Amazon, nuovo fascicolo dell'antitrust europea

L'antitrust europea ha avviato un approfondimento ufficioso sul modo con cui Amazon gestisce i dati dei venditori del marketplace.

Amazon, nuovo fascicolo dell'antitrust europea

La Commissione Europea ha aperto un nuovo fascicolo su Amazon: sebbene al momento non sia stata ancora aperta alcuna indagine formale, né pendano capi d’accusa ufficiali sul marketplace di Jeff Bezos, l’antitrust europea ha fatto sapere di aver mosso i primi passi per approfondire il modo in cui Amazon sfrutta il proprio rapporto con i venditori terzi che sfruttano la piattaforma del gruppo.

Della notizia non v’è traccia sul sito ufficiale della Commissione perché al momento di ufficiale non c’è nulla: tutto quel che è dato sapersi trapela dalle parole della commissaria antitrust Margrethe Vestager, la quale ha fatto sapere di voler approfondire il modo in cui Amazon ha sfruttato i dati di vendita relativi ai venditori terzi presenti sul proprio marketplace, sfruttando tali dati a proprio vantaggio.

La sensazione è che nel mirino vi possano essere entità prodotte o distribuite direttamente da Amazon, la quale potrebbe aver scelto ambiti, oggetti e prezzi sulla base di quanto appreso dalle vendite altrui. Così facendo la piattaforma andrebbe a sfruttare in modo potenzialmente illecito i dati di altre aziende per ricavarne un vantaggio diretto. Lo snodo sta nell’ambiguo rapporto che si crea tra le parti, poiché Amazon riveste al tempo stesso il triplo ruolo di ospite per i venditori, di concorrente sui medesimi prodotti e di gestore delle promozioni per i cosiddetti Prodotti Sponsorizzati.

Come vendere su Amazon

Tutto quel che la Vestager si è limitata a confermare è il fatto che una serie di questionari sia stata inviata ad alcuni venditori attivi su Amazon, così da indagare sull’esperienza fin qui avuta e per ricavarne informazioni utili ad approfondire il ruolo di Amazon in questa vicenda. “Vogliamo essere certi”, ha spiegato Margrethe Vestager, “di avere ben chiara la situazione”. Il che lascia intendere come i sospetti siano in cerca di conferma.

Fonte: Reuters

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti