Vita quotidiana ai tempi del Trusted Computing

di A. Bottoni - Racconto semiserio dal sapore fantascientifico ma che di fantastico ha ben poco. Ecco uno scenario che si apre già nei prossimi pochi anni con l'avvento delle nuove tecnologie di blindatura

Roma – Il Trusted Computing ed i sistemi DRM di II generazione che verranno costruiti su di esso potrebbero cambiare radicalmente il nostro modo di vivere. Questo cambiamento sarà però molto graduale e quindi difficilmente avvertibile. Potrebbe persino succedere che nell’arco di qualche anno l’utente medio finisca per considerare “normale” ciò che adesso lo farebbe indignare. Di conseguenza, in questo articolo mostreremo quali effetti potrebbe avere il TC nella vita di una persona che non è ancora abituata ad esso. In particolare ci sposteremo con l’immaginazione da un paese dove il TC è (ipoteticamente) ancora assente, come la Francia del 2012, ad uno dove è già diventato uno standard diffuso, come gli USA dello stesso periodo.

NOTA
Questo articolo è volutamente satirico, forse addirittura sarcastico. Nessuna delle funzionalità descritte in questo brano è ufficialmente supportata da nessuna azienda. Tuttavia, per quanto possa sembrare incredibile, tutte queste funzionalità sono facilmente e legalmente implementabili, grazie alla tecnologia Trusted Computing, da qualunque produttore di software o di contenuti multimediali che possa contare sulla presenza di questa piattaforma. Nessuna legge e nessun limite tecnico lo impediscono. Molte di queste funzionalità, come i sistemi DRM “intelligenti” ed il Traitor Tracing (che però nella realtà viene usato per scopi diversi da quello qui ipotizzato), sono state effettivamente studiate dalle aziende come possibili applicazioni del Trusted Computing.
In altri termini: facciamoci pure quattro risate ma non illudetevi che sia solo fantascienza.

“Jean-Jacques Lafontaine è giovane e un valente web-designer di Parigi. Desideroso di fare nuove esperienze ha accettato un lavoro negli Stati Uniti, presso la Orange Duck Graphics&Code di Santa Clara, California. A metà Giugno 2012 fa le valigie e parte. Dopo 10 ore di volo atterra finalmente al San Francisco International Airport e noleggia un’automobile per raggiungere Santa Clara.

Appena salito a bordo, Jean-Jacques decide di godersi il mito californiano fino in fondo. Rovista nella sua borsa in cerca di qualcosa che sia adatto alla situazione e dopo qualche minuto ne esce con l’ultimoCD dei Survive This , il miglior gruppo west-coast del momento. Apre i finestrini per godersi il vento nei capelli, alza il volume al massimo ed infila il CD nel drive.

Niente. Nessun suono.
Jean-Jacques si china in avanti per leggere il display del lettore.
Spiacente ma questo dispositivo non è autorizzato a riprodurre CD acquistati sul mercato europeo
Jean-Jacques non si perde d’animo. Rovista nuovamente nella sua borsa e se ne esce con una compilation di musica country da lui stesso realizzata partendo dai suoi CD, tutti legittimamente acquistati. La infila nel drive e spinge Play .
Niente. Nessun suono.
Il display recita laconico: Spiacente ma questo CD risulta privo delle chiavi di autorizzazione necessarie per l’ascolto . Naturalmente ha ragione: le chiavi di autorizzazione sono rimaste sui CD originali, in Francia.

Jean-Jacques rovista ancora nella borsa. Sta iniziando a perdere la pazienza: “Questa volta deve funzionare: ho comprato il CD in aereo, durante il viaggio…”. Niente. Ancora una volta nessun suono.
Spiacente ma questo CD è destinato all’ascolto su dispositivi da salotto (set-top-box). Se lo desidera può acquistare la versione per l’uso in automobile dal sito www.mymusic.com a soli 9.95US$

Jean-Jacques tira una manata al lettore di CD e lo spegne: “Stupida tolla!”
Prova con la radio. Appena accesa, Jean-Jacques finisce su un canale che sta trasmettendo la pubblicità. Tenta di cambiare canale ma la radio non sembra dargli retta.
Spiacente ma non è possibile cambiare canale fino al termine dello spazio pubblicitario

Jean-Jacques frena violentemente fino a fermare l’auto in mezzo alla strada. Quelli che seguono lo ricoprono di insulti in una mezza dozzina di lingue diverse: “Cosa diavolo vuol dire che non è possibile cambiare canale finchè non è finita la pubblicità!?”

Jean-Jacques tira un paio di manate alla radio ma non riesce ugualmente a disinceppare il dispositivo. Solo alla fine dello spazio pubblicitario, circa 20 minuti dopo, Jean-Jacques riesce a cambiare canale. Finalmente, trova qualcosa di suo gradimento: un vecchissimo brano di Eminem. “Fantastico! Questa non si trova più da nessuna parte. La registro!”
Sfila velocemente il suo registratore digitale dalla tasca e cerca di metterlo in contatto con la radio dell’automobile via BlueTooth. Il display del registratore lampeggia indispettito.
Questo brano non può essere registrato. Non si dispone delle autorizzazioni necessarie

Jean-Jacques scaglia il registratore sul sedile posteriore e spegne la radio. Cerca di concentrarsi sulla guida e di riacquistare la calma. Mezz’ora dopo, Jean-Jacques è di fronte alla casa che l’azienda gli ha procurato. Sfila le chiavi dalla tasca e si trascina all’interno con le sue valigie.
La casa è accogliente. La solita casetta americana su due piani con il tetto spiovente ed il garage per due auto, tutta in legno. Jean-Jacques si lascia cadere esausto sul divano, senza nemmeno pensare di disfare le valigie.
Il jet-lag è pesante ma il sole è ancora alto nel cielo della California e Jean-Jacques non riesce a dormire di giorno. Prova ad accendere la TV del sistema multimediale da salotto.
Spiacente ma il suo periodo di utilizzazione di questo Media Planet è scaduto. Può rinnovare l’abbonamento presso il nostro sito YourNiceTV.com

L’unico link presente sullo schermo gli permette di visitare il sito di e-commerce del fornitore. Sceglie un abbonamento base per tre mesi che costa 99.99US$ e paga usando la sua carta di credito. Qualche minuto dopo il sistema multimediale riprende a funzionare. Jean-Jacques scorre velocemente gran parte dei 500 canali in chiaro disponibili. “Donne nude, liti in diretta, reality show sulla vita segreta dei camerieri pakistani, altre donne nude, altro reality show, questa volta sulla vita segreta degli acrobati da circo, liti politiche in diretta, uomini nudi… ma non c’è niente in TV stasera!?”

Jean-Jacques attiva l’Electronic Program Guide e scorre i 1500 canali cifrati presenti sul satellite. Dopo un quarto d’ora trova finalmente un film. Si tratta solo di “Harry Potter e lo Stage con Vanna Marchi” ma è meglio di niente. Jean-Jacques spinge play ed il sistema risponde con una dialog box.

Questo film fa parte dell’offerta super-special-very-cool, non inclusa nel suo abbonamento. Può effettuare l’acquisto a soli 9.99US$ presso il nostro sito di e-commerce www.youpay-pay-and-payagain.com. Le ricordiamo che l’acquisto non le da comunque diritto alla registrazione del film e che il film è protetto contro al copia abusiva dal nostro sistema DontEvenTry? . Jean-Jacques lascia cadere la testa sul petto e sospira. Si alza dal divano e cerca qualcosa da mangiare. Nella dispensa ci sono solo dei cereali da prima colazione ammuffiti ed una bottiglia d’acqua con uno strato di alghe alto un dito. Rovistando nei mobili, Jean-Jacques trova un DVD. “Star Wars Episodio 28, la Resurrezione dello Jedi. Mhhh… Bello! Questo non l’ho visto. Mi sembra che l’ultimo che ho visto fosse Star Wars Episodio 25, lo Jedi Fantasma. Proviamo…”

Infila il DVD nel lettore e spinge Play.
Spiacenti ma questo DVD appartiene ad una edizione limitata destinata a tutti coloro nati sotto il segno dell’Ariete. Ora ci troviamo nel segno dei Gemelli e questo DVD non può essere consumato

Jean-Jacques, paziente, toglie il DVD dal drive e ricomincia a rovistare in casa. In un cassetto trova un altro DVD. “Slap Storm’… Che è? Cosa dice qui? ‘La più lunga e violenta scazzottata della storia del cinemà. Boh, proviamo…”
Jean-Jacques infila il DVD nel drive ed incrocia le dita.
Spiacenti ma questo DVD ha già superato il numero massimo di utilizzazioni consentite ed è stato cancellato
“Ah, ecco perchè era qui in un cassetto!”
Jean-Jacques spegne la TV e si lascia andare sul divano. Meno di 10 minuto dopo dorme profondamente.

La mattina successiva, Jean-Jacques riprende l’automobile, lascia perdere la radio ed il CD player e e si dirige verso la sede della Orange Duck Graphics&Code di Santa Clara. In 20 minuti raggiunge la sede dell’azienda e meno di un’ora dopo, finiti i convenevoli del caso, è al suo posto di lavoro. Impaziente, Jean-Jacques tira fuori il portatile dalla sua borsa, lo appoggia sul tavolo e lo accende. Per tutta la fase di bootstrap tiene gli occhi fissi sulle spie per vedere se il PC riesce a collegarsi alla rete Wi-Fi dell’azienda.
Spiacenti ma il suo PC non soddisfa i requisiti minimi di sicurezza previsti dal gestore della rete

Jean-Jacques, incredulo, esamina riga per riga il lungo report di handshaking tra il suo PC ed il sistema TNC della LAN aziendale. Per un po’ non riesce a capire dove stia il problema poi, finalmente, ha una illuminazione.
“Internet Navigator 13.1! Vuole il dannato Internet Navigator 13.1! Sulla mia macchina non c’è perchè è il responsabile di quasi tutti i rookit e le backdoor che si sono viste in giro negli ultimi 3 anni… E per loro sarebbe una garanzia di sicurezza… Figuriamoci! Va bene… Tanto è inutile discutere.”

Jean-Jacques si alza dalla sedia e fa il giro dei suoi colleghi in cerca di un CD con Internet Navigator 13.1. Robert, lo specialista audio ne ha una copia. Jean-Jacques torna alla scrivania, lo installa e riprova.
Connessione avvenuta. Il suo sistema contiene software non approvato. Sostituzione in corso. Non toccate la tastiera e non spegnete il PC durante questa operazione o non sarà più possibile riavviarlo

“No! Maledetto!”
Jean-Jacques non può fare altro che fissare attonito il suo PC mentre tutto il software da lui selezionato per il suo lavoro nel corso degli ultimi 5 anni viene cancellato e sostituito con quello prodotto dalle software house che hanno pagato il produttore del Sistema Operativo per apparire in cima alla lista delle alternative. Meno di 10 minuti dopo, Jean-Jacques atterra in pieno Mesozoico. Sul suo PC non c’è più nessuna traccia di software utilizzabile per il suo lavoro. Tutti i suoi file sono inaccessibili in quanto prodotti da software non autorizzato. Sull’orlo del pianto, Jean-Jacques si alza dalla sedia e comincia a cercare aiuto dai suoi colleghi.

“What’s the problem? Qui funziona così: decidono loro cosa puoi usare. Usa quello che ti dicono e non ti preocupare dei risultati. Non sei pagato per ottenere risultati ma per fare quello che ti dicono.”

Jean-Jacques torna alla sua scrivania e fissa tristemente il display del suo PC affollato di messaggi pubblicitari lampeggianti e di scritte in colori sgargianti. Mentre lo osserva, decine e decine di finestre pop-up si sovrappongono senza sosta. Alcune dialog box riescono ad ottenere spazio sul display solo per il tempo necessario per avvisarlo che qualcuno sta installando qualcosa sul suo PC attraverso la rete e che è meglio che lui non tenti di interferire.

Verso l’una del pomeriggio, dopo essere riuscito a chiudere tutte le pop-up, Jean-Jacques riesce finalmente a tornare in possesso del suo PC. Il suo primo pensiero è quello di contattare la famiglia. Apre il client di posta che il sistema gli ha installato, crea un nuovo messaggio e comincia a scrivere. Dopo aver dato conferma del suo arrivo a San Francisco, Jean-Jacques inizia a raccontare cosa gli è successo. Nel corso della narrazione si lascia scappare un paio di pesanti apprezzamenti ai danni della madre di chi ha creato il sistema operativo. Improvvisamente appare una minacciosa dialog box.

Questo è un messaggio del sistema di Traitor Tracing. L’uso di questi termini ai danni di NanoCorporation non è ammesso. Al prossimo tentativo verrà inoltrata automaticamente alle autorità competenti una denuncia per offese

Jean-Jacques, terrorizzato, fissa il display. Apre il programma di gestione e sceglie di disinstallare il programma di posta incriminato. La disinstallazione sembra procedere correttamente poi…
Sul suo sistema non è presente una parte fondamentale del sistema operativo. Reinstallazione in corso. Non toccate la tastiera o non sarà più possibile riattivare il computer

Jean-Jacques, attonito, lascia che il sistema reinstalli il programma di posta. Si collega al sito web di un altro fornitore e cerca di scaricare un programma di posta gratuito. Al primo tentativo appare una dialog box che recita:
Per il suo bene, abbiamo deciso che lei non possa accedere a questo sito web. I documenti diffamatori che lei avesse eventualmente scaricato in precedenza da questa fonte inattendibile sono stati resi inutilizzabili

Jean-Jacques ci riprova. Dopo aver visitato una mezza dozzina di siti web, tutti resi inaccessibili, ne trova finalmente uno sfuggito ai controlli. Trova un programma di posta, lo scarica e lo installa tenendo le dita incrociate.
Sul suo sistema è presente un programma non gradito. Disinstallazione in corso. Non toccate la tastiera o non sarà più possibile riattivare il computer

Jean-Jacques si rassegna. Riapre l’unico programma di posta autorizzato e ricomincia a scrivere alla famiglia, stando bene attento a non usare termini scurrili. Questa volta nota qualcosa di diverso: appena Jean-Jacques scrive “California”, vicino al termine appare il link ad un sito di viaggi. La stessa cosa avviene non appena Jean-Jacques scrive qualunque termine che sia associabile a qualche attività economica. Il programma inserisce frasi pubblicitarie a suo nome all’interno del messaggio! Jean-Jacques, disperato, tenta di cancellare le frasi inserite dal programma.
Spiacente ma lei non dispone delle autorizzazioni necessarie per questa operazione. Questa funzionalità di advertising in-line fa parte integrante della EULA che lei ha implicitamente accettato installando il nostro programma e non è quindi disabilitabile
Le frasi vengono ripristinate. Alcune contengono degli espliciti apprezzamenti e dei consigli di acquisto firmati a suo nome!
Tempo per la rilettura scaduto. Messaggio inviato

Jean-Jacques trema al pensiero che sua madre legga quelle frasi, specialmente quelle in cui il programma consiglia, a suo nome, di visitare alcuni siti porno.
Jean-Jacques si prende la testa tra le mani e comincia a chiedersi se anche il POS della biglietteria dell’aeroporto sia posseduto da quella tecnologia. Senza poter usare la carta di credito non potrà mai tornare in Francia.

Alessandro Bottoni

Tutti gli articoli di Alessandro Bottoni sono disponibili qui
ita quotidiana ai tempi del Trusted Computing –> Roma – Il Trusted Computing ed i sistemi DRM di II generazione che verranno costruiti su di esso potrebbero cambiare radicalmente il nostro modo di vivere. Questo cambiamento sarà però molto graduale e quindi difficilmente avvertibile. Potrebbe persino succedere che nell’arco di qualche anno l’utente medio finisca per considerare “normale” ciò che adesso lo farebbe indignare. Di conseguenza, in questo articolo mostreremo quali effetti potrebbe avere il TC nella vita di una persona che non è ancora abituata ad esso. In particolare ci sposteremo con l’immaginazione da un paese dove il TC è (ipoteticamente) ancora assente, come la Francia del 2012, ad uno dove è già diventato uno standard diffuso, come gli USA dello stesso periodo.

NOTA
Questo articolo è volutamente satirico, forse addirittura sarcastico. Nessuna delle funzionalità descritte in questo brano è ufficialmente supportata da nessuna azienda. Tuttavia, per quanto possa sembrare incredibile, tutte queste funzionalità sono facilmente e legalmente implementabili, grazie alla tecnologia Trusted Computing, da qualunque produttore di software o di contenuti multimediali che possa contare sulla presenza di questa piattaforma. Nessuna legge e nessun limite tecnico lo impediscono. Molte di queste funzionalità, come i sistemi DRM “intelligenti” ed il Traitor Tracing (che però nella realtà viene usato per scopi diversi da quello qui ipotizzato), sono state effettivamente studiate dalle aziende come possibili applicazioni del Trusted Computing.
In altri termini: facciamoci pure quattro risate ma non illudetevi che sia solo fantascienza.

“Jean-Jacques Lafontaine è giovane e un valente web-designer di Parigi. Desideroso di fare nuove esperienze ha accettato un lavoro negli Stati Uniti, presso la Orange Duck Graphics&Code di Santa Clara, California. A metà Giugno 2012 fa le valigie e parte. Dopo 10 ore di volo atterra finalmente al San Francisco International Airport e noleggia un’automobile per raggiungere Santa Clara.

Appena salito a bordo, Jean-Jacques decide di godersi il mito californiano fino in fondo. Rovista nella sua borsa in cerca di qualcosa che sia adatto alla situazione e dopo qualche minuto ne esce con l’ultimoCD dei Survive This , il miglior gruppo west-coast del momento. Apre i finestrini per godersi il vento nei capelli, alza il volume al massimo ed infila il CD nel drive.

Niente. Nessun suono.
Jean-Jacques si china in avanti per leggere il display del lettore.
Spiacente ma questo dispositivo non è autorizzato a riprodurre CD acquistati sul mercato europeo
Jean-Jacques non si perde d’animo. Rovista nuovamente nella sua borsa e se ne esce con una compilation di musica country da lui stesso realizzata partendo dai suoi CD, tutti legittimamente acquistati. La infila nel drive e spinge Play .
Niente. Nessun suono.
Il display recita laconico: Spiacente ma questo CD risulta privo delle chiavi di autorizzazione necessarie per l’ascolto . Naturalmente ha ragione: le chiavi di autorizzazione sono rimaste sui CD originali, in Francia.

Jean-Jacques rovista ancora nella borsa. Sta iniziando a perdere la pazienza: “Questa volta deve funzionare: ho comprato il CD in aereo, durante il viaggio…”. Niente. Ancora una volta nessun suono.
Spiacente ma questo CD è destinato all’ascolto su dispositivi da salotto (set-top-box). Se lo desidera può acquistare la versione per l’uso in automobile dal sito www.mymusic.com a soli 9.95US$

Jean-Jacques tira una manata al lettore di CD e lo spegne: “Stupida tolla!”
Prova con la radio. Appena accesa, Jean-Jacques finisce su un canale che sta trasmettendo la pubblicità. Tenta di cambiare canale ma la radio non sembra dargli retta.
Spiacente ma non è possibile cambiare canale fino al termine dello spazio pubblicitario

Jean-Jacques frena violentemente fino a fermare l’auto in mezzo alla strada. Quelli che seguono lo ricoprono di insulti in una mezza dozzina di lingue diverse: “Cosa diavolo vuol dire che non è possibile cambiare canale finchè non è finita la pubblicità!?”

Jean-Jacques tira un paio di manate alla radio ma non riesce ugualmente a disinceppare il dispositivo. Solo alla fine dello spazio pubblicitario, circa 20 minuti dopo, Jean-Jacques riesce a cambiare canale. Finalmente, trova qualcosa di suo gradimento: un vecchissimo brano di Eminem. “Fantastico! Questa non si trova più da nessuna parte. La registro!”
Sfila velocemente il suo registratore digitale dalla tasca e cerca di metterlo in contatto con la radio dell’automobile via BlueTooth. Il display del registratore lampeggia indispettito.
Questo brano non può essere registrato. Non si dispone delle autorizzazioni necessarie

Jean-Jacques scaglia il registratore sul sedile posteriore e spegne la radio. Cerca di concentrarsi sulla guida e di riacquistare la calma. Mezz’ora dopo, Jean-Jacques è di fronte alla casa che l’azienda gli ha procurato. Sfila le chiavi dalla tasca e si trascina all’interno con le sue valigie.
La casa è accogliente. La solita casetta americana su due piani con il tetto spiovente ed il garage per due auto, tutta in legno. Jean-Jacques si lascia cadere esausto sul divano, senza nemmeno pensare di disfare le valigie.
Il jet-lag è pesante ma il sole è ancora alto nel cielo della California e Jean-Jacques non riesce a dormire di giorno. Prova ad accendere la TV del sistema multimediale da salotto.
Spiacente ma il suo periodo di utilizzazione di questo Media Planet è scaduto. Può rinnovare l’abbonamento presso il nostro sito YourNiceTV.com

L’unico link presente sullo schermo gli permette di visitare il sito di e-commerce del fornitore. Sceglie un abbonamento base per tre mesi che costa 99.99US$ e paga usando la sua carta di credito. Qualche minuto dopo il sistema multimediale riprende a funzionare. Jean-Jacques scorre velocemente gran parte dei 500 canali in chiaro disponibili. “Donne nude, liti in diretta, reality show sulla vita segreta dei camerieri pakistani, altre donne nude, altro reality show, questa volta sulla vita segreta degli acrobati da circo, liti politiche in diretta, uomini nudi… ma non c’è niente in TV stasera!?”

Jean-Jacques attiva l’Electronic Program Guide e scorre i 1500 canali cifrati presenti sul satellite. Dopo un quarto d’ora trova finalmente un film. Si tratta solo di “Harry Potter e lo Stage con Vanna Marchi” ma è meglio di niente. Jean-Jacques spinge play ed il sistema risponde con una dialog box.

Questo film fa parte dell’offerta super-special-very-cool, non inclusa nel suo abbonamento. Può effettuare l’acquisto a soli 9.99US$ presso il nostro sito di e-commerce www.youpay-pay-and-payagain.com. Le ricordiamo che l’acquisto non le da comunque diritto alla registrazione del film e che il film è protetto contro al copia abusiva dal nostro sistema DontEvenTry? . Jean-Jacques lascia cadere la testa sul petto e sospira. Si alza dal divano e cerca qualcosa da mangiare. Nella dispensa ci sono solo dei cereali da prima colazione ammuffiti ed una bottiglia d’acqua con uno strato di alghe alto un dito. Rovistando nei mobili, Jean-Jacques trova un DVD. “Star Wars Episodio 28, la Resurrezione dello Jedi. Mhhh… Bello! Questo non l’ho visto. Mi sembra che l’ultimo che ho visto fosse Star Wars Episodio 25, lo Jedi Fantasma. Proviamo…”Infila il DVD nel lettore e spinge Play.Spiacenti ma questo DVD appartiene ad una edizione limitata destinata a tutti coloro nati sotto il segno dell’Ariete. Ora ci troviamo nel segno dei Gemelli e questo DVD non può essere consumatoJean-Jacques, paziente, toglie il DVD dal drive e ricomincia a rovistare in casa. In un cassetto trova un altro DVD. “Slap Storm’… Che è? Cosa dice qui? ‘La più lunga e violenta scazzottata della storia del cinemà. Boh, proviamo…”Jean-Jacques infila il DVD nel drive ed incrocia le dita.Spiacenti ma questo DVD ha già superato il numero massimo di utilizzazioni consentite ed è stato cancellato“Ah, ecco perchè era qui in un cassetto!”Jean-Jacques spegne la TV e si lascia andare sul divano. Meno di 10 minuto dopo dorme profondamente.La mattina successiva, Jean-Jacques riprende l’automobile, lascia perdere la radio ed il CD player e e si dirige verso la sede della Orange Duck Graphics&Code di Santa Clara. In 20 minuti raggiunge la sede dell’azienda e meno di un’ora dopo, finiti i convenevoli del caso, è al suo posto di lavoro. Impaziente, Jean-Jacques tira fuori il portatile dalla sua borsa, lo appoggia sul tavolo e lo accende. Per tutta la fase di bootstrap tiene gli occhi fissi sulle spie per vedere se il PC riesce a collegarsi alla rete Wi-Fi dell’azienda.Spiacenti ma il suo PC non soddisfa i requisiti minimi di sicurezza previsti dal gestore della reteJean-Jacques, incredulo, esamina riga per riga il lungo report di handshaking tra il suo PC ed il sistema TNC della LAN aziendale. Per un po’ non riesce a capire dove stia il problema poi, finalmente, ha una illuminazione.”Internet Navigator 13.1! Vuole il dannato Internet Navigator 13.1! Sulla mia macchina non c’è perchè è il responsabile di quasi tutti i rookit e le backdoor che si sono viste in giro negli ultimi 3 anni… E per loro sarebbe una garanzia di sicurezza… Figuriamoci! Va bene… Tanto è inutile discutere.”Jean-Jacques si alza dalla sedia e fa il giro dei suoi colleghi in cerca di un CD con Internet Navigator 13.1. Robert, lo specialista audio ne ha una copia. Jean-Jacques torna alla scrivania, lo installa e riprova.Connessione avvenuta. Il suo sistema contiene software non approvato. Sostituzione in corso. Non toccate la tastiera e non spegnete il PC durante questa operazione o non sarà più possibile riavviarlo“No! Maledetto!”Jean-Jacques non può fare altro che fissare attonito il suo PC mentre tutto il software da lui selezionato per il suo lavoro nel corso degli ultimi 5 anni viene cancellato e sostituito con quello prodotto dalle software house che hanno pagato il produttore del Sistema Operativo per apparire in cima alla lista delle alternative. Meno di 10 minuti dopo, Jean-Jacques atterra in pieno Mesozoico. Sul suo PC non c’è più nessuna traccia di software utilizzabile per il suo lavoro. Tutti i suoi file sono inaccessibili in quanto prodotti da software non autorizzato. Sull’orlo del pianto, Jean-Jacques si alza dalla sedia e comincia a cercare aiuto dai suoi colleghi.”What’s the problem? Qui funziona così: decidono loro cosa puoi usare. Usa quello che ti dicono e non ti preocupare dei risultati. Non sei pagato per ottenere risultati ma per fare quello che ti dicono.”Jean-Jacques torna alla sua scrivania e fissa tristemente il display del suo PC affollato di messaggi pubblicitari lampeggianti e di scritte in colori sgargianti. Mentre lo osserva, decine e decine di finestre pop-up si sovrappongono senza sosta. Alcune dialog box riescono ad ottenere spazio sul display solo per il tempo necessario per avvisarlo che qualcuno sta installando qualcosa sul suo PC attraverso la rete e che è meglio che lui non tenti di interferire.Verso l’una del pomeriggio, dopo essere riuscito a chiudere tutte le pop-up, Jean-Jacques riesce finalmente a tornare in possesso del suo PC. Il suo primo pensiero è quello di contattare la famiglia. Apre il client di posta che il sistema gli ha installato, crea un nuovo messaggio e comincia a scrivere. Dopo aver dato conferma del suo arrivo a San Francisco, Jean-Jacques inizia a raccontare cosa gli è successo. Nel corso della narrazione si lascia scappare un paio di pesanti apprezzamenti ai danni della madre di chi ha creato il sistema operativo. Improvvisamente appare una minacciosa dialog box. Questo è un messaggio del sistema di Traitor Tracing. L’uso di questi termini ai danni di NanoCorporation non è ammesso. Al prossimo tentativo verrà inoltrata automaticamente alle autorità competenti una denuncia per offeseJean-Jacques, terrorizzato, fissa il display. Apre il programma di gestione e sceglie di disinstallare il programma di posta incriminato. La disinstallazione sembra procedere correttamente poi…Sul suo sistema non è presente una parte fondamentale del sistema operativo. Reinstallazione in corso. Non toccate la tastiera o non sarà più possibile riattivare il computerJean-Jacques, attonito, lascia che il sistema reinstalli il programma di posta. Si collega al sito web di un altro fornitore e cerca di scaricare un programma di posta gratuito. Al primo tentativo appare una dialog box che recita:Per il suo bene, abbiamo deciso che lei non possa accedere a questo sito web. I documenti diffamatori che lei avesse eventualmente scaricato in precedenza da questa fonte inattendibile sono stati resi inutilizzabiliJean-Jacques ci riprova. Dopo aver visitato una mezza dozzina di siti web, tutti resi inaccessibili, ne trova finalmente uno sfuggito ai controlli. Trova un programma di posta, lo scarica e lo installa tenendo le dita incrociate.Sul suo sistema è presente un programma non gradito. Disinstallazione in corso. Non toccate la tastiera o non sarà più possibile riattivare il computerJean-Jacques si rassegna. Riapre l’unico programma di posta autorizzato e ricomincia a scrivere alla famiglia, stando bene attento a non usare termini scurrili. Questa volta nota qualcosa di diverso: appena Jean-Jacques scrive “California”, vicino al termine appare il link ad un sito di viaggi. La stessa cosa avviene non appena Jean-Jacques scrive qualunque termine che sia associabile a qualche attività economica. Il programma inserisce frasi pubblicitarie a suo nome all’interno del messaggio! Jean-Jacques, disperato, tenta di cancellare le frasi inserite dal programma.Spiacente ma lei non dispone delle autorizzazioni necessarie per questa operazione. Questa funzionalità di advertising in-line fa parte integrante della EULA che lei ha implicitamente accettato installando il nostro programma e non è quindi disabilitabileLe frasi vengono ripristinate. Alcune contengono degli espliciti apprezzamenti e dei consigli di acquisto firmati a suo nome!Tempo per la rilettura scaduto. Messaggio inviatoJean-Jacques trema al pensiero che sua madre legga quelle frasi, specialmente quelle in cui il programma consiglia, a suo nome, di visitare alcuni siti porno.Jean-Jacques si prende la testa tra le mani e comincia a chiedersi se anche il POS della biglietteria dell’aeroporto sia posseduto da quella tecnologia. Senza poter usare la carta di credito non potrà mai tornare in Francia.Alessandro BottoniTutti gli articoli di Alessandro Bottoni sono disponibili qui<!–P2 fine-

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Totale 17 controlli. Che statistica è?
    Scusate ma che razza di percentuali sono se il campione è 17 aziende? Praticamente hanno controllato gli esercizi commerciali in un via?Sarebbe una statistica citadina? Mah. M'immagino la serietà della cosa se danno per seria un'indagine condotta su 17 aziende su migliaia disponibili in una città.
    • Anonimo scrive:
      Re: Totale 17 controlli. Che statistica è?
      - Scritto da:
      Scusate ma che razza di percentuali sono se il
      campione è 17 aziende? Praticamente hanno
      controllato gli esercizi commerciali in un
      via?

      Sarebbe una statistica citadina? Mah. M'immagino
      la serietà della cosa se danno per seria
      un'indagine condotta su 17 aziende su migliaia
      disponibili in una
      città.infatti, non è un dato statisticamente rilevante, non vuol dire proprio niente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Totale 17 controlli. Che statistica

