Apple rimuove la versione ad-free di Instagram

Apple rimuove la versione ad-free di Instagram

The OG App è una versione ad-free di Instagram, ma Apple ha rimosso l'app dallo store, probabilmente dopo aver ricevuto una richiesta da Meta.
The OG App è una versione ad-free di Instagram, ma Apple ha rimosso l'app dallo store, probabilmente dopo aver ricevuto una richiesta da Meta.

Due giorni fa, la startup Un1feed ha rilasciato un’app chiamata The OG App per Android e iOS che permette di eliminare le inserzioni da Instagram e i contenuti indesiderati (ad esempio i Reels e i suggerimenti). Oggi Apple ha rimosso l’app dal suo store, probabilmente dopo aver ricevuto un’esplicita richiesta da Meta. L’azienda di Menlo Park ha inoltre chiuso tutti gli account Instagram e Facebook del team di sviluppo.

Vietato clonare Instagram

The OG App permette agli utenti di personalizzare l’esperienza d’uso di Instagram. È possibile disattivare i Reels, la sezione Esplora e l’aggiornamento automatico del feed per 24 ore. L’app elimina anche le inserzioni pubblicitarie e i contenuti suggeriti. Inoltre consente di creare feed in base all’argomento. In pochi giorni è stata scaricata oltre 10.000 volte dallo store di Apple.

L’accesso avviene con l’account Instagram. Alcuni utenti hanno tuttavia notato che, dopo aver effettuato il login, l’account è stato bloccato o risultava l’accesso da un altro paese. Un1feed ha dichiarato che sono “effetti collaterali” derivanti dal reverse engineering delle API Android. Questi problemi di login verranno risolti nella prossima settimana.

Lo sviluppatore Alessandro Paluzzi ha scoperto che The OG App utilizza le API private di Instagram senza permesso. Si tratta di una chiara violazione delle linee guida del servizio di Meta. L’azienda di Menlo Park aveva dichiarato che procederà con le necessarie azioni. Poche ore dopo l’app è stata rimossa dallo store di Apple. Al momento è ancora disponibile sul Google Play Store.

La startup afferma che The OG App è solo una versione di Instagram senza la “spazzatura” di Meta. In un tweet accusa Apple di aver aiutato Meta a bullizzare gli utenti.

Meta ha inoltre chiuso gli account Instagram e Facebook di tutti i membri del team di Un1feed. Gli account Facebook non erano collegati all’app, quindi la startup ipotizza che i nomi sono stati cercati da Meta su LinkedIn o Google.

Fonte: TechCrunch
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 29 set 2022
Link copiato negli appunti