AMD abbandona il suo PC low-cost

PIC avrebbe dovuto proporsi come soluzione a basso budget per i mercati emergenti: dopo due anni AMD ha deciso di concludere l'esperienza a causa delle poche vendite

Roma – AMD ha annunciato che il proprio progetto umanitario 50×15 , che si proponeva di mettere PC e connettività Internet alla portata del 50% o più della popolazione mondiale entro il 2015, dovrà fare a meno del suo computer low-cost. PIC (Personal Internet Communicator). Così era stato battezzato nel 2004 e avrebbe dovuto conquistare i mercati emergenti, forte di un prezzo di listino prossimo ai 250 dollari e di una dotazione sufficientemente completa per ogni esigenza base.

E invece, a distanza di poco più di due anni, un comunicato depositato presso la Securities and Exchange Commission statunitense ne ha decretato lo stop produttivo. “Le entrate generate dalle vendite di PIC non sono state sufficienti e quindi abbiamo deciso di interromperne la produzione”, si legge nel documento ufficiale.

PIC, certamente, non si è distinto come un mostro di potenza, ma grazie al processore AMD Geode x86, 128 MB di RAM, un hard disk da 10 GB, porta USB e modem sembrava avere qualche carta da giocare sul terreno dei low-cost. Tanto più che proprio nel dicembre del 2005 era riuscito a far breccia in Turchia e Brasile grazie a partner locali e ad un programma di noleggio. Ma a quanto pare non è bastato, e alcuni detrattori sostengono che alla debacle abbia contribuito anche l’arrembante Negroponte con il suo programma One Laptop Per Child ( OLPC ).

In verità, alcuni analisti sostengono che comunque AMD non ne uscirà sconfitta, dato che l’OLPC monta proprio i suoi processori Geode GX2-500. La vera sfida, invece, si accenderà a breve con la versione Intel del PC low-cost, dotata di sistema operativo Microsoft, e con quella cinese basata su Dragon chip .

Tre prodotti diversi per mercati emergenti, con prezzi che saranno compresi fra i probabili 125 dollari del modello cinese e i 250 dollari della versione Intel. Il tutto mentre non si placa la polemica tra alcuni esponenti open source e il team di OLPC, colpevole secondo il padre di OpenBSD di aver tradito la “causa” decidendo di utilizzare alcune tecnologie proprietarie.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    state attenti
    Faccio parte di un lug ma sta cosa mi sembra assurda.Gente che, una volta chiamata, corre a casa della gente a sistemargli i pc? sti' poveri ragazzi sempre dietro a correre da una parte all'altra di roma... e chi li paga? il comune di roma? ma non scherziamo. Ma che ci vada il rettore (rettore di una azienda?).I lug, che pure danno molta assistenza agli utenti finali anche quelli che non sanno nulla, non corrono a casa della gente, se l'utente si interessa va ad una loro riunione, gli porta il pc, legge la documentazione e quello che non capisce chiede... anche perche' un approccio del tutto "assistenzialista" graverebbe esageratamente sui "tecnici".Inoltre questo "lazarus NX" e' proprietario: basato su nomachine, magari inizialmente te lo propinano come libero (perche' c'e' anche il client opensource) pero' poi ti spingono verso il proprietario.
  • Anonimo scrive:
    Qui Bolzano...
    Ho visitato il sito http://www.FLOSSIE.it segnalato dal prof. Carugo e mi sono imbattuto nell' icona 'Qui Bolzano'.Così, cliccando quell' icona ho avuto modo di apprendere che - grazie all' intelligenza dei dirigenti della locale Sovraintendenza Scolastica - tutte le scuole di lingua italiana della Provincia Autonoma di Bolzano hanno sostituito nei loro PC e nei loro Server il software proprietario - presumo Windows, Office e quant'altro - con il Software Libero: Linux, OpenOffice, ecc.A quanto pare, con grande soffisfazione sia da parte degli insegnanti che degli studenti.Di certo con la piena soddisfazione dei contribuenti del posto, visto che l' operazione FUSS permette di risparmiare, sopratutto in prospettiva, ragguardevoli somme di denaro pubblico. Ora, in tempi di Finanziaria, mi chiedo quanti milioni di euro lo Stato italiano potrebbe risparmiare se anche il Ministero della Pubblica Istruzione adottasse una iniziativa similare.
    • pippo75 scrive:
      Re: Qui Bolzano...

      FUSS permette di risparmiare, sopratutto in
      prospettiva, ragguardevoli somme di denaro
      pubblico.concordo sul tutto, ma chiamarle ragguardevoli......
      Ora, in tempi di Finanziaria, mi chiedo
      quanti milioni di euro lo Stato italiano
      potrebbe risparmiare se anche il Ministero della
      Pubblica Istruzione adottasse una iniziativa
      similare. alcune cose sono gia' state fatte, se non sbaglio e' stato firmato un accordo con la Sun per fornire Staroffice alle scuole ( non so dirti se tutte oppure no).Cmq. ho saputo da una maestra che insegna nel mio paese che nella sua scuola usano open office ( per questioni anche di costo )
  • Anonimo scrive:
    L'incertezza del futuro.
    Una serie di interrogativi fatti sulla base delle recenti alleanze e movimenti dei Big dell'IT.http://www.techworld.com/storage/blogs/index.cfm?entryid=311&blogid=3
  • Anonimo scrive:
    Re: Ringrazio di cuore la Redazione di P
    Premesso che sono contento che ci siano iniziative volte a aumentare le conoscenze a livello informatico.Per una cosa, parli bene del prodotto open, pero' nei fai cattiva pubblicita'.Sbaglio o frontpage e' un applicativo di msoffice Linux Angels
    • outkid scrive:
      Re: Ringrazio di cuore la Redazione di P
      Che t'aspetti.. linux non e' per tutti.. dubito che a livello di licei esca un gruppo tanto folto da creare un movimento.. ci saran uno, due leader che in un istituto possono capirne.. ma voglio dire.. installeranno ubuntu a tutti ma al primo problema.. dovranno chiamare il CEO del movimento per far partire una scheda audio.. quindi.. vediam che si puo' cavar fuori dal progetto linux.. poi per la roba di facciata ci affidiamo ai potenti, perche' tali sono, strumenti WYSIWYG di mamma Microsoft.. voglio sape' come faranno poi ad insegnare ad usare Nvu sti espertoni..
    • Anonimo scrive:
      Re: Ringrazio di cuore la Redazione di P
      - Scritto da:

      Premesso che sono contento che ci siano
      iniziative volte a aumentare le conoscenze a
      livello
      informatico.


      Per una cosa, parli bene del prodotto open, pero'
      nei fai cattiva
      pubblicita'.

      Sbaglio o frontpage e' un applicativo di msoffice


      content="text/html;
      charset=windows-1252"


      content="FrontPage.Editor.Document"

      Linux Angels
      SMUAHAHAAHAAAHAHAHAHAHAHHHHHHH(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)HASTA L'OPENSOURCE COMPAGNEROS!!!! ARMIAMOCI E PARTITE!!!!!!!!! :D
  • Anonimo scrive:
    I PC si noleggiano NON si comprano!!!
    I PC si noleggiano NON si comprano!!!Chi compra ancora i PC per la PA o per altre grandi organizzazioni dovrebbe pagarli di tasca propria!
    • Anonimo scrive:
      Re: I PC si noleggiano NON si comprano!!
      - Scritto da:
      I PC si noleggiano NON si comprano!!!

      Chi compra ancora i PC per la PA o per altre
      grandi organizzazioni dovrebbe pagarli di tasca
      propria!E perchè mai? Non credo che convenga il noleggio (magari mi sbaglio...).
    • Anonimo scrive:
      Re: I PC si noleggiano NON si comprano!!
      - Scritto da:
      I PC si noleggiano NON si comprano!!!

      Chi compra ancora i PC per la PA o per altre
      grandi organizzazioni dovrebbe pagarli di tasca
      propria!Si... ho notato... un noleggio triennale che costa quanto il PC... Solo che al termine dei tre anni devi ridare il PC indietro...Magari ci sono vantaggi fiscali, ma a prima vista non mi sembra un affarone...Detto questo, i PC resi dall'affitto che fine fanno ? Vengono disintegrati ? Perchè in caso contrario non capisco il senso del tuo post...
      • Anonimo scrive:
        Re: I PC si noleggiano NON si comprano!!
        oltre al fatto che:a) i primi 3 anni alla pa "principale"b) poi altri 2-3 alla scuola (sarebbero da invertire le prime due voci...)c) e, se ancora funzionanti, in sedi di associazioni periferiche sino a fine vitaalla fine 6-7 anni di vita complessiva..
    • Anonimo scrive:
      Re: I PC si noleggiano NON si comprano!!
      Anche la mia azienda ha tutti i pc a noleggio..Se lo fanno avranno dei vantaggi credo.
      • outkid scrive:
        Re: I PC si noleggiano NON si comprano!!
        probabilmente hanno vantaggi quando decidono di aggiornare tutto l'hardware.. se qualcuno lo fa (nel privato non nel pubblico) significa che ci sono previsioni sul lungo termine piu' vantaggiose.
  • Anonimo scrive:
    400.000 copie di openoffice in francia
    A settembre l'amministrazione centrale francese ha deciso di migrare office2000 e office 2003 a openoffice anziché a office2007,tenendo presente le ricerchee le esperienze fatte in materia, per esempio quella danese, dove la PA hapubblicato una ricerca molto seria in cuisi dimostra che il costo di installazioneè uguale, ma si risparmia moltissimo in licenze, in modo tale che si può fare unminimo di formazione del personale e restanosvariati milioni di euro.Inoltre, una voltaeffettuata la formazione, per il futuro nonsi è piu dipendenti dalle schifezze di b.gatesquindi la PA francese ha deciso di migrare nel 2007 una prima tranche di 400.000 postazioni a openoffice: a inizio ottobreanche il ministero francese dell'agricoltura e pesca ha annunciato lo stesso piano, per motivi sia economici che di controllo dei dati e degli archivi, che con openoffice passa dalla microsfot alla PA stessatutto ciò segue le decisioni analoghe dell'intera PA di Norvegia, Belgio e Danimarca, nonché di molte città europee tra cui Monaco di Baviera e ViennaNaturalmente, una volta che gli impiegati sono stati formati a openoffice, firefox, etc, il passaggio da win xpuzz a linux diventa molto semplicedChi è che si fa ancora avanti a fare il testimone di geova per quella schifezza di windows ? No, noi non siamo scemi,non vogliamo scialare soldi pubblici in schifezze alla faccia di malati, vecchi e precari, non vogliamo piu la robaccia supercostosa per fare assistenza sociale all'uomo piu ricco del mondo
    • Anonimo scrive:
      Re: 400.000 copie di openoffice in franc
      - Scritto da:
      A settembre l'amministrazione centrale francese
      ha deciso di migrare office2000 e office 2003 a
      openoffice anziché a office2007,tenendo presente
      le
      ricerche
      e le esperienze fatte in materia, per esempio
      quella danese, dove la PA
      ha
      pubblicato una ricerca molto seria in cui
      si dimostra che il costo di installazione
      è uguale, ma si risparmia moltissimo in
      licenze, in modo tale che si può fare un
      minimo di formazione del personale e restano
      svariati milioni di euro.Inoltre, una volta
      effettuata la formazione, per il futuro non
      si è piu dipendenti dalle schifezze di b.gates

      quindi la PA francese ha deciso di migrare nel
      2007 una prima tranche di 400.000 postazioni a
      openoffice: a inizio
      ottobre
      anche il ministero francese dell'agricoltura e
      pesca ha annunciato lo stesso piano, per motivi
      sia economici che di controllo dei dati e degli
      archivi, che con openoffice passa dalla microsfot
      alla PA
      stessa

      tutto ciò segue le decisioni analoghe dell'intera
      PA di Norvegia, Belgio e Danimarca, nonché di
      molte città europee tra cui Monaco di Baviera e
      Vienna

      Naturalmente, una volta che gli impiegati sono
      stati formati a openoffice, firefox, etc, il
      passaggio da win xpuzz a linux diventa molto
      sempliced

      Chi è che si fa ancora avanti a fare il testimone
      di geova per quella schifezza di windows ? No,
      noi non siamo scemi,non vogliamo scialare soldi
      pubblici in schifezze alla faccia di malati,
      vecchi e precari, non vogliamo piu la robaccia
      supercostosa per fare assistenza sociale all'uomo
      piu ricco del
      mondoper la gioia di SUN
      • Anonimo scrive:
        Re: 400.000 copie di openoffice in franc
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        A settembre l'amministrazione centrale francese

        ha deciso di migrare office2000 e office 2003 a

        openoffice anziché a office2007,tenendo presente

        le

        ricerche

        e le esperienze fatte in materia, per esempio

        quella danese, dove la PA

        ha

        pubblicato una ricerca molto seria in cui

        si dimostra che il costo di installazione

        è uguale, ma si risparmia moltissimo in

        licenze, in modo tale che si può fare un

        minimo di formazione del personale e restano

        svariati milioni di euro.Inoltre, una volta

        effettuata la formazione, per il futuro non

        si è piu dipendenti dalle schifezze di b.gates



        quindi la PA francese ha deciso di migrare nel

        2007 una prima tranche di 400.000 postazioni a

        openoffice: a inizio

        ottobre

        anche il ministero francese dell'agricoltura e

        pesca ha annunciato lo stesso piano, per motivi

        sia economici che di controllo dei dati e degli

        archivi, che con openoffice passa dalla
        microsfot

        alla PA

        stessa



        tutto ciò segue le decisioni analoghe
        dell'intera

        PA di Norvegia, Belgio e Danimarca, nonché di

        molte città europee tra cui Monaco di Baviera e

        Vienna



        Naturalmente, una volta che gli impiegati sono

        stati formati a openoffice, firefox, etc, il

        passaggio da win xpuzz a linux diventa molto

        sempliced



        Chi è che si fa ancora avanti a fare il
        testimone

        di geova per quella schifezza di windows ? No,

        noi non siamo scemi,non vogliamo scialare soldi

        pubblici in schifezze alla faccia di malati,

        vecchi e precari, non vogliamo piu la robaccia

        supercostosa per fare assistenza sociale
        all'uomo

        piu ricco del

        mondo

        per la gioia di SUNsi beh certo.Non este il prodotto FREE da tutto.Anzi esiste solo in qualche mente bacata ed indealista.Di sicuro meglio Sun che e' un concorrente fa' un "prezzo" migliore e non ha il 90% del mercato.
        • outkid scrive:
          Re: 400.000 copie di openoffice in franc

          si beh certo.Non este il prodotto FREE da
          tutto.Anzi esiste solo in qualche mente bacata ed
          indealista.Di sicuro meglio Sun che e' un
          concorrente fa' un "prezzo" migliore e non ha il
          90% del
          mercato.Sun ci guadagna che logora col suo prodotto il mercato Microsoft.. diventa un nome affidabile anche per un mercato desktop.. e potra' imporre piu' facilmente suoi prodotti a pagamento.. diciamo che e' una specie di pubblicita' che si fa.. insomma.. noi usiamo il suo ottimo prodotto free ma allo stesso tempo siam veicoli entusiasti della sua pubblicita'.dire che accontenta un po' i bisogni di tutti.
      • Anonimo scrive:
        Re: 400.000 copie di openoffice in franc
        - Scritto da:


        Naturalmente, una volta che gli impiegati sono

        stati formati a openoffice, firefox, etc, il

        passaggio da win xpuzz a linux diventa molto

        semplicedcerto perchè software per la PA per te vuol dire solo letterine e browserquesto la dice lunga sulla vostra professionalità da cantinaah, linux... linux... ma cosa gli fai a questi ragazzi? :$
        • Anonimo scrive:
          Re: 400.000 copie di openoffice in franc
          - Scritto da:

          - Scritto da:





          Naturalmente, una volta che gli impiegati sono


          stati formati a openoffice, firefox, etc, il


          passaggio da win xpuzz a linux diventa molto


          sempliced

          certo perchè software per la PA per te vuol dire
          solo letterine e
          browser

          questo la dice lunga sulla vostra professionalità
          da
          cantina

          ah, linux... linux... ma cosa gli fai a questi
          ragazzi?
          :$certo: spero che tu ti ammali gravemente e all'ospedale ti dicano, sorry, non abbiamo medici e medicine ma vista e office 2007, lei sarà contento di crepare vero ?te lo meriti
          • Anonimo scrive:
            Re: 400.000 copie di openoffice in franc
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:








            Naturalmente, una volta che gli impiegati
            sono



            stati formati a openoffice, firefox, etc, il



            passaggio da win xpuzz a linux diventa molto



            sempliced



            certo perchè software per la PA per te vuol dire

            solo letterine e

            browser



            questo la dice lunga sulla vostra
            professionalità

            da

            cantina



            ah, linux... linux... ma cosa gli fai a questi

            ragazzi?

            :$
            certo: spero che tu ti ammali gravemente e
            all'ospedale ti dicano, sorry, non abbiamo medici
            e medicine ma vista e office 2007, lei sarà
            contento di crepare vero
            ?
            te lo meritie perchè mai mi meriterei la morte? sentiamo...bah... comunque se in un ospedale, come in qualsiasi PA, togli i costi di licenza software, nessuno noterà la differenzae ora torna a sbaciucchiarti il peluche di tux che hai sul cuscino :$
        • Anonimo scrive:
          Re: 400.000 copie di openoffice in franc
          - Scritto da:

          - Scritto da:





          Naturalmente, una volta che gli impiegati sono


          stati formati a openoffice, firefox, etc, il


          passaggio da win xpuzz a linux diventa molto


          sempliced

          certo perchè software per la PA per te vuol dire
          solo letterine e
          browser

          questo la dice lunga sulla vostra professionalità
          da
          cantina

          ah, linux... linux... ma cosa gli fai a questi
          ragazzi?
          :$per i babbei come te, che ascoltano la tv, openoffice è troppo poco; devi scrivere la letterozza con un pentium quad core da 3000euro tanto sei rincoglionitoper la PA francese, che ti sputa in faccia quando vuole, openoffice è il futurotu resta pure alla pecora per tutta la vita con un bastone bello grosso infilato per svariate decine di cm: solo quando ululi di piacere cerca di chiudere la finestra, perché fai schifo
          • Anonimo scrive:
            Re: 400.000 copie di openoffice in franc
            - Scritto da:

            openoffice è il
            futuro(rotfl)
            tu resta pure alla pecora per tutta la vita con
            un bastone bello grosso infilato per svariate
            decine di cm: solo quando ululi di piacere cerca
            di chiudere la finestra, perché fai
            schifofinora il culo ce l'ho pieno solo di soldi miei, in futuro vedremo :-otu intanto torna a dare un'occhiata al tuo account paypal... si sa mai qualcuno ti doni un obolo in centesimi per pagarti l'hosting :'(
      • Anonimo scrive:
        Re: 400.000 copie di openoffice in franc

        per la gioia di SUNe soprattutto dei contribuenti, degli anziani, dei malati, delle famigliecerto, facciamoci un esame di coscienzaanche l'uomo piu ricco del mondo, che potrebbe curare tutti gli africani di aids e malaria, e che potrebbe sfamare gli indigenti sud-sahariani per un secolo, e gliene resterebbero piange, noi gli sputiamovolentieri in faccia
        • Anonimo scrive:
          Re: 400.000 copie di openoffice in franc
          - Scritto da:


