AMD e il futuro della APU a 10 core

Il chipmaker di Sunnyvale sarebbe intenzionato a distribuire un processore con 10 core entro il 2012. La notizia arriva da una "slide" non ufficiale mentre la società garantisce di essere in grado di commercializzare la prima GPU a 28 nm

Roma – In attesa di valutare la portata dell’impatto della “rivoluzionaria” tecnologia di transistor tri-gate recentemente disvelata da Intel, AMD è già sulla difensiva e si appresta a rilanciare la sfida delle prestazioni estreme con una linea di CPU in configurazione multi-core che più multi-core non si potrebbe.

Stando alla supposta roadmap comparsa su un sito cinese, nel 2012 AMD rinnoverà la propria gamma di soluzioni tra APU e CPU sulla base del nuovo core “Piledriver” – ovvero tecnologia Brazos evoluta. Al vertice prestazionale delle nuove unità di computing dovrebbe esserci il chip “Komodo”, CPU basata su socket FM2 con la bellezza di 10 core fisici .

A Komodo si affiancherà il chipset “Hudson”, suggerisce la roadmap, con supporto a 8 diversi canali SATA3 in configurazione RAID (0,1,5 e 10) e porte USB 3.0 a profusione. A fare da contraltare al multi-core “estremo” di Komodo ci saranno le nuove GPU Radeon HD 7000, destinate a rinnovare ancora una volta sia la fascia mainstream che quella alta del mercato delle unità acceleratici discrete.

Sempre parlando di GPU, se sulla roadmap del 2012 non ci sono certezze AMD ha già fatto sapere di voler spingere sulla miniaturizzazione dei processi produttivi con la commercializzazione delle prime schede Radeon con processore realizzato a 28 nanometri. AMD è fiduciosa di poter essere “alla guida della transizione dell’industria delle GPU verso i 28 nanometri”, e di poterlo fare in tempo per la chiusura dell’anno in corso.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iupiter scrive:
    600 euro a commento
    io a ruppolo farei pagare 600 euro a commento
    • attonito scrive:
      Re: 600 euro a commento
      - Scritto da: iupiter
      io a ruppolo farei pagare 600 euro a commentoseduto com'e' sulla catasta di azioni apple, sai quanto gliene fregherebbe?
  • User80 scrive:
    Per la redazione
    Il testo in inglese del link recita "A woman has been left shocked by a settlement letter demanding 6,000 euros after her connection was used for 10 minutes of unauthorized file-sharing". Non è lei che ha utilizzato una connessione Wi-Fi non protetta, ma è stata la sua connessione Wi-Fi non protetta ad essere utilizzata per il "reato"...
    • aphex twin scrive:
      Re: Per la redazione
      Ok, ma DA SOLA una connessine WiFi aperta non é in grado di fare alcun reato.
      • panda rossa scrive:
        Re: Per la redazione
        - Scritto da: aphex twin
        Ok, ma DA SOLA una connessine WiFi aperta non é
        in grado di fare alcun
        reato.Tuttavia la responsabilita' penale e' personale.O dimostri che e' stata lei a usare quella connessione, oppure dovrai cercare tra gli altri 5 miliardi di abitanti del pianeta, senza escludere il caso in cui sia stato il cane pigiando un tasto per sbaglio.
        • aphex twin scrive:
          Re: Per la redazione
          - Scritto da: panda rossa
          Tuttavia la responsabilita' penale e' personale.Appunto , personale ... non di una cosa. E' responsabilita' sia di chi ha lasciato la rete aperta, sia della tipa che ne ha abusato.
          O dimostri che e' stata lei a usare quella
          connessione, Il mio router registra i MAC address che vengono a bussare. Sperando che la tipa non sia in grado di modificare il suo MAC address.Quindi se non ha cambiato MAC address hai gia' una prima informazione utile.
          oppure dovrai cercare tra gli altri
          5 miliardi di abitanti del pianeta, Cala , non molti meno.
          senza
          escludere il caso in cui sia stato il cane
          pigiando un tasto per
          sbaglio.A questa cosa non ci crede nessuno dai. :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Per la redazione
            - Scritto da: aphex twin
            - Scritto da: panda rossa

            senza

            escludere il caso in cui sia stato il cane

            pigiando un tasto per

            sbaglio.

            A questa cosa non ci crede nessuno dai. :D[yt]rPbyh0FiBLE[/yt]
          • krane scrive:
            Re: Per la redazione
            - Scritto da: aphex twin
            - Scritto da: panda rossa

            Tuttavia la responsabilita' penale e'
            personale.

            Appunto , personale ... non di una cosa. E'
            responsabilita' sia di chi ha lasciato la rete
            aperta, sia della tipa che ne ha
            abusato.


            O dimostri che e' stata lei a usare quella

            connessione,

            Il mio router registra i MAC address che vengono
            a bussare. Sperando che la tipa non sia in grado
            di modificare il suo MAC
            address.
            Quindi se non ha cambiato MAC address hai gia'
            una prima informazione
            utile.


            oppure dovrai cercare tra gli altri

            5 miliardi di abitanti del pianeta,

            Cala , non molti meno.


            senza

            escludere il caso in cui sia stato il cane

            pigiando un tasto per

            sbaglio.

            A questa cosa non ci crede nessuno dai. :DUna volta, videogiocando a casa di un amico, il gatto ha trovato un secret.
          • prova123 scrive:
            Re: Per la redazione
            Se usi windows puoi fare risultare il MAC address che vuoi ... :D
          • Daniele scrive:
            Re: Per la redazione
            Se per questo anche con linux. Anzi mi risulta più semplice su linux..
          • prova123 scrive:
            Re: Per la redazione
            A me basta un doppio click su un file di pochi byte modificato a mano ... ;) :D
          • Picchiatell o scrive:
            Re: Per la redazione
            - Scritto da: aphex twin tasto per

            sbaglio.

            A questa cosa non ci crede nessuno dai. :Dmanda la notizia su italia uno o rete , di che il gatto e' pedoterroristasatanistacomunistafascio e vedrai se ci credono....
          • aphex twin scrive:
            Re: Per la redazione
            E' SICURO che ci credono :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: Per la redazione
            A dire il vero, il meri IP di connessione non prova nulla di per se.
          • aphex twin scrive:
            Re: Per la redazione
            Io ho parlato di MAC address no di IP.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Per la redazione
            uguale, non è una prova di per se, non dice che tu sei compevole senza appello :D
          • aphex twin scrive:
            Re: Per la redazione
            Lo so , per quello ho scritto "Quindi se non ha cambiato MAC address hai gia' una prima informazione utile."
          • p4bl0 scrive:
            Re: Per la redazione
            - Scritto da: aphex twin
            - Scritto da: panda rossa

            Tuttavia la responsabilita' penale e'
            personale.

            Appunto , personale ... non di una cosa. E'
            responsabilita' sia di chi ha lasciato la rete
            aperta, sia della tipa che ne ha
            abusato.


            O dimostri che e' stata lei a usare quella

            connessione,

            Il mio router registra i MAC address che vengono
            a bussare. Sperando che la tipa non sia in grado
            di modificare il suo MAC
            address.
            Quindi se non ha cambiato MAC address hai gia'
            una prima informazione
            utile.


            oppure dovrai cercare tra gli altri

            5 miliardi di abitanti del pianeta,

            Cala , non molti meno.


            senza

            escludere il caso in cui sia stato il cane

            pigiando un tasto per

            sbaglio.

            A questa cosa non ci crede nessuno dai. :Dforse ti sei perso dove qualche riga sopra User80 citava l'articolo originale dove diceva che proprio la tipa era quella con la rete aperta..
          • Skywalker scrive:
            Re: Per la redazione
            - Scritto da: aphex twin
            Appunto , personale ... non di una cosa. E'
            responsabilita' sia di chi ha lasciato la rete
            aperta, sia della tipa che ne ha
            abusato.Quindi se io lascio aperta la porta di casa mia, uno entra, prende un coltello da disossare e uccide il vicino, io sono co-responsabile perché mi fido del mondo e lascio la porta di casa aperta. Come si fa regolarmente in campagna e come un famoso documentario USA fece vedere essere comune in tante parti del Canada...Una WiFi non è un fucile: non è richiesto un porto d'armi e non è nemmeno molto utile come arma di offesa (...forse se è un vecchio modello con trasformatore in ferro e lo doti di abbondante energia cinetica!).L'unico motivo per tirarsi addosso i XXXXXX e le complicazioni introdotte dal criptaggio di una WiFi è il pericolo di una denuncia da parte di una Major. Per il resto non ha senso. Se tratto dati personali o sensibili, uso VPN, non WPA2 a livello di singolo Access Point. E se lo uso per accedere ad Internet, sono in piazza già perché sono connesso ad Internet non più di quanto lo sia a causa della WiFi.Se non fosse per questo unico e vero pericolo, in Italia addirittura con l'obbligo penalmente perseguito di autenticazione e logging, la mia WiFi sarebbe tra i Phoneros da anni. E come la mia milioni di altre e ci connetteremmo senza tanti problemi pensionando buona parte delle chiavette HDSPA e probabilmente, con il VoIP, anche molti cellulari.
    • krane scrive:
      Re: Per la redazione
      - Scritto da: User80
      Il testo in inglese del link recita "A woman has
      been left shocked by a settlement letter
      demanding 6,000 euros after her connection was
      used for 10 minutes of unauthorized
      file-sharing". Non è lei che ha utilizzato una
      connessione Wi-Fi non protetta, ma è stata la sua
      connessione Wi-Fi non protetta ad essere
      utilizzata per il "reato"...Notizia riportata quindi al contrario... Che vuoi che sia per PI...
      • attonito scrive:
        Re: Per la redazione
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: User80

        Il testo in inglese del link recita "A woman
        has

        been left shocked by a settlement letter

        demanding 6,000 euros after her connection
        was

        used for 10 minutes of unauthorized

        file-sharing". Non è lei che ha utilizzato
        una

        connessione Wi-Fi non protetta, ma è stata
        la
        sua

        connessione Wi-Fi non protetta ad essere

        utilizzata per il "reato"...

        Notizia riportata quindi al contrario... Che vuoi
        che sia per
        PI...un altro "-1" per vecchio, ma che ci vuoi fare: per quei 50-60euro ad articolo, pretendi pure la precisione? PI ottiene cio' per cui paga: poco.
  • sgabe scrive:
    Se applicassimo
    Se applicassimo le mille seghe mentali, e paure, che abbiamo nella rete alla vita reale, ogni casa avrebbe 4 allarmi, ogni macchina vetri antiproiettile e usciremo di casa solo in caso di estrema necessità.....
    • jjjj scrive:
      Re: Se applicassimo
      Vedi -
      Il mondo dei replicanti...
    • styx scrive:
      Re: Se applicassimo
      - Scritto da: sgabe
      Se applicassimo le mille seghe mentali, e paure,
      che abbiamo nella rete alla vita reale, ogni casa
      avrebbe 4 allarmi, ogni macchina vetri
      antiproiettile e usciremo di casa solo in caso di
      estrema
      necessità.....mi piace questo parallelismo...
    • R3d Wo1f scrive:
      Re: Se applicassimo
      - Scritto da: sgabe
      Se applicassimo le mille seghe mentali, e paure,
      che abbiamo nella rete alla vita reale, ogni casa
      avrebbe 4 allarmi, ogni macchina vetri
      antiproiettile e usciremo di casa solo in caso di
      estrema
      necessità.....Probabilmente la gente comune ignora i pericoli della rete altrimenti ne avrebbe molta di più...Le passwords dei routers di default raramente vengono cambiate e ad oggi sono una porta aperta...Provate ad usare un ip filter quando usate un programma di file sharing e ne vedrete delle belle...Se la gente sapesse chi c'è dietro al loro mulo smetterebbe di usarlo immediatamente.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Se applicassimo
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Skywalker scrive:
        Re: Se applicassimo
        - Scritto da: R3d Wo1f
        Probabilmente la gente comune ignora i pericoli
        della rete Probabilmente la gente comune ignora molti "pericoli" fuori dalla rete, ed ha imparato a ignorarli perché vivere di "paure" è un brutto vivere.Hai serrature a cilindretto a casa tua? Si? Una decina di anni fa dei fabbri Danesi hanno fatto sapere al mondo come aprirle in 3 decimi di secondo. Eppure mica tutti hanno serrature a doppia mappa con sensori a profondità.Hai una bicicletta? La legherai mica ad un palo con una catena! Se non usi una catena in acciaio-cemento di almeno 7-8 millimetri di spessore, con una spruzzatina di azoto liquido e una trancia portatile la tagli in meno di un secondo, senza destare sospetti. Come? Una simile catena costa più della tua bicicletta? E allora? Anche un syslog server costa di più di un Access Point. Ovviamente se poi ci metti un lucchetto con serratura a cilindretti siamo punto e a capo.Camminare per strada in una città trafficata espone ad un considerevole rischio di essere investiti. In una come Milano anche ad un rischio non nullo che un fuori di testa esca di casa e ti massacri a morte di pugni anche se sei una che passa di li e che nemmeno lo conosci. Eviti i marciapiedi o ti limiti ad evitare Milano?Internet non è diverso da camminare in strada. C'è un rapporto rischio/beneficio che accetto, consciamente o inconsciamente, perché voglio vivere, non sopravvivere. Al massimo ti concedo che molti ancora non hanno capito che Internet è la strada, non il proprio salotto.Ricordo ad una conferenza sulla Sicurezza Informatica che un avvocato esordì dicendo: "Voi informatici, appartenendo ad una professione recente, vivete ancora nel mito dell'esistenza della sicurezza perfetta, del sistema perfetto. Noi avvocati, avendo qualche millennio di esperienza alle spalle, lo abbiamo abbandonato da tempo. La Muraglia Cinese non fu mai valicata. Ma bastarono un po' di Danari ad un guardiano ed i Mongoli passarono dal portone aperto".Non mi serve un "sistema perfetto" che mi costringe a vivere nella "paura". Mi accontento di un sistema economicamente e praticamente adeguato a quello che devo fare, accettando un paio di volte nella vita di tornare a casa a piedi perché mi hanno rubato al bicicletta. E scorazzare felice in bici per le strade nel resto del tempo.Oggi per un privato il "rischio" più grosso su Internet non è una botnet, o un furto di identità o un attacco all'Home Banking. Ma una causa legale per violazione del Copyright in conseguenza di un mascheramento di IP. Ed è tutto dire...
  • Guybrush scrive:
    10 minuti
    ...che accidenti di banda hanno da quelle parti per riuscire a scaricare qualcosa in 10 minuti tramite programmi di File Sharing?GT
    • panda rossa scrive:
      Re: 10 minuti
      - Scritto da: Guybrush
      ...che accidenti di banda hanno da quelle parti
      per riuscire a scaricare qualcosa in 10 minuti
      tramite programmi di File
      Sharing?Gia', deve essere proprio un bel posto, se non fosse per il clima.Io in 10 minuti faccio neanche in tempo a selezionare i files da scaricare e metterli in coda, figuriamoci a scaricarli.E se proprio fosse vero, significherebbe che la signora aveva un rating altissimo di sharing per poter scaricare con quella priorita'.Quindi gia' mi pregusto un altro buco nell'acqua delle major con milioni buttati nel proXXXXX, altri milioni da pagarsi in danni alla signora in questione, e una bella sentenza che in futuro tutelera' il diritto dei cittadini di poter sfruttare le reti aperte.
      • cipollotto scrive:
        Re: 10 minuti
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Guybrush

        ...che accidenti di banda hanno da quelle
        parti

        per riuscire a scaricare qualcosa in 10
        minuti

        tramite programmi di File

        Sharing?

        Gia', deve essere proprio un bel posto, se non
        fosse per il
        clima.

        Io in 10 minuti faccio neanche in tempo a
        selezionare i files da scaricare e metterli in
        coda, figuriamoci a
        scaricarli.
        Che sei "tardo" ormai l'abbiamo capito
        • Guybrush scrive:
          Re: 10 minuti
          - Scritto da: cipollotto
          - Scritto da: panda rossa[...]
          Che sei "tardo" ormai l'abbiamo capitoSe usi il file sharing si.GT
    • iupiter scrive:
      Re: 10 minuti
      io ci sono stato 10 anni fa...c erano dei centri pieni di ragazzini che smanettavano al pc, convinto stessero giocando in multiplayer...macche' programmavano a 12-14 anni...come in italia.il posto e' bello si guadagna bene ed e' pieno di donne che non se la tirano..peccato che dopo le 9 di sera siano tutti sbronzi.
      • Guybrush scrive:
        Re: 10 minuti
        - Scritto da: iupiter
        io ci sono stato 10 anni fa...c erano dei centri[...]
        italia.
        Ah, come me nel 1983...
        il posto e' bello si guadagna bene ed e' pieno di
        donne che non se la tirano..peccato che dopo le 9
        di sera siano tutti
        sbronzi.Si, e' un posto meraviglioso d'estate.D'inverno un po' meno.Perché non è che sono sbronzi dopo le 21, sono sbronzi 2-3 ore dopo il tramonto e quando il sole tramonta alle 14 e sorge alle 11 del giorno dopo...GT
      • rb1205 scrive:
        Re: 10 minuti
        Una bella sfilza di luoghi comuni. Ti sei dimenticato di scrivere "Non ci sono più le mezze stagioni".
        • Skywalker scrive:
          Re: 10 minuti
          Mica tanto "luoghi comuni".Il problema esiste e da quelle parti non fanno finta che non ci sia.Certo che il fatto che in Dicembre il sole sorga alle 10 e tramonti alle 14:30, e la temperatura fuori oscilli tra -4 e -14, costringendoti fondamentalmente a passare da chiuso in una casa a chiuso in un'altra casa, non aiuta. E quando arriva l'estate, che finalmente si può uscire, vaffanbagno le hyttysia: sciami di zanzare a rompere le balle.Amo la Finlandia, ma il fatto che su un territorio grande più o meno come l'Italia ci vivano in 5 milioni invece che in 60 milioni, qualcosa ti dice.
    • R3d Wo1f scrive:
      Re: 10 minuti
      - Scritto da: Guybrush
      ...che accidenti di banda hanno da quelle parti
      per riuscire a scaricare qualcosa in 10 minuti
      tramite programmi di File
      Sharing?

      GTCredi che la banda che teniamo in Italia sia peggiore?Spesso è solo questione di filtri per limitare il p2p.
      • Sgabbio scrive:
        Re: 10 minuti
        Ma nemmeno per quelli, qui in italia ci sono infrastrutture al limite e cavi degradati cosi tanto che non li cambiano solo se costretti dall'evidenza.
    • ThEnOra scrive:
      Re: 10 minuti
      Beh, banda Finlandese a parte, quanto ci vuole a scaricare 1GB? Quante canzoni potrebbero avere un archivio compresso di queste dimensioni?Che la rete sia stata usata 10 min o 10 ore, credo sia relativamente importante. Più importante capire il traffico dati, in termini quantitativi.
  • R3d Wo1f scrive:
    si vabbe,reti aperte ma con identificaz.
    Ok anche da me ci sono servizi come hotspot wifi gratuiti,ci sono persino quelli comunali ma la tendenza è quella dell'autenticazione,una password ricevuta dopo una registrazione con un sms,mi sembra la cosa più logica.Altrimenti suonerebbe come andiamo in giro tutti col passamontagna e confidiamo nell'onesta intrinseca che contraddistingue l'utente medio...
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: si vabbe,reti aperte ma con identificaz.
      Sottoscrivo.A.
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: si vabbe,reti aperte ma con identificaz.
      tipo a bologna, devi essere residente o studente, sennò vai in uno dei milioni di internet point (a par mio molto economici rispetto a dalle mie parti)
    • Sgabbio scrive:
      Re: si vabbe,reti aperte ma con identificaz.
      bella M
    • Skywalker scrive:
      Re: si vabbe,reti aperte ma con identificaz.
      Hai ragione! Inconcepibile. Quasi eversivo.Io che ho girato mezza Germania di Gasthaus in Gasthaus, a 40 Euro per una camera doppia internet incluso, dove per accedere alla WiFi mi hanno dato solo la password della WPA...Ah, ho capito in cosa consiste l'eversione! Questi maledetti affittacamere che con un router WiFi danno l'acXXXXX agli ospiti, spendendo solo 50 Euro di Access Point, invece di sottoscrivere un contratto di fornitura con una telecom autorizzata che si occupa di censire i loro clienti, sviluppare una infrastruttura di invio dell'SMS di autenticazione, e gestire tracciatura e acXXXXX alla modica cifra di 50 Euro al mese fino a 5 utenze (costo dell'ADSL escluso ovviamente)...Questa mania dell'Autenticazione a tutti i costi è veramente una follia che non capirò mai. Pur di far piacere a quattro Major, si rompono le scatole a tutto il resto del mondo. Ma se invece che tramite Internet, i film se li fossero scambiati inviandosi DVD-RW per posta, che facevano? Chiedevano a tutti di autenticarsi con l'impronta digitale e l'Iride davanti alla buca delle lettere prima di infilarci un pacchetto?E si che con una busta posso spedire antrace o esplosivo, ma via Internet più che informazioni non posso inviare.Un po' come quell'altra mania di scandire la gente fino alle mutande prima di salire su un aereo. Eppure solo l'11 Settembne è stato portato a termine con un aereo. Ad Atocha erano treni, a Londra metropolitane e bus, a Mosca teatri, in Ossezia scuole per bambini, in Giappone ancora metropolitane. Eppure nessuno mi perquisisce quando salgo sul Frecciarossa o in metro. Ma neanche sul TGV o sull'ICE. E men che meno su un Bus internazionale.Un poliziotto norvegese dopo Utoya ha detto:"Spero che adesso non ci costringano a portare armi. Perché significherebbe che avrebbe ottenuto una parte di quello che voleva. Farci cambiare vita con la paura".Ma ci rendiamo conto della schizofrenia? Per favorire un business, per giunta morente, ne soffochiamo cento altri e trattiamo tutti come dei delinquenti, al punto da creare un mondo in cui solo i delinquenti ci vivono bene?
Chiudi i commenti