Apple e Google, il valzer delle tasse

Cupertino si infila nelle pieghe del fisco europeo per strappare deduzioni e sconti fiscali. Come tutte le altre aziende IT. Ora però Google potrebbe affrontare una multa miliardaria in Francia

Roma – Il rapporto tra le società operanti su Internet e il fisco diviene progressivamente più controverso con l’accrescimento del business. Non sono rari i casi in cui alcune tra le più famose aziende operanti nel settore ICT si trovano spesso ad avere problemi con il pagamento delle tasse all’interno dei diversi stati nazionali. Gli ultimi casi relativi al capitolo fiscalità riguardano Apple e Google: la prima accusata di pagare tasse troppo basse fuori dagli Stati Uniti, la seconda che secondo le indiscrezioni sarebbe sul punto di ricevere una multa a nove zeri in terra francese.

Secondo i dati della US Securities and Exchange Commission (SEC), l’azienda di Cupertino avrebbe pagato meno del 2 per cento di imposte sui profitti generati nell’ultimo anno fiscale fuori dai confini a stelle e strisce . Nel dettaglio , Apple avrebbe versato 713 milioni di dollari (oltre 557 milioni di euro) di tasse su 36,87 miliardi di dollari (quasi 29 miliardi di euro) di affari condotti all’estero rispetto ai 12,26 miliardi di dollari (oltre 9,5 miliardi di euro) di imposte federali sui profitti generati negli Stati Uniti e 1,06 miliardi di dollari (circa 830mila euro) di tasse pagate nei singoli stati.

Allo stesso modo di altri colossi dell’informatica come Facebook e Amazon , anche Apple produce la maggior parte dei propri guadagni fuori dai confini nazionali , dove il regime fiscale è più favorevole. Per questo motivo, accade sempre più spesso che il mercato più fiorente sia situato all’estero e non in patria, dove il business sarebbe tassato secondo l’aliquota del 35 per cento. Non è un caso, dunque, che alcune aziende come Cisco chiedano un alleggerimento della pressione fiscale per autorizzare il rimpatrio delle somme generate nei paesi stranieri.

Si tratta tecnicamente di un comportamento del tutto lecito, dal momento che le somme versate da Apple al fisco internazionale sono effettive e non il frutto di qualche scappatoia legale così come avvenuto di recente in alcuni stati europei in riferimento al mercato degli ebook. L’assoggettamento a diverse normative e regimi fiscali permette ai soggetti produttivi multinazionali di aggirare quelli più invadenti per le loro casse grazie a strategie (note come Doppio Irlandese e Panino Olandese ), peraltro in buona parte legali, e sistemi estesi di trasferimento di ricavi societari a sussidiarie e aziende di facciata.

Proprio l’adozione di una tattica simile da parte di Google è caduta sotto la lente di osservazione della Direction générale des finances publiques (DGFIP) francese, secondo la quale Mountain View avrebbe mancato di versare le tasse dovute. Per questo motivo, la multa che BigG potrebbe trovarsi a sostenere è pari a 1,3 miliardi di dollari (circa un miliardo di euro).

Secondo la sentenza emanata da una corte d’appello di Parigi, le autorità francesi sono convinte che la sede irlandese di Mountain View , che gode di un regime di tassazione tra i più bassi d’Europa, abbia condotto attività commerciali in Francia, utilizzando risorse umane e materiali appartenenti a Google France , senza corrispondere il compenso tributario dovuto. Da parte sua, quest’ultima sostiene di aver agito nel rispetto delle regole e di non aver ricevuto alcuna richiesta di risarcimento da parte del fisco d’Oltralpe.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti