Apple, ibridazione con gli e-reader

Apple brevetta un display che unisce schermo E Ink, pannello LCD e interfaccia touch. Per gestire al meglio contenuti statici e multimediali

Roma – Un nuovo misterioso brevetto Apple, depositato nell’ottobre del 2009: a quanto sembra il colosso di Cupertino avrebbe ragionato sulla possibilità di creare un display ibrido per i dispositivi mobile. Una tecnologia in grado di cambiare dinamicamente dal classico LCD retroilluminato al “riposante” sistema E Ink, specializzato in contenuti statici.

I lettori di e-book “puri”, come il Kindle Amazon, pigmentano il substrato dello schermo con sfere bianche e nere caricate elettricamente. E funzionano senza illuminazione interna, affidandosi semplicemente la luce ambientale. I limiti di questa tecnica, che tiene anche a bada il consumo della batteria, riguardano principalmente la gamma cromatica utilizzabile e l’impossibilità di riprodurre video in maniera fluida.

In pratica gli e-reader scelgono di sacrificare i contenuti multimediali per imitare la leggibilità della carta vera, ma l’invenzione proposta da Apple tenta di non rinunciare a nulla: sovrappone un pannello a cristalli liquidi sul limitato display a inchiostro elettronico per gestire l’effetto visivo in base al contesto, e può perfino limitare il cambio di stile ad una precisa zona del display.

