Amazon, un settembre di novità

Il colosso statunitense ha presentato la sua nuova linea di tablet ed e-reader per l'autunno. Prezzi economici per un business che punta soprattutto sui contenuti, per dare battaglia a Google Android e all'iPad di Apple

Roma – In un evento dedicato alla stampa tenuto a Los Angeles, Amazon ha presentato i suoi nuovi prodotti elettronici per la lettura, l’intrattenimento e la fruizione di contenuti in mobilità. La società fondata da Jeff Bezos ne ha per tutti i giusti, a prezzi economici o comunque concorrenziali rispetto a quelli dei suoi principali competitor – Apple e Google.

La parola d’ordine della conferenza stampa è stata ovviamente Kindle su tutta la linea, anche se a conti fatti si tratta di un mezzo (l’hardware) per raggiungere un fine e vendere servizi agli utenti piuttosto che gadget portatili. Non è stato presentato nessun smartphone, contrariamente a quanto le indiscrezioni prevedevano.

Amazon rinnova la propria line-up a partire dal Kindle originale , che costa ora 69 dollari, mentre è stato presentato un nuovo modello Paperwhite espressamente pensato per una lettura agevole e dotato di uno schermo ad alta definizione illuminato frontalmente , con una maggiore durata della batteria e connessione 3G opzionale. Prezzo a partire da 119 dollari – 179 con la connettività mobile.


A fare la parte del leone sono poi stati i nuovi modelli di Kindle Fire , i tablet basati su una versione personalizzata (fork) di Android pensati per l’intrattenimento a 360 gradi piuttosto che per la sola lettura: i tablet sono ora più potenti, hanno una maggiore quantità di memoria e una durata della batteria superiore.

Kindle Fire ha un costo di 159 dollari ( 159 euro in Italia ) mentre il modello HD parte da un prezzo di 199 dollari ( 199 euro in Italia ) per la versione con schermo da 7 pollici e 16 Gigabyte di storage (batteria della durata di 11 ore). Disponibile anche una versione con schermo da 8,9 pollici, e una “extra-lusso” dotata di connettività 4G (LTE) al costo di 499 dollari negli USA.


Il Kindle Fire HD LTE viene commercializzato assieme a un piano dati specifico , che per 50 dollari all’anno fornisce un traffico di 250 Megabyte mensili più 20 Gigabyte di storage su Amazon Cloud e 10 dollari di credito per l’acquisto di “app” dallo store gestito dalla società.

Convenienza, potenza funzionalità e soprattutto servizi: Amazon offre i propri dispositivi mobile a un prezzo inferiore a quelli di Apple (soprattutto nel caso del tablet con connettività LTE) ma dotati di un’interfaccia rifinita diversamente dai prodotti standard basati su Google Android, con l’obiettivo di meglio competere con entrambe.

Quel che è certo è che l’obiettivo dichiarato di Amazon non è semplicemente commercializzare “gadget”: come lo stesso CEO ha rimarcato, la società statunitense vende servizi e prodotti con un occhio alle necessità degli autori e al ritorno di vecchi classici con le serializzazioni che si aggiornano automaticamente una volta acquistate la prima volta (1,99 dollari cadauna). Si comincia con i romanzi a episodi di Dickens.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pino Barile scrive:
    Geolocalizzazione obbligatoria
    Funziona solo se avete il servizio di geolocalizzazione abilitato.Altrimenti non va.Disinstallata subito :D
  • ruttolo scrive:
    Wow
    questa si che e un'economia sana. Un'azienda con 16 dipendenti vale 700 mln di dollari?Cmq penso che non mi dispiacerebbe lavorare per Instagram :)
    • ciuchino scrive:
      Re: Wow
      La prima cosa che ho pensato leggendo il post! Ebbravi questi di Istangram!
    • pentolino scrive:
      Re: Wow
      - Scritto da: ruttolo
      questa si che e un'economia sana. Un'azienda con
      16 dipendenti vale 700 mln di
      dollari?sinceri complimenti alle persone che stanno dietro ad Instagram, che hanno creato un prodotto di grande sucXXXXX!
      Cmq penso che non mi dispiacerebbe lavorare per
      Instagram
      :)beh dipende, se alla fine lavorano come se fossero 200 non sono sicuro che sia un grade affare :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 settembre 2012 16.33-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti