Acer scommette su Chrome OS ed ebook

Nel corso dell'anno il produttore taiwanese ha in programma l'introduzione di alcuni tra i primissimi netbook basati sul sistema operativo Chrome OS di Google e l'ingresso sul mercato degli ebook reader

Roma – Acer, recentemente promosso dal mercato il secondo produttore al mondo di PC, ha svelato tre delle novità che, nel corso del 2010, potrebbero lasciare un’impronta duratura sulle sue strategie di business: il lancio di un ereader monocromatico da 6 pollici, il varo di un application store e l’introduzione di una linea di netbook basati su Chrome OS .

La data di commercializzazione dell’ereader non è ancora stata annunciata, ma il presidente della divisione IT di Acer, Jim Wong, ha rivelato che questo raggiungerà cinque mercati europei (rimasti segreti) entro la fine dell’anno. Del dispositivo si sa soltanto che avrà un display epaper monocromatico con diagonale di 6 pollici.

C’è chi afferma che l’ebook reader di Acer potrebbe non raggiungere mai il mercato statunitense, dove dovrebbe affrontare la concorrenza di prodotti già affermati come il Kindle di Amazon e il Sony Reader.

“Amazon, Barnes & Noble: si tratta di società focalizzate sul mercato statunitense”, ha affermato Wong. “Nell’Europa occidentale e nell’Asia orientale siamo già in contatto con diversi editori di libri, giornali e riviste”.

Per quanto riguarda invece l’intenzione di vendere applicazioni via Internet, il dirigente asiatico ha fatto sapere che l’app store di Acer dovrebbe aprire i battenti il prossimo giugno e supportare i sistemi operativi Android, Windows, Windows Mobile e Chrome OS. Il negozio di Acer si indirizzerà dunque agli utenti di smartphone e netbook e, secondo Wong, offrirà applicazioni gratis o a basso prezzo. Per il momento pare che nessuno sviluppatore di terze parti abbia ancora ricevuto un software development kit del futuro app store.

La notizia senza dubbio più intrigante è quella relativa al lancio, nel terzo trimestre dell’anno, dei primi netbook con Chrome OS pre-installato . A tal proposito il produttore taiwanese sembra fare molto sul serio: Wong stima che entro la fine del 2011 almeno il 10% dei netbook venduti da Acer utilizzerà il giovane sistema operativo Linux-based di Google. Resta da capire se Chrome OS verrà fornito da solo o come complemento (dual-boot) ai sistemi operativi tradizionali, e se i modelli su cui girerà utilizzeranno CPU x86 o ARM.

Entro la fine dell’anno Acer potrebbe infine lanciare un tablet , probabilmente disponibile anch’esso con Chrome OS.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome Data di nascita scrive:
    una via di mezzo tra Spam e OT
    ...anche questo è spam ?http://msftkitchen.com/2010/01/windows-8-rtm-july-1-2011.htmlhttp://photos.macnn.com/news/1001/windows8roadmapdraft.pdf
  • pippO scrive:
    DMCA
    Gli spammer gli faranno causa per il reverse engineering :|
  • Davide scrive:
    Bello
    Sarebbe laXXXXXta del secolo. Sono stufo di avere la posta piena di cianfrusaglie.
    • ah dai scrive:
      Re: Bello
      gli spammer hanno comunque + tempo da perdere quindi è una battaglia persaipv6 e ipstatico per tutti, fine della privacy, questa è la strada
      • nome e cognome scrive:
        Re: Bello
        quindi l'utonto con ipv6 e ip statico pagherà per lo spam fattodal malware che infetta il suo win?
        • Nome e Cognome scrive:
          Re: Bello
          - Scritto da: nome e cognome
          quindi l'utonto con ipv6 e ip statico pagherà per
          lo spam
          fatto
          dal malware che infetta il suo win?Si, esatto, è ora che quelli che non proteggono adeguatamente il loro computer paghino per il pregiudizio che causano con la loro ignoranza.Se guidi un'automobile alla leggera senza fare attenzione e fai danni, paghi. Lo stesso per il PC, se lo usi alla leggera senza fare attenzione, paghi.Allo stesso tempo però bisognerebbe rendere più efficace la ricerca di coloro che le botnet le creano e le gestiscono e soprattutto le pene che rischiano. Quello che mi ha veramente fatto inca... è stato quando negli USA hanno rilasciato un grosso spammer dicendo che aveva il diritto di spammare per una questione di libertà di commercio.Con sentenze simili ogni lotta contro questa piaga diventa puramente utopica.Comunque io a questo sistema di filtraggio ci credo poco, funzionerà fintanto che una botnet userà un solo template, ma quando cominceranno a variarli regolarmente sarà tutto da rifare.
        • panda rossa scrive:
          Re: Bello
          - Scritto da: nome e cognome
          quindi l'utonto con ipv6 e ip statico pagherà per
          lo spam
          fatto
          dal malware che infetta il suo win?Nessuno obbliga l'utonto ad usare winsozz.Se lo fa, e' giusto che ne paghi le conseguenze.
          • albertobs88 scrive:
            Re: Bello
            - Scritto da: panda rossa
            Nessuno obbliga l'utonto ad usare winsozz.
            Se lo fa, e' giusto che ne paghi le conseguenze.Per usare TUTTI i servizi della regione con la carta regionale dei servizi DEVI avere windows.E non mi sembra una cosa da niente...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 gennaio 2010 14.08-----------------------------------------------------------
          • Funz scrive:
            Re: Bello
            - Scritto da: albertobs88
            - Scritto da: panda rossa

            Nessuno obbliga l'utonto ad usare winsozz.

            Se lo fa, e' giusto che ne paghi le conseguenze.

            Per usare TUTTI i servizi della regione con la
            carta regionale dei servizi DEVI avere
            windows.
            E non mi sembra una cosa da niente...Ti pigli un PC apposta solo per quello, e poi vai a lamentarti alla regione, e se è il caso un'altra volta voti qualcun altro.
      • Rispetto Privacy scrive:
        Re: Bello
        - Scritto da: ah dai
        ipv6 e ipstatico per tutti, fine della privacy,
        questa è la stradaOkay ma attenzione: la fine della privacy deve essere SOLTANTO per chi invia l'email, dato che non esiste nessun motivo valido di estendere questo discorso anche a chi riceve posta o a chi naviga sul web...
    • Jiraya scrive:
      Re: Bello
      Io da quando uso gmail non ho piu' visto una singola mail di spam oppure un falso positivo... non so come facciano ma , nel mio caso, credo che sia efficace al 99,9%.E' comunque una bellissima notizia :DOra manca solo un modo per risolvere i problemi di spam telefonico di gente che vuole vendermi cucine e divani ogni giorno...
      • franz scrive:
        Re: Bello
        confermo.. gmail è fantastica!a me invece mi assilla tele 2 e le solite 4-5 aziende... nonostante glielo ripeto che non mi interessa richiamano in modo asfissiante!
      • nome e cognome scrive:
        Re: Bello
        Anche Yahoo! è di pari livello (uso entrambi). Preferisco però l'interfaccia del Yahoo Web Mail!
      • Lanf scrive:
        Re: Bello
        Io gli dico semplicemente che stave facendo sesso con mia moglie e che rompessero le palle a qualcun'altro.
        • panda rossa scrive:
          Re: Bello
          - Scritto da: Lanf
          Io gli dico semplicemente che stave facendo sesso
          con mia moglie e che rompessero le palle a
          qualcun'altro.Puoi migliorare.La prossima volta digli che stavi facendo sesso con SUA moglie e non con la tua.
          • pippO scrive:
            Re: Bello


            Io gli dico semplicemente che stave facendo
            sesso

            con mia moglie e che rompessero le palle a

            qualcun'altro.

            Puoi migliorare.
            La prossima volta digli che stavi facendo sesso
            con SUA moglie e non con la
            tua.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Wolf01 scrive:
            Re: Bello
            E se è una donna dille che stavi facendo sesso con lei e di mettere giù il telefono così si può ricominciare
      • Frengo scrive:
        Re: Bello
        - Scritto da: Jiraya
        Io da quando uso gmail non ho piu' visto una
        singola mail di spam oppure un falso positivo...
        non so come facciano ma , nel mio caso, credo che
        sia efficace al
        99,9%.
        Peccato gmail abbia problemi di falsi positivi. Ogni tanto tocca andare nella casella spam a recuperare un po' di roba...
        • panda rossa scrive:
          Re: Bello
          - Scritto da: Frengo
          - Scritto da: Jiraya

          Io da quando uso gmail non ho piu' visto una

          singola mail di spam oppure un falso positivo...

          non so come facciano ma , nel mio caso, credo
          che

          sia efficace al

          99,9%.


          Peccato gmail abbia problemi di falsi positivi.
          Ogni tanto tocca andare nella casella spam a
          recuperare un po' di
          roba...Ma neanche tanto.Gli unici falsi positivi che ho trovato fino ad oggi sono di un mio corrispondente che ha il vizio di fare sempre ReplayAll quando ci sono decine di indirizzi nel cc, solo per rispondere "Va bene" in testa al messaggio, lasciando kilometri di quotato rigorosamente sotto, e comunque non stava rispondendo a me.E un altro ad uno che scrive in html allegando pure grafica e robaccia inutile e io gli ho gia' detto e ripetuto che se non mi scrive in text/plain puo' anche fare a meno di scrivermi, perche' se non gliela filtra l'antispam, gliela filtro io dopo.
Chiudi i commenti