Altavista possiede il brevetto della ricerca?

Il motorone di ricerca sostiene di avere il brevetto dei sistemi di ricerca su Internet. E ritiene di poter trascinare in tribunale chi utilizzi tecnologie per indicizzare il Web. In pratica tutti i motori di ricerca, e non solo


Web – Oggi le guerre commerciali, vedi quella di Rambus nel mondo delle memorie, vengono portate avanti sempre più spesso a colpi di brevetti. E se BT pretende di perseguire le imprese americane rivendicando la proprietà dei link ipertestuali, Altavista vorrebbe ora denunciare, secondo quanto riportato da Internet World, tutti coloro che utilizzano le tecnologie di ricerca e indicizzazione dei siti Web, in pratica i sistemi standard utilizzati da tutti i motori di ricerca on-line.

Altavista si sente forte di 38 brevetti già registrati e di altri in via di registrazione, brevetti che, secondo il CEO di CMGI (la società che controlla il portale) David Wetherell, verranno fatti valere appena possibile, probabilmente già a partire da questo trimestre.

Wetherell ha giustificato la decisione dicendo che “sebbene Altavista stia facendo bene nel campo degli spazi pubblicitari, abbiamo pensato che per assicurarci davvero una forte crescita dovremmo fare leva sulla nostra posizione di licenziatari di tecnologie di ricerca”.

Giusto pochi giorni fa Altavista ha dovuto tagliare 200 posti di lavoro, circa il 25% del suo staff, e questo proprio in conseguenza di quella crisi che sta attanagliando le aziende che operano nel settore della pubblicità on-line.

I brevetti in mano a CMGI/Altavista potrebbero metterla in grado di pretendere royalty da un bel po ‘ di aziende. Lo stesso Wetherell dichiara che “virtualmente chiunque fuori di qui indicizzi il Web sta violando diversi nostri brevetti chiave”.

Ma non è finita. In teoria qualunque aziendina che possiede una Intranet ed utilizzi alcune delle tecnologie ormai divenute comuni per l’indicizzazione di record in un database (The Register ne indica qualcuna) incorre nello stesso pericolo in cui sembrano trovarsi d’improvviso tutti i motori di ricerca.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma non diciamo cazzate
    sarebbero 5 mesi che Hotmail ha adottato una nuova politica antispam???Ma se il numero di pubblicità menose aumenta a vista d'occhio??Ma chi volete prendere in giro??
  • Anonimo scrive:
    Bravi bel colpo
    Cosi' mi sono ritrovata rimossa la mia sottoscrizione ad alcune mailing list che avevano la "colpa" di generarmi troppo traffico.Bella pensata un vero Customer Care
  • Anonimo scrive:
    Re: Hotmail antispam? Per piacere...
    - Scritto da: Gianluca

    Avranno anche messo su una polita aggressiva
    anti spam, ma a me sembra che non aggredisca
    proprio nessuno...Anch'io ogni volta che apro l'account su Hotmail mi ritrovo decine di mail inutili! E noto anch'io che questo non succede con tutti gli altri provider di caselle e-mail! Come mai?!Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Non siamo tutti informatici
    Mi trovo daccordo con HotMail sulla sua decisione di bloccare gli antispam, io ricevo mail giornalmente con virus, sulla mia posta di Libero, ed e impossibile mettere filtri perche in mittente non ha nessun riferimento nel proprio indirizzo , risalgo solo sl suo IP, che e di TIN, contattato il provider TIN mi e stato risposto che loro non possono rilasciare informazioni sull'utente in quanto si tratta di privacy sull'utente, ma io che devo fare allora a me chi mi tutela dai pirati informatici?Il mio GRANDE NORTON fa un sacco di lavoro ogni volta che apro la mia posta...hehehehe mette tutto in quarantena, tra un po verra la febbre a 40 anche a me. CHE POSSO FARE.....? Non tutti siamo esperti informatici per raggirare tutti gli ostacoli della rete. Un saluto a tutti da MItica
    • Anonimo scrive:
      Re: Non siamo tutti informatici

      allora a me chi mi tutela dai pirati
      informatici?
      Il mio GRANDE NORTON fa un sacco di lavoro
      ogni volta che apro la mia posta...hehehehe
      mette tutto in quarantena, tra un po verra
      la febbre a 40 anche a me. CHE POSSO
      FARE.....? Non tutti siamo esperti
      informatici per raggirare tutti gli ostacoli
      della rete. Un saluto a tutti da MIticao ci diventi o stacchi il modem.In alternativa ti resta sempre il massacro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Hotmail antispam? Per piacere...
    - Scritto da: Gianluca

    Avranno anche messo su una polita aggressiva
    anti spam, ma a me sembra che non aggredisca
    proprio nessuno...il sistema utilizzato dalla microsoft si basa sulla lista dei server presenti sulla blacklist.ti posso assicurare che hotmail effettivamente NON riceve mail provenienti da server SMTP di quella lista.le mail indisiderate sono arrivati quindi da SMTP diversi, non presenti nella list. Come mai il tuo indirizzo sia stato diffuso dovresti piuttosto chiederlo a chi invii la mail..
  • Anonimo scrive:
    Re: Hotmail antispam? Per piacere...
    Sono completamente daccordo con te.Utilizzo 2 account gratis: yahoo e hotmail.COn hotmail ricevo mediamente 10/15 mail al giorno divise fra bulk mail e messaggi non filtrati dal loro sistema. Inoltre non posso neanche piu' bloccare la posta in arrivo da determinati account visto che il filtro accetta solo un numero massimo di indirizzi (mi pare 250).Cio' non succede con yahoo. A dire il vero qualche messaggio di spam arriva su questo account ma sempre in numero non confrontabile con quello di Hotmail.Evidentemente hotmail fornisce gli elenchi a chiccessia!
  • Anonimo scrive:
    basterebbe una mossa
    Sarebbe sufficiente integrare alla già esistente "posta generica" di Hotmail (che comunque non funziona sempre perfettamente) un filtro basato sulla rubrica.Tutto quello che hai in rubrica automaticamente "passa l'esame".Tutto quello che è inserito nei filtri "cattivoni" viene automaticamente cancellato... tutto il resto va nella "posta generica" per un certo periodo... dopodiché gradualmente viene cancellato automaticamente (se non lo rimuovi prima tu).Sarebbe così semplice, a mio avviso... e che la regola funzioni sia in entrata che in uscita.
    • Anonimo scrive:
      Re: basterebbe una mossa
      - Scritto da: Antonella D
      Sarebbe sufficiente integrare alla già
      esistente "posta generica" di Hotmail (che
      comunque non funziona sempre perfettamente)
      un filtro basato sulla rubrica.
      Tutto quello che hai in rubrica
      automaticamente "passa l'esame".Cosi' se un amico ti scrive una mail che gli ha dato un tuo amico, e tu non ce l'hai in rubrica, viene automaticamente tagliato fuori...Idem se per caso lo stesso amico che gia' avevi in rubrica, cambia account...poveraccio :) no la soluzione e' abbastanza complessa, bisogna inserire nella Black list i siti piu' "spammatori", in questo modo si ammazza il mercato della vendita degli indirizzi e lo si rende non fruttuoso...Ma non solo: appena un prodotto ti arriva in casella, lo si fa filtrare dai dns, cosi' che gli eventuali visitatori non riescano nemmeno a visitarlo. Se ti arriva la pubblicita' vuol dire che il sito e' "complice" degli spammatori, per cui va "punito"Lord Auberon
    • Anonimo scrive:
      Re: basterebbe una mossa
      Ciao Antonella.Volevo dirti che gia' esiste, solo che nessuno la usa.Prova a scrivere a abuse_it@hotmail.com e ti spiegano come fare.L'unico difetto e' che tutto cio' che non e' nella lista viene cestinato.E quando hai 120 messaggi di spam nel cestino, sai che bello andare a cercare i messaggi che potrebbero essere utili?Ciao!Nicola- Scritto da: Antonella D
      Sarebbe sufficiente integrare alla già
      esistente "posta generica" di Hotmail (che
      comunque non funziona sempre perfettamente)
      un filtro basato sulla rubrica.
      Tutto quello che hai in rubrica
      automaticamente "passa l'esame".
      Tutto quello che è inserito nei filtri
      "cattivoni" viene automaticamente
      cancellato... tutto il resto va nella "posta
      generica" per un certo periodo... dopodiché
      gradualmente viene cancellato
      automaticamente (se non lo rimuovi prima
      tu).
      Sarebbe così semplice, a mio avviso... e che
      la regola funzioni sia in entrata che in
      uscita.
  • Anonimo scrive:
    Sono d'accordo con Hotmail!!!
    Io sono un utente hotmail, devo dire che mi trovo benissimo funziona tutto a dovere. Mi arrivavano un centinaio di e-mail al giorno di cui io ignoravo l'esistenza e personalmente mai richieste è bastato chiedere il blocco è tutto si è risolto! Certo bloccare l'e-mail di persone che sono in buona fede senza avvertire il cliente non è una cosa che fa onore!!! Basterebbe un'avvertimento, anche perchè generalmente chi possiede un servizio hotmail ha altre alternative quindi con un semplice avviso si risolverebbe il tutto.Saluti Giovanni
  • Anonimo scrive:
    Ma a me pare
    che la cosa più grave è che ancora si permette alle aziende o a chiunquedi vendere dati personali, con o senza autorizzazione.Dovrebbe essere un mercato perlomeno illegale, altro che quello della droga...Se io posso acquistare 5 milioni di indirizzi email per 150 dollari (e a mia volta rivenderli...) mi dite come si salva l'utente?
  • Anonimo scrive:
    Ha Fatto Bene
    Continua così Bill Gates , hai fatto bene, se non ci fossi tu, a quest'ora saremo ancora a vedere le pagine web con il Netscape con poche immagini e solo scrittura!
Chiudi i commenti