      M'immagino
      la serietà della cosa se danno per seria
      un'indagine condotta su 17 aziende su migliaia
      disponibili in una
      città.Migliaia? A CREMONA? Vieni un po' qua, che le contiamo... O)Oltretutto, ci vuol poco a dire che a Cremona ci sono pochi pirati. Probabilmente anche a Potenza, e probabilmente per la stessa ragione: immobilismo totale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sorpresa! A Cremona pochi i pirati
    Al solito, la gdf si fa bella con poco sforzo.Mentre le evasioni miliardarie (vedi report su rai tre) non le vedono proprio.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sorpresa! A Cremona pochi i pirati
    EHI!!!!!!!Ma perché la BSA deve far fare i controlli a GENTE PAGATA DA TUTTI I CONTRIBUENTI??????CHE SI FACESSE UNA SQUADRA PROPRIA E PAGATA DIRETTAMENTE!!!!!A me questo NON STA BENE,perché LE FORZE DELL'ORDINE DEVONO PERSEGUIRE FINI DI INTERESSE PUBBLICO E NON PRIVATO!!!Anche perché nel frattempo i vari MOGGI & furbetti del quartiere hanno il tempo di evadere e portare i frutti DELLE LORO EVASIONI alle CAYMAN!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: A Cremona pochi i pirati....
    Non si capisce in senso della "notizia". Quale interesse avrebbero le aziende a usare software piratato? Le fatture di acquisto del software vengono dedotte dalle tasse.
  • reXistenZ scrive:
    buffonate solo buffonate
    3 su 17... chiedete a qualunque statistico la rappresentatività di un simile dato!Inoltre vi propongo il seguente paradosso (mica tanto): laddove la corruzione della GDF è pari al 100% lo 0% delle aziende controllate risulterà non in regola.
    • Anonimo scrive:
      Re: buffonate solo buffonate
      Ho fatto una ricerca in città, sull'attività sessuale delle persone, incredibile, il 98,8% delle persone si dichiarava omosessuale.Son tornato a casa, sconvolto da questa mia scoperta, accedo la TV e al notiziario fanno vedere il GayPrade proprio qui sotto casa....
      • Anonimo scrive:
        Re: buffonate solo buffonate
        - Scritto da:
        Ho fatto una ricerca in città, sull'attività
        sessuale delle persone, incredibile, il 98,8%
        delle persone si dichiarava
        omosessuale.
        Son tornato a casa, sconvolto da questa mia
        scoperta, accedo la TV e al notiziario fanno
        vedere il GayPrade proprio qui sotto
        casa....Attento alle spalle amico (anonimo) :D
    • Anonimo scrive:
      Re: buffonate solo buffonate
      Non sono un troll, ma il moderatore sta pilotando a maniera sua l'informazione.Le frasi da me scrittesono solo per far notare che le statistiche sono solo scusanti per far digerire qualsiasi cosa!Quello che ho visto davanti casa, è sucesso realmente, non vedo perché deve essere nascosto.Quello che sparate come notizia, e tutta da verificare , quanto il mio testo.Solo che io non posso Oscurare la vostra notiziona.
  • SardinianBoy scrive:
    Ma costoro sanno chi sono i pirati?
    Hackers Are Not CrackersOrmai quando si parla di Hacker nei media, si parla sempre e comunque dei pirati informatici. Chiunque di voi abbia letto qualche libro serio sullargomento, sa benissimo che non è così!Gli hacker non sono i pirati informatici, bensì la loro antitesi. Sono hacker coloro che hanno scritto il sistema operativo LINUX. Sono hacker coloro che hanno ampliato e sviluppato la vechcia DARPAnet in tutto ciò che oggi noi chiamiamo INTERNET . Sono hacker tutti gli amanti della cultura (informatica in particolare, ma non solo ), tutti coloro che amano imparare, studiare, sfamare la propria curiosità ogni giorno, scoprire, fare a pezzi per ricostruire. Senza gli hacker linformatica, oggi, non sarebbe sicuramente la stessa. Eppure tutti i giorni, qui o la, leggiamo di attacchi hacker , di hacker che scrivono virus, o hacker che entrano nel computer di un utente, di una banca. Entra nel computer di una banca, solo per correggere gli errori,tappare i buchi e le eventuali falle che ci sono nel sito,dare consigli per aumentare la protezione dei dati..E chi ama questa cultura, sente lo stomaco annodarsi, sente lo sconforto salire, prende ogni giorno coscienza di quanto possa essere ignorante certa gente. Eppure reagire non serve a nulla. E-mail su e-mail, ma mai nessuna risposta. Ma chi crede nelletica che appartiene alla cultura hacker, sa che non può darsi per vinto.Proprio per far fronte, quindi, agli abusi nelluso del termine hacker da parte dei mass media, è nata lorganizzazione che risponde la nome di HANC ( acronimo di Hackers are not crackers ) , e che cerca di unire gli sforzi di tutti quegli amanti della filosofia hacker, che ne hanno piene le scatole della malainformazione in materia di informatica. Chiunque ne abbia voglia può aiutare l HANC segnalando tramite lapposito form, eventuali abusi del termine hacker nei mass media. In seguito, uno dei 4 coordinatori, invierà alla redazione della testata in questione, una e-mail a nome dellorganizzazione, spiegandone lerrore che ha commesso. Tutte le e-mail inviate ( e le eventuali risposte ) saranno ad ogni modo pubblicate nellapposita sezione della HANC.Per Info : info@hancproject.org - www.hancproject.orgCordiali saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: Sorpresa! A Cremona pochi i pirati
    giusto legalità per tutti.e MAGARI ...PAGAMENTO DELLE TASSE da parte di tutti.che mi sembra un pelo + grave...
  • Anonimo scrive:
    Tecnico BSA
    Non vi sembra che il coinvolgimento di un tecnico della BSA nelle ispezioni possa rappresentare qualcosa di poco corretto?Mi da quasi l'idea che l'ispezione non sia della finanza ma della BSA e la cosa non mi piace.Cmq. forse la BSA è il migliore sponsor del software libero, obbligati a pagare (giustamente per un prodotto commerciale) oppure a cambiare e passare all'open... :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Tecnico BSA
      leggi bene, c'e' scritto "ausilio tecnico" non ausilio di un tecnico
      • Anonimo scrive:
        Re: Tecnico BSA
        - Scritto da:
        leggi bene, c'e' scritto "ausilio tecnico" non
        ausilio di un
        tecnicoL'"ausilio tecnico" sarà stato fornito da un tecnico, mica dalla donna delle pulizie della BSA...
        • m00f scrive:
          Re: Tecnico BSA
          - Scritto da:
          - Scritto da:
          L'"ausilio tecnico" sarà stato fornito da un
          tecnico, mica dalla donna delle pulizie della
          BSA...Magari era una donna molto bona, con fisico da modella e una quinta di seno :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Tecnico BSA
      - Scritto da:
      Non vi sembra che il coinvolgimento di un tecnico
      della BSA nelle ispezioni possa rappresentare
      qualcosa di poco
      corretto?

      Mi da quasi l'idea che l'ispezione non sia della
      finanza ma della BSA e la cosa non mi
      piace.

