Richiamati i MacBook Pro 15 (2015) per la batteria

Richiamo volontario dei MacBook Pro da 15 pollici (modello 2015): c'è un problema alla batteria, Apple la sostituirà gratuitamente.

Richiamati i MacBook Pro 15 (2015) per la batteria

Arriva direttamente da Apple un avviso rivolto a tutti coloro che hanno acquistato un MacBook Pro da 15 pollici tra il settembre 2015 e il febbraio 2017: è stato messo in campo un richiamo volontario dei dispositivi a causa di un potenziale problema legato alla batteria, che stando a quanto reso noto dalla mela morsicata potrebbe surriscaldarsi e costituire un rischio per la sicurezza.

Dal momento che la sicurezza dei clienti è la nostra priorità, Apple chiede di interrompere l’utilizzo delle unità MacBook Pro da 15 pollici interessate.

MacBook Pro: richiamo e sostituzione batteria

Per capire se il proprio MacBook Pro è tra quelli interessati è possibile selezionare “Informazioni su questo Mac” dal menu Apple posizionato nell’angolo in alto a sinistra dello schermo. Se compare “MacBook Pro da 15″ con display Retina (metà 2015)” collegarsi alla pagina del supporto ufficiale appositamente messa online e digitare il numero di serie del computer.

La pagina del supporto ufficiale per la verifica

In caso di esito positivo è possibile scegliere una delle opzioni offerte per richiedere in modo gratuito la sostituzione del modulo batteria:

  • rivolgersi a un Centro Assistenza Autorizzato;
  • contattare un Apple Store per fissare un appuntamento;
  • mettersi in comunicazione con il servizio di supporto per concordare la spedizione.

Apple MacBook Pro

In ogni caso il MacBook Pro sarà inviato a un centro di riparazione Apple per l’operazione. L’azienda sottolinea che potrebbero essere richieste fino a due settimane di attesa e che il richiamo non estende il periodo di garanzia standard del dispositivo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Fonte: Apple
Chiudi i commenti