Una soluzione del genere potrebbe ovviamente trasformare iPad nel perfetto anti-Kindle ma sembra che la Mela abbia momentaneamente accantonato l’idea. I recenti sondaggi hanno del resto dimostrato che non tutti i consumatori appassionati di lettura percepiscono una reale differenza tra tablet e e-reader. E poi, la tendenza del display 3D auto-stereoscopico è dietro l’angolo.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Vincenzo scrive:
    E allora?
    'fanXXXX internet mi vado a fare un giro in moto :D :D
  • anony scrive:
    ma va'?
    "24 ore senza mezzi di comunicazione"e i risultati sono: Stress, noia, sensazione di isolamento, ecc.Ohibò, che scoperta!scommetto anche, che se togliamo tutto (ma proprio tutto) libri, cinema, discoteche, teatro, pub, e ogni qualsiasi altro posto dove ci si possa divertire/svagare, il risultato sarà: Noia, Stress, sensazione di vuoto/isolamento, leggera arrabbiatura, ecc.ho fatto una grande scoperta? parrebbe proprio di sì, (secondo questi signori).
  • Lucadiver scrive:
    e i social networks
    dove li mettiamo? faranno male alla salute? (rotfl) io ho visto gente che durante la lezione con il netbook va a postare su fessbuuk tutte le caz ate che fa durante l'ora.... ma altro che drogati!.... tante belle scimmiettine che scrivono a macchina.... :D(linux) (apple)
    • smuz scrive:
      Re: e i social networks
      - Scritto da: Lucadiver
      dove li mettiamo? faranno male alla salute?
      (rotfl) io ho visto gente che durante la lezione
      con il netbook va a postare su fessbuuk tutte le
      caz ate che fa durante l'ora.... ma altro che
      drogati!.... tante belle scimmiettine che
      scrivono a macchina....
      :D
      (linux) (apple)ma infatti il titolo doveva essere:social nerworks, la nuova scimmia sulla schienasenza "?"
      • Lucadiver scrive:
        Re: e i social networks
        a volte per gli appunti ci si manda un email no? di solito io ho sempre fatto così... :p alcuni miei compagni di università invece mi fanno mi dai gli appunti della lezione? e io, si certo dammi la mail che te li allego nel massaggio.... e loro: ma stai ancora a usare mail? scrivimi su fessbuuk, ma te non cellaii? :| ecco perchè certa gente bimbaminkia la odio :@
        • panda rossa scrive:
          Re: e i social networks
          - Scritto da: Lucadiver
          a volte per gli appunti ci si manda un email no?
          di solito io ho sempre fatto così... :p alcuni
          miei compagni di università invece mi fanno mi
          dai gli appunti della lezione? e io, si certo
          dammi la mail che te li allego nel massaggio....
          e loro: ma stai ancora a usare mail? scrivimi su
          fessbuuk, ma te non cellaii? :| ecco perchè
          certa gente bimbaminkia la odio
          :@Macche' mail.Si posta su usenet, cosi' resta a disposizione di tutti.Mica puoi mandare una mail ogni volta.
          • Lucadiver scrive:
            Re: e i social networks
            eh :) però appena dico quel nome mi sa che quelli mi bollano come nerd o similari. poi usenet per loro non è "fescion" o come dicono nella mandria, non ha la manina mi piace o no.. (rotfl)...oppure meglio ancora @^ ...la posto su darknet tipo freenet, vediamo cosa dicono... :p
          • panda rossa scrive:
            Re: e i social networks
            - Scritto da: Lucadiver
            eh :) però appena dico quel nome mi sa che
            quelli mi bollano come nerd o similari. poi
            usenet per loro non è "fescion" o come dicono
            nella mandria, non ha la manina mi piace o no..
            (rotfl)...Basta fare un semplice giochetto.Si definisce un problema qualunque che puo' spaziare da che punta usare per bucare il calcestruzzo a quanto burro ci va nelle frittelle a che ne so...Uno prova a risolverlo postando su usenet (o magari trovando gia' la risposta), l'altro usando solo fessbuk.Non c'e' storia.
            oppure meglio ancora @^ ...la posto su darknet
            tipo freenet, vediamo cosa dicono... :pMa lasciali perdere...
  • Claudio scrive:
    Nuove tecnologie vecchi sistemi
    Senza gridare al complotto, vi prego, ma il titolo riassume bene il concetto.Le nuove tecnologie sono addirittura più efficienti ed efficaci. Il continuare a pompare il fenomeno FB, Google, Apple, Microsoft ha uno scopo ben preciso.Cambiano i player di riferimento ma il mercato è sempre lo stesso e le regole di base non vengo giustamente stravolte.Del resto la TV la Stampa e la Radio non hanno fatto molto diversamente negli anni passati. Dallo sbarco sul pianeta raccontato con trasporto che causò il panico negli States, alle persone che non possono perdere una puntata di Lost, o peggio del GF, ai manager bolliti che se non hanno l'iPad, o simili, stanno male.Cambiano i modi ma le operazioni per far cassa son sempre le stesse. Marketing all'ennesima potenza.Ed il bello è che non ci sono colpe, nessuno ha responsabilità. E' mercato, libero, magico e suadente.Provare per credere, comprate un dominio, fate un finto casting per una qualsiasi trasmissione e agganciateci una pagina di FB. Mi raccomando nel regolamento, che non legge nessuno ma nessuno proprio, dite che si tratta solo di una pre-selezione che verrà forse chissà un giorno prodotta, i modi per farlo ci sono e perfettamente legali, aspettate 2 mesi e vedrete i miracolosi risultati.Ci potete fare pure 4 soldi con adsense, pubblico profilatissimo.E' così. Chi da contro ai giovani considerandoli dei beoti sbaglia, sono solo il prodotto dei loro padri che hanno usato questo sistema.
  • bubba scrive:
    la scimmia che avanza
    (...) Another interesting bit was examining how students consume news nowadays. They dont really search for news per se anymore , but rather let it come to them via Twitter and Facebook .praticamente come la TV... insomma scimmie 2.0 ... ke bello :|
  • Criceto scrive:
    romanzo tossico
    un romanzo tossico di William S. Burroughs,Scrive così male?
  • Sky scrive:
    Servizio
    Personalmente vedo la rete e l'informazione sotto forma di un "servizio", tale e quale all'acqua, al gas ed all'energia elettrica.Come mai se manca la corrente tutti gridano allo scandalo mentre quando manca la rete tutti gridano alla dipendenza (di chi la usa)?Non è una dipendenza anche quella relativa all'energia elettrica?Provate a togliere l'elettricità ad una casa per più di poche ore: a partire dal frigorifero che inizia ad aver problemi ed i cibi ad andare a male... e, casualmente, questo passa in seconda battuta rispetto al fatto che la TV è spenta.(e, se qualcuno se ne ricorda, vent'anni fa si parlava di "dipendenza" anche nei confronti della TV)Quel che voglio dire è: il tempo ci ha portato ad esser meno sospetti rispetto alla TV, che viene ritenuta oramai "normale" quanto a presenza, penso quindi che si tratti, come sempre, di attendere il giusto: tra non molto anche la rete verrà vista come un servizio tale e quale gli altri e nessuno si scandalizzerà più se c'è gente che la utilizza.Personalmente, quando mi capita di rimanere "offline" causa disconnessione, in prima battuta mi arrabbio non poco... poi però torno ad una maggior "normalità" perchè, di fatto, ci sono un sacco di cose che posso fare, col PC, anche "offline"... ed un sacco di cose che posso fare anche senza PC...
    • panda rossa scrive:
      Re: Servizio
      - Scritto da: Sky
      Personalmente vedo la rete e l'informazione sotto
      forma di un "servizio", tale e quale all'acqua,
      al gas ed all'energia
      elettrica.
      Come mai se manca la corrente tutti gridano allo
      scandalo mentre quando manca la rete tutti
      gridano alla dipendenza (di chi la
      usa)?
      Non è una dipendenza anche quella relativa
      all'energia
      elettrica?Non puoi mica paragonare il frigorifero con fessbuk.Nel frigorifero, solitamente, ci sono cose da mangiare, che senza corrente vanno a male e sono da buttare.Se il frigorifero fosse invece vuoto e va via la corrente, te ne vai in trattoria per una sera.Qui la cosa e' diversa, qui si parla di gente che se non aggiorna il proprio profilo di fessbuk dicendo che e' andata via la corrente, vanno fuori di matto.
      • Shu scrive:
        Re: Servizio
        - Scritto da: panda rossa
        Non puoi mica paragonare il frigorifero con
        fessbuk.
        Nel frigorifero, solitamente, ci sono cose da
        mangiare, che senza corrente vanno a male e sono
        da
        buttare.

        Se il frigorifero fosse invece vuoto e va via la
        corrente, te ne vai in trattoria per una
        sera.Secondo me invece il suo ragionamento ha senso.Pensa che tutto il mondo fosse senza corrente.Addio cibi conservati e bibite fresche. Addio a un buon 90% di quello che mangiamo oggi. Trattoria o meno.Volenti o nolenti siamo tutti dipendenti dallo "status quo", che sia Internet, il telefono, la corrente, l'automobile (e qualsiasi altro mezzo di trasporto), ecc.
        Qui la cosa e' diversa, qui si parla di gente che
        se non aggiorna il proprio profilo di fessbuk
        dicendo che e' andata via la corrente, vanno
        fuori di
        matto.Molta gente dà già di matto quando i benzinai scioperano per più di 3 giorni, sequestrando i camion cisterna o assalendo i camionisti per strada (sucXXXXX non più di qualche anno fa). Non ci vedo molta differenza.Siamo abituati ad avere certe cose e quando non le abbiamo diamo di matto.Bye.
        • El Duca scrive:
          Re: Servizio
          Stra quoto.ra l'altro, se il frigor smette di funzionare causa black out, chissene frega, esco e mi mangio una pizza. Ma se non ho più il telefono e non posso sapere come stanno le persone a cui tengo in ogni momento, allora comincio a preoccuparmi. Non che l'elettricità, l'acqua, il cibo, le strade siano meno importanti, ma quando non va la rete, è come se rimanessi tagliato fuori dal mondo e non avere le informazioni in quel momento è da panico. Un conto è uno sciopero, in cui si viene avvisati per tempo, oppure posso sempre controllare nella pagina di google news sul mio HTC in ogni momento, se mi trovassi fermo ad aspettare un treno che non arriva, ma se mancassero le informazioni, sarebbe veramente da panico.- Scritto da: Shu
          - Scritto da: panda rossa


          Non puoi mica paragonare il frigorifero con

          fessbuk.

          Nel frigorifero, solitamente, ci sono cose da

          mangiare, che senza corrente vanno a male e sono

          da

          buttare.



          Se il frigorifero fosse invece vuoto e va via la

          corrente, te ne vai in trattoria per una

          sera.

          Secondo me invece il suo ragionamento ha senso.
          Pensa che tutto il mondo fosse senza corrente.
          Addio cibi conservati e bibite fresche. Addio a
          un buon 90% di quello che mangiamo oggi.
          Trattoria o
          meno.

          Volenti o nolenti siamo tutti dipendenti dallo
          "status quo", che sia Internet, il telefono, la
          corrente, l'automobile (e qualsiasi altro mezzo
          di trasporto),
          ecc.



