Archos e Creative, a tavoletta

I due produttori spingono sull'acceleratore presentando più device contemporaneamente. Android, anima multimediale e diversi formati tra cui scegliere. Rivali di iPad e iPod Touch

Roma – Il mondo dei tablet PC saluta i nuovi pargoli nati in casa Archos e Creative. Il produttore specializzato in schede audio e diffusori ha annunciato due tavolette entry-level con display da 7 e 10 pollici, basate sulla piattaforma proprietaria Zii, mentre Archos ha presentato un paio di anti-iPad da 7 e 10 pollici, oltre ad un baby-device da 4,3 pollici che punta ad infastidire l’iPod Touch.

Il Creative ZiiO con schermo da 7 pollici avrà una risoluzione di 840×400 pixel, mentre il 10 pollici arriverà a 1024×600 pixel. In tutti e due i casi ci sarà comunque touchscreen resistivo, processore ZMS-08 ad 1GHz , webcam frontale, slot MicroSD e uscita HDMI. Tra i codec video inclusi nel lettore multimediale: H.264, MPEG4, MOV e AVI. Disponibili (da dicembre) nei tagli da 8 GB e 16 GB, spazieranno tra 249 e 319 dollari.

Questi, dispositivi equipaggiati con Zii Pure Wireless, potranno sincronizzarsi facilmente con altri prodotti audio senza fili, tra altoparlanti e cuffie, per fungere da vero e proprio hub di intrattenimento. L’OS, basato su Android 2.1, permetterà di eseguire tutte le operazioni supportate dagli altri tablet che usano il sistema Google. Per applicazioni, giochi ed eBook si passerà dall’apposito ZiiStore Creative ma, con il prossimo aggiornamento alla versione 2.2, gli ZiiO dovrebbero collegarsi anche all’Android Market.

Sugli internet tablet Archos , invece, Android 2.2 c’è già, ma visto che Google ancora non ha certificato i dispositivi bisogna “accontentarsi” dell’ App Lib . Il modello big, da 10 pollici ( Archos 101 ), quello intermedio da 7 pollici ( Archos 70 ) e quello tascabile ( Archos 43 ) condividono comunque la gran parte delle caratteristiche tecniche .

Nella loro carta d’identità troviamo sempre multi-touch capacitivo, un processore ARM Cortex A8 da 1GHz, la memoria integrata da 8 o 16GB, espandibile tramite microSD, il chip grafico che supporta le librerie OpenGL ES 2.0, il Bluetooth (2.1), il WiFi (802.11 b/g/n), l’accelerometro e la webcam (VGA) frontale. La porta USB (2.0) consente di collegare mouse e tastiere per gestire i device.

Anche in questo caso la data d’uscita è fissata per dicembre. Il modello da 10 pollici, nella versione da 16GB, costerà 350 euro, mentre per portarsi a casa il piccolo Archos 43 ne basteranno 200. Discorso a parte per l’Archos 70 da 7 pollici: il modello base avrà un prezzo di 249 euro ma il produttore lancerà sul mercato anche una special edition con un vero hard-disk da 250 gigabyte.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti