche o delle
            ricostruzioni. E poi fai il confronto con la Cina.certo ma qui le cose si sanno, qui ci sono magistrati "comunisti" che indagano su Berlusconihai mai sentito di indagini che coinvolgono Hu Jintao? e non penso che Jintao sia un santo
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: Xunhuan


            Dobbiamo assumerlo come assioma che la
            democrazia

            sia

            la migliore forma di governo?

            no, dobbiamo solo guardare allo sviluppo che c'è
            stato dalla fine del '700 ad
            oggi

            ti rendi conto che in 2 secoli abbiano fatto
            mille volte più cose di quelle fatte nei
            precedenti 4000
            anni?E cosa questo c'entri con la democrazia lo sai dire?Io penso sia un problema di progresso scientifico etecnologico. Ed oggi i problemi sono molto piùcomplessi che un tempo, non mi fido troppo delle scelteche può fare l'uomo della strada o il suo delegato.

            poi se proprio ti fa schifo la democrazia vai a
            vivere in Birmania, non ti
            fermeremoQuello è un esempio di governo autoritario ed autoreferenziale che non funziona.Posto che nessun sistema è perfetto, quale sistema assicurala scelta della migliore classe dirigente?Allo stato attuale, non mi sento di dire che sia lademocrazia.

            Il bello è che tanti si illudono di contare

            qualcosa

            solo perché possono infilare una scheda in

            un'urna.

            almeno qui puoi infilare la scheda nell'urnaSi prova piacere? Pensavo che altri tipi dipenetrazioni fossero più gratificanti, se peròti accontenti di un'urna... :P


            Evidentemente ci sono seri problemi di selezione

            della

            classe dirigente se trovi gente come Bush,

            Berlusconi,



            certo ma almeno qui puoi scegliere, lì non puoi
            nemmeno
            sceglierePerò magari ti ritrovi con una classe dirigente migliore.Il problema è tutto lì.La Monarchia se illuminata funziona molto meglio dellademocrazia.


            Obama, Sarkozy, Blair a capo di grandi nazioni.

            Si tratta di esponenti di grosse lobby e/o di

            abili



            comunicatori e demagoghi che nascondono la loro

            assoluta

            inconsistenza dietro l'apparenza.



            tutto quello che vuoi, ma questa gente con le
            loro guerre, corruzioni, immoralità o che altro
            ti ha dato il modello di vita che oggi
            haiGuarda che si vive benissimo anche in paesi non democratici.Ritorno all'esempio di Singapore. Lì le elezioni ci sono,ma le vince sempre lo stesso partito che occupa praticamentetutti i seggi del parlamento, parecchi leader delle opposizionisono andati in galera e i giornali che hanno criticatoil premier o il padre (ex premier e padre della nazione)sono stati chiusi o multati molto pesantemente.La moglie del premier è a capo del Temasek, il fondo sovrano.Da alcuni rapporti sembra anche che il rapporto tra condanne amorte e abitanti sia più alto che in Cina e la XXXXXgrafiaè severamente vietata. Più una miriade di altri divietiche a te potrebbero apparire folkloristici.Lì però funziona tutto alla perfezione.
            perchè non provi un pò a vivere in Cina o in
            India? ovviamente non da ricco capitalista
            occidentale ma da operaio in quei
            PaesiCaschi male, perché ci ho vissuto. Quanto all'operaionon l'ho mai fatto né qui né lì. Chi lavora nel settoredei servizi non fa orari assurdi come pensate voi.By the way, l'India è storicamente una democrazia. Anzi se vuoi è una riprova di quanto ho detto io,visto che è messa peggio della Cina.
            siamo tutti bravi a sparlare quando ci viene
            garantita la libertà di parola....in Cina il post
            che hai fatto ti avrebbe mandato in carcere ad
            esempio....dire che Bush, Obama, Berlusconi sono
            figli delle lobby lì ti costa la
            galeraE cosa hanno fatto gli illuminati governanti occidentali?Visto che tra le altre cose sono stato in Vietnam,dove hanno combattuto per quasi 100 anni di fila controgli stranieri, dico che dovresti semplicemente vergognarti.Ed è solo un esempio. Gli altri li trovi nel post che ho linkato.
            prova a criticare Hu Jintao e poi mi fai sapere
            con quante ossa tornerai
            indietro


            Perché invece qui non esistono vero?

            Vai a spulciare i conti delle ASL, controlla i

            costi delle grandi opere pubbliche o delle

            ricostruzioni. E poi fai il confronto con la
            Cina.

            certo ma qui le cose si sanno, qui ci sono
            magistrati "comunisti" che indagano su
            BerlusconiMi pare che i processi li sappia schivare bene.
            hai mai sentito di indagini che coinvolgono Hu
            Jintao? e non penso che Jintao sia un
            santoHai elementi per accusarlo di malversazioni?Tra l'altro non vi rendete ancora conto che la Cinanon è una dittatura come le altre, non è che Hu Jintaopuò mettersi contro il partito. Erano cose che erano possibili ai tempi di Mao che era il partito, nonoggi.Parliamo di opere pubbliche e confrontiamo i risultati,aspetta che vado a prendere i pop corn.
          • aaaaaaaa scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Xunhuan
            Dobbiamo assumerlo come assioma che la democrazia
            sia
            la migliore forma di governo?
            Il bello è che tanti si illudono di contare
            qualcosa
            solo perché possono infilare una scheda in
            un'urna.
            Quanto penso sulla democrazia l'ho scritto qui:
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2832554&m=283

            Evidentemente ci sono seri problemi di selezione
            della
            classe dirigente se trovi gente come Bush,
            Berlusconi,

            Obama, Sarkozy, Blair a capo di grandi nazioni.
            Si tratta di esponenti di grosse lobby e/o di
            abili

            comunicatori e demagoghi che nascondono la loro
            assoluta
            inconsistenza dietro l'apparenza.
            no ma di che cosa stai parlando te? della teoria o della pratica? no perchè forse quello che non hai notato è ke la democrazia che critichi non è altro che una sub dittatura (naturalmente parlo di quella dove i voti sono pilotati e i politici corrotti) e quindi un modello quasi chinese ma comunque meglio amministrato.La vera democrazia e cioè il governo del popolo è un altra cosa se non sai nemmeno la sua definizione vattela a leggere e se pensi ancora che la dittatura sia meglio... beh... no comment.

            Perché invece qui non esistono vero?
            Vai a spulciare i conti delle ASL, controlla i
            costi delle grandi opere pubbliche o delle
            ricostruzioni. E poi fai il confronto con la Cina.Chi ha detto che non esistono?? Ho solo detto che la decisione di ammazzare gente per questo è la cosa più idiota mai vista sulla faccia della terra perchè non serve a NULLA.
          • abbello scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Xunhuan
            - Scritto da: abbello

            - Scritto da: Xunhuan




            Quanto alle triadi, stante lo stretto
            controllo


            statale


            sull'ordine pubblico non sono molto attive
            nella


            Cina


            continentale. Non mi meraviglierei di scoprire


            che


            sono


            più attive a Prato che in Cina.



            La percezione della sicurezza dipende dal

            controllo sui

            media.

            No, questo è vero nella realtà italiana, dove i
            tg,
            soprattutto Mediaset, bombardano con le notizie
            di
            cronaca
            nera quando Berlusconi è all'opposizione e quasi
            se ne

            dimenticano quando è al governo, incuranti delle
            statistiche ufficiali.OK, quando l'opposizione andrà al governo in Cina, vedremo come reagiranno i media cinesi... nel frattempo rimango della mia opinione.
            Lì gli agenti li vedi dovunque non solo in centro
            e
            di
            notte puoi girare molto più tranquillamente che in
            qualsiasi grande città occidentale.La visibilità delle forze dell'ordine è inversamente proporzionale alla sicurezza effettiva e direttamente proporzionale alla sicurezza percepita.Ti scrivo da uno dei paesi più sicuro al mondo, poliziotti non se ne vedono mai in giro, ma non perchè non ci siano e non facciano il proprio lavoro... anzi!
            Le statistiche ufficiali confermano.Certo... statistiche ufficiali... :) Adesso si che mi hai convinto! Anche in Italia negli anni venti secondo le "statistiche ufficiali" i treni arrivavano in orario... poi è arrivata la democrazia e ha rovinato tutto... che disdetta! :)


            Non vi rendete conto che non è possibile


            applicare


            lo


            stesso modello a paesi diversi, perché diverse


            sono


            le


            società.



            La razza umana è una sola, la globalizzazione

            porterà i sistemi di governo ad omogenizzarsi
            pur

            nelle differenze. La cosa ovviamente vale per

            tutti.

            Ma non diciamo fesserie. Ed è tutto da provare che
            la democrazia in quanto tale sia la migliore forma
            di governo.Che la razza umana sia una sola non è una fesseria.Chi ha scritto che la democrazia è "la migliore forma di governo"? Non certo io, che infatti avevo concluso dicento "vale per tutti", nel senso che IMO i sistemi andranno graudalmente amalgamandosi e ibridandosi... In ogni caso la democrazia è nota come essere non "la migliore forma di governo" ma la "meno peggio". E non mi pare di aver letto nessuno studio scientifico che dimostri come i cinesi siano allergici a sistemi democratici.
            Ci sono governi autoritari che
            funzionano
            benissimo. Prendi Singapore.Certo, un sistema autoritario efficiente può momentaneamente funzionare benisimo... ma se un sistema funziona bene o male, lo vedi nei momenti di crisi, non quando va tutto bene. In Cina ora va tutto bene, prospettive positive, crescita... ma se il meccanismo si dovesse inceppare... vedremo come funzionerà bene il "sistema cinese".


            ... non a caso il governo centrale


            lancia


            spesso


            campagne anticorruzione. Se dicessi che sono


            sufficienti


            mentirei, ma che quelli beccati a rubare

            facciano


            una


            brutta fine è vero.



            E ci scommetto che i pesci grossi non abboccano

            mai alle campagne anticorruzione, quelli sono

            sempre candidi...

            ;)

            Peccato hai cannato anche questa volta.
            Molti funzionari locali (intendo a livello
            provinciale non di villaggio) di alto livello e magistrati
            sono stati condannati a pene pesanti se non a morte.
            Anche il capo dell'autorità di controllo sui
            farmaci fu giustiziato per aver accettato tangenti.Addirittura provinciali! Ammazza.... pesci grossissimi! :D Poi la pena di morte è sicuramente il sistema migliore per battere la corruzione che come noto è una malattia infettiva. Consiglio di bruciare i cadaveri alla fine dell'esecuzione.
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: abbello
            - Scritto da: Xunhuan


            Lì gli agenti li vedi dovunque non solo in
            centro

            e

            di

            notte puoi girare molto più tranquillamente che
            in

            qualsiasi grande città occidentale.

            La visibilità delle forze dell'ordine è
            inversamente proporzionale alla sicurezza
            effettiva e direttamente proporzionale alla
            sicurezza
            percepita.Se è solo per fare show, come avviene nelle cittàitaliane, dove vedi poliziotti e militari nel centrostorico e nemmeno un vigile in periferia sì.Altrimenti no.
            Ti scrivo da uno dei paesi più sicuro al mondo,
            poliziotti non se ne vedono mai in giro, ma non
            perchè non ci siano e non facciano il proprio
            lavoro... anzi!Il Monte Athos?

            Ma non diciamo fesserie. Ed è tutto da provare
            che

            la democrazia in quanto tale sia la migliore
            forma

            di governo.

            Che la razza umana sia una sola non è una
            fesseria.
            Chi ha scritto che la democrazia è "la migliore
            forma di governo"? Non certo io, che infatti
            avevo concluso dicento "vale per tutti", nel
            senso che IMO i sistemi andranno graudalmente
            amalgamandosi e ibridandosi... In ogni caso la
            democrazia è nota come essere non "la migliore
            forma di governo" ma la "meno peggio". A parte che meno peggio si traduce in migliore, il problema è che lo stai assumendo. Ed allo statodei fatti è un'assunzione alquanto avventata.
            E non mi
            pare di aver letto nessuno studio scientifico che
            dimostri come i cinesi siano allergici a sistemi
            democratici.Ecco ti manca un solo passo. L'esportazione della democrazia.Ed è così che gli illuminati governanti occidentali vanno a creare problemi all'estero.

            Ci sono governi autoritari che

            funzionano

            benissimo. Prendi Singapore.

            Certo, un sistema autoritario efficiente può
            momentaneamente funzionare benisimo... ma se un
            sistema funziona bene o male, lo vedi nei momenti
            di crisi, non quando va tutto bene. In Cina ora
            va tutto bene, prospettive positive, crescita...
            ma se il meccanismo si dovesse inceppare...
            vedremo come funzionerà bene il "sistema
            cinese".
            A Singapore dura da qualche decennio e nel caso nonlo sapessi a fine anni '90 c'è stata la crisi delletigri asiatiche innescata dal crollo del bath thailandese.

            Peccato hai cannato anche questa volta.

            Molti funzionari locali (intendo a livello

            provinciale non di villaggio) di alto livello e
            magistrati

            sono stati condannati a pene pesanti se non a
            morte.

            Anche il capo dell'autorità di controllo sui

            farmaci fu giustiziato per aver accettato
            tangenti.

            Addirittura provinciali! Ammazza.... pesci
            grossissimi! :D Questo dimostra solo la tua ignoranza.Le province in Cina sono le entità più importantidopo il governo centrale, insieme a municipalità e regioni autonome. Sono come le regioni in Italia.Con la piccola differenza che hanno decine di milionidi abitanti e più poteri.Immagino che secondo i tuoi criteri Formigoni in Italiasia un signor nessuno, giusto?
            Poi la pena di morte è
            sicuramente il sistema migliore per battere la
            corruzione che come noto è una malattia
            infettiva. Consiglio di bruciare i cadaveri alla
            fine
            dell'esecuzione.Gli strumenti saranno anche sbagliati ma almeno lì ci provano a combatterla.
          • abbello scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Xunhuan
            - Scritto da: abbello

            - Scritto da: Xunhuan




            Lì gli agenti li vedi dovunque non solo in

            centro e di notte puoi girare molto più tranquillamente
            che in qualsiasi grande città occidentale.



            La visibilità delle forze dell'ordine è

            inversamente proporzionale alla sicurezza

            effettiva e direttamente proporzionale alla

            sicurezza

            percepita.

            Se è solo per fare show, come avviene nelle città
            italiane, dove vedi poliziotti e militari nel
            centro
            storico e nemmeno un vigile in periferia sì.
            Altrimenti no.http://www.visionofhumanity.org/gpi/results/rankings/2009/

            Ti scrivo da uno dei paesi più sicuro al mondo,

            poliziotti non se ne vedono mai in giro, ma non

            perchè non ci siano e non facciano il proprio

            lavoro... anzi!

            Il Monte Athos?No, dalla Norvegia, un posto in cui la democrazia funziona bene.


            Ma non diciamo fesserie. Ed è tutto da provare

            che la democrazia in quanto tale sia la migliore

            forma di governo.



            Che la razza umana sia una sola non è una

            fesseria.

            Chi ha scritto che la democrazia è "la migliore

            forma di governo"? Non certo io, che infatti

            avevo concluso dicento "vale per tutti", nel

            senso che IMO i sistemi andranno graudalmente

            amalgamandosi e ibridandosi... In ogni caso la

            democrazia è nota come essere non "la migliore

            forma di governo" ma la "meno peggio".

            A parte che meno peggio si traduce in migliore,
            il problema è che lo stai assumendo.NO, si traduce in: il migliore dei sistemi possibile è avere il potere concentrato nelle mani di una/poche persone che siano le più brave a governare. In pratica il sistema "meno peggio" è quello democratico, in cui ci sono pesi e contrappesi.Ovvio che il tiranno illuminato funziona meglio, fino a quando la lampadina non si rompe... non c'è bisogno di una laurea... ci erano arrivati anche i greci 2000 anni fa...e duemila anni di storia lo stanno a dimostrare, non certo le mie insignificanti assunzioni.Performance politiche e performance economiche non sono sempre in nesso di causa/effetto... lo dici tu stesso sopra quando parli degli ultimi 200 anni di progresso occidentale come provocati dal progresso scientifico.

            E non mi

            pare di aver letto nessuno studio scientifico
            che

            dimostri come i cinesi siano allergici a sistemi

            democratici.

            Ecco ti manca un solo passo. L'esportazione della
            democrazia.
            Ed è così che gli illuminati governanti
            occidentali vanno a

            creare problemi all'estero.Mai detto di voler esportare la democrazia in Cina, oltretutto gli italiani sono storicamente importatori di democrazia e esportatori di dispotismo illuminato dall'istituo Luce.


            Ci sono governi autoritari che


            funzionano benissimo. Prendi Singapore.



            Certo, un sistema autoritario efficiente può

            momentaneamente funzionare benisimo... ma se un

            sistema funziona bene o male, lo vedi nei
            momenti

            di crisi, non quando va tutto bene. In Cina ora

            va tutto bene, prospettive positive, crescita...

            ma se il meccanismo si dovesse inceppare...

            vedremo come funzionerà bene il "sistema

            cinese".



            A Singapore dura da qualche decennio e nel caso
            non
            lo sapessi a fine anni '90 c'è stata la crisi
            delle
            tigri asiatiche innescata dal crollo del bath
            thailandese.Buon per loro... speriamo che duri...


            Peccato hai cannato anche questa volta.


            Molti funzionari locali (intendo a livello


            provinciale non di villaggio) di alto livello
            e

            magistrati


            sono stati condannati a pene pesanti se non a

            morte.


            Anche il capo dell'autorità di controllo sui


            farmaci fu giustiziato per aver accettato

            tangenti.



            Addirittura provinciali! Ammazza.... pesci

            grossissimi! :D

            Questo dimostra solo la tua ignoranza.Si sono ignorante in materia cinese, l'ammetto, mi informo su internet, ho letto qualche libro, mi leggo qualche blog interessante e spiritoso (tipo questo: http://blog.libero.it/Nanjing/) che offre ampi spaccati di vita quotidiana, e ho alcuni amici e parenti che mi hanno raccontato di come si sta in Cina, alcuni da turisti, altri da lavoratori. Ma io non sono mai stato quindi giudicare è difficile, poi la Cina è un continente più che uno stato.Ma spiegami come mai, nonostante la Cina abbia (se ho capito bene) il sistema di governo più efficiente del mondo e la polizia pià attiva (mica come quei fannulloni dei poliziotti di periferia italiani!), poi si ritrovi ad avere una corruzione altissima e ad essere tra i paesi meno sicuri del mondo... ovviamente per le statistiche indipendenti... non per quelle "ufficiali".A me sembra che le campagne periodiche di lotta alla corruzione servano solo per tenere a bada la rabbia delle persone che sono vittime dei soprusi provocati dalla corruzione. Un po' come se la corruzione sia il fuoco, la rabbia sia l'acqua nelle pentola a pressione, e le cicliche campagne di lotta alla corruzione non sia altro che la valvola di sfogo che si apre ciclicamente (magari accompagnata da una bella informazione di regime con tanto di processi ed esecuzioni efficientissime) per riportare le pressione bassa. OK, ma così si fa solo finta di risolvere il problema che poi si ripresenta puntualmente. E' anche vero che l'avidità e la corruzione sono difetti umani non dipendenti dai sistemi politici, ma una distribuzione equalitaria della ricchezza e dell'istruzione porta ad avere società meno corrotte e meno delinquenti, e oggi la Cina è tra i paesi meno equalitari al mondo.

            Poi la pena di morte è

            sicuramente il sistema migliore per battere la

            corruzione che come noto è una malattia

            infettiva. Consiglio di bruciare i cadaveri alla

            fine

            dell'esecuzione.

            Gli strumenti saranno anche sbagliati ma almeno
            lì ci provano a combatterla.Vedi che su qualcosa siamo in accordo :) , cmq la corruzione viene combattutta più o meno efficacemente anche in tutte le democrazie.
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: abbello
            - Scritto da: Xunhuan

            - Scritto da: abbello


            - Scritto da: Xunhuan






            Lì gli agenti li vedi dovunque non solo in


            centro e di notte puoi girare molto più
            tranquillamente

            che in qualsiasi grande città occidentale.





            La visibilità delle forze dell'ordine è


            inversamente proporzionale alla sicurezza


            effettiva e direttamente proporzionale alla


            sicurezza


            percepita.



