Wikipedia parte all'acquisto di copyright

Il fondatore dell'enciclopedia libera ha intenzione di utilizzare un fondo di 100 milioni di dollari per l'acquisto di opere protette da copyright: verranno liberate e rese di pubblico dominio

Roma – Non solo enciclopedie online: Wikipedia , secondo un recente messaggio di posta firmato dal suo fondatore Jimmy Wales, si dedicherà all’ acquisto di materiale protetto da copyright per facilitare la “liberazione” di cultura attraverso Internet. Wales si è appellato alla comunità di utenti affinché decidano “quali opere dovranno essere acquistate” avendo a disposizione un “budget di 100 milioni di dollari”.

“Sognate in grande”, ha detto Wales, “ed iniziate a pensare alle cose che vorreste acquistare con questi soldi”. Il fondatore della celebre enciclopedia collaborativa ha dichiarato: “Conosco qualcuno che può realizzare questi sogni”. Gli utenti potranno scegliere tra libri antichi , quotidiani, archivi governativi, raccolte fotografiche, documentari e persino software specialistici.

“Dovrete essere precisi ed anche un po’ coraggiosi”, ha scritto Wales nel messaggio, “vorrei che la comunità si mettesse a fare un po’ di brainstorming e realizzasse una lista di tutte quelle cose che, almeno per il momento, non siamo riusciti a rimpiazzare con succedanei gratuiti”. In definitiva, Wales fa intendere che la cultura autoprodotta, sebbene di qualità, potrebbe non riuscire a fare a meno della cultura appartenente al dominio del copyright.

Uno spazio apposito, chiamato Copyright Wishlist , è stato allestito sulla piattaforma Wikimedia affinché i partecipanti possano suggerire artefatti culturali da acquistare e “liberare”. I suggerimenti sono estremamente eterogenei: da chi propone l’acquisto di frammenti di DNA fino a chi vorrebbe “una piccola isola per fondare uno stato indipendente, senza alcuna normativa sul copyright”.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Faccia come il deretano.
    Un sito che vende e GUADAGNA su merce che NON ha pagato si permette anche di alzare la voce solo perché il mondo è pieno di LADRI in malafede che RICETTANO musica RUBATA!Ora ci manca solo che Visa e MasterCard vengano denunciate da Peppe 'o Animale e Salvatore Scannatrippe perché non si può più pagare il pizzo o le partite di coca con la carta di credito.Ma annatevene a...... :@ :@ :@ :@ :@ :@
  • Anonimo scrive:
    L'analisi economica della massaia
    Intendo della massaia perche' non sono al 100%competente:Allof - vende brani diciamo a circa 1cent/canzone, facendo profitto considerando solo i costi raw: servers, telco, software, manutenzione (incluso personale) e (suppongo) qualche tassa (o tangente) pagata alla siae russa e qualche tassa (o tangente) pagata allo stato russo.il concorrente famoso piu' direttoItunes - vende brani diciamo a circa 99cent/canzone, facendo profitto. qual'e' la differenza?sicuramente il profitto deve essere piu' elevato. piu i costi raw sono maggiori: servers, telco, software e manutenzione sono piu' cari un usa/europa (anche se si puo' obiettare che magari il sito itunes venga sviluppato e mantenuto in outsourcing dall'India). Magari le tasse sono un po' di piu' alte che in russia. Ma ancora non ci siamo: forse la fetta maggiore dei 98 cent di differenza (supponiamo 50) va a un potentato economico che, e' vero che si occupa di produrre e promuovere la musica e compensare gli artisti, ma di fatto, visto che produrre e promuovere costa sempre meno, spende sempre di piu' per autotutelarsi.Allofmp3 e' cosi' scomodo perche' mette in evidenza la disparita' tra i costi industriali vivi di distribuzione della musica, e quanto l'industria vuole far credere agli utenti sia il valore giusto del prodotto musicale.E' come se un grosso gruppo di distribuzione si mettesse a vendere in nero la frutta e la verdura a 10 centesimi al kg. Mi comincierei a domandare: se questi ci guadagnano comunque, gli altri che sono poi gli "onesti", mi rapinano...cordialmente___"Something is rotten in the state of Denmark"
    • Anonimo scrive:
      Re: L'analisi economica della massaia
      - Scritto da:
      E' come se un grosso gruppo di distribuzione si
      mettesse a vendere in nero la frutta e la verdura
      a 10 centesimi al kg.Non esattamente. È come se un grosso gruppo di distribuzione si mettesse a vendere in nero frutta e verdura RUBATA DAL CAMPO del contadino di un altro Paese!!!A quel punto anche 10 centesimi al kg sono un furto perché la merce NON è stata pagata un solo centesimo! Mi comincierei a domandare:
      se questi ci guadagnano comunque, gli altri che
      sono poi gli "onesti", mi
      rapinano...Gli "onesti" pagano la merce che vendono!!!Se non sbaglio Apple non guadagna dal servizio iTunes ma ci va in più o meno in pareggio, i guadagni li fa con la vendita degli iPod.

      cordialmente
      ___
      "Something is rotten in the state of Denmark"
      "Something is rotten in the state of Russia"
  • Anonimo scrive:
    Re: la cosa piu' disgustosa
    e certo, sono americani, come le majors, mica vuoi impedire ad americani di poter fottere la gente in internet?
  • Anonimo scrive:
    Vendere musica online
    Le major non hanno ancora capito che l'unico modo di vendere musica on-line è venderla a prezzi molto bassi o addirittura stracciati. In questo modo faranno meno margine sul singolo utente ma guadagneranno molti clienti in più, riportando i profitti a livelli accettabili.Inoltre non hanno capito che in questo modo possono guadagnarci poichè io, ma anche molti altri, non andrò più ad utilizzare metodi "illegali" per scaricare le canzoni (vedi l'utilizzo del P2P per materiale con copyright) ma preferirò rimanere nella legalità.Perchè la gente continua ad usare il P2P? Semplicemente perchè ritiene il prezzo delle canzoni corate on-line ancora troppo elevato, abbassattelo e vedrete che ad un certo punto per un utente sarà più vantaggioso acquistare legalmente un brano o un album intero piuttosto che scaricarlo illegalmente, c'è un break-point sotto il quale non conviene rischiare una denuncia, si vede che questo prezzo non è stato ancora raggiunto, è per questo che la gente continua a violare il copyright.Create inoltre uno spazio in cui si possano trovare gli mp3 di qualsiasi autore/etichetta/anno e vedrete che la situazione migliorerà drasticamente.L'unica soluzione all'illegalità è mettere l'utente nella condizione di non dover compiere un illecito, e questo lo si può fare solo abbassando i prezzi. Pensate quanto potrebbero guadagnarci se tutti quelli che scaricano canzoni illegalmente decidessero che è più vantaggioso pagare una cifra irrisoria ma rimanere nella legalità! Il problema è che al momento conviene rimanere nell'illegalità e utilizzare sistemi P2P.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vendere musica online
      Esatto, ecco perchè la gente compra da allofmp3 anzichè scaricare con il P2P canzoni e album, perchè qui, dietro una parvenza di legalità, trova prezzi bassissimi.
  • MoDa scrive:
    Re: la cosa piu' disgustosa
    Non posso far altro che quotare!
  • Guybrush scrive:
    Ehmm... nessuno dice niente qua?
    IL fatto e' molto piu' grave di quello che crediate.A prescindere dalla legalita' o meno di allOfMp3 qui abbiamo due multinazionali che hanno deciso arbitrariamente di "far giustizia".A chi e per conto di chi?Dei cittadini russi? Non credo. Degli autori danneggiati da allOfMp3? E dov'e' la sentenza che condanna allOfMp3?La gravita' sta nel fatto che un ente privato e' arrivato la dove solo un tribunale dovrebbe arrivare e solo dopo la celebrazione di un regolare processo.A quanto pare, invece...
    GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
      Assolutamente d'accordo, VISA e Mastercard non hanno alcun diritto di impedire ai propri clienti di acquistare brani su AllofMP3, indipendentemente dal fatto che il sito sia illegale.Qui non sono in gioco i diritti d'autore, ma la libertà dei singoli cittadini di utilizzare i propri soldi come desiderano.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
        - Scritto da:
        Assolutamente d'accordo, VISA e Mastercard non
        hanno alcun diritto di impedire ai propri clienti
        di acquistare brani su AllofMP3,Visa e Mastercard mica hanno vietato ai possessori di carta di comprare da qualche parte. Semplicemente come Merchant non hanno rinnovato il contratto a Allofmp3. E' un loro diritto non offrire più un determinato servizio e dipende comunque da cosa c'è scritto sul contratto.
        • ryoga scrive:
          Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Assolutamente d'accordo, VISA e Mastercard non

          hanno alcun diritto di impedire ai propri
          clienti

          di acquistare brani su AllofMP3,

          Visa e Mastercard mica hanno vietato ai
          possessori di carta di comprare da qualche parte.
          Semplicemente come Merchant non hanno rinnovato
          il contratto a Allofmp3. E' un loro diritto non
          offrire più un determinato servizio e dipende
          comunque da cosa c'è scritto sul
          contratto.Speriamo che qualche ente Mondiale dichari ILLEGALE e ILLEGITTIMO ciò che hanno deciso Visa e Mastercard o che venga loro tolto il monopolio dei circuiti internazionali.Quello che fa piu' schifo di tutto, e' che le MAZZETTE che offrono discografici e major riescono a corrompere chiunque.Spero VIVAMENTE che chi acquista MUSICA a 40 a DVD/CD vada in fallimento in modo da capire il REALE VALORE DEL DENARO.Solo in questo modo ( Facendo finire sul lastrico GLI IMBECILLI che acquistano musica a questi prezzi ) si potrà ridurre il potere delle major nel mondo.Una utopia...ma spero che venga realizzata ( in parte lo si sta realizzando....grazie ai DRM e alla possibilità teorica di concedere l'uso limitato a N volte di un brano )...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
            - Scritto da: ryoga

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Assolutamente d'accordo, VISA e Mastercard non


            hanno alcun diritto di impedire ai propri

            clienti


            di acquistare brani su AllofMP3,



            Visa e Mastercard mica hanno vietato ai

            possessori di carta di comprare da qualche
            parte.

            Semplicemente come Merchant non hanno rinnovato

            il contratto a Allofmp3. E' un loro diritto non

            offrire più un determinato servizio e dipende

            comunque da cosa c'è scritto sul

            contratto.

            Speriamo che qualche ente Mondiale dichari
            ILLEGALE e ILLEGITTIMO ciò che hanno deciso Visa
            e Mastercard o che venga loro tolto il monopolio
            dei circuiti
            internazionali.
            ma non scrivere sciocchezze
            Quello che fa piu' schifo di tutto, e' che le
            MAZZETTE che offrono discografici e major
            riescono a corrompere
            chiunque.
            Spero VIVAMENTE che chi acquista MUSICA a 40 a
            DVD/CD vada in fallimento in modo da capire il
            REALE VALORE DEL
            DENARO.
            hai delle prove tangibili o solo illazioni?
            Solo in questo modo ( Facendo finire sul lastrico
            GLI IMBECILLI che acquistano musica a questi
            prezzi ) si potrà ridurre il potere delle major
            nel
            mondo.
            bla bla bla...ti daranno il nobel per l'economia.
            Una utopia...ma spero che venga realizzata ( in
            parte lo si sta realizzando....grazie ai DRM e
            alla possibilità teorica di concedere l'uso
            limitato a N volte di un brano
            )...mi chiedo perché difendi le libertà e poi le vuoi limitare a quelli che non fanno quello che vuoi tubah
          • Anonimo scrive:
            Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?

            hai delle prove tangibili o solo illazioni?se hai bisogno di prove per accettare l'evidenza dei messo male.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Assolutamente d'accordo, VISA e Mastercard non

          hanno alcun diritto di impedire ai propri
          clienti

          di acquistare brani su AllofMP3,

          Visa e Mastercard mica hanno vietato ai
          possessori di carta di comprare da qualche parte.
          Semplicemente come Merchant non hanno rinnovato
          il contratto a Allofmp3. E' un loro diritto non
          offrire più un determinato servizio e dipende
          comunque da cosa c'è scritto sul
          contratto.Un contratto non lo puoi stracciare in 4+4=8 a meno che sia stata riconosciuta la rilevanza di reato da parte di AllofMp3... il che non è avvenuto. In quanto al loro DIRITTO di non offrire più un determinato servizio, stai dicendo una emerita c****ta: cosa ne diresti se - all'improvviso - ti staccassero luce, gas, telefono e ti annullassero l'abbonamento alla paytv pur avendo firmato un contrattodi fornitura di servizi bello e pagato?Dallo stile pacchiano dei tuoi "ragionamenti" riconosco l'id107a che ha già postato sull'altro thread relativo a questo argomento.in quanto a questa frase (il tuo capolavoro) "Visa e Mastercard mica hanno vietato ai
          possessori di carta di comprare da qualche parte.
          Semplicemente come Merchant non hanno rinnovato
          il contratto a Allofmp3."... è un modo di argomentare che fa c*ag*re: cosa penseresti se qualcuno ti inchiodasse la porta di casa? Nessuno ti toglie il tuo diritto di uscire... è solo che non lo puoi fare.Vai a lavorare, và...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?

        Qui non sono in gioco i diritti d'autore, ma la
        libertà dei singoli cittadini di utilizzare i
        propri soldi come
        desiderano.
        Quella é già andata persa da tempo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
          - Scritto da:

          Qui non sono in gioco i diritti d'autore, ma la

          libertà dei singoli cittadini di utilizzare i

          propri soldi come

          desiderano.



          Quella é già andata persa da tempo.vallo a dire a quelli che ti hanno messo l'euro tassa
      • Anonimo scrive:
        Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
        - Scritto da:
        Assolutamente d'accordo, VISA e Mastercard non
        hanno alcun diritto di impedire ai propri clienti
        di acquistare brani su AllofMP3,
        indipendentemente dal fatto che il sito sia
        illegale.

        Qui non sono in gioco i diritti d'autore, ma la
        libertà dei singoli cittadini di utilizzare i
        propri soldi come
        desiderano.

        basta che usino un'altra carta di credito. la libertà rimane.vuoi invece togliere la libertà a 2 società private di decidere della propria attività commerciale?un po unilaterale come concetto di difesa delle libertàbah
        • Guybrush scrive:
          Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
          - Scritto da: [...]
          vuoi invece togliere la libertà a 2 società
          private di decidere della propria attività
          commerciale?L'esercizio del proprio diritto finisce la dove inizia quello di un altro.
          un po unilaterale come concetto di difesa delle
          libertàQuindi visa e mastercard hanno deciso di limitare il mio diritto in favore del loro.Che ti devo dire? Vorrei cambiare carta di credito, ma chi altri? Amex? Diners? Siamo seri.Pare quasi buso di posizione dominante, ma non posso essere io a dirlo.
          GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
      Allora, le cose quindi dovrebbero stare così:1) Il sito vende file mp3 "quasi sicuramente" non legali, tutti lo sanno, manca solo una legge sui dirittti simile ad altre presente nel mondo ma, giocando su questa finezza, si fa finta di niente;2) Visto che in Russia è regolare per quanto sopra, ALLOFMP3 vanta diritti a destra e a manca e condanna chi lo disprezza.3) VISA E MASTERCARD decidono, vista la situazione, di farsi giustizia da se: quasi sicuramente hanno consultato avvocati, le Major sicuramente li avranno minacciati e 1+1 fa "fuga dalla Russia" cautelativa; forse anche perchè minacciati da probabile CONCORSO IN TRAFFICO ILLEGALE DI SOSTANZE INTERNAZIONALI PIRATATE...quale abominevole crimine!Effettivamente la denuncia per richiesta danni va portata avanti, ma credo che debbano muoversi perchè mi sa che a breve la legge che rende illegale il sito verrà fuori!La cosa brutta è la cappa delle major che incombe su qualsiasi cosa che riguarda i diritti d'autore: si parla e ci si muove in quest'ambito e subito rischi il carcere a vita... oramai quasi nessuno osa affacciarsi in materia perchè si trova contro a minacce e ostilità...è terribile! E invece bisognerebbe appoggiare il sito perchè vincesse la sua battaglia, ma è praticamente impossibile, peccato.Infine una curiosità: e usare Paypal per comprare MP3, è sempre un problema?
      • MeDevil scrive:
        Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
        - Scritto da:
        Allora, le cose quindi dovrebbero stare così:
        1) Il sito vende file mp3 "quasi sicuramente" non
        legali, tutti lo sanno, manca solo una legge sui
        dirittti simile ad altre presente nel mondo ma,
        giocando su questa finezza, si fa finta di
        niente;
        2) Visto che in Russia è regolare per quanto
        sopra, ALLOFMP3 vanta diritti a destra e a manca
        e condanna chi lo
        disprezza.
        3) VISA E MASTERCARD decidono, vista la
        situazione, di farsi giustizia da se: quasi
        sicuramente hanno consultato avvocati, le Major
        sicuramente li avranno minacciati e 1+1 fa "fuga
        dalla Russia" cautelativa; forse anche perchè
        minacciati da probabile CONCORSO IN TRAFFICO
        ILLEGALE DI SOSTANZE INTERNAZIONALI
        PIRATATE...quale abominevole
        crimine!

        Effettivamente la denuncia per richiesta danni va
        portata avanti, ma credo che debbano muoversi
        perchè mi sa che a breve la legge che rende
        illegale il sito verrà
        fuori!

        La cosa brutta è la cappa delle major che incombe
        su qualsiasi cosa che riguarda i diritti
        d'autore: si parla e ci si muove in quest'ambito
        e subito rischi il carcere a vita... oramai quasi
        nessuno osa affacciarsi in materia perchè si
        trova contro a minacce e ostilità...è terribile!
        E invece bisognerebbe appoggiare il sito perchè
        vincesse la sua battaglia, ma è praticamente
        impossibile,
        peccato.

        Infine una curiosità: e usare Paypal per comprare
        MP3, è sempre un
        problema?Quoto, anche se non in pieno.Paypal alla fine è una visa electron, quindi soffrirà degli stessi problemi di tutte le altre visa.Piuttosto, xkè le major non si rendono conto che la gente è disposta ad acquistare, (anziché scaricare illegalmente) se i prezzi sono onesti/giusti come quelli di allofmp3? (io stesso sono il primo ad usare quel sito quando mi serve qualche cd)Saluti, MeDevil
        • Anonimo scrive:
          Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
          PayPal è una visa electron??? :|Ma dove vivi? Non è che ti confondi con la PostePay?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
          - Scritto da: MeDevil

          - Scritto da:

          Allora, le cose quindi dovrebbero stare così:

          1) Il sito vende file mp3 "quasi sicuramente"
          non

          legali, tutti lo sanno, manca solo una legge sui

          dirittti simile ad altre presente nel mondo ma,

          giocando su questa finezza, si fa finta di

          niente;

          2) Visto che in Russia è regolare per quanto

          sopra, ALLOFMP3 vanta diritti a destra e a manca

          e condanna chi lo

          disprezza.

          3) VISA E MASTERCARD decidono, vista la

          situazione, di farsi giustizia da se: quasi

          sicuramente hanno consultato avvocati, le Major

          sicuramente li avranno minacciati e 1+1 fa "fuga

          dalla Russia" cautelativa; forse anche perchè

          minacciati da probabile CONCORSO IN TRAFFICO

          ILLEGALE DI SOSTANZE INTERNAZIONALI

          PIRATATE...quale abominevole

          crimine!



          Effettivamente la denuncia per richiesta danni
          va

          portata avanti, ma credo che debbano muoversi

          perchè mi sa che a breve la legge che rende

          illegale il sito verrà

          fuori!



          La cosa brutta è la cappa delle major che
          incombe

          su qualsiasi cosa che riguarda i diritti

          d'autore: si parla e ci si muove in quest'ambito

          e subito rischi il carcere a vita... oramai
          quasi

          nessuno osa affacciarsi in materia perchè si

          trova contro a minacce e ostilità...è terribile!

          E invece bisognerebbe appoggiare il sito perchè

          vincesse la sua battaglia, ma è praticamente

          impossibile,

          peccato.



          Infine una curiosità: e usare Paypal per
          comprare

          MP3, è sempre un

          problema?

          Quoto, anche se non in pieno.
          Paypal alla fine è una visa electron, quindi
          soffrirà degli stessi problemi di tutte le altre
          visa.
          Piuttosto, xkè le major non si rendono conto che
          la gente è disposta ad acquistare, (anziché
          scaricare illegalmente) se i prezzi sono
          onesti/giusti come quelli di allofmp3? (io stesso
          sono il primo ad usare quel sito quando mi serve
          qualche
          cd)I prezzi di AllofMp3 non sono nè onesti nè giusti. Sono i più bassi, ed hanno successo solo per questo motivo, non perchè ritenuti "giusti".AllofMp3 si può permettere di fare concorrenza sleale nei confronti di tutti gli altri servizi di download a pagamento solo perchè la Federazione Russa non ha leggi che tutelino il diritto d'autore equivalenti a quelle di tutti gli altri paesi.Poi, come qualcuno si può permettere di ipotizzare pressioni da parte delle major nei confronti di Visa e Mastercard (ne dubito: una qualsiasi di queste due organizzazioni è di diversi fattori di grandezza più imponente di una qualsiasi major...) allora possiamo anche ipotizzare, altrettanto liberamente, una pressione indebita di codesti proprietari di AllofMp3 nei confronti dei legislatori russi per mantenere questo vantaggio legale.Inoltre: io da privato ritengo scorretta la concorrenza sleale che la società russa fa ad altre società mondiali, e posso decidere autonomamente, ed in modo compatibile con i contratti, di rifiutare il mio servizio. Non di impedire l'acquisto, ma di non essere da tramite per un'attività che ritengo ingiusta.E ricordiamo che con la decisione di sospendere il servizio Visa e Mastercard perdono molti soldi.Ciao

          Saluti, MeDevil
          • Anonimo scrive:
            Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?

            I prezzi di AllofMp3 non sono nè onesti nè
            giusti. Sono i più bassi, ed hanno successo solo
            per questo motivo, non perchè ritenuti
            "giusti".Eh no, mi sbagli in partenza: i prezzi sono i più bassi perchè ingiusti nei confronti delle normative degli altri paesi. Non c'e' la legge=possibilità i non pagare tasse aggiuntive e tenere prezzi bassi.
            AllofMp3 si può permettere di fare concorrenza
            sleale nei confronti di tutti gli altri servizi
            di download a pagamento solo perchè la
            Federazione Russa non ha leggi che tutelino il
            diritto d'autore equivalenti a quelle di tutti
            gli altri
            paesi.Ecco, allora hai sbagliato la prima affermazione, ma non importa! :)
            Poi, come qualcuno si può permettere di
            ipotizzare pressioni da parte delle major nei
            confronti di Visa e Mastercard (ne dubito: una
            qualsiasi di queste due organizzazioni è di
            diversi fattori di grandezza più imponente di una
            qualsiasi major...)e che centra? Una potenza si rivolge ad un settore (vendite online) di un'altra superpotenza per chiedere favori... la vedo MOOOOLTO PROBABILE, altro che inverosimile! allora possiamo anche
            ipotizzare, altrettanto liberamente, una
            pressione indebita di codesti proprietari di
            AllofMp3 nei confronti dei legislatori russi per
            mantenere questo vantaggio
            legale.E perchè no! Il sito preme (anche con soldi) affichè non facciano norme per tagliarli le gambe; le major estere premono perchè invece vengano fatte leggi specifiche; la situazione è quindi in stallo. NON TI SEMBRA PER CASO LA SITUAZIONE ATTUALE???

            Inoltre: io da privato ritengo scorretta la
            concorrenza sleale che la società russa fa ad
            altre società mondiali, e posso decidere
            autonomamente, ed in modo compatibile con i
            contratti, di rifiutare il mio servizio. Non di
            impedire l'acquisto, ma di non essere da tramite
            per un'attività che ritengo
            ingiusta.Certo. Ma toglimi una coriusità: tu hai introiti da un'attività che non è mai stata condannata e siccome qualcuno sparge voci strane su quello che fai i fornitori se ne vanno senza informarsi o aspettare sentenze. MA TI PARE GIUSTO????Oltre a riattaccare i contatti gli faccio causa per risarcimento danni, mancato guadagno e danni morali per diffazione! E anche dell'altro se si può!
            E ricordiamo che con la decisione di sospendere
            il servizio Visa e Mastercard perdono molti
            soldi.Beh oddio questo è da dimostrare perchè se perdono molti soldi tanto velocemente non se ne andavano di certo!Secondo me, come la società italiana editori che chiede di aderire ai contratti se no ti denuncia ala finanza per musica abusiva, anche a VISA E MASTER è stato detto in via informale che se non si staccano da quel sito rischiano di essere denunciati anche loro....magari per riciclaggio...poi mettici dentro pure il terrorismo e il comunismo ex sovietico e tutto quadra!!!! :|
          • Anonimo scrive:
            Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
            - Scritto da:

            I prezzi di AllofMp3 non sono nè onesti nè

            giusti. Sono i più bassi, ed hanno successo solo

            per questo motivo, non perchè ritenuti

            "giusti".
            Eh no, mi sbagli in partenza: i prezzi sono i più
            bassi perchè ingiusti nei confronti delle
            normative degli altri paesi. Non c'e' la
            legge=possibilità i non pagare tasse aggiuntive e
            tenere prezzi
            bassi.Non slegare questa frase da quello che scrivo dopo: i prezzi sono più bassi non per abilità imprenditoriale, ma per la mancanza di una "tassazione" presente nei paesi di ognuno dei concorrenti. La gente non compra perchè il prezzo è onesto. Compra perchè è più basso: se un'altro operatore potesse fare un prezzo inferiore automaticamente questo diventerebbe onesto.



            AllofMp3 si può permettere di fare concorrenza

            sleale nei confronti di tutti gli altri servizi

            di download a pagamento solo perchè la

            Federazione Russa non ha leggi che tutelino il

            diritto d'autore equivalenti a quelle di tutti

            gli altri

            paesi.

            Ecco, allora hai sbagliato la prima affermazione,
            ma non importa!
            :)Vedi sopra;)



            Poi, come qualcuno si può permettere di

            ipotizzare pressioni da parte delle major nei

            confronti di Visa e Mastercard (ne dubito: una

            qualsiasi di queste due organizzazioni è di

            diversi fattori di grandezza più imponente di
            una

            qualsiasi major...)

            e che centra? Una potenza si rivolge ad un
            settore (vendite online) di un'altra superpotenza
            per chiedere favori... la vedo MOOOOLTO
            PROBABILE, altro che
            inverosimile!Ah. E con quale contropartita? Intendo dire: perchè VISA e Mastercard dovrebbero rinunciare a dei guadagni per far piacere ad aziende molto più piccole?

            allora possiamo anche

            ipotizzare, altrettanto liberamente, una

            pressione indebita di codesti proprietari di

            AllofMp3 nei confronti dei legislatori russi per

            mantenere questo vantaggio

            legale.

            E perchè no! Il sito preme (anche con soldi)
            affichè non facciano norme per tagliarli le
            gambe; le major estere premono perchè invece
            vengano fatte leggi specifiche; la situazione è
            quindi in stallo. NON TI SEMBRA PER CASO LA
            SITUAZIONE
            ATTUALE???Non proprio. La situazione attuale è che tutto il mondo della musica online sta dando addosso ad AllofMp3.Lo stallo è legato al fatto che manca un equilibrio normativo tra gli attori, non che AllofMp3 sta truffando. Anzi, sfrutta giustamente una pecca legislativa.




            Inoltre: io da privato ritengo scorretta la

            concorrenza sleale che la società russa fa ad

            altre società mondiali, e posso decidere

            autonomamente, ed in modo compatibile con i

            contratti, di rifiutare il mio servizio. Non di

            impedire l'acquisto, ma di non essere da tramite

            per un'attività che ritengo

            ingiusta.

            Certo. Ma toglimi una coriusità: tu hai introiti
            da un'attività che non è mai stata condannata e
            siccome qualcuno sparge voci strane su quello che
            fai i fornitori se ne vanno senza informarsi o
            aspettare sentenze. MA TI PARE
            GIUSTO????Giusto o sbagliato possono farlo, ne hanno diritto, a meno di contratti differenti. Ma dubito che VISA e Mastercard non si siano tutelate in tal senso.
            Oltre a riattaccare i contatti gli faccio causa
            per risarcimento danni, mancato guadagno e danni
            morali per diffazione! E anche dell'altro se si
            può!E perchè? Il fornitore PRIVATO di un servizio, SE NON IMPEDITO DA UN CONTRATTO, può cessare la fornitura. E' nel pieno diritto di un fornitore cessare la fornitura ad un cliente. Ripeto, sempre che non ci sia un contratto che obbliga diversamente.



            E ricordiamo che con la decisione di sospendere

            il servizio Visa e Mastercard perdono molti

            soldi.

            Beh oddio questo è da dimostrare perchè se
            perdono molti soldi tanto velocemente non se ne
            andavano di
            certo!Non voglio ipotizzare una statura morale che credo improbabile, ma potrebbe anche essere questo: non vogliono appoggiare un risultato sleale. Incredibile o no è una possibilità.

            Secondo me, come la società italiana editori che
            chiede di aderire ai contratti se no ti denuncia
            ala finanza per musica abusiva, anche a VISA E
            MASTER è stato detto in via informale che se non
            si staccano da quel sito rischiano di essere
            denunciati anche loro....magari per
            riciclaggio...poi mettici dentro pure il
            terrorismo e il comunismo ex sovietico e tutto
            quadra!!!!
            :|In parte può essere. E devo dire che a lungo andare AllOfMp3 sarà costretta a sottostare alle regole che tutti gli altri concorrenti hanno, che lei non ha stabilito, ma che sfrutta per ottenere una posizione di vantaggio concorrenziale.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
            Sentite il capolavoro di questo genio: "Inoltre: io da privato ritengo scorretta la concorrenza sleale che la società russa fa ad altre società mondiali, e posso decidere autonomamente, ed in modo compatibile con i contratti, di rifiutare il mio servizio. Non di impedire l'acquisto, ma di non essere da tramite per un'attività che ritengo ingiusta.E ricordiamo che con la decisione di sospendere il servizio Visa e Mastercard perdono molti soldi"......Tutti a cianciare di liberalismo e liberismo economico, libera concorrenza... e poi non gli va giù la realtà vera e pratica della libera concorrenza. Il bello è che in genere sono proprio quelli che danno addosso all'assistenzialismo statale quelli che poi rimangono a bocca aperta e braghe calate, indignandosi perchè finalmente capiscono cosa vuol veramente dire, e come funziona, la libera concorrenza. VISA e MASTERCARD non fanno parte dei virtuosi: sono società a scopo di lucro e non si sognerebbero affatto di perdere milioni di dollari per difendere qualcosa che non è stato ancora dichiarato illegale in nessuna parte del mondo. Aprite gli occhioni, ingenuoni! ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
            - Scritto da:
            Sentite il capolavoro di questo genio: "Inoltre:
            io da privato ritengo scorretta la concorrenza
            sleale che la società russa fa ad altre società
            mondiali, e posso decidere autonomamente, ed in
            modo compatibile con i contratti, di rifiutare il
            mio servizio. Non di impedire l'acquisto, ma di
            non essere da tramite per un'attività che ritengo
            ingiusta.
            E ricordiamo che con la decisione di sospendere
            il servizio Visa e Mastercard perdono molti
            soldi"......La tua prima riga è di un sarcasmo inutile.

            Tutti a cianciare di liberalismo e liberismo
            economico, libera concorrenza... e poi non gli va
            giù la realtà vera e pratica della libera
            concorrenza.Evidentemente non sai che il presupposto della llibera concorrenza è una comunanza di regole e legislazioni. Il WTO è nato proprio per questo, per dare regole comuni alle aziende e società mondiali. Se la Russia non mette le aziende del suo territorio in condizioni almeno pari a quelle delle altre non è la società più abile a lavorare a prevalere, ma la più avvantaggiata dal proprio stato.Sarebbe come dire che lo stato italiano deve aiutare Alitalia ad uscira da una situazione problematica facendo delle leggi differenti per agevolarla nei confronti dei concorrenti: l'Europa vieta questa cosa.
            Il bello è che in genere sono
            proprio quelli che danno addosso
            all'assistenzialismo statale quelli che poi
            rimangono a bocca aperta e braghe calate,
            indignandosi perchè finalmente capiscono cosa
            vuol veramente dire, e come funziona, la libera
            concorrenza. VISA e MASTERCARD non fanno parte
            dei virtuosi: sono società a scopo di lucro e non
            si sognerebbero affatto di perdere milioni di
            dollari per difendere qualcosa che non è stato
            ancora dichiarato illegale in nessuna parte del
            mondo. Aprite gli occhioni, ingenuoni!
            ;)Non comprendo la tua aggressività, e mi sa che qui chi deve aprire gli occhi sei tu: libera concorrenza non significa che chi ha più aiuti dal proprio governo vince, ma che chi è più abile a parità di condizioni vince.La base di partenza dev'essere comune.In pratica AllOfMp3 è un'azienda dopata legalmente dalla Federazione Russa, che corre in pista assieme ad atleti che non possono doparsi. Non è corretto.Che poi AllofMp3 LEGALMENTE non abbia colpe, questo non influisce sul diritto dei fornitori di credito di ritirare autonomamente il proprio appoggio. Sempre, e ripeto, che non ci siano obblighi contrattuali che stabiliscono diversamente.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
            L'aggressività la vedi tu, non io che sono l'estensore del post: la mia era ironia, e comprendo che è difficile comunicare il "tono" su un forum. Resta il fatto che hai davvero toccato il punto: il WTO. E' qui l'origine dei mali, basta leggere chi lo ha fondato, chi ne fa parte e cosa impone. In due parole, il WTO è un "sovragoverno" mondiale di aziende e potentati economici che assoggetta i Governi. Non sto qui a spiegare perchè non ho la capacità di farlo in due parole. Mi permetto di suggerire un libro che s'intitola proprio "WTO", che è più istruttivo di qualsiasi altro testo abbia letto negli ultimi 3 anni. Dirò soltanto che il WTO è quell'organismo che ha costretto alcuni Governi africani ad accettare di imporre di ricomprare le sementi (ricavate ovviamente dalla coltivazione locale) della sua terra dalla Monsanto... perchè nessuno aveva pensato di brevettare la formula genetica dei semi di certe coltivazioni. In pratica: il poveraccio di contadino africano seminava; con una parte dei semi ottenuti dalle sue stesse coltivazioni ottenenva un nuovo raccolto. Come è stato da millenni. Adesso no: visto che la Monsanto ha brevettato la formula genetica di certi semi, ora il contadino non ha più il diritto (!) di usarli senza prima acquistarli dalla Monsanto!!! :| Spero di essermi fatto capire.Questo è il sistema cui sottotanno tutti i Governi del mondo: se non lo fanno, il boicottaggio è totale: Niente commerci, niente prestiti, niente accesso al mercato valutario, eccetera.Prima o poi AllofMp3 dovrà cedere. Sai qual'è ora l'alternativa per comprare su questo portale? Acquistare una "carta prepagata", che serve a dare un plafond ad un'altra carta virtuale di pagamento, con cui puoi finalmente acquistare lo stesso. La differenza sta nei 3 passaggi richiesti... che significano soldi da spendere sotto forma di commissioni. Alla fine, la trafila è così noiosa e costosa che non conviene più comprare musica dal portale russo. A mio modesto parere, questo si chiama ricatto e limitazione della libertà d'acquisto di beni legali. Questa è la vera concorrenza sleale. Ricordiamo che tutti i sistemi politici seri e seriamente liberisti hanno dei potenti meccanismi di antitrust, volti ad impedire il formarsi di monopoli totalizzanti. Un esempio per finire: mai in altri paesi è stato consentito a monopolisti delle telecomunicazioni e dell'energia di fare il bello e il cattivo tempo come avviene qui in Italia.Mi scuso per la lunghezza del post, che spero sia servito a chiarire cosa penso.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
            - Scritto da:
            L'aggressività la vedi tu, non io che sono
            l'estensore del post: la mia era ironia, e
            comprendo che è difficile comunicare il "tono" su
            un forum. Resta il fatto che hai davvero toccato
            il punto: il WTO. E' qui l'origine dei mali,
            basta leggere chi lo ha fondato, chi ne fa parte
            e cosa impone. In due parole, il WTO è un
            "sovragoverno" mondiale di aziende e potentati
            economici che assoggetta i Governi. Non sto qui a
            spiegare perchè non ho la capacità di farlo in
            due parole. Mi permetto di suggerire un libro che
            s'intitola proprio "WTO", che è più istruttivo di
            qualsiasi altro testo abbia letto negli ultimi 3
            anni. Dirò soltanto che il WTO è quell'organismo
            che ha costretto alcuni Governi africani ad
            accettare di imporre di ricomprare le sementi
            (ricavate ovviamente dalla coltivazione locale)
            della sua terra dalla Monsanto... perchè nessuno
            aveva pensato di brevettare la formula genetica
            dei semi di certe coltivazioni. In pratica: il
            poveraccio di contadino africano seminava; con
            una parte dei semi ottenuti dalle sue stesse
            coltivazioni ottenenva un nuovo raccolto. Come è
            stato da millenni. Adesso no: visto che la
            Monsanto ha brevettato la formula genetica di
            certi semi, ora il contadino non ha più il
            diritto (!) di usarli senza prima acquistarli
            dalla Monsanto!!! :| Spero di essermi fatto
            capire.
            Questo è il sistema cui sottotanno tutti i
            Governi del mondo: se non lo fanno, il
            boicottaggio è totale: Niente commerci, niente
            prestiti, niente accesso al mercato valutario,
            eccetera.
            Prima o poi AllofMp3 dovrà cedere. Sai qual'è ora
            l'alternativa per comprare su questo portale?
            Acquistare una "carta prepagata", che serve a
            dare un plafond ad un'altra carta virtuale di
            pagamento, con cui puoi finalmente acquistare lo
            stesso. La differenza sta nei 3 passaggi
            richiesti... che significano soldi da spendere
            sotto forma di commissioni. Alla fine, la trafila
            è così noiosa e costosa che non conviene più
            comprare musica dal portale russo.

            A mio modesto parere, questo si chiama ricatto e
            limitazione della libertà d'acquisto di beni
            legali. Questa è la vera concorrenza sleale.
            Ricordiamo che tutti i sistemi politici seri e
            seriamente liberisti hanno dei potenti meccanismi
            di antitrust, volti ad impedire il formarsi di
            monopoli totalizzanti. Un esempio per finire: mai
            in altri paesi è stato consentito a monopolisti
            delle telecomunicazioni e dell'energia di fare il
            bello e il cattivo tempo come avviene qui in
            Italia.
            Mi scuso per la lunghezza del post, che spero sia
            servito a chiarire cosa
            penso.
            SalutiHai chiarito, e mi spiace di aver travisato la tua intenzione: le parole "Perla" e "genio" usate in un certo modo mi sanno tanto di sarcasmo fuoriluogo.Resta il fatto che, al di là della reale impostazione del WTO, il principio che propugnava è corretto, e l'ho esemplificato con l'esempio dell'atleta.AllOfMp3 è un'azienda dopata dalla mancanza di una legge alla quale tutti gli altri concorrenti devono ottemperare. Ergo è giusto e comprensibile che gli altri non accettino di giocare con un concorrente dopato, perchè ha un vantaggio scorretto.Il fatto che il WTO sia corrotto o corruttibile non c'entra col principio di mantenere una base legislativa comune.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
            Ah, e giusto per chiarire, anche "Capolavoro di questo genio" non è il modo più corretto per citare lo scritto di qualcuno, se fatto con sarcasmo.Ritengo chiuso il misunderstanding.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?

      A quanto pare, invece...

      GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
      - Scritto da: Guybrush
      IL fatto e' molto piu' grave di quello che
      crediate.
      A prescindere dalla legalita' o meno di allOfMp3
      qui abbiamo due multinazionali che hanno deciso
      arbitrariamente di "far
      giustizia".
      A chi e per conto di chi?
      essendo società private possono decidere di fare quello che vogliono e ritenere che allofmp3, essendo controverso, possa danneggiare la propria immagine.
      Dei cittadini russi? Non credo. Degli autori
      danneggiati da allOfMp3? E dov'e' la sentenza che
      condanna
      allOfMp3?
      ci vuole una sentenza perché MAstercard e Visa possano rompere la collaborazione con tale sito? non mi risulta.
      La gravita' sta nel fatto che un ente privato e'
      arrivato la dove solo un tribunale dovrebbe
      arrivare e solo dopo la celebrazione di un
      regolare
      processo.
      veramente un ente privato può decidere autonomamente della propria attività commerciale.
      A quanto pare, invece...


      GT
      • Anonimo scrive:
        Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
        Se cè un contratto di mezzo non puoi decidere di punto in bianco di scinderlo a meno che non vogliano passare per vie legali.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
          - Scritto da:
          Se cè un contratto di mezzo non puoi decidere di
          punto in bianco di scinderlo a meno che non
          vogliano passare per vie
          legali.
          ma tu hai firmato per avere il servizio presso chi permette il pagamento con quelle carte di credito, non hai firmato la lista dei negozi dove puoi usarlobah
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
      la major lo fanno già da tanto tempo, con l' aiuto di politici prezzolati. Hanno addirittura usato il diritto d'autore contro autori e fan degli stessi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ehmm... nessuno dice niente qua?
      da parte mia, eviterò di usare queste carte di credito, e alla scadenza non le rinnoverò, è poco per scalfirle ma io questo posso fare, se man mano tutti prendessimo coscienza dei fatti, riusciremmo a farle ridimensionare
Chiudi i commenti