ARM sforna le nuove GPU Mali

Il designer presenta nuovi processori grafici pensati per fornire prestazioni superiori (rispetto alla precedente generazione) con consumi energetici ridotti. Con contorno di display 4K

Roma – ARM comincia la settimana rinnovando i prodotti marcati Mali, la linea di GPU ampiamente utilizzata dai maggiori produttori di gadget mobile accanto alle CPU basate su architettura Cortex (a 32 o 64bit): le nuove GPU mali sono tre, e si differenziano sia per le prestazioni che per il consumo energetico, e pure per le dimensioni fisiche del componente.

La GPU Mali-T860 è quella dedicata ai dispositivi di fascia alta o “premium”, e stando a quanto sostiene ARM il chip è il 45 per cento più efficiente nel consumo energetico rispetto alle generazioni precedenti: il numero di core shader di cui è composta la GPU è scalabile fino a 16, il supporto nativo per i contenuti in risoluzione 4K (“e oltre”) è garantito così come il supporto nativo ai profili di colore a 10bit e alle librerie grafiche più popolari (OpenGL ES, OpenCL e persino DirectX 11.1).

Dietro il modello T860 arrivano Mali-T830 e Mali-T820, due GPU di fascia media e bassa destinate a equipaggiare gadget mobile appartenenti a fasce di prezzo comprese fra i 40 e i 400 dollari. Anche qui ARM ci tiene a sottolineare le performance superiori e una maggiore efficienza energetica, caratteristiche che si sposano a un design di chip compatto ideale per l’integrazione in gadget di dimensioni ridotte. Le nuove GPU Mali rappresentano la risposta dichiarata di ARM alla condizione sempre più frammentaria del mercato dei gadget mobile, una condizione che per il designer britannico rappresenta un’opportunità di diversificazione e l’espansione di un business che va dai prodotti ad alto volume di vendita a quelli premium.

Accanto alle nuove Mali, ARM ha infine presentato due chip/coprocessori espressamente dedicati alla gestione dei contenti multimediali in Ultra HD: Mali-V550 è un decodificatore hardware (da usare in congiunzione con la GPU) capace di accelerare la decodifica dei video in 4K, mentre Mali-DP550 serve a ottimizzare il consumo dell’energia e della banda dati.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Diego Favareto scrive:
    Playlist dove?
    Scusate ma di playlist non si parla...Il modello di business di YT funziona perchè la pubblicità non è (ancora) invasiva. Se domani mettessero i pre-spot senza possibilità di chiuderli anticipatamente (come su Mediaset) o i banner embeddati nel flusso video allora l'offerta di un abbonamento diverrebbe molto appetibile. Ma a quel punto devi offire anche contenuti di qualità.Il sucXXXXX è dovuto alla buona possibilità di condividere / embeddare contenuti, alla genialata del "canale YT", alle playlist molto efficaci. Per quanto riguarda i contenuti, molti produttori pubblicano (anche) su YT con un loro canale (es. La7) anzichè usare soluzioni "proprietarie" (es. Mediaset). Il sucXXXXX è nella diffusione, talvolta però si vuole avere un adversting personalizzato. Inoltre credo che il discorso copyright delle canzoni nei video si risolva aggiungendo tra le info l'informazione di titolo e autore (forse è già così).Quanto alla condivisione dei filmati sugli IM (tipo whatsapp), io proporrei che quando si fa la condivisione al posto dell'immagine di preview vengono caricati i primi 10 secondi del video stesso.Anche la gestione dei commenti è molto buona, seppur usata spesso in modo maleducato.Quello che manca (anche) a YT è l'integrazione con G+ che, si badi bene, deve essere molto soft in stile Facebook. Invece si finisce per perdersi nei meandri di G+ che è disastroso.Se avessero costruito G+ come insieme di moduli separati (social, foto, video, blog / pagina personale) a compartimenti stagni (con il follow per ciascuno di essi) ma poi integrabili e gestibili a piacimento in G+ sarebbe stato molto meglio.
  • Elrond scrive:
    Pubblicità?
    Che pubblicità? 2 linee in /etc/hosts direttamente nel routere gli ads spariscono anche dal lettore di blu ray collegatoad internet.
    • panda rossa scrive:
      Re: Pubblicità?
      - Scritto da: Elrond
      Che pubblicità?E' quello che mi sono chiesto anche io.Queste bufale della rete che circolano da anni continuano a circolare, senza che nessuno si prenda mai la briga di fare una banale verifica.Non c'e' nessuna pubblicita'.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Pubblicità?
      Come faresti a filtrare la pubblicità dal router ?
      • Elrond scrive:
        Re: Pubblicità?
        - Scritto da: Sg@bbio
        Come faresti a filtrare la pubblicità dal router ?Ho installato OpenWrt sul router. È un firmware alternativo basato su una mini distribuzione di Linux per dispositivi embedded. Si può configurare normalmente, via web, oppure tramite acXXXXX ssh. In quest'ultimo caso, per filtrare la pubblicità basta modificare il file /etc/hosts oppure cambiare leggermente la configurazione di dnsmasq. Se cerchi su Google qualcosa del tipo "block ads with OpenWrt" trovi le istruzioni esatte. Ci si mette un attimo. Buon divertimento ;-)
Chiudi i commenti