Accelerometro spia, hacking da laboratorio

Una parola è la combinazione dei movimenti compiuti per digitarla. E l'accelerometro diventa un keylogger

Roma – I ricercatori della Tech’s School of Computer Science della Georgia e del MIT hanno sviluppato un metodo per carpire le digitazioni effettuate da un utente sul proprio dispositivo mobile attraverso i dati dell’accelerometro.

Nel caso specifico descritto nello studio “(sp)iPhone: Decoding Vibrations From Nearby Keyboards Using Mobile Phone Accelerometers”, i ricercatori hanno impiegato l’accelerometro di un iPhone 4 e sviluppato un metodo per studiare e interpretare le pressioni effettuate dall’utente sulla tastiera.

Il vertice del team di ricercatori Patrick Traynor ha spiegato che tramite il loro metodo non è possibile interpretare una singola digitazione, ma una serie. In pratica la tecnica analizza la distanza e il rapporto tra due digitazioni conseguenti comparandole statisticamente con i lemmi presenti su un vocabolario e la parola più probabilmente in digitazione.

Secondo lo studio il metodo permette una precisione dell’80 per cento con un vocabolario di 58mila parole. La precisione, inoltre, è relativa anche al dispositivo usato: “All’inizio – spiega il team di scienziati – abbiamo provato con un iPhone 3GS ottenendo risultati difficili da leggere. Poi con un iPhone 4, che all’accelerometro ha aggiunto un giroscopio, e abbiamo ottenuto risultati molto più chiari”. Secondo i cercatori, insomma, i dispositivi di ultima generazione si presterebbero a questo tipo di analisi. Addirittura, tramite questo metodo potrebbero essere impiegati per spiare le digitazioni su tastiere esterne, se si trova molto vicino ad essa.

Questo significa che rischiano di essere vulnerabili a nuove forme di keylogger in grado di accedere ai dati dell’accelerometro: un tipo di accesso che richiederebbe da parte di un’app terza molti meno privilegi di altri tipi di funzioni.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sandro kensan scrive:
    Social network libero
    Nessuno sottolinea che si tratta di un social network Libero? Cioè i soldi vanno per fare il software che poi si può installare nel proprio server e farsi il SN con tutti i nostri dati riposti al sicuro.Comunque gli sviluppatori con i soldi fanno le feature richieste dalla gente.
  • batman scrive:
    competitor de che?
    Competitor de che questi di diaspora?dopo aver instascato qualche centinaia di migliaia di dollari cosa hanno partorito?bah.non bastavo gli altri centomila social network che già ci sono tra l'altro senza avere chiesto opere di carità.
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: competitor de che?
      - Scritto da: batman
      Competitor de che questi di diaspora?

      dopo aver instascato qualche centinaia di
      migliaia di dollari cosa hanno
      partorito?

      bah.

      non bastavo gli altri centomila social network
      che già ci sono tra l'altro senza avere chiesto
      opere di
      carità.Ma cosa ci sarà di male poi su questo facebook? Quando si compra la pubblicità si possono selezionare in modo capillare gli utenti a cui farla vedere e senza sapere chi sono, ma tu puoi far vedere la tua pubblicità ad esempio a tutti i maschi tra i 18 e 40 anni che amano giocare con gli fps su PC e sono italiani. Mi sembra una cosa fantastica per chi deve fare promozione.
      • struppolo scrive:
        Re: competitor de che?
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        Mi sembra una cosa
        fantastica per chi deve fare
        promozione.per chi invece é un normale utilizzatore é una cosa meravigliosa
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: competitor de che?
          - Scritto da: struppolo
          - Scritto da: Dottor Stranamore


          Mi sembra una cosa

          fantastica per chi deve fare

          promozione.

          per chi invece é un normale utilizzatore é una
          cosa
          meravigliosaPerché? Tanto è l'utente che in pubblico dice i suoi gusti ed è un database e del software che poi capisce dove sparpagliare la pubblicità. Quale problema c'è? Anzi almeno l'utente vede la pubblicità di cose che gli interessano.
      • Funz scrive:
        Re: competitor de che?
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        Ma cosa ci sarà di male poi su questo facebook?
        Quando si compra la pubblicità si possono
        selezionare in modo capillare gli utenti a cui
        farla vedere e senza sapere chi sono, ma tu puoi
        far vedere la tua pubblicità ad esempio a tutti i
        maschi tra i 18 e 40 anni che amano giocare con
        gli fps su PC e sono italiani. Mi sembra una cosa
        fantastica per chi deve fare
        promozione.Tanto ve la blocchiamo tutta con Adblock+ :pSaranno dieci anni che non vedo un banner, se non sui PC di qualche sprovveduto...
    • gringo scrive:
      Re: competitor de che?
      gli altri social network non hanno chiesto opere di carità perché erano già grandi o perché hanno ricevuto soldi da capitali di ventura. con le opere di carità, come le chiami tu, potranno cercare di essere indipendenti. magari non avranno sucXXXXX, ma almeno provano a fare qualcosa di diverso.facebook è un'ottima piattaforma, ma l'accentramento non fa bene a (quasi) nessuno
  • bertuccia scrive:
    sito web
    apple ha rivoluzionato anche il design dei siti web! :D
    • Sherpya scrive:
      Re: sito web
      - Scritto da: bertuccia
      apple ha rivoluzionato anche il design dei siti
      web!
      :DLo legate questo per favore?
      • Kamui scrive:
        Re: sito web
        - Scritto da: Sherpya
        - Scritto da: bertuccia

        apple ha rivoluzionato anche il design dei
        siti

        web!

        :D

        Lo legate questo per favore?(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • IlProf scrive:
    Eh ?!?
    Cosa vuol dire : "ha congelato le donazioni senza dare alcuna spiegazione ?"Cioè si può fare ? Che bello !
    • grubbolo scrive:
      Re: Eh ?!?
      Succede spessissimo agli sviluppatori di giochi Indy.Praticamente se ti arrivano troppi soldi tutti insieme l'algoritmo di PayPal ti blocca.Si dice che sia per evitare attività illecite come il riciclaggio o i finanziamenti ai terroristi.Magari è un delirio cospirazionista, però a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.Gli sviluppatori Indy e Diaspora sono entrambi concorrenti (per motivi diversi) di Facebook.Cosa lega PayPal a Facebook?Peter Thiel.http://www.webcitation.org/5aLZvKSWi
      • IlProf scrive:
        Re: Eh ?!?
        Mah può essere, d'altra parte sembra che Zukerberg abbia dato una donazione a Diaspora, in passato.http://www.wired.com/epicenter/2010/05/zuckerberg-interview/all/1secondo me non gli fanno ancora molto paura.- Scritto da: grubbolo
        Succede spessissimo agli sviluppatori di giochi
        Indy.
        Praticamente se ti arrivano troppi soldi tutti
        insieme l'algoritmo di PayPal ti
        blocca.
        Si dice che sia per evitare attività illecite
        come il riciclaggio o i finanziamenti ai
        terroristi.

        Magari è un delirio cospirazionista, però a
        pensare male si fa peccato, ma spesso ci si
        azzecca.
        Gli sviluppatori Indy e Diaspora sono entrambi
        concorrenti (per motivi diversi) di
        Facebook.
        Cosa lega PayPal a Facebook?
        Peter Thiel.
        http://www.webcitation.org/5aLZvKSWi
        • grubbolo scrive:
          Re: Eh ?!?
          - Scritto da: IlProf
          Mah può essere, d'altra parte sembra che
          Zukerberg abbia dato una donazione a Diaspora, in
          passato.

          http://www.wired.com/epicenter/2010/05/zuckerberg-

          secondo me non gli fanno ancora molto paura.Se credi alle strategie di autoconservazione, la sua si chiama diversificazione.Se credi ai cospirazionisti, la mossa di zuccherino si chiama mistificazione.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Eh ?!?
        - Scritto da: grubbolo
        Succede spessissimo agli sviluppatori di giochi
        Indy.
        Praticamente se ti arrivano troppi soldi tutti
        insieme l'algoritmo di PayPal ti
        blocca.
        Si dice che sia per evitare attività illecite
        come il riciclaggio o i finanziamenti ai
        terroristi.
        Mi sembra giusto, il terrorismo e il riciclaggio chissà quanti miliardi fanno girare attraverso delle finte donazioni.
    • Fininsvest scrive:
      Re: Eh ?!?
      paypal è uno schifo bloccano per molto poco e spesso non ti danno alcuna spiegazione ne possibilità di sbloccare gli account.http://www.paypalsucks.com/ è pieno di siti come questo...Comunque Stipe sembra davvero fico.
Chiudi i commenti