          Qui la cosa e' diversa, qui si parla di gente
          che

          se non aggiorna il proprio profilo di fessbuk

          dicendo che e' andata via la corrente, vanno

          fuori di

          matto.

          Molta gente dà già di matto quando i benzinai
          scioperano per più di 3 giorni, sequestrando i
          camion cisterna o assalendo i camionisti per
          strada (sucXXXXX non più di qualche anno fa). Non
          ci vedo molta
          differenza.

          Siamo abituati ad avere certe cose e quando non
          le abbiamo diamo di
          matto.

          Bye.
      • harvey scrive:
        Re: Servizio
        - Scritto da: panda rossa
        Qui la cosa e' diversa, qui si parla di gente che
        se non aggiorna il proprio profilo di fessbuk
        dicendo che e' andata via la corrente, vanno
        fuori di
        matto.Ma almeno leggilo l'articolo ...
        • MeX scrive:
          Re: Servizio
          dai è stato più diligente del solito, permettigli la "semplificazione" del concetto, almeno ha risposto correttamente sulla differenza tra la mancanza dell'elettricità e la Rete
      • MeX scrive:
        Re: Servizio
        oh siamo d'accordo almeno una volta :D
    • nonfirmocol mionome scrive:
      Re: Servizio
      La cosa preoccupante, è che ho idea che la maggior parte delle persone (citate dall'articolo) vivrebbe con maggiore ansia il distacco dalla rete che non la mancanza di acqua calda.Che dite, esagero?
      • El Duca scrive:
        Re: Servizio
        Ma che dici, tu vivresti meglio senza l'acqua o senza poter più sapere se di acqua ce n'è ancora?Senza informazioni siamo più XXXXXXX che senza tutto il resto. Il caos si crea quando mancano le informazioni e quando non ci si può più di conseguenza organizzare e pianificare una strategia.- Scritto da: nonfirmocol mionome
        La cosa preoccupante, è che ho idea che la
        maggior parte delle persone (citate
        dall'articolo) vivrebbe con maggiore ansia il
        distacco dalla rete che non la mancanza di acqua
        calda.
        Che dite, esagero?
    • MeX scrive:
      Re: Servizio
      con la differenza che senza acqua non ti lavi e non bevisenza gas muori di freddosenza elettricità non mangi
      • nonfirmocol mionome scrive:
        Re: Servizio
        Per questo ho detto che è "preoccupante".. ;)
      • panda rossa scrive:
        Re: Servizio
        - Scritto da: MeX
        con la differenza che senza acqua non ti lavi e
        non
        bevi

        senza gas muori di freddo

        senza elettricità non mangiBe' insomma... c'e' appena stato un bel cataclisma in giappone, e qualche anno fa anche dalle nostre parti.Qualcuno si e' trovato improvvisamente senza acqua, corrente e gas, oltre che senza casa.Una bella disgrazia, non ci piove, ma si sopravvive.Se poi uno ha anche la possibilita' di prepararsi prima, sapendo che dovra' provare a vivere per un tot di tempo senza tutte le cose che diamo per scontate, ci riesce.
      • Lucadiver scrive:
        Re: Servizio
        e come si viveva 100 anni fà o più? magari poi si ritorna a vivere così...chissà... ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 aprile 2011 00.48-----------------------------------------------------------
        • MeX scrive:
          Re: Servizio
          100 anni fa dove adesso ci sono parcheggi in cemento del Carrefour c'erano campi coltivati abitati da gente che sapeva coltivarli
          • Lucadiver scrive:
            Re: Servizio
            Già :( triste realtà... vedo dove abito io ci sono solo capannoni e centri commerciali nelle zone più fertili che anche solo 50 anni fa producevano ottimi raccolti... sembra di essere nel film Wall-E .... al peggio non c'è limite.. :'(-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 aprile 2011 13.27-----------------------------------------------------------
          • ggg scrive:
            Re: Servizio
            A parte il fascino della cosa... ma sul serio preferireste tornare a 100 anni fa?... non so se lo pensate veramente...
          • nonfirmocol mionome scrive:
            Re: Servizio
            Non saprei se cent'anni fa.Facciamo quando i calli si avevano alle mani non al ..ulo.O comunque in un qualsiasi momento nel quale la strada della tecnologia e quella del progresso (nell'accezione più aulica del termine) si sono separate.
Chiudi i commenti