            Se è solo per fare show, come avviene nelle
            città

            italiane, dove vedi poliziotti e militari nel

            centro

            storico e nemmeno un vigile in periferia sì.

            Altrimenti no.

            http://www.visionofhumanity.org/gpi/results/rankinHo l'impressione che non si riferisca al tasso di criminalità. Quando dice che un paese è "pacifico", immagino che il numero di reati per abitante sia solo uno dei parametri presi in considerazione.Non ho modo di calcolare quale sia l'impatto delle sommosseche di tanto in tanto si verificano nelle aree più remote,ma in ogni caso non si spiegherebbe come mai alcuni paesi,dove notoriamente non si muove foglia, siano in fondo allalista, persino dietro al Sudafrica che ha il record degliomicidi.In ogni caso posso affermare con sicurezza che Pechino eShanghai sono più sicure di Roma, Milano, Parigi, New York,Londra, LA, etc.



            Ti scrivo da uno dei paesi più sicuro al
            mondo,


            poliziotti non se ne vedono mai in giro, ma
            non


            perchè non ci siano e non facciano il proprio


            lavoro... anzi!



            Il Monte Athos?

            No, dalla Norvegia, un posto in cui la democrazia
            funziona
            bene.
            Peccato che non tutti i paesi abbiano dieci milioni diabitanti o giù di lì e navighino sul petrolio.Poi ogni paese è una realtà diversa, l'importante èche il sistema non sia imposto dall'esterno.

            A parte che meno peggio si traduce in migliore,

            il problema è che lo stai assumendo.

            NO, si traduce in: il migliore dei sistemi
            possibile è avere il potere concentrato nelle
            mani di una/poche persone che siano le più brave
            a governare. Quello è il sistema perfetto e non è nel novero delleopzioni disponibili. In un insieme limitato, dire meno peggio equivale a dire il migliore.
            In pratica il sistema "meno peggio"
            è quello democratico, in cui ci sono pesi e
            contrappesi.Se la scelta è in mano a persone poco sveglie, moltoverosimilmente i rappresentanti non saranno all'altezza.E i contrappesi di cui parli potrebbero semplicementerivelarsi un fardello, impedendo di prendere in tempiutili i provvedimenti necessari.
            Mai detto di voler esportare la democrazia in
            Cina, oltretutto gli italiani sono storicamente
            importatori di democrazia e esportatori di
            dispotismo illuminato dall'istituto
            Luce.
            E diciamo anche che storicamente è l'Italia che si è intromessa negli affari interni della Cina e non viceversa.E non dimentichiamo che l'Italia è stata, insieme agli USA, l'unico paese ad aver usato WMD dopo la prima guerra mondiale.

            Ma spiegami come mai, nonostante la Cina abbia
            (se ho capito bene) il sistema di governo più
            efficiente del mondo Non ho detto questo, ma lo collocherei attorno all'ottantesimo percentile.
            e la polizia pià attiva
            (mica come quei fannulloni dei poliziotti di
            periferia italiani!), poi si ritrovi ad avere una
            corruzione altissima e ad essere tra i paesi meno
            sicuri del mondo... ovviamente per le statistiche
            indipendenti... non per quelle
            "ufficiali".Ti ho già spiegato qual è il problema con la statisticache hai citato.Quanto alla corruzione ed alle statistiche indipendenti, rimane anche da capire quali parametri si prendono in esame.Perché se ci si limita alle cause iscritte al ruoloed alle condanne, la statistica è ovviamente falsata.
            OK, ma così si fa solo finta di risolvere
            il problema che poi si ripresenta puntualmente.
            E' anche vero che l'avidità e la corruzione sono
            difetti umani non dipendenti dai sistemi
            politici, ma una distribuzione equalitaria della
            ricchezza e dell'istruzione porta ad avere
            società meno corrotte e meno delinquenti, e oggi
            la Cina è tra i paesi meno equalitari al
            mondo.Un altro falso mito. La situazione è molto più sbilanciatain India o negli USA. Sono proprio curioso di vedere lestatistiche sulla percentuale di ricchezza gestito dall' 1%e dal 10% dei più ricchi. Ho impressione che il rapportotra lo stipendio di un dirigente e di un impiegato o diun dirigente e di un operaio sia più alta in Occidente che in Cina, ma potrei sbagliarmi. In ogni caso, non è certo questo l'argine alla corruzione.L'uomo è mosso dall'interesse e se può, generalmente cercadi arricchirsi, spesso anche ricorrendo a pratiche non lecite.C'è l'approccio che definirei "teoria della cattura", in sostanzasi paga bene chi gestisce molto potere o denaro, sperando direnderlo meno disponibile a farsi corrompere.Dall'altro c'è quello da game theory, che consiste nel renderemolto pericoloso il comportamento illecito, puntando sullacertezza della pena e la durezza della sanzione




            Gli strumenti saranno anche sbagliati ma almeno

            lì ci provano a combatterla.

            Vedi che su qualcosa siamo in accordo :) , cmq la
            corruzione viene combattutta più o meno
            efficacemente anche in tutte le
            democrazie.Una bella misura di come è combattuta la corruzione in Italiaè data dal costo delle opere pubbliche. E' un indicazione moltopiù efficace di tante classifiche.
          • abbello scrive:
            Re: Il destino cinese
            Scritto da: Xunhuan
            http://www.visionofhumanity.org/gpi/results/rankin

            Ho l'impressione che non si riferisca al tasso di
            criminalità.

            In ogni caso posso affermare con sicurezza che
            Pechino e Shanghai sono più sicure di Roma, Milano, Parigi,
            New York, Londra, LA, etc.Beh, certo, le statistiche indipendenti che riportano le fonti dei dati non contano niente, le "statistiche ufficiali" sono attendibili, le tue impressioni personali sono sicure... vabbè...



            Ti scrivo da uno dei paesi più sicuro al

            mondo, poliziotti non se ne vedono mai in giro, ma

            non perchè non ci siano e non facciano il
            proprio lavoro... anzi!





            Il Monte Athos?



            No, dalla Norvegia, un posto in cui la
            democrazia funziona bene.



            Peccato che non tutti i paesi abbiano dieci
            milioni di
            abitanti o giù di lì e navighino sul petrolio.Peccato che ce ne siano a decine di paesi non democratici che navigano nel petrolio, ma li le cose non vanno bene, anzi il petrolio ha generato solo grosse diseguaglianze e ha ingrassato i già ricchi, ai poveri le briciole se va bene... grosse diseguaglianze e ingiustizie. (Venezuela, Paesi arabi, l'Africa e la Cina stessa è piena di risorse naturali...)In Norvegia funzionerebbe tutto anche senza petrolio, è un paese moderno, avanzato, persone colte, la legge viene fatta rispettare meglio che in Cina... non diamo tutti i meriti al petrolio, visto che altrove questo potere taumaturgico non ce l'ha.
            Poi ogni paese è una realtà diversa, l'importante
            è che il sistema non sia imposto dall'esterno.Concordo! Però ricordatevelo quando la Cina fra pochi anni sarà la prima potenza mondiale e avrà la tentazione di spadroneggiare come hanno fatto USA/URSS nel XX secolo... mi raccomando... ricordatevelo che "ognuno è padrone a casa sua"... perchè ho come l'impressione che l'appetito vien mangiando... indipendentemente dai sistemi di governo ;)Poi aggiungo: il sistema italiano l'hanno scelto gli italiani nel '46 con referendum ed elezioni libere. Il sistema cinese chi l'ha scelto? Non certo la totalità dei cinesi stessi... quindi qua mi pare che gli unici che stanno subendo "un'imposizione" del sistema di governo siano i cinesi stessi, non certo chi vive in democrazia.


            A parte che meno peggio si traduce in
            migliore, il problema è che lo stai assumendo.



            NO, si traduce in: il migliore dei sistemi

            possibile è avere il potere concentrato nelle

            mani di una/poche persone che siano le più brave

            a governare.

            Quello è il sistema perfetto e non è nel novero
            delle opzioni disponibili. In un insieme limitato, dire
            meno peggio equivale a dire il migliore.


            In pratica il sistema "meno peggio"

            è quello democratico, in cui ci sono pesi e

            contrappesi.

            Se la scelta è in mano a persone poco sveglie,
            molto verosimilmente i rappresentanti non saranno
            all'altezza.
            E i contrappesi di cui parli potrebbero
            semplicemente rivelarsi un fardello, impedendo di prendere in
            tempi utili i provvedimenti necessari.A volte le gatte frettolose fanno i figli ciechi... sicuro che le scelte veloci siano sempre le migliori nel lungo periodo?

            Ma spiegami come mai, nonostante la Cina abbia

            (se ho capito bene) il sistema di governo più

            efficiente del mondo

            Non ho detto questo, ma lo collocherei attorno
            all'ottantesimo percentile.


            e la polizia pià attiva

            (mica come quei fannulloni dei poliziotti di

            periferia italiani!), poi si ritrovi ad avere
            una corruzione altissima e ad essere tra i paesi
            meno sicuri del mondo... ovviamente per le
            statistiche indipendenti... non per quelle

            "ufficiali".

            Ti ho già spiegato qual è il problema con la
            statistica che hai citato.
            Quanto alla corruzione ed alle statistiche
            indipendenti, rimane anche da capire quali parametri si prendono in
            esame. Perché se ci si limita alle cause iscritte al
            ruolo ed alle condanne, la statistica è ovviamente
            falsata.Le statistiche indipendenti forniscono fonti, su cui si potrà discutere... ma certo sono più attendibi

            OK, ma così si fa solo finta di risolvere

            il problema che poi si ripresenta puntualmente.

            E' anche vero che l'avidità e la corruzione sono

            difetti umani non dipendenti dai sistemi

            politici, ma una distribuzione equalitaria della

            ricchezza e dell'istruzione porta ad avere

            società meno corrotte e meno delinquenti, e oggi

            la Cina è tra i paesi meno equalitari al

            mondo.

            Un altro falso mito. La situazione è molto più
            sbilanciata in India o negli USA.Rampini sostiene che la Cina ha sorpassato addirittura l'India in quanto a diseguaglianze... poi io personalmente non mi pronuncio... ma che le disguaglianze stiano crescendo a ritmo vertiginoso in Cina mi pare che nessuno lo neghi.
            In ogni caso, non è certo questo l'argine alla
            corruzione.
            L'uomo è mosso dall'interesse e se può,
            generalmente cerca
            di arricchirsi, spesso anche ricorrendo a
            pratiche non lecite.
            C'è l'approccio che definirei "teoria della
            cattura", in sostanza
            si paga bene chi gestisce molto potere o denaro,
            sperando di
            renderlo meno disponibile a farsi corrompere.
            Dall'altro c'è quello da game theory, che
            consiste nel rendere
            molto pericoloso il comportamento illecito,
            puntando sulla certezza della pena e la durezza della sanzioneSe non ha deterrenza la pena di morte, come puoi pensare che funzioni la "game theory"?


            Gli strumenti saranno anche sbagliati ma
            almeno lì ci provano a combatterla.



            Vedi che su qualcosa siamo in accordo :) , cmq
            la corruzione viene combattutta più o meno

            efficacemente anche in tutte le

            democrazie.

            Una bella misura di come è combattuta la
            corruzione in Italia è data dal costo delle opere pubbliche.Il costo delle O.P. dipende da tante cose, ad esempio nelle democrazie ci sono "esternalità" che nei regimi dispotici non esistono. La Cina (e noi acquirenti occidentali di riflesso) ora basa la sua concorrenzialità nel mercato globale sullo sfruttamento della povera gente, sull'inquinamento, efficientismo senza scrupoli e sul dumping sociale in breve, tutto ciò che voi cinesi rimproverate all'occidente colonizzatore e imperialista... il libero mercato si dovrebbe basare su regole uniche, come dimostra l'armonizzazione normativa europea avvenuta negli ultimi 60anni, altrimenti è falsato. Per certo il modello occidentale non è sostenibile nè replicabile su scala globale, ma men che meno quello cinese.
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: abbello
            Scritto da: Xunhuan



            http://www.visionofhumanity.org/gpi/results/rankin



            Ho l'impressione che non si riferisca al tasso
            di

            criminalità.


            Beh, certo, le statistiche indipendenti che
            riportano le fonti dei dati non contano niente,
            le "statistiche ufficiali" sono attendibili, le
            tue impressioni personali sono sicure...
            vabbè...No semplicemente non parla di sicurezza in senso stretto.La sicurezza è data dal numero di reati in rapporto agliabitanti, qui si parla d'altro.Leggi bene:http://www.visionofhumanity.org/gpi/about-gpi/overview.php
            In Norvegia funzionerebbe tutto anche senza
            petrolio, è un paese moderno, avanzato, persone
            colte, la legge viene fatta rispettare meglio che
            in Cina... non diamo tutti i meriti al petrolio,
            visto che altrove questo potere taumaturgico non
            ce
            l'ha.Tutto il merito no, buona parte però sì.Senza le royalties sarebbe un tantino piùdifficile reggere la baracca


            Poi ogni paese è una realtà diversa,
            l'importante

            è che il sistema non sia imposto dall'esterno.

            Concordo! Però ricordatevelo quando la Cina fra
            pochi anni sarà la prima potenza mondiale e avrà
            la tentazione di spadroneggiare come hanno fatto
            USA/URSS nel XX secolo... mi raccomando...
            ricordatevelo che "ognuno è padrone a casa
            sua"... perchè ho come l'impressione che
            l'appetito vien mangiando... indipendentemente
            dai sistemi di governo
            ;)Diciamo che gli occidentali sono famosi per averspesso agito a lungo raggio.Ovvio che la guerra contro il Vietnam del '79 erasbagliata.

            Poi aggiungo: il sistema italiano l'hanno scelto
            gli italiani nel '46 con referendum ed elezioni
            libere.Devo farmi una risata sul referendum libero?E' provato che ci furono brogli, e le schede furonodistrutte alquanto rapidamente dai..Non che io abbia nostalgia dei Savoia, però..
            Il sistema cinese chi l'ha scelto? Non
            certo la totalità dei cinesi stessi... quindi qua
            mi pare che gli unici che stanno subendo
            "un'imposizione" del sistema di governo siano i
            cinesi stessi, non certo chi vive in
            democrazia.Lì invece c'è stata una rivoluzione di popolo.

            E i contrappesi di cui parli potrebbero

            semplicemente rivelarsi un fardello, impedendo
            di prendere
            in

            tempi utili i provvedimenti necessari.

            A volte le gatte frettolose fanno i figli
            ciechi... sicuro che le scelte veloci siano
            sempre le migliori nel lungo
            periodo?
            No, ovvio, ma paralisi lunghe decenni non sonopiù positive.



            Ti ho già spiegato qual è il problema con la

            statistica che hai citato.

            Quanto alla corruzione ed alle statistiche

            indipendenti, rimane anche da capire quali
            parametri si prendono
            in

            esame. Perché se ci si limita alle cause
            iscritte
            al

            ruolo ed alle condanne, la statistica è
            ovviamente

            falsata.

            Le statistiche indipendenti forniscono fonti, su
            cui si potrà discutere... ma certo sono più
            attendibi
            Bisognerebbe leggere i dati e i metodi utilizzati.Negli studi scientifici sono sempre specificati.


            la Cina è tra i paesi meno equalitari al


            mondo.



            Un altro falso mito. La situazione è molto più

            sbilanciata in India o negli USA.

            Rampini sostiene che la Cina ha sorpassato
            addirittura l'India in quanto a diseguaglianze...
            poi io personalmente non mi pronuncio... ma che
            le disguaglianze stiano crescendo a ritmo
            vertiginoso in Cina mi pare che nessuno lo
            neghi.
            Rampini è assolutamente inattendibile, è notoriamentesinofobo e filoamericano, basta leggerne il blog.

            Dall'altro c'è quello da game theory, che

            consiste nel rendere

            molto pericoloso il comportamento illecito,

            puntando sulla certezza della pena e la durezza
            della
            sanzione

            Se non ha deterrenza la pena di morte, come puoi
            pensare che funzioni la "game
            theory"?Deve essere associata a certezza della pena. E' inutileavere una sanzione infinita se applicata nello 0,01%dei casi.

            Una bella misura di come è combattuta la

            corruzione in Italia è data dal costo delle
            opere
            pubbliche.

            Il costo delle O.P. dipende da tante cose, ad
            esempio nelle democrazie ci sono "esternalità"
            che nei regimi dispotici non esistono. Ho capito quindi se in Italia il costo della TAV perKm è 3 o 54 volte superiori agli altri paesi europei,dipende solo dall'orografia e dalle esternalizzazioni.Beata ingenuità.
            La Cina (e
            noi acquirenti occidentali di riflesso) ora basa
            la sua concorrenzialità nel mercato globale sullo
            sfruttamento della povera gente,
            sull'inquinamento, efficientismo senza scrupoli e
            sul dumping sociale in breve, tutto ciò che voi
            cinesi rimproverate all'occidente colonizzatore e
            imperialista... il libero mercato si dovrebbe
            basare su regole uniche, come dimostra
            l'armonizzazione normativa europea avvenuta negli
            ultimi 60anni, altrimenti è falsato. Per certo il
            modello occidentale non è sostenibile nè
            replicabile su scala globale, ma men che meno
            quello
            cinese.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Il destino cinese
            contenuto non disponibile
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            Non sono stato preciso. Non mi riferivo a cose tipodelitto di Cogne o di Perugia. Ma ad altre tematichequali lo sbarco dei clandestini o il presunto aumentodei crimini violenti seguito all'indulto.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Il destino cinese
            contenuto non disponibile
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Xunhuan

            Non sono stato preciso. Non mi riferivo a cose

            tipo delitto di Cogne o di Perugia. Ma ad altre

            tematiche quali lo sbarco dei clandestini o

            il presunto aumento

            dei crimini violenti seguito all'indulto.

            Guarda un qualsiasi episodio (sì, episodio ho
            scritto giusto) di Studio Aperto e a rotazione
            vedrai tutti gli 'allarmi' ed 'emergenze' che hai
            citato più mille altre. Governo di Sx o di Dx in
            carica.Studio Aperto non lo vedo, ma non è per caso quelpresunto TG che parla più di altri programmi TV dal dubbio valore educativo che di notizie?Io di sbarchi e di criminalità ne sento parlare moltomeno, ma stando ai dati ufficiali il numero di reatinon è crollato.Poi non so, magari Studio Aperto così come il Giornale,ne parla ogni tanto per attaccare i magistrati o, sesono compiuti da stranieri, per dare un contentino aileghisti.
            Hai detto una XXXXXXX e basta.Usare modi più urbani no?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Il destino cinese
            contenuto non disponibile
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Xunhuan


            Studio Aperto non lo vedo

            Quindi faresti meglio ad evitare di pontificare
            sui 'TG mediaset'. Cosa che invece hai
            puntualmente fatto pur nella tua, adesso
            confessata,
            ignoranza.
            Il fatto che S.A. sia un varietà Questo di sicuro, ciò nonostante il fenomeno esistee come. Vedi il link in fondo.

            Poi non so, magari Studio Aperto così come il

            Giornale,

            ne parla ogni tanto per attaccare i magistrati

            No, ne parla per tenere incollati i
            frignoni/cagasotto alla trasmissione. E'
            piuttosto evidente anche per gente poco
            sveglia.
            Se non conosci questo meccanismo evita di dire il
            contrario della
            realtà.Non è solo una questione di ascolti. Può essere vero nelcaso della Fox, ma non in Italia dove una parte politica ha fatto della sicurezza un suo vessillo.

            se

            sono compiuti da stranieri, per dare un

            contentino ai leghisti.

            Vedi, adesso che ti ho dimostrato l'opposto di
            quello che sostenevi, stai cercando una
            spiegazione (del perché hai detto una
            XXXXXXX).
            Spiegazione o meno (c'è sempre una spiegazione
            per tutto, si chiama arrampicarsi sugli specchi),
            quello che hai detto tu era una XXXXXXX e rimane
            una XXXXXXX.
            PuntoIo sono stato iperbolico, tu però guarda i dati e poicalcola la covarianza.Ora dimostra che il fenomeno non esiste.

            Usare modi più urbani no?