      Cmq. forse la BSA è il migliore sponsor del
      software libero, obbligati a pagare (giustamente
      per un prodotto commerciale) oppure a cambiare e
      passare all'open...
      :)No, dovete usare solo software commerciale, che vi garantisce di non commettere crimini contro qualche brevetto americano.Linux è sicuramente illegale: lo odia Ballmer, lo odia Bush, lo odia Berlusconi. Se lo odiano tutte queste importantissime persone, che sinceramente si battono per il nostro benessere e le nostre libertà, è meglio non usarlo.Anzi, se vedete o sapete di qualcuno che lo usa, o magari cerca di introdurlo nell'azienda in cui lavorate, denunciatelo alla BSA!!!Il Male si annida dietro la faccia bonaria di Stallman e dietro gli occhiali di Torvalds!!!Loro voglio solo imporre l'ideologia comunista.Umilmente VostroRag. Alessio Bibolotti
      • Anonimo scrive:
        Re: Tecnico BSA
        bhe i sottoprodotti della legge 180/78 sono ancora evidentima non preoccuparti, prima o poi faranno una legge per aiutartiperchè tu ne hai tanto bisogno
      • uguccione500 scrive:
        Re: Tecnico BSA
        Beh, pensare che Berlu, Ballmer e Bush facciano solo i tuoi interessi mi sembra quanto di piu assurdo tu possa fare a questo mondo...Che trollata, MAMMA MIA!!!
        Linux è sicuramente illegale: lo odia Ballmer, lo
        odia Bush, lo odia Berlusconi.

        Se lo odiano tutte queste importantissime
        persone, che sinceramente si battono per il
        nostro benessere e le nostre libertà, è meglio
        non
        usarlo.
        Anzi, se vedete o sapete di qualcuno che lo usa,
        o magari cerca di introdurlo nell'azienda in cui
        lavorate, denunciatelo alla
        BSA!!!
        Il Male si annida dietro la faccia bonaria di
        Stallman e dietro gli occhiali di
        Torvalds!!!
        Loro voglio solo imporre l'ideologia comunista.

        Umilmente Vostro
        Rag. Alessio Bibolotti-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 giugno 2006 00.28-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Faletti...
    ...cittadino onorario di Cremona?
    • Anonimo scrive:
      Re: Faletti...
      Non credo, è uno che ha preso quello che c'era da prendere, in quel momento, in quel contesto.Non ha niente d'eroico, un'opportunista che ha scento di mettere la faccia nel momento dell'ondata fobica che incrimina ragazzini che si divertono, mentre i cocainomani sono sempre il libertà, sempre piu ricchi e addirittura in casa nostra attraverso la TV...Che mondo di MERDA...
      • DonChuck scrive:
        Re: Faletti...
        - Scritto da:
        Non credo, è uno che ha preso quello che c'era da
        prendere, in quel momento, in quel
        contesto.
        Non ha niente d'eroico, un'opportunista che ha
        scento di mettere la faccia nel momento
        dell'ondata fobica che incrimina ragazzini che si
        divertono, mentre i cocainomani sono sempre il
        libertà, sempre piu ricchi e addirittura in casa
        nostra attraverso la
        TV...

        Che mondo di MERDA...QUOTO in pieno,Faletti mi è sempre stato simpatico, mi è piaciuto come comico, come cantante, come scrittore (solo il primo libro sinceramente).Ma quando l'ho visto in quella pubblicità, insieme ad altri personaggi che non mi sarei mai aspettato di vedere in quel contesto mi è sceso.Come al solito preferiscono criminalizzare invece di analizzare il problema.
        • SardinianBoy scrive:
          Re: Faletti...

          Ma quando l'ho visto in quella pubblicità,
          insieme ad altri personaggi che non mi sarei mai
          aspettato di vedere in quel contesto mi è
          sceso.

          Come al solito preferiscono criminalizzare invece
          di analizzare il
          problema.....diciamo che Faletti mi è sceso letteralmente dalle ginocchia e può anche andare a quel paese!E' solo un fallito che non riesce a vendere o farsi ascoltare per bene perchè tutte le sue "opere" sono degne di essere gettate nel cesso.
          • Elwood_ scrive:
            Re: Faletti...
            - Scritto da: SardinianBoy


            Ma quando l'ho visto in quella pubblicità,

            insieme ad altri personaggi che non mi sarei mai

            aspettato di vedere in quel contesto mi è

            sceso.



            Come al solito preferiscono criminalizzare
            invece

            di analizzare il

            problema.


            ....diciamo che Faletti mi è sceso letteralmente
            dalle ginocchia e può anche andare a quel
            paese!E' solo un fallito che non riesce a vendere
            o farsi ascoltare per bene perchè tutte le sue
            "opere" sono degne di essere gettate nel
            cesso.a me personalmente mi è sempre sembrato uno che volesse sfondare anche senza avere capacità proprie.Il comico, il presentatore, lo scrittore.Mio nonno diceva: nella vita si riesce a fare decentemente bene una cosa sola.Chi dice di saper fare tutto, alla fine fa tutto male e probabilmente e mediocre.
          • SardinianBoy scrive:
            Re: Faletti...


            cesso.

            a me personalmente mi è sempre sembrato uno che
            volesse sfondare anche senza avere capacità
            proprie.
            Il comico, il presentatore, lo scrittore.
            Mio nonno diceva: nella vita si riesce a fare
            decentemente bene una cosa
            sola.
            Chi dice di saper fare tutto, alla fine fa tutto
            male e probabilmente e mediocre.I nonni molto spesso hanno sempre ragione!
          • Anonimo scrive:
            Re: Faletti...
            sono così indegne che dubito corrano sul pitupì- Scritto da: SardinianBoy


            Ma quando l'ho visto in quella pubblicità,

            insieme ad altri personaggi che non mi sarei mai

            aspettato di vedere in quel contesto mi è

            sceso.



            Come al solito preferiscono criminalizzare
            invece

            di analizzare il

            problema.


            ....diciamo che Faletti mi è sceso letteralmente
            dalle ginocchia e può anche andare a quel
            paese!E' solo un fallito che non riesce a vendere
            o farsi ascoltare per bene perchè tutte le sue
            "opere" sono degne di essere gettate nel
            cesso.
        • Anonymous scrive:
          Re: Faletti...
          - Scritto da: DonChuck
          QUOTO in pieno,
          Faletti mi è sempre stato simpatico, mi è
          piaciuto come comico, come cantante, come
          scrittore (solo il primo libro
          sinceramente).
          non ho idea di come possa piacere "io uccido"..Dopo poche pagine ci si rende conto dell'assoluta incapacita' del Faletti-scrittore.Come comico e attore non e' male, direi che sa il fatto suo, ma sarebbe il caso che si dedicasse a quello che sa fare, e lasci fare lo scrittore a chi ne ha le competenze.Poi, una volta vista la prima pubblicita' contro la pirateria dove era protagonista, mi e' andato in odio e da me non ricevera' mai piu' un centesimo.Ah, tra parentesi, il suo libro me l'ha prestato un amico, non l'avrei mai comprato.Anonymous
  • Anonimo scrive:
    io seguo le regole: tutti dovrebbero
    se io seguo le regole, la mia attivitàdeve fare i conti con costi aggiuntivila pirateria mi svantaggia in quantopermette a chi non rispetta la leggedi guadagnare di piu o fare prezziun po piu bassilegalità per tutti, grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: io seguo le regole: tutti dovrebbero
      - Scritto da:
      se io seguo le regole, la mia attività
      deve fare i conti con costi aggiuntivi

