YouTube è più personale

Il sito di videosharing cambia il proprio design scegliendo di collocare l'esperienza dell'utente in primo piano. Favorite le sottoscrizioni, i suggerimenti tagliati sui gusti degli utenti

Roma – Negli ultimi mesi Google ha affrontato un’operazione di rivisitazione del design che ha riguardato la galassia di siti e app che compongono il marchio di Mountain View. È ora possibile osservare i cambiamenti apportati alla grafica di YouTube, più chiara e semplice rispetto alla precedente, provvista del binomio cromatico bianco e grigio che caratterizza applicazioni come GooglePlus e Google Now.

Navigando nella nuova homepage della piattaforma di videosharing, si nota la preminenza assegnata ai canali a cui l’utente è iscritto e ai consigli personalizzati di visione formulati sulla base delle preferenze dell’utente. “Quelli di voi che usano YouTube di più hanno imparato il segreto per migliorare ulteriormente, trovando i canali preferiti e iscrivendosi”, spiega dal blog ufficiale del Tubo Josh Sassoon. Secondo il designer, il nuovo aspetto di YouTube intende portare in primo piano la Guida che contiene i canali preferiti dall’utente , disponibili su ogni pagina del sito, nonché sui dispositivi mobile, sul tablet e sulla TV.

Un rinnovamento che include il posizionamento dei video nella parte superiore della pagina, con l’aggiunta di elementi che propongono la sottoscrizione, le opzioni relative alla condivisione su altri social network e le informazioni sulla clip posizionate sotto il player. Le playlist sono posizionate sulla colonna di destra e possono essere consultate mentre il video è in riproduzione.

Altre modifiche riguardano l’eliminazione della barra laterale nera introdotta lo scorso anno, sostituita dalla guida. Inoltre, le aree grigie che comparivano di fianco alla clip introdotte nella precedente revisione sono scomparse: al suo posto compaiono video caricati dallo stesso utente che dovrebbero incoraggiare a proseguire la visione.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pallino Pinco scrive:
    a quando un articolo...
    sulle scie chimiche e i cerchi nel grano? ahahah il tecnocontrollo non lo sentivo dai tempi dei romanzi di orwell...
    • kaniqnavq scrive:
      Re: a quando un articolo...
      Sanei n10 tablet pc 10,1 pollici ips Android 4.0 bluetooth 1280 x 800 3G/UMTS superb! 30% di sconto! Mi piace http://irwn.us/696
  • prova123 scrive:
    I dittatori di tutto il mondo ...
    ringraziano. Non mi risulta che ce ne siano molti morti di vecchiaia...
  • hhhhhh scrive:
    Un grosso errore concettuale
    C'è un grosso errore concettuale o quanto meno una abnorme manchevolezza nel titolo:"I dittatori di tutto il mondo ringraziano"Non sono solo i dittatori a ringraziare ma pure gli STATALI che in tutto il mondo permettono ai dittatori di esistere.Il giorno che noi CITTADINI ci avvicenderemo a turno nei ruoli del Pubblico Impiego tutto questo orribile andazzo finirà in un istante.Basta focalizzarvi sui soli POLITICI, gli STATALI contano molto di più. Perché sono una marea: 3.200.000 solo in Italia.Hackiamo la società abbattendo questo TABOO: gli statali vanno rimandati alle loro case, altrimenti non c'è democrazia.Danilo D'AntonioUn indicatore unico di democraziahttp://www.hyperlinker.com/ars/indicatore_unico.htm
    • bubba scrive:
      Re: Un grosso errore concettuale
      - Scritto da: hhhhhh
      C'è un grosso errore concettuale o quanto meno
      una abnorme manchevolezza nel
      titolo:

      "I dittatori di tutto il mondo ringraziano"

      Non sono solo i dittatori a ringraziare ma pure
      gli STATALI che in tutto il mondo permettono ai
      dittatori di (blabla)sei sicuro di non avere sbagliato articolo? anzi, giornale?
  • AxAx scrive:
    Fuffa...
    Dagli USA arriverannno immediatamente tools per la crittografia (di cui solo loro avranno le backdoors )
  • eleirbag scrive:
    ???
    Il DPI(Deep Packet Inspection) può, e viene già, eseguito ogginel caso si voglia controllare i dati in transito da a variesezioni di rete di Internet.Quello che cambia adesso è che hanno messo le premesse per fareun sistema di controllo di DPI centralizzato e standardizzato efruibile dai soliti noti e probabilmente anche con "volute" lievi differenze da paese a paese.
  • thebecker scrive:
    incoerenza dell'onu
    l'ONU mesi fa non aveva dichiarato che internet era un diritto fondamentale per l'umanità o qualcosa del genere? Ora mi sembra poco coerente approvando queste tecnologie di tecnocontrollo.
    • sbrotfl scrive:
      Re: incoerenza dell'onu
      - Scritto da: thebecker
      l'ONU mesi fa non aveva dichiarato che internet
      era un diritto fondamentale per l'umanità o
      qualcosa del genere? Ora mi sembra poco coerente
      approvando queste tecnologie di
      tecnocontrollo.Poco coerente? A dire il vero mi sembra tutto perfettamente coerente.Avrei avuto paura nel caso avessero fatto davvero cio' che hanno dichiarato ma, per (s)fortuna, continuano ad essere i soliti parassiti di sempre ;)
  • vvvasd scrive:
    non ci sono più scuse
    per non usare in maniera massiva la crittografia ogni volta sia possibile
    • krane scrive:
      Re: non ci sono più scuse
      - Scritto da: vvvasd
      per non usare in maniera massiva la crittografia
      ogni volta sia possibileCome peraltro gia' consigliato dall'UE nel 2004 nel rapporto Echelon.
Chiudi i commenti