Amazon ha assunto 2600 persone in Italia nel 2020

Amazon racconta quello che è stato il rapporto con il mercato del lavoro in Italia nel 2020 e preannuncia oltre 1000 assunzioni già previste per il 2021.
Amazon racconta quello che è stato il rapporto con il mercato del lavoro in Italia nel 2020 e preannuncia oltre 1000 assunzioni già previste per il 2021.

Nel 2020 Amazon ha creato ulteriori 2600 posti di lavoro in tutta Italia. Un anno particolare, che per molti versi segna una svolta: il ruolo di Amazon durante il lockdown è stato infatti particolarmente delicato ed è per questo che il gruppo ci tiene a sottolineare il modo in cui questi posti di lavoro sono stati generati ed il loro ruolo strutturale nella crescita del gruppo nel nostro Paese.

Amazon, espansione è lavoro

Il gruppo di Jeff Bezos spiega infatti come le opportunità lavorative siano state create in modo diffuso sul territorio e con posizioni del tutto trasversali: “dagli ingegneri e sviluppatori di software ai profili alla prima esperienza nei nostri centri logistici, con un salario di ingresso di 1.550 euro lordi comprensivi di benefit, opportunità di carriera e crescita professionale“.

Amazon è un potente motore di crescita per l’economia italiana. Attraverso l’innovazione, gli investimenti e la creazione di posti di lavoro, Amazon sta contribuendo a trasformare il potenziale economico delle comunità urbane e rurali in tutta Italia. Abbiamo investito molto nell’economia italiana e nelle sue persone, impiegando direttamente quasi diecimila risorse di talento che ricevono fin dal primo giorno una retribuzione competitiva e benefit, e creando, secondo studi indipendenti, 120.000 posti di lavoro aggiuntivi attraverso effetti indiretti. I nostri crescenti investimenti nel “Piano Italia” sono volti a costruire l’infrastruttura digitale e fisica per fornire prodotti e servizi a milioni di clienti italiani e ad aiutare lo sviluppo digitale di oltre 14.000 piccole e medie imprese italiane. Li consideriamo una risorsa per accelerare la trasformazione digitale del Paese e sostenere l’economia italiana nella fase di ripresa.

Mariangela Marseglia, VP Country Manager Amazon.it

Per il 2021 il gruppo prevede l’apertura di due ulteriori centri di distribuzione: uno presso Novara e l’altro presso Spilamberto (MO): si tratta di un investimento da 230 milioni di euro che andrà a generare circa 1100 ulteriori posti di lavoro (superando così quota 10 mila sulle 40 sedi disponibili sul territorio nazionale), con standard di lavoro e di sicurezza sempre più elevati anche grazie alle importanti sfide affrontate nel corso dell’anno della pandemia.

Chiunque fosse interessato alle opportunità disponibili in Amazon può trovare un elenco di posizioni aperte tramite la pagina dedicata.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 01 2021
Link copiato negli appunti