Windows XP già craccato

I cracker hanno trovato il modo di aggirare anche lo schema di protezione Product Activation incluso nell'ultima beta di Windows XP. Il crack, libero sulla Rete, sarebbe stato scaricato da 10mila utenti


Web – A pochi mesi di distanza dall’uscita della versione finale di Windows XP, per la rete già circola da qualche giorno un crack capace di eliminare la famigerata e tanto discussa Windows Product Activation (WPA).

Il crack, che alcuni sostengono sia stato sviluppato da un certo Methyd, sproteggerebbe l’ultima versione beta di Windows XP agendo sul registro di sistema. Una volta applicato, il crack elimina sia il limite dei 180 giorni di prova, sia la necessità, per l’utente, di eseguire la tediosa procedura di attivazione del software.

La pagina di Geocities che ospitava il crack per Windows XP è stata visitata, nel giro di pochi giorni, da oltre 10.000 persone.

Microsoft minimizza e sostiene che non è detto che questo schema di protezione sarà mantenuto, così com’è, anche nella versione finale del prodotto. Ma tale eventualità, per i cracker, potrebbe rappresentare soltanto una nuova e seducente sfida.

La WPA, introdotta da Microsoft per impedire le copie casuali dei propri prodotti, costringe di fatto l’utente a farsi rilasciare da Microsoft, attraverso Internet o il telefono, una chiave di attivazione. Si hanno 14 giorni di tempo per effettuare l’operazione, dopodiché il prodotto diviene inutilizzabile.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    www.pex3.com (sono preoccupato)
    Eallora a me quanti anni mi danno con tutti i link rat/trojan/virus che ho?
  • Anonimo scrive:
    LEGALE QUA' E LA'
    La caratteristica che più sta disorientando i governi mondiali è l'internazionalità della Rete, anzi la sua trasversalità nazionale:Un cittadino A della Nazione B, che vive nello Stato C, ospita nel suo sito, registrato sotto l'amministrazione dello stato D, e hostato da un cittadino E di nazionalità F, residente nel territorio dello Stato G, che possiede dello spazio Web nella nazione H, del materiale fornito da un suo cliente I, con doppia cittadinanza di L ed M, ma residente nello Stato N...si può continuare - virtualmente - all'infinito; e poi chiedere a Daniel Alter di sbrogliare cortesemente la matassa, e sciogliere l'amletico dubbio: "quale legge applicabile?"Prima o poi i governi si renderanno conto che sono stati sorpassati dalla Storia, in questa occasione: non esistono raccordi legislativi che possano reggere alla corrosione di Internet, nè che riescano a batterla in velocità.Tuttavia... se non tutto il male viene per nuocere, al peggio non c'è mai fine: può anche darsi che qualcosa inventeranno, anche se dovrà vedersela con altrettale valida inventiva, perché Internet è una sfida quotidiana.Ma non si può dire "non mi riguarda".E' una battaglia nella guerra alla libertà, una battaglia da combattere e vincere, perchè ce ne saranno altre, che già si profilano all'orizzonte.Non ci facciamo prendere per stanchezza o distrazione, restiamo vigili e facciamo sentire la nostra voce.Tutte le volte.Con sistemi informatici.In tanti. Sempre.Accettando tutte le sfide e contrastando chi ci ruba la libertà, in nome del proprio profitto.
    • Anonimo scrive:
      Re: LEGALE QUA' E LA'
      - Scritto da: alfridus@multimediaclub.org
      La caratteristica che più sta disorientando
      i governi mondiali è l'internazionalità
      della Rete, anzi la sua trasversalità
      nazionale:
      Un cittadino A della Nazione B, che vive
      nello Stato C, ospita nel suo sito,
      registrato sotto l'amministrazione dello
      stato D, e hostato da un cittadino E di
      nazionalità F, residente nel territorio
      dello Stato G, che possiede dello spazio Web
      nella nazione H, del materiale fornito da un
      suo cliente I, con doppia cittadinanza di L
      ed M, ma residente nello Stato N...
      si può continuare - virtualmente -
      all'infinito; e poi chiedere a Daniel Alter
      di sbrogliare cortesemente la matassa, e
      sciogliere l'amletico dubbio: "quale legge
      applicabile?"
      ...........
      Ma non si può dire "non mi riguarda".
      E' una battaglia nella guerra alla libertà,
      una battaglia da combattere e vincere,
      perchè ce ne saranno altre, che già si
      profilano all'orizzonte.
      Non ci facciamo prendere per stanchezza o
      distrazione, restiamo vigili e facciamo
      sentire la nostra voce.
      Tutte le volte.
      Con sistemi informatici.
      In tanti.
      Sempre.
      Accettando tutte le sfide e contrastando chi
      ci ruba la libertà, in nome del proprio
      profitto.Bello questo messaggio, positivo, incoraggiante...in Italia si può fare qualcosa per tentare di costringere i media a parlare della pericolosa,legge sull'editoria (62/2001)....gli iscritti alla mailing list di SNAIL sono oltre 600.Per info e adesioni visitate questo sito:http://snail.utenti.org/
  • Anonimo scrive:
    Ma quale pericolo... fatemi il favore!
    ...Daniel Alter, procuratore per la MPAA, ha descritto il DeCSS come un software pericoloso, come un "programma che mette fuori uso i programmi di navigazione per gli aerei o le spie antifumo negli hotel". ...Se viene messo fuori uso un programma di navigazione aerea c'è il rischio che cadano aerei e muoiano delle persone!Se vengono messe fuori uso le spie antifumo negli hotel, in caso di incendio muoiono delle persone!Se viene crakkato il DeCSS non succede proprio un bel niente, altro che pericolo... ma questi si rendono conto di quello che dicono o vengono pagati solo per dire ca22ate!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale pericolo... fatemi il favore!
      - Scritto da: XALC
      ...
      Daniel Alter, procuratore per la MPAA, ha
      descritto il DeCSS come un software
      pericoloso, come un "programma che mette
      fuori uso i programmi di navigazione per gli
      aerei o le spie antifumo negli hotel".
      ...

      Se viene messo fuori uso un programma di
      navigazione aerea c'è il rischio che cadano
      aerei e muoiano delle persone!
      Se vengono messe fuori uso le spie antifumo
      negli hotel, in caso di incendio muoiono
      delle persone!
      Se viene crakkato il DeCSS non succede
      proprio un bel niente, altro che pericolo...
      ma questi si rendono conto di quello che
      dicono o vengono pagati solo per dire
      ca22ate!!!E' un legale ?Allora viene pagato (e anche tanto) per dire ca22ate !
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale pericolo... fatemi il favore!

      Se viene messo fuori uso un programma di
      navigazione aerea c'è il rischio che cadano
      aerei e muoiano delle persone!
      Se vengono messe fuori uso le spie antifumo
      negli hotel, in caso di incendio muoiono
      delle persone!
      Se viene crakkato il DeCSS non succede
      proprio un bel niente, altro che pericolo...
      ma questi si rendono conto di quello che
      dicono o vengono pagati solo per dire
      ca22ate!!!HAI ragione al 100%, è incredibile, purtroppo è pieno il mondo di farabutti del genere :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale pericolo... fatemi il favore!
      - Scritto da: XALC
      ...
      Daniel Alter, procuratore per la MPAA, ha
      descritto il DeCSS come un software
      pericoloso, come un "programma che mette
      fuori uso i programmi di navigazione per gli
      aerei o le spie antifumo negli hotel".
      ...

      Se viene messo fuori uso un programma di
      navigazione aerea c'è il rischio che cadano
      aerei e muoiano delle persone!
      Se vengono messe fuori uso le spie antifumo
      negli hotel, in caso di incendio muoiono
      delle persone!
      Se viene crakkato il DeCSS non succede
      proprio un bel niente, altro che pericolo...
      ma questi si rendono conto di quello che
      dicono o vengono pagati solo per dire
      ca22ate!!!
      MA che ci hanno preso a tutti per una massa di idioti? Io copio Matrix e cadono gli aerei ?affanculo a quella gente di merda !!
  • Anonimo scrive:
    L'avvocato degli studios di Hollywood..
    è un emerito coglione.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'avvocato degli studios di Hollywood..
      si puo' dire "avvocato"???non rischi di essere bannato ;) ;)- Scritto da: maria
      è un emerito coglione.
  • Anonimo scrive:
    Link responsabili
    Al di la' di questa questione e' per me ovvio che quando si pubblica un link sul proprio sito si e' responsabili dei materiali ai quali si linka. E questo proprio per la natura ipertestuale del Web.
    • Anonimo scrive:
      Re: Link responsabili
      - Scritto da: francesco porta - roma
      Al di la' di questa questione e' per me
      ovvio che quando si pubblica un link sul
      proprio sito si e' responsabili dei
      materiali ai quali si linka. E questo
      proprio per la natura ipertestuale del Web.Va bene allora rendiamo tutti i motori di ricerca fuori legge!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Link responsabili
      - Scritto da: francesco porta - roma
      Al di la' di questa questione e' per me
      ovvio che quando si pubblica un link sul
      proprio sito si e' responsabili dei
      materiali ai quali si linka. E questo
      proprio per la natura ipertestuale del Web.secondo me andrebbero vietati solo i link a siti illegali
    • Anonimo scrive:
      Re: Link responsabili
      - Scritto da: francesco porta - roma
      proprio sito si e' responsabili dei
      materiali ai quali si linka. E questo link adesso allora punto informatico è responsabile dei contenuti del sito di cui sopra, secondo te.ma ragionare prima di parlare?
    • Anonimo scrive:
      Re: Link responsabili
      - Scritto da: francesco porta - roma
      Al di la' di questa questione e' per me
      ovvio che quando si pubblica un link sul
      proprio sito si e' responsabili dei
      materiali ai quali si linka. E questo
      proprio per la natura ipertestuale del Web.Abroghiamo gli occhi, e i fotoni, in quanto, se uno scrive un cartellone con materiale illegale per strada, "linkano" il mio cervello a queste informazioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Link responsabili
      - Scritto da: francesco porta - roma
      Al di la' di questa questione e' per me
      ovvio che quando si pubblica un link sul
      proprio sito si e' responsabili dei
      materiali ai quali si linka. E questo
      proprio per la natura ipertestuale del Web.vabè allora provo a rigirare il problema...secondo la legislazione corrente se un tizio mi ferma per strada e mi chiede dove può trovare del fumo e io gli indico una viuzza buia popolata da spacciatori, sono io penalmente responsabile?
      • Anonimo scrive:
        Re: Link responsabili

        vabè allora provo a rigirare il problema...
        secondo la legislazione corrente se un tizio
        mi ferma per strada e mi chiede dove può
        trovare del fumo e io gli indico una viuzza
        buia popolata da spacciatori, sono io
        penalmente responsabile?Hai ragione al 100%.
    • Anonimo scrive:
      Ma semmai è il contrario!! (Re: Link responsabili)
      Scusa, fammi capire il tuo ragionamento. Perché chi linka un sito dovrebbe essere anche responsabile dei contenuti linkati?Tu puoi benissimo linkare un sito che parla di video digitale. Se poi questo sito rende disponibili anche dei programmi "illegali", tu cosa c'entri?Esempio: nelle Pagine Gialle ci sono i "link" (indirizzi) ai negozi di tabaccheria. Se poi uno di questi vende delle sigarette di contrabbando, non è mica colpa delle Pagine Gialle!!!Se così fosse, allora tutti i motori di ricerca sarebbero sommersi di cause giudiziarie, visto che tutte le applicazioni pirata si possono trovare attraverso di essi.Certo, poi sta a te non linkare certi materiali. Se linki un sito tipo www.vendobambini.com (non esiste!!!), è chiaro che una parte di responsabilità ce l'hai anche tu...mARCOs- Scritto da: francesco porta - roma
      Al di la' di questa questione e' per me
      ovvio che quando si pubblica un link sul
      proprio sito si e' responsabili dei
      materiali ai quali si linka. E questo
      proprio per la natura ipertestuale del Web.
  • Anonimo scrive:
    ma chissenefrega
    tanto ce ne sono cosi' tante copie in giro per la rete (steganografate nelle immagini, negli header email, nei reply dns) che hanno voglia loro a vietare i link...un nslookup mica e' un link
    • Anonimo scrive:
      Re: ma chissenefrega
      Scusa la mia non occasionale ignoranza...ma cos'è un nslookup?Si può esprimere anche in Italiano?Per quel che riguarda la soatanza del tuo intervento, mi spiace di dover dissentire con quanti ritengano che la tecnica dello struzzo possa essere efficace contro gli sciacalli: ancora si racconta degli struzzi spennati tranquillamente in Australia a causa di quel loro stano modo di "nascondersi"; questo, naturalmente, prima che dosse sciolto e disperso il sidacato dei diti che volevano il posto di "nascondini".E fondato quello degli stuzzi che non si sentivano più di andare in giro a culo nudo!- Scritto da: munehiro
      tanto ce ne sono cosi' tante copie in giro
      per la rete (steganografate nelle immagini,
      negli header email, nei reply dns) che hanno
      voglia loro a vietare i link...
      un nslookup mica e' un link
      • Anonimo scrive:
        Re: ma chissenefrega
        - Scritto da: alfridus@multimediaclub.org
        Scusa la mia non occasionale ignoranza...
        ma cos'è un nslookup?un proggie che ti risolve un nome in ip e viceversa.
        Si può esprimere anche in Italiano?afaik no. e' un nome... alternativamente puoi chiamare il celebre virus come "finestre 95"
        Per quel che riguarda la soatanza del tuo
        intervento, mi spiace di dover dissentire
        con quanti ritengano che la tecnica dello
        struzzo possa essere efficace contro gli
        sciacalli: ancora si racconta degli struzzi
        spennati tranquillamente in Australia a
        causa di quel loro stano modo di
        "nascondersi"; questo, naturalmente, prima
        che dosse sciolto e disperso il sidacato dei
        diti che volevano il posto di "nascondini".
        E fondato quello degli stuzzi che non si
        sentivano più di andare in giro a culo nudo!su questo non ci piove, ma che vuoi fare ? la rivoluzione? Sinceramente del DeCSS non me ne puo' fregare di meno (dal punto di vista "illegale") perche' non cracco DVD, e il suo scopo iniziale e' stato dare la possibilita' agli utenti linux di vedere quello che avevano pagato (un film in DVD) visto che nessuno si degnava di fare un adeguato porting. La lungimiranza di questo programmatore 17enne ha permesso di dimostrare la solita affermazione base che Bruce Shneider non si stanca mai di ripetere : "la sicurezza di un algoritmo crittografico sta nella chiave, non nell'algoritmo". Partendo dall'ipotesi che studiare un efficiente algoritmo crittografico non e' un'impresa da 2 giorni (e difatti gli algoritmi che si usano oggi hanno parecchi anni di test di affidabilita' ad algoritmo nudo e documentato) e' perfettamente inutile tentare di nascondere la polvere sotto al tappeto sperando che nessuno la scopra. Si chiama security through obscurity, e ha fallito clamorosamente con il DeCSS, con il pptp e con il GSM (e scusami se e' poco).Guarda caso pero' un ElGamal o un md5 quello non lo craccano con cosi' tanta semplicita'... eppure l'algoritmo e' bello visibile (leggersi i sorgenti di GnuPG)
        • Anonimo scrive:
          Re: ma chissenefrega
          Si, ma qua parliamo di libertà di link in generale, con un riferimento a questo episodio, che se non fermato potrebbe rivelarsi come un "precedente" nel prossimo futuro.- Scritto da: munehiro


          - Scritto da: alfridus@multimediaclub.org

          Scusa la mia non occasionale ignoranza...

          ma cos'è un nslookup?

          un proggie che ti risolve un nome in ip e
          viceversa.


          Si può esprimere anche in Italiano?

          afaik no. e' un nome... alternativamente
          puoi chiamare il celebre virus come
          "finestre 95"



          Per quel che riguarda la soatanza del tuo

          intervento, mi spiace di dover dissentire

          con quanti ritengano che la tecnica dello

          struzzo possa essere efficace contro gli

          sciacalli: ancora si racconta degli
          struzzi

          spennati tranquillamente in Australia a

          causa di quel loro stano modo di

          "nascondersi"; questo, naturalmente, prima

          che dosse sciolto e disperso il sidacato
          dei

          diti che volevano il posto di
          "nascondini".

          E fondato quello degli stuzzi che non si

          sentivano più di andare in giro a culo
          nudo!

          su questo non ci piove, ma che vuoi fare ?
          la rivoluzione? Sinceramente del DeCSS non
          me ne puo' fregare di meno (dal punto di
          vista "illegale") perche' non cracco DVD, e
          il suo scopo iniziale e' stato dare la
          possibilita' agli utenti linux di vedere
          quello che avevano pagato (un film in DVD)
          visto che nessuno si degnava di fare un
          adeguato porting. La lungimiranza di questo
          programmatore 17enne ha permesso di
          dimostrare la solita affermazione base che
          Bruce Shneider non si stanca mai di ripetere
          : "la sicurezza di un algoritmo
          crittografico sta nella chiave, non
          nell'algoritmo".

          Partendo dall'ipotesi che studiare un
          efficiente algoritmo crittografico non e'
          un'impresa da 2 giorni (e difatti gli
          algoritmi che si usano oggi hanno parecchi
          anni di test di affidabilita' ad algoritmo
          nudo e documentato) e' perfettamente inutile
          tentare di nascondere la polvere sotto al
          tappeto sperando che nessuno la scopra. Si
          chiama security through obscurity, e ha
          fallito clamorosamente con il DeCSS, con il
          pptp e con il GSM (e scusami se e' poco).
          Guarda caso pero' un ElGamal o un md5 quello
          non lo craccano con cosi' tanta
          semplicita'... eppure l'algoritmo e' bello
          visibile (leggersi i sorgenti di GnuPG)
  • Anonimo scrive:
    PuntoInformatico,perchè non ...
    Perchè non mettete il link della PETIZIONE PER IL LINK LIBERO, o le petizioni le fate solo quando avete diretti interessi (legge editoria) ???
    • Anonimo scrive:
      Re: PuntoInformatico,perchè non ...
      E tu perché non metti il link alla tua mail, o la mail la metti solo quando hai diretti interessi (ricevere sommari aggratis) ???Felix- Scritto da: Nano
      Perchè non mettete il link della PETIZIONE
      PER IL LINK LIBERO, o le petizioni le fate
      solo quando avete diretti interessi (legge
      editoria) ???
      • Anonimo scrive:
        Re: PuntoInformatico,perchè non ...
        Possiamo discutere qui, non vedo perchè andare per email.Ah, la mia email non riceve alcun "sommario gratis", e poi non mica lo fate per beneficenza, ma per aumentare le visite, quindi non fate la parte dei missionari per una mail.Ah, spero voi 3 non siate di PI. Lo spero vivamente.- Scritto da: Felix
        E tu perché non metti il link alla tua mail,
        o la mail la metti solo quando hai diretti
        interessi (ricevere sommari aggratis) ???

        Felix

        - Scritto da: Nano

        Perchè non mettete il link della PETIZIONE

        PER IL LINK LIBERO, o le petizioni le fate

        solo quando avete diretti interessi (legge

        editoria) ???
    • Anonimo scrive:
      Re: PuntoInformatico,perchè non ...
      - Scritto da: Nano
      Perchè non mettete il link della PETIZIONE
      PER IL LINK LIBERO, o le petizioni le fate
      solo quando avete diretti interessi (legge
      editoria) ???E mettilo tu no? Dov'è?
      • Anonimo scrive:
        Re: PuntoInformatico,perchè non ...

        E mettilo tu no? Dov'è?Ah IO lo devo sapere?Io di solito leggo PI, e se nell'articolo si parla di una cosa, poi vorrei avere anche il link.
    • Anonimo scrive:
      Re: PuntoInformatico,perchè non ...
      - Scritto da: Nano
      Perchè non mettete il link della PETIZIONE
      PER IL LINK LIBERO, o le petizioni le fate
      solo quando avete diretti interessi (legge
      editoria) ???Tu perche non metti il link a biancaneve brutto nano?
      • Anonimo scrive:
        Re: PuntoInformatico,perchè non ...

        Tu perche non metti il link a biancaneve
        brutto nano?http://www.fionline.it/Teatro_Carretto/snowhite/welcome.htm
Chiudi i commenti