Yahoo! mette Twitter nelle news

L'azienda in viola si accorda con il fringuello per l'inserimento di micropost selezionati nel flusso di contenuti offerto dal suo portale di notizie. E la febbre di Marissa Meyer per accordi e acquisizioni non si arresta

Roma – Yahoo! ha annunciato una preziosa partnership con la piattaforma di microblogging Twitter, per l’integrazione dei flussi cinguettanti all’interno dei contenuti pubblicati dalla divisione digitale News . Dalle cronache sportive ai grandi eventi della politica internazionale, l’azienda di Sunnyvale approfitterà degli account in 140 caratteri per arricchire l’esperienza di consumo delle pubblicazioni online aggregate.

In sostanza , l’accordo siglato tra Yahoo! e Twitter prevede l’inserimento di micropost selezionati all’interno dei contenuti restituiti agli utenti dalla feature News . Politici, osservatori, personalità dello spettacolo e dello sport: gli account cinguettanti fungeranno da commento – in certi casi da vere e proprie fonti d’informazione – per una maggiore completezza delle news in viola.

Per l’azienda californiana è un’ottima strategia di valorizzazione del ruolo giornalistico di Twitter, spesso in anticipo sui media tradizionali per la copertura di eventi in tempo reale come l’ultima tragedia alla maratona di Boston. Per Twitter, l’utenza garantita da Yahoo! resta un asset succulento per aumentare le visite e gli account. La classica situazione win-win dove le parti in gioco ottengono un guadagno reciproco .

Diretta verso una maggiore personalizzazione dei suoi contenuti e servizi digitali, l’azienda guidata da Marissa Mayer sembra scatenata con una serie di offerte per l’acquisizione dei maggiori protagonisti del web. Si vocifera di un’offerta da 800 milioni di dollari per rilevare Foursquare, ma anche di un miliardo stanziato per rilevare Tumblr , nel tentativo di attirare la platea dei netizen più giovani tra i 18 e i 24 anni.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • silvan scrive:
    Autodistruzione.
    Negli Stati Uniti qualcuno si è accorto della politica suicida dell'Occidente e, visto il nuovo sodalizio Russia-Cina, cerca di riportare la produzione e la tecnologia in patria, mentre, notizia fresca, in Italia la Magneti Marelli sta esportando in Cina 30 milioni di euro per un nuovo stabilimento. Come paese ci stiamo veramente suicidando in quanto esportiamo capitali e importiamo gente povera e disperata che non avendo niente da perdere è disposta a tutto, anche a gesti inconsulti.
  • tucumcari scrive:
    bhe
    Quando ci si basa sul lavoro precario, lo sfruttamento intensivo degli straordinari, la totale mancanza di valorizzazione delle professionalità e delle risorse personali dei dipendenti.... non ci si può meravigliare che i nodi vengano al pettine.Sarà prima, sarà dopo ma prima o poi la cosa scoppia non c'è niente da fare.In cina hanno avuto un margine iniziale che permetteva queste cose... ma un poco per volta il cinese ha cominciato ad avere un pochino di soldi in tasca, a potersi permettere una vita meno grama e con quella a cominciare a preoccuparsi di qualcosa di più della ciotola di riso giornaliera.Tempo pochissimi anni (siamo agli ultimi fuochi) anche la "miniera" Cina comincerà (ha già cominciato) a diventare meno redditizia e il differenziale comincia a allinearsi.È appunto inevitabile.E la Cina (checche se ne dica) è tutto fuorchè un paese di baluba con l'anello al naso.Piaccia o non piaccia è praticamente un gigante anche culturalmente parlando... non sono molti i paesi che hanno migliaia di anni di storia e sono tutti concentrati in mediterraneo con la sola esclusione di Cina e India.Non sarà per niente facile trovare una "alternativa" non esiste una "Cina di ricambio".La festa se non è finita è agli sgoccioli si vedono già i camerieri che aspettano di sgombrare i tavoli.
    • prova123 scrive:
      Re: bhe
      La nuova Cina è l'Africa, hanno già iniziato la nuova colonizzazione a promuovere opportunità di sviluppo già da alcuni anni.
      • Leguleio scrive:
        Re: bhe
        Quattro punti esclamativi, tre interrogativi e due faccine. Buona media.
        • V per Vendetta scrive:
          Re: bhe
          ma voi due vi muovete in coppia ? :|
          • tucumcari scrive:
            Re: bhe
            - Scritto da: V per Vendetta
            ma voi due vi muovete in coppia ? :|No dei due solo uno si muove (IO) l'altro segue.... mica decide lui.
          • Leguleio scrive:
            Re: bhe
            Un po' deludente, nemmeno fai un tentativo di attaccarmi sul piano personale.Quindi rilancio con questa:"A parte le date lui riferisce un "pregiudizio popolare" o se preferisci "un comune sentire" (non tutti sanno che la rivoluzione francese è dopo la rivoluzione) che è in realtà perfettamente fondato.Senza l'illuminismo (e gli illuministi francesi) le idee e le ideologie alla base della rivoluzione americana non ci sarebbero state...Conclusione lui ha torto nel senso stretto del termine e nella forma ma ha totalmente ragione nel senso lato e nella sostanza!Il resto del/dei discorsi che fai sono da pedanteria di piccolo (minuscolo) cabotaggio....E quando dico piccolo mi riferisco in senso lato a diverse cose tra cui quelle dette negli spettacoli di Albanese col personaggio di "alex drastico"...A scanso di ulteriori fastidiose pedanterie su quanto intendo dire ti posto pure questo...[Segue un video di Francecso Albanese intitolato "Alex Drastico - tu ce l'hai piccolo"]" http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3613833&m=3614327#p3614327
          • BarbaLegal scrive:
            Re: bhe
            - Scritto da: Leguleio
            [Segue un video di Francecso Albanese intitolato
            "Alex Drastico - tu ce l'hai piccolo"]"


            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3613833&m=361Ha ragione se non ce lo avessi piccolo non staresti qui a cercare di compensare le tue carenze con questi post.
      • Sam scrive:
        Re: bhe
        India, Vietnam, Indonesia, Malesya, Bangadlesh, Tailandia ovvero l'indocina escludendo la Cina appunto, più paesi del medioriente come Burkina Faso, Somalia e compagnia cantante.
        • tucumcari scrive:
          Re: bhe
          - Scritto da: Sam
          India, Vietnam, Indonesia, Malesya, Bangadlesh,
          Tailandia ovvero l'indocina escludendo la Cina
          appunto, più paesi del medioriente come Burkina
          Faso, Somalia e compagnia
          cantante.Cantante?Cantano poco..Pensi davvero di mettere su una produzione di chip o impianti tecnologici in Burkina Faso?Con quali ingenieri quale manodopera e i compnenti li porti a dorso di cammello?E quando arrivano i mujaheddin che fai ?La produzione industriale (ripeto) stabilità sociale e economica, possibilità di pianificare e infrastrutture (porti energia ferrovie strade ecc.) adesso fai 2+2 e dimmi se il Burkina Faso è un possibile candidato.
          • Leguleio scrive:
            Re: bhe
            Quattro punti interrogativi e due di sospensione. Le tue quotazioni sono in ribasso.
          • qualcuno scrive:
            Re: bhe
            Veramente Sam ha citato una serie di paesi asiatici rispondendo a prova123. Che c'entra il Burkina Faso ? Oltretutto il Burkina Faso é povero, ma é uno dai paesi piú stabili della regione.Comunque per proseguire il discorso di Sam, l'alternativa alla Cina c'é giá. Ti sei dimenticato la crisi nel mercato degli hard disks quando c'é stata l'alluvione in Thailandia? Hai delle scarpe da ginnastica? controlla l'etichetta, la probabilitá piú forte é che ci sia scritto made in Viet Nam. Hai sentito del crollo della fabbrica tessile in Bangladesh? Dopo quella storia hanno parlato di tutte le catene europee che subappaltano la produzione di vestiti in Bangladesh, da lí vengono molti piú vestiti di quanto credi.L'Africa a partire dai paesi piú stabili sará la destinazione della prossima generazione, quando anche nelle Filippine gli stipendi saranno troppo alti (per ora si accontentano dei call centers in subappalto dall'India).
          • qualcuno scrive:
            Re: bhe
            - Scritto da: qualcuno
            Veramente Sam ha citato una serie di paesi
            asiatici rispondendo a prova123. Che c'entra il
            Burkina Faso ? Oltretutto il Burkina Faso é
            povero, ma é uno dai paesi piú stabili della
            regione.
            Ops mi era sfuggita la seconda parte del suo post. Gli consiglio di guardare su Wikipedia dove sta il Burkina Faso.Quanto alla Somalia se ne riparla tra due generazioni..
          • tucumcari scrive:
            Re: bhe
            - Scritto da: qualcuno
            Veramente Sam ha citato una serie di paesi
            asiatici rispondendo a prova123. Che c'entra il
            Burkina Faso ? Oltretutto il Burkina Faso é
            povero, ma é uno dai paesi piú stabili della
            regione.

            Comunque per proseguire il discorso di Sam,
            l'alternativa alla Cina c'é giá. Ti sei
            dimenticato la crisi nel mercato degli hard disks
            quando c'é stata l'alluvione in Thailandia? Hai
            delle scarpe da ginnastica? controlla
            l'etichetta, la probabilitá piú forte é
            che ci sia scritto made in Viet Nam. Hai sentito
            del crollo della fabbrica tessile in Bangladesh?
            Dopo quella storia hanno parlato di tutte le
            catene europee che subappaltano la produzione di
            vestiti in Bangladesh, da lí vengono molti
            piú vestiti di quanto
            credi.Tutta produzione a bassissimo valore aggiunto e a infimo tenore tecnologico e con investimento richiesto bassissimo.La produzione industriale moderna non si regge più da tempo sulle fabbriche di tessuti e roba simile.Ripeto occorrono infrastrutture e stabilità politica sociale e economica oltre che una enorme (parliamo di un miliardo e mezzo) quantità di persone.Cina e India fanno da sole metà della popolazione mondiale te lo sei scordato?L'India prima o dopo arriva anzi sta arrivando... (ma deve ancora arrivare) il resto non è un sostitutivo pensabile.E anche così:Questa foto è presa a Mumbay [img]http://www.naturaltravel.it/blog/wp-content/uploads/2011/11/Dhobi_Ghat_Mumbai-11-190x190.jpg[/img]E questa a shanghai:[img]http://it.lemanslive.com/var/ezflow_site/storage/images/lemanslive/actualites/ni-hao-shanghai-!-bonjour-shanghai/68844-1-fre-FR/Ni-hao-Shanghai-!-Bonjour-Shanghai_articlethumbnail.jpg[/img]Noti qualche "piccola differenza"?E se si quale in estrema sintesi?
          • Leguleio scrive:
            Re: bhe
            Troppo senso della misura, troppa ponderazione. Ci vogliono messaggi più diretti, come un tempo:"Forse non hai ben capito la questione ..Per stabilire le regole SI VOTA che si sia straccioni oppure no!Questo è il fondamento su cui si regge la convivenza civile!In caso contrario è legittimo a tutti gli effetti il fucile come regola!faccio il disegnino?"Sta qui, per chi non ci credesse: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3620299&m=3621089#p3621089
          • Sgabbio scrive:
            Re: bhe
            Sei fuori tema.
          • tucumcari scrive:
            Re: bhe
            - Scritto da: qualcuno

            Tutta produzione a bassissimo valore
            aggiunto e
            a

            infimo tenore tecnologico e con investimento

            richiesto bassissimo.

            La produzione industriale moderna non si
            regge

            più da tempo sulle fabbriche di tessuti e
            roba

            simile.

            Ripeto occorrono infrastrutture e stabilità

            politica sociale e economica oltre che una
            enorme

            (parliamo di un miliardo e mezzo) quantità di

            persone.

            Cina e India fanno da sole metà della
            popolazione

            mondiale te lo sei

            scordato?

            L'India prima o dopo arriva anzi sta
            arrivando...

            (ma deve ancora arrivare) il resto non è un

            sostitutivo pensabile.

            Hai dimenticato un particolare fondamentale,
            servono persone preparate.No io no sembra che lo hai dimenticato tu.

            Peró stai sottovalutando quei paesi. Tutti i
            paesi asiatici investono pesantemente in
            educazione, é un fatto
            culturale.No gli unici che investono sono la cina e l'india
            Thailandia e Malaysia sono giá in condizioni
            di fare concorrenza alla Cina e giá stanno
            prendendo in carico alcune produzioni, ti devo
            ricordare ancora la storia degli hard disk o
            no?La Malesia e la thailandia sono piccole e producono da prima della cina.Le prime ram e proXXXXXri con sopra scritto "made in malaysia" le ho viste nel 1980 su computer con bus s-100 e z80 come proXXXXXre (z-80A per l'esattezza).E a quell'epoca in Cina non c'era nulla.Se hanno dovuto mettere (dopo) in campo la cina un motivo ci sara?
            Ti sei dimenticato di cercare le foto di Bangkok
            e Kuala
            Lumpur.La differenza permane!Sopratutto se vai indietro nel tempo ...I grattacieli di Kuala Lumpur sono <b
            più vecchi </b
            di quelli di shanghai te lo ho detto e spiegato qui sopra.
            Il Vietnam segue a distanza ravvicinata. Nel
            frattempo Bangladesh e Indonesia prenderanno le
            produzioni a basso costo. Il Vietnam è piccolo ancora non capisci l'importanza della dimensione?Lo sai che il Guangdong da solo (praticamente quasi un unica grande fabbrica) pur essendo solo una provincia ha 95 milioni (quasi due volte l'intera popolazione italiana) di addetti che lavorano nella produzione industriale?Capisci l'impatto che questo ha nella produzione massiva e nella riduzione di costi data dai fattori di scala?Non esiste altro posto al mondo dove tu possa fare altrettanto.La cina è la cina e non lo è per caso.
          • Leguleio scrive:
            Re: bhe
            E per sottolineare il concetto con maggior forza:"Apri gli occhietti belli e vedrai che il mondo non è neanche lontanamente simile a quello che descrivi (o meglio pretenderesti di descrivere) partendo da semplici e indimostrati e inargomentati assiomi e pregiudizi".Leggere per credere: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3783644&m=3783938#p3783938
          • qualcuno scrive:
            Re: bhe
            Visto che l'articolo parla di Foxconn parliamo dell'iphone. Il circa 30% di un iphone é prodotto in Giappone, una percentuale leggermente minore é prodotta in Germania. In Cina alla fine si fa poco piú che l'assemblaggio.Con catene di produzione sparpagliate in paesi differenti per la maggior parte dei prodotti di consumo stai un po' sopravvalutando il valore della dimensione del paese. Certo le quantitá di manodopera qualificata che un paese é in grado di fornire é importante. Ma il mondo non é poi cosí piccolo e certe produzioni possono essere sparpagliate in ancora piú paesi.
          • tucumcari scrive:
            Re: bhe
            - Scritto da: qualcuno
            Visto che l'articolo parla di Foxconn parliamo
            dell'iphone. Il circa 30% di un iphone é prodotto
            in Giappone, una percentuale leggermente minore é
            prodotta in Germania. In Cina alla fine si fa
            poco piú che
            l'assemblaggio.

            Con catene di produzione sparpagliate in paesi
            differenti per la maggior parte dei prodotti di
            consumo stai un po' sopravvalutando il valore
            della dimensione del paese. Certo le
            quantitá di manodopera qualificata che un
            paese é in grado di fornire é importante. Ma il
            mondo non é poi cosí piccolo e certe
            produzioni possono essere sparpagliate in ancora
            piú
            paesi.Se parli con un product manager ti dirà che "lo sparpaglio" è ne più ne meno che una "costosa assicurazione" quando una serie di impianti di una fabbrica cui hai affidato la produzione è oltre il massimo della sua potenzialità non ti puoi permettere di avere una sola fonte.E Apple ha avuto (come li hanno avuti gli altri... non ti scordare che foxconn produce anche per samsung ad esempio) diversi problemi di questo tipo in passato.Ciò che appunto fa risparmiare è il fattore di scala.O pensi davvero che germania e irlanda siano "competitivi" sul piano del rapporto cost/produzione-su-larga scala rispetto alla cina?Su dai non prendiamoci in giro!Il mondo è piccolo ormai.. molto piccolo!E come diceva il titolo di un vecchio film "la cina è vicina"...Leggi quìhttp://www.agoravox.it/E-ufficiale-Cina-sorpassa-USA-50.htmlhttp://america24.com/news/commercio-mondiale-la-cina-sorpassa-gli-usaNon hanno più le casacchine grige di cotone come hai tempi di mao.Sveglia!Riguardati la foto di Shanghai!Non è un fotomontaggio!E ti ripeto hanno diverse migliaia di anni di storia!e è una storia condivisa da oltre un miliardo di persone nonostante molte diversità.Ma queste diversità tutte assieme si chiamano Cina o "Chung-kuo" non da ieri non è una novità inventata da un dittatorello da 2 palanche ieri l'altro.è "Chung-kuo" da un pezzo!
          • Leguleio senza avatar scrive:
            Re: bhe
            E, <I
            mutatis mutandis </I
            , il tutto si può condensare in queste sagge frasi, ognuna con il suo bravo punto esclamativo:"Torna al tuo post e rileggiti!Hai parlato di consumi non di ppi!E su quello ti si è risposto!Che poi i PPI siano anche di più è al limite un vantaggio che se vuoi puoi trascurare!La prossima volta leggi almeno quello che scrivi tu!Mi pare il minimo!"Vedi la fonte: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3744937&m=3745238#p3745238
      • Skywalkersenior scrive:
        Re: bhe
        - Scritto da: prova123
        La nuova Cina è l'Africa, hanno già iniziato
        la nuova colonizzazione a promuovere
        opportunità di sviluppo già da alcuni
        anni.Penso più al Sud America (Brasile soprattutto). L'Africa è ancora troppo instabile
        • tucumcari scrive:
          Re: bhe
          - Scritto da: Skywalkersenior
          - Scritto da: prova123

          La nuova Cina è l'Africa, hanno già iniziato

          <s
          la nuova colonizzazione </s
          a promuovere

          opportunità di sviluppo già da alcuni

          anni.

          Penso più al Sud America (Brasile soprattutto).
          L'Africa è ancora troppo
          instabileAndrebbe benino il brasile ma sono pochi e poi per ora c'è Lula che rompe gli zebedei☭
    • anverone99 scrive:
      Re: bhe
      Dai che adesso gli danno la 13esima!!
Chiudi i commenti