XAuth, autenticazione ubiqua da social network

Un nuovo standard supportato dai colossi del web mira a rendere più facile e conveniente la condivisione di informazioni. Tenendo d'occhio pure la privacy e le preferenze dei navigatori

Roma – Un nuovo consorzio capitanato da Meebo mira a far diventare semplice e conveniente quello che attualmente sembra l’esatto opposto: vale a dire la possibilità di autenticarsi sui servizi remoti del web (social networking, instant messaging e altro tipo di network “sociale”) e condividere queste autenticazioni con i siti che fanno uso estensivo di widget interattivi .

Supportata dal consenso quasi unanime dei maggiori protagonisti delle industrie del software e di rete inclusi Microsoft, Yahoo!, MySpace e Google, Meebo ha dato il là a XAuth , piattaforma “aperta” pensata per “estendere i servizi in cui l’utente è autenticato attraverso tutto il web”. “I servizi che vi partecipano – si spiega sulle pagine di XAuth.org – generano un token nel browser per ognuno dei loro utenti. I publisher possono poi riconoscere quando i visitatori del sito si sono autenticati in questi servizi online presentando loro opzioni significative e rilevanti”.

XAuth promette di andare molto oltre i pulsanti e i widget di condivisione e socialità attualmente usati sui blog grandi e piccoli, i quotidiani o-line e ogni altro genere di “provider” di siti telematici, centralizzando la gestione delle autenticazioni e restituendo all’utente il controllo sulla possibilità di far conoscere la propria presenza on-line prima ancora di digitare un URL nella barra degli indirizzi.

I token di login verranno stoccati in locale grazie alle funzionalità proprie del linguaggio HTML5, le informazioni di identificazione personali non lasceranno mai il computer dell’utente e i siti che offrono widget e opzioni di interazione terzi non avranno modo di sfruttare la piattaforma per scopi diversi da quelli prefissati. È anche prevista la possibilità di fare opt-out completo dal sito di XAuth per inibire del tutto le sue funzionalità.

Gli utenti, dicono ancora da XAuth, “potranno scegliere di autenticarsi direttamente dal sito del publisher, e usare il servizio per condividere, interagire con gli amici o partecipare nella community del sito”. Il servizio offerto da XAuth “può essere di tutto”, con una flessibilità che offre al suo utilizzatore il livello di accesso che più reputa opportuno .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Michele Ferrazzano scrive:
    complimenti
    faccio i complimenti a Stefano!è stato mio docente all'università di bologna e sicuramente è una persona in gamba che si saprà far valere.in bocca al lupo Zack!
  • nome e cognome scrive:
    che XXXX...
    un posto ambitissimo... pare ci sia anche l'uso del jet aziendale come benefit.
    • CCC scrive:
      Re: che XXXX...
      - Scritto da: nome e cognome
      un posto ambitissimo... pare ci sia anche l'uso
      del jet aziendale come
      benefit.veline comprese anche per lui?
    • boh scrive:
      Re: che XXXX...
      se per te il valore di quella posizione e' determinabile solo con i soldi, pensa a quanto pagherebbe Ballmer per avere uno dei suoi li' per ripetere la positiva esperienza dell'infiltrazione di ISO, v. caso OOXML.
      • nome e cognome scrive:
        Re: che XXXX...
        - Scritto da: boh
        se per te il valore di quella posizione e'
        determinabile solo con i soldi, pensa a quanto
        pagherebbe Ballmer per avere uno dei suoi li' per
        ripetere la positiva esperienza
        dell'infiltrazione di ISO, v. caso
        OOXML.Eh tu non lo sai ma quel tizio li in realtà è figlio di Ballmer. Infatti la prossima release di debian sarà la numero 7, saltando la 6 e si chiamerà Debian 7 stable (Redmond).
        • lol scrive:
          Re: che XXXX...

          Eh tu non lo sai ma quel tizio li in realtà è
          figlio di Ballmer. Infatti la prossima release di
          debian sarà la numero 7, saltando la 6 e si
          chiamerà Debian 7 stable
          (Redmond).ahahaahahdebian is the way!
        • collione scrive:
          Re: che XXXX...
          in pratica mettere debian alla base di windows è l'unico modo per rendere stabile e non bacato windows? :Dtoh pensa alle tue rogne http://tech.slashdot.org/story/10/04/20/0023238/IE8s-XSS-Filter-Exposes-Sites-To-XSS-Attacks (rotfl)
    • eaman scrive:
      Re: che XXXX...
      Naturalmente il debian-jet e' muccato: (__) (oo) /------/ / | || * /---/ ~~ ~~...."Have you mooed today?"...
    • Italiani popolo di i..... scrive:
      Re: che XXXX...
      - Scritto da: nome e cognome
      un posto ambitissimo... pare ci sia anche l'uso
      del jet aziendale come
      benefit.Spegni il pc e torna a guardare Maria de Filippi...
  • ullala scrive:
    era ora
    Un italiano..Ottimo! Non lo conosco ma gli auguro buon lavoro c'è bisogno di più presenza italiana in queste cose.Speriamo ce ne saranno altri.
    • monnalisa monamour scrive:
      Re: era ora
      in questo caso , visto che il mondo opensource è un mondo prevalentemente meritocratico forse hai ragione, ma per il resto io parecchi italiani... specie quelli che dalla sera alla mattina si incoronano dirigenti... so io dove li metterei...
    • rb1205 scrive:
      Re: era ora
      Sinceramente trovo che il mondo opensource sia pieno di italiani, inteso percentualmente rispetto alla popolazione.
      • nome e cognome scrive:
        Re: era ora
        - Scritto da: rb1205
        Sinceramente trovo che il mondo opensource sia
        pieno di italiani, inteso percentualmente
        rispetto alla
        popolazione.Non trovando lavori veri ...
        • Antani scrive:
          Re: era ora

          Non trovando lavori veri ...Hai letto il curriculum di Zacchiroli? Evidentemente secondo te ricercatore e professore universitario non è un "lavoro vero".(troll)
  • Dan scrive:
    Complimenti
    Complimenti a Zacchiroli e a Debian. Da quando mi sono "convertito" non ho mai rimpianto la scelta. L'unica speranza e' una versione di mezzo tra stable e testing per i desktop, ma onestamente non credo si possa pretendere di piu' dall'ottimo lavoro della community. Continuate cosi'!
  • non tutti hanno votato scrive:
    non tutti hanno votato
    non dovrebbero aver votato tutti gli aventi diritto,ma circa la metà
    • Alessandro P. scrive:
      Re: non tutti hanno votato
      - Scritto da: non tutti hanno votato
      non dovrebbero aver votato tutti gli aventi
      diritto,
      ma circa la metàQuindi?
      • lordream scrive:
        Re: non tutti hanno votato
        poco piu della metà hanno votato pare ma in ogni caso è una bella cosa e spero riporti in auge la distro come lo era prima della comparsa di ubuntu
        • attonito scrive:
          Re: non tutti hanno votato
          - Scritto da: lordream
          poco piu della metà hanno votato pare ma in ogni
          caso è una bella cosa e spero riporti in auge la
          distro come lo era prima della comparsa di
          ubuntuubuntu e' bambini, debian per uomini.Se sparisse ubuntu,,, sparirebbe ubuntu. Fine.Se sparisse debian... sparirebbero le varie ubuntu, knoppix, etc etc etc.Chi e' la piu importante?
    • jfk scrive:
      Re: non tutti hanno votato
      - Scritto da: non tutti hanno votato
      non dovrebbero aver votato tutti gli aventi
      diritto,
      ma circa la metàNon c'e' mai stata una sola votazione dove hanno votato il 100%
      • panda rossa scrive:
        Re: non tutti hanno votato
        - Scritto da: jfk
        - Scritto da: non tutti hanno votato

        non dovrebbero aver votato tutti gli aventi

        diritto,

        ma circa la metà

        Non c'e' mai stata una sola votazione dove hanno
        votato il
        100%Non e' vero.Alla Apple Jobs e' stato eletto col 100% dei voti e hanno votato il 110% degli aventi diritto (ruppolo ha votato 2 volte).
        • Sgabbio scrive:
          Re: non tutti hanno votato
          Infatti se non riportavano jobs come CEO la apple avrebbe fatto la fine della commodore.
        • eaman scrive:
          Re: non tutti hanno votato

          Non e' vero.
          Alla Apple Jobs e' stato eletto col 100% dei voti
          e hanno votato il 110% degli aventi diritto
          (ruppolo ha votato 2
          volte).Nel progetto Debian, si intende(as in quanto era importante il voto)
    • boh scrive:
      Re: non tutti hanno votato
      Proprio come le elezioni del governo italiano da anni a questa parte, ergo tu vivi in piazza con molotov e fischietti o sei un patetico troll o idiota incoerente, vedi tu.
Chiudi i commenti