YouTube, copyright batte libertà di espressione

Google ha tentato di mantenere online Innocence Of Muslims, il controverso video che ha infiammato l'Islam e che è stato rimosso a causa di una dubbia violazione del copyright. Il tribunale ha detto no, a meno che la violazione non venga tagliata
Google ha tentato di mantenere online Innocence Of Muslims, il controverso video che ha infiammato l'Islam e che è stato rimosso a causa di una dubbia violazione del copyright. Il tribunale ha detto no, a meno che la violazione non venga tagliata

Innocence Of Muslims , il trailer che ha scatenato violenze e censure nei paesi islamici e che ha fatto rabbrividire la Casa Bianca, è stato rimosso da YouTube nei giorni scorsi: è riuscita nell’intento tale Cindy Lee Garcia, inconsapevole protagonista di 5 secondi di immagini controverse, doppiate per trasformare il film in qualcosa di molto diverso dall’avventuroso kolossal per cui l’avevano reclutata i produttori. Garcia ha ottenuto la rimozione delle clip da YouTube rivendicando il diritto d’autore sulla sua prestazione attoriale: Google ha combattuto strenuamente per non privare i cittadini della Rete di un contenuto controverso, ma non in violazione delle proprie policy.

Pur rappresentando Maometto in maniera caricaturale, come un soggetto dissoluto e come un truffatore, Innocence Of Muslims non si potrebbe considerare come illegale, al di fuori dei paesi islamici dove il video è già bloccato da Google stessa. La richiesta formulata da Mountain View per tornare a garantire l’accesso a Innocence Of Muslims si è dunque basata sull'”interesse pubblico e il dibattito sorti intorno al video”: rimuoverlo dalla Rete significa violare la libertà dei netizen di esprimersi e di informarsi , un diritto ben più fondamentale rispetto a quello invocato dall’attrice, peraltro in maniera piuttosto inconsueta.

Google sottolinea infatti quali “effetti devastanti” potrebbero innescarsi nel momento in cui gli attori fossero legittimati a rivendicare un diritto alla proprietà intellettuale su opere nelle quali non abbiano avuto un ruolo creativo e per le quali abbiano concesso licenza di sfruttare la propria performance: le denunce di violazione del diritto d’autore, oltre che ingiustificate, rischierebbero di diventare infinite e ingestibili .

Il tribunale ha ora ascoltato le ragioni di Google, ma ha respinto la richiesta di riabilitare il video . Nel brevissimo documento emesso dal tribunale si ribadisce che Google ha l’obbligo di “rimuovere tutte le copie di Innocence Of Muslims da YouTube e da tutte le piattaforme su cui ha il controllo, e di adottare tutte le misure ragionevoli per impedirne i caricamenti futuri”. Ma c’è una precisazione: la disposizione “non preclude il caricamento o la visualizzazione di versioni di Innocence Of Muslims che non includano la performance di Cindy Lee Garcia”.

C’è da scommettere che i caricamenti del video privati dei 5 secondi della performance di Garcia si affolleranno, ad opera dei cittadini della Rete. Se non altro, per mettere alla prova la scala di valori degli autori dell’opera: prediligeranno visibilità e massima diffusione o riterranno che la loro opera sia stata indebitamente modificata prima di essere caricata in Rete senza autorizzazione?

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

04 03 2014
Link copiato negli appunti