Assange, la strada per l'estradizione

La giustizia britannica ha negato al founder la possibilità di essere rilasciato su cauzione dopo l'arresto. I possibili scenari sul suo trasferimento dalla Svezia agli Stati Uniti. Visa e Mastercard tagliano i ponti finanziari verso il sito

Roma – Julian Paul Assange rimarrà in carcere , almeno fino alla sua prossima apparizione al cospetto della giustizia britannica. A stabilirlo è stato il togato Howard Riddle, che ha negato al founder di Wikileaks la possibilità di essere rilasciato su cauzione. Il trentanovenne di origini australiane resterà così in cella fino al prossimo 14 dicembre , dato uno stile di vita fortemente votato al nomadismo.

Come sottolineato dallo stesso giudice Riddle, ci sarebbero fondati motivi per ritenere che Assange possa non ripresentarsi più in aula , di fatto sfuggendo all’iter processuale che potrebbe concludersi con la sua estradizione in terra svedese. Il founder di Wikileaks si è consegnato questa mattina alla polizia di Londra, arrestato “su appuntamento” dopo l’accusa di molestie sessuali e stupro da parte delle autorità di Svezia.

La strada per l’estradizione .
In seguito alle formalità di rito, Julian Assange è tornato a respingere qualsiasi accusa nei suoi confronti, negando il suo consenso all’estradizione in terra svedese. Il team legale del founder ha sottolineato come le stesse autorità di Svezia non abbiano fornito dettagli sufficienti a dimostrare la sua effettiva colpevolezza. Il timore è che Assange possa venir privato dei suoi diritti e sottoposto ad un processo non affatto equo.

Stando ai tempi standard delle procedure dibattimentali britanniche, il founder di Wikileaks dovrebbe presentarsi per una full hearing entro 21 giorni dall’arresto. Qualora venga estradato in Svezia, Assange rischierebbe successivamente un nuovo trasferimento in terra statunitense. Dal 1960 Stati Uniti e Svezia fanno valere un trattato di cooperazione in casi come quello di Assange.

Alcuni ostacoli potrebbero però rallentare – se non bloccare – l’iter. Il trattato tra i due paesi non prevede infatti reati come quelli indicati dalle autorità a stelle e strisce, che hanno accusato Assange di violazione dell’Espionage Act e dunque di aver attentato alla sicurezza nazionale. Un secondo impedimento potrebbe essere causato dal fatto che le attività del founder di Wikileaks siano avvenute al di fuori del territorio statunitense .

E qui potrebbe profilarsi all’orizzonte un caso molto simile a quello che aveva coinvolto l’hacker Gary McKinnon , reo di essersi intrufolato nei sistemi informatici statunitensi. Come McKinnon, Assange potrebbe ricadere in qualche modo tra le grinfie della giurisdizione a stelle e strisce. I legali del founder hanno già sottolineato come tutto questo abbia a che fare con oscure trame politiche e non con le reali accuse mosse nei confronti del loro assistito.

Finanziamenti bloccati .
Ieri a muoversi sono state le autorità svizzere, che hanno bloccato un conto postale in precedenza aperto da Assange. Ufficialmente, il founder avrebbe fornito false generalità. Le società statunitensi Visa e MasterCard hanno poi provveduto a bloccare qualsiasi trasferimento di denaro verso il sito delle spifferate , in attesa di ulteriori sviluppi nelle indagini.

“Posso usare una carta Visa o Mastercard per il pagamento di pornografia e per supportare i fanatici anti-aborto – ha commentato Jeff Jarvis sul suo blog – per supportare i bigotti omofobici della Proposition 8 e il Klu Klux Klan. Ma non posso usarle per supportare Wikileaks, la trasparenza, il Primo Emendamento e la vera riforma di governo”.

Tra blocchi e apparizioni di massa .
Le autorità della Tunisia hanno annunciato il blocco del sito Wikileaks e di tutte quelle fonti alternative relative alle rivelazioni riguardanti il paese africano. Per tutta risposta, gli attivisti di Nawaat.org hanno aperto un sito chiamato Tunileaks – versione locale del sito delle spifferate – già inserito dal governo di Tunisi in una speciale blacklist di siti anti-governativi.

Nel frattempo, lo stesso Assange ha annunciato via Twitter la nascita di più di 300 mirror site di Wikileaks . Calchi perfetti del sito delle spifferate, che dovrebbero impedire il blocco delle pubblicazioni in caso di ulteriori attacchi verso il sito madre. Il team di Wikileaks ha sottolineato come le attività continueranno nonostante il recente arresto di Assange.

“Le società democratiche hanno bisogno di mezzi d’informazione forti, e Wikileaks è uno di questi – si può leggere in un articolo scritto da Assange e pubblicato su The Australian – Essi contribuiscono a far sì che i governi rimangano onesti. Wikileaks ha rivelato alcune scomode verità sulle guerre in Iraq e in Afghanistan e ha divulgato per primo le notizie sulla corruzione delle grandi multinazionali”.

“Esistono guerre giuste – ha continuato Assange – C’è chi ha detto che io sono contro la guerra. Per la cronaca, non è così. A volte le nazioni devono andare in guerra, e di guerre giuste ce ne sono. Ma niente è più sbagliato di un governo che mente ai suoi cittadini su quelle guerre e poi chiede agli stessi cittadini di rischiare la propria vita e le proprie tasse per quelle menzogne. Se una guerra è giustificata, allora che si dica la verità, e i cittadini decideranno se appoggiarla”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • barra78 scrive:
    Destionato al sucXXXXX
    Novell, ibm e altre aziende lo stanno già usando!
    • jfk scrive:
      Re: Destionato al sucXXXXX
      - Scritto da: barra78
      Novell, ibm e altre aziende lo stanno già usando!Ma a cosa serve? Mi han no invitato a provare la beta, ma onestamente non sono proprio riuscito a comprenderne le potenzialita'.
      • barra78 scrive:
        Re: Destionato al sucXXXXX
        Novell e ibm stanno lavorando nell'integrazione del protocollo all'interno dei loro software di groupware e sinceramente trovo la cosa GENIALE.Io nel mio piccolo attendo che si stabilizzi un poco per valutarne un'integrazione all'interno degli applicativi open che offro ai miei clienti (in particolare mi piacerebbe un'integrazione con vtigerCRM).
      • FDG scrive:
        Re: Destionato al sucXXXXX
        - Scritto da: jfk
        Ma a cosa serve? Mi han no invitato a provare la
        beta, ma onestamente non sono proprio riuscito a
        comprenderne le potenzialita'.Bacheca di gruppo da usare in ambito aziendale, dove scambiare informazioni, messaggi, documenti e quant'altro. Cioè, tutta quella comunicazione che normalmente tra gruppi avviene via mail, con lo svantaggio però che non esiste una storia comune condivisa a cui poter accedere per recuperare informazioni.
Chiudi i commenti