Ora sappiamo quanto Alphabet guadagna da YouTube

L'andamento del business per bigG nei risultati finanziari dell'ultima trimestrale: per la prima volta svelati gli introiti legati a YouTube.
L'andamento del business per bigG nei risultati finanziari dell'ultima trimestrale: per la prima volta svelati gli introiti legati a YouTube.

A pochi giorni di distanza dall’ingresso del gruppo nel club dei mille miliardi ecco pubblicati i risultati finanziari relativi all’ultima trimestrale di Alphabet. È la prima con Sundar Pichai nella veste di CEO ereditata dai dimissionari Larry Page e Sergey Brin. Per il gruppo di Mountain View si tratta della peggiore, in termini di ritmo di crescita, dal 2015 a oggi. Immediata la reazione del mercato azionario, con il titolo che in poche ore ha perso il 5%.

Il business di Alphabet-Google nell’ultima trimestrale

Ciò non significa ad ogni modo che l’azienda non stia continuando a crescere. Le entrate complessive per gli ultimi tre mesi del 2019 sono state pari a 46,08 miliardi di dollari (+17% anno su anno con utile da 10,67 miliardi) o 37,57 miliardi di dollari al netto dei costi di acquisizione per il traffico, comunque inferiori rispetto alle previsioni di Wall Street.

Il documento pubblicato è particolarmente interessante poiché, per la prima volta, rende noti i profitti generati da singole attività come ricerche online e advertising (98,1 miliardi di dollari in un anno, +15% rispetto al 2018), YouTube (15,1 miliardi in un anno delle pubblicità, +35,8%) e dalla divisione cloud (8,9 miliardi in un anno, +53%).

Il comparto hardware ha fatto registrare una flessione. Non è dato a sapere quali siano i numeri legati alle vendite dei singoli positivi, ma le migliori performance sono attribuite a Nest Mini e Nest Hub Max. È dunque possibile che i più recenti smartphone della linea Pixel non abbiano saputo soddisfare le aspettative. Ciò nonostante, la categoria Other Revenues che include anche i guadagni di YouTube non legati all’advertising (dunque dagli abbonamenti premium) e Play Store, ha segnato una crescita anno su anno del 10%.

Secondo la CFO Ruth Porat l’emergenza coronavirus potrebbe in qualche modo interferire con il business del gruppo legato ai prodotti se si registreranno rallentamenti nella catena di fornitura e nella fase di assemblaggio. Ricordiamo che la società ha deciso nei giorni scorsi di chiudere temporaneamente tutti gli uffici gestiti in Cina.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti