Wikipedia, fatti che si mordono la coda

Modificare l'enciclopedia libera per modificare la realtà. Passando per verità mediatiche infondate. La politica dilaga in Wikipedia, altera gli articoli per conquistare l'opinione pubblica

Roma – Travasi mediali che innescano polemiche, cortocircuiti innescati da battibecchi: Wikipedia è fluida e intrisa di realtà, ma ciò non implica necessariamente che sia popolata da realtà di fatto .

Succede in Germania: perno della vicenda , il nuovo ministro dell’Economia tedesco. La nomina non era ancora stata comunicata, quando rimbalzavano le prime indiscrezioni riguardo alla sua prossima carica. C’è chi si è preso la briga di intervenire sulla pagina di Wikipedia dedicata al politico e di ritoccarne l’identità .

Di nobile lignaggio, il giovane Ministro vanta un nome estremamente composito: Karl Theodor Maria Nikolaus Johann Jacob Philipp Franz Joseph Sylvester Freiherr von und zu Guttenberg. Mimetizzato fra i tributi agli antenati, è stato aggiunto un ulteriore nome , Wilhelm. Poi, l’annuncio ufficiale della nomina, la concitazione dei media nella girandola degli articoli e degli eventi. Giornalisti e reporter si sono affidati all’enciclopedia libera, a un clic di distanza dalla nota di colore con cui si sarebbero potute tratteggiare le origini del personaggio. Il ministro, per ore, è stato etichettato con un nome aggiuntivo : di agenzia in agenzia, di quotidiano in quotidiano, Wilhelm figurava tra l’eredità della stirpe. Anche i più autorevoli dispensatori di informazione tedeschi, indotti al copiaincolla dalla presumibile stabilità del nome, hanno identificato il politico con generalità ritoccate che si sono disseminate in tutto il mondo.

Ci sono wikipediani che si sono mobilitati per correggere l’articolo dell’enciclopedia libera, ma il nome coretto non resisteva ai ripristini: facevano fede i principali media tedeschi , che includevano Wilhelm nel nome del ministro. Il meccanismo di citazioni e rettifiche si era innescato nella sua dirompente completezza.

Solo un post pubblicato su bildblog.de , watchdog del tabloid tedesco Bild , ha dissipato gli equivoci. È un anonimo a ricostruire la vicenda: ammette di aver messo in circolazione un falso, ripercorre le fasi della modifica dell’articolo di Wikipedia, punta il dito contro i giornalisti.

Ma succede anche nel Regno Unito. La National Gallery vorrebbe dotarsi di un Tiziano, si avvia il dibattito per racimolare il denaro. Gordon Brown fa riferimento a Tiziano come ad un artista longevo, che ha superato la soglia dei 90 anni. Il Tory David Cameron non esita a sottolineare con sicumera che Tiziano è morto a 86 anni. Non è trascorsa che una manciata di minuti: alle 12:29 dell’11 febbraio, ora di Greenwich, la data di nascita dell’artista è stata posticipata di 5 anni; alle 12:34 dello stesso giorno, la data della morte dell’artista è stata anticipata , dal 1576 al 1572. Con il risultato di aver abbreviato la vita di Tiziano oltre il necessario.

Non è servito impugnare alcun tipo di tool per indagare sull’edit. Ad una provocazione dei labour , un portavoce dei conservatori ha ammesso che il responsabile della modifica delle 12:34 è stato un maldestro e zelante membro del proprio staff .

Consapevoli della visibilità dell’enciclopedia libera, facendo leva sul fatto che venga spesso usata come fonte senza indugiare in approfondimenti e verifiche, ma inconsapevoli del fatto che l’indirizzo IP avrebbe testimoniato contro l’autore della modifica, lo staff di Cameron ha ritoccato la storia. Sicuro che i concittadini, affidandosi a Wikipedia, non avrebbero potuto fare a meno di schierarsi dalla parte dei Tory .

Ma non sono stati necessari strumenti di moderazione : l’intelligenza collettiva che anima l’enciclopedia libera ha dato fondo al proprio istinto di autoconservazione, ha provveduto a prendersi cura del common . Nell’articolo dedicato a Tiziano si sono riversati altri strati di realtà : non si dà spazio solo alla vita e alle opere dell’artista, non solo si chiarisce che la data di nascita di Tiziano è immersa nel mistero, ma si documenta il battibecco tra i due rappresentanti dei cittadini.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fringuello scrive:
    Forse lo stanno testando solo...
    ... in Ammeriga perchè pensano che la' siano tutti piu' fessi. Un po' come dire : se non funziona nemmeno qua... gettiamo la spugna.Ha chiuso i battenti una volta, pronta la seconda volta ancor prima di partire.Certo che se parlasse di "noleggio temporaneo a discriminazione del noleggiatore" invece "download" sarebbe piu' corretto.
  • Sgabbio scrive:
    Sarà un fallimento totale
    I limiti di fruizione segneranno la fine prematura di questo servizio. Con i milioni di Lettori multimediali esistenti HW e Software, la scelta del DRM con tanto di rinvalidare i brani, sarà un suicidio!Se pensano di combattere i siti illegali in questo modo,hanno perso in partenza.Finchè la pirateria sarà più vantaggiosa dei canali ufficiali, non la batteranno mai.
  • Il perplesso scrive:
    ottima scelta
    Certo che quella di tagliare fuori dai possibili utilizzatori i milioni di ipod circolanti per il globo mi sembra veramente un ottima scelta di marketing...
  • the45dildos scrive:
    nessun commento...
    ...alle volte il silenzio vale più di mille parole.
Chiudi i commenti