Apple e Irlanda, la Commissione UE chiede il riesame

Apple e Irlanda, la Commissione UE chiede il riesame

La Commissione Europea ha depositato il proprio ricorso contro la prima sentenza in favore dell'accordo tra Apple e l'Irlanda: si chiede il riesame.
La Commissione Europea ha depositato il proprio ricorso contro la prima sentenza in favore dell'accordo tra Apple e l'Irlanda: si chiede il riesame.

La Commissione Europea intende ricorrere contro la precedente sentenza che ha respinto le accuse UE contro la legittimità dell'accordo tra Apple e l'Irlanda in termini di tassazione. Al centro dell'intesa v'è il cosiddetto Sweetheart Deal che la Commissione ritiene poco equa, tanto da portare tutto in tribunale per cercare di scardinarne le basi.

UE vs Apple: ecco il ricorso

Il ricorso era già stato anzitempo annunciato, ma ora è stato anche depositato. Le finalità sono chiare e non sono certo finalizzate alla ricerca di un compromesso: la Commissione chiede di annullare la sentenza precedente, di respingerne i motivi e quindi di rinviare la causa al Tribunale ai fini di un riesame. “Il Tribunale“, spiega il documento, “sarebbe incorso in vari errori di diritto nel respingere l'accertamento in via principale della decisione controversa circa l'esistenza di un vantaggio“. Inoltre “il Tribunale avrebbe commesso errori di diritto nel respingere l'accertamento in via subordinata della decisione circa l'esistenza di un vantaggio“.

Va ricordato come in ballo non vi sia soltanto il rapporto tra Cupertino e Dublino, ma l'intero profilo fiscale Apple nei confronti dei Paesi parte dell'Unione Europea, nonché le basi del “Double Irish with a Dutch Sandwich” che perimetra i contorni di una tassazione di favore che le grandi corporation hanno la possibilità di sfruttare in modo – fino ad oggi – del tutto legale.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 02 2021
Link copiato negli appunti