Wikipedia fotografa il 2020: le pagine più lette

Il coronavirus su tutto, ma anche le elezioni statunitensi, personaggi protagonisti delle serie in streaming e teorie del complotto.
Il coronavirus su tutto, ma anche le elezioni statunitensi, personaggi protagonisti delle serie in streaming e teorie del complotto.

Volge al termine un anno di certo non semplice, flagellato dalla pandemia, caratterizzato da un cambiamento repentino e forzato delle abitudini. In questo 2020 abbiamo dovuto fare i conti con l’esigenza di lavorare in smart working e di studiare con gli strumenti della didattica a distanza, imparando a comunicare da remoto con amici, parenti e colleghi per rispettare le imposizioni del distanziamento. Una fotografia delle tendenze che hanno segnato gli ultimi dodici mesi la fornisce oggi Wikipedia.

Cosa ha letto il mondo su Wikipedia quest’anno

Con un intervento su Medium vengono messe in luce le risorse lette con maggiore frequenza. Inutile dire che al primo posto c’è quella relativa al coronavirus. Il resto della classifica non è però così scontato. Questa la Top 25 delle pagine in inglese più consultate dall’inizio dell’anno al 15 dicembre:

  1. pandemia di COVID-19;
  2. Donald Trump;
  3. morti nel 2020;
  4. Kamala Harris;
  5. Joe Biden;
  6. coronavirus;
  7. Kobe Bryant;
  8. pandemia di COVID-19 nel mondo;
  9. elezioni presidenziali USA 2020;
  10. Elisabetta II;
  11. influenza spagnola;
  12. Elon Musk;
  13. elezioni presidenziali USA 2016;
  14. Michael Jordan;
  15. COVID-19;
  16. pandemia di COVID-19 negli Stati Uniti;
  17. Sushant Singh Rajput;
  18. pandemia di COVID-19 in India;
  19. QAnon;
  20. Parasite;
  21. Chadwick Boseman;
  22. Stati Uniti;
  23. YouTube;
  24. collegio elettorale degli Stati Uniti;
  25. Margaret, contessa di Snowdon.

Grande attenzione è stata riposta alla politica americana, in particolare all’appuntamento con le Presidenziali di inizio novembre: a tal proposito, è stata consultata più spesso la pagina relativa alla vicepresidente Kamala Harris rispetto a quella di Joe Biden. Emerge anche l’influenza delle piattaforme di streaming sulla cultura di massa: Elisabetta II e la principessa Margaret sono rappresentate nella serie The Crown di Netflix. L’attenzione è infine stata rivolta anche ai complottisti di Qanon, al visionario Elon Musk e alle tante celebrità che nel corso dell’anno sono venute a mancare.

Fonte: Medium
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti