100.000 dollari a chi buca il server coreano

Tale è la posta messa in gioco da un'azienda di sicurezza coreana nella sfida con cui incoraggia hacker e aspiranti tali di tutto il mondo a forare il proprio sito


Seoul (Corea del Sud) – Una piccola società coreana specializzata in soluzioni di sicurezza, la Korea Digital Works (KDWorks), ha lanciato oggi una sfida che, dalle 5 del mattino ora italiana, durerà 48 ore e vede in palio 100.000 dollari, circa 113.000 euro.

Il malloppo andrà a chi riuscirà a guadagnare l’accesso al server dell’azienda, un sistema protetto mediante la piattaforma di sicurezza World OK Security (WOKS), sviluppata dalla stessa KDWorks.

Per partecipare al concorso occorre registrarsi sul sito Web dell’azienda e lasciare pochi dati, fra cui nome ed un indirizzo di e-mail.

KDWorks fornirà tutti i dettagli sulla sfida e sul sistema da bucare un paio d’ore prima dell’inizio del concorso: l’obiettivo, per hacker e aspiranti tali, sarà quello di accedere ad un documento HTML archiviato sul server ed editarlo in modo da scrivervi all’interno il numero identificativo ricevuto nella fase d’iscrizione.

Fra le regole da rispettare per partecipare alla sfida vi sono quelle di non spegnere il server o disattivare i servizi che vi girano e di non portare attacchi di tipo denial of service che possano impedire ad altri di partecipare alla gara.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Si ma...
    ...costano sempre più degli AthlonXP e rendono sempre molto meno. Ergo: neppure gratis! ;-)
  • Anonimo scrive:
    Si ma....
    Il cervello degli utenti continua a lavorare sempre alla stessa frequenza, processori più veloci non servono, quando chi sta ai comandi ha il freno a mano cerebrale tirato da una vita.A quando un upgrade per i cervelli degli utilizzatori ? Ma che bello con processori più potenti possiamo vedere bene i salvaschermi di XP, che godimento che gioia che sollazzo, come migliora la mia vita...Come dice il Berlusca, diamo a tutti gli impiegati pubblici un pc, e la situazione migliorerà... Sì quella dei venditori di PC migliorerà ! I modelli di utenti non sono upgradabili, ma solo sostituibili...
    • Anonimo scrive:
      Re: Si ma....
      - Scritto da: blirx
      Il cervello degli utenti continua a lavorare
      sempre alla stessa frequenza, processori più
      veloci non servono, quando chi sta ai
      comandi ha il freno a mano cerebrale tirato
      da una vita.Sbagliato.Visto che i cervelli rimangono alla stessa frequenza (che fra l'altro non è vero) bisogna che il software vada loro incontro come un amico, cioè con la facilità d'uso.Processore più veloce implica facilità d'uso maggiore.
      A quando un upgrade per i cervelli degli
      utilizzatori ?Un po' di pazienza!Un bambino che oggi ha 10 anni quando ne avrà 30 avrà sicuramente il cervello più "veloce" di uno che oggi ha 30 anni!La frase assomiglia al Duomo di Milano, ma l'hai voluto tu.
      Ma che bello con processori
      più potenti possiamo vedere bene i
      salvaschermi di XP, che godimento che gioia
      che sollazzo, come migliora la mia vita...Anche l'occhi vuole la sua parte.
      Come dice il Berlusca, diamo a tutti gli
      impiegati pubblici un pc, e la situazione
      migliorerà... Sì quella dei venditori di PC
      migliorerà !Anche quando hanno reso obbligatorio lo specchietto laterale sulle automobili è migliorata la vita dei venditori di specchietti.Ma personalmente ritengo sia migliorata anche la sicurezza attiva delle automobili!
      I modelli di utenti non sono upgradabili, ma
      solo sostituibili...Quindi diamogli PC facili da usare...Ovvero PC con Windows XP.
Chiudi i commenti