Adobe lancia Creative Suite 4

Aggiornata la celebre suite di applicazioni e strumenti per l'authoring multimediale, lo sviluppo di pagine web e la grafica. Tra le novità spicca il supporto di Photoshop CS4 ai 64 bit e alle schede grafiche

Roma – A quasi un anno e mezzo di distanza dal rilascio della versione 3, ieri Adobe ha ufficialmente presentato la quarta major release della propria Creative Suite (CS4), una raccolta di software per il disegno grafico, lo sviluppo di pagine web e la realizzazione di contenuti video.

La nuova release raggiungerà i mercati internazionali il prossimo mese , ma inizialmente sarà disponibile soltanto in lingua inglese. La localizzazione italiana dovrebbe arrivare prima della fine dell’anno.

Di versione in versione, la suite di Adobe diventa sempre più vasta: CS4 contiene 14 applicazioni – inclusi nomi storici come Photoshop, Illustrator, Dreamwaver e Premiere – nonché servizi, tecnologie e componenti minori. Questi componenti sono raccolti in sei differenti versioni di Creative Suite, ciascuna indirizzata ad un determinato target di utenti: la versione che comprende tutti i programmi e le funzionalità, incluso Photoshop Extended, è la Master Collection, che in Italia sarà venduta a circa 3600 euro (circa 1200 euro l’aggiornamento).

La versione più economica è la Standard, che include InDesign CS4, Photoshop CS4, Illustrator CS4 e Acrobat 9 Pro, e che costa 2040 euro (720 euro l’aggiornamento).

In questa pagina è possibile consultare una tabella che elenca tutte le versioni di CS4 e tutti i componenti in esse contenuti, con link alla relativa descrizione. Qui è invece possibile conoscere i prezzi delle varie versioni e fare un pre-ordine.

Come tradizione, le singole applicazioni contenute nella CS4 potranno anche essere acquistate separatamente. All’interno della CS4, questi programmi sono stati studiati per integrarsi tra loro e condividere certi elementi base dell’interfaccia utente. After Effects, ad esempio, può importare i layer 3D di Photoshop ed esportare contenuti direttamente in Flash.

Tra le maggiori novità di Photoshop CS4 , sia in versione Standard che Extended, c’è il supporto ai 64 bit e all’accelerazione grafica via hardware . In altre parole, la nuova versione del celebre software per il fotoritocco sarà in grado di girare sulle versioni a 64 bit di Windows (caratteristica ancora non disponibile nella versione Mac) e sfruttare le schede grafiche per velocizzare certe operazioni, quali rotazione e ridimensionamento delle immagini, manipolazione di oggetti 3D, pan e zoom, ed applicazione di filtri ed effetti vari.

Il supporto alla tecnologia GPGPU (General Purpose computing on Graphics Processor Unit) permette a Photoshop CS4 di sfruttare le normali schede grafiche per accelerare elaborazioni grafiche 2D e 3D. GPGPU è un modello di computing che utilizza i processori grafici per scopi diversi dalla creazione di un’immagine tridimensionale. Tale possibilità è data dalla programmabilità delle schede grafiche più recenti, che va sotto il nome di shader model: grazie all’elevato parallelismo delle loro architetture, le moderne GPU possono eseguire certi algoritmi a velocità anche drasticamente superiori a quelle di una tradizionale CPU.

Tanto per farsi un’idea, Photoshop CS4 è in grado di manipolare un’immagine da 442 megapixel (2 GB di dimensione) con velocità paragonabile a quella con cui l’attuale Photoshop CS3 gestisce le immagini da 5 megapixel su di un sistema Intel-based a 8 core. Per godere di tali benefici è necessario disporre di una scheda grafica che supporti la specifica Shader Model 3.0 e che sia dotata di almeno 128 MB di RAM video.

Il nuovo Photoshop include anche una funzionalità capace di ridimensionare automaticamente un’immagine in base al formato di destinazione: panorama, stampa A4, banner Web ecc.

All’interno della nuova suite giocherà un ruolo piuttosto importante Device Central , un tool che consente a designer e sviluppatori di testare la compatibilità dei propri contenuti su differenti tipi di dispositivo, inclusi telefoni cellulari, player MP3 e set-top box. Device Central è in grado di simulare le caratteristiche delle principali tipologie di device oggi sul mercato, quali dimensione delle schermo, velocità di elaborazione e larghezza di banda.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • teratera scrive:
    semafori?
    qualcuno non ha gia inventato la ruota... pardon la rotonda!
  • soulista scrive:
    forse sarebbe più pratico...
    Forse sarebbe più pratico installare la "mitica" (nel senso mitologico) Onda Verde, in quelle statali spezzate da più semafori...
  • oldhump scrive:
    Ma fare cose più semplici?
    Per carità ben venga... la ricerca ma prima di arrivare a CPU nelle paline, sensori di prossimità e di lontananza, luci stroboscopiche e luminarie varie....ma semplicemente fare un minimo di analisi del traffico e vedere che sullo stesso semaforo la mattina alle 8 ci passano 100000 macchine e la sera solo 100 oppure che la domenica non ne passano più di 2 e modulare i tempi di attesa in funzione della giorno o dell'ora?Magari si potrebbero evitare colonne di macchine fumanti di smog che atterrite aspettano il verde mentre dall'altra parte dell'intersezione c'è il deserto o poco più!Bah forse non c'è troppo da speculare! :(
  • Fulmy(nato) scrive:
    Re: Mi fanno ridere
    - Scritto da: Lemon
    Tutti questi studi (ben vengano per carità) non
    tengono conto di una cosa essenziale: non siamo
    soli per strada! Un semaforo in città è
    attraversato da decine di macchine, pensate cosa
    succede se la prima automobile(o le prime se si
    tratta di più corsie) inizia a rallentare per
    affrontare in maniera più soft la fermata e
    ripartenza o per beccare il verde... dipendeIn Germania succede che il traffico diventa più regolare e scorrevole, in Italia invece il traffico impazzirebbe più di quanto lo è già.Del resto questo test lo hanno fatto a Ingolstad, mica a Torino!
    ...succede che
    quelli dietro frenano di più e dopo accelerano di
    più per ripartire e tutti gli alberi intorno, già
    agonizzanti, muoiono del tutto per la
    disperazione.Meglio allora rimanere fermi col motore al minimo perché il traffico si blocca del tutto?E poi magari ripartire a tavoletta...
  • oldhump scrive:
    Re: Mi fanno ridere
    In realtà il verde lo beccano in pieno.....quello degli alberi e lo fanno secco!
  • Stever scrive:
    fantascienza !
    Solo un esercizio di pura tecnologia per nulla fantascientifica ma che tale diverrà rimanendo sulla carta !In ItaGlia persino il buon vecchio Magneti Marelli Securvia (clonato addirittura da un vecchio Kit di Nuova Elettronica) è diventato presto carta morta...eppure nella sua semplicità poteva essere utile !
    • Elettroforo scrive:
      Re: fantascienza !
      - Scritto da: Stever
      Solo un esercizio di pura tecnologia per nulla
      fantascientifica ma che tale diverrà rimanendo
      sulla carta
      !
      In ItaGlia persino il buon vecchio Magneti
      Marelli Securvia (clonato addirittura da un
      vecchio Kit di Nuova Elettronica) è diventato
      presto carta morta...eppure nella sua semplicità
      poteva essere utile
      !NUOVA ELETTRONICA! mitica! :)cmq la centralina elettronica, quella che adesso è di serie su tutte le auto del mondo, è stata inventata/perfezionata proprio da N.E. che poi ha "donato" i progetti a magneti marelli e a bosh.Per riferimenti vedere numeri di primi anni 70
      • Stever scrive:
        Re: fantascienza !

        NUOVA ELETTRONICA! mitica! :)
        cmq la centralina elettronica, quella che adesso
        è di serie su tutte le auto del mondo, è stata
        inventata/perfezionata proprio da N.E. che poi ha
        "donato" i progetti a magneti marelli e a
        bosh.Cavoli magari proprio quella che costruii io circa 25 anni fa per migliorare l'accensione delle candele sul mio Fiat 127 Special 903cc prima serie ? Ricordo ancora la centralina con quei bei pentoloni di transistor 2N3055 affogati sul tappo della scatola che altro non era che un megadissipatore. A dire il vero non so se facesse la differenza ma almeno le puntine dello spinterogeno non si consumavano più :-)
  • Luca Vanoff scrive:
    Si parlava di dispositivi radio
    Che interagiscono coi cartelli col limite di velocità... c'è scritto 50 tu passi a 70 il cartello comunica con la tua macchina gli chiede "abbbella a quanto stai corendo ?" e la macchina gli risponde "abbbello vado a 70Km/H la mia targa è XX000YY il mio proprietario è..."il cartello si connette col centro della polstrada che stampa in tempo reale la multa...Ma perfortuna non è mai stato fatto. (anche perchè sarebbe stato casualmente il primo fusibile a bruciarsi sulla mia auto)
  • jumpjack scrive:
    tutto intelligente tranne l'uomo
    Bene bene bene... semafori intelligenti, automobili intelligenti... ora devono solo inventare guidatori intelligenti, e funzionerà tutto.
    • IL_Jolly scrive:
      Re: tutto intelligente tranne l'uomo
      - Scritto da: jumpjack
      Bene bene bene... semafori intelligenti,
      automobili intelligenti... ora devono solo
      inventare guidatori intelligenti, e funzionerà
      tutto.Impossibile non quotare questa frase... ;)
      • soulista scrive:
        Re: tutto intelligente tranne l'uomo
        - Scritto da: IL_Jolly
        - Scritto da: jumpjack

        Bene bene bene... semafori intelligenti,

        automobili intelligenti... ora devono solo

        inventare guidatori intelligenti, e funzionerà

        tutto.


        Impossibile non quotare questa frase... ;)più che intelligenza (ovviamente anche quella sarebbe gradita) ci vorrebbe cortesia.se ci fosse più cortesia e rispetto tra gli automobilisti penso che si abbatterebbero automaticamente il 50% degli intasamenti.
    • Mike07 scrive:
      Re: tutto intelligente tranne l'uomo
      Beh io mi accontenterei di coerenti...cmq quoto alla grande
  • piripaggio scrive:
    navigatore satellitare
    non ricordo quale produttore di navigatori satellitari sta cercando di introdurre uno scambio di dati fra tutti i suoi navigatori satellitari.Ma dovrebbe usare il cellulare dell'automobilista.Un automobilista ha paura di venire a pagare troppi soldi. Un altro ha paura che la sua privacy possa venire violata. E non si fa mai niente.
  • Enjoy with Us scrive:
    ha ha ha ha.....
    Ve lo immaginate il nostro stato con le sue finanze dissestate che spende soldi per semafori "intelligenti" diversi da quelli con Photored!
  • Monsieur Duball scrive:
    Rimarrà solo un progetto
    Non lo faranno mai, le pubbliche amministrazioni dovrebbero dire addio ai milioni di euro ricavati dalle multe con t-red :|
  • Benz83 scrive:
    Partnership
    E' una cosa interesante, ma mi chiedo se anche questo progetto fallira come tutti gli altri. Mi ricordo di un progetto (almeno 10 anni fa) che consisteva nel installare dei pali con un congegno particolare vicino al ciglio della strada e inviava informazioni ad un altro apparecchio installato in macchina. Con questo voglio dire che ci hanno provato in molti, sia ditte private che non e sinceramente è difficile trovare una soluzione ottimale per un servzio utile per i guidatori. Mi chiedo perchè non si riuniscano tutti i prodotturi di automobili per tirare fuori qualcosa di geniale . Ma la risposta è quasi ovvia.....ognuno vuole l esclusiva!!
Chiudi i commenti