Anche in RAI si usa il VoIP

Cisco e Getronics faranno viaggiare su IP le telefonate RAI da New York


Milano ? Il VoIP sposa la tv? E’ possibile, almeno stando a quanto comunicato da Cisco Systems che riferisce che la propria tecnologia IP Telephony è stata scelta dalla sede newyorkese della RAI Radiotelevisione Italiana per la razionalizzazione delle risorse di telecomunicazione offerte in supporto ai giornalisti.

L’implementazione della nuova rete è stata realizzata da Getronics , già partner RAI e Cisco per consulenza sulla gestione documentale e sulle problematiche di sicurezza. RAI disponeva già di una rete IP che le consentiva un collegamento tra New York e Roma a 34 Mbps, ma in occasione di un trasloco della sede sono stati modificati gli apparati tecnici e sostituito il vecchio centralino.

Il progetto di “revisione” ha previsto l’installazione di 120 telefoni IP e la nuova infrastruttura ha permesso l’implementazione di una soluzione di Unified Messaging che, secondo Cisco, consentirà ai giornalisti e agli altri dipendenti di RAI Corp. di telefonare, collegarsi a Internet, inviare e ricevere messaggi e-mail da qualsiasi punto della sede previo log-in con la propria User ID e password.

“Dal punto di vista di RAI Corp. sicuramente l’integrazione con tutto il resto dell’infrastruttura RAI ha comportato una considerevole riduzione dei costi”, ha dichiarato Giuseppe Biassoni, direttore Ict RAI. “Grazie all’IP Telephony, abbiamo eliminato la necessità di acquistare linee urbane dirette, portandole da una cinquantina circa a qualche unità”. Chissà che un giorno in RAI non si arrivi alla VoIP-TV.

D.B.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Comodo. 150 Watt di consumo per tel.
    Come da titolo.indubbiamente carino, ma continuo a non capire la proliferazione di sti accrocchi rispetto a dei tel VoIP stand alone o a degli ATA.Ciao, Carlo.
Chiudi i commenti