21, un Bitcoin Computer per il mining e il business

Una start-up "bitcoin-centrica" intende fornire una soluzione tutto incluso per entrare nel business della criptomoneta: si tratta di un dispositivo che è in sostanza una board Raspberry Pi dal costo fuori scala

Roma – 21 Inc ha presentato 21 Bitcoin Computer , dispositivo descritto come “il primo computer con supporto hardware e software nativo per il protocollo Bitcoin” e offerto come soluzione all-inclusive per chi volesse entrare nel sempre più problematico business della moneta virtuale più popolare.

21 Bitcoin Computer

Più che un computer, in realtà, 21 BC è una board di sviluppo Raspberry Pi equipaggiata con un “coprocessore” per il mining dei blocchi BTC, una distribuzione Linux personalizzata sulle esigenze dell’ecosistema Bitcoin, un server BTC per i micropagamenti (dipendente a sua volta da un backend in rete) e la possibilità di accedere alle funzionalità tramite interfaccia a riga di comando.

21 BC può essere utilizzato in maniera indipendente o collegato a un PC Windows, Linux o Mac, spiega 12 Inc , ed è utilizzabile per configurare store di contenuti digitali in stile iTunes, aprire le porte di Bitcoin ai dispositivi della Internet delle Cose (IoT) e altro ancora.

Per avere il privilegio occorre però sborsare la bellezza di 400 dollari, non esattamente il massimo dell’attrattiva considerando che una board Raspberry Pi costa meno del 10 per cento del costo di 21 BC. In ogni caso il “pacchetto” include anche un adattatore WiFi, una unità PSU, cavo USB per il collegamento a un computer e una scheda di memoria SD da 128 Gigabyte. 21 Inc dice di poter contare sul supporto di Cisco, Qualcomm e degli investitori Andreessen Horowitz e Peter Thiel.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Elefnac scrive:
    inetti & avidi
    Dopo essermi servito di loro, e dopo aver visto i loro metodi e versato loro il 50 percento di quanto "guadagnato" e anche di quanto non, posso affermare con certezza che possono andare a raccogliere le barbabietole, l'attività in cui i dirigenti di questa "azienda" sono senz'altro più portati.In altre parole non vanno male per caso e se fallissero farebbero un favore anche ai loro dipendenti, in ogni caso corresponsabili (visto che attuano gli ordini che ricevono) di quello che fa l'azienda.
  • e cogn scrive:
    tanto sono dei mezzi truffatori
    mah chissà perchè si ridimensionano ...forse perchè prendere in anticipo soldi per prodotti o servizi su cui non hanno disponibilità certa e tenerseli per mesi e mesi dopo l'annullamento dell'ordine e restituirli solo in seguito a lettera dell'avvocato non è un buon modo per guadagnare quote di mercato ?
Chiudi i commenti