          per la gioia di SUN
          e soprattutto dei contribuenti, degli anziani,
          dei malati, delle
          famigliegià... non ci avevo pensato, ecco come salvare la sanità in italia (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: 400.000 copie di openoffice in franc
      Guarda... lo dovrebbero fare santo.Ne ha fatti tanti di miracoli:1) Far credere che windows è un sistema operativo al mondo intero2) Rimuovere ogni barlume di spirito critico su un quarto della popolazione terrestre (un'altro quarto ha capito, il resto non ha soldi).3) Moltiplicare Soldi e soldoni nelle sue tasche (altro che pani e pesci ai poveri)4) Azzerare qualunque possibilità di conocorrenza e di conoscenza informatica sul pianeta.5) Grazie ad una sua apparizione la Free Software Foundation e il movimento GNU hanno avuto inizio6) E' riuscito a far credere di essere un programmatore e non un piazzista.7) Riesce a far credere anche di essere un filantropo... (ovviamente prima dell'uscita di uno dei suoi prodotti...)(per ogni 10 che dona ne guadagna 2000...)Meno male che voltiamo pagina e saremo noi a decidere come fare la beneficenza...
    • pippo75 scrive:
      Re: 400.000 copie di openoffice in franc
      Succede anche in Italia, sia nelle scuole che in altri posti e non sempre si e' aspettato che fosse un ministro a dare il taglio del nastro.Poi quando ci saranno i programmi che servono...... si potra' passare a altri OS....Ognuno poi decide quello che gli serve....
  • Anonimo scrive:
    OpenOffice nelle scuole e nelle PA
    Concordo con l'articolo dove si dice che ormai e' tempo di usarlo in tutti gli apparati pubblici, ormai non ci sono piu' scuse per non risparmiare qualche bel milione di euro di soldi pubblici in licenze.E poi e' vero che OO per certi aspetti e' diventato migliore di Office, specialmente sotto l'aspetto dell'intuitivita' secondo me ormai non ci sono rivali (a favore di OO).
    • SGadaleta scrive:
      Re: OpenOffice nelle scuole e nelle PA
      Prendiamo la Scuola. Ho un'esperienza di SW alternativo più che decennale. Il SW libero, comunque alternativo, viene accettato con difficoltà, dai colleghi per la loro proverbiale pigrizia, dagli alunni che sono spesso più conservatori degli adulti: le strategie di marketing funzionano bene!Anche se OpenOffice funziona bene è diverso dal nostro MSWord. Anche se con i proverbiali quattro click si tira su un server per la rete scolastica è più "prudente" comprarsi un server windows. E poi di solito non si sceglie un S.O. perché fa funzionare bene la rete! In quanto all'HW riciclato, sul quale si potrebbero far girare distribuzioni linux ben configurate, c'è da notare che per i prodotti dell'informatica, se possibile ancor più che per altri, le pulsioni consumistiche sono insuperabili.
  • Anonimo scrive:
    Boiata pazzesca
    Per dirlo alla Fantozzi, mi pare una "boiata pazzesca". Windows XP e Office 2003 girano tranquillamente su dei Pentium II, basta togliere un po' di orpelli grafici e magari mettere 512 mega di ram (manco 50 euro). Cosa che invece non si può dire delle ultime mega-distro di Linux e OpenOffice. Sì, ho provato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Boiata pazzesca
      Anche se fosse come dici... E le licenze per windows e soprattutto per office chi le paga? Fanno la colletta gli anziani?L'unica boiata che mi sembra proprio grossa e' che open office sia non solo meglio di ms office, ma addirittura piu' facile/usabile!!!
      • danieleMM scrive:
        Re: Boiata pazzesca

        L'unica boiata che mi sembra proprio grossa e'
        che open office sia non solo meglio di ms office,
        ma addirittura piu'
        facile/usabile!!!hum..davvero non capisco queste affermazioni, cos'ha di non usabile/facile openoffice rispetto a microsoft office?a parte il fatto che l'interfaccia è "praticamente" uguale..forse ti riferisci alla migrazione, che non è immediata per alcune piccole cosequesti confronti andrebbero fatti così:si prendono 2 gruppi di persone che non hanno mai visto un programma di quel tipoad un gruppo si fa usare / si insegna ad usare OpenOffice, all'altro microsoft officealla fine si fanno dei questionari a tuttile difficoltà incontrate non sono dovute alla presunta difficoltà d'uso di openoffice, ma al fatto che è qualcosa di nuovo a cui bisogna abituarsi e quindi non è UGUALE a microsoft office.. è solo similead esempio: un'amica mi diceva: non si possono ruotare le foto in OpenOffice.orgse andate a cercare nella documentazione effettivamente non si può con OpenOffice Writer (il corrispettivo di Word) ma è perfettamente possibile con OpenOffice Draw (per qualche verso il sostituto di PowerPoint)motivazione: un documento non dovrebbe avere foto ruotate o cose strane, per fare queste cose esiste uno strumento apposito, studiato apposta: Drawun po' come dire: in questa panetteria non trovo i salami che cerco.. beh forse se vai dal macellaio...è diverso non meno usabile/semplice
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Boiata pazzesca
      A me gira sul tostapane. (troll)
    • Anonimo scrive:
      Re: Boiata pazzesca
      - Scritto da:
      Per dirlo alla Fantozzi, mi pare una "boiata
      pazzesca". Windows XP e Office 2003 girano
      tranquillamente su dei Pentium II, basta togliere
      un po' di orpelli grafici e magari mettere 512
      mega di ram (manco 50 euro). Cosa che invece non
      si può dire delle ultime mega-distro di Linux e
      OpenOffice. Sì, ho
      provato.caro fantozzi, evidentemente ti piace staresempre alla pecora
    • Anonimo scrive:
      Re: Boiata pazzesca
      - Scritto da:
      Per dirlo alla Fantozzi, mi pare una "boiata
      pazzesca". Windows XP e Office 2003 girano
      tranquillamente su dei Pentium II, basta
      togliere un po' di orpelli grafici e magari
      mettere 512 mega di ram (manco 50 euro). Cosa
      che invece non si può dire delle ultime
      mega-distro di Linux e OpenOffice. Sì, ho
      provato.Ci stai dicendo che un SO alleggerito di orpelli e tutto e' piu' leggero di un altro a cui attivi gli orpelli e tutto !!! Complimenti sei un genio !
    • Anonimo scrive:
      bene, paghi tutto tu, grazie
      - Scritto da:
      Per dirlo alla Fantozzi, mi pare una "boiata
      pazzesca". Windows XP e Office 2003 girano
      tranquillamente su dei Pentium II, basta togliere
      un po' di orpelli grafici e magari mettere 512
      mega di ram (manco 50 euro). Cosa che invece non
      si può dire delle ultime mega-distro di Linux e
      OpenOffice. Sì, ho
      provato.le licenze di windows xp e office 2003 per centinaia di macchine vecchie le paghi tu, poveretto ?inoltre, esistono comodissimi sw per realizzare terminal server con l'ultimissima mega-distro su un sempron e 512mbram che permette di fare girare 7/8 macchine di 10 anni fa a costo zero, ignorante: quanto costerebbe con le schifezze del monopolista ?proponi che la scuola passi a vista e office 2007 sperperando centinaia di milioni di euro tolti a vecchi, malati, precari, bambini, diversabili, oppure cerchiamo una cosa che ci permetta di usare le risorse in modo intelligente ?
      • Anonimo scrive:
        Re: bene, paghi tutto tu, grazie
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Per dirlo alla Fantozzi, mi pare una "boiata

        pazzesca". Windows XP e Office 2003 girano

        tranquillamente su dei Pentium II, basta
        togliere

        un po' di orpelli grafici e magari mettere 512

        mega di ram (manco 50 euro). Cosa che invece non

        si può dire delle ultime mega-distro di Linux e

        OpenOffice. Sì, ho

        provato.

        le licenze di windows xp e office 2003 per
        centinaia di macchine vecchie le paghi tu,
        poveretto
        ?

        inoltre, esistono comodissimi sw per realizzare
        terminal server con l'ultimissima mega-distro su
        un sempron e 512mbram che permette di fare girare
        7/8 macchine di 10 anni fa a costo zero,
        ignorante: quanto costerebbe con le schifezze del
        monopolista
        ?
        proponi che la scuola passi a vista e office 2007
        sperperando centinaia di milioni di euro tolti a
        vecchi, malati, precari, bambini, diversabili,
        oppure cerchiamo una cosa che ci permetta di
        usare le risorse in modo intelligente
        ?
        Quoto alla grande
    • Anonimo scrive:
      Re: Boiata pazzesca
      Trovami un modula da 512 Mb Pc100 a 50 euro e giru nudo per strada
  • Anonimo scrive:
    LINUX CI SALVERA' DALL'APOCALISSE
    COMPAGNI E AMICI DI VENTURA, QUANDO PRESTO IL MONDO VERRA' AUTOFAGOCITATO DELLA SUA STESSA INFINITA AVIDITA' E PROPENSIONE AL DENARO E AL PROFITTO, SOLTANTO LINUX POTRA' SALVARCI DAL RITORNO ALL'ETA' DELLA PIETRA, LINUX SI INSIDIERA' OVUNQUE LA DOVE CI SARA' SPAZIO PER UN PUGNO DI BIT: DAGLI OROLOGI AI TELECOMANDI, DALLE CALDAIE ALLA LAVATRICILINUX IN UN FUTURO PROSSIMO SARA' ALLA BASE DELLA NOSTRA STESSA ESISTENZA, UN'ESISTENZA LIBERA, LIBERA DA REDMOND, CUPERTINO E MOUNTAN VIEW, LIBERI DI AVERE FINALMENTE LINUX OVUNQUE E SEMPRE SENZA LE MINACCE DEI BREVETTI E DEI CAPITALISTI OCCIDENTALILINUX, SE LO ACCETTI NOI ACCETTEREMO TE(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX CI SALVERA' DALL'APOCALISSE
      che bel troll... dai lo so che usi Uindows...
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX CI SALVERA' DALL'APOCALISSE
      Se quando il mondo cadrà e internet resterà ..- Scritto da:
      COMPAGNI E AMICI DI VENTURA, QUANDO PRESTO IL
      MONDO VERRA' AUTOFAGOCITATO DELLA SUA STESSA
      INFINITA AVIDITA' E PROPENSIONE AL DENARO E AL
      PROFITTO, SOLTANTO LINUX POTRA' SALVARCI DAL
      RITORNO ALL'ETA' DELLA PIETRA, LINUX SI
      INSIDIERA' OVUNQUE LA DOVE CI SARA' SPAZIO PER UN
      PUGNO DI BIT: DAGLI OROLOGI AI TELECOMANDI, DALLE
      CALDAIE ALLA
      LAVATRICI

      LINUX IN UN FUTURO PROSSIMO SARA' ALLA BASE DELLA
      NOSTRA STESSA ESISTENZA, UN'ESISTENZA LIBERA,
      LIBERA DA REDMOND, CUPERTINO E MOUNTAN VIEW,
      LIBERI DI AVERE FINALMENTE LINUX OVUNQUE E SEMPRE
      SENZA LE MINACCE DEI BREVETTI E DEI CAPITALISTI
      OCCIDENTALI

      LINUX, SE LO ACCETTI NOI ACCETTEREMO TE

      (linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)
  • Anonimo scrive:
    Solite idiozie sinistroidi
    proLinux fanatiche messe in piedi da fanatici. La demenza dei figli del '68 e nipotini vari... :(
  • Anonimo scrive:
    Bellissimo

    Perché OpenOffice è più intuitivo. hahahahhahahahah
    Office 2007 che richiede risorse hardware.. Un piccolo segreto : alla gente piace avere cose nuove e più belle. Un nuovo cellulare, una nuova macchina, un nuovo PC ed un nuovo Office. E' per questo che si lavora.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bellissimo

      Un piccolo segreto : alla gente piace avere cose
      nuove e più belle.
      Un nuovo cellulare, una nuova macchina, un nuovo
      PC ed un nuovo Office.
      E' per questo che si lavora.Non tutti sono itaRRiani.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bellissimo

        Non tutti sono itaRRiani.che forza.. invece nel resto del mondo piacciono le cose brutte o vecchie...hahahahhah
        • Anonimo scrive:
          Re: Bellissimo

          invece nel resto del mondo piacciono
          le cose brutte o vecchie...hahahahhahAgli italiani
          piace avere cose
          nuove e più belle.
          Un nuovo cellulare, una nuova macchina, un nuovo
          PC ed un nuovo Office.In un paese logico a una parte significativa dei compratori piacerebbe avere soprattutto cose più efficienti.Una macchina che consuma di meno ad esempio.Il cellulare, il PC e Office finché funzionano li si tiene.
          E' per questo che si lavora.A va?
          • Anonimo scrive:
            Re: Bellissimo

            In un paese logico a una parte significativa
            dei compratori piacerebbe avere soprattutto cose più
            efficienti.
            Una macchina che consuma di meno ad esempio.
            Tu che auto hai ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Bellissimo

            efficienti.
            Una macchina che consuma di meno ad esempio.sopratutto in america :-).
        • Anonimo scrive:
          Re: Bellissimo
          - Scritto da:

          Non tutti sono itaRRiani.

          che forza.. invece nel resto del mondo piacciono
          le cose brutte o vecchie...hahahahhah
          Dovrei avere un commodore 64 in cantina, levandogli via con la brusca qualche topo morto fossilizzatosi sopra credo funzioni ancora. Interessa?
  • Anonimo scrive:
    Il pc vecchio al vecchietto
    Ha un che di patetico e triste questa iniziativa.
    • mythsmith scrive:
      Re: Il pc vecchio al vecchietto
      Li dai tu i soldi per computer nuovi e sistema operativo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il pc vecchio al vecchietto
      - Scritto da:
      Ha un che di patetico e triste questa iniziativa.
      Con un sistema operativo vecchio e noioso.
    • Anonimo scrive:
      Essenziale a chi conosce l'essenziale
      - Scritto da:
      Ha un che di patetico e triste questa iniziativa.Perché rattristarsi, invece di pensare semplicemente che sono persone che hanno imparato dalla vita a concentrarsi sull'essenziale?Se hai freddo questo inverno, una coperta calda stanotte ti può salvare la vita, mentre aspettare il riscaldamento a pannelli fra un mese può voler dire non vederlo mai.Due giga RAM + 250 GB HD RAID + bla bla, sono davvero la sisposta giusta a tutto?Siamo un pianeta a risorse non infinite: usare le risorse minime necessarie è un obiettivo che dovremo stamparci in testa nei prossimi trent'anni. O sulla lapide della nostra razza, seguito da "ma non hanno voluto provarci". :(
  • Anonimo scrive:
    Il server è proprietario?
    Vorrei capire! Ma il server è proprietario? Non è che poi tutta sta storia è solo un modo per collaudare un nuovo modello di business basato su calcolo semi-distribuito, vendere dei bei server potenti e poi in futuro abbastanza prossimo il servizio comincerà a costare dei bei soldini e a quel punto sarebbe stato meglio comprarsi un bel pc usato e più potente su ebay? Chi ci sta dietro alla fine? 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il server è proprietario?
      purtroppo mi sembra proprio di si.Credo che questa cosa faccia piu' male che bene al software libero...
  • Anonimo scrive:
    e gli Stalman saints?
    ah la religione dei bit
  • Anonimo scrive:
    chi paga?
    ma questi "volenterosi" angeli, chi li paga? Mi sembra piu' che evidente un ritorno economico e anche non indifferente per il "Carugo" che rispolvera una idea di Tanenbaum di alcuni decenni fa... ma gli angeli dovrebbero fare tutto questo evangelismo sulla scia di che cosa? E poi, ci sono gia' i Linux User Group delle città che si dedicano, spesso con maggiore efficacia, alla diffusione di conoscenze open source e al trashware...
    • Anonimo scrive:
      pezzente le schifezze ms chi le paga?
      - Scritto da:
      ma questi "volenterosi" angeli, chi li paga? Mi
      sembra piu' che evidente un ritorno economico e
      anche non indifferente per il "Carugo" che
      rispolvera una idea di Tanenbaum di alcuni
      decenni fa... ma gli angeli dovrebbero fare tutto
      questo evangelismo sulla scia di che cosa? E poi,
      ci sono gia' i Linux User Group delle città che
      si dedicano, spesso con maggiore efficacia, alla
      diffusione di conoscenze open source e al
      trashware...testimone di windows, patetico pezzente, le schifezze del tuo padrone che costano allostato centinaia di milioni l'anno, chi le paga ? vai a vangare, che fai qualcosa di utile
  • Santos-Dumont scrive:
    Un poco esagerato
    Nemmeno io che sono un quasi-talebano pro-linux mi spingerei a sostenere che sul piano squisitamente tecnico OpenOffice è superiore a Office. OpenOffice va valutato secondo un metro più ampio.Per il resto trovo l'iniziativa, come direbbe J.L. Picard, encomiabile . Un modo, tra l'altro, per ridurre la "spazzatura informatica" riciclando macchine che hanno ancora una loro utilità e quindi una ragione di esistere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un poco esagerato
      - Scritto da: Santos-Dumont
      Nemmeno io che sono un quasi-talebano pro-linux
      mi spingerei a sostenere che sul piano
      squisitamente tecnico OpenOffice è superiore a
      Office. OpenOffice va valutato secondo un metro
      più
      ampio.Non so se openoffice è superiore a office, ma sicuramente per l'uso che fa il 95% delle persone di office è molto più che sufficiente.N.B. Cmq se si conosce a fondo OpenOffice non è poi così male o riduttivo nelle sue funzioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un poco esagerato
        forse non sarà superiore, di certo per l'uso che ne faccio ( e per quello che ci fanno la maggior parte degli utenti ) OpenOffice è eccellente, specialmente dalla versione 2.x in poi, mentre le 1.x erano un gradino più in basso, lente, macchinose...
        • Anonimo scrive:
          Re: Un poco esagerato
          - Scritto da:
          forse non sarà superiore, di certo per l'uso che
          ne faccio ( e per quello che ci fanno la maggior
          parte degli utenti ) OpenOffice è eccellente,
          specialmente dalla versione 2.x in poi, mentre le
          1.x erano un gradino più in basso, lente,
          macchinose...Concordo.OpenOffice ormai e' migliorato tantissimo, nulla da invidiare a Office. Io personalmente ormai trovo molto piu' intuitivo OpenOffice che non Office, e lo dico essendo utente (costretto) di entrambi (al lavoro Office, a casa e per diletto OpenOffice).
      • Anonimo scrive:
        Re: Un poco esagerato

        Non so se openoffice è superiore a office, ma
        sicuramente per l'uso che fa il 95% delle
        persone di office è molto più che sufficiente.
        Esatto, un pò come i sorgenti di Linux, il 95% delle persone non sa cosa farsene.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un poco esagerato
          ma anche molte molte molte meno...non credo che il 5% degli utilizzatori di un pc (ma nemmeno degli utilizzatori di linux) mettano mano al sorgente...tuttavia, perdonami, ma mi sfugge il senso del post
        • Anonimo scrive:
          Re: Un poco esagerato
          - Scritto da:

          Non so se openoffice è superiore a office, ma

          sicuramente per l'uso che fa il 95% delle

          persone di office è molto più che
          sufficiente.


          Esatto, un pò come i sorgenti di Linux, il 95%
          delle persone non sa cosa
          farsene.Mettiamo anche il 99%. Il problema è che se Linux non fosse open source probabilmente non esisterebbe, e comunque non sarebbe arrivato al grado di sviluppo attuale. I benefici del fatto che sia open source non riguardano quindi l'1% degli utilizzatori, ma il 100%.
    • Anonimo scrive:
      sei rimasto indietro
      - Scritto da: Santos-Dumont
      Nemmeno io che sono un quasi-talebano pro-linux
      mi spingerei a sostenere che sul piano
      squisitamente tecnico OpenOffice è superiore a
      Office. OpenOffice va valutato secondo un metro
      più
      ampio.
      Per il resto trovo l'iniziativa, come direbbe
      J.L. Picard, encomiabile . Un modo, tra
      l'altro, per ridurre la "spazzatura informatica"
      riciclando macchine che hanno ancora una loro
      utilità e quindi una ragione di
      esistere.mi sa che stai diventando disinformatoopenoffice ormai è il futuro della PA europea, come dimostrano le decisioni delle PA di francia, danimarca, belgio, norvegia, dove sono operativi piani di migrazione per svariate centianaia di migliaia di postazioniaggiornati perché rischi di dire cose vecchie
    • Anonimo scrive:
      OOo per Linux è superiore
      Io trovo OpenOffice.org per Linux superiore a qualsiasi altra suite di questo genere per qualsiasi altro sistema operativo.A parte le classiche funzioni di wordprocessing, foglio di calcolo e presentazione, c'è un discreto programma di grafica vettoriale che MSOffice non ha.Per non parlare del buon database che è stato aggiunto con la nuova versione.Ma quello che fa speciale la versione Linux sono delle utility e delle funzioni uniche della versione Unix.Prima utility è spadmin, un comando che permette di creare stampanti virtuali personalizzate.Per esempio esistono delle stampanti di rete e delle macchine multifunzione scanner/fax/stampante che sono raggiungibili via rete e utilizzabili con dei semplici comandi shell.Queste stampanti possono essere configurate per essere pilotate da OOo configurandone i loro comandi con spadmin.Per esempio le Brother MFC hanno un comando da shell brpcfax che accetta vari parametri tra cui file PDF e Postscript e il numero di telefono per schedulizzare l'invio di fax. Con spadmin è un attimo spedire documenti OOo convertendoli in PDF o Postscript senza neppure aprire OpenOffice ma lanciadolo da riga di comando per creare la stampa e indirizzandola al fax.Queste funzioni permettono di usare praticamente tutte le componenti di OOo dall'interno di linguaggi di programmazione come Python, Ruby, PHP, Perl, TCL/Tk, script shell per fare qualsiasi automazione e applicazione.Pensa a modelli di documenti inseriti in un database ed estratti ogni volta che si deve stampare e inviare via fax dopo averlo aperto ed aver fatto la stampa unione coi campi di un database con articoli, dati di un soggetto, ecc.Per MSOffice funzioni simili ci sono, ma vanno programmate con apposite API messe a disposizione di linguaggi come VB e .NET. Ma siamo sempre legati a linguaggi e sistemi operativi Micro$oft. Con OpenOffice.org e i linguaggi per Unix il tutto lo fai funzionare su qualsiasi sistema operativo (escluso windows che è parecchio limitato da questo punto di vista).OpenOffice.org è davvero superiore a MSOffice. E Unix si conferma superiore a qualsiasi Windows.
      • Gusbertone scrive:
        Re: OOo per Linux è superiore
        grazie per la idea su come impiegare fruttuosamente le stampanti virtuali, per la stampa in batch è una bella soluzione dovessi mai averne la necessità, non mi è però chiara una cosa: la funziona "esporta come pdf" è equivalente a stampare un postscript e poi convertirlo con gs in pdf? oppure viene saltato questo passaggio? da quanto ne so gs ha un contenuto informativo minore del pdf-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 novembre 2006 00.15-----------------------------------------------------------
        • Anonimo scrive:
          Re: OOo per Linux è superiore
          No fa tutto internamente OOo.Se vuoi generare dei PS crei una stampante virtuale usando una laser postscript dall'elenco che ti propone l'utility spadmin e generi delle stampe post script. Se vuoi i PDF crei l'apposita stampante PDF. Questo ovviamente per quanto riguarda le stampanti virtuali e l'utilizzo di oowrite in batch.Poi se cerchi su Internet troverai numerosi esempi di macro che si possono lanciare da PHP comandando OOo per fargli fare anche altri tipi di lavori come le conversioni di un intero .zip pieno di .doc.Molti ragazzi lo fanno come esercizio di programmazione sui loro sitarelli in PHP e anche ASP con OOo per Windows lanciato insieme ad una ad una macro che lo piloti.
      • pippo75 scrive:
        Re: OOo per Linux è superiore
        - Scritto da:

        Io trovo OpenOffice.org per Linux superiore a
        qualsiasi altra suite di questo genere per
        qualsiasi altro sistema
        operativo.Dipende tutto dall'uso che ne fai.Poi la qualita' di un programma dipende da quanto lo sai usare, Autocad dato a me diventa un prodotto scarso, dato a uno che sa usarlo......
        foglio di calcolo e presentazione, c'è un
        discreto programma di grafica vettoriale che
        MSOffice non ha.E' quello che dico sempre anche io ( tengo openoffice sopratutto per quel programma ).
        Per non parlare del buon database che è stato
        aggiunto con la nuova versione.Visto che uso principalmente il programma di disegno sono rimasto alla 1.1.5, quindi non e' il nuovo modulo.

        Prima utility è spadmin, un comando che
        permette di creare stampanti virtuali
        personalizzate.
        ........
        Queste funzioni permettono di usare praticamente
        tutte le componenti di OOo dall'interno di
        linguaggi di programmazione come Python, Ruby,
        PHP, Perl, TCL/Tk, script shell per fare
        qualsiasi automazione e
        applicazione.non sapevo di queste cose, niente male......
        Per MSOffice funzioni simili ci sono, ma vanno
        programmate con apposite API messe a
        disposizione di linguaggi come VB e .NET.
        Ma siamo sempreMSOffice lo puoi programmare anche con le nuove versioni di delphi, ci sono i componenti apposta ( non chiedermi, visto che non ho msoffice e neanche una versione recente di delphi, quindi..... )

        OpenOffice.org è davvero superiore a MSOffice.
        E Unix si conferma superiore a qualsiasi
        Windows.parti bene e finisci in trollataciao
        • Anonimo scrive:
          Re: OOo per Linux è superiore
          - Scritto da: pippo75

          OpenOffice.org è davvero superiore a MSOffice.

          E Unix si conferma superiore a qualsiasi

          Windows.

          parti bene e finisci in trollataPerché dal mio punto di vista io non riesco a fare quasi nulla con Windows.Ci sono software interessanti ma che hanno solo le funzioni tipiche date dal suo creatore per l'utente che ne usa l'interfaccia grafica.Per esempio su Amiga e su OS/2 avevi un linguaggio di scripting l'ARexx e il Rexx (su OS/2) e quasi tutti i programmi fatti bene avevano un'interfaccia per questo linguaggio. In pratica aggiungevano delle estensioni al linguaggio per poter essere pilotati da script di batch.In questo modo potevi unire le funzioni di più software mandando l'output di uno all'input di un altro come le pipe shell ma in maniera più sofisticata.Io benedico da sempre la shell, il cron e l'anacron di Unix/Linux, se sai usarli fai cose che con Windows devi programmare ad hoc in VB o altro linguaggio completo. Il prompt del DOS e file BAT ti danno funzionalità limitate e i pochi comandi DOS sono basilari, quel poco di utility di qualità a riga di comando sono importate da Unix come il progetto WUUP (Windows Unix Utility Project), le versioni di DOS di comandi di encoding/decoding (audio e video) e le utility per testi e formati di stampa per Unix/Linux.Continuo a ripeterlo Windows per me è un sistema troppo limitato e limitante per chi fa o vuole farsi per casa dei server di servizi avanzati o fuori dal comune.
          • pippo75 scrive:
            Re: OOo per Linux è superiore


            Perché dal mio punto di vista io non riesco a
            fare quasi nulla con Windows.E non ti viene in mente che potresti essere tu a non vedere la soluzione?
            Per esempio su Amiga e su OS/2 avevi un
            linguaggio di scripting l'ARexx e il Rexx (su
            OS/2) e quasi tutti i programmi fatti bene
            avevano un'interfaccia per questo linguaggio. Non guardare il dito, guarda il paesaggio.Sotto windows puoi trovare c'e' tutto quello che ti serve, magari non preinstallato, ma se cerchi trovi.
            Io benedico da sempre la shell, il cron e
            l'anacron di Unix/Linux, se sai usarli fai
            cose che con Windows devi programmare ad
            hoc in VB o altro linguaggio completo. Il non conosco questa shell.......
            Continuo a ripeterlo Windows per me è un
            sistema troppo limitato e limitante per chi fa
            o vuole farsi per casa dei server di servizi
            avanzati o fuori dal comune.puo' essere o forse e' solo che windows ragione in un'altro modo.Non ho mai approfondito l'argomento ma se non sbaglio alcune shell di unix sono state portate anche sotto windows.cmq, ora anche la MS ha una shell testutale nuova....ciao
  • Anonimo scrive:
    l'unico problema
    dei computer vecchi è lo schermo, spaccaocchi!!! :(ogni volta che ho cambiato schermo mi sono sempre chiesto come facessi a stare con l'altro
  • Anonimo scrive:
    Openoffice più intuitivo?
    numeri di pagina"?Quanto alla *GENERICA* maggiore "facilità" del software open source rispetto al software proprietario è una balla estrema, palese ed anche fastidiosa, perché rischia di togliere fiducia alle persone che propongono software open source.
    • Anonimo scrive:
      Re: Openoffice più intuitivo?

      Quanto alla *GENERICA* maggiore "facilità" del
      software open source rispetto al software
      proprietario è una balla estrema, palese ed
      anche
      fastidiosa, perché rischia di togliere fiducia
      alle persone che propongono software open
      source.
      Il peggior nemico dell'open source sono i fanatici che vanno in giro dicendo che in12 minuti ti installano Linux senza neppureriavviare il pc.
      • Anonimo scrive:
        Re: Openoffice più intuitivo?
        O quelli che dicono che è semplice quanto windows e mac, altra piaga che la comunità open dovrebbe eliminare
        • Anonimo scrive:
          Re: Openoffice più intuitivo?
          - Scritto da:
          O quelli che dicono che è semplice quanto windows
          e mac, altra piaga che la comunità open dovrebbe
          eliminareMa è semplice come win e mac! Anzi di più! Basta accenderlo che il pc farà tutto da solo e ti spazzerà pure i pavimenti dentro casa!Dai retta a me, il mio ha pulito pure lo scantinato e riordinato la mansarda!Firmato il tuo linaro televenditore di (s)fiducia.
        • Anonimo scrive:
          Re: Openoffice più intuitivo?
          - Scritto da:
          O quelli che dicono che è semplice quanto windows
          e mac, altra piaga che la comunità open dovrebbe
          eliminareI peggiori nemici dell'informatica sono quelli che ti installano win vista e che ti dicono che 1 giga di ram è il minimo.
          • reXistenZ scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?

            I peggiori nemici dell'informatica sono quelli
            che ti installano win vista e che ti dicono che 1
            giga di ram è il
            minimo.Come quelli che ti installano una distro linux XGL, del resto. (troll)P.S.: chi è che INSTALLA win vista?
        • Anonimo scrive:
          Re: Openoffice più intuitivo?
          - Scritto da:
          O quelli che dicono che è semplice quanto windows
          e mac, altra piaga che la comunità open dovrebbe
          eliminaremda usare è uguale (spesso gli stessi programmi puoi averli anche su win e non è che ti diventano più facile/più difficili)...da amministrare è sicuramente diverso e può presentare qualche difficoltà
      • Anonimo scrive:
        Re: Openoffice più intuitivo?

        Il peggior nemico dell'open source sono i
        fanatici che vanno in giro dicendo che
        in
        12 minuti ti installano Linux senza neppure
        riavviare il pc.uhm una dsl su un pc di nuova generazione forse ci mette un pelo meno a essere installata :P
      • Anonimo scrive:
        Re: Openoffice più intuitivo?
        - Scritto da:

        Quanto alla *GENERICA* maggiore "facilità" del

        software open source rispetto al software

        proprietario è una balla estrema, palese ed

        anche

        fastidiosa, perché rischia di togliere fiducia

        alle persone che propongono software open

        source.


        Il peggior nemico dell'open source sono i
        fanatici che vanno in giro dicendo che
        in
        12 minuti ti installano Linux senza neppure
        riavviare il pc.Quoto e ne ho trovati parecchi..anche qui
        • Anonimo scrive:
          Re: Openoffice più intuitivo?
          - Scritto da:
          - Scritto da:


          Quanto alla *GENERICA* maggiore "facilità" del


          software open source rispetto al software


          proprietario è una balla estrema, palese ed


          anche


          fastidiosa, perché rischia di togliere fiducia


          alle persone che propongono software open


          source.




          Il peggior nemico dell'open source sono i

          fanatici che vanno in giro dicendo che

          in

          12 minuti ti installano Linux senza neppure

          riavviare il pc.

          Quoto e ne ho trovati parecchi..anche quiE' vero: un riavvio ci vuole per passare dall'installazione al sistema installato... A meno che non dai una decina di righe di comando per evitarlo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Openoffice più intuitivo?
      numeri di
      pagina"?

      Quanto alla *GENERICA* maggiore "facilità" del
      software open source rispetto al software
      proprietario è una balla estrema, palese ed anche
      fastidiosa, perché rischia di togliere fiducia
      alle persone che propongono software open
      source.sul fatto che openoffice sia un carciofo penso ci sia ben poco da obiettare: è veramente lento e crasha abbastanza spesso. A livello di funzioni integrate non è male, ma penso che prima di superare office in fatto di prestazioni/funzioni ci vada ancora molto lavoro. Detto questo, certo, meglio OOo che è libero e gratuito che un office che costa un occhio della testa e che quasi sempre non viene neanche sfruttato appieno.Sul fatto che il sw open source sia più o meno facile penso si possa stare a parlare per un'eternita non arrivando mai alla conclusione: per citare un esempio, mia sorella(8 anni) con ubuntu(così come su windows) è in grado(senza chiedere niente) di navigare su internet, giocare, disegnare scrivere e creare file e cartelle. Forse bisogna evitare il fondamentalismo.(apple)(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Openoffice più intuitivo?
        Già, i fondamentalisti come quelli che sostengono, che installato linux puoi fare tutto quello che ti pare...Ovviamente dipende la livello a cui lo fai.. certo se vuoi navigare su internet, sui siti senza anzimazioni in flash, va bene anche linux ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Openoffice più intuitivo?
          - Scritto da:
          Già, i fondamentalisti come quelli che
          sostengono, che installato linux puoi fare tutto
          quello che ti
          pare...

          Ovviamente dipende la livello a cui lo fai..
          certo se vuoi navigare su internet, sui siti
          senza anzimazioni in flash, va bene anche linux
          ;)parli proprio di flash, che funziona benissimo e ora uscirà anche la versione 9 per linux? Se proprio vuoi fare il provocatore parla di shockwave.
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            - Scritto da:
            parli proprio di flash, che funziona benissimo e
            ora uscirà anche la versione 9 per linux? Io sto già usando la beta della 9 da un po' di tempo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            - Scritto da:
            parli proprio di flash, che funziona benissimo e
            ora uscirà anche la versione 9 per linux? lo vedi?scrivi "funziona" e "uscirà".E' questo che intendono quelli che hanno scriitto prima.
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            parli proprio di flash, che funziona

            benissimo e ora uscirà anche la versione

            9 per linux?
            lo vedi?
            scrivi "funziona" e "uscirà".
            E' questo che intendono quelli che hanno
            scritto prima.Cioe' ???
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            - Scritto da:
            Cioe' ???Se non ci arrivi da solo...
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            parli proprio di flash, che funziona benissimo e

            ora uscirà anche la versione 9 per linux?


            lo vedi?
            scrivi "funziona" e "uscirà".
            E' questo che intendono quelli che hanno scriitto
            prima.Windows Xp funziona, Windows Vista uscirà, Ubuntu 6 funziona, Ubuntu 7 uscirà... dai, ora la grammatica non ha più segreti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Openoffice più intuitivo?

          certo se vuoi navigare su internet, sui siti
          senza anzimazioni in flash, ah, i soliti misteri della vita e io che, pur con gnu/linux, li visualizzo (pur rimanendo perplesso per certe "brutture")
      • Anonimo scrive:
        Re: Openoffice più intuitivo?

        sul fatto che openoffice sia un carciofo penso ci
        sia ben poco da obiettare: è veramente lento e
        crasha abbastanza spesso.wow il solito culo che ho...mai crashato...mah che uomo fortunato che sono
        • Anonimo scrive:
          Re: Openoffice più intuitivo?
          - Scritto da:
          wow il solito culo che ho...

          mai crashato...

          mah che uomo fortunato che sonoPure io guarda..incredibile.E' bello ritrovarsi tra fortunati.Che sfacciataggine.
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            wow il solito culo che ho...

            mai crashato...

            mah che uomo fortunato che sono
            Pure io guarda..incredibile.
            E' bello ritrovarsi tra fortunati.
            Che sfacciataggine.E siamo in 3 ! Allora la fortuna e' piu' diffusa di quanto si pensi...
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            wow il solito culo che ho...


            mai crashato...


            mah che uomo fortunato che sono


            Pure io guarda..incredibile.

            E' bello ritrovarsi tra fortunati.

            Che sfacciataggine.

            E siamo in 3 ! Allora la fortuna e' piu' diffusa
            di quanto si
            pensi...
            Negare, negare sempre (manuale del piccolo cantinaro paragrafo 3 punto 23A)
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            sparar cazzate invece a che punto è della direttiva ballmer del perfetto astroturfer?
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            wow il solito culo che ho...



            mai crashato...



            mah che uomo fortunato che sono

            Pure io guarda..incredibile.
            E' bello ritrovarsi tra fortunati.
            Che sfacciataggine.Pure a me...mai capitato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Openoffice più intuitivo?
            A me non andava bene StarOffice 5.0 e 5.1 e neppure OpenOffice era granché nelle primissime versioni.Ma queste ultime hanno raggiunto una qualità notevole!!!Uso al lavoro quello per windows e a casa quello per Linux, mi stupisce la fedeltà nell'apertura del documento tra le due versioni.Quello per windows mi da l'impressione di essere più veloce nell'uso dell'interfaccia ma quello per Linux è realmente più veloce nelle funzioni di calcolo dello spreadsheet e nell'elaborazione di macro e documenti complessi.
      • longinous scrive:
        Re: Openoffice più intuitivo?
        - Scritto da:

        sul fatto che openoffice sia un carciofo penso ci
        sia ben poco da obiettare:Obiezione: è un sw ;)
        è veramente lento e
        crasha abbastanza spesso.è una scheggia e non crasha mai (a me almeno)
        A livello di funzioni
        integrate non è male, ma penso che prima di
        superare office in fatto di prestazioni/funzioni
        ci vada ancora molto lavoro.Perchè?Cosa usa l'utente medio di office che non trova in openoffice?
        Detto questo, certo,
        meglio OOo che è libero e gratuito che un office
        che costa un occhio della testa e che quasi
        sempre non viene neanche sfruttato
        appieno.appunto
        Sul fatto che il sw open source sia più o meno
        facile penso si possa stare a parlare per
        un'eternita non arrivando mai alla conclusione:Un sw è facile e difficile allo stesso tempo, dipende dall'elasticità mentale di chi lo usa
        per citare un esempio, mia sorella(8 anni) con
        ubuntu(così come su windows) è in grado(senza
        chiedere niente) di navigare su internet,
        giocare, disegnare scrivere e creare file e
        cartelle.Appunto!
        Forse bisogna evitare il
        fondamentalismo.

        (apple)(linux)e iniziare a usare quella massa che sta tra i timpani!
      • Anonimo scrive:
        Re: Openoffice più intuitivo?
        Ma perché sempre questa storia dell'instabilità che avrebbe OOo?Io su Linux non ho blocchi di questo programma dalla versione 1.0.2.Mi si chiudeva all'improvviso senza motivo StarOffice5.0 e 5.1, già il 5.2 era abbastanza buono e mi dicono che le ultime versioni sono molto buone. Questo su Linux, su Windows era un po' più stabile. Per cui ero abituato ad attivare il salvataggio automatico ogni 30 secondi.La versione 2.0.3 e 2.0.4 sia per Linux che Win mi funziona molto bene ed ha buone prestazioni.Per velocità, funzioni e risorse utilizzate però per me il miglior programma resta Word97 anche su Linux con gli emulatori è eccezionale.
      • outkid scrive:
        Re: Openoffice più intuitivo?

        sul fatto che openoffice sia un carciofo penso ci
        sia ben poco da obiettare: è veramente lento e
        crasha abbastanza spesso. A livello di funzioni
        integrate non è male, ma penso che prima di
        superare office in fatto di prestazioni/funzioni
        ci vada ancora molto lavoro. Detto questo, certo,
        meglio OOo che è libero e gratuito che un office
        che costa un occhio della testa e che quasi
        sempre non viene neanche sfruttato
        appieno.
        Sul fatto che il sw open source sia più o meno
        facile penso si possa stare a parlare per
        un'eternita non arrivando mai alla conclusione:
        per citare un esempio, mia sorella(8 anni) con
        ubuntu(così come su windows) è in grado(senza
        chiedere niente) di navigare su internet,
        giocare, disegnare scrivere e creare file e
        cartelle. Forse bisogna evitare il
        fondamentalismo.

        (apple)(linux)Ma infatti msoffice e', oltre che fuori da qualsiasi standard, qualcosa di TROPPO per l'utente comune.. al quale pero' si punta di piazzarlo voglio dire.. cosa fa piu' di openoffice che un utonto possa apprezzare? solo farsi pagare. questo si chiama monopolio. e' monopolio quando compri qualcosa ignorando che ci sia un'alternativa validissima nonche' alla tua portata.. che poi l'interfaccia di msoffice sara' sempre e' comunque piu' avanti di qualsiasi concorrente' free.. e' inevitabile. negarlo significa andare contro i mulini a vento. sulle interfacce di office c'e' uno studio sull'usabilita' fatto da psicologi antropologi sociologi e cosologi che non mi voglio nemmeno immaginare.. quindi per la maggiore avranno posizionato i controlli dove, naturalmente da inesperto, gli andresti a cercare. che poi tu possa conoscere la sintassi LaTeX e raggiungere a risultati migliori.. e' un altro discorso.. rimango cmq dell'idea che pagare per un prodotto che vada oltre i bisogni dell'utente sia una chiaro segnale di ALLARME MONOPOLIO.
    • Gusbertone scrive:
      Re: Openoffice più intuitivo?
      Si parla di facilità di utilizzo, non di gestione/installazione. Sono anche io d'accordo sul fatto che una installazione a puntino di un sistema linux non sia alla portata dell'utente medio, ci sono molte barriere. Ma a differenza di altri sistemi, una volta installato con i dovuti accorgimenti gnu/linux continuerà a funzionare allo stesso modo per sempre. Per non parlare poi delle soluzioni diskless. Certo è che il setup iniziale richiede un minimo di competenza, questo non si schioda.
      • alexmario scrive:
        Re: Openoffice più intuitivo?
        - Scritto da: Gusbertone
        Si parla di facilità di utilizzo, non di
        gestione/installazione. Sono anche io d'accordo
        sul fatto che una installazione a puntino di un
        sistema linux non sia alla portata dell'utente
        medio, ci sono molte barriere. Ma a differenza di
        altri sistemi, una volta installato con i dovuti
        accorgimenti gnu/linux continuerà a funzionare
        allo stesso modo per sempre. Per non parlare poi
        delle soluzioni diskless. Certo è che il setup
        iniziale richiede un minimo di competenza, questo
        non si
        schioda.Aggiungerei che anceh Windows w Mac OSX non sono alla portata di tutti quando si parla di installazione.La differenza con Gnu/Linux sta nel fatto che chi lo sceglie di massima si deve assumere l'onere di installarselo.Anche se esistono esercenti che, su richiesta, vendono pc con Gnu/Linux.Il vantaggio del software libero è quello che un venditore può realizzare delle soluzioni dedicate per clienti specifici, rendendo così l'utilizzo del pc più agevole e semplice.Il problema è che pochi sono disposti a sborsare soldi per questo, in quanto in materia di informatica hanno ancora le idee poco chiare sul cosa vogliano e sulle possibilità che le tecnologie offrono.
        • Anonimo scrive:
          Sull'installazione di Windows
          E' vero che molti di quelli che si lamentano dell'installazione di Linux probabilmente non sanno nemmeno installare Windows, perchè semplicemente non hanno mai dovuto farlo, avendolo trovato preinstallato.In ogni caso,probabilmente non tutti sono in grado di installare Windows su un harddisk con più partizioni contenenti già dati e altri OS ( come accade comunemente con le installazioni Linux in dual boot ), senza fare qualche danno. Poi ci sono da installare Service Pack, hotfix, driver vari, tutte operazioni che andrebbero fatte su Win, e non tutti fanno, e molti ignorano. Sapete quante volte ho visto dei PC con schede grafiche moderne fatte girare dal driver generico di Windows, o da quello incluso nel CD di installazione ( datato 2001 ) o nel service pack ?L'installer di windows è cmq. relativamente semplice in quanto non ha opzioni di rilievo. Dovrebbe avere la possibilità di personalizzazione che offrono tool come n-lite, secondo me, almeno per gli utenti esperti.Linux invece si installa pure prima, perchè include già quasi tutto il software di cui si ha bisogno, è una cosa che adoro :) mentre su Win bisogna reinstallare a manina tutto quanto ( o ancora ricorrere all'installer di n-lite et similia, non facile da usare).
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:
            Linux invece si installa pure prima, perchè
            include già quasi tutto il software di cui si ha
            bisogno, è una cosa che adoro :)Esatto. Ditemi poi se ubuntu 6.10 è difficile da installare. L'ho fatto fare via telefono a un paio di amici utenti medi di windows e non hanno avuto problemi.Tra l'altro ha i driver pure per il tostapane della nonna. Non ho periferica dentro casa che non sia riconosciuta da ubuntu (BTW. una inkjet, una stampante laser, hard disk esterno, penna usb, scheda audio esterna, webcam, scanner, tastiera midi, tavoletta grafica, pennetta infrared, zen micro photo..).Il tutto senza muovere dito dopo l'installazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:
            Esatto. Ditemi poi se ubuntu 6.10 è difficile da
            installare.
            Tra l'altro ha i driver pure per il tostapane
            della nonna. Non ho periferica dentro casa cheIo l'ho fatto partire.Non mi ha riconsciuto il modem adsl usb nè la scheda grafica (si vedeva bene ma quando spostavo una finestra ci metteva un secondo a ridisegnarla)
            Tra l'altro ha i driver pure per il tostapane
            della nonna. Non ho periferica dentro casa che
            non sia riconosciuta da ubuntu (BTW. una inkjet,
            una stampante laser, hard disk esterno, penna
            usb, scheda audio esterna, webcam, scanner,
            tastiera midi, tavoletta grafica, pennetta
            infrared, zen micro
            photo..).
            Il tutto senza muovere dito dopo l'installazione.questi sono luoghi bomuni incredibili.Senza muovere un dito la scheda video non funziona accelerata e le finestre ci mettono 3 secondi a ridisegnarsi.Esperienza personale, il modem usb non l'ha riconosciuto, così come le schede di acquisizione video con cui lavoro.Mi ha invece riconosciuto una stampante/scanner multifunzione.quanto a "include già quasi tutto il software di cui si ha bisogno"... mi viene un po' da ridere, perchè l'utente professionale o l'appassionato hanno esigenze un pochettino variegate e differenti da quelle che deve solo navigare/scrivere/giocare coi colori.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:
            Io l'ho fatto partire.
            Non mi ha riconsciuto il modem adsl usb Beh, se compri il modem usb di paperopoli, è normale!
            nè la
            scheda grafica (si vedeva bene ma quando spostavo
            una finestra ci metteva un secondo a
            ridisegnarla)Quello si risolve installando i driver proprietari. Sempre con il minimo sforzo.I driver proprietari non possono essere ijnclusi nell'installazione standard per ovvi motivi.
            questi sono luoghi bomuni incredibili.Non sono luoghi bomuni incredibili. Sono parole di uno che con linux ci ha smadonnato una vita per riuscire a far funzionare le periferiche. Ora che tutto invece riesce ad andare egregiamente, con sforzi minimi per il resto (tranne, appunto, per le periferiche di paperopoli).
            così come le schede di acquisizione
            video con cui
            lavoro.Ah ecco, la mia pinnacle anche è riconosciuta on the fly. La tua è presa sempre a paperopoli?
            quanto a "include già quasi tutto il software di
            cui si ha bisogno"... mi viene un po' da ridere,
            perchè l'utente professionale o l'appassionato
            hanno esigenze un pochettino variegate e
            differentiFatto sta che, sempre con pochi click, puoi installare una miriade di software per ogni esigenza. Senza pagare una lira.Certo, Gimp non sarà mai come Photoshop CS2.Ma non lo paghi ed anche se vale solo un 60 del suo concorrente, ha un rapporto qualità prezzo schiacciante.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Io l'ho fatto partire.

            Non mi ha riconsciuto il modem adsl usb

            Beh, se compri il modem usb di paperopoli, è
            normale!E' normale?Allora smentisce quanto affermato prima.Ovvero che ' fa tutto lui '. E una
            Quello si risolve installando i driver
            proprietari. Sempre con il minimo
            sforzo.Questo necessita di un bel po' di sforzo (mi sono fatto un tutorial mica da ridere) e smentisce quanto detto prima ovvero ' senza fare nulla ' E due In pratica, come al solito, dite delle cose, venite smentiti e cambiate argomento.non vado nemmeno avanti a leggerti perchè mi sono frantumato i coglioni di gente che dice una cosa, viene smentita e cambia argomento abbassando il tiro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            Aggiungo un'umile richiesta :)Che programma usi per il montaggio video sotto Linux?Non ho grosse esigenze, l'unica funzione particolare che mi sere veramente è la separazione delle scene automatiche basata sugli stacchi di telecamera.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Io l'ho fatto partire.


            Non mi ha riconsciuto il modem adsl usb

            Beh, se compri il modem usb di paperopoli, è

            normale!
            E' normale?
            Allora smentisce quanto affermato prima.
            Ovvero che ' fa tutto lui '.
            E una Esattamente come su Windows o su Mac l'harware deve essere supportato, prova a mettere una scheda grafica Sun su un Pc e poi dimmi se windows lo vede.Se l'harware e' supportato i driver su linux vengono caricati automaticamente senza nessuna ulteriore operazione in modo trasparente.

            Quello si risolve installando i driver

            proprietari. Sempre con il minimo sforzo.
            Questo necessita di un bel po' di sforzo (mi
            sono fatto un tutorial mica da ridere) e
            smentisce quanto detto prima ovvero
            ' senza fare nulla ' E due
            In pratica, come al solito, dite delle cose,
            venite smentiti e cambiate argomento.No in pratica non sai leggere, si parla di hw supportato.
            non vado nemmeno avanti a leggerti perchè mi
            sono frantumato i coglioni di gente che dice
            una cosa, viene smentita e cambia argomento
            abbassando il tiro.Capisco perche' non capisci : leggi le cose a meta' e poi ti fermi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows


            E una

            Esattamente come su Windows o su Mac l'harware
            deve essere supportatoEsattamente al contrario di quando avete scritto nel post "riconosce anche il tostapane della nonne".(forse avresti dovuto aggiungere, purchè sia fra i tastapane supportati, ovvero nessuno).Tra l'altro ometti di dire (dio te ne scampi, vero?) qual è la percentuale di hardwre supportato dai tre OS.Ometti di dire che se uno ha comprato un PC con windows, l'hardware che ha comprato è per windows e quindi funziona sicuramente.Quindi il *PASSAGGIO* a linux è tutt'altro che facile.Ma non te lo dirò io che passo come nemico di Linux, te lo farò dire da gente che di Linux ne capisce e sa perfettamente queste cose:http://punto-informatico.it/pms.aspx?obd=0&Page=1&id=1740731&m_id=1740980http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1742563&id=1740731&r=PI
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:


            E una

            Esattamente come su Windows o su Mac

            l'harware deve essere supportato
            Esattamente al contrario di quando avete
            scritto nel post "riconosce anche il
            tostapane della nonne".
            (forse avresti dovuto aggiungere, purchè sia
            fra i tastapane supportati, ovvero nessuno).Bhe, pero' ci sono le interfacce per le macchine del caffe'.
            Tra l'altro ometti di dire (dio te ne scampi,
            vero?) qual è la percentuale di hardwre
            supportato dai tre OS.So che linux e' quello che ne ha di piu', considerando tutte le architetture su cui gira; tu hai delle percentuali precise ?
            Ometti di dire che se uno ha comprato un PC
            con windows, l'hardware che ha comprato è
            per windows e quindi funziona sicuramente.No, ho riciclato uno scanner da uno studio che usava solo Sun, e non so se e' supportato da windows, non mi sono mai informato.Il mio Pc l'ho preso a pezzi ed ho dovuto comprare l'hd a parte per evitare le insistenze del negoziante che voleva affibbiarmi windows con insieme a piastra madre e case.
            Quindi il *PASSAGGIO* a linux è tutt'altro che
            facile.
            Ma non te lo dirò io che passo come nemico di
            Linux, te lo farò dire da gente che di Linux
            ne capisce e sa perfettamente queste cose:
            http://punto-informatico.it/pms.aspx?obd=0&Page=1&
            http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1742563&i
            I soliti problemi di driver che non dipendono da linux, del resto la situazione di Windows 64 e' ben peggione e nessuno se la prende con microsoft; forse perche' la cosa non dipende dal SO.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:
            I soliti problemi di driver che non dipendono da
            linux,no infatti.E' Dio stesso che ha deciso così.Linux non può farci nulla.
          • pane@rita scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows

            Tra l'altro ometti di dire (dio te ne scampi,
            vero?) qual è la percentuale di hardwre
            supportato dai tre
            OS.onestamente non ne ho idea.Credo che per quanto riguarda i driver inclusi nel sistema gnu-linux sia quello che ne abbia di più.Se invece si parla di driver da installare, beh da quanto ho capito e letto dal tuo dialogo con l'altro utente, pare che la tua scheda sia supportata (la difficoltà di installazione dipende (a) dal tutorial seguito (b) dall'abitudine)
            Quindi il *PASSAGGIO* a linux è tutt'altro che
            facile.per me lo è stato... riporto ovviamente un'esperienza personale (su 5 pc, di 5 marche differenti peraltro), come la tua del resto.
            Ma non te lo dirò io che passo come nemico di
            Linux, te lo farò dire da gente che di Linux ne
            capisce e sa perfettamente queste
            cose:
            http://punto-informatico.it/pms.aspx?obd=0&Page=1&
            http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1742563&i
            I thread linkati (su gnewsense) c'entrano ben poco, a mio avviso, con le difficoltà che tu sollevi (soprattutto il secondo che è una critica piuttosto palese a driver e plugin closed... mentre il primo è la solita stupidata secondo la quale chi fa un fork con lo stesso tempo impiegato avrebbe magicamente supportato tutti i modem usb in un colpo solo)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 novembre 2006 15.45-----------------------------------------------------------
          • pane@rita scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            nè la
            scheda grafica (si vedeva bene ma quando spostavo
            una finestra ci metteva un secondo a
            ridisegnarla)per curiosità intel, ati o la tanto esaltata (ma a me piace meno) nvidia?
            questi sono luoghi bomuni incredibili.
            Senza muovere un dito la scheda video non
            funziona accelerata e le finestre ci mettono 3
            secondi a
            ridisegnarsi.Vedi, come i suoi sono luoghi comuni (tutto l'hw viene rilevato automaticamente...è falso, ma anche su windows)così la tua frase è incompleta: alcune schede video senza muovere un dito non funzionano.Oggi ho provato la live di mandriva, così per vedere un po' come sono le altre "ragazze" beh scheda ati, driver open, 3d attivato (e con richiesta iniziale compiz, out of box)
            quanto a "include già quasi tutto il software di
            cui si ha bisogno"... mi viene un po' da riderepenso sia da intendere include già una buona parte di software che in windows devi necessariamente installare.Quando configuro un sistema windows vado di:- firefox- thunderbird- office (o openoffice)- programma di grafica- firewall- nero o altro programma di masterizzazione- foobar o altro programma per ascolto audioquesto è già disponibile di default su gnu-linux...per cui nel considerare il tempo che ci metto a installare un os o l'altro devo calcolare anche questo
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:
            Tra l'altro ha i driver pure per il tostapane
            della nonna.questo?[img]http://www.casemodgod.com/toasterpc1.jpg[/img]
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:
            E' vero che molti di quelli che si lamentano
            dell'installazione di Linux probabilmente non
            sanno nemmeno installare Windows, perchè
            semplicemente non hanno mai dovuto farlo,
            avendolo trovato
            C'è anche da dire che persone che vanno in giro ad affermare di instalare windows in 12 minuti netti non se ne trovano molte.
            preinstallato.
            In ogni caso,probabilmente non tutti sono in
            grado di installare Windows su un harddisk con
            più partizioni contenenti già dati e altri OS (
            come accade comunemente con le installazioni
            Linux in dual boot ), senza fare qualche danno.
            Se oltre ad installare Linux vuoi anche combinare qualcosa il dual bot è indispensabile, o uno si installa due so per hobby.
          • pane@rita scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows

            Se oltre ad installare Linux vuoi anche combinare
            qualcosa il dual bot è indispensabileio il dual boot non lo ho... eppure qualcosina combino
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows

            io il dual boot non lo ho... eppure qualcosina
            combino
            Se ti accontenti di combinare...qualcosina tutto bene.
          • pane@rita scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:

            io il dual boot non lo ho... eppure qualcosina

            combino


            Se ti accontenti di combinare...qualcosina tutto
            bene.la valutazione sul mio operato credo sia esclusiva dell'università che mi sovvenziona. E, con tutta l'onestà di questo mondo, non credo sia legata all'os che utilizzo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 novembre 2006 17.39-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows

            la valutazione sul mio operato credo sia
            esclusiva dell'università che mi sovvenziona.
            E, con tutta l'onestà di questo mondo, non
            credo sia legata all'os che utilizzo.
            Allora potevi evitare di pubblitizzarlo.
          • pane@rita scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows

            Allora potevi evitare di pubblitizzarlo.non l'ho pubblicizzato ho solo detto che gnu/linux è adeguato per ciò che devo fare
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:
            Se oltre ad installare Linux vuoi anche
            combinare qualcosa il dual bot è
            indispensabile, o uno si installa due so per
            hobby.Lo sappiamo, lo sappiamo: i videogiochi girano su windows..
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows

            Lo sappiamo, lo sappiamo: i videogiochi
            girano su windows..
            Noi persone poco serie amiamo dilettarci anche con i videogiochini.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows
            - Scritto da:

            Lo sappiamo, lo sappiamo: i videogiochi
            girano
            su
            windows..


            Noi persone poco serie amiamo dilettarci anche
            con i
            videogiochini.Bhe, alloca continua ad usare il tuo SO giocattolo...
          • Anonimo scrive:
            Re: Sull'installazione di Windows

            Bhe, alloca continua ad usare il tuo SO
            giocattolo...
            Su questo ci troviamo perfettamente daccordo.
        • outkid scrive:
          Re: Openoffice più intuitivo?

          Aggiungerei che anceh Windows w Mac OSX non sono
          alla portata di tutti quando si parla di
          installazione.infatti.. non conosco nessuno che quando lo decide prende il cd di windows brasa tutto e reinstalla da solo.. dubito che ci sia gente non nerd che sappia che e' possibile fare un boot da cd e roba simile.. al max si tengono windows che si avvia mentre sei a lavoro e si spegne mentre stai dormendo.. ma non lo reinstallano da soli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Openoffice più intuitivo?
      numeri di
      pagina"?

      Quanto alla *GENERICA* maggiore "facilità" del
      software open source rispetto al software
      proprietario è una balla estrema, palese ed anche
      fastidiosa, perché rischia di togliere fiducia
      alle persone che propongono software open
      source.L'usabiltà di un software/OS è molto relativa e soggettiva. I parametri da valutare sarebbero coerenza di interfaccia, numero di click per fare le operazioni comuni, chiarezza dei messaggi d'errore, feedback delle operazioni. Il non plus ultra delle interfaccie, saremo tutti d'accordo, sono quelle fatte da Apple, seguite da Sony (ovviamente non per gli OS) e poi gli altri.La facilità è come il PIL: una c.....a! Per fare un esempio hanno fatto una gara (quando sono usciti i primi iMac) nel tempo di installazione dalla scatola a internet di un iMac e un Dell. L'iMac ha stravinto solo, a mio giudizio, solo perchè come utente ha scelto un ragazzino di 10 anni: dall'alltra parte c'era un ingeniere di 40 anni... certo più formato, ma meno predisposto alla velocità ;)
  • Anonimo scrive:
    Ma le tasse per lo smaltimento?
    Domanda che nasce dal fatto che sto facendo partire anche io un progetto simile: ma le tasse per lo smaltimento di quei PC?Mi spiego meglio.Caso A: l'azienda X deve smaltire i PC. Paga le tasse per farlo. Caso B: l'azienda X deve smaltire i PC. Arriva l'ente no-profit Y, che ha un progetto legato al trashware. Di regola, non paga più le tasse, che passano in mano all'ente Y.Giusto? Qual è la normativa in merito?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma le tasse per lo smaltimento?
      In materia di rifiuti, dovrebbe essere il D.Lgs 152/06.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma le tasse per lo smaltimento?
      ma non basta fare una cessione, o cmq un atto fra privati, a titolo gratuito, dei pc obsoleti all'ente no profit? A quel punto è lui che ha in carico i pc (e poi deve pensare a smaltire etc) no?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma le tasse per lo smaltimento?
        bella domanda :)vorrei solo essere sicuro che, per legge, sia veramente cosìricordati che siamo in italia ^_^
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma le tasse per lo smaltimento?
          Non facciamo confusione...1) L'atto di cessione e' lecito solo se il computer e' stato completamente ammortizzato, quindi valore 0 per l'azienda (per i computer significa piu' di 5 anni da quando e' entrato nel ciclo produttivo), altrimenti si tratta di una vendita. Con la nuova normativa, una vendita implica che il venditore si deve fare carico anche della eventuale rottamazione, ma non e' detto che non ti faccia pagare per il servizio, anzi...Devono comunque certificare di fare lo smaltimento conformemente alle normative vigenti 2) Ci sono delle complicazioni nel caso che un'azienda alieni dei computer relative ai supporti di memorizzazione (dati su hd), ma non voglio entrare in merito. Solo per dire che ormai i vecchi hd preferiscono tenerseli o degaussarli3) Dismettere apparati e' una gran rottura perche' bisognerebbe fare un iter burocratico abbastanza tortuoso, che implica la comunicazione alle autorita' dei cespiti che si vogliono eliminare dai libri contabili etc., quindi e' ovvio che possa essere un business "donare" ad enti no profit.4) Tuttavia, le grandi aziende si fanno pagare per dismettere i computer, magari anche solo un valore simbolico ma si fanno pagare
Chiudi i commenti