YouTube: in arrivo un nuovo tool contro lo spam

YouTube: in arrivo un nuovo tool contro lo spam

Su YouTube è stata scovata una nuova funzione sperimentale attivabile dai canali per contrastare lo spam ultimamente aumentato a dismisura.
Su YouTube è stata scovata una nuova funzione sperimentale attivabile dai canali per contrastare lo spam ultimamente aumentato a dismisura.

Negli ultimi tempi, molti tra i più celebri content creator di YouTube hanno lamentato l’aumento a dismisura dei commenti spam sotto i loto video, in special modo di account che fanno promesse legate al mondo crypto o che reindirizzano a contenuti vietati ai minori, tutto nel tentativo di truffare potenzialmente migliaia di utenti.

YouTube: nuova funzione sperimentale per contrastare i commenti spam

Considerando la situazione, è ben evidente il fatto che gli strumenti attualmente disponibili su YouTube per evitare il verificarsi di certe circostanze sono del tutto inadeguati. Presa coscienza della cosa, sulla base dei feedback forniti dagli youtuber più importanti della community, Google ha deciso di implementare su YouTube una nuova feature che si spera possa servire a contrastare il fenomeno descritto poc’anzi.

Per il momento si tratta ancora di una feature sperimentale, scovata dallo youtuber Marques Brownlee, il quale ha pubblicato su Twitter uno screenshot, visibile di seguito, dove si vede chiaramente un’opzione inedita attivabile dai proprietari dei canali.

YouTube Increase strictness

Più precisamente, si tratta della funzione “Increase strictness” (che letteralmente significa “Aumenta la severità”), la quale, come segnalato da Brownlee, è in fase di sviluppo da diverso tempo e dovrebbe permettere di risolvere il problema dell’aumento dello spam nei commenti dei canali più guardati al mondo.

In attesa del rilascio di ulteriori opzioni, i content creator Linus Sebastian del canale Linus Tech Tips e Brownelee hanno menzionato lo strumento YouTube Spammer Purge che consente di filtrare e cercare commenti spammer sul proprio canale o su altri in modo tale da cancellarli e/o segnalarli tutti insieme.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 11 apr 2022
Link copiato negli appunti