Apple iMovie3, gli utenti protestano

Una lettera aperta scritta da un nome noto tra i macfan italiani è indirizzata ad Apple, affinché rimetta a disposizione iMovie2 fino a quando il nuovo software, considerato pieno di difetti e bug, non sarà pronto


Roma – Cari amici, ho letto con un po’ di amarezza sulla stampa le recensioni positive ad iLife. Amarezza perché al solo scopo di fare uscire un pacchetto commerciale, Apple ha compiuto l’errore di sostituire un ottimo prodotto di editing digitale come iMovie 2 con un programma assolutamente non funzionante come iMovie3.

Se avrete l’attenzione di provare il programma creando un vero film della durata di 60 minuti con una delle macchine consumer a cui è destinato (iMac ed iBook), vi accorgerete che in queste condizioni di lavoro il programma diventa lento al punto di essere inutilizzabile (selezione di un clip: fino a 40 secondi / iniziare a visionarlo: 10 secondi / cancellarlo: fino a 1 minuto / salvare su disco: fino a 2 minuti…) e ricco di bug di ogni genere.

Ogni occasione è buona per perdere la selezione, passando dal modo clip al modo timeline si perde la posizione nel film, non è più possibile registrare una selezione da un brano musicale, e mille altri difetti… persino le traduzioni di alcune transizioni sono sbagliate!

Alla luce di questi malfunzionamenti, particolari come i pulsanti metallizzati o gli effetti visivi diventano solo motivo di irritazione, perché dimostrano come si sia curata più la forma della sostanza e come Apple abbia evidentemente tenuto in pochissima considerazione le esigenze reali della propria clientela.

Se la tenacia vi spingerà, in tempi biblici, ad arrivare alla fine del progetto vi accorgerete che l’output è assolutamente fallato. La registrazione in QuickTime DV avviene in tempi lunghissimi e non in tempo reale come iMovie 2, e quel che è peggio crea un quadro addirittura di dimensioni errate e con un bordo bianco.
La registrazione su videocamera non tiene conto dei setting e dei missaggi della colonna sonora, e il risultato è inaccettabile a qualsiasi livello.

In pratica il prodotto è inutilizzabile per gli scopi per cui è pubblicizzato e venduto, e cioè creare un film di qualità della durata di 60-90 minuti.

La vicenda è tanto più spiacevole non solo per il danno economico e di lavoro che Apple causa ai suoi utenti, ma soprattutto per l’immagine di un computer che si distingueva per essere l’unico sul mercato in cui l’home video funzionava veramente. Per un nuovo utente di iMovie il nostro amato Mac sarà ora un computer ancora meno funzionante di un qualsiasi PC su cui giri Windows ed il suo programma di editing video.

Ora, il problema non è solo che iMovie3 è un catenaccio, evidentemente perché si tratta di un programma molto indietro nello sviluppo, ma testimonia una politica pericolosa che non si fa scrupoli di ritirare un programma assolutamente ben funzionante come iMovie2 per sostituirlo con un programma INUTILIZZABILE solo perché si è deciso di mettere in vendita, finito o non finito, il pacchetto di iLife in occasione del MacWorld…

Personalmente chiedo il rimborso di iLife per salvaguardare i miei diritti di utente, ma anche le scuse di Apple Computer per il tempo gettato a fare da ignaro beta tester.

Inoltre consiglio caldamente gli amici di Apple, per il bene della propria immagine, di reintrodurre sul web e sui computer, il ben funzionante iMovie 2 fino a che lo sviluppo di iMovie 3 non sia giunto almeno allo stesso livello.

cari saluti,

Gaetano “Blue” Bottazzi

fedele utente Apple dal 1985

autore di “HyperTalk: il linguaggio di HyperCard” (Gruppo editoriale Jackson)
autore di “HyperTalk: guida avanzata” (Gruppo editoriale Jackson)
autore di “A Scuola di Macintosh” (Franco Muzzio Editore)

già collaboratore di Applesoft
già autore di HyperGazette
già collaboratore di M Macintosh Magazine
già collaboratore di MacDisk
già collaboratore di Applicando
già collaboratore di MacWorld Italia
curatore di Maclovers

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma parla aol?
    Guarte qui che fa secondo questo sito la AOLhttp://www.nomoreaolcds.com/
  • Anonimo scrive:
    SPAM Insotenibile
    Ormai e' del tutto fuori controllo, mi arriva di tutto 15-20 al giorno. Onestamente non ce la faccio piu' :(Pomy
    • Anonimo scrive:
      Re: SPAM Insotenibile
      - Scritto da: Anonimo
      Ormai e' del tutto fuori controllo, mi
      arriva di tutto 15-20 al giorno. Onestamente
      non ce la faccio piu' :(

      PomyE` gia` una situazione fortunata.A me arrivavano 400 messaggi al giorno prima che decidessi di smettere di controllare quell'account e prendere provvedimenti seri (nella fattispecie abbandonare l'idea di rendere l'indirizzo di email pubblico per ricevere qualcosa, ma servirmi di uno script php installato su un server).E` insostenibile, e` stupido, e` una schifezza, e` vergognoso, diabolico e per di piu`, del tutto inutile. Mi viene voglia di piantare tutta internet e fare l'asociale digitale da ora in avanti, ma non solo per lo spam, per le tecniche pubblicitarie aggressive... parlavo sul forum a tema libero di focus.it, be' allora, con www.focus.it funziona (col sub "www" insomma). E` incredibile la sfacciataggine del banner enorme che addirittura con Mozilla riesce a piazzartisi davanti e a scorrere mentre scorri le pagine. Da farti cascare le braccia.Mah, continuero` a costruirmi, penso, il mio angolino di rete indisturbato... forse e` l'unica soluzione... peccato per internet pero`...
    • Anonimo scrive:
      Re: SPAM Insotenibile
      - Scritto da: Anonimo
      Ormai e' del tutto fuori controllo, mi
      arriva di tutto 15-20 al giorno. Onestamente
      non ce la faccio piu' :(

      Pomycredo di essere anch'io su quei livelli. un paio sono in genere coreani o giapponesi, caratteri che manco visualizzo, poi c'e' una tipografia, gente che vende computer, che propone affari miliardari e altra roba porno
  • Anonimo scrive:
    Ma stiamo scherzando???
    10 milioni di dollari?????????? Per quante email possono aver mandato quella cifra e' pazzesca
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma stiamo scherzando???
      - Scritto da: Anonimo
      10 milioni di dollari?????????? Per quante
      email possono aver mandato quella cifra e'
      pazzescadici? un miliardo di messaggi sono una enormità, equivale a dire 100 dollari per ogni mail mandata, mi sembra giusto altrimenti se sic omincia con " mi sembra troppo, è sproporzionato ecc" le ditte continueranno a fare ic azzi loro tanto sanno che al massimo pagano multe ridicole
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma stiamo scherzando???
        L'ideale é cazziare di brutto le societa produttrici del prodotto pubblcicizzato! Lo spammer in fondo fa il suo lavoro, ma se si da una bella multa alle societa che fanno uso di spammer... il discorso é diverso.Diamo uan bella multa da qualche milione di dollari a chi usa lo spamming, dopo che si fa fallire un po di societa vedi che le cose cambiano.
    • Akiro scrive:
      Re: Ma stiamo scherzando???
      è una multa per quello, speravi in una pacca sulla spalla ed in un "birichino nn farlo più"?
  • Anonimo scrive:
    Ah non sapevo!
    Ah non sapevo proprio che riportare il link di un sito venisse censurato -
    spostato nell'apposito forum...Bo
  • Anonimo scrive:
    Del tuto inutile
    Per uno che ne condannano ce ne sono altri 100 che credono di poter far soldi cosi'. Assurdo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Del tuto inutile
      - Scritto da: Anonimo
      Per uno che ne condannano ce ne sono altri
      100 che credono di poter far soldi cosi'.
      Assurdo.intanto uno paga, se si pensa sempre solo che qualunque cosa uno faccia sia sempre destinata a fallire allora abbaondoniamo le email anzi restiamo pure a letto
  • Anonimo scrive:
    http://www.maxkava.com/spam/
    tp://www.maxkava.com/spam/http://www.maxkava.com/forum/Per combattere lo spam e magari guadagnarci anche qualche soldino. Se volete unitevi a noi contro chi crede di poter fare tutto quello che vuole e di poterla fare sempre franca.
Chiudi i commenti