Yape, il robot-fattorino per le consegne a Milano

Yape, il robot-fattorino per le consegne a Milano

Yape inizia a Milano una sperimentazione in due fasi semestrali per lo sviluppo di una flotta di robot-fattorino per le consegne a domicilio.
Yape inizia a Milano una sperimentazione in due fasi semestrali per lo sviluppo di una flotta di robot-fattorino per le consegne a domicilio.

Robot fattorini in grado di muoversi in città effettuando consegne su ampia scala. Quello che al momento è più che altro una visione, muove il suo primo passo con il progetto “Sperimentazione Italia” dando vita ad una prima flotta di robot in grado di sostituire fattorini e rider. L’autorizzazione è stata assegnata a Milano alla Yape, azienda del gruppo e-Novia che ha realizzato il robot e che ora è pronta a testarlo nel mondo reale portandolo a spostarsi tanto sulle strade quanto su ambienti interni degli edifici.

Yape

Dotato di due ruote auto-bilanciate, che permettono al robot di adattarsi a diversi contesti, Yape può trasportare fino a 10 chilogrammi per un massimo di 80 chilometri. Durante la sperimentazione sarà dotato di un sistema di regolazione della velocità che non supererà i 6 chilometri all’ora“: così il Ministero per l’Innovazione ha descritto il robot, sottolineando inoltre che “L’obiettivo è rendere il trasporto autonomo sempre più efficace, sicuro e sostenibile, riducendo il traffico e l’inquinamento legato alle consegne nei centri cittadini, oltre a venire incontro alle necessità di quei residenti che non possono o fanno fatica a spostarsi dalla propria abitazione“.

Yape

Il progetto prevede nell’ordine di:

  • individuare le aree idonee alla circolazione del veicolo,
  • mappare i potenziali percorsi di navigazione,
  • testare gli algoritmi per il rilevamento degli ostacoli lungo il percorso.

Al termine di questi primi sei mesi propedeutici all’avvio del progetto, seguiranno ulteriori sei mesi di stress test tra le strade di Milano, dove l’esperimento sarà maggiormente probante delle effettive capacità del robot Yape di riuscire nella propria mission. L’area identificata per l’esperimento iniziale è quella di Cascina Merlata, dando vita ad un primo servizio di consegne tra gli esercizi commerciali e le residenze propri del distretto “UPTOWN”.

Yape

Un po’ Ninebot e un po’ Star Wars, ma dietro alla fantasia c’è il pragmatismo di un obiettivo da raggiungere che nel mondo reale troverà non pochi ostacoli da superare. Il particolare sviluppo doppio delle ruote suggerisce la possibilità di superare un buon numero di ostacoli, uno stabilizzatore interno garantisce l’equilibrio ed un capiente vano consente di inserire il materiale che si intende spostare. Il tessuto urbano, fatto di barriere architettoniche e di variabili umane, potrà adattarsi ad una ambizione simile? La sfida è esattamente questa.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 19 lug 2022
Link copiato negli appunti