VPN, la falla è sistemica

I provider di connessioni anonime a rischio dopo la scoperta di una vulnerabilità comune, un problema potenzialmente in grado di rivelare l'indirizzo IP reale dei clienti rovinando le prospettive di business delle aziende
I provider di connessioni anonime a rischio dopo la scoperta di una vulnerabilità comune, un problema potenzialmente in grado di rivelare l'indirizzo IP reale dei clienti rovinando le prospettive di business delle aziende

Perfect Privacy (PP) ha individuato una vulnerabilità di sicurezza comune a tutti i protocolli (IPSec, OpenVPN, PPTP e altri) su cui sono basate le reti VPN (Virtual Private Network) e i relativi servizi commerciali, un problema in grado di rivelare l’indirizzo IP reale dei clienti e quindi di eliminare alla radice la convenienza del servizio di mascheramento offerto dai provider.

La vulnerabilità è connessa direttamente all’utilizzo del port forwarding , spiegano da PP, vale a dire a un meccanismo di comunicazione telematica comunemente usato per “lasciar passare” il traffico di un’applicazione specifica quando la connessione è protetta da un router e necessita della traduzione automatica degli indirizzi tramite NAT.

Nello scenario descritto da PP, il potenziale attaccante ha registrato un account sullo stesso servizio VPN usato dall’utente bersaglio ed è a conoscenza dell’indirizzo IP di uscita (fornito dal suddetto servizio di VPN) con cui l’utente “esce” su Internet, Web, IRC, torrent o con altri tipi di comunicazione.

L’attacco è capace di smascherare l’IP del bersaglio e funziona indipendentemente dal sistema operativo, spiegano da PP, e tutti i provider VPN in grado di fornire la funzionalità di port forwarding (fondamentale per l’utilizzo proficuo e anonimo dei client P2P) sono risultati vulnerabili ai test della società.

Mettere fuori gioco il rischio di “IP leak” tramite port forwarding è in ogni caso semplice, spiega ancora l’azienda – anch’essa specializzata in servizi VPN. Basta infatti impostare regole specifiche nella gestione del traffico di rete, e magari allargare il numero di IP pubblici disponibili agli utenti, per chiudere la falla. E molte VPN hanno già confermato di aver risolto il problema. 

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 11 2015
Link copiato negli appunti