Anche i non vedenti su Second Life

Lo promette IBM con un nuovo strumento pensato per offrire a chi non può vedere una descrizione ambientale sufficiente a interagire nel metamondo
Lo promette IBM con un nuovo strumento pensato per offrire a chi non può vedere una descrizione ambientale sufficiente a interagire nel metamondo

Second Life ma anche qualsiasi altro metaverso digitale: questi gli ambienti nei quali presto potranno muoversi senza troppe difficoltà anche gli utenti non vedenti. Lo promette IBM, che punta su strumenti per l’ enhancement dell’esperienza online.

Si tratta, in buona sostanza, di tool che consentano una descrizione ambientale molto più efficace, in particolare nella proposizione dei suoni: bilanciare il suono delle onde o delle foglie di un albero, o di più alberi, può offrire strumenti di orientamento.

Il progetto si chiama Accessibility in Virtual Worlds , e offre una descrizione dettagliata dell’ambiente circostante più, come accennato, una speciale “colonna sonora”. Il tutto è completato da sistemi di sintesi vocale per la lettura delle chat testuali degli altri utenti e da rumori ad hoc che indichino l’avvicinarsi o l’allontanarsi di uno o più avatar dal proprio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 09 2007
Link copiato negli appunti