Virgin Galactic, uno spazioporto per SpaceShipTwo

Il sogno di Sir Richard Branson un passo più vicino alla concretizzazione: il turismo spaziale ha il suo primo spazioporto commerciale, testa di ponte per un'industria che si prospetta florida ancorché inavvicinabile al 99% dell'umanità

Roma – Si chiama Spaceport America , ed è il primo spazioporto commerciale della storia dell’umanità. A inaugurare la struttura è Virgin Galactic, la società fondata dal magnate dei media Richard Branson che lavora al progetto da ben sei anni.

Spaceport America sorge nello stato del Nuovo Messico, è caratterizzato da un design avveniristico e da sistemi di climatizzazione di origine geotermica. Lo spazioporto servirà da punto di approdo per SpaceShipTwo, il vascello pensato per trasportare nell’alta atmosfera (e presto in orbita) facoltosi turisti spaziali e strumentazioni scientifiche di proprietà di NASA .

Alla coreografica inaugurazione dello spazioporto, Branson e famiglia si sono calati dal tetto e hanno salutato “un nuovo giorno storico per Virgin Galactic”, una struttura che nelle intenzioni di Sir Branson dovrebbe “gettare le basi per la creazione di una dei più importanti settori industriali del 21esimo secolo”.

“Non abbiamo mai esitato nel nostro impegno nel monumentale sforzo di fare da pionieri per l’accesso pulito, sicuro ed economicamente ragionevole allo spazio – ha continuato Branson – o nel dimostrare che facciamo sul serio in ogni passo del nostro cammino”.

Sarà anche economicamente accessibile come dice Sir Branson, ma il prezzo del biglietto per un viaggio spaziale si aggira al momento sui 200mila dollari, non esattamente un prezzo popolare. Sia come sia, sono già 150 i posti prenotati a bordo di SpaceShipTwo, e altri 430 facoltosi sono in lista d’attesa.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti