Windows 8 sui server, Windows XP in pensione

Microsoft anticipa un frammento delle funzionalità che caratterizzeranno il suo prossimo sistema operativo per server, suona l'ennesima campana per XP e parla di tablet-PC su cui non girerà mai Windows Phone 7
Microsoft anticipa un frammento delle funzionalità che caratterizzeranno il suo prossimo sistema operativo per server, suona l'ennesima campana per XP e parla di tablet-PC su cui non girerà mai Windows Phone 7

Dopo i numeri del successo di Windows 7 e Office 2010 snocciolati durante la prima giornata di incontro con i partner, la Worldwide Partner Conference organizzata da Microsoft a Los Angeles è proseguita con le anticipazioni sul futuro dell’ecosistema tecnologico di Redmond – sui server, sulle nuvole e naturalmente sui tablet.

Windows 8 Server in particolare è stato presentato come un aggiornamento obbligato di Windows Server 2008 R2 – perlomeno per chi ha necessità di avere a disposizione un sistema di virtualizzazione robusto, flessibile ed economico.

La nuova anima “Server” della prossima versione di Windows conterrà 100 diverse nuove funzionalità , promette Microsoft, e la virtualizzazione avrà un ruolo centrale grazie all’ipervisore Hyper-V e alla sua capacità di lavorare in ambito di cloud computing avanzato.

Grazie ad Hyper-V gli amministratori di sistema potranno iterare tutte le istanze del sistema operativo di cui necessitano, replicando in locale o in remoto lo stack virtualizzato con il supporto garantito a 16 processori virtuali per macchina.

Si tratta di una tecnologia che rappresenta “il prossimo passo nel cloud computing privato”, dice Microsoft, a cui andrà aggiunta anche la nuova versione di SQL Server – nome in codice Denali – e la sua capacità di estrapolare dati dal servizio Windows Azure Data Market verso un nuovo database.

Con le nuove anticipazioni su Windows 8 Server Microsoft si prepara al futuro, e per quanto riguarda il passato a Redmond sono intenzionati ad abbandonare il sempre diffusissimo Windows XP . Allo storico sistema operativo che ha popolarizzato il kernel NT presso la massa informatica restano “soltanto” 1000 giorni di supporto garantito, annuncia Microsoft, e, raccomanda, è bene che le aziende si preparino a migrare verso Windows 7 quanto prima è possibile.

Per quanto riguarda i tablet Windows-centrici, infine, il presidente della divisione Windows Phone Andy Lees è stato chiaro: Windows Phone 7 non apparirà mai sui gadget con schermo a tavoletta. Microsoft continua a considerare i tablet come “slate-PC” (o tablet-PC) ed è concentrata sulla conversione di Windows 8 sull’architettura ARM. Di Windows Phone 7, gli slate-PC avranno solo l’ interfaccia ma non la tecnologia sottostante.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 07 2011
Link copiato negli appunti