      la pirateria mi svantaggia in quanto
      permette a chi non rispetta la legge
      di guadagnare di piu o fare prezzi
      un po piu bassi

      legalità per tutti, grazieVerissimo, io lavoro in una primaria società italiana dove purtroppo il software non viene acquistato ma si richiede all'IT di recuperarlo per vie traverse. Tanto essendo grossi abbiamo la copertura politica!E' una vergogna, come competere se esistono queste ineguaglianze?
      • Anonimo scrive:
        Re: io seguo le regole: tutti dovrebbero
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        se io seguo le regole, la mia attività

        deve fare i conti con costi aggiuntivi



        la pirateria mi svantaggia in quanto

        permette a chi non rispetta la legge

        di guadagnare di piu o fare prezzi

        un po piu bassi



        legalità per tutti, grazie

        Verissimo, io lavoro in una primaria società
        italiana dove purtroppo il software non viene
        acquistato ma si richiede all'IT di recuperarlo
        per vie traverse. Tanto essendo grossi abbiamo la
        copertura
        politica!
        E' una vergogna, come competere se esistono
        queste
        ineguaglianze?e invece tu signor rispettoso e integerrimo:1) hai sempre fatturato per i tuoi lavori?2) chi lavora con te è dipendendente oppure e qualche tapino che è passato a progetto ma lavora come dipendente?3) il tuo prodotto è stato davvero sviluppato senza andare a buttare l'occhio dentro qualche prodotto opensource?Quando potrai rispondere si a queste tre semplici domande allora tanto di cappello, sennòstai zitto.
        • Anonimo scrive:
          Re: io seguo le regole: tutti dovrebbero
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          se io seguo le regole, la mia attività


          deve fare i conti con costi aggiuntivi





          la pirateria mi svantaggia in quanto


          permette a chi non rispetta la legge


          di guadagnare di piu o fare prezzi


          un po piu bassi





          legalità per tutti, grazie



          Verissimo, io lavoro in una primaria società

          italiana dove purtroppo il software non viene

          acquistato ma si richiede all'IT di recuperarlo

          per vie traverse. Tanto essendo grossi abbiamo
          la

          copertura

          politica!

          E' una vergogna, come competere se esistono

          queste

          ineguaglianze?

          e invece tu signor rispettoso e integerrimo:
          1) hai sempre fatturato per i tuoi lavori?
          2) chi lavora con te è dipendendente oppure e
          qualche tapino che è passato a progetto ma lavora
          come
          dipendente?
          3) il tuo prodotto è stato davvero sviluppato
          senza andare a buttare l'occhio dentro qualche
          prodotto
          opensource?

          Quando potrai rispondere si a queste tre semplici
          domande allora tanto di cappello,
          sennò
          stai zitto.
          E tu, quante volte sei andato dal medico compiacente e ti sei fatto dare qualche giorno di malattia, magari in prossimità di qualche festività o ponte?Quante volte hai timbrato in ritardo o sei uscito in anticipo facendo il furbo?O ti sei fregato del materiale di cancelleria, o hai usato la stampante aziendale per le foto delle tue vacanze?O hai fatto la "cresta" sulle spese documentate?Stai zitto.E basta.
          • Anonimo scrive:
            Re: io seguo le regole: tutti dovrebbero
            Si ai figli ci penso, però nel frattempo li devo far mangiare...Se non sai non ti prendono, nessuno fa piu formazione interna, allora? si vuole limitare la formazione all'elite dei ricconi ?Nel mio privato, con fine mese estremamente corta, copio, scopiazzo tutto quello che serve per il SAPERE, non per lucro, scopiazzo programmi che mi serviranno sul lavoro, per anticipare l'arrivo del cravattino figlio di non so chi , che non capisce un cazzo però il posto lo prende e sopratutto la paga... e se s'inchioda lui, diventa colpa di quello sotto.Son d'accordo che è immorale per una azienda utilizzare scopiazzoni, ma cavolo.. signori i prezzi!!! dicono in parecchi "per colpa di pirati ecc.. i prezzi aumentano", allora dico io : se fate prezzi bassi, nessuno perde tempo a scopiazzare... preferisce l'originale.La gente non è poi cosi tanto scema da perdere 2 ore di vita per risparmiare 1 euro, ma se risparmia 5000Euro... in due ore lo fanno tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: io seguo le regole: tutti dovrebbero

      legalità per tutti, grazieAnd free software for all! (linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Sorpresa! A Cremona pochi i pirati

    Secondo il colonnello Santonastaso della
    Guarda di Finanza "il mantenimento di una
    costante pressione di deterrenza sul
    territorio,io ho molta fiducia nelle ns forze dell'ordineche proverbialmente si battono per uno statomigliore e piu giustomi sento di suggerire anche in questo settore l'uso di pentiti (se denunci dieci che hanno copie piratate, salvi le tue)forza ragazzi, mantenete una costante pressione
    • Anonimo scrive:
      buhahaha
      - Scritto da:

      Secondo il colonnello Santonastaso della
      Guarda
      di Finanza "il mantenimento di una
      costante
      pressione di deterrenza sul

      territorio,

      io ho molta fiducia nelle ns forze dell'ordine
      che proverbialmente si battono per uno stato
      migliore e piu giusto

      mi sento di suggerire anche in questo settore
      l'uso di pentiti (se denunci dieci che hanno
      copie piratate, salvi le
      tue)

      forza ragazzi, mantenete una costante pressionedai dai che io intanto alla facciaccia tua ho tutto piratatobuahahaah
    • Anonimo scrive:
      Re: Sorpresa! A Cremona pochi i pirati
      - Scritto da:

      Secondo il colonnello Santonastaso della
      Guarda
      di Finanza "il mantenimento di una
      costante
      pressione di deterrenza sul

      territorio,

      io ho molta fiducia nelle ns forze dell'ordine
      che proverbialmente si battono per uno stato
      migliore e piu giusto

      mi sento di suggerire anche in questo settore
      l'uso di pentiti (se denunci dieci che hanno
      copie piratate, salvi le
      tue)

      forza ragazzi, mantenete una costante pressioneunder pressure tundundundudum dundudududnum(sulle note dei queen piratati)
  • Anonimo scrive:
    bsa!? aaah autorevole...
    chiedete all'oste se il vino è buono :@ :@ :@
Chiudi i commenti