X2, Microsoft scommette su Nokia

Il nuovo dispositivo punta a conquistare la fascia medio-bassa del mercato: con un'interfaccia utente ibrida tra Android e Windows Phone

Roma – Microsoft Device ha annunciato l’avvento di Nokia X2, il nuovo device frutto dell’acquisizione dell’azienda finlandese da parte di Redmond.

Nokia X2

Dal punto di vista del design, lo smartphone ricorda da vicino il precedente modello Nokia della medesima linea e, al pari del primo device Nokia X, è basato sulla versione open source del sistema operativo di Google, Android AOSP, ma con i servizi Microsoft e Nokia al posto di quelli Google, e con Opera come browser di default.

Il device è inoltre dotato di un’ interfaccia utente ampiamente personalizzata che ricorda molto da vicino quella dei Windows Phone : con il device esordisce anche la piattaforma Software Nokia X 2.0.

Nokia X 2.0 offre la possibilità di scegliere tra tre diverse schermate : una “home” con tile ridimensionabili come per il sistema operativo di Redmond; Fastlane , che mette in prima schermata le ultime app utilizzate e i prossimi eventi in calendario; infine una disposizione che ordina le app in stile Lumia.


Dal punto di vista dell’hardware, X2 è dotato di display ClearBlack da 4.3 pollici e 217 ppi con risoluzione WVGA, un processore Qualcomm Snapdragon 200 dual core da 1.2GHz, 1GB di memoria RAM, una fotocamera posteriore da 5 megapixel con flash a LED, una fotocamera anteriore VGA ed una batteria al litio da 1800mAh, mentre non sono state ancora fornite informazioni sulla memoria integrata disponibile all’utente.

Inizialmente i nuovi dispositivi saranno disponibili in arancione, nero e verde lucidi, successivamente sarà possibile scegliere anche il giallo lucido, il bianco e il grigio scuro opaco. Sul mercato arrivano anche back cover intercambiabili dedicate al dispositivo che, avendo un colore molto simile a quello del dispositivo e grazie al fatto che sono traslucide, offrono un effetto di illuminazione dall’interno.

Il lancio a livello globale del Nokia X2 è previsto per luglio 2014 al costo di 99 euro per la versione dual SIM, tasse e sovvenzioni escluse, ma con un mese di chiamate internazionali via Skype incluse : la strategia è naturalmente quella di continuare a puntare sulla fascia media del mercato, che ha già permesso alla linea (come la definisce Microsoft) “democratica” Nokia X di diventare quella maggiormente venduta in Pakistan e di conquistare il terzo posto per vendite in India.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    E che ne sa?!?
    " promuovere - come sottolinea Kroes - nuove tecnologie mediche, come le retine artificiali, e mezzi di trasporto più sostenibili muniti di batterie leggere e ultraefficienti ".Passi per le nuove tecnologie mediche, ma che ne sa Neelie Kroes, laureata in economia, che i nuovi mezzi di trasporto si avvantaggeranno del grafene?
    • bradipao scrive:
      Re: E che ne sa?!?
      - Scritto da: Leguleio
      Passi per le nuove tecnologie mediche, ma che ne
      sa Neelie Kroes, laureata in economia, che i
      nuovi mezzi di trasporto si avvantaggeranno del
      grafene?L'europa è ormai irreparabilmente contagiata dal virus italiano per cui la non-competenza specifica è un fattore di merito nella scelta delle figure apicali. sob!
      • ... scrive:
        Re: E che ne sa?!?
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: Leguleio

        Passi per le nuove tecnologie mediche, ma che ne

        sa Neelie Kroes, laureata in economia, che i

        nuovi mezzi di trasporto si avvantaggeranno del

        grafene?

        L'europa è ormai irreparabilmente contagiata dal
        virus italiano per cui la non-competenza
        specifica è un fattore di merito nella scelta
        delle figure apicali.
        sob!Go fuck yourself
    • ma anche no scrive:
      Re: E che ne sa?!?
      beh...immagino avranno dei consulenti scientifici e a parte essere quasi di conoscenza comune la possibilità di creare super-capacitori c'è comunque internet:http://en.wikipedia.org/wiki/Graphene#Applicationshttp://www.technologyreview.com/view/521651/graphene-supercapacitors-ready-for-electric-vehicle-energy-storage-say-korean-engineers/
      • Leguleio scrive:
        Re: E che ne sa?!?

        beh...immagino avranno dei consulenti scientifici
        e a parte essere quasi di conoscenza comune la
        possibilità di creare super-capacitori c'è
        comunque
        internet:

        http://en.wikipedia.org/wiki/Graphene#ApplicationsBe', applicazioni nel fotovoltaico e nell'immagazzinamento di energia.Entrambe le cose esistono già ora, nessuno dice che con il grafene saranno più efficienti.
        http://www.technologyreview.com/view/521651/grapheAccumulatori al grafene in grado di ricaricarsi in 16 secondi, secondo un ricercatore coreano.Stiamo a vedere. Di annunci del genere se ne sono visti a centinaia, negli ultimi 20 anni.
        • ma anche no scrive:
          Re: E che ne sa?!?
          lo so, ma se lo possono dire degli scienziati perchè è tanto grave se lo dice Neelie Kroes?;-)
    • qualcuno scrive:
      Re: E che ne sa?!?
      Gli standar europei per la valutazione della qualità dei progetti sono più rigorosi di quelli italiani, al punto che gli amministratori italioti preferiscono non utilizzare i fondi europei piuttosto che fare lo sforzo di presentare un progetto decente.
    • Funz scrive:
      Re: E che ne sa?!?
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      promuovere - come sottolinea Kroes - nuove
      tecnologie mediche, come le retine artificiali, e
      mezzi di trasporto più sostenibili muniti di
      batterie leggere e
      ultraefficienti </I
      ".

      Passi per le nuove tecnologie mediche, ma che ne
      sa Neelie Kroes, laureata in economia, che i
      nuovi mezzi di trasporto si avvantaggeranno del
      grafene?Spero per noi che abbia consulenti capaci che non siano provenienti dalle lobby dell'energia fossile, dal nucleare, o da qualche altro settore che verrebbe direttamente investito da una eventuale rivoluzione tecnologica e perderebbe parte dei propri introiti multimiliardari.Temo il contrario.
Chiudi i commenti