Adobe, patch anticipate per Flash

L'azienda rilascia un update fuori programma per risolvere un gruzzolo di vulnerabilità varie, fra cui quella critica emersa nei giorni scorsi

Roma – Impossibile rispettare il piano di aggiornamento mensile: Adobe si trova nuovamente costretta ad anticipare l’appuntamento allineato con il Patch Tuesday di Microsoft per rilasciare degli update che risolvano problemi troppo pericolosi per attendere.

La vulnerabilità resa pubblica all’inizio della settimana ne è un esempio: sfruttata da cybercriminali del malvertising fin dal mese di dicembre, permette di ottenere il completo controllo del sistema della vittima che impieghi Flash Player 16.0.0.296 e versioni precedenti per Windows e OS X o Flash Player 13.0.0.264 e le precedenti versioni 13.x. Le security comapny suggeriscono altresì che le vulnerabilità di Flash potrebbero affermarsi quale veicolo d’elezione per gli untori dei temuti ransomware, sostituendosi alle tattiche ora adottate per abusare dell’ingenuità dell’utente.

Adobe ha dunque disposto un aggiornamento (16.0.0.305 per Windows e Mac, 11.2.202.442 per Linux e 13.0.0.269 per il canale Extended Support) che sta raggiungendo gli utenti che fruiscano del sistema di update automatici: l’update risolve 18 bug di varia natura, compreso quello recentemente venuto alla luce. L’aggiornamento è altresì disponibile per il download manuale .

L’azienda invita gli utenti ad aggiornare, alcuni osservatori tornano a suggerire invece di prendere in considerazione l’ipotesi di fare a meno di Flash, o di limitarne drasticamente l’uso: anche un colosso come YouTube ha di recente fatto la propria scelta .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bisiac scrive:
    E' ora di finirla
    Sono proprio curioso di vedere quando incominceranno a sanzionare pesantemente le aziende hackerate.I dati personali, specialmente se sono obbligatori , vanno tenuti in MASSIMA SICUREZZA.Se le aziende non riescono a farlo devono pagare una multa per la loro imperizia, più un risarcimento automatico ad ognuno dei danneggiati.Democrazia significa simmetria di diritti e doveri.Nessuno è più uguale degli altri.In teoria...
    • koboldo scrive:
      Re: E' ora di finirla
      - Scritto da: Bisiac
      Sono proprio curioso di vedere quando
      incominceranno a sanzionare pesantemente le
      aziende
      hackerate.Mai! Perchè le aziende sono hackerate anche a causa di backdoor e vulnerabilità varie imposte dallo stesso governo che si prodiga a combattere il fantomatico terrorismo informatico.
      I dati personali, specialmente se sono
      obbligatori , vanno tenuti in MASSIMA
      SICUREZZA.
      Se le aziende non riescono a farlo devono pagare
      una multa per la loro imperizia, più un
      risarcimento automatico ad ognuno dei
      danneggiati.
      Democrazia significa simmetria di diritti e
      doveri.
      Nessuno è più uguale degli altri.
      In teoria...
Chiudi i commenti