Zeus, il malware redivivo a mezzo Facebook

Una genia di codice malevolo in circolazione da anni continua a imperversare e prende di mira le fan page su Facebook: alle vittime, ignare, vengono rubate le credenziali di accesso agli account bancari

Roma – Una vecchia conoscenza del cyber-crimine russo è recentemente tornata in piena attività, prendendo di mira gli utenti di Facebook e alcune fanpage contenenti link malevoli. Seguendo gli URL, denunciano gli esperti di sicurezza, i più sprovveduti finiscono con la macchina infettata da una variante del malware Zeus .

Strumento privilegiato in mano alla famigerata banda di cyber-criminali Russian Business Network , il malware resta dormiente finché l’utente del PC infetto non accede al proprio account bancario: a quel punto le credenziali di accesso vengono trafugate e trasferite ai server remoti controllati dai criminali.

La famiglia di malware/crimeware Zeus è in circolazione dal lontano 2007 ma continua a essere particolarmente diffusa e attiva: Trend Micro riferisce che ultimamente il numero di infezioni è cresciuto in maniera costante fino a raggiungere il picco a maggio.

Codice malevolo a parte, gli attivisti anti-truffa di FAKE (Fans Against Kounterfeit Enterprise) se la prendono soprattutto con Facebook e l’apparente indolenza nel contrastare adeguatamente la nuova minaccia: il social network si sarebbe fin qui limitato a dire di contare sulle proprie capacità di auto-scansione per la ricerca di eventuale malware veicolato attraverso la piattaforma.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pianeta Video scrive:
    ...
    E adesso come faranno gli scariconi a resistere alla potenza dei provvedimenti a cascata? @^[img]http://spotonlists.com/wp-content/uploads/2013/01/niagara-falls.jpg[/img]
    • Venereo Clisterucc i scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Pianeta Video
      E adesso come faranno gli scariconi a resistere
      alla potenza dei provvedimenti a cascata?
      @^

      [img]http://spotonlists.com/wp-content/uploads/201semplice!Mangiano kebab![img]http://digilander.libero.it/romakebab/valenziani.jpg[/img]
      • tucumcari scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: Venereo Clisterucc i
        - Scritto da: Pianeta Video

        E adesso come faranno gli scariconi a
        resistere

        @^

        semplice! Mangiano kebab! [img]http://digilander.libero.it/romakebab/valenziani.jpg[/img]
        • Asdrubale Alluminio scrive:
          Re: ...
          E per gradire:"Hai scritto la XXXXXXX.e una XXXXXXX è una XXXXXXX!EOF"Riferimenti: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3357370&m=3359088#p3359088
    • Funz scrive:
      Re: ...
      (rotfl)poveri illusi (rotfl)
  • Letto scrive:
    Grazie e arrivederci...
    Tutto qui?Nessun rimborso, nessuna responsabilità, nessun abuso di potere.Poveri australiani...
    • prova123 scrive:
      Re: Grazie e arrivederci...
      e dopo aver visto su DMAX l'arrogante comportamento della dogana australiana in "Security Airport" direi che scegliere un luogo di vacanza nei reatanti 4 continenti non la vedo come una limitazione ... ironia della sorte nata come posto di detenzione sta ritornando alle origini :D
      • machemerda scrive:
        Re: Grazie e arrivederci...
        - Scritto da: prova123
        e dopo aver visto su DMAX l'arrogante
        comportamento della dogana australiana in
        "Security Airport" direi che scegliere un luogo
        di vacanza nei reatanti 4 continenti non la vedo
        come una limitazione ... ironia della sorte nata
        come posto di detenzione sta ritornando alle
        origini
        :De si qualsiasi cosa tamponino .. droga hahahaha che dogana di XXXXX
      • Ale Batti scrive:
        Re: Grazie e arrivederci...
        Magari fosse così anche quì...quella è la differenza tra paese civile e il nostro...paese africano!
Chiudi i commenti