            'XXXXXXX' è un termine oggettivo per quello che
            hai detto visto che io mi diverto a vedete studio
            aperto tutti i giorni... è come vedere le
            comiche, perché
            privarsene?
            Ma anche su PI a comiche non si scherza vedo...http://www.centrodiascolto.it/content/lanalisi-del-centro-dascolto-sulle-notizie-di-cronaca-nera-nei-telegiornaliIo sarò stato iperbolico ma tu guarda prima di parlaredi comiche. Sembra che l'incidenza della cronaca neranel tuo amato TG sia cresciuta molto velocemente neglianni 2006 - 2007. Il Governo Prodi è stato in carico dal17 Maggio 2006 a fine Gennaio 2008 (per l'ordinaria amministrazione sino a Maggio).Nel periodo 2003 - Maggio 2006 è stato al governoBerlusconi.L'incremento nel caso di studio Aperto è stato moltopiù marcato che per gli altri telegiornali, cosìcome è stato più forte per Mediaset + TG2 (i tg riconducibilial CDX) rispetto alle altre reti.Appena accennato per il TG3 legato al CSX.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Xunhuan
            ma non in Italia dove una parte
            politica ha fatto della sicurezza un suo vessillo.Oggi al governo c'è il padrone di studio aperto.Oggi (non ieri quando c'era l'altro governo) studio aperto, apre *tutte* le edizioni con almeno due annunci del tipo *emergenza qui* *allarme là*, e poi successivamente 'ucciso barbaramente qui' 'ucciso barbaramente là'...Da cosa si dovrebbe dedurre che il governo ha operato bene in termini di sicurezza?Spiegamelo come faresti con un idiota, perché proprio non ci arrivo.Io guardando Studio Aperto deduco al contrario che il governo non fa nulla per la sicurezza, oppure, se fa qualcosa, non serve a nulla (cosa peggiore perché spende anche soldi per ottenere nulla).No, davvero, illuminami tu.Dici che S.A. ha incrementato questi servizi duraate il precedente governo?scusa eh, ma studio aperto ha una scaletta fissa da anni:-2 emergenze/allarmi-2 omicidi (se non ce ne sono di nuovi, c'è qualche indiscrezione su quelli vecchi)-1 servizio su animale-1 servizio/pubblicità di trasmissione mediaset-3 servizi su gossip infimoripeto, parliamo di *OGGI*, in quale punto di tutto il TG, dovrei evincere che il governo sta agendo bene?
          • abbello scrive:
            Re: Il destino cinese
            Per gli "amanti" del genere e chi voglia farsi un'idea c'è quest'ottimo blog:http://odiostudioaperto.blogspot.com/
          • Zio Gan scrive:
            Re: Il destino cinese
            Preferisco la democrazia con tutti i suoi difetti, con le cose che non funzionano ma con la libertà di esprimermi come più mi piace. Probabilmente sarà una necessità che sento essendo nato in uno stato democratico in cui la libertà di parola è (abbastanza) garantita. Preferisco la possibilità di parlare male o bene di chi voglio ad un treno in orario. Poi (non ho letto tutti i post precedenti) vorrei chiederti perché tessi le lodi del tuo grande paese su un sito italiano? Non devi mica convincerci della bontà del sistema del tuo grande paese...
          • Xunhuan scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: Zio Gan
            Preferisco la democrazia con tutti i suoi
            difetti, con le cose che non funzionano ma con la
            libertà di esprimermi come più mi piace.
            Probabilmente sarà una necessità che sento
            essendo nato in uno stato democratico in cui la
            libertà di parola è (abbastanza) garantita.
            Preferisco la possibilità di parlare male o bene
            di chi voglio ad un treno in orario. Poi (non ho
            letto tutti i post precedenti) vorrei chiederti
            perché tessi le lodi del tuo grande paese su un
            sito italiano? Non devi mica convincerci della
            bontà del sistema del tuo grande
            paese...Ma io sono un convinto sostenitore della sovranitànazionale, ognuno si tiene il sistema che vuole.Però dovresti seguire meglio la discussione non solamentegli ultimi post, si è partiti con le critiche alla Cina o sbaglio?
          • harvey scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: abbello
            La percezione della sicurezza dipende dal
            controllo sui
            media.Sul controllo dei media l'italia ha poco da parlare... praticamente il 99% dei media e' per scopo politicoNon mi stupirei se la cina avesse media miglioriIn italia c'e' una gravissima moria di gente sulla strada per incidenti stradali. Ma si parla sempre del delitto di perugia, dell'emergenza rumeni, dei cani killer, del caldo assassino, del freddo siberiano, ecc ecc
            La razza umana è una sola, la globalizzazione
            porterà i sistemi di governo ad omogenizzarsi pur
            nelle differenze. La cosa ovviamente vale per
            tutti.Il problema non e' volersi omologare, e' che l'occidente vuole esportare il proprio modello. Che onestamente si sta rivelando pieno di buchi.Un modello dove solo grazie alle guerre si campa bene, dove i padri si sono sistemati e lasciano i debiti ai figli, ecc eccLa democrazia come la conosciamo oggi e' differente dalla monarchia perche' sono di più a comandare, quindi si fa pure meno e si deve pagare di più.
            E ci scommetto che i pesci grossi non abboccano
            mai alle campagne anticorruzione, quelli sono
            sempre candidi...
            ;)Tipo in italia?
          • ninjaverde scrive:
            Re: Il destino cinese
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: Xunhuan


            allora perchè in Cina se non sei figlio di un
            uomo potente sei costretto a vita ad essere
            schiavo dei potenti? solo i mafiosi delle triadi
            riescono ad uscirne e spessissimo i capi delle
            triadi sono già appartenenti a famiglie potenti
            legate ai poteri
            stataliMa stai parlando di Cina o di Italia?Mi sa che tra Italia e Cina non ci sia molta differenza su questi temi.
            in pratica chiedere più libertà in Cina significa
            voler imporre il nostro modello di
            vita?

            a me non frega un tubo che i cinesi non vogliono
            il XXXXX ma mi frega che un cinese può essere
            imprigionato per 20 anni solo perchè ha detto che
            il governo sta sbagliando
            politicaBeh, forse la differenza tra Italia e Cina stà tutta qui.Da noi possiamo vedere i siti prono americani (poiche di nostri ne abbiamo ben pochi) In Cina non possono vedere i prono americani (a meno di non rischiare l'arresto).Sì va beh ma se la democrazia consiste nel vedere o no i sito XXXXX...non è certo una gran cosa... :Sì da noi possiamo criticare il governo o anche l'opposizione...CI ASCOLTANO e poi fanno esattamente quello che vogliono loro. :s-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 marzo 2010 14.09-----------------------------------------------------------
        • beebox scrive:
          Re: Il destino cinese
          - Scritto da: Chen il cinese
          La verità è voi occidentali che non avete spirito
          di PATRIA! La vostra generazione è vissuta nella
          bambagia, NOI veniamo dalla miseria e lavoriamo e
          studiamo per un tozzo di pane perché sappiamo
          cos'è la
          FAME.Hai ragione. E infatti i guai in Cina cominceranno quando un certo numero di persone inizieranno a star bene. Perché i cinesi hanno due gambe e due braccia, proprio come tutti gli altri esseri umani, e quindi funzionano allo stesso modo.
        • soulista scrive:
          Re: Il destino cinese
          - Scritto da: Chen il cinese
          La verità è voi occidentali che non avete spirito
          di PATRIA! La vostra generazione è vissuta nella
          bambagia, NOI veniamo dalla miseria e lavoriamo e
          studiamo per un tozzo di pane perché sappiamo
          cos'è la
          FAME.Prima o poi la fame passerà anche ai cinesi...
      • XYZ scrive:
        Re: Il destino cinese
        Non si tratta di essere superiori, ma di essere culturalmente avanti!Noi abbiamo passato la fase di NazionalismoTotalitarismo tempo fa e dopo la seconda guerra mondiale possimamo dire che è quei concetti, quel modo di fare è sbagliato.
        • harvey scrive:
          Re: Il destino cinese
          Quello abbiamo capito che e' sbagliato, ma ci stiamo accorgendo pure che quello attuale e' sbagliato.E stupidamente cerchiamo di imporre il nostro modello al mondo, invece di sperare che qualcuno trovi una strada migliore.
      • tuamadre scrive:
        Re: Il destino cinese
        http://www.youtube.com/watch?v=3NahHG6mYYw
    • pabloski scrive:
      Re: Il destino cinese
      dipende da quanto sapremo renderci indipendenti dalla CinaObama sta facendo bene, tanto lui ha in patria miniere di ogni tipo e miliardi di barili di petrolio nel sottosuolo mai usati....alla fin fine gli USA possono benissimo chiudersi a riccio, schierare i missili anti-missile e buona notte al mondonoi italioti affogheremo come vermiciattoli, ma vabbè dello stivaletto tanto non frega a nessuno
  • paopasc scrive:
    indecidibilità
    Resto indeciso se la notizia deve essere rubricata come buona o cattiva.Buona perchè risponde con un no alla censura e al controllo attuato da paesi non democratici, cattiva perchè forse isola ancora di più chi, all'interno di quei paesi, voleva far sentire la sua voce
  • aid85 scrive:
    indovinatao :-)
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2836397#post
  • aid85 scrive:
    bufala ?
    o è una bufala o è una uerra tuttora in corso perchè dalla cina si riesce benissimo ad andare su google-cinese (72.14.203.160) senza essere reindirizzati su google-hongkongquesto sembra accadere solo qui a occidenteergo continuo a nn capire...
    • pabloski scrive:
      Re: bufala ?
      non capisco quell'ip cosa dovrebbe indicarel'ip è statunitense, quindi di che google cinese stiamo parlando?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 marzo 2010 12.54-----------------------------------------------------------
      • collione scrive:
        Re: bufala ?
        infatti è vero, l'ip è americano, l'amico non ha neppure provato ad accedere a google.cn così magari si sarebbe accorto che compare google.com.hkche dire, i troll microsoftari sono sempre più invadenti e puzzoni (rotfl)
        • Wolf01 scrive:
          Re: bufala ?
          Penso che Google non abbia nessun server in Cina e che pure Google.com.hk sia hostato in USA.Loro hanno semplicemente comprato un dominio.Anche perchè li sfiderei a non farsi perquisire dai censori cinesi ogni 30 secondi se avessero i server in Cina.
          • collione scrive:
            Re: bufala ?
            vuoi dire spiare? :Dda quelle parti le perquisizioni servono per rubare segreti industrialitutto fa brodo
          • ninjaverde scrive:
            Re: bufala ?
            In occidente invece fanno più in fretta e legalmente (o più o meno) col cloud computing. :@
          • collione scrive:
            Re: bufala ?
            col cavolo, se mando solo dati criptati sul cloud voglio vedere come mi spiano
          • Wolf01 scrive:
            Re: bufala ?
            metti che Google è una società fittizia creata dall'NSA per spiare la gente, sai quanto ci mettono per decifrare i dati?
          • collione scrive:
            Re: bufala ?
            la NSA non è Dio e il gap tecnologico tra NSA e civili si accorcia di anno in annoad oggi decriptare AES a 512 e 1024 bit è umanamente non fattibile, figurati ripetere l'operazione su miliardi di documenti che ogni giorno transitano sul cloud
          • ninjaverde scrive:
            Re: bufala ?
            - Scritto da: collione
            col cavolo, se mando solo dati criptati sul cloud
            voglio vedere come mi
            spianoE tu ci credi?Chi ha fatto i protocolli per la crittazione?Magari prorio coloro che ti offrono il cloud computer!E poi comunque è solo una questione di tempo, se i tuoi dati sono ritenuti interessanti basta fare un copia-incolla e poi hai tutto il tempo per decrittare. La criptatura funziona sulle mail o su files che viaggiano sulla rete ed è già un problema intercettarli ed intercettare quello che interessa. Se tu sei Leonardo da Vinci (ma anche un nome un pò meno famoso) ecco che basta pescare nel tuo archivio. La pw che metti o il protocollo che usi, sebbene complessi col tempo dovuto si scardinano, e sicuramente oggi chi conosce la questione non impiega anni per aprire un "lucchetto". Forse vi sono stati sistemi inviolabili? NO!Tutt'alpiù sistemi difficili da violare. Ma con un pò di pazienza e tenacia nonchè professionalità da hacker si bucano.E tu ti illudi che coloro che ti danno lo spazio sui LORO server lo facciano per scopi umanitari?Beh, allora andranno in paradiso O)Ma è molto probabile che il loro angelo sia un tipo di angelo...un pò diverso... @^-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 marzo 2010 13.56-----------------------------------------------------------
          • collione scrive:
            Re: bufala ?
            - Scritto da: ninjaverde
            E tu ci credi?
            Chi ha fatto i protocolli per la crittazione?
            Magari prorio coloro che ti offrono il cloud
            computer!cosa? gli algoritmi crittografici non vengono fatti da google o yahoo ma da ricercatori provenienti da ogni parte del mondo e vengono testati ampiamente da governi, militari e altri ricercatorila chiave per criptare la scegli tu e la sai solo tuquindi a meno di avere computer quantistici in cantina non c'è verso di decriptare un codice rijandel a 512 bit
            E poi comunque è solo una questione di tempo, se
            i tuoi dati sono ritenuti interessanti basta fare
            un copia-incolla e poi hai tutto il tempo per
            decrittare.
            credi che google abbia i 3000 anni necessari a decriptare un singolo documento? e pensa che sul cloud finiranno miliardi di documentisecondo te perchè la NSA ha proibito l'esportazione di tecnologie crittografiche? e perchè hai richiesto che le comunicazioni telefoniche abbiano backdoor?evidentemente decriptare non è così facile come sembra
            La criptatura funziona sulle mail o su files che
            viaggiano sulla rete ed è già un problema
            intercettarli ed intercettare quello che
            interessa. Se tu sei Leonardo da Vinci (ma anche
            un nome un pò meno famoso) ecco che basta pescare
            nel tuo archivio.
            guarda che il nome è criptato pure lui e non lo trovi facendo una banale ricerca su stringhe
            La pw che metti o il protocollo che usi, sebbene
            complessi col tempo dovuto si scardinano, e
            sicuramente oggi chi conosce la questione non
            impiega anni per aprire un "lucchetto". Forse vi
            sono stati sistemi inviolabili?
            NO!certo ma ci sono sistemi difficilmente violabili
            Tutt'alpiù sistemi difficili da violare. Ma con
            un pò di pazienza e tenacia nonchè
            professionalità da hacker si
            bucano.quel pò di pazienza costa mesi usando tutta la potenza di calcolo di google e parliamo di miliardi di documentiè impossibile leggerli tutti
            E tu ti illudi che coloro che ti danno lo spazio
            sui LORO server lo facciano per scopi
            umanitari?infatti si fanno pagare per darti lo spazio
          • ninjaverde scrive:
            Re: bufala ?
            Non stò lì a ripetermi.Siete degli illusi.E se prorio ci vogliono 1000 anni per decrittare una PW (balle) si può aprire la pw con un sistema diverso da quello più razionale.Insomma non avete la minima cultura hacker per lo meno teorica se non pratica. Ma chi se ne frega se google non ha tutti i protocolli a disposizione. Google di sicuro non è una ditta interessata direttamente allo spionaggio ....ma indirettamente che ne sappiamo?Chi controlla queste banche dati?Le controllate voi utenti poveri illusi?Conoscete i protocolli che usate per crittare o vi fidate di quello che vi dicono?Insomma mi pare di parlare con gente che crede nelle buffonate.Ciò detto non è che la crittatura non serva, ma quello che non quadra è che vi fidate di gente che non conoscete se non attraverso la rete o la pubblicità. E questo è grave.Insomma fatevi l'esperienza, cosa volete che vi dica, quando vi brucerà una certa parte del corpo capirete il perchè.P.S.Se leggi bene non ho detto che leggono tutti i documenti, è ovvio anche senza crittatura non ci riuscirebbero, tuttavia possono leggere ciò che a loro interessa se hanno degli indizi (tipo "Leonardo da Vinci"....si fa per dire). Insomma se mangiano la foglia che i tuoi files sono di loro interesse (google o pincopallo) aprono, e non è scontato che aprano mettendosi lì a cercare la PW con i sistemi conosciuti a tutti mettendoci 3000 anni, alrimenti diventano degli scheletri prima.Se in passato gli USA hanno cercato di proibire la crittatura è solo perchè non erano ancora preparati all'evento, tuttavia da allora sono passati parecchi anni e le cose sono cambiate. I protocolli militari e dico militari, non durano che alcuni mesi quando vanno bene. Poi probabilmente passano come protocolli ai civili o forse no, non so, ma sicuramente i protocolli civili non sono i più sicuri per ovvie ragioni.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 marzo 2010 20.28-----------------------------------------------------------
          • collione scrive:
            Re: bufala ?
            - Scritto da: ninjaverde
            Siete degli illusi.opinioni ma i fatti?
            E se prorio ci vogliono 1000 anni per decrittare
            una PW (balle) si può aprire la pw con un sistema
            diverso da quello più
            razionale.cosa? aprire la password con un sistema diverso? le password da quando si aprono?
            Insomma non avete la minima cultura hacker per lo
            meno teorica se non pratica. Ma chi se ne fregae meno male che sono io l'ignorante :D
            se google non ha tutti i protocolli a
            disposizione. Google di sicuro non è una ditta
            interessata direttamente allo spionaggio ....ma
            indirettamente che ne
            sappiamo?ma quali protocolli? gli algoritmi crittografici sono pubblici, sono le chiavi per la crittografia che vengono scelte dall'utente e solo l'utente le conosce ( ovviamente sempre che la CIA non mandi i suoi buttafuori a casa tua ma in quel caso la chiave sarà l'ultimo dei tuoi problemi )
            Chi controlla queste banche dati?
            Le controllate voi utenti poveri illusi?ma che c'entrano le banche dati? io nella banca dati di google ci metto roba criptata con una chiave che conosco solo iouna chiave a 1024 bit genera 2^1024 possibili combinazioni, vuol dire che google deve provare 1.8*10^308 possibili chiavi per trovare quella giustahai idea di quanto sia 10 elevato alla 308?
            Conoscete i protocolli che usate per crittare o
            vi fidate di quello che vi
            dicono?certo che li conosciamo, sono pubbliciAES, Serpent, RSA sono tutti algoritmici crittografici pubblici e c'è gente che ogni giorno cerca di trovare bug per romperli
            Insomma mi pare di parlare con gente che crede
            nelle
            buffonate.a me pare di parlare con uno che non ha la minima idea di cosa sia la crittografia
            Ciò detto non è che la crittatura non serva, macrittografia non crittatura
            quello che non quadra è che vi fidate di gente
            che non conoscete se non attraverso la rete o la
            pubblicità. E questo è
            grave.ma che cacchio dici? io ti dico che cripto perchè non mi fido e tu dici che invece mi fido?
            Se leggi bene non ho detto che leggono tutti i
            documenti, è ovvio anche senza crittatura non ci
            riuscirebbero, tuttavia possono leggere ciò che a
            loro interessa se hanno degli indizi (tipo
            "Leonardo da Vinci"....si fa per dire). Insommasi ma quali indizi? se c'è una certa informazione in un documento criptato, prima lo devi decriptare altrimenti non sai nemmeno che c'è quell'informazione
            se mangiano la foglia che i tuoi files sono di
            loro interesse (google o pincopallo) aprono, e
            non è scontato che aprano mettendosi lì a cercare
            la PW con i sistemi conosciuti a tutti mettendoci
            3000 anni, alrimenti diventano degli scheletri
            prima.ma chi credi che sia google? una specie di Dio? a me pare che google assume neolaureati di Stanford, Yale, MIT, gli stessi laureati che hanno scritto questa o quella tesi su come AES è robusto e inviolabile in tempi umanio credi davvero che alla NSA lavorano gli alieni grigi con i capoccioni pelati? :D
            Se in passato gli USA hanno cercato di proibire
            la crittatura è solo perchè non erano ancora
            preparati all'evento, tuttavia da allora sono
            passati parecchi anni e le cose sono cambiate. I
            protocolli militari e dico militari, non durano
            che alcuni mesi quando vanno bene.
            veramente il Dipartimento della Difesa USA consiglia di criptare i documenti Top Secret con AES a 256 bit, no dico 256 bitio attualmente uso la variante a 512 bit in cascata con Serpent a 256 bit
            Poi probabilmente passano come protocolli ai
            civili o forse no, non so, ma sicuramente i
            protocolli civili non sono i più sicuri per ovvie
            ragioni.quindi sono fessi ad usare AES per criptare i documenti della CIA? tanto qualunque altra agenzia di spionaggio USA li può benissimo leggere
          • ninjaverde scrive:
            Re: bufala ?
            - Scritto da: collione
            col cavolo, se mando solo dati criptati sul cloud
            voglio vedere come mi
            spianoFai parte degli illusi allora.Ti consiglio di approfondire le tematiche di sicurezza, per lo meno da un punto di vista culturale almeno.Credi che chi ha creato i protocolli di crittatura non abbia la possibilità di aprire quello che ha fatto?Ciò che ti dico è che le forze di sicurezza, le grandi multinazionali del software, lo spionaggio legale o meno sanno benissimo come aprire qualsiasi protocollo di crittatura idem molti hacker più o meno dilettanti.NON ESISTE una crittatura inviolabile, ma solo più o meno difficile da violare. Come le serrature di una porta che può essere blindata o meno.Se i ladri sono esperti, attrezzati ed hanno il tempo per fare il lavoro lo faranno comunque, e se non passano dalla porta fanno un buco nel muro. E come sappiamo di "buchi" negli SO ce ne sono una caterva specialmente nel SO più diffuso nel mondo...Qui parliamo di qualcuno che conserva i tuoi files nelle SUE casseforti e non è controllato da nessuno, quindi molto, molto peggio delle banche.Insomma se ti fidi ad andare nudo in mezzo ai metticuli sono ca...i tuoi dopo tutto. Già però ti fidi della foglia di fico. :| eh quella sì che protegge...
          • ninjaverde scrive:
            Re: bufala ?
            - Scritto da: collione
            col cavolo, se mando solo dati criptati sul cloud
            voglio vedere come mi
            spianoFai parte degli illusi allora.Ti consiglio di approfondire le tematiche di sicurezza, per lo meno da un punto di vista culturale almeno.Credi che chi ha creato i protocolli di crittatura non abbia la possibilità di aprire quello che ha fatto?Ciò che ti dico è che le forze di sicurezza, le grandi multinazionali del software, lo spionaggio legale o meno sanno benissimo come aprire qualsiasi protocollo di crittatura idem molti hacker più o meno dilettanti.NON ESISTE una crittatura inviolabile, ma solo più o meno difficile da violare. Come le serrature di una porta che può essere blindata o meno.Se i ladri sono esperti, attrezzati ed hanno il tempo per fare il lavoro lo faranno comunque, e se non passano dalla porta fanno un buco nel muro. E come sappiamo di "buchi" negli SO ce ne sono una caterva specialmente nel SO più diffuso nel mondo...Qui parliamo di qualcuno che conserva i tuoi files nelle SUE casseforti e non è controllato da nessuno, quindi molto, molto peggio delle banche.Insomma se ti fidi ad andare nudo in mezzo ai metticuli sono ca...i tuoi dopo tutto. Già però ti fidi della foglia di fico. :| eh quella sì che protegge...
        • aid85 scrive:
          Re: bufala ?
          ma che roba sei tu ???vabbè cagate a parte (microsftaro troll ecc...)si ho pezzato cn l'ip ma ho provato ad andare (cn ip occidentale) su google.cn e si viene reindirizzati su google.hk questo lo so e lo avevo già dettonon capivo perchè invece gli altri google fossero acessibili da ip cinese poi (+ sopra) mi hanno spiegato che sono acessibili le ricerche non sono filtrate ma i link disattivatitrovi dalai lama ma se ci clicchi sopra nn si apre per esempio
          • collione scrive:
            Re: bufala ?
            ma sei in Cina? altrimenti come fai a vedere che succede lì dietro?io ho provato vari web proxy pseudo-cinesi e addirittura riesco ad accedere al sito ufficiale del dalai lamami sa che questi proxy "cinesi" non fungono
          • aid85 scrive:
            Re: bufala ?
            si sn in cina
          • collione scrive:
            Re: bufala ?
            e allora a chi ti servono i proxy cinesi? sei già dietro la cortina di bit :D
  • aid85 scrive:
    hong kong - qualcuno ha capito ?
    google reindirizza il traffico su google hong konge io nn ci capisco + nulla ma scusate ?google non può fare un portale solo .com invece che .it .cn .hk .ecc ?e poi se la cin vuole reindirizzarlofiltrarlo che sia google.cn o google.hk cosa cambia lo fa cmq?sennò che censura ci sarebbe in cina?uno inveche che andare su goole.cn va su google.com e aggirerebbe la censura... invece so che nn è cosìcosa ha fatto allora realmnetetecnicamente google per far vedere di aver le palle ???
    • kaiserxol scrive:
      Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
      niente!
    • pabloski scrive:
      Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
      ma guarda che google.com è filtrato dalla notte dei tempi...in Cina non puoi accedere a google.com mentre per qualche strana ragione google.com.hk è accessibile
      • Gigi scrive:
        Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
        - Scritto da: pabloski
        ma guarda che google.com è filtrato dalla notte
        dei tempi...in Cina non puoi accedere a
        google.com mentre per qualche strana ragione
        google.com.hk è
        accessibileIo sono a Shanghai, ti posso confermare che google.com è accessibilissimo, google.it anche, google.cn è vero che vieni reindirizzato su google.hk. Da quello che ho capito filtrano i siti non le ricerche su google. Per esempio se cerco Dalai Lama su google.com la ricerca funziona, poi cliccando sui vari risultati non ne apro nemmeno uno, l'errore è: la connesione al server è stata annulata ecc. ecc. Anche il 99% se non il 100% dei siti che nel url hanno la parola blog sono filtrati.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
          contenuto non disponibile
          • ggiannico scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            Bella domanda
          • Keii scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            Da quello che so la censura di Internet della China e' basata su quello che e' in gergo chiamato "The Great Firewall of China". E' un sistema installato vicino ai routers dei maggiori Internet provide cinesi (le interconnessioni fra la Cina ed il resto del mondo).Il sistema monitora il flusso di informazioni che passa e, se vede delle parole "vietate", manda un pacchetto di reset della connessione ad entrambi i lati per interropere la comunicazione. Quindi, anche se prendi le informazioni dalla cache di google, la connessione dovrebbe comunque essere tagliata. Forse per qualche ragione google.hk rimane all'interno dell'area tagliata dal firewall, quindi e' possibile trasmettere informazioni liberamente.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            contenuto non disponibile
          • Keii scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?

            e su HTTPS che fa?Gli studi che ho letto non ne parlano, ma sicuramente HTTPS puo' passare attraverso il filtraggio di keyword (a meno che non facciano cose sporche con il DNS)In aggiunta al keyword filtering il Great Firewall of China ha anche dei filtri per specifici IP, quindi immagino che se trovano un sito con informazioni sgradite possano filtrarlo per IP.
          • Gigi scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            La cache di google non funziona su nessun sito. Ho fatto una ricerca da buon italiano "pizza" e "Vino" link funzionano, la cache no.Quindi la cache è filtrata al 100%. Ho provato il google translata..è filtrato, babelfish anche, ma qui ho fatto una prova solo con un sito con bel ulr la parola blog, blog sul mondo dei PC.XXXXX, sempre da una ricerca di google, ho aperto due siti senza problemi.
          • Gianni scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            - Scritto da: Gigi
            La cache di google non funziona su nessun sito.
            Ho fatto una ricerca da buon italiano "pizza" e
            "Vino" link funzionano, la cache
            no.
            Quindi la cache è filtrata al 100%. Ho provato il
            google translata..è filtrato, babelfish anche, ma
            qui ho fatto una prova solo con un sito con bel
            ulr la parola blog, blog sul mondo dei
            PC.
            XXXXX, sempre da una ricerca di google, ho aperto
            due siti senza
            problemi.che schifo. Sono degli assassini e nascondono pure le prove.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            contenuto non disponibile
          • aid85 scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            UNA VOLTA C'ERA UN COMODO PLUGIN DI FIREFOX PER PROVARE A NAVIGARE "DALLA CINA"OGGI NN FINGE PIU' PECCATO ERA DIVERTENTE
        • aid85 scrive:
          Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
          questo mi kiarisce molte cose... GRAZIE
      • aid85 scrive:
        Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
        si si ok ... ma nn dicevo questo...
    • Marco scrive:
      Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
      Ppoiche' HK e' una excolonia Britannica, gode (per molto poco temo) ancora di un minimo di liberta' da parte della Repubblica Popolare Democratica Cinese (OT: avete notato il bisogno "fisiologico" delle dittatura di darsi sempre il nome "Popolare" "Democratico"?).Ti faccio un esempio concreto:la ditta per cui lavoro ha uno stabilimento in cina (ahime'). I nostri server sono collegati tramite tunnel e vpn; per poter farlo abbiamo dovuto appoggiarci ad un "ufficio commerciale" di HK che fa da bridge: noi siamo in tunnel con HK, HK e' in tunnel con la cina.In questo modo funziona, col collegamento diretto nisba.Spero di esserti stato d'aiuto
      • sw3ntrax scrive:
        Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
        esatto.. per risolvere ci vuole un tunneling... basterebbe che google aprisse migliaia di pc in tunneling ... in quel modo arrivano solo immagini che non possono essere filtrate... a meno di beccare l'ip
        • aid85 scrive:
          Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
          quindi se fossi in cina un tunnelling risolverebbe tutto ?non credo... troppo facile... nn è la censura italiana !! probabilmente molti servizi di tunneling saranno inaccessibili apposta tipo itshidden.comper non parlare che se il provider vedono che usi internet solo per connetterti all'ip di un "tunnel" ti mandano i pulotti a casa per ocntrollare cosa tene fai...
          • Gigi scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            I tunnel e vari servizi proxy era una delle prime cose che avevo provato, non vanno.Tor con con l'uso dei bridge funziona, lento ma funziona.
          • aid85 scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            tor è + difficile da far fuori i tunnel potrebbero andare anke ma cene sono molti e devi trovarne uno che i censori nn abbiano filtrato d'altronde è come un sito internet nn sai cosa contiene perchè contiene virtualmente tutto ma se vuoi bloccarlo è una cagata e poi la maggior parte sono a pagamento... in effetti per uno che è in cina nn ci sarebbe nulla di meglio che tor... la mia curiosità era solo teorica
          • Gigi scrive:
            Re: hong kong - qualcuno ha capito ?
            Ovviamente tutti i siti tor sono bloccati.Ma questo non è un problema, c'è sempre qualche amico su skype che mi passa i bridge e gli eventuali aggiornamenti.
  • Grande Roberto scrive:
    Pronti ad approfittarne
    Con questa mossa Google segna un ulteriore passo verso un imminente declino: dopo il clamoroso flop di Nexus (rimasto invenduto nei negozi) noi della Apple saremo pronti ad approfittare di questa fuga di Google.Con il Governo Cinese siamo in perfetta sintonia: nessuno più di Pechino incarna gli ideali della Mela:- prodotti tutti uguali per rendere le persone tutte dei perfetti replicanti sgancia soldi- controllo totale di regime su ogni prodotto- completo asservimento alla causaOggi il mondo sa un po' meno Google e molto più Apple: grazie Cina!
    • angros scrive:
      Re: Pronti ad approfittarne
      Già: il meccanismo delle whitelist, ad esempio, usato sull'iPhone è simile al sistema delle whitelist voluto dal governo cinese.
      • Grande Roberto scrive:
        Re: Pronti ad approfittarne
        Sì, però noi non abbiamo copiato, abbiamo innovato e reso elegante un sistema che altrimenti si capirebbe subito essere un'odiosa oppressione
        • ruppolo scrive:
          Re: Pronti ad approfittarne
          - Scritto da: Grande Roberto
          Sì, però noi non abbiamo copiato, abbiamo
          innovato e reso elegante un sistema che
          altrimenti si capirebbe subito essere un'odiosa
          oppressioneChe c'è, sei rimasto senza soldi?
          • Grande Roberto scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne
            Senza soldi?Ma le leggi le notizie?Abbiamo venduto milioni di iPad prima ancora di metterli in giro!I soldi qui non mancano di certo: tu hai prenotato il tuo?
    • GoldenBoy scrive:
      Re: Pronti ad approfittarne
      Devi smetterla di bere prima di scrivere su PI, ti fa male...Che poi vedere apple nel contesto google-cina, vuol dire avere dei disturbi...
      • Grande Roberto scrive:
        Re: Pronti ad approfittarne
        - Scritto da: GoldenBoy
        Devi smetterla di bere prima di scrivere su PI,
        ti fa male...Io bevo quando e come voglio.Voi vi proclamate semrpe per la libertà, ma poi ve ne venite fuori con continue costrizioni e gioghi.
        Che poi vedere apple nel contesto google-cina,
        vuol dire avere dei disturbi...Non vederli significa avere il prosciutto sugli occhi.
        • ruppolo scrive:
          Re: Pronti ad approfittarne
          - Scritto da: Grande Roberto
          - Scritto da: GoldenBoy

          Devi smetterla di bere prima di scrivere su PI,

          ti fa male...
          Io bevo quando e come voglio.Già, lo vediamo...
          Voi vi proclamate semrpe per la libertà, ma poi
          ve ne venite fuori con continue costrizioni e
          gioghi."Mola il bevi", diciamo noi in Friuli. Non vedi che non riesci nemmeno più a scrivere?

          Che poi vedere apple nel contesto google-cina,

          vuol dire avere dei disturbi...
          Non vederli significa avere il prosciutto sugli
          occhi.Ecco bravo, mangia un po', così ti passa...
          • Grande Roberto scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne

            "Mola il bevi", diciamo noi in Friuli. Non vedi
            che non riesci nemmeno più a scrivere?E a Milano si dice: abbraccia la Mela

            Ecco bravo, mangia un po', così ti passa...Mangiare, bere: ma sei messo davvero male se queste sono le tue preoccupazioni...
          • collione scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne
            ok lobelto hai detto tua XXXXXXX giolnaliela, adesso tolna in gabinetto :D
          • GoldenBoy scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne
            Neanche il gabinetto vuole Glande Roberto, dopo lo porterebbe verso la libertà, cosa che non vuole, e la apple andrebbe fallita.
          • Fiamel scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne
            - Scritto da: GoldenBoy
            Neanche il gabinetto vuole Glande Roberto, dopoBuahahaha! "Glande" Roberto. Ti vengono spontanee? Dí che ti sei sbagliato!!
          • collione scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne
            hahahaha è vero è grandissima :D
          • GoldenBoy scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne
            diciamo che è alla cinese, che gli piace tanto! :-D
        • GoldenBoy scrive:
          Re: Pronti ad approfittarne
          Dai su GLande Roberto non ti scaldare, ti sta scendendo la ciucca??Fatti un altro goccino che ti torna su! :-D Poi mi dirai, quando ti passa, cosa c'entra la libertà...boh forse è ora anche andare in terapia...anche per la questione apple che non c'entra una fava con google-cina.O steve jobs in realtà ha gli occhi a mandorla??
    • ruppolo scrive:
      Re: Pronti ad approfittarne
      - Scritto da: Grande Roberto
      Con questa mossa Google segna un ulteriore passo
      verso un imminente declino:Declino di Google? Io non vedo alcun declino, anzi.
      dopo il clamoroso
      flop di Nexus (rimasto invenduto nei negozi)Problemi di HTC, non certo di Google.
      noi
      della Apple saremo pronti ad approfittare di
      questa fuga di
      Google.Apple non ha un motore di ricerca, quindi che ci frega?
      Con il Governo Cinese siamo in perfetta sintonia:
      nessuno più di Pechino incarna gli ideali della
      Mela:
      - prodotti tutti uguali per rendere le persone
      tutte dei perfetti replicanti sgancia
      soldiTutti uguali? Perché quelli delle altre ditte sono tutti diversi? Hanno linee di montaggio in grado di differenziare ogni pezzo?
      - controllo totale di regime su ogni prodottoFumato roba pessima.
      - completo asservimento alla causaCausa? Di quale causa farnetichi?
      Oggi il mondo sa un po' meno Google e molto più
      Apple: grazie
      Cina!Il mondo sa più di Apple grazie ad iPod, iPhone e iPad. E sarebbe anche ora di cambiare la minestra Microsoft, no?
      • Grande Roberto scrive:
        Re: Pronti ad approfittarne

        Declino di Google? Io non vedo alcun declino, anzi.E i flop di buzz, android, nexus, come li chiami?
        Problemi di HTC, non certo di Google.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        Apple non ha un motore di ricerca, quindi che ci frega?Per il momento: non sei al corrente delle novità per il 2012?
        Tutti uguali? Perché quelli delle altre ditte
        sono tutti diversi? Hanno linee di montaggio in
        grado di differenziare ogni pezzo?Quei fessi della Nokia, Motorola, HTC fanno centinai di cellulari diversi; questo genera confusione nella testa delle persone che hanno un solo bisogno fisiologico: quello di identificarsi e uniformarsi.In questo sta tutta la filosofia Apple.Un computer, un lettore musicale, un cellulare.
        Fumato roba pessima.Mi spiace per te.
        Causa? Di quale causa farnetichi?Quella dell'omologazione di massa: fine ultimo della Cina e del suo braccio americano
        Il mondo sa più di Apple grazie ad iPod, iPhone e
        iPad. E sarebbe anche ora di cambiare la minestra
        Microsoft, no?MS deve scomparire.
        • I miei organi li tengo per me scrive:
          Re: Pronti ad approfittarne
          - Scritto da: Grande RobertoVai lobelto sei glande!
          • collione scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne
            stupido capitalista, tu dale me tuoi olgani pieno di glasso e hambulgelio dale lolo mio gatto
          • Iii scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne
            Ho un dubbio sul tuo nick:"I miei organi li tengo per me"tutti gli organi? Anche quello che serve per riprodursi? Perchè se lo tieni per te, non ti puoi riprodurre...
          • i gelati sono buoni ma costano milioni scrive:
            Re: Pronti ad approfittarne
            - Scritto da: Iii
            Ho un dubbio sul tuo nick:
            "I miei organi li tengo per me"
            tutti gli organi? Anche quello che serve per
            riprodursi? Perchè se lo tieni per te, non ti
            puoi
            riprodurre...Guarda che non serve farselo asportare per riprodursi.
        • milo algarve scrive:
          Re: Pronti ad approfittarne
          Grande Roberto approvo il tuo punto di vista e la tua ironia!Personalmente, sempre evitato prodotti Apple (costosi e limitati) e sempre cercato prodotti innovativi e di nicchia.Ora Apple lancia la "sua" grande novità!! Più di dieci anni dopo! (Ma è "la" novità...) Non è un palmare, non è un tablet, non è un UMPC... è Superpad! (Manco ha la webcam !!!)E vabbé!Se il messaggio di Google fosse stato: "Tu censuri e limiti la libertà, ed io non faccio più affari con te, a costo di rimetterci" avrebbe dimostrato grande coraggio e pulizia. Da ammirare.Se poi c'è sotto anche qualcos'altro, questo non so.
    • CHKDSK scrive:
      Re: Pronti ad approfittarne
      Sei il troll numero 2 della giornata, complimenti!
    • petrestov scrive:
      Re: Pronti ad approfittarne
      - Scritto da: Grande Roberto
      Con il Governo Cinese siamo in perfetta sintonia:
      nessuno più di Pechino incarna gli ideali della
      Mela:
      - prodotti tutti uguali per rendere le persone
      tutte dei perfetti replicanti sgancia
      soldi
      - controllo totale di regime su ogni prodotto
      - completo asservimento alla causa
      Oggi il mondo sa un po' meno Google e molto più
      Apple: grazie
      Cina!ma più di tutto c'è da dire che le persone entrano in un negozio pieno di svariati cellulari appartenenti a diverse marche e scelgono proprio quello che è meno personalizzabile. è questa mancanza di libertà o una precisa scelta del consumatore?http://www.ted.com/talks/barry_schwartz_on_the_paradox_of_choice.html
  • collione scrive:
    pepito dove sei?
    avanti comincia a trollare su :Dti ricordo che la tua amata microsfot sta ancora a 90° davanti ai dirigenti di Pechino :D
Chiudi i commenti