Ask si gioca l'interruttore per la privacy

Se gli utenti attivano AskEraser, il motore di ricerca rimuove dai suoi server i dati personali. Basteranno le preoccupazioni per la privacy in rete a far decollare Ask?

Roma – Ask.com ha individuato un grimaldello per guadagnare quote di mercato: assicurare ai suoi utenti la possibilità di garantirsi la riservatezza, di eliminare dagli archivi del motore di ricerca le proprie tracce.

L'interruttore per la privacy di Ask Annunciato nei mesi scorsi, disponibile ora per gli utenti UK e statunitensi e in previsione di essere integrato nelle altre declinazioni locali entro il 2008, AskEraser si comporta come un interruttore della privacy. Off : la cronologia delle ricerche associata agli indirizzi IP, prima di essere anonimizzata in ottemperanza alle norme sulla data retention, verrà conservata per 18 mesi sui server di Ask, a disposizione di analisti, governi e malintenzionati. On : ask non distribuisce cookie ed entro poche ore dalle ricerche cancella le query e gli indirizzi IP degli utenti.

“Vogliamo differenziarci dagli altri – ha annunciato Doug Leeds, ai vertici di Ask – l’attuale livello di controllo in rete è senza precedenti.” Impliciti i riferimenti ai colossi del search, che offrono garanzie minime senza concedere agli utenti di controllare i propri dati: Yahoo! si è ripromessa di trattenere i dati per 13 mesi ; Google, in bilico tra il proprio versante pubblicitario e le pressioni di istituzioni e netizen , ha recentemente adeguato la propria policy rendendo anonimi i dati dopo 18 mesi e imponendo ai cookie una durata di due anni .

Ask.com dichiara di essere un passo avanti rispetto ai competitor: “Abbiamo fatto progressi nel tutelare i dati immagazzinati nei nostri server – ha spiegato Jim Lanzone, a capo di Ask – ma esistono persone che desiderano avvalersi di precauzioni extra: AskEraser consente loro di scegliere.” A coloro che desiderino accendere l’interruttore verrà però negata ogni possibilità di personalizzare la propria pagina del motore di ricerca e di avvalersi di servizi tagliati su misura.

Le eccezioni ? Le mosse degli utenti continueranno ad essere tracciate qualora le forze dell’ordine degli stati in cui Ask opera esprimano della particolari richieste, o qualora si verifichino problemi tecnici a cui Ask debba rimediare.

Ma si verifica un’ulteriore eccezione, segnala il New York Times : è Google a veicolare la pubblicità fra i risultati di Ask.com , contingenza che costringe Ask a spifferare a BigG i dati riguardo ai suoi utenti. In acceso contrasto con il desiderio del motore di ricerca di differenziarsi dai propri competitor offrendo agli utenti il plus della riservatezza.

Contraddizioni a parte, la strategia di cavalcare le preoccupazioni dei netizen appare vincente nel contesto del recente affaire Facebook e alla luce delle sempre più consistenti fughe di dati capaci di mettere a rischio la vita privata dei cittadini della rete.

Ma i recenti dati emessi da ComScore , spiega Techcrunch , non sembrano concedere ad Ask ampi margini di guadagno in termini di quote di mercato: Ask, a pari merito con AOL, è solo il quarto motore di ricerca per gli utenti americani. Microsoft, in terza posizione, detiene più del doppio della quota di mercato di Ask. Una distanza che appare ancora più incolmabile, se si considera che la riservatezza in rete sembra destinata a cedere il posto alla deprivacy .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • satore do scrive:
    Basta con l'inglese
    computer gratis, iniziative per salvare la cultura ed altro sono solo cavalli di Troia per rendere l'inglese l'unica lingua al mondo con conseguente superiorità di chi la sa meglio, cioè i madrelingua.ma come fai a difendere le culture locali offrendogli un'iniziativa che si chiama "Our Stories", con la pagina web solo in inglese? ma chi vogliamo prendere in giro? cominciamo a rispettare la lingua delle rispettive culture.
  • ----------- ---------- -- scrive:
    Per noi è già tardi
    Non solo il cosiddetto terzo mondo possiede tradizioni orali di quel tipo.Ma monostante tutti gli sforzi, non ricordo che brandelli delle storie e filastrocche che mi raccontavano, già per conto loro versioni parziali di testi più lunghi. Quelli che le sapevano per intero sono morti da tempo.Dovremmo imparare a tenere in considerazione anche le nostre tradizioni.
  • Pino scrive:
    I LOVE GAIA
    Lo spirito che mi sembra permeare gli articoli di Gaia mi piace.Credo di non sbagliarmi.
  • Enzo scrive:
    Re: Sprazzi di tradizione orale cioè...
    a livello di file audio se un mp3/wma/ogg da 1 mega corrisponde a 1 minuto in qualità "decente", in un giga ci starebbero 1000 minuti di audio, in linea di principio.tolto tutto il resto (S.O. ecc.) resta un bel po' di spazio lo stesso... condividendo poi su un database come dicevo prima...
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Sprazzi di tradizione orale cioè...
      - Scritto da: Enzo
      a livello di file audio se un mp3/wma/ogg da 1
      mega corrisponde a 1 minuto in qualità "decente",Si tratta di parlato, non di musica classica. 48kbps a 22 kHz mono è più che sufficiente.
  • Enzo scrive:
    Re: Sprazzi di tradizione orale cioè...
    non essere così duro, il mio pakard bell con win95 e 800mb di hard disk e 8 mb di ram a suo tempo gestiva con tranquillità Encarta e altre enciclopedie conservando spazio per decine di documenti word, excel e anche per vari giochi del tempo...Per scriverci eventuali aneddoti personali da inviare a un database remoto l'olpc basta e avanza
Chiudi i commenti