Amazon consegna a casa e dentro casa

Dopo i test condotti con esito positivo, Amazon avvierà dall'8 novembre la consegna "in-home" in numerose città degli Stati Uniti. E il suo "kit" tecnologico (serratura elettronica, videocamera) sta già riscuotendo l'interesse di numerosi partner commerciali

Roma – Il servizio di recapito degli acquisti online consegnati dentro le mura di casa è realtà . Il recente test condotto da Amazon in collaborazione con alcuni partner che si occupano di dispositivi di sicurezza è andato a buon fine, convincendo la corporation a proseguire per questa strada. Amazon Key , disponibile in 37 città degli Stati Uniti prevede l’abilitazione elettronica all’apertura della porta di casa e può essere corredato da un dispositivo di videoregistrazione che permette da remoto di seguire l’operazione di consegna: l’ Amazon Key In-Home Kit , consegnato e installato da tecnici specializzati, è disponibile al momento per una ristretta schiera di utenti Prime al costo di 249,99 dollari.

Amazon

Peter Larsen, vicepresidente di Amazon Delivery Technology commenta così: “Amazon Key dà ai clienti la tranquillità di sapere che i loro ordini sono stati consegnati in sicurezza nelle rispettive case (…). “Adesso gli utenti Prime possono scegliere la consegna in casa e vedere opportunamente i pacchetti consegnati direttamente dal telefono cellulare”. Al momento della consegna l’utente viene avvisato grazie a comode notifiche con la possibilità di vedere live cosa sta accadendo e con la possibilità di lasciare una recensione relativa alla procedura di consegna.

A differenza di quanto previsto durante i primi test, in cui erano state impiegate cassette di sicurezza contenti le chiave di casa o quelle dell’ automobile , ora si prevede un uscio di casa completamente elettronico (la serratura è proposta sia da Kwikset che da Yale a discrezione dell’utente) apribile mediante inserimento di un codice o un comando da remoto . Ma per tutelare la sicurezza Amazon prevede di munirsi di meccanismi di controllo integrativi. Non si tratta solo di rimpiazzare la chiave con un codice, ma anche di verificare la correttezza dell’indirizzo e l’orario ogni volta che un autista richieda un codice per entrare nella casa dell’acquirente. Il tutto protetto da un processo di autenticazione criptato . La necessità di un riconoscimento visuale viene a questo punto soddisfatta con l’entrata in azione della Amazon Cloud Cam che comincia a registrare poco prima che la porta venga aperta (molto meglio di Amazon Photo on Delivery ). Amazon specifica che “nessun codice di accesso o chiave sono affidati agli incaricati alla consegna e tutto il processo è registrato e conservato attraverso Amazon’s Happiness Guarantee”. Quest’ ultimo è una garanzia che copre gli acquisti effettuati con la modalità di recapito in casa, prevedendo anche una copertura assicurativa in caso di danneggiamenti fino a 2.500 dollari.

Amazon

Cloud Cam, venduta anche separatamente, è una videocamera di sorveglianza intelligente (al suo interno c’è Alexa) da 1080p (Full HD), con riconoscimento visivo e in grado di registrare su cloud AWS anche in modalità notturna . I suoi algoritmi e sistemi di allerta intelligenti sono inoltre continuamente migliorati, come sottolinea Charlie Tritschler, Vice Presidente di Amazon Devices. Gli utenti che la sfrutteranno (con una sottoscrizione annuale) congiuntamente al servizio di consegna potranno così essere rassicurati che chi entra in casa si limiterà a depositare il pacco senza approfittare del momento di solitudine.

Amazon Key, oltre a migliorare l’esperienza di acquisto tramite e-commerce, può essere utilizzato anche con finalità differenti. Gli utenti possono impostare una frequenza e un tempo di durata dell’accesso a persone autorizzate e decidere i contatti da monitorare attraverso la videocamera. Ma al di là di ciò Amazon è rimasta saldamente ancorata al business nel lanciare il progetto. L’utilizzo del suo servizio è esteso infatti anche ad altri player , inquadrati all’interno di partnership commerciali, come Merry Maids (servizio di pulizie), Dog sitter di Rover.com e altri 1.200 servizi professionali raccolti in Amazon Home Services .

Amazon non scherza più: “Questo non è un esperimento, d’ora in avanti è parte fondamentale dell’esperienza di acquisto su Amazon” – è il commento dei vertici dell’azienda. Qualcuno aveva dubbi?

Mirko Zago

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Che ne pensa la NRA?
    Chissa' che cosa ne pensa la NRA (National Rifle Association), la potente lobby che consente a qualunque minorenne di entrare a scuola armato di AK47 e cartucciera a tracolla, di questi droni che svolazzano liberamente sopra le proprieta' private degli americani.Ci sara' sicuramente una legge che stabilisce che sparare ad un drone che sorvola una abitazione non e' reato.Oppure i droni saranno piu' tutelati dei negri?
    • 12d78a08307 scrive:
      Re: Che ne pensa la NRA?

      Oppure i droni saranno piu' tutelati dei negri?Lo sono già. Ricercati l'articolo di un anno fa del tizio multato per aver sparato al drone che spiava la figlia mentre prendeva il sole in giardino.
Chiudi i commenti