Ammazza-blog, a volte ritornano

Si rivede al Senato il famigerato DDL su rettifiche e multe per i giornalisti. Al centro degli emendamenti più pesanti soprattutto i siti online

Roma – Un tempo era l’ammazza-blog, ora lo chiamano DDL Lochness per le sue qualità di resilienza e persistenza: al Senato riappare il disegno di legge che punta a riformare la legge 47 del 1948 (Disposizioni sulla stampa), neutralizzato solo un anno fa nei suoi propositi più nefasti soprattutto per i blog, e che sta per essere discusso in aula. Il problema sono i nuovi emendamenti che sono stati proposti: le conseguenze in termini di fattività delle rettifiche e la portata delle possibili pene per i giornalisti sono ancora una volta una potenziale minaccia per la libertà d’espressione.

Il DDL in questione tormenta la rete dal 2009 . Dopo l’ultimo riesame, che aveva nel complesso ristretto il campo di applicazioni alle testate giornalistiche propriamente dette e messo al sicuro i blog da obblighi eccessivamente pedanti, gli emendamenti ripresentati a Palazzo Madama sembrano nuovamente esacerbare la situazione: niente carcere tra le pene previste, ma multe salate (fino a 50mila euro), responsabilità in solido di direttore e vicedirettore (anche in presenza di pezzi firmati) e ancora una volta criteri di rettifica di complicata applicabilità che vanno a inquinare un quadro già di per sé non molto nitido.

Resta in piedi il concetto di “coscienza di falsità”, ovvero la diffusione deliberata di informazioni non veritiere da parte del giornalista, come aggravante: è in questi casi che la pena pecuniaria passa dai 10mila euro previsti a 50mila, moltiplicata cinque volte per scoraggiare l’attribuzione di azioni o dichiarazioni non verificabili all’interno di un articolo. Quando poi arrivi una richiesta di rettifica, essa andrebbe pubblicata tasativamente entro 48 ore e senza alcun commento, seguendo un criterio puntuale di impaginazione e offrendo visibilità analoga all’articolo originario: in caso di mancata ottemperanza si potrà ricorrere al giudice, a cui spetterà il compito di irrogare la sanzione pecuniaria, avvisare prefetto e Ordine dei Giornalisti . L’OdG, infine, dovrebbe provvedere anche alla sospensione fino a 6 mesi nel caso in cui si verifichino tali circostanze. Ma ci sono anche emendamenti che prevedono la responsabilità per i commenti postati da altri su un sito, e in talune circostanza anche i comuni blogger (oltre ai giornalisti e alle testate registrate) potrebbero essere compresi nella portata di tale modifica.

Se la rettifica non fosse abbastanza, alcuni degli emendamenti presentati prevedono in alternativa (o in aggiunta) la cancellazione di tutti i dati personali e informazioni ritenute diffamatorie presenti nei “siti internet” e persino “dai motori di ricerca”, facoltà che spetta al diretto interessato come ai suoi eredi. In un attimo riaffiora il tormentone bavaglio : trattandosi solo di emendamenti a un DDL ancora da discutere in aula al Senato (e per questo ci sarà da attendere almeno un altro paio di settimane) forse è prematura, ma vale la pena drizzare le antenne e tenere ancora sotto controllo questo provvedimento nel corso del suo iter parlamentare.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pasta alla Pirateria scrive:
    E' una soluzione tampone
    L'input rimane il formato GIF e questo significa essere limitati da un numero di colori estremamente ridotto che porta a vistosi artefatti grafici.La conversione in microstream mp4 fa risparmiare banda/spazio ma non aiuta minimamente ad ottenere migliore qualità.Nel 2014 abbiamo browser desktop e mobili in grado di intepretare nativamente MPEG-4/H.264 tramite html5 (l'unica eccezione mi pare sia Opera - si adatti o ne paghi le conseguenze), sicuramente imgur sfrutta queste capacità per la decodifica sui client senza che si debano installare plug-in, ma potrebbe anche permettere l'upload nello stesso formato (con limiti di risoluzione/peso ovviamente).
    • _____ scrive:
      Re: E' una soluzione tampone
      - Scritto da: Pasta alla Pirateria
      Nel 2014 abbiamo browser desktop e mobili in
      grado di intepretare nativamente MPEG-4/H.264
      tramite html5 (l'unica eccezione mi pare sia
      Opera - si adatti o ne paghi le conseguenze)Non ho verificato, ma da un po' di tempo a questa parte, anche Opera si è "venduto" a Webkit, quindi, suppongo che anch'esso lo supporti
      • Pasta alla Pirateria scrive:
        Re: E' una soluzione tampone
        - Scritto da: _____
        Non ho verificato, ma da un po' di tempo a questa
        parte, anche Opera si è "venduto" a Webkit,
        quindi, suppongo che anch'esso lo
        supportiho fatto una breve ricerca ed è venuto fuori che tre mesi fa ha attivato il supporto limitatamente alla versione Windowshttp://blogs.opera.com/desktop/2014/07/opera-developer-24-changes-tab-preview-html5-h-264-video-support/
        • _____ scrive:
          Re: E' una soluzione tampone
          - Scritto da: Pasta alla Pirateria
          ho fatto una breve ricerca ed è venuto fuori che
          tre mesi fa ha attivato il supporto limitatamente
          alla versione
          Windows
          http://blogs.opera.com/desktop/2014/07/opera-develOk, ho letto che Google ha voluto rimuovere il supporto dell'H.264 da Chromium qualche anno fa, è per questo che Opera non lo supporta/supportava.Pare che Google voglia togliere il supporto pure su Chrome perché "vogliono" un web aperto(http://blog.chromium.org/2011/01/html-video-codec-support-in-chrome.html)Ho messo vogliono tra virgolette perché Chrome stesso(ho detto Chrome, non Chromium) è closed-source, quindi, mi sembra un predicare bene e razzolare male
  • bradipao scrive:
    ma perchè non supportare APNG
    C'è da tempo un formato pensato proprio per sostituire le GIF animate, si chiama APNG... ma le big corp fanno resistenza...
    • Sg@bbio scrive:
      Re: ma perchè non supportare APNG
      Esattamente! L'alternativa c'è.
      • Pino scrive:
        Re: ma perchè non supportare APNG
        La vera alternativa si chiama WebP. Ha tutto quello che uno possa desiderare: alta compressione, trasparenze, animazioni. Un degno sostituto di jpeg, png e gif, che mette insieme i pregi di ognuno dei formati attuali.Purtroppo quei citrulli di Firefox se la stanno menando da anni e non vogliono implementarlo, per cui bisognerà ancora attendere.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: ma perchè non supportare APNG
          Sei serio ?
        • Pasta alla Pirateria scrive:
          Re: ma perchè non supportare APNG
          - Scritto da: Pino
          Purtroppo quei citrulli di Firefox se la stanno
          menando da anni e non vogliono implementarloa dire il vero è supportato da meno della metà dei browser più comuni:http://caniuse.com/#search=webpquesto lo rende non candidabile al momento.
    • Zizza scrive:
      Re: ma perchè non supportare APNG
      - Scritto da: bradipao
      C'è da tempo un formato pensato proprio per
      sostituire le GIF animate, si chiama APNG... ma
      le big corp fanno
      resistenza...Già, purtroppo solo firefox 31
      e safari 8
      le supportanohttp://caniuse.com/#feat=apng
    • ... scrive:
      Re: ma perchè non supportare APNG
      Io continuo a chiedermi a che servono sia le apng sia queste gifv.Non so queste gifv, ma le apng pesano veramente troppo!basta guardare quihttps://people.mozilla.org/~dolske/apng/demo.htmlfirefox rotante che pesa più di mezzo mega. Ridicolo e inutilizzabile.Sarà per questo che nessuno le prende seriamente in considerazione.
      • Pasta alla Pirateria scrive:
        Re: ma perchè non supportare APNG
        - Scritto da: ...
        Non so queste gifvgifv credo che sia solo un nome dato dai tizi all'idea, in realtà parliamo di un file codificato normalmente in h264, quindi dal punto di vista del rapporto qualità/dimensioni è molto buono.Resta il problema di cui parlavo sotto: se l'input ha solo 8bit di informazione di colore l'output non potrà essere buono a meno che l'oggetto rappresentato non sia un fumetto o un'immagine analoga.
        ma le apng pesano veramente
        troppo!Esatto
      • bradipao scrive:
        Re: ma perchè non supportare APNG
        - Scritto da: ...
        Io continuo a chiedermi a che servono sia le apng
        sia queste gifv.

        Non so queste gifv, ma le apng pesano veramente
        troppo!Ci credo, ma d'altra parte la teoria dell'informazione non la inganni. Il formato GIF animato, come APNG, ha una compressione LOSSLESS (senza perdita), che chiaramente ha una performance limitata, ma permette di controllare ciascun pixel di ciascun fotogramma.GIFV, ma anche le WEBP animate, sono sostanzialmente container di video h264/WEBM, ottime per i filmati, ma sono compressioni fortemente LOSSY, accettabili solo per veri e propri filmati.
        • ... scrive:
          Re: ma perchè non supportare APNG
          giusto quello che dici, ma quindi non capisco l'utilita' di un nuovo formato.Se mi serve una animazione web , le gif vanno benissimo.Se mi serve un video ci sono già i formati adatti.
        • Pasta alla Pirateria scrive:
          Re: ma perchè non supportare APNG
          - Scritto da: bradipao
          Ci credo, ma d'altra parte la teoria
          dell'informazione non la inganni. Il formato GIF
          animato, come APNG, ha una compressione LOSSLESS
          (senza perdita)H264 ha anche un profilo lossless alla bisogna.E' un codec di gran lunga più moderno ed ottimizzato di gif, inutile girarci attorno.L'unico scenario in cui gif può essere migliore è una sequenza di immagini con pochi colori uniformi.
Chiudi i commenti