WiMax contro LTE, numeri e opinioni

I supporter delle due tecnologie wireless di quarta generazione continuano a promettere connessioni super-veloci a prezzi popolari. La maggioranza sembra tifare per il successore di UMTS

Roma – È ancora guerra di standard, è ancora tempo di contrapposizione fra le tecnologie di connessione wireless di quarta generazione WiMax ed LTE . La prima viene data oramai per spacciata viste le defezioni eccellenti di Intel e del provider Clearwire , nondimeno continua il suo processo evolutivo grazie a Samsung e alla dimostrazione di un link a corto raggio da ben 330 Mbps.

Samsung ha dimostrato gli ultimi progressi sulla tecnologia WiMax 2 (IEEE 802.16m) in occasione dell’edizione 2010 del CEATEC JAPAN , impiegando i 330 Mbps di cui sopra per trasmettere 16 video Full HD in simultanea.

Più efficiente e veloce della precedente generazione, WiMax 2 è secondo Samsung la tecnologia ideale per le connessioni wireless 4G. Tanto più che gli utenti finali non avrebbero bisogno di alcun aggiornamento per fruire della velocità superiore garantita dallo standard, mentre ai fornitori di connettività dovrebbe bastare l’installazione di un nuovo software di sistema o nuove schede per i canali aggiuntivi.

A dispetto della chiusura del suo WiMAX Program Office di Taiwan, anche Intel dimostra di continuare a credere nel futuro della tecnologia e investe 20 milioni di dollari nella joint-venture sudcoreana WiBro . Obiettivo della nuova società (a cui partecipano Intel, KT Corp, Samsung Electronics e Kookmin Bank Investment) è accelerare l’adozione del wireless di quarta generazione nel paese asiatico.

WiMax è destinata a cavarsela a dispetto delle più nere previsioni? Improbabile, sostiene la statunitense T-Mobile. Il carrier dice di non avere fretta di passare al 4G e di essere in grado di fornire connessioni mobile ad alta velocità tramite tecnologia 3G+ (HSPA), e che comunque quando occorrerà adottare il 4G la scelta non potrà che cadere su LTE .

L’ecosistema LTE “sarà molto più ricco di quello concorrente di WiMax”, dice il chief network officier di T-Mobile USA Neville Ray, perché WiMax non è nient’altro che un “mercato di nicchia”. Gli fa eco il general manager di Nokia Siemens Network Mike Wang, che quantifica nel 70-80 per cento la quota di mercato in mano a LTE da qui al 2011.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guybrush scrive:
    Luce Virtuale
    Abbastanza sottile da diventare la lente di un occhiale.Abbastanza sottile da lasciar passare la luce.Una piccola cam montata sopra gli occhiali, un collegamento BlueTooth2 per scambiare dati con uno smartphone ad alta velocità ed ecco che la realtà aumenta.Non ancora vicino agli occhiali immaginati da William Gibbson, ma una buona imitazione.
    • Valeren scrive:
      Re: Luce Virtuale
      Sarà. Ma io ancora non ho capito con certezza la durata stimata di un foglio OLED.Mi sembra che abbia vita piuttosto breve, pochi anni.Ma non trovo riscontri recenti.
      • JosaFat scrive:
        Re: Luce Virtuale
        Considerato che dovrebbero andare su smartphone e lettori mp3 ultrasmart, che i fashion victim non tengono più di un paio di anni, non credo che sarà un problema.
        • Callisto Software scrive:
          Re: Luce Virtuale
          oltretutto è una tecnologia recente, date tempo al tempo, e vedrete che saranno migliori in tutto e per tutto ai vecchi schermi, anche in durata.
        • OldDog scrive:
          Re: Luce Virtuale
          - Scritto da: JosaFat
          Considerato che dovrebbero andare su smartphone e
          lettori mp3 ultrasmart, che i fashion victim non
          tengono più di un paio di anni, non credo che
          sarà un
          problema.Non è che gli smartphone e i lettori MP3 li comprino solo i "fashion victim", sai?Semmai è stato quando i tecnici hanno semplificato e reso più stabili le funzioni dei telefoni "nerd" che anche i "fashion" hanno cominciato a comprarli.
    • Funz scrive:
      Re: Luce Virtuale
      - Scritto da: Guybrush
      Non ancora vicino agli occhiali immaginati da
      William Gibbson, ma una buona
      imitazione.Dennou Coil.Manca ancora la separazione tra corpo fisico e corpo virtuale, e l'upload di quest'ultimo assieme alla coscienza, e poi ci siamo :)
Chiudi i commenti