Amazon ce lo aveva anticipato alla fine della scorsa settimana affidandoci lo smart display Echo Show 5 (da pochi giorni in vendita a 89,99 euro) per una prova in anteprima e oggi la promessa è stata mantenuta: Alexa accoglie una nuova funzionalità che permette di eliminare le registrazioni effettuate dai dispositivi Echo con un semplice comando vocale. È sufficiente pronunciare “Alexa, cancella quello che ho appena detto” oppure “Alexa, cancella tutto quello che ho detto oggi”.

Alexa, elimina quello che ho detto

Per poter sfruttare la feature è però prima necessario abilitarla attraverso le impostazioni del proprio account, sul portale Web oppure nell’applicazione mobile di Alexa. Tutto ciò che bisogna fare è accedere all’area “Rivedi la cronologia voce” e attivare “Abilita l’eliminazione tramite comando vocale”.

L'opzione da abilitare nel proprio account per consentire ad Alexa di eliminare i comandi vocali

Facendolo compare una sorta di pop-up che mostra il messaggio riportato di seguito.

Quando questa opzione è abilitata, chiunque abbia accesso ai tuoi dispositivi può chiedere ad Alexa di eliminare le registrazioni vocali dal tuo account dicendo “Alexa, elimina quello che ho appena detto” oppure “Alexa, elimina tutto quello che ho detto oggi”.

Il menu a tendina “Intervallo di date” offre le seguenti opzioni: Oggi, Ieri, Questa settimana, Questo mese, Intera cronologia, Personalizzata. Selezionando l’ultima è possibile specificare la data di inizio e quella di fine del periodo.

L'opzione da abilitare nel proprio account per consentire ad Alexa di eliminare i comandi vocali

A questo punto tutto è pronto per supportare la funzionalità. Abbiamo provato con “Alexa, dimentica quello che ho appena detto”.

L'opzione da abilitare nel proprio account per consentire ad Alexa di eliminare i comandi vocali

Come risultato, l’IA risponde “Ok, elimino l’ultima registrazione”.

L'opzione da abilitare nel proprio account per consentire ad Alexa di eliminare i comandi vocali

Se si chiede invece di eliminare una cronologia dalla durata più estesa, ad esempio quella dell’intera giornata, l’assistente chiede un’ulteriore conferma prima di procedere.

L'opzione da abilitare nel proprio account per consentire ad Alexa di eliminare i comandi vocali

È poi sufficiente dire “Sì” per concludere l’operazione.

Ricordiamo che è possibile consultare, eliminare e se lo si desidera ascoltare tutti i comandi vocali impartiti ad Alexa anche attraverso l’applicazione mobile dell’assistente, accedendo alle “Impostazioni”, selezionando poi “Account Alexa” e infine “Cronologia”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ComputArte scrive:
    Se mai venisse effettivamente cancellato qualche cosa, FORSE sarebbero le clip audio...ma di certo NON la loro trascrizione o la post lavorazione del dato grezzo che nova il dato non più appartenente all'utente....E ' ORA DI SVEGLIARSI!!!! tutta questa tecnologia SMART è semplicmente ingegnerizzata per spiare....prima si capirà , prima si inizierà a proteggere la privacy, visto che l'unico vero passa avanti è il GDPR e molti ancora ignorano l'intimo funzionamento di questa tecnologia INFEDELE! Andatevi a leggere cosa Amazon ha risposto in merito a domande "scomode" al Senatore Coons : https://www.coons.senate.gov/news/press-releases/amazon-responds-to-sen-coons-concerns-about-consumer-privacy-practices-for-alexa-devices
  • user_ scrive:
    Alexa rma alexa ritorna ad amazon ,rimborso soldi ASAP
  • Fabio scrive:
    Ma li cancella dal tuo dispositivo o dai server Amazon? E, nel secondo caso, lo farà davvero?
    • Piego Angela scrive:
      Domande come questa ormai sembrano ina chimera, nel giornalismo odierno.
    • Salve Fabio. La risposta è ovviamente la seconda. Essendo accessibili dal proprio account Amazon e da qualunque dispositivo, si trovano su server remoto.
      • Piego Angela scrive:
        La sicurezza che siano davvero cancellati non ce la potrà mai avere un utente. Per capirci, si dovrebbe accedere direttamente al server, "cercare" (aiutati che dio t'aiuta!ndr) i tuoi dati e vedere cosa riporta. Se non riporta nulla, allora sì, non esistono su quel server. Sinceramente? Non credo finchè non vedo. D'altronde quando n-mila utenti agiscono sui file dei propri account su server remoti, di servizi grossi come AWS, Google, ecc ecc, in quel momento hanno un flag di risposta (gli utenti) di richiesta completata. Ma di là? Sui server? Sono stati spostati, sovrascritti, (spazio) formattati(o), o niente di tutto ciò? Come posso io, utonto avere prova comprovabile? AWS è così enoooorme che ne servirebbe una "copia" differenziale per far sì che tutto ciò accada senza intoppi.
Fonte: Amazon
Chiudi i commenti