A Bill Gates non piacciono le pantofole

Office, search e interfacce naturali si affolleranno nella mente di William H., ma solo nel 20 per cento delle sue giornate. Il resto sarà tutto della famiglia e della Foundation

Roma – È tempo di confidenze per Bill Gates, prossimo al ridimensionamento dei propri impegni nell’azienda che ha fondato oltre 30 anni fa e che ha indiscutibilmente giocato un ruolo fondamentale nel plasmare l’assetto dell’attuale società del’informazione. Si ritirerà, ma non mollerà il proprio ufficio di Redmond, si limiterà ad agire da chiarman senza rinunciare a sporcarsi le mani nelle divisioni opeative.

L'ultimo giorno di Gates? Abituato ad epifanie olografiche , a palcoscenici sconfinati e a diplomatici scontri strappalacrime , Gates si è intrattenuto piacevolmente in una conversazione informale con un nugolo di giornalisti che lo attorniava dietro le quinte di D: All Things Digital , l’evento organizzato dal Wall Street Journal, quest’anno vetrina dei disegni di Gates su Windows 7 e sulle interfacce tattili .

Dopo gli ironici programmi per la pensione di lusso tracciati al CES nel mese di gennaio, ha confidato qualche dettaglio in più sulla sua vita da chairman diviso fra gli impegni che comporterà la militanza nella Bill & Melinda Gates Foundation . Si avvicina il primo luglio, giorno dell’ abbandono ufficiale , e Gates non sembra farsi spaventare dall’allentarsi della pressione della quotidianità: pantofole e poltrona sono un traguardo ancora lontano, la mente di Bill continuerà a macinare, anche durante i trasbordi scolastici in compagnia dei figli. Il tempo del chairman sarà razionalizzato: l’80 per cento del lavoro verrà concentrato sulla Fondazione, il restante 20 per cento sarà dedicato al colosso che ha guidato per oltre un trentennio.

Le ore che dedicherà a Microsoft non saranno ore improduttive: lavorerà alla prossima generazione di Office , continuerà a fantasticare sulle interfacce naturali , si concentrerà, come preannunciato , sul search . Penserà, scriverà e contribuirà a sviluppare “il miglior search del mondo”.

L’affaire Yahoo? Gates svicola: “scommettere sulle interfacce naturali è stata una mossa più grande di qualsiasi acquisizione”. E se i giornalisti incalzano, sul palco della conferenza, Bill si smarca con destrezza e passa la palla a Ballmer: “Steve vi saprà offrire una risposta più ricca di sfumature”. Ma lo stesso Ballmer si è mostrato criptico: “Stiamo trattando con loro riguardo al altre idee ma non rilanceremo l’offerta”. Si mormora che le idee in questione ruotino proprio intorno al search.

Sono complementari i due boss, si dividono i ruoli, dicono di aver costruito più volte l’azienda della quale sono orgogliosi rappresentanti. E scherzano sui loro rapporti dentro e fuori da Microsoft e sui giochi di potere: “Che succederebbe se Bill ti desse dell’idiota?” provoca la giornalista sul palco. Ballmer ridacchia: “ci sono abituato, succede da 28 anni”.

Gaia Bottà

( fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dario scrive:
    tutte quelle informazioni?
    devo credere che in un rfid passivo, raggiungibile da un'antenna a pochi centimetri, al massimo qualche metro, faranno entrare tutte quelle informazioni?......magari codificate in unicode per poter scrivere per bene anche i nomi dei turisti russi, giapponesi e perchè no cinesi?...non è più probabile che ogni rfid passivo si porti dietro il suo codice univoco, magari crittografato e che quello punti ai database popolati di tutte quelle informazioni.... informazioni raccolte dai tourist operator comunque per imbarcare le persone sugli aerei!?Che poi gli rfid vengano usati in modo "alternativo" (e discutibile) da un governo che è tutto fuorchè limpido nel gestire privacy e libertà dei cittadini... quello è un altro paio di maniche.Penso comunque che, visto la folla che frequenterà quegli spazi durante i giochi, sia meglio prevenire atti pericolosi (intendo terroristici...non manifestazioni pacifiche!) che non far finta di nulla ed eventualmente subirli.....
    • dario scrive:
      Re: tutte quelle informazioni?
      ...e mi rispondo da solo... così il messaggio di prima non è troppo prolisso :-)Stessa questione l'ho vista in un'articolo pubblicato poche settimane fa riguardo un fantomatico studio relativo a privacy e bluetooth... un fantomatico "ricercatore" inglese ha messo in dubbio la tutela della privacy avendo raccolto qualche migliaio di mac address di telefonini......il ricercatore avrà anche ottenuto nome, cognome, telefono, colore dei capelli delle persone?...Un conto è essere infastiditi per essere trattati come numeri per delle misure statistiche, altro conto è essere monitorati in quanto individui ben identificabili.
  • Nome scrive:
    Il marchio della bestia si avvicina
    La tecnologia RFID verra` usata per il chip sottocutaneo, che probabilmente sara` il marchio della bestia.Usate la gabbia di Faraday per non essere localizzati.
  • Funz scrive:
    Boicottaggio
    Già ho smesso da tempo di guardare quei verminai che sono diventati il calcio e il ciclismo, e dopo gli avvenimenti dell'anno scorso sono fortemente tentato di abbandonare anche la F1.Comunque non guardo più la TV, quindi non mi sarà difficile evitare anche queste olimpiadi luride.
  • linaro scrive:
    Tibet
    "Per riconoscere un potenziale malintenzionato, che magari vuole lanciare una bomba o srotolare una bandiera del Tibet, non ci si basa sulla sua identità - spiega - Ci si basa invece su le azioni che compie e su quanto porta materialmente con sé"quindi un Tibetano che va a vedere le olimpiadi con la sua Bandiera è un malintenzionato?
    • Giocatore110 scrive:
      Re: Tibet
      Si, e se dice Dalai Lama anzichè testa di serpente velenoso si prende 8 anni di carcere per direttissima.E la cosa peggiore è che nonostante l'emergenza terremoto e la vicinanza dei buddisti pochi giorni fa il Governo Cinese ha trovato mezzi e tempo per riprendere attivamente la repressione.Ma non potevano finire di soccorrere i terremotati???
Chiudi i commenti